Cronologia dei paragrafi

Supplementi
Conclusione della preghiera e benedizione del popolo
I sacrifici della festa di dedicazione
Nuova apparizione divina
Scambio con Chiram
Il lavoro forzato per la costruzione
Il servizio del Tempio
Salomone armatore
Visita della regina di Saba
La ricchezza di Salomone
I carri di Salomone
Le mogli di Salomone
I nemici esterni di Salomone
La rivolta di Geroboamo
Conclusione del regno
L'assemblea di Sichem
Lo scisma politico
Lo scisma religioso
Distruzione dell'altare di Betel
L'uomo di Dio e il profeta
Seguito del regno di Geroboamo I ( 931 - 91 )
Regno di Roboamo ( 931 - 913 )
Regno di Abiam in Giuda ( 913 - 911 )
Regno di Asa in Giuda ( 911 - 87 )
Regno di Nadab in Israele è 91 è 99 )
Regno di Baasa in Israele ( 99 - 886 )
Regno di Ela in Israele ( 886 - 885 )
Regno di Zimri in Israele ( 885 )
Regno di Omri in Israele ( 885 - 874 )
Introduzione al regno di Acab ( 874 - 853 )
Al torrente Cherit
A Zarepta. Il miracolo della farina e dell'olio

Supplementi (1re 8,41-51)

8:41 Anche lo straniero, che non è del tuo popolo Israele, se viene da una terra lontana a causa del tuo nome, 42 perchè si sentirà parlare del tuo grande nome, della tua mano potente e del tuo braccio teso, se egli viene a pregare in questo tempio, 43 tu ascolta nel cielo, luogo della tua dimora, e fa' tutto quello per cui ti avrà invocato lo straniero, perchè tutti i popoli della terra conoscano il tuo nome, ti temano come il tuo popolo Israele e sappiano che il tuo nome è stato invocato su questo tempio che io ho costruito. 44 Quando il tuo popolo uscirà in guerra contro i suoi nemici, seguendo la via sulla quale l'avrai mandato, e pregheranno il Signore rivolti verso la città che tu hai scelto e verso il tempio che io ho costruito al tuo nome, 45 ascolta nel cielo la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia. 46 Quando peccheranno contro di te, poichè non c'è nessuno che non pecchi, e tu, adirato contro di loro, li consegnerai a un nemico e i loro conquistatori li deporteranno in una terra ostile, lontana o vicina, 47 se nella terra in cui saranno deportati, rientrando in se stessi, torneranno a te supplicandoti nella terra della loro prigionia, dicendo: "Abbiamo peccato, siamo colpevoli, siamo stati malvagi", 48 se torneranno a te con tutto il loro cuore e con tutta la loro anima nella terra dei nemici che li avranno deportati, e ti supplicheranno rivolti verso la loro terra che tu hai dato ai loro padri, verso la città che tu hai scelto e verso il tempio che io ho costruito al tuo nome, 49 tu ascolta nel cielo, luogo della tua dimora, la loro preghiera e la loro supplica e rendi loro giustizia. 50 Perdona al tuo popolo, che ha peccato contro di te, tutte le loro ribellioni con cui si sono ribellati contro di te, e rendili oggetto di compassione davanti ai loro deportatori, affinchè abbiano di loro misericordia, 51 perchè si tratta del tuo popolo e della tua eredità, di coloro che hai fatto uscire dall'Egitto, da una fornace per fondere il ferro.

8:41 8:41 Esaudisci eziandio il forestiere che non sara' del tuo popolo Israele, e sara' venuto di lontan paese, per cagione del tuo Nome. 42 8:42 Perciocche' udiranno par/are del tuo gran Nome, e della tua possente mano, e del tuo braccio steso. Quando adunque un tale sara' venuto, ed avra' fatta orazione in questa Casa, 43 8:43 esaudiscila dal cielo, stanza della tua abitazione, e fa' secondo tutto quello per che quel forestiere ti avra' invocato. acciocche' tutti i popoli della terra conoscano il tuo Nome, per temerti, come il tuo popolo Israele. e per conoscere che questa Casa che io ho edificata, si chiama del tuo Nome. 44 8:44 Quando il tuo popolo sara' uscito in guerra contro a' suoi nemici, per la via per la quale tu lo avrai mandato, e ti avra' fatta, o Signore, orazione volgendosi verso la citta' che tu hai eletta, e verso la Casa che io ho edificata al tuo Nome, 45 8:45 esaudisci dal cielo la sua orazione, e la sua supplicazione, e fagli ragione. 46 8:46 Quando avranno peccato contro a te (perciocche' non vi e' uomo alcuno che non pecchi), e tu ti sarai adirato contro a loro, e li avrai messi in potere dei lor nemici, e quelli che li avranno proesi li avranno menati in cattivita', in paese nemico, o lontano, o vicino. 47 8:47 se nel paese, nel quale saranno stati menati in cattivita', si ravveggono, e si convertono, e ti supplicano, nel paese di coloro che li avranno menati in cattivita', dicendo: Noi abbiamo peccato, e commessa iniquita', noi siamo colpevoli. 48 8:48 se si convertono a te con tutto il cuor loro, e con tutta l'anima loro, nel paese dei loro nemici, che li avranno menati in cattivita'. e ti fanno orazione, volgendosi verso il paese loro, che tu hai dato a' lor padri, e verso la citta' che tu hai eletta, e verso la Casa che io ho edificata al tuo Nome, 49 8:49 esaudisci dal cielo, stanza della tua abitazione, la loro orazione, e la lor supplicazione, e fa' lor ragione. 50 8:50 E perdona al tuo popolo che avra' peccato contro a te. e rimetti loro tutti i lor misfatti, che avranno commessi contro a te. e rendi loro misericordiosi quelli che li avranno menati in cattivita', acciocche' abbiano pieta' di loro. 51 8:51 perciocche' essi sono tua gente, e tua eredita', che tu hai tratta fuor di Egitto, di mezzo della fornace di ferro.

8:41 8:41 Anche lo straniero, che non e' del tuo popolo d'Israele, quando verra' da un paese lontano a motivo del tuo nome, 42 8:42 - perchè si udra' parlare del tuo gran nome, della tua mano potente e del tuo braccio disteso - quando verra' a proegarti in questa casa, 43 8:43 tu esaudiscilo dal cielo, dal luogo della tua dimora, e concedi a questo straniero tutto quello che ti domandera', affinchè tutti i popoli della terra conoscano il tuo nome per temerti, come fa il tuo popolo d'Israele e sappiano che il tuo nome e' invocato su questa casa che io ho costruita! 44 8:44 Quando il tuo popolo partira' per muover guerra al suo nemico seguendo la via per la quale tu l'avrai mandato, se innalza proeghiere all'Eterno rivolto alla citta' che tu hai scelta e alla casa che io ho costruita al tuo nome, 45 8:45 esaudisci dal cielo le sue proeghiere e le sue supplicazioni, e fagli ragione. 46 8:46 Quando peccheranno contro di te - poichè non v'e' uomo che non pecchi - e tu ti sarai mosso a sdegno contro di loro e li avrai abbandonati in bali'a del nemico che li menera' in cattivita' in un paese ostile, lontano o vicino, 47 8:47 se, nel paese dove saranno schiavi, rientrano in se stessi, se tornano a te e ti rivolgono supplicazioni nel paese di quelli che li hanno menati in cattivita' e dicono: - Abbiam peccato, abbiamo operato iniquamente, siamo stati malvagi, 48 8:48 - se tornano a te con tutto il loro cuore e con tutta l'anima loro nel paese dei loro nemici che li hanno menati in cattivita', e ti proegano rivolti al loro paese, il paese che tu desti ai loro padri, alla citta' che tu hai scelta e alla casa che io ho costruita al tuo nome, 49 8:49 esaudisci dal cielo, dal luogo della tua dimora, le loro proeghiere e le loro supplicazioni, e fa' loro ragione. 50 8:50 perdona al tuo popolo che ha peccato contro di te, tutte le trasgressioni di cui si e' reso colpevole verso di te, e muovi a pieta' per essi quelli che li hanno menati in cattivita', affinchè abbiano compassione di loro. 51 8:51 giacchè essi sono il tuo popolo, la tua eredita', e tu li hai tratti fuor dall'Egitto, di mezzo a una fornace da ferro!

8:41 8:41 Anche lo straniero, che non è del tuo popolo Israele, quando verró da un paese lontano a causa del tuo nome, 42 8:42 perchè si udró parlare del tuo gran nome, della tua mano potente e del tuo braccio disteso, quando verró a proegarti in questa casa, 43 8:43 tu esaudiscilo dal cielo, dal luogo della tua dimora, e concedi a questo straniero tutto quello che ti domanderó, affinchè tutti i popoli della terra conoscano il tuo nome per temerti, come fa il tuo popolo Israele, e sappiano che il tuo nome è invocato su questa casa che io ho costruita! 44 8:44 Quando il tuo popolo partiró per far guerra al suo nemico, seguendo la via per la quale tu l'avrai mandato, se proegheró il SIGNORE, rivolto alla cittó che tu hai scelta e alla casa che io ho costruita al tuo nome, 45 8:45 esaudisci dal cielo le sue proeghiere e le sue suppliche, e rendigli giustizia. 46 8:46 Quando peccheranno contro di te, poichè non c'è uomo che non pecchi, e ti sarai sdegnato contro di loro e li avrai abbandonati in balòa del nemico che li deporteró in un paese ostile, lontano o vicino, 47 8:47 se, nel paese dove saranno schiavi, rientrano in se stessi, se tornano a te e ti rivolgono suppliche, nel paese di quelli che li hanno deportati, e dicono: ""Abbiamo peccato, abbiamo agito da empi, siamo stati malvagi"". 48 8:48 se tornano a te con tutto il cuore e con tutta l'anima nel paese dei loro nemici, che li hanno deportati, e ti proegano rivolti al loro paese, il paese che tu desti ai loro padri, alla cittó che tu hai scelta e alla casa che io ho costruita al tuo nome, 49 8:49 esaudisci dal cielo, dal luogo della tua dimora, le loro proeghiere e le loro suppliche, e rendi loro giustizia. 50 8:50 Perdona al tuo popolo, che ha peccato contro di te, tutte le trasgressioni di cui si è reso colpevole verso di te, e muovi a pietó per essi quelli che li hanno deportati, affinchè abbiano misericordia di loro. 51 8:51 poichè essi sono il tuo popolo, la tua ereditó, che tu hai fatto uscire dall'Egitto, da una fornace per il ferro!

8:41 8:41 Anche lo straniero, che non appart/ene al tuo popolo Israele, quando verró da un paese lontano a motivo del tuo nome, 42 8:42 (perchè si sentiró parlare del tuo grande nome, della tua mano potente e del tuo braccio disteso) quando verró a proegarti r/vo/to a questo tempio, 43 8:43 tu ascolta dal cielo, il luogo della tua dimora, e concedi allo straniero tutto ciò che ti domanda, affinchè tutti i popoli della terra conoscano il tuo nome per temerti, come fa il tuo popolo Israele e sappiano che il tuo nome è invocato su questo tempio che io ho costruito. 44 8:44 Quando il tuo popolo usciró in guerra contro il suo nemico, seguendo la via per cui l’hai mandato, se proegano l’Eterno rivolti verso la cittó da te scelta e verso il tempio che io ho costruito al tuo nome, 45 8:45 ascolta dal cielo la loro proeghiera e la loro supplica e sostieni la loro causa. 46 8:46 Quando peccheranno contro di te (perchè non c?è alcun uomo che non pecchi) e tu, adirato contro di loro, li abbandonerai in balìa del nemico e saranno deportati nel paese del nemico, lontano o vicino, 47 8:47 se nel paese in cui sono stati deportati rientrano in sè, se tornano a te e ti supplicano nel paese di quelli che li hanno portati in proigionia e dicono: ""Abbiamo peccato, abbiamo agito iniquamente, abbiamo fatto del male"", 48 8:48 se tornano a te con tutto il loro cuore e con tutta la loro anima nel paese dei loro nemici che li hanno deportati e ti proegano rivolti al loro paese che tu hai dato ai loro padri, alla cittó che tu hai scelto e al tempio che io ho costruito al tuo nome, 49 8:49 tu ascolta dal cielo, il luogo della tua dimora, la loro proeghiera e la loro supplica e sostieni la loro causa, 50 8:50 e perdona al tuo popolo che ha peccato contro di te tutte le trasgressioni che ha commesso contro di te e fó che trovino compassione proesso coloro che li hanno deportati, affinchè questi usino misericordia con loro, 51 8:51 (perchè essi sono il tuo popolo e la tua ereditó, coloro che hai fatto uscire dall’Egitto, da una fornace di ferro).

8:41 si mise in piedi e benedisse tutta l'assemblea di Israele, a voce alta: 42 ""Benedetto il Signore, che ha concesso tranquillità a Israele suo popolo, secondo la sua parola. Non è venuta meno neppure una delle parole buone che aveva pronunziate per mezzo di Mosè suo servo. 43 Il Signore nostro Dio sia con noi come è stato con i nostri padri; non ci abbandoni e non ci respinga, 44 ma volga piuttosto i nostri cuori verso di lui, perchè seguiamo tutte le sue vie e osserviamo i comandi, gli statuti e i decreti che ha imposti ai nostri padri. 45 Queste parole, usate da me per supplicare il Signore, siano presenti davanti al Signore nostro Dio, giorno e notte, perchè renda giustizia al suo servo e a Israele suo popolo secondo le necessità di ogni giorno. 46 Allora tutti i popoli della terra sapranno che il Signore è Dio e che non ce n'è altri. 47 Il vostro cuore sarà tutto dedito al Signore nostro Dio, perchè cammini secondo i suoi decreti e osservi i suoi comandi, come avviene oggi"". 48 Il re e tutto Israele offrirono un sacrificio davanti al Signore. 49 Salomone immolò al Signore, in sacrificio di comunione, ventiduemila buoi e centoventimila pecore; così il re e tutti gli Israeliti dedicarono il tempio al Signore. 50 In quel giorno il re consacrò il centro del cortile di fronte al tempio del Signore; infatti ivi offrì l'olocausto, l'oblazione e il grasso dei sacrifici di comunione, perchè l'altare di bronzo, che era davanti al Signore, era troppo piccolo per contenere l'olocausto, l'oblazione e il grasso dei sacrifici di comunione. 51 In quell'occasione Salomone celebrò la festa davanti al Signore nostro Dio per sette giorni: tutto Israele, dall'ingresso di Camat al torrente d'Egitto, un'assemblea molto grande, era con lui.

Mappa

#http://#

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-9°domenica dell'anno C dove si leggono i seguenti passi
[(1re 8,41-43)}; (sal 116,1-2)}; (Gal 1,1-2.1,6-10)}; (Lc 7,1-10)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia