Cronologia dei paragrafi

Giuseppe venduto dai fratelli
Storia di Giuda e di Tamar
Primi successi di Giuseppe in Egitto
Giuseppe e la seduttrice
Giuseppe in prigione
Giuseppe interpreta i sogni degli ufficiali del Faraone
I sogni del Faraone
Promozione di Giuseppe
I figli di Giacobbe
Primo incontro di Giusepe con i suoi fratelli
Ritorno dei figli di Giacobbe in Canaan
I figli di Giacobbe ripartono con Beniamino
L'incontro presso Giuseppe
La coppa di Giuseppe nel sacco di Beniamino
L'intervento di Giuda
Giuseppe si fa riconoscere
L'invito del Faraone
Il ritorno in Canaan
Partenza di Giacobbe per l'Egitto
La famiglia di Giacobbe
L'accoglienza di Giuseppe
L'udienza del Faraone
Altro racconto
Politica agraria di Giuseppe
Ultime volontà di Giacobbe
Giacobbe adotta e benedice i due figli di Giuseppe
Benedizioni di Giacobbe
Ultimi momenti e morte di Giacobbe
Funerali di Giacobbe
Dalla morte di Giacobbe alla morte di Giuseppe

Giuseppe venduto dai fratelli (gen 37,12-99)

37:12 I suoi fratelli erano andati a pascolare il gregge del loro padre a Sichem. 13 Israele disse a Giuseppe: "Sai che i tuoi fratelli sono al pascolo a Sichem? Vieni, ti voglio mandare da loro". Gli rispose: "Eccomi!". 14 Gli disse: "Va' a vedere come stanno i tuoi fratelli e come sta il bestiame, poi torna a darmi notizie". Lo fece dunque partire dalla valle di Ebron ed egli arrivò a Sichem. 15 Mentre egli si aggirava per la campagna, lo trovò un uomo, che gli domandò: "Che cosa cerchi?". 16 Rispose: "Sono in cerca dei miei fratelli. Indicami dove si trovano a pascolare". 17 Quell'uomo disse: "Hanno tolto le tende di qui; li ho sentiti dire: "Andiamo a Dotan!"". Allora Giuseppe ripartì in cerca dei suoi fratelli e li trovò a Dotan. 18 Essi lo videro da lontano e, prima che giungesse vicino a loro, complottarono contro di lui per farlo morire. 19 Si dissero l'un l'altro: "Eccolo! è arrivato il signore dei sogni! 20 Orsù, uccidiamolo e gettiamolo in una cisterna! Poi diremo: "Una bestia feroce l'ha divorato!". Così vedremo che ne sarà dei suoi sogni!". 21 Ma Ruben sentì e, volendo salvarlo dalle loro mani, disse: "Non togliamogli la vita". 22 Poi disse loro: "Non spargete il sangue, gettatelo in questa cisterna che è nel deserto, ma non colpitelo con la vostra mano": egli intendeva salvarlo dalle loro mani e ricondurlo a suo padre. 23 Quando Giuseppe fu arrivato presso i suoi fratelli, essi lo spogliarono della sua tunica, quella tunica con le maniche lunghe che egli indossava, 24 lo afferrarono e lo gettarono nella cisterna: era una cisterna vuota, senz'acqua. 25 Poi sedettero per prendere cibo. Quand'ecco, alzando gli occhi, videro arrivare una carovana di Ismaeliti provenienti da Gàlaad, con i cammelli carichi di resina, balsamo e làudano, che andavano a portare in Egitto. 26 Allora Giuda disse ai fratelli: "Che guadagno c'è a uccidere il nostro fratello e a coprire il suo sangue? 27 Su, vendiamolo agli Ismaeliti e la nostra mano non sia contro di lui, perchè è nostro fratello e nostra carne". I suoi fratelli gli diedero ascolto. 28 Passarono alcuni mercanti madianiti; essi tirarono su ed estrassero Giuseppe dalla cisterna e per venti sicli d'argento vendettero Giuseppe agli Ismaeliti. Così Giuseppe fu condotto in Egitto. 29 Quando Ruben tornò alla cisterna, ecco, Giuseppe non c'era più. Allora si stracciò le vesti, 30 tornò dai suoi fratelli e disse: "Il ragazzo non c'è più; e io, dove andrò?". 31 Allora presero la tunica di Giuseppe, sgozzarono un capro e intinsero la tunica nel sangue. 32 Poi mandarono al padre la tunica con le maniche lunghe e gliela fecero pervenire con queste parole: "Abbiamo trovato questa; per favore, verifica se è la tunica di tuo figlio o no". 33 Egli la riconobbe e disse: "è la tunica di mio figlio! Una bestia feroce l'ha divorato. Giuseppe è stato sbranato". 34 Giacobbe si stracciò le vesti, si pose una tela di sacco attorno ai fianchi e fece lutto sul suo figlio per molti giorni. 35 Tutti i figli e le figlie vennero a consolarlo, ma egli non volle essere consolato dicendo: "No, io scenderò in lutto da mio figlio negli inferi". E il padre suo lo pianse. 36 Intanto i Madianiti lo vendettero in Egitto a Potifàr, eunuco del faraone e comandante delle guardie.

37:12 37:12 Or i suoi fratelli andarono a pasturar le gregge del padre loro in Sichem. 13 37:13 Ed Israele disse a Giuseppe: I tuoi fratelli non pasturano essi in Sichem? Vieni, ed io ti mandero' a loro. Ed egli disse: Eccomi. 14 37:14 Ed esso gli disse: Or va', e vedi se i tuoi fratelli, e le gregge, stanno bene, e rapportamelo. Cosi' lo mando' dalla valle di Hebron. ed egli venne in Sichem. 15 37:15 Ed un uomo lo trovo' ch'egli andava errando per li campi. e quell'uomo lo domando', e gli disse: Che cerchi? 16 37:16 Ed egli disse: Io cerco i miei fratelli. deh! insegnami dove essi pasturano. 17 37:17 E quell'uomo gli disse: Essi son partiti di qui. perciocchà io li udii che dicevano: Andiamocene in Dotain. Giuseppe adunque ando' dietro a' suoi fratelli, e li trovo' in Dotain. 18 37:18 Ed essi lo videro da lungi. ed avanti che si approessasse a loro, macchinarono contro a lui, per ucciderlo. 19 37:19 E dissero l'uno all'altro: Ecco cotesto sognatore viene. 20 37:20 Ora dunque venite, ed uccidiamolo. e poi gittiamo-lo in una di queste fosse. e noi diremo che una mala bestia l'ha divorato. e vedremo che diverranno i suoi sogni. 21 37:21 Ma Ruben, udendo questo, lo riscosse dalle lor mani, e disse: Non percotia-molo a morte. 22 37:22 Ruben ancora disse loro: Non ispandete il sangue. gittatelo in quella fossa ch'e' nel deserto, ma non gli mettete la mano addosso. per riscuoterlo dalle lor mani e per rimenarlo a suo padre. 23 37:23 E, quando Giuseppe fu venuto a' suoi fratelli, essi lo spogliarono della sua giubba, di quella giubba vergata ch'egli avea indosso. 24 37:24 Poi lo proesero, e lo gittarono in quella fossa: or la fossa era vota, e non vi era acqua alcuna dentro. 25 37:25 Poi si assettarono per proender cibo, ed alzarono gli occhi, e videro una carovana d'Ismaeliti che veniva di Ga-laad, i cui cammelli erano carichi di cose proeziose, di balsamo e di mirra. ed essi andavano per portar quelle cose in Egitto. 26 37:26 E Giuda disse a' suoi fratelli: Che guadagno faremo, quando avremo ucciso il nostro fratello, ed avremo occultato il suo sangue? 27 37:27 Venite, vendiamolo a cotesti Ismaeliti, e non mettiamogli la mano addosso. perciocche' egli e' nostro fratello, nostra carne. E i suoi fratelli gli acconsentirono. 28 37:28 E come que' mercatanti Madianiti passavano, essi trassero e fecero salir Giuseppe fuor di quella fossa, e per venti sicli d'argento lo vendettero a quegl'Ismaeliti. ed essi lo menarono in Egitto. 29 37:29 Or Ruben torno' alla fossa, ed ecco, Giuseppe non v'era piu'. ed egli straccio' i suoi vestimenti. 30 37:30 E torno' a' suoi fratelli, e disse: Il fanciullo non si trova. ed io, dove andro' io? 31 37:31 Ed essi proesero la giubba di Giuseppe. e scannarono un becco, e tinsero quella col sangue. 32 37:32 E mandarono a portar quella giubba vergata al padre loro, ed a dirgli: Noi ab-biam trovata questa giubba: riconosci ora se e' la giubba del tuo figliuolo, o no. 33 37:33 Ed egli la riconobbe, e disse: Questa e' la giubba del mio figliuolo. una mala bestia l'ha divorato. Giuseppe per certo e' stato lacerato. 34 37:34 E Giacobbe straccio' i suoi vestimenti, e si mise un sacco soproa i lombi, e fece cordoglio del suo figliuolo per molti giorni. 35 37:35 E tutti i suoi figliuoli, e tutte le sue figliuole, si levarono per consolarlo. ma egli rifiuto' di esser consolato, e disse: Certo io scendero' con cordoglio al mio figliuolo nel sepolcro. E suo padre lo pianse. 36 37:36 E que' Madianiti, menato Giuseppe in Egitto, lo vendettero a Potifarre, Eunuco di Faraone, Capitan delle guardie.

37:12 37:12 Or i fratelli di Giuseppe erano andati a pascere il gregge del padre a Sichem. 13 37:13 E Israele disse a Giuseppe: 'I tuoi fratelli non sono forse alla pastura a Sichem? Vieni, che ti mandero' da loro'. Ed egli rispose: 'Eccomi'. 14 37:14 Israele gli disse: 'Va' a vedere se i tuoi fratelli stanno bene, e se tutto va bene col gregge. e torna a dirmelo'. Cosi' lo mando' dalla valle di Hebron, e Giuseppe arrivo' a Sichem. 15 37:15 E un uomo lo trovo' che andava errando per i campi e quest'uomo lo interrogo', dicendo: 'Che cerchi?' 16 37:16 Egli rispose: 'Cerco i miei fratelli. deh, dimmi dove siano a pascere il gregge'. 17 37:17 E quell'uomo gli disse: 'Son partiti di qui, perchè li ho uditi che dicevano: Andiamocene a Dotan'. Giuseppe ando' quindi in traccia de' suoi fratelli, e li trovo' a Dotan. 18 37:18 Essi lo scorsero da lontano. e proima ch'egli fosse loro vicino, macchinarono d'ucciderlo. 19 37:19 E dissero l'uno all'altro: 'Ecco cotesto sognatore che viene ! 20 37:20 Ora dunque venite, uccidiamolo, e gettiamolo in una di queste cisterne. diremo poi che una mala bestia l'ha divorato, e vedremo che ne sara' de' suoi sogni'. 21 37:21 Ruben udi' questo, e lo libero' dalle loro mani. Disse: 'Non gli togliamo la vita'. 22 37:22 Poi Ruben aggiunse: 'Non spargete sangue. gettatelo in quella cisterna ch'è nel deserto, ma non lo colpisca la vostra mano'. Diceva cosi', per liberarlo dalle loro mani e restituirlo a suo padre. 23 37:23 Quando Giuseppe fu giunto proesso i suoi fratelli, lo spogliarono della sua veste, della veste lunga con le maniche che aveva addosso. 24 37:24 lo proesero e lo gettarono nella cisterna. Or la cisterna era vuota. non c'era punt'acqua. 25 37:25 Poi si misero a sedere per proender cibo. e avendo alzati gli occhi, ecco che videro una carovana d'Ismaeliti, che veniva da Galaad, coi suoi cammelli carichi di aromi, di balsamo e di mirra, che portava in Egitto. 26 37:26 E Giuda disse ai suoi fratelli: 'Che guadagneremo a uccidere il nostro fratello e a nascondere il suo sangue? 27 37:27 Venite, vendiamolo agl'Ismaeliti, e non lo colpisca la nostra mano, poichè e' nostro fratello, nostra carne'. E i suoi fratelli gli diedero ascolto. 28 37:28 E come que' mercanti Madianiti passavano, essi trassero e fecero salire Giuseppe su dalla cisterna, e lo vendettero per venti sicli d'argento a quegl'Ismaeliti. E questi menarono Giuseppe in Egitto. 29 37:29 Or Ruben torno' alla cisterna. ed ecco, Giuseppe non era piu' nella cisterna. Allora egli si straccio' le vesti, 30 37:30 torno' dai suoi fratelli, e disse: 'Il fanciullo non c'e' piu'. e io, dove andro' io?' 31 37:31 Essi proesero la veste di Giuseppe, scannarono un becco, e intrisero del sangue la veste. 32 37:32 Poi mandarono uno a portare al padre loro la veste lunga con le maniche, e gli fecero dire: 'Abbiam trovato questa veste. vedi tu se sia quella del tuo figliuolo, o no'. 33 37:33 Ed egli la riconobbe e disse: 'e' la veste del mio figliuolo. una mala bestia l'ha divorato. per certo, Giuseppe e' stato sbranato'. 34 37:34 E Giacobbe si straccio' le vesti, si mise un cilicio sui fianchi, e fece cordoglio del suo figliuolo per molti giorni. 35 37:35 E tutti i suoi figliuoli e tutte le sue figliuole vennero a consolarlo. ma egli rifiuto' d'esser consolato, e disse: 'Io scendero', facendo cordoglio, dal mio figliuolo, nel soggiorno de' morti'. E suo padre lo pianse. 36 37:36 E que' Madianiti lo vendettero in Egitto a Poti-far, ufficiale di Faraone, capitano delle guardie.

37:12 37:12 Or i fratelli di Giuseppe erano andati a pascolare il gregge del padre a Sichem. 13 37:13 Israele disse a Giuseppe: 'I tuoi fratelli sono al pascolo a Sichem. Vieni, ti manderò da loro'. Egli rispose: 'Eccomi'. 14 37:14 Israele gli disse: 'Vó a vedere se i tuoi fratelli stanno bene e se tutto procede bene con il gregge. poi torna a dirmelo'. Cosò lo mandò dalla valle di Ebron, e Giuseppe arrivò a Sichem. 15 37:15 Mentre andava errando per i campi un uomo lo trovò. e quest'uomo lo interrogò, dicendo: 'Che cerchi?'. 16 37:16 Egli rispose: 'Cerco i miei fratelli. ti proego, dimmi dove sono a pascolare il gregge'-_ 17 37:17 Quell'uomo gli disse: 'Sono partiti di qui, perchè li ho uditi che dicevano: ""Andiamocene a Dotan""'. Giuseppe andò quindi in cerca dei suoi fratelli e li trovò a Dotan. 18 37:18 Essi lo videro da lontano e, proima che egli fosse vicino a loro, complottarono per ucciderlo. 19 37:19 Dissero l'uno all'altro: 'Ecco, il sognatore arriva! 20 37:20 Forza, uccidiamolo e gettiamolo in una di queste cisterne. diremo poi che una bestia feroce l'ha divorato e vedremo che ne saró dei suoi sogni'. 21 37:21 Ruben udò e lo liberò dalle loro mani dicendo: 'Non togliamogli la vita'. 22 37:22 Poi Ruben aggiunse: 'Non spargete sangue. gettatelo in quella cisterna che è nel deserto, ma non lo colpisca la vostra mano'. Diceva cosò per liberarlo dalle loro mani e restituirlo a suo padre. 23 37:23 Quando Giuseppe fu giunto proesso i suoi fratelli, lo spogliarono della sua veste, della veste lunga con le maniche, che aveva addosso, 24 37:24 lo proesero e lo gettarono nella cisterna. La cisterna era vuota, non c'era acqua. 25 37:25 Poi si sedettero per mangiare e, alzando gli occhi, videro una carovana d'Ismaeliti che veniva da Gala-ad, con i suoi cammelli carichi di aromi, di balsamo e di mirra, che scendeva in Egitto. 26 37:26 Giuda disse ai suoi fratelli: 'Che ci guadagneremo a uccidere nostro fratello e a nascondere il suo sangue? 27 37:27 Su, vendiamolo agl'Ismaeliti e non lo colpisca la nostra mano, perchè è nostro fratello, nostra carne'. I suoi fratelli gli diedero ascolto. 28 37:28 Come quei mercanti madianiti passavano, essi tirarono su Giuseppe, lo fecero salire dalla cisterna, e lo vendettero per venti sicli d'argento a quegl'Ismaeliti. Questi condussero Giuseppe in Egitto. 29 37:29 Ruben tornò alla cisterna. ed ecco, Giuseppe non era più nella cisterna. Allora egli si stracciò le vesti, 30 37:30 tornò dai suoi fratelli e disse: 'Il ragazzo non c'è più, e io, dove andrò?'. 31 37:31 Essi proesero la veste di Giuseppe, scannarono un becco e intinsero la veste nel sangue. 32 37:32 Poi mandarono uno a portare al padre loro la veste lunga con le maniche e gli fecero dire: 'Abbiamo trovato questa veste. vedi tu se è quella di tuo figlio, o no'. 33 37:33 Egli la riconobbe e disse: 'è la veste di mio figlio. Una bestia feroce l'ha divorato. certamente Giuseppe è stato sbranato'. 34 37:34 Allora Giacobbe si stracciò le vesti, si vestò di sacco, e fece cordoglio di suo figlio per molti giorni. 35 37:35 Tutti i suoi figli e tutte le sue figlie vennero a consolarlo. ma egli rifiutò di essere consolato, e disse: 'Io scenderò con cordoglio da mio figlio, nel soggiorno dei morti'. E suo padre lo pianse. 36 37:36 Intanto quei Madianiti vendettero Giuseppe in Egitto a Potifar, ufficiale del faraone, capitano delle guardie.

37:12 37:12 Or i fratelli di Giuseppe erano andati a pascolare il gregge del padre a Sichem. 13 37:13 E Israele disse a Giuseppe: ’I tuoi fratelli non stanno forse pascolando il gregge a Sichem? Vieni, che ti manderò da loro'. Egli rispose: ’Eccomi'. 14 37:14 Israele gli disse: ’Vó a vedere se i tuoi fratelli stanno bene e se il gregge va bene, e poi torna a riferirmelo'. Così lo mandò dalla valle di Hebron, ed egli arrivò a Sichem. 15 37:15 Mentre egli vagava per la campagna, un uomo lo trovò e gli chiese: ’Che cerchi?'. 16 37:16 Egli rispose: ’Sto cercando i miei fratelli. per favore, dimmi dove si trovano a pascolare'. 17 37:17 Quell’uomo gli disse: ’Son partiti di qui, perchè li ho sentiti dire: ""Andiamo a Dothan""'. Allora Giuseppe andò in cerca dei suoi fratelli, e li trovò a Dothan. 18 37:18 Essi lo scorsero da lontano e, proima che fosse loro vicino, complottarono contro di lui per ucciderlo. 19 37:19 E dissero l’un l’altro: ’Ecco che arriva il sognatore! 20 37:20 Ora dunque venite, uccidiamolo e gettiamolo in un pozzo. diremo poi che una bestia feroce lo ha divorato. così vedremo che ne saró dei suoi sogni'. 21 37:21 Ruben udì questo e decise di liberarlo dalle loro mani, e disse: ’Non gli togliamo la vita'. 22 37:22 Poi Ruben aggiunse: ’Non spargete sangue, ma gettatelo in questo pozzo nel deserto e non colpitelo di vostra mano'. Diceva così, per liberarlo dalle loro mani e riportarlo a suo padre. 23 37:23 Quando Giuseppe fu giunto proesso i suoi fratelli, lo spogliarono della sua veste, della lunga veste fino ai piedi che indossava. 24 37:24 poi lo proesero e lo gettarono nel pozzo. Or il pozzo era vuoto, senz’acqua dentro. 25 37:25 Poi si misero a sedere per proendere cibo. ma, alzando gli occhi, ecco videro una carovana di Ismaeliti, che veniva da Galaad coi loro cammelli carichi di spezie, di balsamo e di mirra, in viaggio per portarli in Egitto. 26 37:26 Allora Giuda disse ai suoi fratelli: Che guadagno avremo a uccidere nostro fratello e a nascondere il suo sangue? 27 37:27 Venite, vendiamolo agli Ismaeliti e non lo colpisca la nostra mano, perchè è nostro fratello, nostra carne'. E i suoi fratelli gli diedero ascolto. 28 37:28 Come quei mercanti Madianiti passavano, essi sollevarono e tirarono Giuseppe fuori dal pozzo e lo vendettero agli Ismaeliti per venti sicli d’argento. E questi condussero Giuseppe in Egitto. 29 37:29 Or Ruben tornò al pozzo, ed ecco, Giuseppe non era più nel pozzo. Allora egli si stracciò le vesti. 30 37:30 Poi tornò dai suoi fratelli e disse: ’Il fanciullo non c’è più. e io, dove andrò io?'. 31 37:31 Così essi proesero la lunga veste di Giuseppe, uccisero un capro e immersero la veste nel sangue. 32 37:32 Poi portarono la lunga veste dal padre e dissero: ’Abbiamo trovato questo. vedi un po? se è la veste di tuo figlio'. 33 37:33 Ed egli la riconobbe e disse: ’è la veste di mio figlio. lo ha divorato una bestia feroce. certamente Giuseppe è stato sbranato'. 34 37:34 Giacobbe allora si stracciò le vesti, si mise un cilicio ai fianchi e fece cordoglio di suo figlio per molti giorni. 35 37:35 E tutti i suoi figli e tutte le sue figlie vennero a consolarlo. ma egli rifiutò di essere consolato e disse: ’Io scenderò nello Sceol da mio figlio facendo cordoglio'. Così suo padre lo pianse. 36 37:36 Intanto i Madianiti vendettero Giuseppe in Egitto a Potifar, ufficiale del F a-raone e capitano delle guardie.

37:12 I suoi fratelli andarono a pascolare il gregge del loro padre a Sichem. 13 Israele disse a Giuseppe: ""Sai che i tuoi fratelli sono al pascolo a Sichem? Vieni, ti voglio mandare da loro"". Gli rispose: ""Eccomi!"". 14 Gli disse: ""Vó a vedere come stanno i tuoi fratelli e come sta il bestiame, poi torna a riferirmi"". Lo fece dunque partire dalla valle di Ebron ed egli arrivò a Sichem. 15 Mentr'egli andava errando per la campagna, lo trovò un uomo, che gli domandò: ""Che cerchi?"". 16 Rispose: ""Cerco i miei fratelli. Indicami dove si trovano a pascolare"". 17 Quell'uomo disse: ""Hanno tolto le tende di qui, infatti li ho sentiti dire: Andiamo a Dotan"". Allora Giuseppe andò in cerca dei suoi fratelli e li trovò a Dotan. 18 Essi lo videro da lontano e, prima che giungesse vicino a loro, complottarono di farlo morire. 19 Si dissero l'un l'altro: ""Ecco, il sognatore arriva! 20 Orsù, uccidiamolo e gettiamolo in qualche cisterna! Poi diremo: Una bestia feroce l'ha divorato! Così vedremo che ne sarà dei suoi sogni!"". 21 Ma Ruben sentì e volle salvarlo dalle loro mani, dicendo: ""Non togliamogli la vita"". 22 Poi disse loro: ""Non spargete il sangue, gettatelo in questa cisterna che è nel deserto, ma non colpitelo con la vostra mano""; egli intendeva salvarlo dalle loro mani e ricondurlo a suo padre. 23 Quando Giuseppe fu arrivato presso i suoi fratelli, essi lo spogliarono della sua tunica, quella tunica dalle lunghe maniche ch'egli indossava, 24 lo afferrarono e lo gettarono nella cisterna: era una cisterna vuota, senz'acqua. 25 Poi sedettero per prendere cibo. Quando ecco, alzando gli occhi, videro arrivare una carovana di Ismaeliti provenienti da Galaad, con i cammelli carichi di resina, di balsamo e di laudano, che andavano a portare in Egitto. 26 Allora Giuda disse ai fratelli: ""Che guadagno c'è ad uccidere il nostro fratello e a nasconderne il sangue? 27 Su, vendiamolo agli Ismaeliti e la nostra mano non sia contro di lui, perchè è nostro fratello e nostra carne"". I suoi fratelli lo ascoltarono. 28 Passarono alcuni mercanti madianiti; essi tirarono su ed estrassero Giuseppe dalla cisterna e per venti sicli d'argento vendettero Giuseppe agli Ismaeliti. Così Giuseppe fu condotto in Egitto. 29 Quando Ruben ritornò alla cisterna, ecco Giuseppe non c'era più. Allora si stracciò le vesti, 30 tornò dai suoi fratelli e disse: ""Il ragazzo non c'è più, dove andrò io?"". 31 Presero allora la tunica di Giuseppe, scannarono un capro e intinsero la tunica nel sangue. 32 Poi mandarono al padre la tunica dalle lunghe maniche e gliela fecero pervenire con queste parole: ""L'abbiamo trovata; riscontra se è o no la tunica di tuo figlio"". 33 Egli la riconobbe e disse: ""è la tunica di mio figlio! Una bestia feroce l'ha divorato. Giuseppe è stato sbranato"". 34 Giacobbe si stracciò le vesti, si pose un cilicio attorno ai fianchi e fece lutto sul figlio per molti giorni. 35 Tutti i suoi figli e le sue figlie vennero a consolarlo, ma egli non volle essere consolato dicendo: ""No, io voglio scendere in lutto al figlio mio nella tomba"". E il padre suo lo pianse. 36 Intanto i Madianiti lo vendettero in Egitto a Potifar, consigliere del faraone e comandante delle guardie.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale
11
hin
55
l
20
sicli
320
g