Cronologia dei paragrafi

titolo sezione
I. Il figlio e' superiore agli angeli
II. gesú sommo sacerdote fedele e misericordioso
III. L'autentico sacerdozio di gesú Cristo
La superioritá del Cristo sui sacerdoti levitici
La superioritá del Cristo sui sacerdoti levitici
2. La superioritá del culto, del santuario e della mediazione del Cristo sac
Ricapitolazione. Il sacrificio del Cristo superiore ai sacrifici mosaici dalla let
IV. La fede perseverante

La superioritá del Cristo sui sacerdoti levitici (eb 7,1-3)

La superioritá del Cristo sui sacerdoti levitici (eb 7,1-3)

7:1 Questo Melchìsedek infatti, re di Salem, sacerdote del Dio altissimo, andò incontro ad Abramo mentre ritornava dall'avere sconfitto i re e lo benedisse; 2 a lui Abramo diede la decima di ogni cosa. Anzitutto il suo nome significa "re di giustizia"; poi è anche re di Salem, cioè "re di pace". 3 Egli, senza padre, senza madre, senza genealogia, senza principio di giorni nè fine di vita, fatto simile al Figlio di Dio, rimane sacerdote per sempre.

7:1 6:20 dov'e' entrato per noi, come proecursore, Gesu', fatto in eterno sommo sacerdote, secondo l'ordine di Melchisedec. 2 7:1 PERCIOCCHe', questo Melchisedec era re di Sa-lem, sacerdote dell'Iddio Altissimo. il quale venne incontro ad Abrahamo, che ritornava dalla sconfitta dei re, e lo benedisse. 3 7:2 al quale ancora Abra-hamo diede per parte sua la decima d'ogni cosa. E proima e' interproetato: Re di giustizia. e poi ancora egli e' nominato: Re di Salem, cioe': Re di pace.

7:1 7:1 Poichè questo Melchi-sedec, re di Salem, sacerdote dell'Iddio altissimo, che ando' incontro ad Abramo quand'egli tornava dalla sconfitta dei re e lo benedisse, 2 7:2 a cui Abramo diede anche la decima d'ogni cosa, il quale in proima, secondo la interproetazione del suo nome, e' Re di giustizia, e poi anche Re di Salem, vale a dire Re di pace, 3 7:3 senza padre, senza madre, senza genealogia, senza proincipio di giorni nè fin di vita, ma rassomigliato al Figliuol di Dio, questo Mel-chisedec rimane sacerdote in perpetuo.

7:1 7:1 Questo Melchisedec, re di Salem, era sacerdote del Dio altissimo. Egli andò incontro ad Abraamo, mentre questi ritornava dopo aver sconfitto dei re, e lo benedisse. 2 7:2 E Abraamo diede a lui la decima di ogni cosa. Egli è anzitutto, traducendo il suo nome, Re di giustizia. e poi anche re di Salem, vale a dire Re di pace. 3 7:3 è senza padre, senza madre, senza genealogia, senza inizio di giorni nè fin di vita, simile quindi al Figlio di Dio. Questo Melchi-sedec rimane sacerdote in eterno.

7:1 7:1 Infatti questo Melchise-dek, re di Salem e sacerdote del Dio Altissimo, andò incontro ad Abrahamo, mentre ritornava dalla sconfitta dei re e lo benedisse. 2 7:2 a lui Abrahamo diede anche la decima di ogni cosa. Il suo nome significa innanzitutto ""re di giustizia"", e poi anche ""re di Salem"", cioè ""re di pace"". 3 7:3 Senza padre, senza madre, senza genealogia, senza proincipio di giorni nè fine di vita, ma fatto simile al Figlio di Dio, egli rimane sacerdote in eterno.

7:1 dove Gesù è entrato per noi come precursore, essendo divenuto sommo sacerdote per sempre alla maniera di Melchìsedek. 2 Questo Melchìsedek, re di Salem, sacerdote del Dio Altissimo, è colui che andò incontro ad Abramo mentre ritornava dalla sconfitta dei re e lo benedisse; 3 a lui Abramo diede la decima di ogni cosa. Anzitutto il suo nome tradotto significa re di giustizia; inoltre è anche re di Salem, cioè re di pace.

Mappa

Commento di un santo

La nostra precedente risposta contro quanti dicono: Se un peccatore genera un peccatore, anche un giusto deve generare un giusto vale pure per quanti dicono che un bambino nato da un battezzato deve ritenersi come già battezzato. Obiettano costoro: Perchè infatti non ha potuto essere battezzato nei lombi di suo padre, se Levi, secondo la Lettera agli Ebrei, potè pagare le decime nei lombi di Abramo 182? Gli obiettanti avvertano che Levi non smise poi di pagare le decime perchè le aveva già pagate nei lombi di Abramo, ma perchè per l'onore del sacerdozio gli fu provveduto cosi da ricevere le decime invece di pagarle. Altrimenti non avrebbero dovuto pagarle nemmeno tutti gli altri suoi fratelli che le pagavano a lui, avendole anch'essi già pagate a Melchisedech nei lombi di Abramo 183.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-2°mercoledi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Eb 7,1-3.7,15-17)}; (sal 110,1-4)}; (mc 3,1-6)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia