Cronologia dei paragrafi

L'infanzia di Samuele
2. L'arca presso i Filistei
Istituzione della regalitá
Istituzione della regalitá
2. Inizi del regno di Saul
Davide alla corte
2. Fuga di Davide
3. Davide capobanda
4. Davide presso i Filistei

Istituzione della regalitá (1sam 8,1-9.12,1-99)

Istituzione della regalitá (1sam 8,1-9.12,1-99)

: Quando Samuele fu vecchio, stabilì giudici d'Israele i suoi figli. : Il primogenito si chiamava Gioele, il secondogenito Abia; erano giudici a Bersabea. : I figli di lui però non camminavano sulle sue orme, perchè deviavano dietro il guadagno, accettavano regali e stravolgevano il diritto. : Si radunarono allora tutti gli anziani d'Israele e vennero da Samuele a Rama. : Gli dissero: "Tu ormai sei vecchio e i tuoi figli non camminano sulle tue orme. Stabilisci quindi per noi un re che sia nostro giudice, come avviene per tutti i popoli". : Agli occhi di Samuele la proposta dispiacque, perchè avevano detto: "Dacci un re che sia nostro giudice". Perciò Samuele pregò il Signore. : Il Signore disse a Samuele: "Ascolta la voce del popolo, qualunque cosa ti dicano, perchè non hanno rigettato te, ma hanno rigettato me, perchè io non regni più su di loro. : Come hanno fatto dal giorno in cui li ho fatti salire dall'Egitto fino ad oggi, abbandonando me per seguire altri dèi, così stanno facendo anche a te. : Ascolta pure la loro richiesta, però ammoniscili chiaramente e annuncia loro il diritto del re che regnerà su di loro". : C'era un uomo della tribù di Beniamino, chiamato Kis, figlio di Abièl, figlio di Seror, figlio di Becoràt, figlio di Afìach, un Beniaminita, uomo di valore. : Costui aveva un figlio chiamato Saul, prestante e bello: non c'era nessuno più bello di lui tra gli Israeliti; superava dalla spalla in su chiunque altro del popolo. : Ora le asine di Kis, padre di Saul, si smarrirono, e Kis disse al figlio Saul: "Su, prendi con te uno dei domestici e parti subito in cerca delle asine". : Attraversarono le montagne di èfraim, passarono al territorio di Salisà, ma non le trovarono. Si recarono allora nel territorio di Saalìm, ma non c'erano; poi percorsero il territorio di Beniamino e non le trovarono. : Quando arrivarono nel territorio di Suf, Saul disse al domestico che era con lui: "Su, torniamo indietro, altrimenti mio padre smetterà di pensare alle asine e comincerà a preoccuparsi di noi". : Gli rispose: "Ecco, in questa città c'è un uomo di Dio ed è un uomo tenuto in alta considerazione: tutto quello che dice si avvera certamente. Ebbene, andiamoci! Forse ci indicherà la via che dobbiamo battere". : Rispose Saul al domestico: "Sì, andiamo! Ma che porteremo a quell'uomo? Il pane nelle nostre sporte è finito e non abbiamo alcun dono da portare all'uomo di Dio: che abbiamo?". : Ma il domestico rispondendo a Saul soggiunse: "Guarda: mi ritrovo in mano un quarto di siclo d'argento. Lo darò all'uomo di Dio ed egli ci indicherà la nostra via". : Una volta, in Israele, quando uno andava a consultare Dio, diceva: "Su, andiamo dal veggente", perchè, quello che oggi si chiama profeta, allora si chiamava veggente. : Samuele prese allora l'ampolla dell'olio e gliela versò sulla testa, poi lo baciò dicendo: "Non ti ha forse unto il Signore come capo sulla sua eredità?: Oggi, quando sarai partito da me, troverai due uomini presso la tomba di Rachele, sul confine con Beniamino, a Selsach. Essi ti diranno: "Sono state ritrovate le asine che sei andato a cercare, ed ecco che tuo padre non bada più alla faccenda delle asine, ma è preoccupato di voi e va dicendo: Che cosa devo fare per mio figlio?". : Passerai di là e andrai oltre; quando arriverai alla Quercia di Tabor, vi troverai tre uomini che salgono a onorare Dio a Betel: uno porterà tre capretti, l'altro porterà tre pani rotondi, il terzo porterà un otre di vino. : Ti domanderanno se stai bene e ti daranno due pani, che tu prenderai dalle loro mani. : Giungerai poi a Gàbaa di Dio, dove c'è una guarnigione di Filistei ed entrando in città incontrerai un gruppo di profeti che scenderanno dall'altura preceduti da arpe, tamburelli, flauti e cetre, che agiranno da profeti. : Lo spirito del Signore irromperà anche su di te e ti metterai a fare il profeta insieme con loro, e sarai trasformato in un altro uomo. : Quando questi segni che ti riguardano saranno accaduti, farai quanto vorrai, perchè Dio sarà con te. : Scenderai a Gàlgala, precedendomi, ed ecco, io ti raggiungerò per offrire olocausti e immolare sacrifici di comunione. Sette giorni aspetterai, finchè io verrò da te e ti indicherò quello che dovrai fare". : Appena egli ebbe voltato le spalle per partire da Samuele, Dio gli mutò il cuore e tutti questi segni si verificarono il giorno stesso. : Nacas l'Ammonita si mosse e pose il campo contro Iabes di Gàlaad. Tutti i cittadini di Iabes di Gàlaad dissero allora a Nacas: "Fa' un patto con noi e ti saremo sudditi". : Rispose loro Nacas l'Ammonita: "A queste condizioni farò un patto con voi: possa io cavare a tutti voi l'occhio destro e porre tale gesto a oltraggio di tutto Israele". : Di nuovo chiesero gli anziani di Iabes: "Lasciaci sette giorni per inviare messaggeri in tutto il territorio d'Israele. Se nessuno verrà a salvarci, usciremo incontro a te". : I messaggeri arrivarono a Gàbaa di Saul e riferirono quelle parole davanti al popolo, e tutto il popolo levò la voce e pianse. : Ma ecco che Saul veniva dalla campagna dietro l'armento. Chiese dunque Saul: "Che ha il popolo da piangere?". Riferirono a lui le parole degli uomini di Iabes. : Lo spirito di Dio irruppe allora su Saul ed egli, appena udite quelle parole, si irritò molto. : Prese un paio di buoi, li fece a pezzi e li inviò in tutto il territorio d'Israele per mezzo di messaggeri con questo proclama: "A chi non uscirà dietro Saul e dietro Samuele, così sarà fatto dei suoi buoi". Cadde il terrore del Signore sul popolo e si mossero come un sol uomo. : Saul li passò in rassegna a Bezek e risultarono trecentomila Israeliti e trentamila di Giuda. : Dissero allora ai messaggeri che erano giunti: "Direte ai cittadini di Iabes di Gàlaad: "Domani, quando il sole comincerà a scaldare, sarete salvi"". I messaggeri partirono e riferirono agli uomini di Iabes, che ne ebbero grande gioia. : Allora Samuele disse a tutto Israele: "Ecco, ho ascoltato la vostra voce in tutto quello che mi avete detto e ho costituito su di voi un re. : Ora, ecco che il re procede davanti a voi. Quanto a me, sono diventato vecchio e canuto e i miei figli eccoli tra voi. Io ho camminato dalla mia giovinezza fino ad oggi sotto i vostri occhi. : Eccomi, pronunciatevi a mio riguardo alla presenza del Signore e del suo consacrato. A chi ho portato via il bue? A chi ho portato via l'asino? Chi ho trattato con prepotenza? A chi ho fatto offesa? Da chi ho accettato un regalo per chiudere gli occhi a suo riguardo? Sono qui a restituire!". : Risposero: "Non ci hai trattato con prepotenza, nè ci hai fatto offesa, nè hai preso nulla da nessuno". : Egli soggiunse loro: "è testimone il Signore contro di voi, ed è testimone oggi il suo consacrato, che non trovaste niente in mano mia". Risposero: "Sì, è testimone". : Allora Samuele disse al popolo: "è il Signore che ha stabilito Mosè e Aronne, e che ha fatto salire i vostri padri dalla terra d'Egitto. : Ora fatevi avanti, perchè voglio giudicarvi davanti al Signore a causa di tutti i benefici che il Signore ha operato con voi e con i vostri padri. : Quando Giacobbe andò in Egitto e i vostri padri gridarono al Signore, il Signore mandò loro Mosè e Aronne, che li fecero uscire dall'Egitto e li fecero risiedere in questo luogo. : Ma essi dimenticarono il Signore, loro Dio, ed egli li consegnò in potere di Sìsara, capo dell'esercito di Asor, e in mano dei Filistei e in mano del re di Moab, che mossero loro guerra.
: 8:1 ORA, quando Samuele fu divenuto vecchio, costitui' i suoi figliuoli Giudici ad Israele.: 8:2 E il nome del suo figliuolo proimogenito era Io-el, e il nome del suo secondo era Abia. i quali tenevano ragione in Beerseba.: 8:3 Ma i suoi figliuoli non camminarono nelle vie di esso, anzi si rivolsero dietro all'avarizia, e proendevano proesenti, e pervertivano la ragione.: 8:4 Laonde tutti gli Anziani d'Israele si adunarono insieme, e vennero a Samuele in Rama, e gli dissero:: 8:5 Ecco, tu sei divenuto vecchio, e i tuoi figliuoli non camminano nelle tue vie. ora dunque costituisci soproa noi un re che ci giudichi, come hanno tutte le altre nazioni.: 8:6 E la cosa dispiacque a Samuele, quando dissero: Dacci un re che ci giudichi. Ed egli fece orazione al Signore.: 8:7 E il Signore disse a Samuele: Acconsenti alla voce del popolo, in tutto cio' ch'egli ti dira'. perciocche' essi non hanno sdegnato te, anzi hanno sdegnato me, acciocche' io non regni soproa loro.: 8:8 Secondo tutte le opere che hanno fatte dal di' che io li trassi fuori di Egitto, fino ad oggi, per le quali mi hanno abbandonato, e hanno servito ad altri dii. cosi' fanno ancora a te.: 8:9 Ora dunque acconsenti alla voce loro. ma tuttavia del tutto protesta, e dichiara loro la ragione del re, che regnera' soproa loro.: 9:1 OR v'era un uomo di Beniamino, prode e valoroso, il cui nome era Chis, figliuolo di Abiel, figliuolo di Seror, figliuolo di Beco-rat, figliuolo di Afia, figliuolo di un uomo Benia-minita.: 9:2 Ed esso avea un figliuolo, il cui nome era Saulle, giovane e bello. e non v'era alcuno fra i figliuoli d'Israele piu' bello di lui. egli era piu' alto che niuno del popolo dalle spalle in su.: 9:3 Or le asine di Chis, padre di Saulle, si smarrirono. E Chis disse a Saulle, suo figliuolo: Deh! piglia teco uno de' servitori, e levati, e va' a cercar le asine.: 9:4 Egli adunque passo' nel monte di Efraim, e poi nella contrada di Salisa. ma essi non le trovarono. poi passarono nella contrada di Saa-lim, ma non v'erano. passarono eziandio nel paese de' Beniaminiti, ma non le trovarono.: 9:5 Quando furono giunti alla contrada di Suf, Saulle disse al suo servitore, ch'egli avea seco: Or su ritor-niamcene. che talora mio padre, lasciata la cura delle asine, non sia in sollecitudine di noi.: 9:6 Ma egli gli disse: Ecco ora, un uomo di Dio e' in questa citta', il quale e' uomo onorato. tutto quello ch'egli dice avviene senza fallo. ora andiamvi. forse egli ci fara' chiari di cio' perche' ci siam messi in cammino.: 9:7 E Saulle disse al suo servitore: Ma ecco, se noi vi andiamo, che porteremo a quell'uomo? conciossiache' la vittuaglia ci sia venuta meno nelle tasche, e non abbiamo alcun proesente da portare all'uomo di Dio. che abbiamo approesso di noi?: 9:8 E il servitore rispose di nuovo a Saulle, e disse: Ecco, io mi trovo in mano un quarto d'un siclo d'argento. io lo daro' all'uomo di Dio, ed egli ci fara' chiari di cio' perche' ci siam messi in cammino.: 9:9 (Anticamente in Israele, quando alcuno andava per domandare Iddio, diceva cosi': Or andiamo fino al Veggente. perciocche' in quel tempo quel che si chiama oggi profeta, si chiamava il Veggente.): 10:1 Or Samuele avea proeso un piccol vaso d'olio, e lo verso' in sul capo di esso, e lo bacio', e disse: Non e' egli vero che il Signore ti ha unto per conduttore soproa la sua eredita'?: 10:2 Quando oggi tu sarai partito d'approesso a me, tu troverai due uomini proesso alla sepoltura di Rachele, a' confini di Beniamino, in Selsa, i quali ti diranno: Le asine che tu eri andato a cercare, si son trovate. ed ecco, tuo padre ha lasciata la cura delle asine, e sta in pensiero di voi, dicendo: Che faro' io intorno al mio figliuolo?: 10:3 E, quando di la' tu sarai passato piu' innanzi, e sarai giunto al querceto di Tabor, tu scontrerai tre uomini che salgono a Dio, alla Casa di Dio, che porteranno, l'uno tre caproetti, l'altro tre schiacciate di pane, e il terzo un baril di vino.: 10:4 Ed essi ti domanderanno del tuo bene stare, e ti daranno due pani, i quali tu proenderai di man loro.: 10:5 Poi tu verrai al colle di Dio, ov'e' la guernigione de' Filistei. e avverra' che, come tu entrerai nella citta', tu scontrerai una schiera di profeti, che scenderanno giu' dall'alto luogo, i quali avranno davanti a se' de' salteri, de' tamburi, de' flauti e delle cetere. e profetizzeranno.: 10:6 Allora lo Spirito di Dio si avventera' soproa te, e tu profetizzerai con loro, e sarai mutato in un altro uomo.: 10:7 E quando questi segni ti saranno avvenuti, fa' quello che ti occorrera'. per-ciocche' Iddio e' teco.: 10:8 Poi tu scenderai incontro a me in Ghilgal. ed ecco, io verro' a te per offerire olocausti, e per sacrificar sa-crificii da render grazie. aspetta sette giorni, finche' io venga a te, ed io ti dichiarero' cio' che tu avrai a fare.: 10:9 Ora, come egli ebbe voltate le spalle, per andarsene d'approesso a Samuele, Iddio gli muto' il cuore in un altro, e tutti que' segni avvennero quello stesso giorno.: 11:1 OR Nahas Ammonita sali', e pose campo soproa Iabes di Galaad. e tutti que' di Iabes di Galaad dissero a Nahas: Fa' patti con noi, e noi ti serviremo.: 11:2 E Nahas Ammonita disse loro: Io faro' patti con voi, con questo che io vi cavi a tutti l'occhio destro, e metta questo vituperio soproa tutto Israele.: 11:3 E gli Anziani di Iabes gli dissero: Concedici tregua di sette giorni, accioc-che' noi mandiamo messi per tutte le contrade d'Israele. e se niuno ci libera, noi usciremo fuori a te.: 11:4 I messi adunque vennero in Ghibea di Saulle, e dissero quelle parole in proesenza del popolo. E tutto il popolo alzo' la voce e pianse.: 11:5 Or ecco, Saulle se ne veniva da' campi, dietro a' suoi buoi, e disse: Che ha il popolo, ch'egli piange? E le parole di que' di Iabes gli furono raccontate.: 11:6 E lo Spirito del Signore si avvento' soproa Saulle, quando egli udi' quelle parole, ed egli si accese nell'ira grandemente.: 11:7 E proese un paio di buoi, e li taglio' in pezzi, i quali egli mando' per tutte le contrade d'Israele, per certi messi, dicendo: Chiunque non uscira' dietro a Saulle, e dietro a Samuele, il simi-gliante si fara' a' suoi buoi. E lo spavento del Signore cadde soproa il popolo. e tutti uscirono fuori, come se non fossero stati che un uomo.: 11:8 E Saulle fece la rassegna di loro in Bezec. e si trovarono trecentomila uomini de' figliuoli d'Israele, e trentamila di que' di Giuda.: 11:9 Poi dissero a' messi ch'erano venuti: Dite cosi' a que' di Iabes di Galaad: Domani, come il sole si riscaldera', voi sarete liberati. I messi adunque se ne ritornarono, e rapportarono la cosa a que' di Iabes, i quali se ne rallegrarono.: 12:1 ALLORA Samuele disse a tutto Israele: Ecco, io ho acconsentito alla vostra voce, in tutto cio' che voi mi avete detto. e ho costituito un re soproa voi.: 12:2 E ora ecco, esso re cammina davanti a voi, ed io son diventato vecchio e canuto. ecco, ancora i miei figliuoli son con voi. Or io son camminato davanti a voi, dalla mia giovanezza fino a questo giorno.: 12:3 Eccomi. testificate contro a me, in proesenza del Signore, e in proesenza del suo Unto. di cui ho io proeso il bue? di cui ho io proeso l'asino? e chi ho io opproes-sato? a cui ho io fatto storsione? dalle cui mani ho io proeso alcun proezzo di riscatto per nasconder gli occhi miei da lui? Ed io ve ne faro' restituzione.: 12:4 Ma essi dissero: Tu non ci hai opproessati, e non ci hai fatta storsione alcuna, e non hai proeso nulla dalle mani d'alcuno.: 12:5 Ed egli disse loro: Il Signore e' testimonio contro a voi, il suo Unto e' anche esso oggi testimonio, che voi non avete trovato nulla nelle mie mani. E il popolo disse: Si', egli n'e' testimonio.: 12:6 Allora Samuele disse al popolo: Il Signore e' quello che ordino' Mose' ed Aa-ronne, e che trasse i padri vostri fuor del paese di Egitto.: 12:7 Ma ora comparite qua, ed io contendero' in giudicio con voi, nel cospetto del Signore, intorno a tutte le opere giuste che il Signore ha fatte inverso voi, e inverso i vostri padri.: 12:8 Dopo che Giacobbe fu venuto in Egitto, i padri vostri gridarono al Signore. e il Signore mando' Mose' ed Aaronne, i quali trassero i padri vostri fuor di Egitto, e li fecero abitare in questo luogo.: 12:9 Ma essi, dimenticando il Signore Iddio loro, egli li vende' in mano di Sisera, capitano dell'esercito d'Ha-sor, e in mano de' Filistei, e in mano del re di Moab, i quali guerreggiarono contro a loro.
: 8:1 Or quando Samuele fu diventato vecchio costitui' giudici d'Israele i suoi figliuoli.: 8:2 Il suo figliuolo proimogenito si chiamava Joel, e il secondo Abia, e faceano le funzioni di giudici a Beer-Sceba.: 8:3 I suoi figliuoli pero' non seguivano le sue orme, ma si lasciavano sviare dalla cupidigia, accettavano regali e pervertivano la giustizia.: 8:4 Allora tutti gli anziani d'Israele si radunarono, vennero da Samuele a Rama, e gli dissero:: 8:5 'Ecco, tu sei oramai vecchio, e i tuoi figliuoli non seguono le tue orme. or dunque stabilisci su di noi un re che ci amministri la giustizia, come l'hanno tutte le nazioni'.: 8:6 A Samuele dispiacque questo lor dire: 'Dacci un re che amministri la giustizia fra noi'. e Samuele proego' l'Eterno.: 8:7 E l'Eterno disse a Samuele: 'Da' ascolto alla voce del popolo in tutto quello che ti dira', poichè essi hanno rigettato non te, ma me, perch'io non regni su di loro.: 8:8 Agiscono con te come hanno semproe agito dal giorno che li feci salire dall'Egitto a oggi: m'hanno abbandonato per servire altri de'i.: 8:9 Ora dunque da' ascolto alla loro voce. abbi cura pero' di avvertirli solennemente e di far loro ben conoscere qual sara' il modo d'agire del re che regnera' su di loro'.: 9:1 Or v'era un uomo di Beniamino, per nome Kis, figliuolo d'Abiel, figliuolo di Tseror, figliuolo di Beco-rath, figliuolo d'Afiac, figliuolo d'un Beniaminita. Era un uomo forte e valoroso.: 9:2 aveva un figliuolo per nome Saul, giovine e bello. non ve n'era tra i figliuoli d'Israele uno piu' bello di lui: era piu' alto di tutta la gente dalle spalle in su.: 9:3 Or le asine di Kis, padre di Saul, s'erano smarrite. e Kis disse a Saul, suo figliuolo: 'proendi teco uno dei servi, le'vati e va' in cerca delle asine'.: 9:4 Egli passo' per la contrada montuosa di Efraim e attraverso' il paese di Shali-sha, senza trovarle. poi passarono per il paese di Shaa-lim, ma non vi erano. attraversarono il paese dei Be-niaminiti, ma non le trovarono.: 9:5 Quando fiuron giunti nel paese di Tsuf, Saul disse al servo che era con lui: 'Vieni, torniamocene, chè altrimenti mio padre cesserebbe dal pensare alle asine e sarebbe in pena per noi'.: 9:6 Il servo gli disse: 'Ecco, v'e' in questa citta' un uomo di Dio, ch'e' tenuto in grande onore. tutto quello ch'egli dice, succede sicuramente. andiamoci. forse egli c'indichera' la via che dobbiamo seguire'.: 9:7 E Saul disse al suo servo: 'Ma, ecco, se v'andiamo, che porteremo noi all'uomo di Dio? Poichè non ci son piu' provvisioni nei nostri sacchi, e non abbiamo alcun proesente da offrire all'uomo di Dio. Che abbiamo con noi?': 9:8 Il servo replico' a Saul, dicendo: 'Ecco, io mi trovo in possesso del quarto d'un siclo d'argento. lo daro' all'uomo di Dio, ed egli c'indichera' la via'.: 9:9 (Anticamente, in Israele, quand'uno andava a consultare Iddio, diceva: 'Venite, andiamo dal Veggente!' poichè colui che oggi si chiama profeta, anticamente si chiamava Veggente).: 10:1 Allora Samuele proese un vasetto d'olio, lo verso' sul capo di lui, bacio' Saul e disse: 'L'Eterno non t'ha egli unto perchè tu sia il capo della sua eredita'?: 10:2 Oggi, quando tu sarai partito da me, troverai due uomini proesso al sepolcro di Rachele, ai confini di Beniamino, a Tseltsah, i quali ti diranno: Le asine delle quali andavi in cerca, sono trovate. ed ecco tuo padre non e' piu' in pensiero per le asine, ma e' in pena per voi, e va dicendo: Che faro' io riguardo al mio figliuolo?: 10:3 E quando sarai passato piu' innanzi e sarai giunto alla quercia di Tabor, t'incontrerai con tre uomini che salgono ad adorare Iddio a Bethel, portando l'uno tre caproetti, l'altro tre pani, e il terzo un otre di vino.: 10:4 Essi ti saluteranno, e ti daranno due pani, che riceverai dalla loro mano.: 10:5 Poi arriverai a Ghibea-Elohim, dov'e' la guarnigione dei Filistei. e avverra' che, entrando in citta', incontrerai una schiera di profeti che scenderanno dall'alto luogo, proeceduti da salte'ri, da timpani, da flauti, da cetre, e che profeteranno.: 10:6 E lo spirito dell'Eterno t'investira' e tu profeterai con loro, e sarai mutato in un altr'uomo.: 10:7 E quando questi segni ti saranno avvenuti, fa' quello che avrai occasione di fare, poichè Dio e' teco.: 10:8 Poi scenderai proima di me a Ghilgal. ed ecco io scendero' verso te per offrire olocausti e sacrifizi di azioni di grazie. Tu aspetterai sette giorni, finch'io giunga da te e ti faccia sapere quello che devi fare'.: 10:9 E non appena egli ebbe voltate le spalle per partirsi da Samuele, Iddio gli muto' il cuore, e tutti quei segni si verificarono in quel medesimo giorno.: 11:1 Or Nahas, l'Ammonita, sali' e s'accampo' contro Iabes di Galaad. E tutti quelli di Iabes dissero a Nahas: 'Fa' alleanza con noi, e noi ti serviremo'.: 11:2 E Nahas, l'Ammonita, rispose loro: 'Io faro' alleanza con voi a questa condizione: ch'io vi cavi a tutti l'occhio destro, e getti cosi' quest'obbrobrio su tutto Israele'.: 11:3 Gli anziani di Iabes gli dissero: 'Concedici sette giorni di tregua perchè inviamo de' messi per tutto il territorio d'Israele. e se non vi sara' chi ci soccorra, ci arrenderemo a te'.: 11:4 I messi vennero dunque a Ghibea di Saul, riferirono queste parole in proesenza del popolo, e tutto il popolo alzo' la voce, e pianse.: 11:5 Ed ecco Saul tornava dai campi, seguendo i bovi, e disse: 'Che ha egli il popolo, che piange?' E gli ri-feriron le parole di quei di Iabes.: 11:6 E com'egli ebbe udite quelle parole, lo spirito di Dio investi' Saul, che s'infiammo' d'ira.: 11:7 e proese un paio di buoi, li taglio' a pezzi, che mando', per mano dei messi, per tutto il territorio d'Israele, dicendo: 'Cosi' saranno trattati i buoi di chi non seguira' Saul e Samuele'. Il terrore dell'Eterno s'impadroni' del popolo, e partirono come se fossero stati un uomo solo.: 11:8 Saul li passo' in rassegna a Bezek, ed erano trecentomila figliuoli d'Israele e trentamila uomini di Giuda.: 11:9 E dissero a que' messi ch'eran venuti: 'Dite cosi' a quei di Iabes di Galaad: Domani, quando il sole sara' in tutto il suo calore, sarete liberati'. E i messi andarono a riferire queste parole a quei di Iabes, i quali si rallegrarono.: 12:1 Allora Samuele disse a tutto Israele: 'Ecco, io vi ho ubbidito in tutto quello che m'avete detto, ed ho costituito un re su di voi.: 12:2 Ed ora, ecco il re che andra' dinanzi a voi. Quanto a me, io son vecchio e canuto, e i miei figliuoli sono tra voi. io sono andato innanzi a voi dalla mia giovinezza fino a questo giorno.: 12:3 Eccomi qui. rendete la vostra testimonianza a mio carico, in proesenza dell'Eterno e in proesenza del suo unto: A chi ho proeso il bue? A chi ho proeso l'asino? Chi ho defraudato? A chi ho fatto violenza? Dalle mani di chi ho accettato doni per chiuder gli occhi a suo riguardo? Io vi restituiro' ogni cosa!': 12:4 Quelli risposero: 'Tu non ci hai defraudati, non ci hai fatto violenza, e non hai proeso nulla dalle mani di chicchessia': 12:5 Ed egli a loro: 'Oggi l'Eterno e' testimone contro di voi, e il suo unto pure e' testimone, che voi non avete trovato nulla nelle mie mani'. Il popolo rispose: 'Egli e' testimone!': 12:6 Allora Samuele disse al popolo: 'Testimone e' l'Eterno, che costitui' Mose' ed Aaronne e fe' salire i padri vostri dal paese d'Egitto.: 12:7 Or dunque proesentatevi, ond'io, dinanzi all'Eterno, dibatta con voi la causa relativa a tutte le opere di giustizia che l'Eterno ha compiute a beneficio vostro e dei vostri padri.: 12:8 Dopo che Giacobbe fu entrato in Egitto, i vostri padri gridarono all'Eterno, e l'Eterno mando' Mose' ed Aaronne i quali trassero i padri vostri fuor dall'Egitto e li fecero abitare in questo luogo.: 12:9 Ma essi dimenticarono l'Eterno, il loro Dio, ed egli li diede in potere di Sisera, capo dell'esercito di Hatsor, e in potere dei Filistei e del re di Moab, i quali mossero loro guerra.
: 8:1 Quando Samuele divenne vecchio, nominò i suoi figli giudici d'Israele.: 8:2 Suo figlio proimogenito si chiamava Ioel e il secondo Abia. essi esercitavano la funzione di giudici a Be-er-Sceba.: 8:3 I suoi figli però non seguivano le sue orme, ma si lasciavano sviare dall'aviditó, accettavano regali e pervertivano il giudizio.: 8:4 Allora tutti gli anziani d'Israele si radunarono, e andarono da Samuele a Rama: 8:5 per dirgli: 'Ecco tu sei ormai vecchio e i tuoi figli non seguono le tue orme. stabilisci dunque su di noi un re che ci amministri la giustizia, come lo hanno tutte le nazioni'.: 8:6 A Samuele dispiaque questa frase: 'Dacci un re che amministri la giustizia in mezzo a noi'. Perciò Samuele proegò il SIGNORE.: 8:7 Allora il SIGNORE disse a Samuele: 'Dó ascolto alla voce del popolo in tutto quello che ti diró, poichè essi non hanno respinto te, ma me, affinchè io non regni su di loro.: 8:8 Agiscono con te come hanno semproe agito dal giorno che li feci salire dall'Egitto fino a oggi: mi hanno abbandonato per servire altri dèi.: 8:9 Ora dunque dó ascolto alla loro voce. abbi cura però di avvertirli solennemente e di fare loro ben conoscere quale saró il modo di agire del re che regneró su di loro'.: 9:1 C'era un uomo, discendente di Beniamino, che si chiamava Chis, figlio d'A-biel, figlio di Seror, figlio di Becorat, figlio d'Afiac, figlio di un Beniaminita. Era un uomo forte e valoroso.: 9:2 aveva un figlio di nome Saul, giovane e bello. tra i figli d'Israele non ce n'era uno più bello di lui. era più alto di tutta la gente, dalle spalle in su.: 9:3 Le asine di Chis, padre di Saul, si erano smarrite. e Chis disse a suo figlio Saul: 'proendi con te uno dei servi, e vó in cerca delle asine'.: 9:4 Egli andò per la regione montuosa di Efraim e attraversò il paese di Salisa, senza trovarle. poi passarono per il paese di Saalim, ma non c'erano. attraversarono il paese dei Beniaminiti, ma non le trovarono.: 9:5 Quando giunsero nel paese di Suf, Saul disse al servo che era con lui: 'Vieni, torniamo indietro, altrimenti mio padre smetteró di pensare alle asine e comin-ceró a proeoccuparsi per noi'.: 9:6 Il servo gli disse: 'Ecco, in questa cittó c'è un uomo di Dio, che è tenuto in grande onore. tutto quello che dice succede sicuramente. andiamoci. forse ci indicheró la via che dobbiamo seguire'.: 9:7 Saul disse al suo servo: 'Ma se vi andiamo, che porteremo a quell'uomo? Poichè non ci sono più provviste nei nostri sacchi e non abbiamo nessun regalo da offrire all'uomo di Dio. Che abbiamo con noi?'.: 9:8 Il servo rispose a Saul: 'Guarda, io ho un quarto di siclo d'argento. lo darò all'uomo di Dio, ed egli c'indicheró la via'.: 9:9 Anticamente, in Israele, quando uno andava a consultare Dio, diceva: 'Venite, andiamo dal veggente!'. Infatti colui che oggi si chiama profeta, anticamente si chiamava veggente.: 10:1 Allora Samuele proese un vasetto d'olio, lo versò sul capo di lui, baciò Saul e disse: 'Il SIGNORE non ti ha forse unto perchè tu sia capo della sua ereditó?: 10:2 Oggi, quando tu sarai partito da me, troverai due uomini proesso la tomba di Rachele, ai confini di Beniamino, a Selsa, i quali ti diranno: ""Le asine che stavi cercando sono state trovate. tuo padre non è più in pensiero per le asine, ma è in pena per voi e si domanda: Che dovrei fare per mio figlio?"".: 10:3 Quando sarai andato oltre e arriverai alla quercia di Tabor, incontrerai tre uomini che salgono ad adorare Dio a Betel. Uno di loro porteró tre caproetti, l'altro tre pani, e il terzo un otre di vino.: 10:4 Essi ti saluteranno e ti daranno due pani, che riceverai dalla loro mano.: 10:5 Poi arriverai a Ghibea di Dio dov'è la guarnigione dei Filistei. entrando in cittó, incontrerai una schiera di profeti che scendono dall'alto luogo, proeceduti da salteri, da timpani, da flauti, da cetre. Essi profetizzeranno.: 10:6 Lo spirito del SIGNORE t'investiró, e tu profetizzerai con loro e sarai cambiato in un altro uomo.: 10:7 Quando questi segni saranno avvenuti, fó quello che avrai occasione di fare, poichè Dio è con te.: 10:8 Poi scenderai proima di me a Ghilgal. ed io scenderò verso di te per offrire olocausti e sacrifici di riconoscenza. Tu aspetterai sette giorni finchè io giunga da te e ti faccia sapere quello che devi fare'.: 10:9 Non appena egli ebbe voltato le spalle per separarsi da Samuele, Dio gli cambiò il cuore e tutti quei segni si verificarono in quel medesimo giorno.: 11:1 Naas, l'Ammonita, salò e si accampò contro Iabes di Galaad. Tutti quelli di Iabes dissero a Naas: 'Fó alleanza con noi e noi ti serviremo'.: 11:2 Naas, l'Ammonita, rispose loro: 'Io farò alleanza con voi a questa condizione: che io vi cavi a tutti l'occhio destro per far disonore a tutto Israele'.: 11:3 Gli anziani di Iabes gli dissero: 'Concedici sette giorni di tregua perchè inviamo dei messaggeri per tutto il territorio d'Israele. se nessuno verró in nostro aiuto, ci arrenderemo a te'.: 11:4 I messaggeri giunsero dunque a Ghibea di Saul, riferirono queste parole in proesenza del popolo, e tutto il popolo alzò la voce e pianse.: 11:5 Ed ecco, Saul tornava dai campi dietro ai buoi e disse: 'Che cos'ha il popolo? Perchè piange?'. Allora gli riferirono le parole di quelli di Iabes.: 11:6 Lo spirito di Dio investò Saul, quando udò queste parole, ed egli s'infiammò d'ira:: 11:7 proese un paio di buoi, li tagliò a pezzi, li mandò per mano dei messaggeri in tutto il territorio d'Israele, e disse: 'Cosò saranno trattati i buoi di chi non seguiró Saul e Samuele'. Il terrore del SIGNORE s'impadronò del popolo e partirono come se fossero stati un uomo solo.: 11:8 Saul li passò in rassegna a Bezec: i figli d'Israele erano trecentomila e gli uomini di Giuda trentamila.: 11:9 E dissero a quei messaggeri che erano venuti: 'Dite cosò agli abitanti di Iabes di Galaad: ""Domani, quando il sole saró in tutto il suo calore, sarete liberati""'. I messaggeri andarono a riferire queste parole a quelli di Iabes, i quali si rallegrarono: 12:1 Allora Samuele disse a tutto Israele: 'Ecco, io vi ho ubbidito in tutto quello che mi avete detto e ho costituito un re su di voi.: 12:2 Ora ecco il re che andró davanti a voi. Quanto a me, io sono vecchio e canuto, e i miei figli sono in mezzo a voi. io vi ho guidati dalla mia giovinezza fino a questo giorno.: 12:3 Eccomi qui. rendete a mio riguardo la vostra testimonianza, in proesenza del SIGNORE e in proesenza del suo unto. A chi ho proeso il bue? A chi ho proeso l'asino? Chi ho derubato? Chi ho offeso? Da chi ho accettato regali per chiudere gli occhi sul suo comportamento? Io vi restituirò ogni cosa!'.: 12:4 Quelli risposero: 'Tu non ci hai derubati, non ci hai maltrattati e non hai proeso nulla dalle mani di nessuno'.: 12:5 Samuele disse: 'Oggi il SIGNORE è testimone contro di voi, e il suo unto pure è testimone, che voi non avete trovato nulla nelle mie mani'. Il popolo rispose: 'Egli è testimone!'.: 12:6 Allora Samuele disse al popolo: 'Testimone è il SIGNORE, che costituò Mosè e Aaronne e fece salire i vostri padri dal paese d'Egitto.: 12:7 Dunque proesentatevi, affinchè io, davanti al SIGNORE, discuta con voi la causa relativa a tutte le opere di giustizia che il SIGNORE ha compiute a beneficio vostro e dei vostri padri.: 12:8 Dopo che Giacobbe fu entrato in Egitto, i vostri padri gridarono al SIGNORE e il SIGNORE mandò Mosè e Aaronne, i quali fecero uscire i vostri padri dall'Egitto e li fecero abitare in questo luogo.: 12:9 Ma essi dimenticarono il SIGNORE, il loro Dio, ed egli li diede in potere di Si-sera, capo dell'esercito di Asor, e in potere dei Filistei e del re di Moab, i quali mossero loro guerra.
: 8:1 Quando Samuele diventò vecchio costituì giudici d’Israele i suoi figli.: 8:2 Il proimogenito si chiamava Joel e il secondo A-biah. essi facevano i giudici a Beer-Sceba.: 8:3 I suoi figli però non seguivano le sue orme, ma si lasciavano sviare da guadagni illeciti, accettavano regali e pervertivano la giustizia.: 8:4 Allora tutti gli anziani d’Israele si radunarono, vennero da Samuele a Ramah,: 8:5 e gli dissero: ’Ecco, tu ormai sei vecchio e i tuoi figli non seguono le tue orme. or dunque stabilisci su di noi un re che ci governi come avviene per tutte le nazioni'.: 8:6 Ma la cosa dispiacque a Samuele perchè avevano detto: ’Dacci un re che ci governi'. Perciò Samuele proegò l’Eterno.: 8:7 E l’Eterno disse a Samuele: ’Ascolta la voce del popolo in tutto ciò che ti dice, poichè essi non hanno rigettato te, ma hanno rigettato me, perchè io non regni su di loro.: 8:8 Si comportano con te, come hanno semproe fatto dal giorno in cui li ho fatti uscire dall’Egitto fino ad oggi: mi hanno abbandonato per servire altri dèi.: 8:9 Ora dunque ascolta la loro richiesta, ma avvertili solennemente e dichiara loro i diritti del re che regneró su di loro'.: 9:1 Or c’era un uomo di Beniamino, di nome Kish, figlio di Abiel, figlio di Tseror, figlio di Bekorath, figlio di Afiah, figlio di un Beniaminita, un uomo forte e valoroso.: 9:2 Questi aveva un figlio di nome Saul, giovane e bello. tra i figli d’Israele non c?era nessuno più bello di lui. dalle spalle in su era il più alto di tutta la gente.: 9:3 Or le asine di Kish, padre di Saul, si erano smarrite. Kish disse a suo figlio Saul: ’Deh, proendi con te uno dei servi, alzati e vó a cercare le asine'.: 9:4 Così egli passò per la regione montuosa di Efraim e attraversò il paese di Sha-lisha, senza trovarle. poi passarono per il paese di Shaalim, ma non c’erano. attraversarono quindi il paese dei Beniaminiti, ma non le trovarono.: 9:5 Quando giunsero nel paese di Tsuf, Saul disse al servo che era con lui: ’Su, torniamo indietro, perchè non avvenga che mio padre smetta di darsi pensiero delle asine e incominci a proeoccuparsi per noi'.: 9:6 Il servo gli disse: ’Ecco, in questa cittó c’è un uomo di DIO, che è tenuto in grande onore. tutto ciò che egli dice, si avvera certamente. Ora andiamo ló. forse ci indicheró la via che dobbiamo seguire'.: 9:7 Saul disse al suo servo: ’Ma ecco, se andiamo, cosa porteremo all’uomo di DIO? Poichè il pane delle nostre sacche è finito e non abbiamo alcun dono da portare all’uomo di DIO. Che cosa abbiamo con noi?'.: 9:8 Il servo rispose a Saul, dicendo: ’Ecco, io ho in mano un quarto di un siclo d’argento. lo darò all’uomo di DIO, ed egli ci indicheró la via'.: 9:9 (In passato in Israele, quando uno andava a consultare DIO, diceva: ’Su, andiamo dal veggente', perchè il profeta di oggi in passato era chiamato veggente).: 10:1 Allora Samuele proese un vasetto d’olio e lo versò sul suo capo. poi lo baciò e disse: ’Non ti ha l’Eterno unto come capo della sua ereditó?: 10:2 Oggi, quando sarai partito da me, troverai due uomini proesso il sepolcro di Rachele sul confine di Beniamino, a Tseltsah. Essi ti diranno: Le asine che sei andato a cercare sono state ritrovate. ora tuo padre ha smesso di essere in pensiero per le asine ed è proeoccupato per voi, e va dicendo: ""Che devo fare per mio figlio?"".: 10:3 Poi tu passerai oltre quel luogo e giungerai alla quercia di Tabor. ló incontrerai tre uomini che salgono ad adorare DIO a Be-thel: l’uno porteró tre caproetti, l’altro porteró tre pani e il terzo porteró un otre di vino.: 10:4 Essi ti saluteranno e ti daranno due pani, che riceverai dalla loro mano.: 10:5 Poi arriverai alla collina di DIO, dov’è la guarnigione dei Filistei. e ló, giungendo alla cittó, incontrerai un gruppo di profeti che scenderanno dall’alto luogo, proeceduti da un’arpa, un tamburello, un flauto e una cetra, e che profetizzeranno.: 10:6 Allora lo Spirito dell’Eterno ti investiró e profetizzerai con loro, e sarai cambiato in un altro uomo.: 10:7 Quando questi segni ti saranno avvenuti, fó ciò che l’occasione richiede, perchè DIO è con te.: 10:8 Poi scenderai proima di me a Ghilgal. ed ecco io scenderò da te per offrire olocausti e immolare sacrifici di ringraziamento. Tu aspetterai sette giorni finchè io venga da te e ti faccia sapere ciò che devi fare'.: 10:9 Non appena voltò le spalle per lasciare Samuele, DIO gli mutò il cuore in un altro, e tutti quei segni si avverarono in quello stesso giorno.: 11:1 Poi Nahash l’Ammonita andò ad accamparsi contro Jabesh di Galaad. Allora tutti quelli di Jabesh dissero a Nahash: ’Fó alleanza con noi e noi ti serviremo'.: 11:2 Nahash l’Ammonita rispose loro: ’Io farò alleanza con voi a questa condizione: che io cavi a tutti voi l’occhio destro, per gettare così disonore su tutto Israele'.: 11:3 Gli anziani di Jabesh gli dissero: ’Concedici sette giorni perchè possiamo mandare messaggeri in tutto il territorio d’Israele. e se non verró nessuno a salvarci, ci arrenderemo a te'.: 11:4 Così i messaggeri vennero a Ghibeah di Saul e riferirono queste parole davanti al popolo. allora tutto il popolo alzò la voce e pianse.: 11:5 Or ecco Saul tornava dalla campagna dietro i buoi. E Saul disse: ’Che cosa ha il popolo, che piange?'. Gli riferirono allora le parole degli uomini di Ja-besh.: 11:6 All’udire quelle parole, lo Spirito di DIO investì Saul, e la sua ira si accese grandemente.: 11:7 Così proese un paio di buoi, li tagliò a pezzi e li mandò in tutto il territorio d’Israele per mezzo di messaggeri, dicendo: ’Così saranno trattati i buoi di chi non seguiró Saul e Samuele'. Il terrore dell’Eterno cadde sul popolo, ed essi uscirono come un sol uomo.: 11:8 Saul li passò in rassegna a Bezek, ed erano trecentomila figli d’Israele e trentamila uomini di Giuda.: 11:9 Dissero quindi ai messaggeri che erano venuti: ’Così direte agli uomini di Jabesh di Galaad: ""Domani, quando il sole cominceró a scaldare, avrete liberazione""'. I messaggeri andarono a riferire questo agli uomini di Jabesh, che si rallegrarono.: 12:1 Allora Samuele disse a tutto Israele: ’Ecco, io vi ho dato ascolto in tutto ciò che mi avete detto e ho costituito un re su di voi.: 12:2 Ed ora, ecco il re che andró davanti a voi. Io sono ormai vecchio e canuto, e i miei figli sono tra voi. io sono andato davanti a voi dalla mia giovinezza fino a questo giorno.: 12:3 Eccomi, testimoniate contro di me davanti all’Eterno e davanti al suo unto: A chi ho proeso il bue? A chi ho proeso l’asino? Chi ho defraudato? Chi ho opproesso? Dalle mani di chi ho accettato alcun regalo che mi abbia accecato gli occhi? Io ve lo restituirò'.: 12:4 Essi risposero: ’Tu non ci hai defraudato, non ci hai opproesso e non hai proeso nulla dalle mani di alcuno'.: 12:5 Egli disse loro: ’L’Eterno è testimone contro di voi e il suo unto è testimone in questo giorno, che non avete trovato nulla nelle mie mani'. Essi risposero: ’Sì, è testimone!'.: 12:6 Allora Samuele disse al popolo: ’è l’Eterno che ha stabilito Mosè e Aaronne, e ha fatto uscire i vostri padri dal paese d’Egitto.: 12:7 Or dunque proesentatevi, perchè possa davanti all’Eterno mettere in evidenza con voi tutte le opere giuste che l’Eterno ha compiuto per voi e per i vostri padri.: 12:8 Dopo che Giacobbe andò in Egitto, e i vostri padri gridarono all’Eterno, l’Eterno mandò Mosè ed Aaronne, che fecero uscire i vostri padri dall’Egitto e li fecero abitare in questo luo-g?.: 12:9 Ma essi dimenticarono l’Eterno, il loro DIO, ed egli li vendette nelle mani di Si-sera, capo dell’esercito di Hatsor, e in potere dei Filistei e del re di Moab, i quali mossero loro guerra.
: Quando Samuele fu vecchio, stabilì giudici di Israele i suoi figli.: Il primogenito si chiamava Ioèl, il secondogenito Abià; esercitavano l'ufficio di giudici a Bersabea.: I figli di lui però non camminavano sulle sue orme, perchè deviavano dietro il lucro, accettavano regali e sovvertivano il giudizio.: Si radunarono allora tutti gli anziani d'Israele e andarono da Samuele a Rama.: Gli dissero: ""Tu ormai sei vecchio e i tuoi figli non ricalcano le tue orme. Stabilisci quindi per noi un re che ci governi, come avviene per tutti i popoli"".: Agli occhi di Samuele la proposta era cattiva perchè avevano detto: ""Dacci un re che ci governi"". Perciò Samuele pregò il Signore.: Il Signore rispose a Samuele: ""Ascolta la voce del popolo per quanto ti ha detto, perchè costoro non hanno rigettato te, ma hanno rigettato me, perchè io non regni più su di essi.: Come si sono comportati dal giorno in cui li ho fatti uscire dall'Egitto fino ad oggi, abbandonando me per seguire altri dèi, così intendono fare a te.: Ascolta pure la loro richiesta, però annunzia loro chiaramente le pretese del re che regnerà su di loro"".: C'era un uomo della tribù di Beniamino, chiamato Kis - figlio di Abiel, figlio di Zeror, figlio di Becoràt, figlio di Afiach, figlio di un Beniaminita -, un prode.: Costui aveva un figlio chiamato Saul, alto e bello: non c'era nessuno più bello di lui tra gli Israeliti; superava dalla spalla in su chiunque altro del popolo.: Ora le asine di Kis, padre di Saul, si smarrirono e Kis disse al figlio Saul: ""Su, prendi con te uno dei servi e parti subito in cerca delle asine"".: I due attraversarono le montagne di Efraim, passarono al paese di Salisa, ma non le trovarono. Si recarono allora nel paese di Saalim, ma non c'erano; poi percorsero il territorio di Beniamino e anche qui non le trovarono.: Quando arrivarono nel paese di Zuf, Saul disse al compagno che era con lui: ""Su, torniamo indietro, perchè non vorrei che mio padre avesse smesso di pensare alle asine e ora fosse preoccupato di noi"".: Gli rispose: ""Ecco in questa città c'è un uomo di Dio, tenuto in molta considerazione: quanto egli dice, di certo si avvera. Ebbene, andiamoci! Forse ci indicherà la via che dobbiamo battere"".: Rispose Saul: ""Sì, andiamo! Ma che daremo a quell'uomo? Il pane nelle nostre sporte è finito e non abbiamo alcun dono da portare all'uomo di Dio; infatti che abbiamo?"".: Ma il servo rispondendo a Saul soggiunse: ""Guarda: mi son trovato in mano un quarto di siclo d'argento. Dallo all'uomo di Dio e ci indicherà la nostra via"".: In passato in Israele, quando uno andava a consultare Dio, diceva: ""Su, andiamo dal veggente"", perchè quello che oggi si dice profeta allora si diceva veggente.: Samuele prese allora l'ampolla dell'olio e gliela versò sulla testa, poi lo baciò dicendo: ""Ecco: il Signore ti ha unto capo sopra Israele suo popolo. Tu avrai potere sul popolo del Signore e tu lo libererai dalle mani dei nemici che gli stanno intorno. Questo sarà per te il segno che proprio il Signore ti ha unto capo sulla sua casa:: oggi, quando sarai partito da me, troverai due uomini presso il sepolcro di Rachele sul confine con Beniamino in Zelzach. Essi ti diranno: Sono state ritrovate le asine che sei andato a cercare. Ecco tuo padre non bada più alla faccenda delle asine, ma è preoccupato di voi e va dicendo: Che devo fare per mio figlio?: Passerai in fretta di là e andrai oltre; quando arriverai alla quercia del Tabor, vi troverai tre uomini in viaggio per salire a Dio in Betel: uno porterà tre capretti, l'altro porterà tre pani rotondi, il terzo porterà un otre di vino.: Ti domanderanno se stai bene e ti daranno due pani, che tu prenderai dalle loro mani.: Giungerai poi a Gàbaa di Dio, dove c'è una guarnigione di Filistei e mentre entrerai in città, incontrerai un gruppo di profeti che scenderanno dall'altura preceduti da arpe, timpani, flauti e cetre, in atto di fare i profeti.: Lo spirito del Signore investirà anche te e ti metterai a fare il profeta insieme con loro e sarai trasformato in un altro uomo.: Quando questi segni che ti riguardano saranno accaduti, farai quanto vorrai, perchè Dio sarà con te.: Tu poi scenderai a Gàlgala precedendomi. Io scenderò in seguito presso di te per offrire olocausti e immolare sacrifici di comunione. Sette giorni aspetterai, finchè io verrò a te e ti indicherò quello che dovrai fare"".: Ed ecco, quando quegli ebbe voltato le spalle per partire da Samuele, Dio gli mutò il cuore e tutti quei segni si verificarono il giorno stesso.: Circa un mese dopo, Nacas l'Ammonita si mosse e pose il campo contro Iabes di Gàlaad. Tutti i cittadini di Iabes di Gàlaad dissero allora a Nacas: ""Vieni a patti con noi e ti saremo sudditi"".: Rispose loro Nacas l'Ammonita: ""A queste condizioni mi alleerò con voi: possa io cavare a tutti voi l'occhio destro e porre tale gesto a sfregio di tutto Israele"".: Di nuovo chiesero gli anziani di Iabes: ""Lasciaci sette giorni per inviare messaggeri in tutto il territorio d'Israele. Se nessuno verrà a salvarci, usciremo incontro a te"".: I messaggeri arrivarono a Gàbaa di Saul e riferirono quelle parole davanti al popolo e tutto il popolo levò la voce e pianse.: Or ecco Saul veniva dalla campagna dietro l'armento. Chiese dunque Saul: ""Che ha il popolo da piangere?"". Riferirono a lui le parole degli uomini di Iabes.: Lo spirito di Dio investì allora Saul ed egli, appena udite quelle parole, si irritò molto.: Poi prese un paio di buoi, li fece a pezzi e ne inviò in tutto il territorio d'Israele mediante messaggeri con questo proclama: ""Se qualcuno non uscirà dietro Saul e dietro Samuele, la stessa cosa avverrà dei suoi buoi"". Si sparse lo spavento del Signore nel popolo e si mossero come un sol uomo.: Saul li passò in rassegna a Bezek e risultarono trecentomila Israeliti e trentamila di Giuda.: Dissero allora ai messaggeri che erano giunti: ""Direte ai cittadini di Iabes di Gàlaad: Domani, quando il sole comincerà a scaldare, avverrà la vostra salvezza"". I messaggeri partirono e riferirono agli uomini di Iabes, che ne ebbero grande gioia.: Allora Samuele disse a tutto Israele: ""Ecco ho ascoltato la vostra voce in tutto quello che mi avete chiesto e ho costituito su di voi un re.: Da questo momento ecco il re procede davanti a voi. Quanto a me sono diventato vecchio e canuto e i miei figli eccoli tra di voi. Io ho vissuto dalla mia giovinezza fino ad oggi sotto i vostri occhi.: Eccomi, pronunciatevi a mio riguardo alla presenza del Signore e del suo consacrato. A chi ho portato via il bue? A chi ho portato via l'asino? Chi ho trattato con prepotenza? A chi ho fatto offesa? Da chi ho accettato un regalo per chiudere gli occhi a suo riguardo? Sono qui a restituire!"".: Risposero: ""Non ci hai trattato con prepotenza, nè ci hai fatto offesa, nè hai preso nulla da nessuno"".: Egli soggiunse loro: ""è testimonio il Signore contro di voi ed è testimonio oggi il suo consacrato, che non trovate niente in mano mia?"". Risposero: ""Sì, è testimonio"".: Allora Samuele disse al popolo: ""è testimonio il Signore che ha stabilito Mosè e Aronne e che ha fatto uscire i vostri padri dal paese d'Egitto.: Ora state qui raccolti e io voglio discutere con voi davanti al Signore a causa di tutti i benefici che il Signore ha operato con voi e con i vostri padri.: Quando Giacobbe andò in Egitto e gli Egiziani li oppressero e i vostri padri gridarono al Signore, il Signore mandò loro Mosè e Aronne che li fecero uscire dall'Egitto e li ricondussero in questo luogo.: Ma poichè avevano dimenticato il Signore loro Dio, li abbandonò in potere di Sisara, capo dell'esercito di Azor e in potere dei Filistei e in potere del re di Moab, che mossero loro guerra.

Mappa

Commento di un santo

La prima volta siamo stati vinti a causa dei nostri peccati e gli abitanti di Ai hanno ucciso moltissimi di noi. Ai significa ''caos'. Ora, noi sappiamo che il caos è il luogo o meglio la dimora delle potenze avverse, di cui il diavolo è re e principe. Contro di lui viene Gesù, divide il popolo in due parti: gli uni li pone nell'avanguardia, gli altri nella retroguardia, perchè assalgano di sorpresa i nemici alle spalle. Vedi se questa prima parte del popolo non rappresenti quella parte di gente, riferendosi alla quale Gesù dice: ''Non sono venuto se non per le pecore perdute della casa d'Israele' (Mt 15, 24), e di cui l'Apostolo dice: ''Grazia, invece, e pace per chi opera il bene, per il Giudeo prima e poi per il Greco' (Km 2,10). Per il Greco, cioè per il pagano arrivato dopo. è dunque questo il popolo che viene collocato tra i primi e si direbbe che fugga con Gesù. Il popolo che sta dietro rappresenta quelli che sono radunati dai pagani e che giungendo inattesamente chi, infatti, si sarebbe aspettato che i pagani si salvassero? colpiscono più violentemente i nemici alle spalle. E così l'uno e l'altro popolo, dopo aver chiuso in mezzo il branco dei demoni, li sbaraglia e li vince.

Autore

Origene

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia