Cronologia dei paragrafi

Gionata favorisce la partenza di Davide
La sosta a Nob
Davide presso i Filistei
Davide comincia la vita errante
Massacro dei sacerdoti di Nob
Davide a Keila
Davide a Corsa. Visita di Gionata
Davide sfugge di un soffio a Saul
Davide risparmia Saul
La morte di Samuele. Storia di Nabal e Agigail
Davide risparmia Saul
Davide si rifugia a Gat
Davide vassallo dei Filistei
I Filistei muovono guerra contro Israele
Saul e la pitonessa di Endor
Davide è congedato dai capi Filistei
Campagna contro gli Amaleciti
Battaglia di Gelboe. Morte di Saul

Gionata favorisce la partenza di Davide (1sam 20,1-10)

20:1 Davide fuggì da Naiot di Rama, si recò da Giònata e gli disse: "Che cosa ho fatto, che colpa e che peccato ho nei riguardi di tuo padre, perchè attenti così alla mia vita?". 2 Rispose: "Non sia mai. Non morirai. Vedi, mio padre non fa nulla di grande o di piccolo senza confidarmelo. Perchè mi avrebbe nascosto questa cosa? Non è possibile!". 3 Ma Davide giurò ancora: "Tuo padre sa benissimo che ho trovato grazia ai tuoi occhi e dice: "Giònata non deve sapere questa cosa, perchè si affliggerebbe". Ma, per la vita del Signore e per la tua vita, c'è soltanto un passo tra me e la morte". 4 Giònata disse: "Che cosa desideri che io faccia per te?". 5 Rispose Davide: "Domani è la luna nuova e io dovrei fermarmi a mangiare con il re. Ma tu mi lascerai partire e io resterò nascosto nella campagna fino alla terza sera. 6 Se tuo padre noterà la mia assenza, dirai: "Davide mi ha supplicato di andare in fretta a Betlemme, sua città, perchè vi si celebra il sacrificio annuale per tutta la famiglia". 7 Se dirà: "Va bene", allora il tuo servo può stare in pace. Se invece andrà in collera, sii certo che è stato deciso il peggio da parte sua. 8 Agisci con bontà verso il tuo servo, perchè hai voluto legare a te il tuo servo con un patto del Signore: se c'è colpa in me, uccidimi tu; ma per qual motivo dovresti condurmi da tuo padre?". 9 Giònata rispose: "Non sia mai! Se di certo io sapessi che è deciso il male contro di te da parte di mio padre, non te lo farei forse sapere?". 10 Davide disse a Giònata: "Chi mi avvertirà se tuo padre ti risponde duramente?".

20:1 20:1 POI Davide se ne fuggi' di Naiot, ch'e' in Rama, e venne a Gionatan, e gli disse in faccia: Che ho io fatto? quale e' la mia iniquita', e quale e' il mio peccato inverso tuo padre, ch'egli cerca di tormi la vita? 2 20:2 E Gionatan gli disse: Tolga cio' Iddio. tu non morrai. ecco, mio padre non suol far cosa alcuna, ne' piccola ne' grande, ch'egli non me ne faccia motto. E perche' mi avrebbe mio padre celato questa cosa? questo non e'. 3 20:3 Ma Davide replico', giurando, e disse: Tuo padre sa molto bene che io sono in grazia tua. e percio' egli avra' detto: Gionatan non sappia nulla di questo, che talora egli non se ne conturbi. Ma pure, come vive il Signore, e come l'anima tua vive, non v'e' se non un passo fra me e la morte. 4 20:4 E Gionatan disse a Davide: Che desidera l'anima tua, ed io tel faro'? 5 20:5 E Davide disse a Gio-natan: Ecco, domani e' la nuova luna, nel qual giorno io soglio seder col re a mangiare. lasciami dunque andare, ed io mi nascondero' per la campagna fino alla sera del terzo giorno. 6 20:6 Se pur tuo padre domanda di me, di': Davide mi ha istantemente richiesto di poter andar correndo in Bet-lehem, sua citta'. perciocche' tutta la sua nazione fa quivi un sacrificio solenne. 7 20:7 Se egli allora dice cosi': Bene sta. e' va bene per lo tuo servitore. ma, se pur si adira, sappi che il male e' determinato da parte sua. 8 20:8 Usa adunque benignita' inverso il tuo servitore, poi-che' tu hai fatto entrare il tuo servitore teco in una lega giurata per lo Nome del Signore. e se pur vi e' iniquita' in me, fammi morir tu. e perche' mi meneresti a tuo padre? 9 20:9 E Gionatan gli disse: Tolga cio' Iddio da te. per-ciocche', se io so che il male sia determinato da parte di mio padre, per fartelo venire addosso, non te lo faro' io sapere? 10 20:10 E Davide disse a Gionatan: Chi me lo rapportera', se pur tuo padre ti fa qualche asproa risposta?

20:1 20:1 Davide fuggi' da Naioth proesso Rama, ando' a trovare Gionathan, e gli disse: 'Che ho mai fatto? Qual e' il mio delitto, qual e' il mio peccato verso tuo padre, ch'egli vuole la mia vita?' 2 20:2 Gionathan gli rispose: 'Tolga cio' Iddio! tu non morrai. ecco, mio padre non fa cosa alcuna o grande o piccola, senza farmene parte. e perchè mi celerebbe egli questa? Non e' possibile'. 3 20:3 Ma Davide replico', giurando: 'Tuo padre sa molto bene che io ho trovato grazia agli occhi tuoi. percio' avra' detto: Giona-than non sappia questo, affinchè non ne abbia dispiacere. ma com'e' vero che l'Eterno vive e che vive l'anima tua, fra me e la morte non v'ha che un passo'. 4 20:4 Gionathan disse a Davide: 'Che desideri tu ch'io ti faccia?' 5 20:5 Davide rispose a Gionathan: 'Ecco, domani e' la luna nuova, e io dovrei sedermi a mensa col re. lasciami andare, e mi nascondero' per la campagna fino alla sera del terzo giorno. 6 20:6 Se tuo padre nota la mia assenza, tu gli dirai: -Davide mi ha proegato istantemente di poter dare una corsa fino a Bethlehem, sua citta', perchè v'e' il sacrifizio annuo per tutta la sua famiglia. 7 20:7 - S'egli dice: - Sta bene - il tuo servo avra' pace. ma, se si adira, sappi che il male che mi vuol fare e' deciso. 8 20:8 Mostra dunque la tua bonta' verso il tuo servo giacchè hai fatto entrare il tuo servo in un patto con te nel nome dell'Eterno. ma, se v'e' in me qualche iniquita', dammi la morte tu. perchè mi meneresti da tuo padre?' 9 20:9 Gionathan disse: 'Lungi da te questo pensiero! S'io venissi a sapere che il male e' deciso da parte di mio padre e sta per venirti addosso, non te lo farei io sapere?' 10 20:10 Davide disse a Gionathan: 'Chi m'informera', nel caso che tuo padre ti dia una risposta dura?'

20:1 20:1 Davide fuggò da Naiot, proesso Rama, andò a trovare Gionatan e gli disse: 'Che cosa ho fatto? Qual è la mia colpa? Qual è il mio peccato verso tuo padre, perchè egli minacci la mia vita?'. 2 20:2 Gionatan gli rispose: 'No affatto! Tu non morirai. Ecco, mio padre non fa niente, nè di grande nè di piccolo, senza dirmelo. Perchè dovrebbe nascondermi questa intenzione? Non è possibile'. 3 20:3 Ma Davide replicò, giurando: 'Tuo padre sa molto bene che io ho trovato grazia agli occhi tuoi. perciò avró detto: ""Gionatan non sappia questo, affinchè non ne abbia dispiacere"". ma, com'è vero che il SIGNORE vive e tu stesso vivi, tra me e la morte non c'è che un passo'. 4 20:4 Gionatan disse a Davide: 'Che cosa desideri che io ti faccia?'. 5 20:5 Davide rispose a Gio-natan: 'Domani è la luna nuova, e io dovrei proanzare con il re. lasciami andare e mi nasconderò per la campagna fino alla terza sera. 6 20:6 Se tuo padre nota la mia assenza, tu gli dirai: ""Davide mi ha proegato con insistenza di lasciarlo andare fino a Betlemme, la sua cittó, perchè c'è il sacrificio annuale per tutta la sua famiglia"". 7 20:7 Se egli dice: ""Va bene!"" allora il tuo servo avró pace. ma se invece si adira, sappi che il male che mi vuol fare è deciso. 8 20:8 Mostra dunque la tua bontó verso il tuo servo, perchè hai fatto entrare il tuo servo in un patto con te nel nome del SIGNORE. Se c'è in me qualche malvagitó, uccidimi tu. ma non condurmi da tuo padre ! '. 9 20:9 Gionatan disse: 'Lungi da te questo pensiero! Se io venissi a sapere che il male è deciso da parte di mio padre e sta per venirti addosso, non te lo farei sapere?'. 10 20:10 Davide disse a Gionatan: 'Chi m'informeró, nel caso che tuo padre ti dia una risposta dura?'.

20:1 20:1 Davide fuggì da Naioth di Ramah, si recò da Gionathan e gli disse: ’Che cosa ho fatto? Qual è la mia colpa e qual è il mio peccato verso tuo padre, perchè egli cerchi la mia vita?'. 2 20:2 Gionathan gli rispose: ’Non sia mai! Tu non morrai. ecco, mio padre non fa cosa alcuna, grande o piccola, senza farmelo sapere. Perchè mio padre mi avrebbe nascosto questa cosa? Non è possibile'. 3 20:3 Davide giurò nuovamente e disse: ’Tuo padre sa certamente che io ho trovato grazia ai tuoi occhi e avró detto: ""Gionathan non sappia questo, perchè non si affligga"". Ma com?è vero che l’Eterno vive e che vive l’anima tua, fra me e la morte c’è solo un passo'. 4 20:4 Gionathan disse a Davide: ’Qualunque cosa tu chieda, io la farò per te'. 5 20:5 Davide rispose a Gionathan: ’Ecco, domani è la luna nuova e io dovrei sedere a tavola con il re, ma tu lasciami andare e io mi nasconderò per la campagna fino alla sera del terzo giorno. 6 20:6 Se tuo padre nota la mia assenza, tu gli dirai: ""Davide mi ha proegato con insistenza di poter fare una scappata fino a Betlemme, sua cittó, perchè vi si celebra il sacrificio annuale per tutta la sua famiglia"". 7 20:7 Se diró: ""Va bene"", il tuo servo saró salvo. Se invece si adira, sappi che ha deciso di farmi del male. 8 20:8 Usa dunque misericordia col tuo servo, perchè hai fatto entrare il tuo servo in un patto dell’Eterno con te. ma se vi è in me qualche colpa uccidimi tu. Perchè dovresti condurmi da tuo padre?'. 9 20:9 Gionathan disse: ’Lungi da te questo! Se io sapessi che mio padre ha deciso di farti del male, non te lo farei sapere?'. 10 20:10 Davide disse a Gionathan: ’Chi mi avvertiró se tuo padre ti risponde duramente?'.

20:1 Davide lasciò di nascosto Naiot di Rama, si recò da Giònata e gli disse: ""Che ho fatto, che delitto ho commesso, che colpa ho avuto nei riguardi di tuo padre, perchè attenti così alla mia vita?"". 2 Rispose: ""Non sia mai. Non morirai. Vedi, mio padre non fa nulla di grande o di piccolo senza confidarmelo. Perchè mi avrebbe nascosto questa cosa? Non è possibile!"". 3 Ma Davide giurò ancora: ""Tuo padre sa benissimo che ho trovato grazia ai tuoi occhi e dice: Giònata non deve sapere questa cosa perchè si angustierebbe. Ma, per la vita del Signore e per la tua vita, c'è un sol passo tra me e la morte"". 4 Giònata disse: ""Che cosa desideri che io faccia per te?"". 5 Rispose Davide: ""Domani è la luna nuova e io dovrei sedere a tavola con il re. Ma tu mi lascerai partire e io resterò nascosto nella campagna fino alla terza sera. 6 Se tuo padre mi cercherà, dirai: Davide mi ha chiesto di lasciarlo andare in fretta a Betlemme sua città perchè vi si celebra il sacrificio annuale per tutta la famiglia. 7 Se dirà: Va bene, allora il tuo servo può stare in pace. Se invece andrà in collera, sii certo che è stato deciso il peggio da parte sua. 8 Mostra la tua bontà verso il tuo servo, perchè hai voluto legare a te il tuo servo con un patto del Signore: se ho qualche colpa, uccidimi tu; ma per qual motivo dovresti condurmi da tuo padre?"". 9 Giònata rispose: ""Lungi da te! Se certo io sapessi che da parte di mio padre è stata decisa una cattiva sorte per te, non te lo farei forse sapere?"". 10 Davide disse a Giònata: ""Chi mi avvertirà se tuo padre ti risponde duramente?"".

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale