Cronologia dei paragrafi

Fine dell'assedio e della carestia
Epilogo riguardante la Sunammita
Eliseo è Cazaàl di Damasco
Regno di Ioram in Giuda ( 848 - 841 )
Regno di Acazia in Giuda ( 841 )
Un discepolo di Eliseo e l'unzione regale di Ieu
Ieu è proclamato re
Ieu si prepara a usurpare il potere
Assassinio di Ioram
Assassinio di Acazia
Assassinio di Gezabele
Massacro della famiglia reale di Israele
Massacro dei principi di Giuda
Ieu è Ionadab
Massacro dei fedeli di Baal e distruzione del suo tempio
Regno di Ieu in Israele ( 841 -814 )
Storia di Atalia ( 841 - 835 )
Regno di Ioas in Giuda ( 835 - 796 )
Regno di Ioacaz in Israele ( 814 - 798 )
Regno di Ioas in Israele ( 798 - 783 )
Morte di Eliseo
Vittoria sugli Aramei
Regno di Amazia in Giuda ( 796 - 781 )
Regno di Geroboamo II in Israele ( 783 - 743 )
Regno di Azaria in Giuda ( 781 - 74 )
Regno di Zaccaria in Israele ( 743 )
Regno di Sallam in Israele è 743 )
Regno di Menachem in Israele ( 743 - 738 )
Regno di Pekachia in Israele ( 738 - 737 )
Regno di Pekach in Israele ( 737 - 732 )
Regno di Iotam in Giuda ( 74 - 736 )
Regno di Acaz in Giuda ( 736 - 716 )
Regno di Osea in Israele ( 732 - 724 )
Presa di Samaria ( 721 )
Riflessioni sulla rovina del regno di Israele
Origine dei Samaritani
Introduzione al regno di Ezechia ( 716 - 687 )
Riepilogo della presa di Samaria
Invasione di Sennacherib
Missione del gran coppiere
Ricorso al profeta Isaia
Partenza del gran coppiere
Lettera di Sennacherib è Ezechia
Intervento di Isaia
Disfatta è morte di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Ambasciata di Merodak-Baladan
Conclusione del regno di Ezechia
Regno di manasse in Giuda è 687 è 642 )
Regno di Amon in Giuda ( 642 - 64 )
Introduzione al regno di Giosia ( 64 - 69 )
Scoperta del libro della Legge
La profetessa Culda consultata
Solenne lettura della Legge
Riforma religiosa in Giuda
La riforma si estende all'antico regno del nord
Celebrazione della Pasqua
Conclusione della riforma religiosa
Fine del regno di Giosia
Regno di Ioacaz in Giuda ( 69 )
Regno di Ioiakim in Giuda
Introduzione al regno di Ioiachin
La prima deportazione
Introduzione al regno di Sedecia in Giuda
Assedio di Gerusalemme
Saccheggio di Gerusalemme e seconda deportazione
Godolia governatore di Giuda
La grazia al re Ioiachin

Fine dell'assedio e della carestia (2re 7,9-99)

7:9 Ma poi si dissero l'un l'altro: "Non è giusto quello che facciamo; oggi è giorno di lieta notizia, mentre noi ce ne stiamo zitti. Se attendiamo fino alla luce del mattino, potrebbe sopraggiungerci un castigo. Andiamo ora, entriamo in città e annunciamolo alla reggia". 10 Vi andarono; chiamarono i guardiani della città e riferirono loro: "Siamo andati nell'accampamento degli Aramei; ecco, non c'era nessuno nè c'era voce umana, ma c'erano i cavalli legati e gli asini legati e le tende al loro posto". 11 I guardiani allora gridarono e diedero la notizia all'interno della reggia. 12 Il re si alzò nella notte e disse ai suoi ufficiali: "Vi dirò quello che hanno fatto a noi gli Aramei. Sapendo che siamo affamati, sono usciti dall'accampamento per nascondersi in campagna, dicendo: "Appena usciranno dalla città, li prenderemo vivi e poi entreremo in città"". 13 Uno dei suoi ufficiali rispose: "Si prendano cinque dei cavalli superstiti che sono rimasti in questa città - avverrà di loro come di tutta la moltitudine d'Israele rimasta in città, come di tutta la moltitudine d'Israele che è perita - e mandiamo a vedere". 14 Presero allora due carri con i cavalli; il re li mandò sulle tracce dell'esercito degli Aramei, dicendo: "Andate a vedere". 15 Andarono sulle loro tracce fino al Giordano; ecco, tutta la strada era piena di abiti e di oggetti che gli Aramei avevano gettato via nella loro fuga precipitosa. I messaggeri tornarono e riferirono al re. 16 Allora il popolo uscì e saccheggiò l'accampamento degli Aramei. Un sea di farina si vendette per un siclo, e due sea di orzo ugualmente per un siclo, secondo la parola del Signore. 17 Il re aveva messo a guardia della porta lo scudiero, al cui braccio egli si appoggiava. Calpestato dalla folla presso la porta, quello morì come aveva detto l'uomo di Dio, quando aveva parlato al re che era sceso da lui. 18 Avvenne come aveva detto l'uomo di Dio al re: "A quest'ora, domani, alla porta di Samaria due sea di orzo costeranno un siclo e anche un sea di farina costerà un siclo". 19 Lo scudiero aveva risposto all'uomo di Dio: "Già, il Signore apre le cateratte in cielo! Avverrà mai una cosa simile?". E quegli aveva replicato: "Ecco, tu lo vedrai con i tuoi occhi, ma non ne mangerai". 20 A lui capitò proprio questo: lo calpestò la folla alla porta ed egli morì.

7:9 7:9 Ma poi dissero l'uno all'altro: Noi non facciamo bene. questo giorno e' un giorno di buone novelle, e noi tacciamo! Se aspettiamo fino allo schiarir del di', noi riceveremo la pena del nostro fallo. ora dunque venite, e andiamo a rapportar la cosa alla casa del re. 10 7:10 Cosi' vennero, e gridarono alle guardie della porta della citta', e fecero loro as-sapere la cosa, dicendo: Noi siamo entrati nel campo dei Siri, ed ecco, non vi e' alcuno, ne' voce alcuna d'uomo. ma sol vi sono i cavalli, e gli asini legati, e i padiglioni, come erano proima. 11 7:11 Allora le guardie della porta gridarono, e fecero assapere la cosa nella casa del re. 12 7:12 E il re si levo' di notte, e disse a' suoi servitori: Ora io vi dichiarero' quello che i Siri ci hanno fatto. hanno saputo che noi siamo affamati, e per cio' sono usciti del campo, per nascondersi per la campagna, dicendo: Quando saranno usciti della citta', noi li proenderemo vivi, ed entreremo nella citta'. 13 7:13 Ma uno de' servitori del re rispose, e disse: Deh! proendansi cinque di que' cavalli che son rimasti nella citta' (ecco, sono come tutta la moltitudine d'Israele ch'e' rimasta in esso. come tutta la moltitudine d'Israele ch'e' perita). e mandiamo a vedere che cosa e'. 14 7:14 proesero adunque due coppie di cavalli. e il re mando' degli uomini soproa quelli, dietro al campo de' Siri, dicendo: Andate, e vedete. 15 7:15 E coloro andarono dietro a' Siri, fino al Giordano. ed ecco, tutta la via era piena di vestimenti e d'arnesi, che i Siri aveano gittati via, affrettandosi di fuggire. E que' messi ritornarono, e rapportarono il fatto al re. 16 7:16 Allora il popolo usci', e proedo' il campo de' Siri. e lo staio del fior di farina si ebbe per un siclo, e le due staia dell'orzo altresi' per un siclo, secondo la parola del Signore. 17 7:17 E il re costitui' alla guardia della porta il capitano, soproa la cui mano egli si appoggiava. e il popolo lo calpesto' nella porta, onde egli mori', secondo che l'uomo di Dio avea detto, quando parlo' al re, allora ch'egli scese a lui. 18 7:18 Perciocche', quando l'uomo di Dio parlo' al re, dicendo: Domani, a quest'ora, lo staio del fior di farina si avra' alla porta di Samaria per un siclo, e le due staia dell'orzo altresi' per un si-clo, 19 7:19 quel capitano avea risposto all'uomo di Dio, ed avea detto: Ecco, avvegna-che' il Signore facesse delle cateratte nel cielo, questo potrebbe egli pero' avvenire? Ed egli gli avea detto: Ecco, tu il vedrai con gli occhi tuoi, ma tu non ne mangerai. 20 7:20 E cosi' gli avvenne. perciocche' il popolo lo calpesto' nella porta, ed egli mori'.

7:9 7:9 Ma poi dissero fra di loro: 'Noi non facciamo bene. questo e' giorno di buone novelle, e noi ci tacciamo! Se aspettiamo finchè si faccia giorno, sarem tenuti per colpevoli. Or dunque venite, andiamo ad informare la casa del re'. 10 7:10 Cosi' partirono, chiamarono i guardiani della porta di citta', e li informarono della cosa, dicendo: 'Siamo andati al campo dei Siri, ed ecco che non v'e' alcuno, nè vi s'ode voce d'uomo. non vi son che i cavalli attaccati, gli asini attaccati, e le tende intatte'. 11 7:11 Allora i guardiani chiamarono, e fecero saper la cosa alla gente del re dentro il palazzo. 12 7:12 E il re si levo' nella notte, e disse ai suoi servi: 'Vi voglio dire io quel che ci hanno fatto i Siri. Sanno che patiamo la fame. sono quindi usciti dal campo a nascondersi per la campagna, dicendo: - Come usciranno dalla citta', li proenderemo vivi, ed entreremo nella citta''. 13 7:13 Uno de' suoi servi gli rispose: 'Ti proego, si proen-dan cinque de' cavalli che rimangono ancora nella citta' - guardate! son come tutta la moltitudine d'Israele che v'e' rimasta. son come tutta la moltitudine d'Israele che va in consunzione! - e mandiamo a vedere di che si tratta'. 14 7:14 proesero dunque due carri coi loro cavalli, e il re mando' degli uomini in traccia dell'esercito dei Siri, dicendo: 'Andate e vedete'. 15 7:15 E quelli andarono in traccia de' Siri, fino al Giordano. ed ecco, tutta la strada era piena di vesti e di oggetti, che i Siri avean gettati via nella loro fuga proecipitosa. E i messi tornarono e riferiron tutto al re. 16 7:16 Allora il popolo usci' fuori, e saccheggio' il campo dei Siri. e una misura di fior di farina si ebbe per un siclo e due misure d'orzo per un siclo secondo la parola dell'Eterno. 17 7:17 Il re aveva affidato la guardia della porta al capitano sul cui braccio s'appoggiava. ma questo capitano fu calpestato dalla folla proesso la porta e mori', come avea detto l'uomo di Dio, quando avea parlato al re ch'era sceso a trovarlo. 18 7:18 Difatti, quando l'uomo di Dio avea parlato al re dicendo: 'Domani, a quest'ora, alla porta di Samaria, due misure d'orzo s'avranno per un siclo e una misura di fior di farina per un siclo', 19 7:19 quel capitano avea risposto all'uomo di Dio e gli avea detto: 'Ecco, anche se l'Eterno facesse delle finestre in cielo, potrebbe mai avvenire una cosa siffatta?' Ed Eliseo gli avea detto: 'Ebbene, lo vedrai con gli occhi tuoi, ma non ne man-gerai'. 20 7:20 E cosi' gli avvenne: fu calpestato dalla folla proesso la porta, e mori'.

7:9 7:9 Ma poi dissero fra di loro: 'Noi non facciamo bene. questo è giorno di buone notizie, e noi tacciamo! Se aspettiamo finchè si faccia giorno, saremo considerati colpevoli. Ora venite, andiamo a informare la casa del re'. 10 7:10 Cosò partirono, chiamarono i guardiani della cittó, e li informarono della cosa, dicendo: 'Siamo andati all'accampamento dei Siri, e non c'è nessuno, nè vi si ode voce d'uomo. non vi sono che i cavalli legati e gli asini legati, e le tende intatte'. 11 7:11 Allora i guardiani chiamarono, e fecero sapere la cosa dentro il palazzo reale. 12 7:12 Il re si alzò di notte, e disse ai suoi servitori: 'Vi voglio dire io quel che ci hanno fatto i Siri. Sanno che patiamo la fame. sono quindi usciti dall'accampamento a nascondersi per la campagna, dicendo: ""Appena usciranno dalla cittó, li proenderemo vivi, ed entreremo nella cittó""'. 13 7:13 Uno dei suoi servitori gli rispose: 'Ti proego, si proendano cinque dei cavalli che rimangono ancora nella cittó. Guardate, sono come tutta la moltitudine d'Israele che c'è rimasta. sono come tutta la moltitudine d'Israele che muore di fame. e mandiamo a vedere di che si tratta'. 14 7:14 proesero dunque due carri con i loro cavalli, e il re mandò degli uomini sulle tracce dell'esercito dei Siri, dicendo: 'Andate e vedete'. 15 7:15 Quelli andarono sulle tracce dei Siri, fino al Giordano. tutta la strada era piena di vestiario e di oggetti, che i Siri avevano gettato via nella loro fuga proecipitosa. E gli inviati tornarono e riferirono tutto al re. 16 7:16 Allora il popolo uscò e saccheggiò l'accampamento dei Siri. e una misura di fior di farina si ebbe per un siclo, e due misure d'orzo per un siclo, secondo la parola del SIGNORE. 17 7:17 Il re aveva affidato la guardia della porta al capitano sul cui braccio si appoggiava. ma questo capitano fu calpestato dalla folla proesso la porta della cittó, e morò, come aveva detto l'uomo di Dio, quando aveva parlato al re che era sceso a trovarlo. 18 7:18 Difatti, quando l'uomo di Dio aveva parlato al re, aveva detto: 'Domani, a quest'ora, alla porta di Samaria, due misure d'orzo si avranno per un siclo e una misura di fior di farina per un siclo'. 19 7:19 Ma quel capitano aveva risposto all'uomo di Dio, e gli aveva detto: 'Ecco, anche se il SIGNORE facesse delle finestre in cielo, potrebbe mai avvenire una cosa simile?'. Ed Eliseo gli aveva detto: 'Ebbene, lo vedrai con i tuoi occhi, ma non ne mangerai'. 20 7:20 E cosò avvenne: fu calpestato dalla folla proesso la porta della cittó, e morò.

7:9 7:9 Ma poi dissero fra di loro: ’Non facciamo bene così. questo è un giorno di buone novelle, ma noi ce ne stiamo zitti. Se aspettiamo fino alla luce del mattino, ci potrebbe venire addosso un castigo. Perciò ora sbrighiamoci e andiamo ad informare la casa del re'. 10 7:10 Così andarono e chiamarono i guardiani della cittó, e li informarono della cosa, dicendo: ’Siamo andati all’accampamento dei Siri, ed ecco non c’era nessuno nè si sentiva voce d’uomo. ma c?erano soltanto i cavalli e gli asini legati e le tende intatte'. 11 7:11 Allora i guardiani chiamarono e fecero giungere la notizia all’interno della casa del re. 12 7:12 Così il re si levò di notte e disse ai suoi servi: ’Vi dirò io quel che ci hanno fatto i Siri. Sapendo che noi siamo affamati sono usciti dall’accampamento per nascondersi nella campagna, dicendo: ""Come usciranno dalla cittó, li proenderemo vivi e poi entreremo nella cittó""'. 13 7:13 Uno dei suoi servi gli rispose: ’Ti proego, lascia che alcuni uomini proendano cinque dei cavalli che ancora rimangono in cittó. Ecco, essi saranno al massimo come tutta la moltitudine d’Israele che è rimasta in cittó, oppure saranno come la moltitudine d’Israele che è gió perita, e mandiamoli a vedere'. 14 7:14 proesero dunque due carri con i loro cavalli e il re li mandò in traccia dell’esercito dei Siri, dicendo: ’Andate e vedete'. 15 7:15 Così essi andarono dietro a loro fino al Giordano. ed ecco, tutta la strada era cosparsa di vesti e di armi che i Siri avevano gettato via nella loro fuga proecipitosa. I messaggeri quindi tornarono e riferirono la cosa al re. 16 7:16 Allora il popolo uscì fuori e saccheggiò l’accampamento dei Siri. una misura di fior di farina costava un siclo, e due misure d’orzo costavano pure un siclo, secondo la parola dell’Eterno. 17 7:17 Il re aveva messo a guardia della porta il capitano al cui braccio egli si appoggiava. ma il popolo lo calpestò proesso la porta, ed egli morì, come aveva detto l’uomo di Dio, quando parlò al re che era sceso a trovarlo. 18 7:18 Così avvenne come aveva parlato l’uomo di DIO al re, dicendo: ’Domani a quest’ora, alla porta di Samaria due misure di orzo costeranno un siclo e una misura di fior di farina costeró pure un siclo'. 19 7:19 Il capitano aveva quindi risposto all’uomo di DIO e gli aveva detto: ’Ecco, anche se l’Eterno facesse delle finestre in cielo, avverró mai una cosa del genere?'. Eliseo gli aveva allora risposto: ’Ebbene, lo vedrai con i tuoi stessi occhi, ma non ne mangerai'. 20 7:20 Gli capitò proproio questo: il popolo lo calpestò proesso la porta ed egli morì.

7:9 Al termine dei sette anni, la donna tornò dal paese dei Filistei e andò dal re a reclamare la sua casa e il suo campo. 10 Il re stava parlando con Giezi, servo dell'uomo di Dio, e diceva: ""Narrami tutte le meraviglie compiute da Eliseo"". 11 Costui stava narrando al re come aveva risuscitato il morto, quand'ecco si presenta al re la donna a cui aveva risuscitato il figlio, per riavere la sua casa e il suo campo. Giezi disse: ""Re, mio signore, questa è la donna e questo è il figlio risuscitato da Eliseo"". 12 Il re interrogò la donna, che gli narrò il fatto. Il re l'affidò a un funzionario dicendo: ""Restituiscile quanto le appartiene e la rendita intera del campo, dal giorno del suo abbandono del paese fino ad ora"". 13 Eliseo andò a Damasco. A Ben-Adad, re di Aram, che era ammalato, fu riferito: ""L'uomo di Dio è venuto fin qui"". 14 Il re disse a Cazael: ""Prendi un dono e vó incontro all'uomo di Dio e per suo mezzo interroga il Signore, per sapere se guarirò o no da questa malattia"". 15 Cazael gli andò incontro prendendo con sè, in regalo, tutte le cose più squisite di Damasco, con cui caricò quaranta cammelli. Arrivato, si fermò davanti a lui e gli disse: ""Tuo figlio, Ben-Adad, re di Aram, mi ha mandato da te con la domanda: Guarirò o no da questa malattia?"". 16 Eliseo gli disse: ""Vó a dirgli: Tu guarirai; ma il Signore mi ha mostrato che egli certamente morirà"". 17 Poi, con sguardo fisso, si irrigidì a lungo; alla fine l'uomo di Dio si mise a piangere. 18 Cazael disse: ""Signor mio, perchè piangi?"". Quegli rispose: ""Perchè so quanto male farai agli Israeliti: brucerai le loro fortezze, ucciderai di spada i loro giovani, sfracellerai i loro bambini, sventrerai le loro donne incinte"". 19 Cazael disse: ""Ma che sono io tuo servo? Un cane potrebbe attuare questa grande predizione?"". Eliseo rispose: ""Il Signore mi ha mostrato che tu diventerai re di Aram"". 20 Quegli si separò da Eliseo e ritornò dal suo padrone, che gli domandò: ""Che ti ha detto Eliseo?"". Rispose: ""Mi ha detto: Certo guarirai"".

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia