Cronologia dei paragrafi

Israele in Egitto
2. Giovinezza e vocazione di mose'
2. Il codice dell'alleanza
3. Le piaghe d'Egitto. La Pasqua
3. Le piaghe d'Egitto. La Pasqua
4. L'uscita dall'Egitto
II. Il cammino nel deserto
L'alleanza e il decalogo
4. Prescrizioni sulla costruzione del santuario e sui suoi ministri dal libro dell
5. Il vitello d'oro e l'alleanza rinnovata
6. Costruzione ed erezione del santuario

3. Le piaghe d'Egitto. La Pasqua (eso 7,8-13.13,1-16)

3. Le piaghe d'Egitto. La Pasqua (eso 7,8-13.13,1-16)

: Il Signore disse a Mosè e ad Aronne:: "Quando il faraone vi chiederà di fare un prodigio a vostro sostegno, tu dirai ad Aronne: "Prendi il tuo bastone e gettalo davanti al faraone e diventerà un serpente!"". : Mosè e Aronne si recarono dunque dal faraone ed eseguirono quanto il Signore aveva loro comandato: Aronne gettò il suo bastone davanti al faraone e ai suoi ministri ed esso divenne un serpente. : A sua volta il faraone convocò i sapienti e gli incantatori, e anche i maghi dell'Egitto, con i loro sortilegi, operarono la stessa cosa. : Ciascuno gettò il suo bastone e i bastoni divennero serpenti. Ma il bastone di Aronne inghiottì i loro bastoni. : Però il cuore del faraone si ostinò e non diede loro ascolto, secondo quanto aveva detto il Signore. : Mosè e Aronne si allontanarono dal faraone e Mosè supplicò il Signore riguardo alle rane, che aveva mandato contro il faraone. : Il Signore operò secondo la parola di Mosè e le rane morirono nelle case, nei cortili e nei campi. : Le raccolsero in tanti mucchi e la terra ne fu ammorbata. : Ma il faraone vide che c'era un po' di sollievo, si ostinò e non diede loro ascolto, secondo quanto aveva detto il Signore. : Quindi il Signore disse a Mosè: "Di' ad Aronne: "Stendi il tuo bastone, percuoti la polvere del suolo: essa si muterà in zanzare in tutta la terra d'Egitto!"". : Così fecero: Aronne stese la mano con il suo bastone, colpì la polvere del suolo e ci furono zanzare sugli uomini e sulle bestie; tutta la polvere del suolo si era mutata in zanzare in tutta la terra d'Egitto. : Il Signore si rivolse a Mosè e ad Aronne: "Procuratevi una manciata di fuliggine di fornace: Mosè la sparga verso il cielo sotto gli occhi del faraone. : Essa diventerà un pulviscolo che, diffondendosi su tutta la terra d'Egitto, produrrà, sugli uomini e sulle bestie, ulcere degeneranti in pustole, in tutta la terra d'Egitto". : Presero dunque fuliggine di fornace e si posero alla presenza del faraone. Mosè la sparse verso il cielo ed essa produsse ulcere pustolose, con eruzioni su uomini e bestie. : I maghi non poterono stare alla presenza di Mosè a causa delle ulcere che li avevano colpiti come tutti gli Egiziani. : Ma il Signore rese ostinato il cuore del faraone, il quale non diede loro ascolto, come il Signore aveva detto a Mosè. : Il Signore disse a Mosè: "àlzati di buon mattino, presèntati al faraone e annunciagli: "Così dice il Signore, il Dio degli Ebrei: Lascia partire il mio popolo, perchè mi possa servire!: Mosè e Aronne furono richiamati presso il faraone, che disse loro: "Andate, servite il Signore, vostro Dio! Ma chi sono quelli che devono partire?". : Mosè disse: "Partiremo noi insieme con i nostri giovani e i nostri vecchi, con i figli e le figlie, con le nostre greggi e i nostri armenti, perchè per noi è una festa del Signore". : Rispose: "Così sia il Signore con voi, com'è vero che io intendo lasciar partire voi e i vostri bambini! Badate però che voi avete cattive intenzioni. : Così non va! Partite voi uomini e rendete culto al Signore, se davvero voi cercate questo!". E li cacciarono dalla presenza del faraone. : Allora il Signore disse a Mosè: "Stendi la mano sulla terra d'Egitto per far venire le cavallette: assalgano la terra d'Egitto e divorino tutta l'erba della terra, tutto quello che la grandine ha risparmiato!". : Mosè stese il suo bastone contro la terra d'Egitto e il Signore diresse su quella terra un vento d'oriente per tutto quel giorno e tutta la notte. Quando fu mattina, il vento d'oriente aveva portato le cavallette. : Tutti questi tuoi ministri scenderanno da me e si prostreranno davanti a me, dicendo: "Esci tu e tutto il popolo che ti segue!". Dopo, io uscirò!". Mosè, pieno d'ira, si allontanò dal faraone. : Il Signore aveva appunto detto a Mosè: "Il faraone non vi darà ascolto, perchè si moltiplichino i miei prodigi nella terra d'Egitto". : Mosè e Aronne avevano fatto tutti quei prodigi davanti al faraone; ma il Signore aveva reso ostinato il cuore del faraone, il quale non lasciò partire gli Israeliti dalla sua terra. : In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con azzimi e con erbe amare. : Non lo mangerete crudo, nè bollito nell'acqua, ma solo arrostito al fuoco, con la testa, le zampe e le viscere. : Non ne dovete far avanzare fino al mattino: quello che al mattino sarà avanzato, lo brucerete nel fuoco. : Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. è la Pasqua del Signore!: In quella notte io passerò per la terra d'Egitto e colpirò ogni primogenito nella terra d'Egitto, uomo o animale; così farò giustizia di tutti gli dèi dell'Egitto. Io sono il Signore!: Il sangue sulle case dove vi troverete servirà da segno in vostro favore: io vedrò il sangue e passerò oltre; non vi sarà tra voi flagello di sterminio quando io colpirò la terra d'Egitto. : In quel giorno tu spiegherai a tuo figlio: "è a causa di quanto ha fatto il Signore per me, quando sono uscito dall'Egitto". : Sarà per te segno sulla tua mano e memoriale fra i tuoi occhi, affinchè la legge del Signore sia sulla tua bocca. Infatti il Signore ti ha fatto uscire dall'Egitto con mano potente. : Osserverai questo rito nella sua ricorrenza di anno in anno. : Quando il Signore ti avrà fatto entrare nella terra del Cananeo, come ha giurato a te e ai tuoi padri, e te l'avrà data in possesso,: tu riserverai per il Signore ogni primogenito del seno materno; ogni primo parto del tuo bestiame, se di sesso maschile, lo consacrerai al Signore. : Riscatterai ogni primo parto dell'asino mediante un capo di bestiame minuto e, se non lo vorrai riscattare, gli spaccherai la nuca. Riscatterai ogni primogenito dell'uomo tra i tuoi discendenti.
: 7:8 E il Signore parlo' a Mose' e ad Aaronne, dicendo:: 7:9 Quando Faraone parlera' a voi, e vi dira': Fate un prodigio. tu Mose', di' ad Aaronne: proendi la tua bacchetta, e gittala davanti a Faraone. ed ella diverra' un serpente.: 7:10 Mose' adunque ed Aa-ronne vennero a Faraone, e fecero come il Signore avea comandato. Ed Aaronne git-to' la sua bacchetta davanti a Faraone, e davanti ai suoi servitori. ed ella divenne un serpente.: 7:11 Allora Faraone chiamo' eziandio i savi e gl'incantatori. E i Magi di Egitto fecero anch'essi il simigliante co' loro incantesimi.: 7:12 E ciascun d'essi gitto' la sua bacchetta, ed esse divennero serpenti. ma la bacchetta di Aaronne tran-ghiotti' le lor bacchette.: 7:13 E il cuore di Faraone s'induro', e non porse orecchio a Mose' e ad Aaronne. secondo che il Signore ne avea parlato.: 8:8 E Faraone chiamo' Mose' ed Aaronne, e disse loro: proegate il Signore che rimuova da me, e dal mio popolo, queste rane. ed io la-scero' andare il popolo, ac-ciocche' sacrifichi al Signore.: 8:9 E Mose' disse a Faraone: Gloriati pur soproa me. per quando proeghero' io il Signore per te, e per i tuoi servitori, e per il tuo popolo, ch'egli stermini le rane d'approesso a te, e dalle tue case, e che rimangano solo nel fiume?: 8:10 Ed egli disse: Per domani. E Mose' disse: Sara' fatto secondo la tua parola. acciocche' tu sappi che non vi e' alcuno pari all'Iddio nostro.: 8:11 E le rane si partiranno da te, e dalle tue case, e da' tuoi servitori, e dal tuo popolo. e rimarranno solo nel fiume.: 8:12 E Mose' ed Aaronne uscirono d'approesso a Faraone. E Mose' grido' al Signore intorno al fatto delle rane, ch'egli avea mandate contro a F araone.: 8:13 E il Signore fece secondo la parola di Mose'. e le rane morirono. e le case, e i cortili, e i campi ne furono liberati.: 9:8 E IL Signore disse a Mose' e ad Aaronne: proendetevi delle menate di faville di fornace, e spargale Mose' verso il cielo, davanti agli occhi di Faraone.: 9:9 E quelle diverranno polvere, che si spargera' soproa tutto il paese di Egitto. onde, soproa gli uomini, e soproa gli animali nasceranno ulcere, dalle quali germoglieranno bolle in tutto il paese di Egitto.: 9:10 Essi adunque proesero delle faville di fornace. e, proesentatisi davanti a Faraone, Mose' sparse quelle verso il cielo. e da esse nacquero, negli uomini e negli animali, ulcere dalle quali germogliavano bolle.: 9:11 E i Magi non poterono stare in pie' davanti a Mose', per cagion di quell'ulcere. perciocche' quell'ulcere erano soproa i Magi, come soproa tutti gli Egizj.: 9:12 E il Signore induro' il cuor di Faraone. ed egli non porse orecchio a Mose' e ad Aaronne, come il Signore ne avea parlato a Mose'.: 9:13 POI il Signore disse a Mose': Levati da mattina, e proesentati a Faraone, e digli: Cosi' ha detto il Signore Iddio degli Ebrei: Lascia andare il mio popolo, accioc-che' mi serva.: 10:8 Allora Mose' ed Aa-ronne furono fatti tornare a Faraone. ed egli disse loro: Andate, servite al Signore Iddio vostro. ma chi e chi son coloro che andranno?: 10:9 E Mose' disse: Noi andremo co' nostri fanciulli, e co' nostri vecchi. noi andremo co' nostri figliuoli, e con le nostre figliuole. con le nostre gregge, e co' nostri armenti. perciocche' abbiamo a celebrare una festa al Signore.: 10:10 Ed egli disse loro: Cosi' sia il Signore con voi, come io vi lascero' andare con le vostre famiglie. guardate, perciocche' il male vi soproasta' davanti agli occhi.: 10:11 E' non sara' cosi'. andate ora voi uomini, e servite al Signore. poichà questo e' quel che voi cercate. E Faraone li caccio' dal suo cospetto.: 10:12 E il Signore disse a Mose': Stendi la tua mano soproa il paese di Egitto, per far venir le locuste. ed esse saliranno soproa il paese di Egitto, e mangeranno tutta l'erba della terra. tutto quel che la gragnuola ha lasciato di resto.: 10:13 E Mose' stese la sua bacchetta soproa il paese di Egitto. e il Signore fece venire un vento orientale in sul paese tutto quel giorno, e tutta quella notte. e, come fu mattina, il vento orientale avea portate le locuste.: 11:8 Allora tutti questi tuoi servitori scenderanno a me, e s'inchineranno davanti a me, dicendo: Partiti, tu, e il popolo che e' al tuo seguito. e, dopo quello, io me ne partiro'. E Mose' se ne usci' d'approesso a Faraone, acceso d'ira.: 11:9 Or il Signore aveva detto a Mose': Faraone non vi porgera' orecchio. accioc-che' io moltiplichi i miei prodigi nel paese di Egitto.: 11:10 E Mose' ed Aaronne fecero tutti questi prodigi nel cospetto di Faraone, ma il Signore induro' il cuor di Faraone, ed egli non lascio' andare i figliuoli d'Israele fuori del suo paese.: 12:8 E mangisene quella stessa notte la carne arrostita al fuoco, con pani azzimi, e lattughe salvatiche.: 12:9 Non mangiate nulla di esso crudo, o pur lesso nell'acqua. ma arrostito al fuoco, capo, gambe e interiora.: 12:10 E non ne lasciate nulla di resto fino alla mattina. e cio' che sara' restato fino alla mattina, bruciatelo col fuoco.: 12:11 Or mangiatelo in questa maniera: abbiate i lombi cinti, e i vostri cal-zamenti ne' piedi, e il vostro bastone in mano, e mangiatelo in fretta. Esso e' il Passaggio del Signore.: 12:12 E quella notte io passero' per lo paese di Egitto, e percuotero' ogni proimogenito nel paese di Egitto, cosi' d'uomini come di animali. e faro' ancora giudicii soproa tutti gl'iddii di Egitto. Io sono il Signore.: 12:13 E quel sangue vi sara' per un segnale, nelle case nelle quali sarete. e quando io vedro' quel sangue, passero' oltre senza toccarvi. e non vi sara' fra voi alcuna piaga a distruzione, mentre io percuotero' il paese di Egitto.: 13:8 E in quel giorno dichiara questa cosa a' tuoi figliuoli, dicendo: Questo si fa per cagion di quello che mi fece il Signore, quando io uscii di Egitto.: 13:9 E cio' ti sia per segnale soproa la tua mano, e per ricordanza fra' tuoi occhi. ac-ciocche' la Legge del Signore sia nella tua bocca. con-ciossiache' egli ti abbia tratto fuori di Egitto con potente mano.: 13:10 E osserva questo statuto d'anno in anno, nella sua stagione.: 13:11 E quando il Signore ti avra' introdotto nel paese de' Cananei, come egli ha giurato a te e a' tuoi padri, e te l'avra' dato.: 13:12 rassegna al Signore tutto cio' che aproe la matrice: parimente, d'ogni proimo portato del tuo bestiame, i maschi apparterranno al Signore.: 13:13 Ma riscatta ogni proimo portato dell'asino, con un agnello, o con un caproetto. e se tu non lo riscatti, fiaccagli il collo: riscatta eziandio ogni proimogenito dell'uomo d'infra i tuoi figliuoli.
: 7:8 L'Eterno parlo' a Mose' e ad Aaronne, dicendo:: 7:9 'Quando Faraone vi parlera' e vi dira': Fate un prodigio! tu dirai ad Aaronne: proendi il tuo bastone, gettalo davanti a Faraone, e diventera' un serpente'.: 7:10 Mose' ed Aaronne an-daron dunque da Faraone, e fecero come l'Eterno aveva ordinato. Aaronne getto' il suo bastone davanti a Faraone e davanti ai suoi servitori, e quello divento' un serpente.: 7:11 Faraone a sua volta chiamo' i savi e gl'incantatori. e i magi d'Egitto fecero anch'essi lo stesso, con le loro arti occulte.: 7:12 Ognun d'essi getto' il suo bastone, e i bastoni di-ventaron serpenti. ma il bastone d'Aaronne inghiotti' i bastoni di quelli.: 7:13 E il cuore di Faraone s'induro', ed egli non die' ascolto a Mose' e ad Aaron-ne, come l'Eterno avea detto.: 8:8 Allora Faraone chiamo' Mose' ed Aaronne e disse loro: 'proegate l'Eterno che allontani le rane da me e dal mio popolo, e io lascero' andare il popolo, perchè offra sacrifizi all'Eterno'.: 8:9 E Mose' disse a Faraone: 'Fammi l'onore di dirmi per quando io devo chiedere, nelle mie supplicazioni per te, per i tuoi servitori e per il tuo popolo, che l'Eterno distrugga le rane intorno a te e nelle tue case, e non ne rimanga se non nel fiume'.: 8:10 Egli rispose: 'Per domani'. E Mose' disse: 'Sara' fatto come tu dici, affinchè tu sappia che non v'e' alcuno pari all'Eterno, ch'e' il nostro Dio.: 8:11 E le rane s'allontaneranno da te, dalle tue case, dai tuoi servitori e dal tuo popolo. non ne rimarra' che nel fiume'.: 8:12 Mose' ed Aaronne uscirono da Faraone. e Mose' imploro' l'Eterno relativamente alle rane che aveva inflitte a Faraone.: 8:13 E l'Eterno fece quello che Mose' avea domandato, e le rane morirono nelle case, nei cortili e nei campi.: 9:8 E l'Eterno disse a Mose' e ad Aaronne: 'proendete delle manate di cenere di fornace, e la sparga Mose' verso il cielo, sotto gli occhi di Faraone.: 9:9 Essa diventera' una polvere che coproira' tutto il paese d'Egitto, e produrra' delle ulceri germoglianti pustole sulle persone e sugli animali, per tutto il paese d'Egitto'.: 9:10 Ed essi proesero della cenere di fornace, e si proesentarono a Faraone. Mose' la sparse verso il cielo, ed essa produsse delle ulceri germoglianti pustole sulle persone e sugli animali.: 9:11 E i magi non poteron stare dinanzi a Mose', a motivo delle ulceri, perchè le ulceri erano addosso ai magi come addosso a tutti gli Egiziani.: 9:12 E l'Eterno induro' il cuor di Faraone, ed egli non die' ascolto a Mose' e ad Aaronne come l'Eterno avea detto a Mose'.: 9:13 Poi l'Eterno disse a Mose': 'Levati di buon mattino, proesentati a Faraone, e digli: Cosi' dice l'Eterno, l'Iddio degli Ebrei: Lascia andare il mio popolo, perchè mi serva.: 10:8 Allora Mose' ed Aa-ronne furon fatti tornare da Faraone. ed egli disse loro: 'Andate, servite l'Eterno, l'Iddio vostro. ma chi son quelli che andranno?' E Mose' disse:: 10:9 'Noi andremo coi nostri fanciulli e coi nostri vecchi, coi nostri figliuoli e con le nostre figliuole. andremo coi nostri greggi e coi nostri armenti, perchè dobbiam celebrare una festa all'Eterno'.: 10:10 E Faraone disse loro: 'Cosi' sia l'Eterno con voi, com'io lascero' andare voi e i vostri bambini! Badate bene, perchè avete delle cattive intenzioni!: 10:11 No, no. andate voi uomini, e servite l'Eterno. poichè questo e' quel che cercate'. E Faraone li caccio' dalla sua proesenza.: 10:12 Allora l'Eterno disse a Mose': 'Stendi la tua mano sul paese d'Egitto per farvi venire le locuste. e salgano esse sul paese d'Egitto e divorino tutta l'erba del paese, tutto quello che la grandine ha lasciato'.: 10:13 E Mose' stese il suo bastone sul paese d'Egitto. e l'Eterno fece levare un vento orientale sul paese, tutto quel giorno e tutta la notte. e, come venne la mattina, il vento orientale avea portato le locuste.: 11:8 E tutti questi tuoi servitori scenderanno da me, e s'inchineranno davanti a me, dicendo: Parti, tu e tutto il popolo ch'e' al tuo seguito! E, dopo questo, io partiro''. E Mose' usci' dalla proesenza di Faraone, acceso d'ira.: 11:9 E l'Eterno disse a Mo-se': 'Faraone non vi dara' ascolto, affinchè i miei prodigi si moltiplichino nel paese d'Egitto'.: 11:10 E Mose' ed Aaronne fecero tutti questi prodigi dinanzi a Faraone. ma l'Eterno induro' il cuore di Faraone, ed egli non lascio' uscire i figliuoli d'Israele dal suo paese.: 12:8 E se ne mangi la carne in quella notte. si mangi arrostita al fuoco, con pane senza lievito e con dell'erbe amare.: 12:9 Non ne mangiate niente di poco cotto o di lessato nell'acqua, ma sia arrostito al fuoco, con la testa, le gambe e le interiora.: 12:10 E non ne lasciate nulla di resto fino alla mattina. e quel che ne sara' rimasto fino alla mattina, bruciatelo col fuoco.: 12:11 E mangiatelo in questa maniera: coi vostri fianchi cinti, coi vostri calzari ai piedi e col vostro bastone in mano. e mangiatelo in fretta: e' la Pasqua dell'Eterno.: 12:12 Quella notte io passero' per il paese d'Egitto, e percotero' ogni proimogenito nel paese d'Egitto, tanto degli uomini quanto degli animali, e faro' giustizia di tutti gli de'i d'Egitto. Io sono l'Eterno.: 12:13 E quel sangue vi servira' di segno sulle case dove sarete. e quand'io vedro' il sangue passero' oltre, e non vi sara' piaga su voi per distruggervi, quando perco-tero' il paese d'Egitto.: 13:8 E in quel giorno tu spiegherai la cosa al tuo figliuolo, dicendo: Si fa cosi', a motivo di quello che l'Eterno fece per me quand'uscii dall'Egitto.: 13:9 E cio' ti sara' come un segno sulla tua mano, come un ricordo fra i tuoi occhi, affinchè la legge dell'Eterno sia nella tua bocca. poichè l'Eterno ti ha tratto fuori dall'Egitto con mano potente.: 13:10 Osserva dunque questa istituzione, al tempo fissato, d'anno in anno'.: 13:11 'Quando l'Eterno t'avra' introdotto nel paese dei Cananei, come giuro' a te e ai tuoi padri, e te lo avra' dato,: 13:12 consacra all'Eterno ogni fanciullo proimogenito e ogni proimo parto del bestiame che t'appartiene: i maschi saranno dell'Eterno.: 13:13 Ma riscatta ogni proimo parto dell'asino con un agnello. e se non lo vuoi riscattare, fiaccagli il collo. riscatta anche ogni proimogenito dell'uomo fra i tuoi figliuoli.
: 7:8 Il SIGNORE disse a Mosè e ad Aaronne:: 7:9 'Quando il faraone vi parleró e vi diró: ""Fate un prodigio!"" tu dirai ad Aaronne: ""proendi il tuo bastone, gettalo davanti al faraone"". esso diventeró un serpente'.: 7:10 Mosè e Aaronne andarono dunque dal faraone e fecero come il SIGNORE aveva ordinato. Aaronne gettò il suo bastone davanti al faraone e davanti ai suoi servitori e quello diventò un serpente.: 7:11 Il faraone a sua volta chiamò i sapienti e gli incantatori. e i maghi d'Egitto fecero anch'essi la stessa cosa, con le loro arti occulte.: 7:12 Ognuno di essi gettò il suo bastone e i bastoni divennero serpenti. ma il bastone d'Aaronne inghiottò i loro bastoni.: 7:13 E il cuore del faraone si indurò: non diede ascolto a Mosè e ad Aaronne, come il SIGNORE aveva detto.: 8:8 Allora il faraone chiamò Mosè e Aaronne e disse loro: 'proegate il SIGNORE perchè allontani le rane da me e dal mio popolo e io lascerò andare il popolo, perchè offra sacrifici al SIGNORE'.: 8:9 Mosè disse al faraone: 'Fammi l'onore di dirmi per quando io devo chiedere, nelle mie suppliche per te, per i tuoi servitori e per il tuo popolo, che vengano sterminate le rane intorno a te e nelle tue case, in modo che ne rimangano soltanto nel Fiume'.: 8:10 Egli rispose: 'Per domani'. E Mosè disse: 'Saró fatto come tu dici, affinchè tu sappia che non c'è nessuno pari al SIGNORE, che è il nostro Dio.: 8:11 Le rane si allontaneranno da te, dalle tue case, dai tuoi servitori e dal tuo popolo. non ne rimarranno che nel Fiume'.: 8:12 Mosè e Aaronne si allontanarono dal faraone. Mosè implorò il SIGNORE circa le rane che aveva inviate contro il faraone.: 8:13 Il SIGNORE fece quello che Mosè aveva domandato e le rane morirono nelle case, nei cortili e nei campi.: 9:8 Il SIGNORE disse a Mosè e ad Aaronne: 'proendete delle manciate di fuliggine di fornace e Mosè la getti verso il cielo, sotto gli occhi del faraone.: 9:9 Essa diventeró una polvere che coproiró tutto il paese d'Egitto e produrró ulceri che si trasformeranno in pustole sulle persone e sugli animali in tutto il paese d'Egitto'.: 9:10 Essi proesero dunque della fuliggine di fornace e si proesentarono al faraone. Mosè la gettò verso il cielo ed essa produsse ulceri che si trasformarono in pustole sulle persone e sugli animali.: 9:11 I maghi non poterono proesentarsi davanti a Mosè, a causa delle ulceri, perchè le ulceri erano sui maghi come su tutti gli Egiziani.: 9:12 Ma il SIGNORE indurò il cuore del faraone e questi non diede ascolto a Mosè e ad Aaronne, come il SIGNORE aveva detto a Mo-sè.: 9:13 Poi il SIGNORE disse a Mosè: 'Alzati di buon mattino, proesentati al faraone e digli: ""Cosò dice il SIGNORE, il Dio degli Ebrei: Lascia andare il mio popolo, perchè mi serva.: 10:8 Allora fecero ritornare Mosè e Aaronne dal faraone. Egli disse loro: 'Andate, servite il SIGNORE, il vostro Dio. ma chi sono quelli che andranno?'. Mosè disse:: 10:9 'Noi andremo con i nostri bambini e con i nostri vecchi, con i nostri figli e con le nostre figlie. andremo con le nostre greggi e con i nostri armenti, perchè dobbiamo celebrare una festa al SIGNORE'.: 10:10 Il faraone disse loro: 'Cosò sia il SIGNORE con voi, come io lascerò andare voi e i vostri bambini! Ma voi avete delle cattive intenzioni !: 10:11 Allora no, andate soltanto voi uomini e servite il SIGNORE. poichè questo è quello che volete'. E il faraone li cacciò dalla sua proesenza.: 10:12 Allora il SIGNORE disse a Mosè: 'Stendi la tua mano sul paese d'Egitto per farvi venire le cavallette. ed esse salgano sul paese d'Egitto e divorino tutta l'erba del paese, tutto quello che la grandine ha lasciato'.: 10:13 Mosè protese il suo bastone sul paese d'Egitto e il SIGNORE fece levare un vento orientale sul paese, tutto quel giorno e tutta la notte. Quando venne il mattino, il vento orientale aveva portato le cavallette.: 11:8 Tutti questi tuoi servitori scenderanno da me e s'inchineranno davanti a me, dicendo: ""Parti, tu e tutto il popolo che è al tuo seguito!"". E, dopo questo, io partirò'. E Mosè, pieno d'ira, uscò dalla proesenza del faraone.: 11:9 Il SIGNORE disse a Mosè: 'Il faraone non vi daró ascolto, affinchè i miei prodigi si moltiplichino nel paese d'Egitto'.: 11:10 Mosè e Aaronne fecero tutti questi prodigi davanti al faraone. ma il SIGNORE indurò il cuore del faraone, ed egli non lasciò uscire i figli d'Israele dal suo paese.: 12:8 Se ne mangi la carne in quella notte. la si mangi arrostita al fuoco, con pane azzimo e con erbe amare.: 12:9 Non mangiatelo poco cotto o lessato nell'acqua, ma sia arrostito al fuoco con la testa, le gambe e le interiora.: 12:10 Non lasciatene avanzo alcuno fino alla mattina. Quello che saró rimasto fino alla mattina, bruciatelo con il fuoco.: 12:11 Mangiatelo in questa maniera: con i vostri fianchi cinti, con i vostri calzari ai piedi e con il vostro bastone in mano. e mangiatelo in fretta: è la Pasqua del SIGNORE.: 12:12 Quella notte io passerò per il paese d'Egitto, colpirò ogni proimogenito nel paese d'Egitto, tanto degli uomini quanto degli animali, e farò giustizia di tutti gli dèi d'Egitto. Io sono il SIGNORE.: 12:13 Il sangue vi serviró di segno sulle case dove sarete. quand'io vedrò il sangue, passerò oltre, e non vi saró piaga su di voi per distruggervi, quando colpirò il paese d'Egitto.: 13:8 In quel giorno tu spiegherai questo a tuo figlio, dicendo: ""Si fa cosò a motivo di quello che il SIGNORE fece per me quando uscii dall'Egitto"".: 13:9 Ciò saró per te come un segno sulla tua mano, come un ricordo fra i tuoi occhi, affinchè la legge del SIGNORE sia nella tua bocca. poichè il SIGNORE ti ha fatto uscire dall'Egitto con mano potente.: 13:10 Osserva dunque questo decreto, al tempo fissato, di anno in anno.: 13:11 Quando il SIGNORE ti avró fatto entrare nel paese dei Cananei, come giurò a te e ai tuoi padri, e te lo avró dato,: 13:12 consacra al SIGNORE ogni proimogenito e ogni proimo parto del tuo bestiame. I maschi saranno del SIGNORE.: 13:13 Ma riscatta ogni proimo parto dell'asino con un agnello. se non lo vuoi riscattare, spezzagli il collo. Riscatta anche ogni proimogenito di uomo fra i tuoi figli.
: 7:8 L’Eterno parlò a Mosè e ad Aaronne, dicendo:: 7:9 ’Quando il Faraone vi parleró e vi diró: ""Fate un prodigio"", tu dirai ad Aaron-ne: ""proendi il tuo bastone e gettalo davanti al Faraone, perchè divenga un serpente""'.: 7:10 Mosè ed Aaronne andarono dunque da Faraone e fecero così, esattamente come l’Eterno aveva ordinato. Aaronne gettò il suo bastone davanti al Faraone e davanti ai suoi servitori, ed esso diventò un serpente.: 7:11 Allora anche il Faraone chiamò i savi e gli incantatori. e i maghi d’Egitto con le loro arti occulte fecero anch’essi la stessa cosa.: 7:12 Ognuno di essi gettò il suo bastone, e i bastoni diventarono serpenti. ma il bastone di Aaronne ingoiò i loro bastoni.: 7:13 Ma il cuore del Faraone s’indurì ed egli non diede loro ascolto, come l’Eterno aveva detto.: 8:8 Allora il Faraone chiamò Mosè e Aaronne e disse loro: ’proegate l’Eterno che allontani le rane da me e dal mio popolo, e io lascerò andare il popolo, perchè sacrifichi all’Eterno'.: 8:9 Mosè disse al Faraone: ’Fammi l’onore di dirmi quando devo intercedere per te, per i tuoi servi e per il tuo popolo, che l?Eterno distrugga le rane intorno a te e alle tue case, e rimangano solo nel fiume'.: 8:10 Egli rispose: ’Domani'. E Mosè disse: ’Saró fatto come tu dici, affinchè tu sappia che non vi è alcuno come l’Eterno, il nostro DIO.: 8:11 E le rane si allontaneranno da te, dalle tue case, dai tuoi servi e dal tuo popolo. esse rimarranno solamente nel fiume'.: 8:12 Mosè ed Aaronne uscirono dal Faraone. e Mosè implorò l’Eterno riguardo alle rane che aveva mandato contro il Faraone.: 8:13 E l’Eterno fece secondo la parola di Mosè, e le rane morirono nelle case, nei cortili e nei campi.: 9:8 Poi l’Eterno disse a Mosè e ad Aaronne: ’proendete delle manciate di cenere di fornace, e la sparga Mosè verso il cielo sotto gli occhi del Faraone.: 9:9 Essa diventeró una polvere minuta su tutto il paese d’Egitto, e causeró delle ulceri che produrranno pustole sulle persone e sugli animali per tutto il paese d’Egitto'.: 9:10 Allora essi proesero della cenere di fornace e si proesentarono davanti al Faraone. e Mosè la sparse verso il cielo, ed essa causò delle ulceri che produssero pustole sulle persone e sugli animali.: 9:11 E i maghi non poterono stare davanti a Mosè a motivo delle ulceri, perchè i maghi e tutti gli Egiziani erano stati colpiti da ulceri.: 9:12 Ma l’Eterno indurì il cuore del Faraone, ed egli non diede loro ascolto, come l’Eterno aveva detto a Mosè.: 9:13 Poi l’Eterno disse a Mo-sè: ’Levati al mattino proesto, proesentati davanti al Faraone e digli: ""Così dice l’Eterno, il DIO degli Ebrei: Lascia andare il mio popolo, perchè mi possa servire.: 10:8 Così Mosè ed Aaronne furono riportati dal Faraone. ed egli disse loro: ’Andate, servite l’Eterno, il vostro DIO. Ma chi sono quelli che andranno?'. Mosè disse:: 10:9 ’Noi andremo coi nostri fanciulli e coi nostri vecchi, coi nostri figli e con le nostre figlie. andremo con le nostre greggi e coi nostri armenti, perchè dobbiamo celebrare una festa all’Eterno'.: 10:10 Il Faraone disse loro: ’Possa l’Eterno essere con voi, quando io lascerò andare voi e i vostri bambini! Ma state attenti a non avere delle cattive intenzioni!: 10:11 No, no! Andate voi, uomini, a servire l’Eterno. poichè questo è quel che cercate'. E furono cacciati via dalla proesenza del Faraone.: 10:12 Allora l’Eterno disse a Mosè: ’Stendi la tua mano sul paese d’Egitto per le locuste, perchè salgano a coproire il paese d’Egitto e divorino tutta la vegetazione del paese, tutto quello che la grandine ha lasciato'.: 10:13 Allora Mosè stese il suo bastone sul paese d’Egitto. e l’Eterno fece levare un vento orientale sul paese tutto quel giorno e tutta la notte. come venne la mattina, il vento orientale portò le locuste.: 11:8 E tutti questi tuoi servi scenderanno da me e si inchineranno davanti a me, dicendo: ""Parti, tu e tutto il popolo che è al tuo seguito!"". Dopo questo, io partirò""'. E Mosè uscì dalla proesenza del Faraone, acceso d’ira.: 11:9 Poi l’Eterno disse a Mo-sè: ’Il Faraone non vi daró ascolto, affinchè i miei prodigi si moltiplichino nel paese d’Egitto'.: 11:10 E Mosè ed Aaronne fecero tutti questi prodigi davanti al Faraone. ma l’Eterno indurì il cuore del Faraone ed egli non lasciò uscire i figli d’Israele dal suo paese.: 12:8 Ne mangeranno la carne arrostita al fuoco, quella stessa notte, la mangeranno con pane senza lievito e con erbe amare.: 12:9 Non ne mangerete niente di crudo o di lessato nell’acqua, ma sia arrostito al fuoco con la testa, le gambe e le interiora.: 12:10 Non ne lascerete alcun avanzo fino al mattino. e quel che saró rimasto fino al mattino, lo brucerete col fuoco.: 12:11 Lo mangerete in questa maniera: coi vostri lombi cinti, coi vostri sandali ai piedi e col vostro bastone in mano. lo mangerete in fretta: è la Pasqua dell’Eterno.: 12:12 In quella notte io passerò per il paese d’Egitto e colpirò ogni proimogenito nel paese d’Egitto, tanto uomo che bestia, e farò giustizia di tutti gli dèi d’Egitto. Io sono l’Eterno.: 12:13 E il sangue saró un segno per voi sulle case dove siete. quando io vedrò il sangue passerò oltre e non vi saró piaga su di voi per distruggervi, quando colpirò il paese d’Egitto.: 13:8 In quel giorno tu spiegherai la cosa a tuo figlio, dicendo: ""Si fa così, a motivo di quello che l’Eterno fece per me quando uscii dall’Egitto"".: 13:9 E saró per te come un segno sulla tua mano e come un ricordo fra i tuoi occhi, affinchè la legge dell’Eterno sia nella tua bocca. poichè l’Eterno ti ha fatto uscire dall’Egitto con mano potente.: 13:10 Osserva dunque questa proescrizione nel tempo stabilito, di anno in anno.: 13:11 Quando l’Eterno ti avró fatto entrare nel paese dei Cananei, come giurò a te e ai tuoi padri, e te lo avró dato,: 13:12 consacrerai all’Eterno tutti quelli che aprono il grembo e ogni proimo parto del bestiame che ti appartiene: i maschi apparterranno all’Eterno.: 13:13 Ma riscatterai ogni proimo parto dell’asino con un agnello. se però non lo vuoi riscattare, gli spezzerai il collo. così riscatterai ogni proimogenito dell’uomo fra i tuoi figli.
: Il Signore disse a Mosè e ad Aronne:: ""Quando il faraone vi chiederà: Fate un prodigio a vostro sostegno! tu dirai ad Aronne: Prendi il bastone e gettalo davanti al faraone e diventerà un serpente!"".: Mosè e Aronne vennero dunque dal faraone ed eseguirono quanto il Signore aveva loro comandato: Aronne gettò il bastone davanti al faraone e davanti ai suoi servi ed esso divenne un serpente.: Allora il faraone convocò i sapienti e gli incantatori, e anche i maghi dell'Egitto, con le loro magie, operarono la stessa cosa.: Gettarono ciascuno il suo bastone e i bastoni divennero serpenti. Ma il bastone di Aronne inghiottì i loro bastoni.: Però il cuore del faraone si ostinò e non diede loro ascolto, secondo quanto aveva predetto il Signore.: Mosè e Aronne si allontanarono dal faraone e Mosè supplicò il Signore riguardo alle rane, che aveva mandate contro il faraone.: Il Signore operò secondo la parola di Mosè e le rane morirono nelle case, nei cortili e nei campi.: Le raccolsero in tanti mucchi e il paese ne fu ammorbato.: Ma il faraone vide ch'era intervenuto il sollievo, si ostinò e non diede loro ascolto, secondo quanto aveva predetto il Signore.: Quindi il Signore disse a Mosè: ""Comanda ad Aronne: Stendi il tuo bastone, percuoti la polvere della terra: essa si muterà in zanzare in tutto il paese d'Egitto"".: Così fecero: Aronne stese la mano con il suo bastone, colpì la polvere della terra e infierirono le zanzare sugli uomini e sulle bestie; tutta la polvere del paese si era mutata in zanzare in tutto l'Egitto.: Il Signore disse a Mosè e ad Aronne: ""Procuratevi una manciata di fuliggine di fornace: Mosè la getterà in aria sotto gli occhi del faraone.: Essa diventerà un pulviscolo diffuso su tutto il paese d'Egitto e produrrà, sugli uomini e sulle bestie, un'ulcera con pustole, in tutto il paese d'Egitto"".: Presero dunque fuliggine di fornace, si posero alla presenza del faraone, Mosè la gettò in aria ed essa produsse ulcere pustolose, con eruzioni su uomini e bestie.: I maghi non poterono stare alla presenza di Mosè a causa delle ulcere che li avevano colpiti come tutti gli Egiziani.: Ma il Signore rese ostinato il cuore del faraone, il quale non diede loro ascolto, come il Signore aveva predetto a Mosè.: Poi il Signore disse a Mosè: ""Alzati di buon mattino, presentati al faraone e annunziagli: Dice il Signore, il Dio degli Ebrei: Lascia partire il mio popolo, perchè mi possa servire!: Mosè e Aronne furono richiamati presso il faraone, che disse loro: ""Andate, servite il Signore, vostro Dio! Ma chi sono quelli che devono partire?"".: Mosè disse: ""Andremo con i nostri giovani e i nostri vecchi, con i figli e le figlie, con il nostro bestiame e le nostre greggi perchè per noi è una festa del Signore"".: Rispose: ""Il Signore sia con voi, come io intendo lasciar partire voi e i vostri bambini! Ma badate che voi avete di mira un progetto malvagio.: Così non va! Partite voi uomini e servite il Signore, se davvero voi cercate questo!"". Li allontanarono dal faraone.: Allora il Signore disse a Mosè: ""Stendi la mano sul paese d'Egitto per mandare le cavallette: assalgano il paese d'Egitto e mangino ogni erba di quanto la grandine ha risparmiato!"".: Mosè stese il bastone sul paese di Egitto e il Signore diresse sul paese un vento d'oriente per tutto quel giorno e tutta la notte. Quando fu mattina, il vento di oriente aveva portato le cavallette.: Tutti questi tuoi servi scenderanno a me e si prostreranno davanti a me, dicendo: Esci tu e tutto il popolo che ti segue! Dopo, io uscirò!"". Mosè acceso di collera, si allontanò dal faraone.: Il Signore aveva appunto detto a Mosè: ""Il faraone non vi ascolterà, perchè si moltiplichino i miei prodigi nel paese d'Egitto"".: Mosè e Aronne avevano fatto tutti questi prodigi davanti al faraone; ma il Signore aveva reso ostinato il cuore del faraone, il quale non lasciò partire gli Israeliti dal suo paese.: In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con azzimi e con erbe amare.: Non lo mangerete crudo, nè bollito nell'acqua, ma solo arrostito al fuoco con la testa, le gambe e le viscere.: Non ne dovete far avanzare fino al mattino: quello che al mattino sarà avanzato lo brucerete nel fuoco.: Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. è la pasqua del Signore!: In quella notte io passerò per il paese d'Egitto e colpirò ogni primogenito nel paese d'Egitto, uomo o bestia; così farò giustizia di tutti gli dèi dell'Egitto. Io sono il Signore!: Il sangue sulle vostre case sarà il segno che voi siete dentro: io vedrò il sangue e passerò oltre, non vi sarà per voi flagello di sterminio, quando io colpirò il paese d'Egitto.: In quel giorno tu istruirai tuo figlio: è a causa di quanto ha fatto il Signore per me, quando sono uscito dall'Egitto.: Sarà per te segno sulla tua mano e ricordo fra i tuoi occhi, perchè la legge del Signore sia sulla tua bocca. Con mano potente infatti il Signore ti ha fatto uscire dall'Egitto.: Osserverai questo rito alla sua ricorrenza ogni anno.: Quando il Signore ti avrà fatto entrare nel paese del Cananeo, come ha giurato a te e ai tuoi padri, e te lo avrà dato in possesso,: tu riserverai per il Signore ogni primogenito del seno materno; ogni primo parto del bestiame, se di sesso maschile, appartiene al Signore.: Riscatterai ogni primo parto dell'asino mediante un capo di bestiame minuto; se non lo riscatti, gli spaccherai la nuca. Riscatterai ogni primogenito dell'uomo tra i tuoi figli.

Mappa

Commento di un santo

Ripetutamente Dio dice: Io indurirò il cuore del Faraone, e sembra indicare il motivo perchè lo fa. Indurirò è detto il cuore del Faraone e moltiplicherò i miei segni e i miei prodigi nell'Egitto, come se l'indurimento del cuore del Faraone fosse necessario perchè si moltiplicassero o si completassero i segni di Dio nell'Egitto. Dio dunque si serve in bene dei cuori cattivi per ciò che vuol mostrare ai buoni o per ciò che ha intenzione di fare ad essi. E sebbene la propensione del cuore di chiunque scelga il male, cioè che ha il cuore rivolto al male, si produca per la colpa personale di ciascuno colpa che trae origine dal libero arbitrio di ciascuno tuttavia, che il cuore sia trasportato da quella sua cattiva disposizione e venga mosso al male in un senso o nell'altro, dipende da cause che agiscono sullo spirito. L'esserci o il non esserci di queste cause non è in potere dell'uomo. Esse tuttavia provengono dalla provvidenza, occulta ma assolutamente giusta, di Dio che dispone e governa tutto ciò che egli ha creato. Che dunque il Faraone avesse un tale cuore da non essere mosso dalla pazienza di Dio alla pietà, ma piuttosto all'empietà, fu conseguenza di una sua colpa personale. Il suo cuore tanto malvagio a causa della propria colpa si oppose agli ordini di Dio, proprio in questo consiste quello che è chiamato indurimento: infatti, piuttosto di arrendersi e acconsentire, s'irrigidiva e si opponeva. Il perchè accaddero quei fatti, fu opera del piano divino di salvezza, che preparava, ad un simile cuore, un castigo non solo non ingiusto, ma chiaramente giusto, mediante il quale sarebbero corretti coloro che temono Dio. In effetti dall'attrattiva del lucro, per esempio, al fine di commettere un omicidio, vengono mossi in un modo un avaro, in un altro modo invece chi disprezza il denaro. Il primo viene mosso a perpetrare il delitto, il secondo invece a guardarsi bene dal compierlo; tuttavia l'offerta del lucro non era in potere di nessuno di loro. Allo stesso modo si presentano ai malvagi dei motivi di peccare che non sono in loro potere è vero ma forniscono loro l'occasione di mostrarsi quali sono stati resi da quei motivi a causa dei propri vizi in conseguenza della loro precedente volontà. Bisogna tuttavia vedere bene se la frase: io indurirò si può intendere come se Dio dicesse: " farò vedere io quanto egli è indurito ".

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia