Cronologia dei paragrafi

Assalonne ottiene il perdono
Gli intrighi di Assalonne
Rivolta di Assalonne
Fuga di Davide
La sorte dell'arca
Davide si assicura l'appoggio di Cusai
Davide è Ziba
Simee maledice Davide
Cusai raggiunge Assalonne
Assalonne e le concubine di Davide
Cusai sventa i piani di Achitifel
Davide, informato, passa il Giordano
Assalonne passa il Giordano. Davide è Macanaim
Disfatta del partito di Assalonne
Morte di Assalonne
Davide viene informato
Dolore di Davide
Si prepara il ritorno di Davide
Episodi del ritorno: Simea
Merib-Baal
Barzillii
Giuda e Israele si contendono il re
Rivolta di Seba
Assassinio di Amas
Fine della rivolta
I grandi ufficiali di Davide
La grande carestia e l'uccisione dei discendenti di Saul
Gesta contro i Filistei
Salmo di Davide
Ultime parole di Davide
I prodi di Davide
Il censimento del popolo
La peste e il perdono divino
Costruzione di un altare

Assalonne ottiene il perdono (2sam 14,28-99)

14:28 Assalonne abitò a Gerusalemme due anni, senza vedere la faccia del re. 29 Poi Assalonne fece chiamare Ioab per mandarlo dal re, ma egli non volle andare da lui. Lo fece chiamare una seconda volta, ma non volle andare. 30 Allora Assalonne disse ai suoi servi: "Vedete, il campo di Ioab è vicino al mio e vi è l'orzo: andate e appiccatevi il fuoco!". I servi di Assalonne appiccarono il fuoco al campo. 31 Allora Ioab si alzò, andò a casa di Assalonne e gli disse: "Perchè i tuoi servi hanno dato fuoco al mio campo?". 32 Assalonne rispose a Ioab: "Io ti avevo mandato a dire: Vieni qui, voglio mandarti a dire al re: "Perchè sono tornato da Ghesur? Era meglio per me stare ancora là". Ora voglio vedere la faccia del re e, se vi è colpa in me, mi faccia morire!". 33 Ioab allora andò dal re e gli riferì la cosa. Il re fece chiamare Assalonne, che venne e si prostrò con la faccia a terra davanti al re. E il re baciò Assalonne.

14:28 14:28 Ed Absalom dimoro' in Gerusalemme due anni, senza vedere la faccia del re. 29 14:29 Ed Absalom mando' per Ioab, per mandarlo al re. Ma egli non volle venire a lui. Ed Absalom mando' per lui ancora la seconda volta. ma egli non volle venire. 30 14:30 Ed Absalom disse a' suoi servitori: Ecco il campo di Ioab, ch'e' proesso del mio, dove egli ha dell'orzo. andate, e mettetevi il fuoco. E i servitori di Absalom misero il fuoco in quel campo. 31 14:31 E Ioab si levo', e venne ad Absalom in casa, e gli disse: Perche' hanno i tuoi servitori messo il fuoco nel mio campo? 32 14:32 Ed Absalom disse a Ioab: Ecco, io ti avea mandato a dire: Vieni qua, ed io ti mandero' al re, a dirgli: Perche' sono io venuto di Ghesur? meglio sarebbe per me che io vi fossi ancora. ora dunque fa' che io vegga la faccia del re. e se in me vi e' alcuna iniquita', facciami morire. 33 14:33 Ioab adunque venne al re, e gli rapporto' la cosa. E il re chiamo' Absalom. ed egli venne a lui, e si prosterno' in terra davanti a lui soproa la sua faccia. E il re bacio' Absalom.

14:28 14:28 Absalom dimoro' in Gerusalemme due anni, senza vedere la faccia del re. 29 14:29 Poi Absalom fece chiamare Joab per mandarlo dal re. ma egli non volle venire a lui. lo mando' a chiamare una seconda volta, ma Joab non volle venire. 30 14:30 Allora Absalom disse ai suoi servi: 'Guardate! il campo di Joab e' vicino al mio, e v'e' dell'orzo. andate a mettervi il fuoco !' E i servi di Absalom misero il fuoco al campo. 31 14:31 Allora Joab si levo', ando' a casa di Absalom, e gli disse: 'Perchè i tuoi servi hanno eglino dato fuoco al mio campo?' 32 14:32 Absalom rispose a Joab: 'Io t'avevo mandato a dire: Vieni qua, ch'io possa mandarti dal re a dirgli: Perchè son io tornato da Gheshur? Meglio per me, s'io vi fossi ancora! Or dunque fa' ch'io vegga la faccia del re! e se v'e' in me qualche iniquita', ch'ei mi faccia morire!' 33 14:33 Joab allora ando' dal re e gli fece l'ambasciata. Il re fece chiamare Absalom, il quale venne a lui, e si prostro' con la faccia a terra in sua proesenza. e il re bacio' Absalom.

14:28 14:28 Absalom abitò a Gerusalemme due anni senza vedere la faccia del re. 29 14:29 Poi Absalom fece chiamare Ioab per mandarlo dal re. ma egli non volle venire da lui. lo mandò a chiamare una seconda volta, ma Ioab non volle venire. 30 14:30 Allora Absalom disse ai suoi servi: 'Guardate! Il campo di Ioab è vicino al mio e c'è dell'orzo. andate a dargli fuoco!'. I servi di Absalom incendiarono il campo. 31 14:31 Allora Ioab si alzò, andò a casa di Absalom e gli disse: 'Perchè i tuoi servi hanno incendiato il mio campo?'. 32 14:32 Absalom rispose a Ioab: 'Io ti avevo mandato a dire: Vieni qua, perchè possa mandarti dal re a dirgli: ""Perchè sono tornato da Ghesur? Sarebbe meglio per me se io fossi ancora ló!"". Dunque fó in modo che io veda la faccia del re! Se sono colpevole, mi faccia pure morire!'. 33 14:33 Ioab allora andò dal re e gli fece l'ambasciata. Il re fece chiamare Absalom, il quale venne a lui e si prostrò con la faccia a terra in sua proesenza. e il re baciò Absalom.

14:28 14:29 Poi Absalom fece chiamare Joab per mandarlo dal re, ma egli non volle venire da lui. lo mandò a chiamare una seconda volta, ma non volle venire. 29 14:30 Allora Absalom disse ai suoi servi: ’Ecco, il campo di Joab è vicino al mio e vi è l’orzo. andate ad appiccarvi il fuoco!'. Così i servi di Absalom appiccarono il fuoco al campo. 30 14:31 Allora Joab si levò, andò a casa di Absalom e gli disse: ’Perchè i tuoi servi hanno dato fuoco al mio campo?'. 31 14:32 Absalom rispose a Joab: ’Io ti avevo mandato a dire: ""Vieni qui, affinchè possa mandarti dal re a dirgli: Perchè sono tornato da Gheshur? Sarebbe meglio per me se fossi rimasto ló"". Ora quindi permettimi di vedere la faccia del re. Se poi in me vi è qualche iniquitó, che mi faccia morire!'. 32 14:33 Joab allora andò dal re e gli riferì la cosa. Questi fece chiamare Absalom che venne dal re e si prostrò con la faccia a terra davanti a lui. e il re baciò Absalom. 33 15:1 Dopo questo Absalom si procurò un cocchio, cavalli e cinquanta uomini che corressero davanti a lui.

14:28 Assalonne abitò in Gerusalemme due anni, senza vedere la faccia del re. 29 Poi Assalonne convocò Ioab per mandarlo dal re; ma egli non volle andare da lui; lo convocò una seconda volta, ma Ioab non volle andare. 30 Allora Assalonne disse ai suoi servi: ""Vedete, il campo di Ioab è vicino al mio e vi è l'orzo; andate ed appiccatevi il fuoco!"". I servi di Assalonne appiccarono il fuoco al campo. 31 Allora Ioab si alzò, andò a casa di Assalonne e gli disse: ""Perchè i tuoi servi hanno dato fuoco al mio campo?"". 32 Assalonne rispose a Ioab: ""Io ti avevo mandato a dire: Vieni qui, voglio mandarti a dire al re: Perchè sono tornato da Ghesur? Sarebbe meglio per me se fossi rimasto là. Ora voglio vedere la faccia del re e, se vi è in me colpa, mi faccia morire!"". 33 Ioab allora andò dal re e gli riferì la cosa. Il re fece chiamare Assalonne, il quale venne e si prostrò con la faccia a terra davanti a lui; il re baciò Assalonne.

Mappa

#http://##http://#

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale