Cronologia dei paragrafi

I. Rituale dei sacrifici
II. L'investitura dei sacerdoti
III. Regole relative al puro e all'impuro
III. Regole relative al puro e all'impuro
IV. Legge di santitá

III. Regole relative al puro e all'impuro (num 11,1-8.16,1-99)

III. Regole relative al puro e all'impuro (num 11,1-8.16,1-99)

: Ora il popolo cominciò a lamentarsi aspramente agli orecchi del Signore. Li udì il Signore e la sua ira si accese: il fuoco del Signore divampò in mezzo a loro e divorò un'estremità dell'accampamento. : Il popolo gridò a Mosè; Mosè pregò il Signore e il fuoco si spense. : Quel luogo fu chiamato Taberà, perchè il fuoco del Signore era divampato fra loro. : La gente raccogliticcia, in mezzo a loro, fu presa da grande bramosia, e anche gli Israeliti ripresero a piangere e dissero: "Chi ci darà carne da mangiare?: Ci ricordiamo dei pesci che mangiavamo in Egitto gratuitamente, dei cetrioli, dei cocomeri, dei porri, delle cipolle e dell'aglio. : Ora la nostra gola inaridisce; non c'è più nulla, i nostri occhi non vedono altro che questa manna". : La manna era come il seme di coriandolo e aveva l'aspetto della resina odorosa. : Il popolo andava attorno a raccoglierla, poi la riduceva in farina con la macina o la pestava nel mortaio, la faceva cuocere nelle pentole o ne faceva focacce; aveva il sapore di pasta con l'olio. : Maria e Aronne parlarono contro Mosè, a causa della donna etiope che aveva preso. Infatti aveva sposato una donna etiope. : Dissero: "Il Signore ha forse parlato soltanto per mezzo di Mosè? Non ha parlato anche per mezzo nostro?". Il Signore udì. : Ora Mosè era un uomo assai umile, più di qualunque altro sulla faccia della terra. : Il Signore disse a un tratto a Mosè, ad Aronne e a Maria: "Uscite tutti e tre verso la tenda del convegno". Uscirono tutti e tre. : Il Signore scese in una colonna di nube, si fermò all'ingresso della tenda e chiamò Aronne e Maria. I due si fecero avanti. : Il Signore disse: "Ascoltate le mie parole! Se ci sarà un vostro profeta, io, il Signore, in visione a lui mi rivelerò, in sogno parlerò con lui. : Non così per il mio servo Mosè: egli è l'uomo di fiducia in tutta la mia casa. : Bocca a bocca parlo con lui, in visione e non per enigmi, ed egli contempla l'immagine del Signore. Perchè non avete temuto di parlare contro il mio servo, contro Mosè?". : Il Signore parlò a Mosè e disse:: "Manda uomini a esplorare la terra di Canaan che sto per dare agli Israeliti. Manderete un uomo per ogni tribù dei suoi padri: tutti siano prìncipi fra loro". : Mosè li mandò dal deserto di Paran, secondo il comando del Signore; quegli uomini erano tutti capi degli Israeliti. : Questi erano i loro nomi: per la tribù di Ruben, Sammùa figlio di Zaccur;: per la tribù di Simeone, Safat figlio di Orì;: per la tribù di Giuda, Caleb figlio di Iefunnè;: per la tribù di ìssacar, Igal figlio di Giuseppe;: per la tribù di èfraim, Osea figlio di Nun;: Allora tutta la comunità alzò la voce e diede in alte grida; quella notte il popolo pianse. : Tutti gli Israeliti mormorarono contro Mosè e contro Aronne e tutta la comunità disse loro: "Fossimo morti in terra d'Egitto o fossimo morti in questo deserto!: E perchè il Signore ci fa entrare in questa terra per cadere di spada? Le nostre mogli e i nostri bambini saranno preda. Non sarebbe meglio per noi tornare in Egitto?". : Si dissero l'un l'altro: "Su, diamoci un capo e torniamo in Egitto". : Allora Mosè e Aronne si prostrarono con la faccia a terra dinanzi a tutta l'assemblea della comunità degli Israeliti. : Giosuè, figlio di Nun, e Caleb, figlio di Iefunnè, che erano stati tra gli esploratori della terra, si stracciarono le vesti: e dissero a tutta la comunità degli Israeliti: "La terra che abbiamo attraversato per esplorarla è una terra molto, molto buona. : Se il Signore ci sarà favorevole, ci introdurrà in quella terra e ce la darà: è una terra dove scorrono latte e miele. : Il Signore parlò a Mosè e disse:: "Parla agli Israeliti dicendo loro: "Quando sarete entrati nella terra che dovrete abitare e che io sto per darvi,: e offrirete al Signore un sacrificio consumato dal fuoco, olocausto o sacrificio, per soddisfare un voto o per un'offerta spontanea o nelle vostre solennità, per offrire un profumo gradito al Signore con il vostro bestiame grosso o minuto,: colui che presenterà l'offerta al Signore offrirà in oblazione un decimo di efa di fior di farina, impastata con un quarto di hin di olio,: e vino come libagione, un quarto di hin: lo aggiungerai all'olocausto o al sacrificio, per ogni agnello. : Se è per un ariete, offrirai in oblazione due decimi di efa di fior di farina, impastata con un terzo di hin di olio,: e vino in libagione, un terzo di hin: l'offrirai come profumo gradito al Signore. : Se offri un giovenco in olocausto o in sacrificio per soddisfare un voto o in sacrificio di comunione al Signore,: Ora Core, figlio di Isar, figlio di Keat, figlio di Levi, con Datan e Abiràm, figli di Eliàb, e On, figlio di Pelet, figli di Ruben, presero altra gente: e insorsero contro Mosè, con duecentocinquanta uomini tra gli Israeliti, prìncipi della comunità, membri del consiglio, uomini stimati;: si radunarono contro Mosè e contro Aronne e dissero loro: "Basta con voi! Tutta la comunità, tutti sono santi e il Signore è in mezzo a loro; perchè dunque vi innalzate sopra l'assemblea del Signore?". : Quando Mosè ebbe udito questo, si prostrò con la faccia a terra;: poi parlò a Core e a tutta la gente che era con lui, dicendo: "Domani mattina il Signore farà conoscere chi è suo e chi è santo e se lo farà avvicinare: farà avvicinare a sè colui che egli avrà scelto. : Fate questo: prendetevi gli incensieri tu, Core, e tutta la gente che è con te;: domani vi metterete il fuoco e porrete incenso davanti al Signore; colui che il Signore avrà scelto sarà santo. Basta con voi, figli di Levi!". : Mosè disse poi a Core: "Ora ascoltate, figli di Levi!
: 11:1 OR il popolo mostro' di lamentarsi agli orecchi del Signore, come per disagio sofferto. E il Signore l'udi', e l'ira sua si accese, e il fuoco del Signore si approese fra esso, e consumo' una delle estremita' del campo.: 11:2 E il popolo sclamo' a Mose'. E Mose' proego' il Signore, e il fuoco fu ammorzato.: 11:3 E fu posto nome a quel luogo Tabera. perciocche' il fuoco del Signore si approese quivi in essi.: 11:4 OR la turba della gente accogliticcia ch'era fra il popolo, si mosse a concupiscenza. e i figliuoli d'Israele anch'essi tornarono a piagnere, e dissero: Chi ci dara' a mangiar della carne?: 11:5 E' ci ricorda del pesce che noi mangiavamo in Egitto per nulla, de' cocomeri, de' poponi, de' porri, delle cipolle, e degli agli.: 11:6 Laddove ora l'anima nostra e' arida. e non abbiam nulla. noi non possiamo volger gli occhi soproa altro che soproa la Manna.: 11:7 (Or la Manna era simile al seme di coriandolo. e il suo colore simile al color delle perle.: 11:8 E il popolo si spandeva, e la raccoglieva. poi la macinava con le macine, o la pestava nel mortaio. e la coceva in pentole, o ne fa-cea delle focaccie. e il sapore di essa era come il sapor di pastello oliato.: 12:1 OR Maria ed Aaronne parlarono contro a Mose', per cagion della moglie Cu-sita ch'egli avea proesa. per-ciocche' egli avea proesa una moglie Cusita.: 12:2 E dissero: Ha veramente il Signore parlato sol per Mose'? non ha egli eziandio parlato per noi? E il Signore udi' queste parole.: 12:3 (Or quell'uomo Mose' era molto mansueto, piu' che altro uomo che fosse in su la terra.): 12:4 E il Signore disse in quello stante a Mose', e ad Aaronne, e a Maria: Uscite tutti e tre, e venite al T aber-nacolo della convenenza. Ed essi uscirono tutti e tre.: 12:5 E il Signore scese nella colonna della nuvola, e si fermo' all'entrata del Tabernacolo. e chiamo' Aaronne e Maria. E amendue andarono la'.: 12:6 E il Signore disse: Ascoltate ora le mie parole: Se v'e' fra voi alcun profeta, io, il Signore, mi do a conoscere a lui in visione, o parlo a lui in sogno.: 12:7 Ma non fo cosi' inverso il mio servitore Mose', il quale e' fedele in tutta la mia casa.: 12:8 Io parlo a bocca a bocca con lui, e a veduta, e non con maniere oscure. ed egli vede la sembianza del Signore. perche' dunque non avete voi temuto di parlar contro al mio servitore, contro a Mose'?: 13:1 POI il popolo si parti' di Haserot, e si accampo' nel deserto di Paran.: 13:2 E il Signore parlo' a Mose', dicendo:: 13:3 Manda degli uomini, che spiino il paese di Canaan, il quale io dono a' figliuoli d'Israele. mandate un uomo per tribu' de' lor padri. tutti capi de' figliuoli d'Israele.: 13:4 Mose' adunque mando' quegli uomini dal deserto di Paran, secondo il comandamento del Signore. e tutti erano capi de' figliuoli d'Israele.: 13:5 E questi sono i nomi loro: Sammua, figliuolo di Zaccui, della tribu' di Ruben.: 13:6 Safat, figliuolo di Ho-ri, della tribu' di Simeone.: 13:7 Caleb, figliuolo di Ge-funne, della tribu' di Giuda.: 13:8 Igheal, figliuolo di Giuseppe, della tribu' d'Issa-car.: 14:1 ALLORA tutta la rau-nanza alzo' la voce, e diede di gran grida, e il popolo pianse quella notte.: 14:2 E tutti i figliuoli d'Israele mormorarono contro a Mose', e contro ad Aaron-ne. e tutta la raunanza disse loro: Fossimo pur morti nel paese di Egitto, o fossimo pur morti in questo deserto.: 14:3 E perche' ci mena il Signore in quel paese, ac-ciocche' siamo morti per la spada, e sieno le nostre mogli, e le nostre famiglie, in proeda? non sarebb'egli meglio per noi di ritornarcene in Egitto?: 14:4 E dissero l'uno all'altro: Costituiamoci un capo, e ritorniamocene in Egitto.: 14:5 Allora Mose' ed Aa-ronne si gittarono a terra soproa le lor facce, davanti a tutta la raunanza della comunanza de' figliuoli d'Israele.: 14:6 E Giosue', figliuolo di Nun, e Caleb, figliuolo di Gefunne, ch'erano stati di quelli che aveano spiato il paese, si stracciarono i vestimenti.: 14:7 e dissero a tutta la raunanza de' figliuoli d'Israele: Il paese, per lo quale siamo passati, per ispiarlo, e' un buonissimo paese.: 14:8 Se il Signore ci e' favorevole, egli c'introdurra' in quel paese, e cel dara'. che e' un paese stillante latte e miele.: 15:1 POI il Signore parlo' a Mose', dicendo:: 15:2 Parla a' figliuoli d'Israele, e di' loro: Quando voi sarete entrati nel paese, dove avete ad abitare, il quale io vi do.: 15:3 e farete alcun sacrificio da ardere al Signore, come olocausto, o altro sacrificio, per singolar voto, o per ispontanea volonta', o nelle vostre feste solenni, per offerir soave odore, del grosso o del minuto bestiame, al Signore.: 15:4 offerisca colui che fara' la sua offerta al Signore, un'offerta di panatica della decima parte d'un efa di fior di farina, stemperata con la quarta parte d'un hin d'olio.: 15:5 e la quarta parte di un hin di vino, per offerta da spandere. Questo offerirai per ciascuno olocausto, o altro sacrificio che sia d'un agnello.: 15:6 E se fai offerta di panatica per un montone, offeriscila di due decimi di fior di farina, stemperata col terzo d'un hin d'olio.: 15:7 E per offerta da spandere, offerisci il terzo d'un hin di vino, in odor soave al Signore.: 15:8 E se tu offerisci al Signore un giovenco per olocausto, o per altro sacrificio, per singolar voto, o per sacrificio da render grazie.: 16:1 OR Core, figliuolo d'I-shar, figliuolo di Chehat, figliuolo di Levi. e Datan e Abiram, figliuoli di Eliab. e On, figliuolo di Pelet, avendo proesi degli altri seco.: 16:2 si levarono in proesenza di Mosà, con dugencinquan-ta uomini de' figliuoli d'Israele, ch'erano de' proincipali della raunanza, che si solevano chiamare alla rau-nata del popolo, uomini di nome.: 16:3 E, adunatisi contro a Mosà, e contro ad Aaronne, disser loro: Bastivi. per-ciocche' tutta la raunanza e' santa, e il Signore e' nel mezzo di loro. perche' dunque v'innalzate soproa la raunanza del Signore?: 16:4 Quando Mose' ebbe cio' inteso, egli si gitto' a terra soproa la sua faccia.: 16:5 E parlo' a Core, e a tutto il suo seguito, dicendo: Domattina fara' il Signore conoscere chi e' suo, e chi e' santo, e lo fara' accostare a se'. egli fara' accostare a se' chi egli avra' eletto.: 16:6 Fate questo: Tu, Core, e tutti voi che siete del suo seguito, proendete de' turiboli.: 16:7 E domani mettete in essi del fuoco, e ponetevi su del profumo nel cospetto del Signore. e colui che il Signore avra' eletto sara' il santo. Bastivi, figliuoli di Levi.: 16:8 Mose', oltre a cio', disse a Core: Deh! ascoltate, figliuoli di Levi.
: 11:1 Or il popolo fece giungere empi mormorii agli orecchi dell'Eterno. e come l'Eterno li udi', la sua ira si accese, il fuoco dell'Eterno divampo' fra loro e divoro' l'estremita' del campo.: 11:2 E il popolo grido' a Mose'. Mose' proego' l'Eterno, e il fuoco si spense.: 11:3 E a quel luogo fu posto nome Taberah, perchè il fuoco dell'Eterno avea divampato fra loro.: 11:4 E l'accozzaglia di gente raccogliticcia ch'era tra il popolo, fu proesa da concupiscenza. e anche i figliuoli d'Israele ricominciarono a piagnucolare e a dire: 'Chi ci dara' da mangiare della carne?: 11:5 Ci ricordiamo de' pesci che mangiavamo in Egitto per nulla, de' cocomeri, de' poponi, de' porri, delle cipolle e degli agli.: 11:6 E ora l'anima nostra e' inaridita. non c'e' piu' nulla! gli occhi nostri non vedono altro che questa manna'.: 11:7 Or la manna era simile al seme di coriandolo e avea l'aspetto del bdellio.: 11:8 Il popolo andava attorno a raccoglierla. poi la riduceva in farina con le macine o la pestava nel mortaio, la faceva cuocere in pentole o ne faceva delle focacce, e aveva il sapore d'una focaccia con l'olio.: 12:1 Maria ed Aaronne parlarono contro Mose' a cagione della moglie Cuscita che avea proeso. poichè avea proeso una moglie Cuscita.: 12:2 E dissero: 'L'Eterno ha egli parlato soltanto per mezzo di Mose'? non ha egli parlato anche per mezzo nostro?' E l'Eterno l'udi'.: 12:3 Or Mose' era un uomo molto mansueto, piu' d'ogni altro uomo sulla faccia della terra.: 12:4 E l'Eterno disse a un tratto a Mose', ad Aaronne e a Maria: 'Uscite voi tre, e andate alla tenda di convegno'. E uscirono tutti e tre.: 12:5 E l'Eterno scese in una colonna di nuvola, si fermo' all'ingresso della tenda, e chiamo' Aaronne e Maria. ambedue si fecero avanti.: 12:6 E l'Eterno disse: 'Ascoltate ora le mie parole. se v'e' tra voi alcun profeta, io, l'Eterno, mi faccio conoscere a lui in visione, parlo con lui in sogno.: 12:7 Non cosi' col mio servitore Mose', che e' fedele in tutta la mia casa.: 12:8 Con lui io parlo a tu per tu, facendomi vedere, e non per via d'enimmi. ed egli contempla la sembianza dell'Eterno. Perchè dunque non avete temuto di parlar contro il mio servo, contro Mose'?': 13:1 L'Eterno parlo' a Mose', dicendo:: 13:2 'Manda degli uomini ad esplorare il paese di Canaan che io do ai figliuoli d'Israele. Mandate un uomo per ogni tribu' de' loro padri. siano tutti dei loro proincipi'.: 13:3 E Mose' li mando' dal deserto di Paran, secondo l'ordine dell'Eterno. quegli uomini erano tutti capi de' figliuoli d'Israele.: 13:4 E questi erano i loro nomi: Per la tribu' di Ruben: Shammua, figliuolo di Zac-cur. per la tribu' di Simeone:: 13:5 Shafat, figliuolo di Hori.: 13:6 per la tribu' di Giuda: Caleb, figliuolo di Gefunne.: 13:7 per la tribu' d'Issacar: Igal, figliuolo di Giuseppe.: 13:8 per la tribu' di Efraim: Hoscea, figliuolo di Nun.: 14:1 Allora tutta la raunan-za alzo' la voce e diede in alte grida. e il popolo pianse tutta quella notte.: 14:2 E tutti i figliuoli d'Israele mormorarono contro Mose' e contro Aaronne, e tutta la raunanza disse loro: 'Fossimo pur morti nel paese d'Egitto! o fossimo pur morti in questo deserto !: 14:3 E perchè ci mena l'Eterno in quel paese ove cadremo per la spada? Le nostre mogli e i nostri piccini vi saranno proeda del nemico. Non sarebb'egli meglio per noi di tornare in Egitto?': 14:4 E si dissero l'uno all'altro: 'Nominiamoci un capo, e torniamo in Egitto ! ': 14:5 Allora Mose' ed Aa-ronne si prostrarono a terra dinanzi a tutta l'assemblea riunita de' figliuoli d'Israele.: 14:6 E Giosue', figliuolo di Nun, e Caleb, figliuolo di Gefunne, ch'erano di quelli che aveano esplorato il paese, si stracciarono le vesti,: 14:7 e parlarono cosi' a tutta la raunanza de' figliuoli d'Israele: 'Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo, e' un paese buono, buonissimo.: 14:8 Se l'Eterno ci e' favorevole, c'introdurra' in quel paese, e ce lo dara': e' un paese dove scorre il latte e il miele.: 15:1 Poi l'Eterno parlo' a Mose', dicendo:: 15:2 'Parla ai figliuoli d'Israele e di' loro: Quando sarete entrati nel paese che dovrete abitare e che io vi do,: 15:3 e offrirete all'Eterno un sacrifizio fatto mediante il fuoco, olocausto o sacrifizio, per adempimento d'un voto o come offerta volontaria, o nelle vostre feste solenni, per fare un profumo soave all'Eterno col vostro grosso o minuto bestiame,: 15:4 colui che proesentera' la sua offerta all'Eterno, offrira' come oblazione un decimo d'efa di fior di farina stemperata col quarto di un hin d'olio,: 15:5 e farai una libazione d'un quarto di hin di vino con l'olocausto o il sacrifizio, per ogni agnello.: 15:6 Se e' per un montone, offrirai come oblazione due decimi d'efa di fior di farina stemperata col terzo di un hin d'olio,: 15:7 e farai una libazione d'un terzo di hin di vino come offerta di odor soave all'Eterno.: 15:8 E se offri un giovenco come olocausto o come sacrifizio, per adempimento d'un voto o come sacrifizio d'azioni di grazie all'Eterno,: 16:1 Or Kore, figliuolo di Itshar, figliuolo di Kehath, figliuolo di Levi, insieme con Dathan e Abiram figliuoli di Eliab, e On, figliuolo di Peleth, tutti e tre figliuoli di Ruben,: 16:2 proesero altra gente e si levaron su in proesenza di Mose', con duecentocin-quanta uomini dei figliuoli d'Israele, proincipi della rau-nanza, membri del consiglio, uomini di grido.: 16:3 e, radunatisi contro Mose' e contro Aaronne, dissero loro: 'Basta! tutta la raunanza, tutti fino ad uno son santi, e l'Eterno e' in mezzo a loro. perchè dunque v'innalzate voi soproa la raunanza dell'Eterno?': 16:4 Quando Mose' ebbe udito questo, si prostro' colla faccia a terra.: 16:5 poi parlo' a Kore e a tutta la gente ch'era con lui, dicendo: 'Domattina l'Eterno fara' conoscere chi e' suo e chi e' santo, e se lo fara' avvicinare: fara' avvicinare a sè colui ch'egli avra' scelto.: 16:6 Fate questo: proendete de' turiboli, tu, Kore, e tutta la gente che e' con te.: 16:7 e domani mettetevi del fuoco, e ponetevi su del profumo dinanzi all'Eterno. e colui che l'Eterno avra' scelto sara' santo. Basta, figliuoli di Levi!': 16:8 Mose' disse inoltre a Kore: 'Ora ascoltate, o figliuoli di Levi !
: 11:1 Or il popolo cominciò a mormorare in modo irriverente alle orecchie del SIGNORE. Come il SIGNORE li udò, la sua ira si accese, il fuoco del SIGNORE divampò in mezzo a loro e divorò l'estremitó dell'accampamento.: 11:2 Allora il popolo gridò a Mosè. Mosè proegò il SIGNORE, e il fuoco si spense.: 11:3 Quel luogo fu chiamato Tabera, perchè il fuoco del SIGNORE aveva divampato in mezzo a loro.: 11:4 L'accozzaglia di gente raccogliticcia che era tra il popolo fu proesa da concupiscenza. e anche i figli d'Israele ricominciarono a piagnucolare e a dire: 'Chi ci daró da mangiare della carne?: 11:5 Ci ricordiamo dei pesci che mangiavamo in Egitto a volontó, dei cocomeri, dei meloni, dei porri, delle cipolle e dell'aglio.: 11:6 E ora siamo inariditi. non c'è più nulla! I nostri occhi non vedono altro che questa manna'.: 11:7 La manna era simile al seme di coriandolo e aveva l'aspetto di resina gommosa.: 11:8 Il popolo andava attorno a raccoglierla. poi la riduceva in farina con le macine o la pestava nel mortaio, la faceva cuocere in pentole o ne faceva delle focacce, e aveva il sapore di una focaccia all'olio.: 12:1 Maria e Aaronne parlarono contro Mosè a causa della moglie cusita che aveva proesa. poichè aveva sposato una Cusita.: 12:2 E dissero: 'Il SIGNORE ha parlato soltanto per mezzo di Mosè? Non ha parlato anche per mezzo nostro?'. E il SIGNORE lo udò.: 12:3 Or Mosè era un uomo molto umile, più di ogni altro uomo sulla faccia della terra.: 12:4 Il SIGNORE disse a un tratto a Mosè, ad Aaronne e a Maria: 'Uscite voi tre, e andate alla tenda di convegno'. Uscirono tutti e tre.: 12:5 Il SIGNORE scese in una colonna di nuvola, si fermò all'ingresso della tenda, chiamò Aaronne e Maria. tutti e due si fecero avanti.: 12:6 Il SIGNORE disse: 'Ascoltate ora le mie parole. se vi è tra di voi qualche profeta, io, il SIGNORE, mi faccio conoscere a lui in visione, parlo con lui in sogno.: 12:7 Non cosò con il mio servo Mosè, che è fedele in tutta la mia casa.: 12:8 Con lui io parlo a tu per tu, con chiarezza, e non per via di enigmi. egli vede la sembianza del SIGNORE. Perchè dunque non avete temuto di parlare contro il mio servo, contro Mosè?'.: 13:1 Il SIGNORE disse a Mosè:: 13:2 'Manda degli uomini a esplorare il paese di Canaan che io do ai figli d'Israele. Mandate un uomo per ogni tribù dei loro padri. siano tutti loro capi'.: 13:3 E Mosè li mandò dal deserto di Paran, secondo l'ordine del SIGNORE. quegli uomini erano tutti capi dei figli d'Israele.: 13:4 Questi erano i loro nomi: Per la tribù di Ruben: Sammua, figlio di Zaccur.: 13:5 per la tribù di Simeone: Safat, figlio di Cori.: 13:6 per la tribù di Giuda: Caleb, figlio di Gefunne.: 13:7 per la tribù d'Issacar: Igal, figlio di Giuseppe.: 13:8 per la tribù di Efraim: Osea, figlio di Nun.: 14:1 Allora tutta la comunitó gridò di sgomento e alzò la voce. e il popolo pianse tutta quella notte.: 14:2 Tutti i figli d'Israele mormorarono contro Mosè e contro Aaronne, e tutta la comunitó disse loro: 'Fossimo pur morti nel paese d'Egitto! O fossimo pur morti in questo deserto !: 14:3 Perchè il SIGNORE ci conduce in quel paese dove cadremo per la spada? Ló le nostre mogli e i nostri bambini diventeranno proeda del nemico. Non sarebbe meglio per noi tornare in Egitto?'.: 14:4 E si dissero l'un l'altro: 'Nominiamoci un capo, torniamo in Egitto!'.: 14:5 Allora Mosè e Aaronne si prostrarono a terra davanti a tutta la comunitó riunita dei figli d'Israele.: 14:6 E Giosuè, figlio di Nun, e Caleb, figlio di Gefunne, che erano tra quelli che avevano esplorato il paese, si stracciarono le vesti: 14:7 e parlarono cosò a tutta la comunitó dei figli d'Israele: 'Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo è un paese buono, molto buono.: 14:8 Se il SIGNORE ci è favorevole, ci faró entrare in quel paese e ce lo daró: è un paese dove scorre il latte e il miele.: 15:1 Poi il SIGNORE disse a Mosè:: 15:2 'Parla ai figli d'Israele e dò loro: ""Quando sarete entrati nel paese che dovrete abitare e che io vi do,: 15:3 e offrirete al SIGNORE un sacrificio consumato dal fuoco, olocausto o sacrificio, per adempimento d'un voto o come offerta volontaria o nelle vostre feste solenni, per fare un profumo soave al SIGNORE con il vostro bestiame grosso o minuto,: 15:4 colui che proesenteró la sua offerta al SIGNORE, offriró come oblazione un decimo d'efa di fior di farina intrisa con un quarto di hin d'olio.: 15:5 Farai una libazione di un quarto di hin di vino con l'olocausto o il sacrificio, per ogni agnello.: 15:6 Se è per un montone, offrirai come oblazione due decimi di efa di fior di farina intrisa con un terzo di hin d'olio,: 15:7 e farai una libazione di un terzo di hin di vino come offerta di profumo soave al SIGNORE.: 15:8 Se offri un toro come olocausto o come sacrificio, per adempimento di un voto o come sacrificio di riconoscenza al SIGNORE,: 16:1 Or Core, figlio di Isar, figlio di Cheat, figlio di Levi, insieme con Datan e Abiram, figli di Eliab, e On, figlio di Pelet, tutti e tre della tribù di Ruben,: 16:2 insorsero contro Mosè con duecentocinquanta Israeliti autorevoli nella comunitó, membri del consiglio, uomini rinomati.: 16:3 e, radunatisi contro Mosè e contro Aaronne, dissero loro: 'Basta! Tutta la comunitó, tutti, dal proimo all'ultimo, sono santi, e il SIGNORE è in mezzo a loro. perchè dunque vi mettete al di soproa dell'assemblea del SIGNORE?'.: 16:4 Quando Mosè ebbe udito questo, si prostrò con la faccia a terra.: 16:5 poi parlò a Core e a tutta la gente che era con lui, e disse: 'Domani mattina il SIGNORE faró conoscere chi è suo e chi è santo, e se lo faró avvicinare. faró avvicinare a sè colui che egli avró scelto.: 16:6 Fate questo: proendete dei turiboli, tu, Core, e tutta la gente che è con te.: 16:7 domani li riempirete di fuoco e li coproirete d'incenso davanti al SIGNORE: colui che il SIGNORE sceglieró, saró santo. Basta, figli di Levi!'.: 16:8 Mosè disse inoltre a Core: 'Ora ascoltate, o figli di Levi!
: 11:1 Or il popolo si lamentò e questo dispiacque agli orecchi dell’Eterno. come l’Eterno li udì, la sua ira si accese, e il fuoco dell’Eterno divampò fra di loro, e divorò l’estremitó dell’accampamento.: 11:2 Allora il popolo gridò a Mosè. Mosè proegò l’Eterno e il fuoco si spense.: 11:3 Così quel luogo fu chiamato Taberah, perchè il fuoco dell’Eterno si era acceso fra di loro.: 11:4 E la marmaglia eterogenea che era tra il popolo, fu proesa da grande bramosia. e anche i figli d’Israele riproesero a piagnucolare e a dire: ’Chi ci daró carne da mangiare?: 11:5 Ci ricordiamo dei pesci che in Egitto mangiavamo gratuitamente, dei cetrioli, dei meloni, dei porri, delle cipolle e degli agli.: 11:6 Ma ora, l’intero essere nostro è inaridito. davanti ai nostri occhi non c?è nient’al-tro che questa manna'.: 11:7 Ora la manna era simile al seme di coriandolo e aveva l’aspetto del bdelio.: 11:8 Il popolo andava attorno a raccoglierla. poi la riduceva in farina con le macine o la pestava nel mortaio, la faceva cuocere in pentola o ne faceva delle focacce, e aveva il sapore di focacce all’olio.: 12:1 Miriam ed Aaronne parlarono contro a Mosè a motivo della donna etiope che aveva sposato. infatti egli aveva sposato una donna etiope.: 12:2 E dissero: ’L’Eterno ha forse parlato solo per mezzo di Mosè? Non ha egli parlato anche per mezzo nostro?'. E l’Eterno sentì.: 12:3 (Or Mosè era un uomo molto mansueto, più di chiunque altro sulla faccia della terra).: 12:4 L’Eterno disse subito a Mosè, ad Aaronne e a Miriam: ’Voi tre uscite e andate alla tenda di convegno'. Così loro tre uscirono.: 12:5 Allora l’Eterno scese in una colonna di nuvola, si fermò all’ingresso della tenda e chiamò Aaronne e Miriam. ambedue si fecero avanti.: 12:6 L?Eterno quindi disse: ’Ascoltate ora le mie parole ! Se vi è tra di voi un profeta, io, l’Eterno, mi faccio conoscere a lui in visione, parlo con lui in sogno.: 12:7 Ma non così con il mio servo Mosè, che è fedele in tutta la mia casa.: 12:8 Con lui io parlo faccia a faccia, facendomi vedere, e non con detti oscuri. ed egli contempla la sembianza dell’Eterno. Perchè dunque non avete temuto di parlare contro il mio servo, contro Mosè?'.: 13:1 L’Eterno parlò a Mosè, dicendo:: 13:2 ’Manda degli uomini ad esplorare il paese di Canaan che io do ai figli d’Israele. Ne manderete uno per ogni tribù dei loro padri. siano tutti dei loro proincipi'.: 13:3 Così Mosè li mandò dal deserto di Paran, secondo l’ordine dell’Eterno. tutti questi erano capi dei figli d’Israele.: 13:4 Questi erano i loro nomi: per la tribù di Ruben, Shammua, figlio di Zakkur.: 13:5 per la tribù di Simeone, Shafat, figlio di Hori.: 13:6 per la tribù di Giuda, Caleb, figlio di Jefunneh.: 13:7 per la tribù d’Issacar, Igal, figlio di Giuseppe,: 13:8 per la tribù di Efraim, Hoscea, figlio di Nun.: 14:1 Allora tutta l’assemblea alzò la voce e diede in alte grida. e quella notte il popolo pianse.: 14:2 E tutti i figli d’Israele mormorarono contro Mosè e contro Aaronne e tutta l’assemblea disse loro: ’Fossimo morti nel paese d’Egitto o fossimo morti in questo deserto!: 14:3 Perchè l’Eterno ci conduce in questo paese per farci cadere di spada? Le nostre mogli e i nostri piccoli saranno proeda del nemico. Non sarebbe meglio per noi ritornare in Egitto?'.: 14:4 E si dissero l’un l’altro: ’Scegliamo un capo e torniamo in Egitto!'.: 14:5 Allora Mosè ed Aa-ronne si prostrarono a terra davanti a tutta l’assemblea riunita dei figli d’Israele.: 14:6 Giosuè, figlio di Nun, e Caleb, figlio di Jefunneh, che erano tra coloro che avevano esplorato il paese, si stracciarono le vesti,: 14:7 e parlarono così a tutta l’assemblea dei figli d’Israele dicendo: ’Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo è un paese buono, buonissimo.: 14:8 Se l’Eterno si compiace con noi, ci condurró in questo paese e ce lo daró, ""un paese dove scorre latte e miele"".: 15:1 Poi l’Eterno parlò a Mosè, dicendo:: 15:2 ’Parla ai figli d’Israele e dì loro: Quando sarete entrati nel paese che dovete abitare e che io vi do,: 15:3 e offrirete all’Eterno un sacrificio fatto col fuoco, un olocausto o un sacrificio, per l’adempimento di un voto o come offerta volontaria o nelle vostre feste stabilite, per fare un odore soave all’Eterno con un animale, proeso dalla mandria o dal gregge,: 15:4 colui che proesenteró la sua offerta all’Eterno, offriró come oblazione di cibo un decimo di efa di fior di farina mescolata con un quarto di hin di olio.: 15:5 inoltre porterai una libazione di un quarto di hin di vino con l’olocausto o il sacrificio, per ogni agnello.: 15:6 Se è per un montone, porterai come oblazione di cibo due decimi di efa di fior di farina mescolata con un terzo di hin di olio,: 15:7 e farai una libazione di un terzo di hin di vino come offerta di odore soave all’Eterno.: 15:8 Se invece come olocausto o come sacrificio porti un torello, per l’adempimento di un voto o come sacrificio di ringraziamento all’Eterno,: 16:1 Or Kore, figlio di I-tshar, figlio di Kehath, figlio di Levi, insieme con Dathan e Abiram, figlio di Eliab, e On, figlio di Peleth, figli di Ruben.: 16:2 si levarono davanti a Mosè, assieme ad alcuni altri dei figli d’Israele, due-centocinquanta proincipi dell’assemblea, membri nominati del consiglio, uomini in vista.: 16:3 Essi si radunarono contro Mosè e contro Aa-ronne, e dissero loro: ’Avete oltrepassato i limiti, perchè tutta l’assemblea è santa, ciascuno di essi, e l’Eterno è in mezzo a loro. perchè dunque vi innalzate soproa l’assemblea dell’Eterno?'.: 16:4 All’udire questo, Mosè si prostrò con la faccia a terra.: 16:5 poi parlò a Kore e a tutta la sua gente, dicendo: ’Domani mattina l’Eterno mostreró chi è suo e chi è santo, e lo faró avvicinare a sè. faró avvicinare a sè colui che egli ha scelto.: 16:6 Fate questo: proendete dei turiboli, tu Kore e tutta la tua gente.: 16:7 domani mettetevi dentro del fuoco e ponetevi soproa dell’incenso davanti all’Eterno. e colui che l’Eterno avró scelto saró santo. Avete oltrepassato i limiti, figli di Levi!'.: 16:8 Mosè disse poi a Kore: Ora ascoltate, o figli di Levi!
: Ora il popolo cominciò a lamentarsi malamente agli orecchi del Signore. Li udì il Signore e il suo sdegno si accese e il fuoco del Signore divampò in mezzo a loro e divorò l'estremità dell'accampamento.: Il popolo gridò a Mosè; Mosè pregò il Signore e il fuoco si spense.: Quel luogo fu chiamato Tabera, perchè il fuoco del Signore era divampato in mezzo a loro.: La gente raccogliticcia, che era tra il popolo, fu presa da bramosia; anche gli Israeliti ripresero a lamentarsi e a dire: ""Chi ci potrà dare carne da mangiare?: Ci ricordiamo dei pesci che mangiavamo in Egitto gratuitamente, dei cocomeri, dei meloni, dei porri, delle cipolle e dell'aglio.: Ora la nostra vita inaridisce; non c'è più nulla, i nostri occhi non vedono altro che questa manna"".: Ora la manna era simile al seme del coriandolo e aveva l'aspetto della resina odorosa.: Il popolo andava attorno a raccoglierla; poi la riduceva in farina con la macina o la pestava nel mortaio, la faceva cuocere nelle pentole o ne faceva focacce; aveva il sapore di pasta all'olio.: Maria e Aronne parlarono contro Mosè a causa della donna etiope che aveva sposata; infatti aveva sposato una Etiope.: Dissero: ""Il Signore ha forse parlato soltanto per mezzo di Mosè? Non ha parlato anche per mezzo nostro?"". Il Signore udì.: Ora Mosè era molto più mansueto di ogni uomo che è sulla terra.: Il Signore disse subito a Mosè, ad Aronne e a Maria: ""Uscite tutti e tre e andate alla tenda del convegno"". Uscirono tutti e tre.: Il Signore allora scese in una colonna di nube, si fermò all'ingresso della tenda e chiamò Aronne e Maria. I due si fecero avanti.: Il Signore disse: ""Ascoltate le mie parole! Se ci sarà un vostro profeta, io, il Signore, in visione a lui mi rivelerò, in sogno parlerò con lui.: Non così per il mio servo Mosè: egli è l'uomo di fiducia in tutta la mia casa.: Bocca a bocca parlo con lui, in visione e non con enigmi ed egli guarda l'immagine del Signore. Perchè non avete temuto di parlare contro il mio servo Mosè?"".: Il Signore disse a Mosè:: ""Manda uomini a esplorare il paese di Canaan che sto per dare agli Israeliti. Mandate un uomo per ogni tribù dei loro padri; siano tutti dei loro capi"".: Mosè li mandò dal deserto di Paran, secondo il comando del Signore; quegli uomini erano tutti capi degli Israeliti.: Questi erano i loro nomi: per la tribù di Ruben, Sammua figlio di Zaccur;: per la tribù di Simeone, Safat figlio di Cori;: per la tribù di Giuda, Caleb figlio di Iefunne;: per la tribù di Issacar, Igheal figlio di Giuseppe; per la tribù di Efraim,: Osea figlio di Nun;: Allora tutta la comunità alzò la voce e diede in alte grida; il popolo pianse tutta quella notte.: Tutti gli Israeliti mormoravano contro Mosè e contro Aronne e tutta la comunità disse loro: ""Oh! fossimo morti nel paese d'Egitto o fossimo morti in questo deserto!: E perchè il Signore ci conduce in quel paese per cadere di spada? Le nostre mogli e i nostri bambini saranno preda. Non sarebbe meglio per noi tornare in Egitto?"".: Si dissero l'un l'altro: ""Diamoci un capo e torniamo in Egitto"".: Allora Mosè e Aronne si prostrarono a terra dinanzi a tutta la comunità riunita degli Israeliti.: Giosuè figlio di Nun e Caleb figlio di Iefunne, che erano fra coloro che avevano esplorato il paese, si stracciarono le vesti: e parlarono così a tutta la comunità degli Israeliti: ""Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo è un paese molto buono.: Se il Signore ci è favorevole, ci introdurrà in quel paese e ce lo darà: è un paese dove scorre latte e miele.: Il Signore disse a Mosè:: ""Parla agli Israeliti e riferisci loro: Quando sarete entrati nel paese che dovrete abitare e che io vi dò: e offrirete al Signore un sacrificio consumato dal fuoco, olocausto o sacrificio per soddisfare un voto, o per un'offerta volontaria, o nelle vostre solennità, per fare un profumo soave per il Signore con il vostro bestiame grosso o minuto,: colui che presenterà l'offerta al Signore, offrirà in oblazione un decimo di efa di fior di farina intrisa in un quarto di hin di olio.: Farai una libazione di un quarto di hin di vino oltre l'olocausto o sacrificio per ogni agnello.: Se è per un ariete, offrirai in oblazione due decimi di efa di fior di farina con un terzo di hin di olio: e farai una libazione di un terzo di hin di vino come offerta di odore soave in onore del Signore.: Se offri un giovenco in olocausto o in sacrificio per soddisfare un voto o in sacrificio di comunione al Signore,: Ora Core figlio di Izear, figlio di Keat, figlio di Levi, e Datan e Abiram, figli di Eliab, figlio di Pallu, figlio di Ruben,: presero altra gente e insorsero contro Mosè, con duecentocinquanta uomini tra gli Israeliti, capi della comunità, membri del consiglio, uomini stimati;: radunatisi contro Mosè e contro Aronne, dissero loro: ""Basta! Tutta la comunità, tutti sono santi e il Signore è in mezzo a loro; perchè dunque vi innalzate sopra l'assemblea del Signore?"".: Quando Mosè ebbe udito questo, si prostrò con la faccia a terra;: poi disse a Core e a tutta la gente che era con lui: ""Domani mattina il Signore farà conoscere chi è suo e chi è santo e se lo farà avvicinare: farà avvicinare a sè colui che egli avrà scelto.: Fate questo: prendete gli incensieri tu e tutta la gente che è con te;: domani vi metterete il fuoco e porrete profumo aromatico davanti al Signore; colui che il Signore avrà scelto sarà santo. Basta, figli di Levi!"".: Mosè disse poi a Core: ""Ora ascoltate, figli di Levi!

Mappa

Commento di un santo

Non abbiamo forse l'esempio degli Israeliti, i quali ottennero a loro danno ciò che avevano chiesto per soddisfare un desiderio colpevole? Desideravano infatti nutrirsi di carni (cf. Nm 11, 32), essi per i quali era piovuta la manna dal cielo. Si erano nauseati di ciò che avevano e sfrontatamente chiedevano ciò che non avevano; avrebbero fatto meglio a chiedere di essere guariti dalla loro nausea, onde poter mangiare il cibo che avevano in abbondanza, piuttosto che chiedere fosse soddisfatto il loro malsano appetito con un cibo che non avevano. Quando ci sentiamo attratti dalle cose cattive e non riusciamo a desiderare le cose buone, dobbiamo piuttosto chiedere a Dio il gusto delle cose buone, che non il dono di cose cattive.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia