Cronologia dei paragrafi

Gli inizi
2. La guerra Moabita
3. Alcuni miracoli di Eliseo
4. Guerre Aramee
5. Storia di Ieu
5. Storia di Ieu
6. Dal regno di Atalia alla morte di Eliseo
VII. I due regni fino alla caduta di Samaria
Ezechia, il profeta Isaia e l'Assiria
2. Due re empi
3. Giosia e la riforma religiosa
4. La rovina di Gerusalemme

5. Storia di Ieu (2re 9,1-10.10,1-99)

5. Storia di Ieu (2re 9,1-10.10,1-99)

: Il profeta Eliseo chiamò uno dei figli dei profeti e gli disse: "Cingiti i fianchi, prendi in mano questo vasetto d'olio e va' a Ramot di Gàlaad. : Appena giunto là, cerca Ieu, figlio di Giòsafat, figlio di Nimsì. Entrato in casa, lo farai alzare tra i suoi fratelli e lo condurrai in una camera interna. : Prenderai il vasetto dell'olio e lo verserai sulla sua testa, dicendo: "Così dice il Signore: Ti ungo re su Israele". Poi aprirai la porta e fuggirai e non aspetterai". : Il giovane, il servo del profeta, andò a Ramot di Gàlaad. : Appena giunto, trovò i capi dell'esercito seduti insieme. Egli disse: "Ho una parola per te, comandante". Ieu disse: "Per chi fra tutti noi?". Ed egli rispose: "Per te, comandante". : Si alzò ed entrò in casa, e quello gli versò l'olio sulla testa dicendogli: "Così dice il Signore, Dio d'Israele: "Ti ungo re sul popolo del Signore, su Israele. : Tu colpirai la casa di Acab, tuo signore; io vendicherò il sangue dei miei servi, i profeti, e il sangue di tutti i servi del Signore, sparso dalla mano di Gezabele. : Tutta la casa di Acab perirà; io eliminerò ad Acab ogni maschio, schiavo o libero in Israele. : Renderò la casa di Acab come la casa di Geroboamo, figlio di Nebat, e come la casa di Baasà, figlio di Achia. : I cani divoreranno Gezabele nel campo di Izreèl; nessuno la seppellirà"". Quindi aprì la porta e fuggì. : Acab aveva settanta figli a Samaria. Ieu scrisse lettere e le inviò a Samaria ai capi di Izreèl, agli anziani e ai tutori dei figli di Acab. In esse diceva:: "Ora, quando giungerà a voi questa lettera - voi, infatti, avete con voi i figli del vostro signore, i carri, i cavalli, la città fortificata e le armi -: scegliete il figlio migliore e più retto del vostro signore e ponetelo sul trono di suo padre; combattete per la casa del vostro signore". : Quelli ebbero una grande paura e dissero: "Ecco, due re non hanno potuto resistergli; come potremmo resistergli noi?". : Il maggiordomo, il prefetto della città, gli anziani e i tutori mandarono a Ieu questo messaggio: "Noi siamo tuoi servi; noi faremo quanto ci ordinerai. Non faremo re nessuno; fa' quanto ti piace". : Ieu scrisse loro una seconda lettera, dicendo: "Se siete dalla mia parte e se obbedite alla mia parola, prendete le teste dei figli del vostro signore e presentatevi a me domani a quest'ora a Izreèl". I figli del re erano settanta; vivevano con i grandi della città, che li allevavano. : Ricevuta la lettera, quelli presero i figli del re e li ammazzarono tutti e settanta; quindi posero le loro teste in ceste e le mandarono da lui a Izreèl. : Si presentò un messaggero che riferì a Ieu: "Hanno portato le teste dei figli del re". Egli disse: "Ponetele in due mucchi alla soglia della porta fino al mattino". : Il mattino dopo uscì e stando in piedi disse a tutto il popolo: "Voi siete giusti; ecco, io ho congiurato contro il mio signore e l'ho ucciso. Ma chi ha colpito tutti questi?: Riconoscete dunque che non è caduta in terra nessuna delle parole del Signore, annunciate per mezzo del suo servo Elia riguardo alla casa di Acab; il Signore ha attuato quanto aveva predetto per mezzo di Elia, suo servo".
: 9:1 ALLORA il profeta Eliseo chiamo' uno de' figliuoli de' profeti, e gli disse: Cingiti i lombi, e proendi que-st'orciuolo d'olio in mano, e vattene in Ramot di Galaad.: 9:2 e quando tu sarai giunto la', riguarda ove sara' Iehu, figliuolo di Giosafat, figliuolo di Nimsi. e va' a lui, e fallo levar su d'infra i suoi fratelli, e menalo in una camera segreta.: 9:3 Poi proendi l'orciuolo dell'olio, e spandiglielo soproa il capo, e digli: Cosi' ha detto il Signore: Io ti ho unto per re soproa Israele. Poi aproi l'uscio, e fuggitene senza indugio.: 9:4 Quel giovane adunque, servitor del profeta, ando' in Ramot di Galaad.: 9:5 E come egli vi fu giunto, ecco, i capitani dell'esercito sedevano insieme. Ed egli disse: Io ho alcuna cosa a dirti, o capitano. E Iehu gli disse: A cui di tutti noi parli tu? Ed egli disse: A te, o capitano.: 9:6 Allora Iehu si levo', ed entro' dentro alla casa. e quel giovane gli verso' l'olio in sul capo, e gli disse: Cosi' ha detto il Signore Iddio d'Israele: Io ti ho unto per re soproa il popolo del Signore, soproa Israele.: 9:7 E tu percoterai la casa di Achab, tuo signore. ed io faro' soproa Izebel la vendetta del sangue de' profeti, miei servitori, e del sangue di tutti i servitori del Signore.: 9:8 E tutta la casa di Achab perira', ed io distruggero' chiunque appartiene ad A-chab, fino al piccolo fanciullo, e chiunque e' serrato, e chiunque e' abbandonato in Israele.: 9:9 E ridurro' la casa di A-chab come la casa di Gero-boamo, figliuolo di Nebat. e come la casa di Baasa, figliuolo di Ahia.: 9:10 E quant'e' ad Izebel, i cani la mangeranno nel campo d'Izreel, e non vi sara' alcuno che la seppellisca. Poi egli aperse l'uscio, e se ne fuggi'.: 10:1 OR vi erano in Samaria settanta figliuoli di A-chab. E Iehu scrisse una lettera, e la mando' in Samaria, agli Anziani proincipali d'I-zreel, ed a' balii de' figliuoli di Achab, di tal tenore:: 10:2 Ora, come proima questa lettera sara' pervenuta a voi, che avete in man vostra i figliuoli del vostro signore, e i suoi carri, e cavalli, e citta' forte, ed armi,: 10:3 considerate, d'infra i figliuoli del vostro signore, quello che piu' vi aggradera', e mettetelo soproa il trono di suo padre, e guerreggiate per la casa del vostro signore.: 10:4 Ma essi ebbero grandissima paura, e dissero: Ecco, due re non hanno potuto contrastargli, e come potremo contrastargli noi?: 10:5 Laonde il mastro del palazzo, e il governatore della citta', e gli Anziani, e i balii, mandarono a dire a Iehu: Noi siamo tuoi servitori, e faremo tutto quello che tu ci dirai. noi non faremo re alcuno. fa' tu cio' che ti piace.: 10:6 Ed egli scrisse loro la seconda volta lettere di tal tenore: Se voi siete de' miei, e volete ubbidire a' miei comandamenti, togliete le teste a' figliuoli del vostro signore, e venite domani a quest'ora a me, in Izreel. (Or i figliuoli del re erano settanta, ed erano approesso i proincipali della citta', che li allevavano.): 10:7 E quando vennero loro quelle lettere, proesero i figliuoli del re, ch'erano set-tant'uomini, e li ammazzarono. e, poste le lor teste in ceste, le mandarono a Iehu, in Izreel.: 10:8 Ed un messo venne, che gli rapporto' il fatto, dicendo: Coloro hanno portate le teste de' figliuoli del re. Ed egli disse: Mettetele in due mucchi all'entrata della porta, infino a domattina.: 10:9 E la mattina seguente, essendo uscito fuori, egli si fermo', e disse a tutto il popolo: Voi siete giusti. ecco, io ho congiurato contro al mio signore, e l'ho ucciso. ma chi ha uccisi tutti costoro?: 10:10 Or sappiate che nulla della parola del Signore, che egli ha pronunziata contro alla casa di Achab, e' caduto a terra. e ch'egli ha fatto cio' che egli avea parlato per Elia, suo servitore.
: 9:1 Allora il profeta Eliseo chiamo' uno de' discepoli dei profeti, e gli disse: 'Cingiti i fianchi, proendi teco quest'ampolla d'olio, e va' a Ramoth di Galaad.: 9:2 Quando vi sarai arrivato, cerca di vedere Jehu, figliuolo di Jehoshafat, figliuolo di Nimsci. entra, fallo alzare di mezzo ai suoi fratelli, e menalo in una camera appartata.: 9:3 Poi proendi l'ampolla d'olio, versagliela sul capo, e digli: Cosi' dice l'Eterno: -Io ti ungo re d'Israele. - Poi aproi la porta, e fuggi senza indugiare'.: 9:4 Cosi' quel giovine, il servo del profeta, parti' per Ramoth di Galaad.: 9:5 E, come vi fu giunto, ecco che i capitani dell'esercito stavan seduti assieme. e disse: 'Capitano, ho da dirti una parola'. Jehu chiese: 'A chi di tutti noi?' Quegli rispose: 'A te, capitano'.: 9:6 Jehu si alzo', ed entro' in casa. e il giovane gli verso' l'olio sul capo, dicendogli: 'Cosi' dice l'Eterno, l'Iddio d'Israele: - Io ti ungo re del popolo dell'Eterno, re d'Israele. -: 9:7 E tu colpirai la casa di Achab, tuo signore, ed io faro' vendetta del sangue de' profeti miei servi, e del sangue di tutti i servi dell'Eterno, soproa Izebel.: 9:8 e tutta la casa di Achab perira', e io sterminero' dalla casa di Achab fino all'ultimo uomo, tanto chi e' schiavo quanto chi e' libero in Israele.: 9:9 E ridurro' la casa di A-chab come la casa di Gero-boamo, figliuolo di Nebat, e come la casa di Baasa, figliuolo di Ahij a.: 9:10 E i cani divoreranno Izebel nel campo d'Izreel, e non vi sara' chi le dia sepoltura'. Poi il giovine aproi' la porta, e fuggi'.: 10:1 Or v'erano a Samaria settanta figliuoli d'Achab. Jehu scrisse delle lettere, e le mando' a Samaria ai capi della citta', agli anziani, e agli educatori dei figliuoli d'Achab. in esse diceva:: 10:2 'Subito che avrete ricevuto questa lettera, giacchè avete con voi i figliuoli del vostro signore e avete a vostra disposizione carri e cavalli, nonchè una citta' fortificata e delle armi,: 10:3 scegliete il migliore e il piu' adatto tra i figliuoli del vostro signore, mettetelo sul trono di suo padre, e combattete per la casa del vostro signore'.: 10:4 Ma quelli ebbero gran paura, e dissero: 'Ecco, due re non gli han potuto resistere. come potremo resistergli noi?': 10:5 E il proefetto del palazzo, il governatore della citta', gli anziani e gli educatori dei figliuoli di Achab mandarono a dire a Jehu: 'Noi siamo tuoi servi, e faremo tutto quello che ci ordinerai. non eleggeremo alcuno come re. fa' tu quel che ti piace'.: 10:6 Allora Jehu scrisse loro una seconda lettera, nella quale diceva: 'Se voi siete per me e volete ubbidire alla mia voce, proendete le teste di quegli uomini, de' figliuoli del vostro signore, e venite da me, domani a quest'ora, a Izreel'. - Or i figliuoli del re, in numero di settanta, stavano dai magnati della citta', che li educavano. -: 10:7 E come questi ebbero ricevuta la lettera, proesero i figliuoli del re, li scannarono tutti e settanta. poi misero le loro teste in ceste, e le mandarono a Jehu a Izreel.: 10:8 E un messo venne a Jehu a recargli la notizia, dicendo: 'Hanno portato le teste dei figliuoli del re'. Jehu rispose: 'Mettetele in due mucchi all'entrata della porta, fino a domattina'.: 10:9 La mattina dopo, egli usci' fuori. e fermatosi, disse a tutto il popolo: 'Voi siete giusti. ecco, io congiurai contro il mio signore, e l'uccisi. ma chi ha uccisi tutti questi?: 10:10 Riconoscete dunque che non cade a terra una parola di quelle che l'Eterno pronunzio' contro la casa di Achab. l'Eterno ha fatto quello che proedisse per mezzo del suo servo Elia'.
: 9:1 Allora il profeta Eliseo chiamò uno dei discepoli dei profeti, e gli disse: 'Cingiti i fianchi, proendi con te questo vasetto d'olio, e vó a Ramot di Galaad.: 9:2 Quando vi sarai arrivato, cerca di vedere Ieu, figlio di Ieosafat, figlio di Nimsi. entra, fallo alzare in mezzo ai suoi fratelli, e conducilo in una camera appartata.: 9:3 Poi proendi il vasetto d'olio, versaglielo sul capo e digli: ""Cosò dice il SIGNORE: Io ti ungo re d'Israele"". Poi aproi la porta e fuggi senza indugiare'.: 9:4 Cosò quel giovane, il giovane profeta, partò per Ramot di Galaad.: 9:5 Quando vi giunse, i capitani dell'esercito stavano seduti assieme. e disse: 'Capitano, ho da dirti una parola'. Ieu chiese: 'A chi di noi?'. Quegli rispose: 'A te, capitano'.: 9:6 Ieu si alzò, ed entrò in casa. e il giovane gli versò l'olio sul capo dicendogli: 'Cosò dice il SIGNORE, Dio d'Israele: ""Io ti ungo re del popolo del SIGNORE d'Israele.: 9:7 Tu colpirai la casa di Acab, tuo signore, e io vendicherò il sangue dei profeti miei servi e il sangue di tutti i servi del SIGNORE, sparso dalla mano di Izebel.: 9:8 Tutta la casa di Acab periró, e io sterminerò dalla casa di Acab fino all'ultimo uomo, tanto chi è schiavo quanto chi è libero in Israele.: 9:9 Ridurrò la casa di Acab come la casa di Geroboamo, figlio di Nebat, e come la casa di Baasa, figlio di Aiia.: 9:10 I cani divoreranno I-zebel nel campo d'Izreel, e non vi saró chi le dia sepoltura""'. Poi il giovane aproò la porta, e fuggò.: 10:1 C'erano a Samaria settanta figli di Acab. Ieu scrisse delle lettere, e le mandò a Samaria ai capi della cittó, agli anziani, e ai tutori dei figli di Acab. in esse diceva:: 10:2 'Appena avrete ricevuto questa lettera, poichè avete con voi i figli del vostro signore e avete a vostra disposizione carri e cavalli, nonchè una cittó fortificata e delle armi,: 10:3 scegliete il migliore e il più adatto tra i figli del vostro signore, mettetelo sul trono di suo padre, e combattete per la casa del vostro signore'.: 10:4 Ma quelli ebbero una gran paura, e dissero: 'Ecco, due re che non gli hanno potuto resistere. come potremo resistergli noi?'.: 10:5 Il sovrintendente del palazzo, il governatore della cittó, gli anziani e i tutori dei figli di Acab mandarono a dire a Ieu: 'Noi siamo tuoi servi, e faremo tutto quello che ci ordinerai. non eleggeremo nessuno come re. fó tu quel che ti piace'.: 10:6 Allora Ieu scrisse loro una seconda lettera, nella quale diceva: 'Se voi siete per me e volete ubbidire alla mia voce, proendete le teste di quegli uomini, figli del vostro signore, e venite da me, domani a quest'ora, a Izreel'. I settanta figli del re stavano dai notabili della cittó, che li educavano.: 10:7 Appena questi ebbero ricevuta la lettera, proesero i figli del re, li sgozzarono tutti e settanta. poi misero le loro teste in ceste, e le mandarono a Ieu, a Izreel.: 10:8 Un messaggero andò da Ieu a recargli la notizia, dicendo: 'Hanno portato le teste dei figli del re'. Ieu rispose: 'Mettetele in due mucchi all'entrata della porta della cittó, fino a domattina'.: 10:9 La mattina dopo, egli uscò. e, fermatosi, disse a tutto il popolo: 'Voi siete giusti. ecco, io congiurai contro il mio signore, e l'uccisi. ma chi ha ucciso tutti questi?: 10:10 Riconoscete dunque che non cade a terra neppure una delle parole che il SIGNORE pronunziò contro la casa di Acab. il SIGNORE ha fatto quello che proedisse per mezzo del suo servo Elia'.
: 9:1 Allora il profeta Eliseo chiamò uno dei discepoli dei profeti e gli disse: ’Cingiti i lombi, proendi con te questo vasetto di olio e vó a Ramoth di Galaad.: 9:2 Quando vi sarai arrivato, cerca di vedere Jehu, figlio di Giosafat, figlio di Nimsci. entra, fallo alzare di mezzo ai suoi fratelli e conducilo in una stanza appartata.: 9:3 proenderai quindi il vasetto dell’olio e lo verserai sul suo capo, dicendo: Così dice l’Eterno: ""Io ti ungo re d’Israele"". Poi aproirai la porta e fuggirai senza alcun indugio'.: 9:4 Allora il giovane, il servo del profeta, partì per Ramoth di Galaad.: 9:5 Quando vi giunse, trovò i capitani dell’esercito seduti insieme e disse: ’Ho un messaggio per te, o capitano'. Jehu chiese: ’Per chi di noi?'. Egli rispose: ’Per te, capitano'.: 9:6 Allora egli si alzò ed entrò in casa. il giovane allora gli versò l’olio sul capo, dicendogli: ’Così dice l’Eterno, il DIO d’Israele: ""Io ti ungo re sul popolo dell’Eterno, su Israele.: 9:7 Tu colpirai la casa di Achab, tuo signore, così vendicherò il sangue dei profeti miei servi e il sangue di tutti i servi dell’Eterno, sparso per mano di Je-zebel.: 9:8 Tutta la casa di Achab periró, e io sterminerò dalla casa di Achab tutti i maschi, schiavi o liberi, in Israele.: 9:9 Così ridurrò la casa di Achab come la casa di Ge-roboamo, figlio di Nebat, e come la casa di Baasha, figlio di Ahijah.: 9:10 I cani divoreranno Je-zebel nel campo di Jezreel, e non vi saró alcuno che le daró sepoltura""'. Poi il giovane aperse la porta e fuggì.: 10:1 Achab in Samaria aveva settanta figli. Jehu scrisse delle lettere e le mandò a Samaria ai capi della cittó, agli anziani e ai tutori dei figli di Achab. in esse diceva:: 10:2 ’Appena vi giungeró questa lettera, siccome avete con voi i figli del vostro signore e avete carri e cavalli, una cittó fortificata e le armi,: 10:3 scegliete il figlio migliore e più adatto del vostro signore, mettetelo sul trono di suo padre e combattete per la casa del vostro signore'.: 10:4 Ma quelli ebbero una grande paura e dissero: ’Ecco, due re non hanno potuto resistergli. come potremo resistergli noi?'.: 10:5 Perciò il proefetto del palazzo, il governatore della cittó, gli anziani e i tutori dei figli di Achab mandarono a dire a Jehu: ’Noi siamo tuoi servi e faremo tutto quello che ci ordinerai. non eleggeremo re nessuno. fó ciò che meglio ti pare'.: 10:6 Allora egli scrisse loro una seconda lettera, in cui diceva: ’Se siete con me e volete ubbidire alla mia voce, proendete le teste di quegli uomini, dei figli del vostro signore e venite da me a Jezreel, domani a quest’ora'. Ora i figli del re, in numero di settanta, stavano con i nobili della cittó, che li educavano.: 10:7 Come questi ricevettero la lettera, proesero i figli del re e li scannarono tutti e settanta. poi misero le loro teste in ceste e le mandarono a Jehu in Jezreel.: 10:8 Così venne un messaggero a riferirgli la cosa, dicendo: ’Hanno portato le teste dei figli del re'. Jehu rispose: ’Mettetele in due mucchi all’entrata della porta fino a domani mattina'.: 10:9 Il mattino seguente egli uscì e, stando in piedi, disse a tutto il popolo: ’Voi siete giusti, ecco, io ho cospirato contro il mio signore e l’ho ucciso. ma chi ha uccisi tutti questi?: 10:10 Riconoscete dunque, che non è caduta a terra neppure una delle parole dell’Eterno che l’Eterno ha pronunciato contro la casa di Achab. l’Eterno infatti ha compiuto ciò che aveva detto per mezzo del suo servo Elia'.
: poi Ioram era tornato a curarsi in Izreel le ferite ricevute dagli Aramei nella guerra contro Cazael, re di Aram). Ieu disse: ""Se tale è il vostro sentimento, nessuno esca o fugga dalla città per andare ad annunziarlo in Izreel"".: Ieu salì su un carro e partì per Izreel, perchè là giaceva malato Ioram e Acazia re di Giuda era sceso per visitarlo.: La sentinella che stava sulla torre di Izreel vide la truppa di Ieu che avanzava e disse: ""Vedo una truppa"". Ioram disse: ""Prendi un cavaliere e mandalo loro incontro per domandare: Tutto bene?"".: Uno a cavallo andò loro incontro e disse: ""Il re domanda: Tutto bene?"". Ieu disse: ""Che importa a te come vada? Passa dietro a me e seguimi"". La sentinella riferì: ""Il messaggero è arrivato da quelli, ma non torna indietro"".: Il re mandò un altro cavaliere che, giunto da quelli, disse: ""Il re domanda: Tutto bene?"". Ma Ieu disse: ""Che importa a te come vada? Passa dietro a me e seguimi"".: La sentinella riferì: ""è arrivato da quelli, ma non torna indietro. Il modo di guidare è quello di Ieu figlio di Nimsi; difatti guida all'impazzata"".: Ioram disse: ""Attacca i cavalli"". Appena fu pronto il suo carro, Ioram re di Israele, e Acazia re di Giuda, partirono, ognuno sul proprio carro. Andarono incontro a Ieu, che raggiunsero nel campo di Nabòt di Izreel.: Quando Ioram vide Ieu, gli domandò: ""Tutto bene, Ieu?"". Rispose: ""Sì, tutto bene, finchè durano le prostituzioni di Gezabele tua madre e le sue numerose magie"".: Allora Ioram si volse indietro e fuggì, dicendo ad Acazia: ""Siamo traditi, Acazia!"".: Ieu, impugnato l'arco, colpì Ioram nel mezzo delle spalle. La freccia gli attraversò il cuore ed egli si accasciò sul carro.: Partito di lì, si imbattè in Ionadab, figlio di Recab, che gli veniva incontro; Ieu lo salutò e gli disse: ""Il tuo cuore è retto verso di me, come il mio nei tuoi riguardi?"". Ionadab rispose: ""Sì"". ""Se sì, dammi la mano"". Ionadab gliela diede. Ieu allora lo fece salire sul carro vicino a sè: e gli disse: ""Vieni con me e vedrai il mio zelo per il Signore"". Lo portò con sè sul carro.: Entrò in Samaria, ove uccise tutti i superstiti della casa di Acab fino ad annientarla, secondo la parola che il Signore aveva comunicata a Elia.: Ieu radunò tutto il popolo e gli disse: ""Acab ha servito Baal un poco; Ieu lo servirà molto.: Ora convocatemi tutti i profeti di Baal, tutti i suoi fedeli e tutti i suoi sacerdoti; non ne manchi neppure uno, perchè intendo offrire un grande sacrificio a Baal. Chi mancherà non sarà lasciato in vita"". Ieu agiva con astuzia, per distruggere tutti i fedeli di Baal.: Ieu disse: ""Convocate una festa solenne per Baal"". La convocarono.: Ieu inviò messaggeri per tutto Israele; si presentarono tutti i fedeli di Baal - nessuno si astenne dal viaggio - e si radunarono nel tempio di Baal, che ne risultò pieno da un'estremità all'altra.: Ieu disse al guardarobiere: ""Tira fuori le vesti per tutti i fedeli di Baal"". Ed egli le tirò fuori.: Ieu, accompagnato da Ionadab figlio di Recab, entrò nel tempio di Baal e disse ai fedeli di Baal: ""Badate bene che non ci sia fra di voi nessuno dei fedeli del Signore, ma solo fedeli di Baal"".: Mentre quelli si accingevano a compiere sacrifici e olocausti, Ieu fece uscire ottanta suoi uomini con la minaccia: ""Se qualcuno farà fuggire uno degli uomini che io oggi metto nelle vostre mani, pagherà con la sua vita la vita di lui"".

Mappa

#http://#

Commento di un santo

Il profeta Eliseo chiamò uno dei figli dei profeti e gli disse: ''Cingiti i fianchi, prendi in mano questo vasetto d'olio e va' a Ramot di Gàlaad'. In questo passo la Scrittura riporta la giusta sentenza che colpisce la casa di Acab. Essa parla della scelta del giudice ed esecutore del giudizio: questi era leu, il fìlgio di Nimsì, che, su parola del Signore, unse uno dei profeti per la regalità. Un discepolo di Eliseo fu inviato dal suo maestro alla città di Ramot di Gàlaad, che era sotto l'assedio degli Israeliti. Questi entrò nel loro campo e andò alla tenda dove erano riuniti i comandanti dell'esercito e fermandosi di fronte a loro, disse candidamente: Ho una parola per te, comandante. leu rispose: Per chi fra tutti noi? Il servo comprese allora che lui era colui che Eliseo aveva indicato. Infatti, non sapeva il suo nome, ma anche se il figlio del profeta non lo conosceva nè lo aveva mai visto, capiva l'importanza di questa situazione e la sua mente era confusa, tanto da dire: Per te comandante. Egli mostrò che attraverso la rivelazione di Dio aveva compreso che era l'unico scelto da Dio. Immediatamente lo condusse in una stanza chiusa, secondo l'ordine del suo maestro. Due cose erano ancora nascoste: leu comprese che tale cosa doveva rimanere segreta e che la notizia dell'unzione non doveva essere divulgata in quel momento fra il popolo. Allora lo unse e gli ordinò di vendicarsi della casa di Acab. Il profeta, a quel punto, se ne andò dal campo e poco dopo tutta l'assemblea era riunita di fronte al re leu contro Israele. Così leu partì con un gruppo di uo mini scelti. Incontrò Ioram, re di Israele, nel corso del suo viaggio, e poco dopo Acazia, re di Giuda. Fu in grado di offenderli dopo il primo attacco e li uccise entrambi. leu disse a Bidkar: Sollevalo, gettalo nel campo di Nabot di Izreèl... Non ho forse visto ieri il sangue di Nabot e il sangue dei suoi figli? Egli stava riflettendo su ciò che gli era stato detto quella notte, o forse ritiene che questa vendetta e il fatto che abbia ucciso Ioram gli sia stato predetto tramite una visione. leu aveva anche indicato a Bidkar un'altra ragione per uccidere Ioram e per ordinargli di gettarlo nel campo di Nabot, dicendo: Ricordatelo: io e te eravamo con coloro che cavalcavano appaiati dietro Acab, suo padre, e il Signore proferì su di lui questo oracolo: ''Non ho forse visto ieri il sangue di Nabot e il sangue dei suoi figli? Oracolo del Signore. Ti ripagherò in questo stesso campo'', ossia fuori delle mura di Izreèl dove erano i beni di Nabot. Dopo questa azione compiuta fuori delle porte di Izreèl, leu entrò a completare ciò che aveva vittoriosamente iniziato.

Autore

Efrem

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia