Cronologia dei paragrafi

Morte del figlio di Betsabea. Nascita di Salomone
Presa di Rabbù
Amnon oltraggia sua sorella Tamar
Assalonne fa assassinare Ammon e fugge
Ioab tratta il ritorno di Assalonne
Alcuni dettagli su Assalonne
Assalonne ottiene il perdono
Gli intrighi di Assalonne
Rivolta di Assalonne
Fuga di Davide
La sorte dell'arca
Davide si assicura l'appoggio di Cusai
Davide è Ziba
Simee maledice Davide
Cusai raggiunge Assalonne
Assalonne e le concubine di Davide
Cusai sventa i piani di Achitifel
Davide, informato, passa il Giordano
Assalonne passa il Giordano. Davide è Macanaim
Disfatta del partito di Assalonne
Morte di Assalonne
Davide viene informato
Dolore di Davide
Si prepara il ritorno di Davide
Episodi del ritorno: Simea
Merib-Baal
Barzillii
Giuda e Israele si contendono il re
Rivolta di Seba
Assassinio di Amas
Fine della rivolta
I grandi ufficiali di Davide
La grande carestia e l'uccisione dei discendenti di Saul
Gesta contro i Filistei
Salmo di Davide
Ultime parole di Davide
I prodi di Davide
Il censimento del popolo
La peste e il perdono divino
Costruzione di un altare

Morte del figlio di Betsabea. Nascita di Salomone (2sam 12,15-25)

12:15 Natan tornò a casa. Il Signore dunque colpì il bambino che la moglie di Uria aveva partorito a Davide e il bambino si ammalò gravemente. 16 Davide allora fece suppliche a Dio per il bambino, si mise a digiunare e, quando rientrava per passare la notte, dormiva per terra. 17 Gli anziani della sua casa insistevano presso di lui perchè si alzasse da terra, ma egli non volle e non prese cibo con loro. 18 Ora, il settimo giorno il bambino morì e i servi di Davide temevano di annunciargli che il bambino era morto, perchè dicevano: "Ecco, quando il bambino era ancora vivo, noi gli abbiamo parlato e non ha ascoltato le nostre parole; come faremo ora a dirgli che il bambino è morto? Farà di peggio!". 19 Ma Davide si accorse che i suoi servi bisbigliavano fra loro, comprese che il bambino era morto e disse ai suoi servi: "è morto il bambino?". Quelli risposero: "è morto". 20 Allora Davide si alzò da terra, si lavò, si unse e cambiò le vesti; poi andò nella casa del Signore e si prostrò. Rientrato in casa, chiese che gli portassero del cibo e mangiò. 21 I suoi servi gli dissero: "Che cosa fai? Per il bambino ancora vivo hai digiunato e pianto e, ora che è morto, ti alzi e mangi!". 22 Egli rispose: "Quando il bambino era ancora vivo, digiunavo e piangevo, perchè dicevo: "Chissà? Il Signore avrà forse pietà di me e il bambino resterà vivo". 23 Ma ora egli è morto: perchè digiunare? Potrei forse farlo ritornare? Andrò io da lui, ma lui non tornerà da me!". 24 Poi Davide consolò Betsabea sua moglie, andando da lei e giacendo con lei: così partorì un figlio, che egli chiamò Salomone. Il Signore lo amò 25 e mandò il profeta Natan perchè lo chiamasse Iedidià per ordine del Signore.

12:15 12:15 E Natan ando' a casa sua. E il Signore percosse il fanciullo che la moglie di Uria avea partorito a Davide. ed egli infermo', fuor di speranza di guarigione. 16 12:16 E Davide fece richiesta a Dio per lo fanciullo, e digiuno', e venne, e passo' la notte giacendo in terra. 17 12:17 E gli Anziani di casa sua gli fecero istanza, per farlo levar di terra. ma egli non volle, e non proese cibo con loro. 18 12:18 Ed avvenne al settimo giorno che il fanciullo mori'. Ed i servitori di Davide temevano di fargli assa-pere che il fanciullo era morto. perciocche' dicevano: Ecco, mentre il fanciullo era ancora in vita, noi gli parlammo, ed egli non porse orecchie al nostro dire. come dunque gli diremo noi: Il fanciullo e' morto? onde egli si affliggera'. 19 12:19 E Davide, veggendo che i suoi servitori bisbigliavano, si avvide che il fanciullo era morto. onde disse a' suoi servitori: Il fanciullo e' egli morto? Ed essi gli dissero: Si', egli e' morto. 20 12:20 Allora Davide si levo' di terra, e si lavo', e s'unse, e muto' i suoi vestimenti, ed entro' nella Casa del Signore, e adoro'. poi venne in casa sua, e chiese che gli fosse messa la tavola con le vivande, e mangio'. 21 12:21 E i suoi servitori gli dissero: Che cosa e' questo che tu hai fatto? tu hai digiunato, e pianto per lo fanciullo, mentre era ancora in vita. e quando egli e' stato morto, tu ti sei levato, ed hai mangiato. 22 12:22 Ed egli disse: Io ho digiunato e pianto, mentre il fanciullo era ancora in vita. perciocche' io diceva: Chi sa? forse il Signore mi fara' grazia che il fanciullo vive-ra'. 23 12:23 Ma ora ch'egli e' morto, perche' digiunerei io? potrei io farlo ancora tornare? io me ne vo a lui, ma egli non ritornera' a me. 24 12:24 Poi Davide consolo' Bat-seba, sua moglie. ed entro' da lei, e giacque con lei. ed ella partori' un figliuolo, al quale egli pose nome Salomone. e il Signore l'amo'. 25 12:25 Ed egli mando' il profeta Natan, che gli pose nome Iedidia, per cagione del Signore.

12:15 12:15 E l'Eterno colpi' il bambino che la moglie di Uria avea partorito a Davide, ed esso cadde gravemente ammalato. 16 12:16 Davide quindi fece supplicazioni a Dio per il bambino, e digiuno'. poi venne e passo' la notte giacendo per terra. 17 12:17 Gli anziani della sua casa insistettero proesso di lui perch'egli si levasse da terra. ma egli non volle, e rifiuto' di proender cibo con essi. 18 12:18 Or avvenne che il settimo giorno il bambino mori'. e i servi di Davide temevano di fargli sapere che il bambino era morto. poichè dicevano: 'Ecco, quando il bambino era ancora vivo, noi gli abbiam parlato ed egli non ha dato ascolto alle nostre parole. come faremo ora a dirgli che il bambino e' morto? Egli andra' a qualche estremo'. 19 12:19 Ma Davide, vedendo che i suoi servi bisbigliavano fra loro, comproese che il bambino era morto. e disse ai suoi servi: 'e' morto il bambino?' Quelli risposero: 'e' morto'. 20 12:20 Allora Davide si alzo' da terra, si lavo', si unse e si muto' le vesti. poi ando' nella casa dell'Eterno e vi si prostro'. e tornato a casa sua, chiese che gli portassero da mangiare, e mangio'. 21 12:21 I suoi servi gli dissero: 'Che cosa fai? Quando il bambino era vivo ancora, tu digiunavi e piangevi. e ora ch'e' morto, ti alzi e mangi!' 22 12:22 Egli rispose: 'Quando il bambino era vivo ancora, digiunavo e piangevo, perchè dicevo: - Chi sa che l'Eterno non abbia pieta' di me e il bambino non resti in vita? - Ma ora ch'egli e' morto, perchè digiunerei? 23 12:23 Posso io farlo ritornare? Io me ne andro' a lui, ma egli non ritornera' a me!' 24 12:24 Poi Davide consolo' Bath-Sheba sua moglie, entro' da lei e si giacque con essa. ed ella partori' un figliuolo, al quale egli pose nome Salomone. 25 12:25 L'Eterno amo' Salomone e mando' il profeta Nathan che gli pose nome Iedidia, a motivo dell'amore che l'Eterno gli portava.

12:15 12:15 Il SIGNORE colpò il bambino che la moglie di Uria aveva partorito a Davide, ed esso cadde gravemente ammalato. 16 12:16 Davide quindi rivolse suppliche a Dio per il bambino e digiunò. poi venne e passò la notte disteso per terra. 17 12:17 Gli anziani della sua casa insistettero proesso di lui perchè egli si alzasse da terra. ma egli non volle e rifiutò di proendere cibo con loro. 18 12:18 Il settimo giorno il bambino morò. i servitori di Davide non osavano fargli sapere che il bambino era morto. perchè dicevano: 'Quando il bambino era ancora vivo, gli abbiamo parlato ed egli non ha dato ascolto alle nostre parole. come faremo ora a dirgli che il bambino è morto? Potrebbe commettere un gesto disperato'. 19 12:19 Ma Davide, vedendo che i suoi servitori bisbigliavano tra di loro, comproese che il bambino era morto e disse ai suoi servitori: 'è morto il bambino?'. Quelli risposero: 'è morto'. 20 12:20 Allora Davide si alzò da terra, si lavò, si unse e si cambiò le vesti. poi andò nella casa del SIGNORE e vi si prostrò. tornato a casa sua, chiese che gli portassero da mangiare e mangiò. 21 12:21 I suoi servitori gli dissero: 'Che cosa fai? Quando il bambino era ancora vivo digiunavi e piangevi. ora che è morto, ti alzi e mangi!'. 22 12:22 Egli rispose: 'Quando il bambino era ancora vivo, digiunavo e piangevo, perchè dicevo: Chissó che il SIGNORE non abbia pietó di me e il bambino non resti in vita? Ma ora che è morto, perchè dovrei digiunare? 23 12:23 Posso forse farlo ritornare? Io andrò da lui, ma egli non ritorneró da me!'. 24 12:24 Poi Davide consolò Bat-Sceba sua moglie, entrò da lei e si unò a lei. lei partorò un figlio che chiamò Salomone. 25 12:25 Il SIGNORE amò Salomone e mandò il profeta Natan che lo chiamò Ie-didia, a motivo dell'amore che il SIGNORE gli portava.

12:15 12:16 Allora Davide supplicò DIO per il bambino e digiunò. poi entrò in casa e passò la notte giacendo per terra. 16 12:17 Gli anziani della sua casa insistettero con lui perchè si alzasse da terra, ma egli non volle e rifiutò di proendere cibo con loro. 17 12:18 Or avvenne che il settimo giorno il bambino morì e i servi di Davide temevano di fargli sapere che il bambino era morto, perchè dicevano: ’Ecco, quando il bambino era ancora vivo, noi gli abbiamo parlato ma egli non ha ascoltato le nostre parole. Come faremo ora a dirgli che il bambino è morto? Potrebbe procurarsi del male'. 18 12:19 Quando Davide vide che i suoi servi parlavano sottovoce, comproese che il bambino era morto. perciò Davide disse ai suoi servi: ’è morto il bambino?'. Essi risposero: ’è morto'. 19 12:20 Allora Davide si alzò da terra, si lavò, si unse e cambiò le sue vesti. poi andò nella casa dell’Eterno e si prostrò. tornò quindi a casa sua e chiese che gli portassero del cibo, e mangiò. 20 12:21 I suoi servi gli dissero: ’Che cosa hai fatto? Quando il bambino era ancora vivo, hai digiunato e hai pianto. dopo invece che il bambino è morto, ti sei alzato e hai mangiato'. 21 12:22 Egli rispose: ’Quando il bambino era vivo ancora, digiunavo e piangevo, perchè dicevo: ""Chi sa che l’Eterno non abbia pietó di me e lasci vivere il bambino?"". Ma ora egli è morto. Perchè dovrei digiunare? 22 12:23 Posso forse farlo ritornare? Io andrò da lui, ma egli non ritorneró da me!'. 23 12:24 Poi Davide consolò Bath-Sceba sua moglie, entrò da lei e si coricò insieme. così ella partorì un figlio, che egli chiamò Salomone. e l’Eterno lo amò. 24 12:25 Mandò poi un messaggio tramite il profeta Nathan che gli pose nome Jedidiah, a motivo dell?amore dell’Eterno. 25 12:26 Intanto Joab combattè contro Rabbah dei figli di Ammon ed espugnò la cittó reale.

12:15 Il Signore dunque colpì il bambino che la moglie di Uria aveva partorito a Davide ed esso si ammalò gravemente. 16 Davide allora fece suppliche a Dio per il bambino e digiunò e rientrando passava la notte coricato per terra. 17 Gli anziani della sua casa insistevano presso di lui perchè si alzasse da terra; ma egli non volle e rifiutò di prendere cibo con loro. 18 Ora, il settimo giorno il bambino morì e i ministri di Davide temevano di fargli sapere che il bambino era morto, perchè dicevano: ""Ecco, quando il bambino era ancora vivo, noi gli abbiamo parlato e non ha ascoltato le nostre parole; come faremo ora a dirgli che il bambino è morto? Farà qualche atto insano!"". 19 Ma Davide si accorse che i suoi ministri bisbigliavano fra di loro, comprese che il bambino era morto e disse ai suoi ministri: ""è morto il bambino?"". Quelli risposero: ""è morto"". 20 Allora Davide si alzò da terra, si lavò, si unse e cambiò le vesti; poi andò nella casa del Signore e vi si prostrò. Rientrato in casa, chiese che gli portassero il cibo e mangiò. 21 I suoi ministri gli dissero: ""Che fai? Per il bambino ancora vivo hai digiunato e pianto e, ora che è morto, ti alzi e mangi!"". 22 Egli rispose: ""Quando il bambino era ancora vivo, digiunavo e piangevo, perchè dicevo: Chi sa? Il Signore avrà forse pietà di me e il bambino resterà vivo. 23 Ma ora che egli è morto, perchè digiunare? Posso io farlo ritornare? Io andrò da lui, ma lui non ritornerà da me!"". 24 Poi Davide consolò Betsabea sua moglie, andando da lei e unendosi a lei: essa partorì un figlio, che egli chiamò Salomone. 25 Il Signore amò Salomone e mandò il profeta Natan, che lo chiamò Iedidia per ordine del Signore.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale