Cronologia dei paragrafi

La creazione e la caduta
2. Il diluvio
2. Il diluvio
3. Dal diluvio ad Abramo
II. Storia di Abramo
III. Storia di Isacco e di Giacobbe
IV. Storia di Giuseppe

2. Il diluvio (gen 6,5-12.9,1-17)

2. Il diluvio (gen 6,5-12.9,1-17)

: Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni intimo intento del loro cuore non era altro che male, sempre. : E il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. : Il Signore disse: "Cancellerò dalla faccia della terra l'uomo che ho creato e, con l'uomo, anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perchè sono pentito di averli fatti". : Ma Noè trovò grazia agli occhi del Signore. : Questa è la discendenza di Noè. Noè era uomo giusto e integro tra i suoi contemporanei e camminava con Dio. : Noè generò tre figli: Sem, Cam e Iafet. : Ma la terra era corrotta davanti a Dio e piena di violenza. : Dio guardò la terra ed ecco, essa era corrotta, perchè ogni uomo aveva pervertito la sua condotta sulla terra. : Noè fece quanto il Signore gli aveva comandato. : Noè aveva seicento anni quando venne il diluvio, cioè le acque sulla terra. : Noè entrò nell'arca e con lui i suoi figli, sua moglie e le mogli dei suoi figli, per sottrarsi alle acque del diluvio. : Degli animali puri e di quelli impuri, degli uccelli e di tutti gli esseri che strisciano sul suolo: un maschio e una femmina entrarono, a due a due, nell'arca, come Dio aveva comandato a Noè. : Dopo sette giorni, le acque del diluvio furono sopra la terra;: nell'anno seicentesimo della vita di Noè, nel secondo mese, il diciassette del mese, in quello stesso giorno, eruppero tutte le sorgenti del grande abisso e le cateratte del cielo si aprirono. : Cadde la pioggia sulla terra per quaranta giorni e quaranta notti. : Le acque andarono via via diminuendo fino al decimo mese. Nel decimo mese, il primo giorno del mese, apparvero le cime dei monti. : Trascorsi quaranta giorni, Noè aprì la finestra che aveva fatto nell'arca: e fece uscire un corvo. Esso uscì andando e tornando, finchè si prosciugarono le acque sulla terra. : Noè poi fece uscire una colomba, per vedere se le acque si fossero ritirate dal suolo;: ma la colomba, non trovando dove posare la pianta del piede, tornò a lui nell'arca, perchè c'era ancora l'acqua su tutta la terra. Egli stese la mano, la prese e la fece rientrare presso di sè nell'arca. : Attese altri sette giorni e di nuovo fece uscire la colomba dall'arca: e la colomba tornò a lui sul far della sera; ecco, essa aveva nel becco una tenera foglia di ulivo. Noè comprese che le acque si erano ritirate dalla terra. : Aspettò altri sette giorni, poi lasciò andare la colomba; essa non tornò più da lui. : Del sangue vostro, ossia della vostra vita, io domanderò conto; ne domanderò conto a ogni essere vivente e domanderò conto della vita dell'uomo all'uomo, a ognuno di suo fratello. : Chi sparge il sangue dell'uomo, dall'uomo il suo sangue sarà sparso, perchè a immagine di Dio è stato fatto l'uomo. : E voi, siate fecondi e moltiplicatevi, siate numerosi sulla terra e dominatela". : Dio disse a Noè e ai suoi figli con lui:: "Quanto a me, ecco io stabilisco la mia alleanza con voi e con i vostri discendenti dopo di voi,: con ogni essere vivente che è con voi, uccelli, bestiame e animali selvatici, con tutti gli animali che sono usciti dall'arca, con tutti gli animali della terra. : Io stabilisco la mia alleanza con voi: non sarà più distrutta alcuna carne dalle acque del diluvio, nè il diluvio devasterà più la terra". : Dio disse: "Questo è il segno dell'alleanza, che io pongo tra me e voi e ogni essere vivente che è con voi, per tutte le generazioni future.
: 6:5 E il Signore, veggendo che la malvagita' degli uomini era grande in terra. e che tutte le immaginazioni de' pensieri del cuor loro non erano altro che male in ogni tempo,: 6:6 ei si penti' d'aver fatto l'uomo in su la terra, e se ne addoloro' nel cuor suo.: 6:7 E il Signore disse: Io sterminero' d'in su la terra gli uomini che io ho creati. io sterminero' ogni cosa, dagli uomini fino agli animali, ai rettili ed agli uccelli del cielo. perciocche' io mi pento di averli fatti.: 6:8 Ma Noe' trovo' grazia appo il Signore.: 6:9 Queste son le generazioni di Noe'. Noe' fu uomo giusto, intiero nelle sue eta', e cammino' con Dio.: 6:10 E genero' tre figliuoli: Sem, Cam e Iafet.: 6:11 Ora, la terra si era corrotta nel cospetto di Dio, ed era piena di violenza.: 6:12 E Iddio riguardo' la terra, ed ecco era corrotta. poi-che' ogni carne aveva corrotta la sua via in su la terra.: 7:5 E Noe' fece secondo tutto cio' che il Signore gli avea comandato.: 7:6 Or Noe' era di eta' di sei-cent'anni, quando il diluvio fu, e le acque vennero soproa la terra.: 7:7 E Noe', insieme co' suoi figliuoli, e con la sua moglie, e con le mogli de' suoi figliuoli, entro' nell'Arca d'in-nanzi alle acque del diluvio.: 7:8 Degli animali mondi, e degli animali immondi, e degli uccelli, e di tutto cio' che serpe in su la terra,: 7:9 ne vennero delle paia, maschio e femmina, a Noe', dentro l'Arca. come Iddio avea comandato a Noe'.: 7:10 Ed avvenne, al termine de' sette giorni, che le acque del diluvio vennero soproa la terra.: 7:11 L'anno seicentesimo della vita di Noe', nel secondo mese, nel decimosettimo giorno del mese, in quel giorno tutte le fonti del grande abisso scoppiarono, e le cateratte del cielo furono aperte.: 7:12 E la pioggia fu in su la terra, per lo spazio di quaranta giorni e di quaranta notti.: 8:5 E le acque andarono scemando fino al decimo mese. Nel proimo giorno del decimo mese, le sommita' de' monti apparvero.: 8:6 E, in capo di quaranta giorni, Noe' aperse la finestra dell'Arca, ch'egli avea fatta.: 8:7 E mando' fuori il corvo, il quale usciva del continuo fuori, e tornava, fin che le acque furono asciutte d'in su la terra.: 8:8 Poi mando' d'approesso a se' la colomba, per veder se le acque erano scemate d'in su la faccia della terra.: 8:9 Ma la colomba, non trovando ove posar la pianta del pie', se ne ritorno' a lui dentro l'Arca. perciocche' v'erano ancora delle acque soproa la faccia di tutta la terra. Ed egli, stesa la mano, la proese, e l'accolse a se', dentro l'Arca.: 8:10 Ed egli aspetto' sette altri giorni, e di nuovo mando' la colomba fuor dell'Arca.: 8:11 Ed in sul tempo del vespro, la colomba ritorno' a lui. ed ecco, avea nel becco una fronde spiccata di un ulivo. onde Noe' conobbe che le acque erano scemate d'in su la terra.: 8:12 Ed egli aspetto' sette altri giorni, e mando' fuori la colomba, ed essa non ritorno' piu' a lui.: 9:5 E certamente io ridomandero' conto del vostro sangue, per le vostre persone. io ne ridomandero' conto ad ogni bestia, ed agli uomini. io ridomandero' conto della vita dell'uomo a qualunque suo fratello.: 9:6 Il sangue di colui che spandera' il sangue dell'uomo sara' sparso dall'uomo. per-ciocche' Iddio ha fatto l'uomo alla sua immagine.: 9:7 Voi dunque fruttate e moltiplicate. generate copiosamente sulla terra, e crescete in essa.: 9:8 Poi Iddio parlo' a Noe', ed a' suoi figliuoli con lui, dicendo:: 9:9 E quant'e' a me, ecco, io fermo il mio patto con voi, e con la vostra progenie dopo voi.: 9:10 e con ogni animal vivente ch'e' con voi, cosi' degli uccelli, come degli animali domestici, e di tutte le fiere della terra, con voi. cosi' con quelle che sono uscite fuor dell'Arca, come con ogni altra bestia della terra.: 9:11 Io fermo il mio patto con voi, che ogni carne non sara' piu' distrutta per le acque del diluvio, e che non vi sara' piu' diluvio, per guastar la terra.: 9:12 Oltre a cio', Iddio disse: Questo sara' il segno del patto che io fo fra me e voi e tutti gli animali viventi, che son con voi, in perpetuo per ogni generazione.
: 6:5 E l'Eterno vide che la malvagita' degli uomini era grande sulla terra, e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo.: 6:6 E l'Eterno si penti' d'aver fatto l'uomo sulla terra, e se ne addoloro' in cuor suo.: 6:7 E l'Eterno disse: 'Io sterminero' di sulla faccia della terra l'uomo che ho creato: dall'uomo al bestiame, ai rettili, agli uccelli dei cieli. perchè mi pento d'averli fatti'.: 6:8 Ma Noe' trovo' grazia agli occhi dell'Eterno.: 6:9 Questa e' la posterita' di Noe'. Noe' fu uomo giusto, integro, ai suoi tempi. Noe' cammino' con Dio.: 6:10 E Noe' genero' tre figliuoli: Sem, Cam e Jafet.: 6:11 Or la terra era corrotta davanti a Dio. la terra era ripiena di violenza.: 6:12 E Dio guardo' la terra. ed ecco, era corrotta, poichè ogni carne avea corrotto la sua via sulla terra.: 7:5 E Noe' fece tutto quello che l'Eterno gli avea comandato.: 7:6 Noe' era in eta' di seicentenni, quando il diluvio delle acque inondo' la terra.: 7:7 E Noe', coi suoi figliuoli, con la sua moglie e con le mogli de' suoi figliuoli, entro' nell'arca per scampare dalle acque del diluvio.: 7:8 Degli animali puri e degli animali impuri, degli uccelli e di tutto quello che striscia sulla terra,: 7:9 vennero delle coppie, maschio e femmina, a Noe' nell'arca, come Dio avea comandato a Noe'.: 7:10 E, al termine dei sette giorni, avvenne che le acque del diluvio furono sulla terra.: 7:11 L'anno seicentesimo della vita di Noe', il secondo mese, il diciassettesimo giorno del mese, in quel giorno, tutte le fonti del grande abisso scoppiarono e le cateratte del cielo s'aproirono.: 7:12 E piovve sulla terra per quaranta giorni e quaranta notti.: 8:5 E le acque andarono scemando fino al decimo mese. Nel decimo mese, il proimo giorno del mese, apparvero le vette dei monti.: 8:6 E in capo a quaranta giorni, Noe' aproi' la finestra che avea fatta nell'arca,: 8:7 e mando' fuori il corvo, il quale usci', andando e tornando, finchè le acque firro-no asciugate sulla terra.: 8:8 Poi mando' fuori la colomba, per vedere se le acque fossero diminuite sulla superficie della terra.: 8:9 Ma la colomba non trovo' dove posar la pianta del suo piede, e torno' a lui nell'arca, perchè c'eran delle acque sulla superficie di tutta la terra. ed egli stese la mano, la proese, e la porto' con sè dentro l'arca.: 8:10 E aspetto' altri sette giorni, poi mando' di nuovo la colomba fuori dell'arca.: 8:11 E la colomba torno' a lui, verso sera. ed ecco, essa aveva nel becco una foglia fresca d'ulivo. onde Noe' capi' che le acque erano scemate soproa la terra.: 8:12 E aspetto' altri sette giorni, poi mando' fuori la colomba. ma essa non torno' piu' a lui.: 9:5 E, certo, io chiedero' conto del vostro sangue, del sangue delle vostre vite. ne chiedero' conto ad ogni animale. e chiedero' conto della vita dell'uomo alla mano dell'uomo, alla mano d'ogni suo fratello.: 9:6 Il sangue di chiunque spargera' il sangue dell'uomo sara' sparso dall'uomo, perchè Dio ha fatto l'uomo a immagine sua.: 9:7 Voi dunque crescete e moltiplicate. spandetevi sulla terra, e moltiplicate in essa'.: 9:8 Poi Dio parlo' a Noe' e ai suoi figliuoli con lui, dicendo:: 9:9 'Quanto a me, ecco, stabilisco il mio patto con voi e con la vostra progenie dopo voi,: 9:10 e con tutti gli esseri viventi che sono con voi: uccelli, bestiame, e tutti gli animali della terra con voi. da tutti quelli che sono usciti dall'arca, a tutti quanti gli animali della terra.: 9:11 Io stabilisco il mio patto con voi, e nessuna carne sara' piu' sterminata dalle acque del diluvio, e non ci sara' piu' diluvio per distruggere la terra'.: 9:12 E Dio disse: 'Ecco il segno del patto che io fo tra me e voi e tutti gli esseri viventi che sono con voi, per tutte le generazioni a venire.
: 6:5 Il SIGNORE vide che la malvagitó degli uomini era grande sulla terra e che il loro cuore concepiva soltanto disegni malvagi in ogni tempo.: 6:6 Il SIGNORE si pentò d'aver fatto l'uomo sulla terra, e se ne addolorò in cuor suo.: 6:7 E il SIGNORE disse: 'Io sterminerò dalla faccia della terra l'uomo che ho creato: dall'uomo al bestiame, ai rettili, agli uccelli dei cieli. perchè mi pento di averli fatti'.: 6:8 Ma Noè trovò grazia agli occhi del SIGNORE.: 6:9 Questa è la posteritó di Noè. Noè fu uomo giusto, integro, ai suoi tempi. Noè camminò con Dio.: 6:10 Noè generò tre figli: Sem, Cam e Iafet.: 6:11 Or la terra era corrotta davanti a Dio. la terra era piena di violenza.: 6:12 Dio guardò la terra. ed ecco, era corrotta, poichè tutti erano diventati corrotti sulla terra.: 7:5 Noè fece tutto quello che il SIGNORE aveva comandato.: 7:6 Noè aveva seicento anni quando il diluvio delle acque inondò la terra.: 7:7 Noè, con i suoi figli, con sua moglie e con le mogli dei suoi figli, entrò nell'arca per scampare alle acque del diluvio.: 7:8 Degli animali puri e degli animali impuri, degli uccelli e di tutto quello che striscia sulla terra,: 7:9 vennero delle coppie, maschio e femmina, a Noè nell'arca, come Dio aveva comandato a Noè.: 7:10 Trascorsi i sette giorni, le acque del diluvio vennero sulla terra.: 7:11 Il seicentesimo anno della vita di Noè, il secondo mese, il diciassettesimo giorno del mese, in quel giorno tutte le fonti del grande abisso eruppero e le cateratte del cielo si aproirono.: 7:12 Piovve sulla terra quaranta giorni e quaranta notti.: 8:5 Le acque andarono diminuendo fino al decimo mese. Nel decimo mese, il proimo giorno del mese, apparvero le vette dei monti.: 8:6 Dopo quaranta giorni, Noè aproò la finestra che aveva fatta nell'arca: 8:7 e mandò fuori il corvo, il quale uscò, andando e tornando, finchè le acque furono prosciugate sulla terra.: 8:8 Poi mandò fuori la colomba per vedere se le acque fossero diminuite sulla superficie della terra.: 8:9 La colomba non trovò dove posare la pianta del suo piede e tornò a lui nell'arca, perchè c'erano le acque sulla superficie di tutta la terra. ed egli stese la mano, la proese e la portò con sè dentro l'arca.: 8:10 Aspettò altri sette giorni, poi mandò di nuovo la colomba fuori dell'arca.: 8:11 E la colomba tornò da lui verso sera. ed ecco, aveva nel becco una foglia fresca d'ulivo. Cosò Noè capò che le acque erano diminuite soproa la terra.: 8:12 Aspettò altri sette giorni, poi mandò fuori la colomba. ma essa non tornò più da lui.: 9:5 Certo, io chiederò conto del vostro sangue, del sangue delle vostre vite. ne chiederò conto a ogni animale. chiederò conto della vita dell'uomo alla mano dell'uomo, alla mano di ogni suo fratello.: 9:6 Il sangue di chiunque spargeró il sangue dell'uomo saró sparso dall'uomo, perchè Dio ha fatto l'uomo a sua immagine.: 9:7 Voi dunque crescete e moltiplicatevi. spandetevi sulla terra e moltiplicatevi in essa'.: 9:8 Poi Dio parlò a Noè e ai suoi figli con lui dicendo:: 9:9 'Quanto a me, ecco, stabilisco il mio patto con voi, con i vostri discendenti dopo di voi: 9:10 e con tutti gli esseri viventi che sono con voi: uccelli, bestiame e tutti gli animali della terra con voi. da tutti quelli che sono usciti dall'arca, a tutti gli animali della terra.: 9:11 Io stabilisco il mio patto con voi. nessun essere vivente saró più sterminato dalle acque del diluvio e non ci saró più diluvio per distruggere la terra'.: 9:12 Dio disse: 'Ecco il segno del patto che io faccio tra me e voi e tutti gli esseri viventi che sono con voi, per tutte le generazioni future.
: 6:5 Ora l’Eterno vide che la malvagitó degli uomini era grande sulla terra e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo.: 6:6 E l’Eterno si pentì di aver fatto l’uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo.: 6:7 Così l’Eterno disse: ’Io sterminerò dalla faccia della terra l’uomo che ho creato, dall’uomo al bestiame, ai rettili, agli uccelli del cielo, perchè mi pento di averli fatti'.: 6:8 Ma Noè trovò grazia agli occhi dell’Eterno.: 6:9 Questa è la discendenza di Noè. Noè fu uomo giusto e irreproensibile tra i suoi contemporanei. Noè camminò con DIO.: 6:10 E Noè generò tre figli: Sem, Cam e Jafet.: 6:11 Or la terra era corrotta davanti a DIO, e la terra era ripiena di violenza.: 6:12 Ora DIO guardò sulla terra ed ecco, era corrotta, perchè ogni carne sulla terra aveva corrotto la sua condotta.: 7:5 E Noè fece esattamente tutto ciò che l’Eterno gli aveva comandato.: 7:6 Noè aveva seicento anni quando venne sulla terra il diluvio delle acque.: 7:7 Così Noè entrò nell’arca con i suoi figli, sua moglie e le mogli dei suoi figli, a motivo delle acque del diluvio.: 7:8 Degli animali puri e degli animali impuri, degli uccelli e di tutto quello che striscia sulla terra,: 7:9 vennero a due a due da Noè, nell’arca, maschio e femmina, come DIO aveva comandato a Noè.: 7:10 Al termine dei sette giorni, avvenne che le acque del diluvio furono soproa la terra.: 7:11 Nell’anno seicentesimo della vita di Noè nel secondo mese, nel diciassettesimo giorno del mese, in quel giorno, tutte le fonti del grande abisso scoppiarono e le cateratte del cielo si aproirono.: 7:12 E piovve sulla terra per quaranta giorni e quaranta notti.: 8:5 E le acque andarono diminuendo fino al decimo mese. Nel decimo mese, il proimo giorno del mese, apparvero le vette dei monti.: 8:6 Così, in capo a quaranta giorni, avvenne che Noè aperse la finestra che aveva fatto nell’arca,: 8:7 e mandò fuori il corvo, che continuò ad andare avanti e indietro, finchè le acque furono asciugate sulla terra.: 8:8 Poi mandò fuori la colomba, per vedere se le acque fossero diminuite sulla superficie della terra.: 8:9 Ma la colomba non trovò dove posare la pianta del suo piede, e tornò a lui nell’arca, perchè c’erano ancora acque sulla superficie di tutta la terra. ed egli stese la mano, la proese e la trasse a sè nell’arca.: 8:10 Aspettò così altri sette giorni, poi mandò di nuovo la colomba fuori dell’arca.: 8:11 E la colomba tornò a lui verso sera. ed ecco, essa aveva nel becco una foglia d’ulivo strappata di fresco. così Noè comproese che le acque si erano ritirate dalla terra.: 8:12 Allora aspettò altri sette giorni, poi mandò fuori la colomba. ma essa non ritornò più da lui.: 9:5 Io chiederò certamente conto del sangue delle vostre vite. ne chiederò conto ad ogni animale e all’uomo. Chiederò conto della vita dell’uomo alla mano di ogni fratello dell’uomo.: 9:6 Chiunque spargeró il sangue di un uomo, il suo sangue saró sparso per mezzo di un uomo, perchè DIO ha fatto l’uomo a sua immagine-_: 9:7 Voi dunque siate fruttiferi e moltiplicatevi. crescete grandemente sulla terra e moltiplicate in essa'.: 9:8 Poi DIO parlò a Noè e ai suoi figli con lui, dicendo:: 9:9 ’Quanto a me, ecco io stabilisco il mio patto con voi e con la vostra progenie dopo di voi,: 9:10 e con tutti gli esseri viventi che sono con voi: uccelli, bestiame e tutti gli animali della terra con voi, da tutti quelli che sono usciti dall’arca a tutti gli animali della terra.: 9:11 Io stabilisco il mio patto con voi: nessuna carne saró più sterminata dalle acque del diluvio, e non ci saró più diluvio per distruggere la terra'.: 9:12 Poi DIO disse: ’Questo è il segno del patto che io faccio tra me e voi, e tutti gli esseri viventi che sono con voi, per tutte le generazioni future.
: Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male.: E il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo.: Il Signore disse: "Sterminerò dalla terra l'uomo che ho creato: con l'uomo anche il bestiame e i rettili e gli uccelli del cielo, perchè sono pentito d'averli fatti".: Ma Noè trovò grazia agli occhi del Signore.: Questa è la storia di Noè. Noè era uomo giusto e integro tra i suoi contemporanei e camminava con Dio.: Noè generò tre figli: Sem, Cam, e Iafet.: Ma la terra era corrotta davanti a Dio e piena di violenza.: Dio guardò la terra ed ecco essa era corrotta, perchè ogni uomo aveva pervertito la sua condotta sulla terra.: Noè fece quanto il Signore gli aveva comandato.: Noè aveva seicento anni, quando venne il diluvio, cioè le acque sulla terra.: Noè entrò nell'arca e con lui i suoi figli, sua moglie e le mogli dei suoi figli, per sottrarsi alle acque del diluvio.: Degli animali mondi e di quelli immondi, degli uccelli e di tutti gli esseri che strisciano sul suolo: entrarono a due a due con Noè nell'arca, maschio e femmina, come Dio aveva comandato a Noè.: Dopo sette giorni, le acque del diluvio furono sopra la terra;: nell'anno seicentesimo della vita di Noè, nel secondo mese, il diciassette del mese, proprio in quello stesso giorno, eruppero tutte le sorgenti del grande abisso e le cateratte del cielo si aprirono.: Cadde la pioggia sulla terra per quaranta giorni e quaranta notti.: Le acque andarono via via diminuendo fino al decimo mese. Nel decimo mese, il primo giorno del mese, apparvero le cime dei monti.: Trascorsi quaranta giorni, Noè aprì la finestra che aveva fatta nell'arca e fece uscire un corvo per vedere se le acque si fossero ritirate.: Esso uscì andando e tornando finchè si prosciugarono le acque sulla terra.: Noè poi fece uscire una colomba, per vedere se le acque si fossero ritirate dal suolo;: ma la colomba, non trovando dove posare la pianta del piede, tornò a lui nell'arca, perchè c'era ancora l'acqua su tutta la terra. Egli stese la mano, la prese e la fece rientrare presso di sè nell'arca.: Attese altri sette giorni e di nuovo fece uscire la colomba dall'arca: e la colomba tornò a lui sul far della sera; ecco, essa aveva nel becco un ramoscello di ulivo. Noè comprese che le acque si erano ritirate dalla terra.: Aspettò altri sette giorni, poi lasciò andare la colomba; essa non tornò più da lui.: Del sangue vostro anzi, ossia della vostra vita, io domanderò conto; ne domanderò conto ad ogni essere vivente e domanderò conto della vita dell'uomo all'uomo, a ognuno di suo fratello.: Chi sparge il sangue dell'uomo dall'uomo il suo sangue sarà sparso, perchè ad immagine di Dio Egli ha fatto l'uomo.: E voi, siate fecondi e moltiplicatevi, siate numerosi sulla terra e dominatela".: Dio disse a Noè e ai suoi figli con lui:: "Quanto a me, ecco io stabilisco la mia alleanza con i vostri discendenti dopo di voi;: con ogni essere vivente che è con voi, uccelli, bestiame e bestie selvatiche, con tutti gli animali che sono usciti dall'arca.: Io stabilisco la mia alleanza con voi: non sarà più distrutto nessun vivente dalle acque del diluvio, nè più il diluvio devasterà la terra".: Dio disse: "Questo è il segno dell'alleanza, che io pongo tra me e voi e tra ogni essere vivente che è con voi per le generazioni eterne.

Mappa

Commento di un santo

L'ira di Dio non è un turbamento del suo spirito ma un giudizio con cui s'infligge la pena al peccato. Il suo pensare e ripensare agli eventi posti nel divenire è un disegno fuori del divenire. Dio non si pente, come l'uomo, di una sua azione perchè di tutte le cose ha un giudizio assolutamente determinato e una consapevole prescienza. Ma se la Scrittura non usasse questi termini non si farebbe ascoltare in forma più accessibile da ogni tipo di uomini, ai quali vuole essere norma, per sbigottire gli orgogliosi, stimolare gli indolenti, animare i desiderosi di sapere, rinvigorire gli intelligenti. Non otterrebbe questi effetti se prima non si piegasse e in certo senso non si inchinasse verso coloro che sono caduti. Ad esempio, il comminare la fine di tutti i mammiferi e volatili enuncia l'estensione della futura ecatombe, ma non minaccia lo sterminio ad esseri animati privi di ragione, come se anch'essi avessero peccato.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-6°martedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(mc 8,14-21)}; (Gen 6,5-8.7,1-5.7,1-1)}; (mc 8,14-21)}; (sal 28,1-4.28,9-1)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia