Cronologia dei paragrafi

Vittoria contro gli Ammoniti
Saul è proclamato re
Samuele si ritira davanti a Saul
Sollevazione contro i Filistei
Rottura tra Samuele e Saul
Preparativi di guerra
Gionata attacca l'appostamento
Battaglia generale
Una proibizione di Saul violata da Gionata
Colpa rituale del popolo
Gionata riconosciuto colpevole è salvato dal popolo
Regno di Saul
Guerra santa contro gli Amaleciti
Saul è respinto dal Signore
Saul implora invano il perdono
Morte di Agag e partenza di Samuele
Unzione di Davide
Davide al servizio di Saul
Golia sfida l'esercito israelita
Davide giunge all'accampamento
Davide si offre per accettare la sfida
La singolar tenzone
Davide vincitore è presentato è Saul
Il sorgere della gelosia di Saul
Matrimonio di Davide
Gionata intercede per Davide
Attentato di Saul contro Davide
Davide salvato da Mikal
Saul e Davide presso Samuele
Gionata favorisce la partenza di Davide
La sosta a Nob
Davide presso i Filistei
Davide comincia la vita errante
Massacro dei sacerdoti di Nob
Davide a Keila
Davide a Corsa. Visita di Gionata
Davide sfugge di un soffio a Saul
Davide risparmia Saul
La morte di Samuele. Storia di Nabal e Agigail
Davide risparmia Saul
Davide si rifugia a Gat
Davide vassallo dei Filistei
I Filistei muovono guerra contro Israele
Saul e la pitonessa di Endor
Davide è congedato dai capi Filistei
Campagna contro gli Amaleciti
Battaglia di Gelboe. Morte di Saul

Vittoria contro gli Ammoniti (1sam 11,1-11)

11:1 Nacas l'Ammonita si mosse e pose il campo contro Iabes di Gàlaad. Tutti i cittadini di Iabes di Gàlaad dissero allora a Nacas: "Fa' un patto con noi e ti saremo sudditi". 2 Rispose loro Nacas l'Ammonita: "A queste condizioni farò un patto con voi: possa io cavare a tutti voi l'occhio destro e porre tale gesto a oltraggio di tutto Israele". 3 Di nuovo chiesero gli anziani di Iabes: "Lasciaci sette giorni per inviare messaggeri in tutto il territorio d'Israele. Se nessuno verrà a salvarci, usciremo incontro a te". 4 I messaggeri arrivarono a Gàbaa di Saul e riferirono quelle parole davanti al popolo, e tutto il popolo levò la voce e pianse. 5 Ma ecco che Saul veniva dalla campagna dietro l'armento. Chiese dunque Saul: "Che ha il popolo da piangere?". Riferirono a lui le parole degli uomini di Iabes. 6 Lo spirito di Dio irruppe allora su Saul ed egli, appena udite quelle parole, si irritò molto. 7 Prese un paio di buoi, li fece a pezzi e li inviò in tutto il territorio d'Israele per mezzo di messaggeri con questo proclama: "A chi non uscirà dietro Saul e dietro Samuele, così sarà fatto dei suoi buoi". Cadde il terrore del Signore sul popolo e si mossero come un sol uomo. 8 Saul li passò in rassegna a Bezek e risultarono trecentomila Israeliti e trentamila di Giuda. 9 Dissero allora ai messaggeri che erano giunti: "Direte ai cittadini di Iabes di Gàlaad: "Domani, quando il sole comincerà a scaldare, sarete salvi"". I messaggeri partirono e riferirono agli uomini di Iabes, che ne ebbero grande gioia. 10 Allora gli uomini di Iabes dissero a Nacas: "Domani usciremo incontro a voi e ci farete quanto sembrerà bene ai vostri occhi". 11 Il giorno dopo Saul divise il popolo in tre schiere e irruppe in mezzo al campo sul far del mattino; batterono gli Ammoniti finchè il giorno si fece caldo. Quelli che scamparono furono dispersi: non ne rimasero due insieme.

11:1 11:1 OR Nahas Ammonita sali', e pose campo soproa Iabes di Galaad. e tutti que' di Iabes di Galaad dissero a Nahas: Fa' patti con noi, e noi ti serviremo. 2 11:2 E Nahas Ammonita disse loro: Io faro' patti con voi, con questo che io vi cavi a tutti l'occhio destro, e metta questo vituperio soproa tutto Israele. 3 11:3 E gli Anziani di Iabes gli dissero: Concedici tregua di sette giorni, accioc-che' noi mandiamo messi per tutte le contrade d'Israele. e se niuno ci libera, noi usciremo fuori a te. 4 11:4 I messi adunque vennero in Ghibea di Saulle, e dissero quelle parole in proesenza del popolo. E tutto il popolo alzo' la voce e pianse. 5 11:5 Or ecco, Saulle se ne veniva da' campi, dietro a' suoi buoi, e disse: Che ha il popolo, ch'egli piange? E le parole di que' di Iabes gli furono raccontate. 6 11:6 E lo Spirito del Signore si avvento' soproa Saulle, quando egli udi' quelle parole, ed egli si accese nell'ira grandemente. 7 11:7 E proese un paio di buoi, e li taglio' in pezzi, i quali egli mando' per tutte le contrade d'Israele, per certi messi, dicendo: Chiunque non uscira' dietro a Saulle, e dietro a Samuele, il simi-gliante si fara' a' suoi buoi. E lo spavento del Signore cadde soproa il popolo. e tutti uscirono fuori, come se non fossero stati che un uomo. 8 11:8 E Saulle fece la rassegna di loro in Bezec. e si trovarono trecentomila uomini de' figliuoli d'Israele, e trentamila di que' di Giuda. 9 11:9 Poi dissero a' messi ch'erano venuti: Dite cosi' a que' di Iabes di Galaad: Domani, come il sole si riscaldera', voi sarete liberati. I messi adunque se ne ritornarono, e rapportarono la cosa a que' di Iabes, i quali se ne rallegrarono. 10 11:10 E que' di Iabes dissero agli Ammoniti: Domani noi usciremo fuori a voi, e voi ci farete interamente come e' vi parra'. 11 11:11 E il giorno seguente Saulle dispose il popolo in tre schiere. e quelle entrarono dentro al campo in su la veglia della mattina, e percossero gli Ammoniti, finche' il di' fu riscaldato. E avvenne che coloro che scamparono furono dispersi qua e la', e non ne rimase di loro due insieme.

11:1 11:1 Or Nahas, l'Ammonita, sali' e s'accampo' contro Iabes di Galaad. E tutti quelli di Iabes dissero a Nahas: 'Fa' alleanza con noi, e noi ti serviremo'. 2 11:2 E Nahas, l'Ammonita, rispose loro: 'Io faro' alleanza con voi a questa condizione: ch'io vi cavi a tutti l'occhio destro, e getti cosi' quest'obbrobrio su tutto Israele'. 3 11:3 Gli anziani di Iabes gli dissero: 'Concedici sette giorni di tregua perchè inviamo de' messi per tutto il territorio d'Israele. e se non vi sara' chi ci soccorra, ci arrenderemo a te'. 4 11:4 I messi vennero dunque a Ghibea di Saul, riferirono queste parole in proesenza del popolo, e tutto il popolo alzo' la voce, e pianse. 5 11:5 Ed ecco Saul tornava dai campi, seguendo i bovi, e disse: 'Che ha egli il popolo, che piange?' E gli ri-feriron le parole di quei di Iabes. 6 11:6 E com'egli ebbe udite quelle parole, lo spirito di Dio investi' Saul, che s'infiammo' d'ira. 7 11:7 e proese un paio di buoi, li taglio' a pezzi, che mando', per mano dei messi, per tutto il territorio d'Israele, dicendo: 'Cosi' saranno trattati i buoi di chi non seguira' Saul e Samuele'. Il terrore dell'Eterno s'impadroni' del popolo, e partirono come se fossero stati un uomo solo. 8 11:8 Saul li passo' in rassegna a Bezek, ed erano trecentomila figliuoli d'Israele e trentamila uomini di Giuda. 9 11:9 E dissero a que' messi ch'eran venuti: 'Dite cosi' a quei di Iabes di Galaad: Domani, quando il sole sara' in tutto il suo calore, sarete liberati'. E i messi andarono a riferire queste parole a quei di Iabes, i quali si rallegrarono. 10 11:10 E quei di Iabes dissero agli Ammoniti: 'Domani verrem da voi, e farete di noi tutto quello che vi parra''. 11 11:11 Il giorno seguente, Saul divise il popolo in tre schiere, che penetrarono nel campo degli Ammoniti in su la vigilia del mattino, e li batterono fino alle ore calde del giorno. Quelli che scamparono furon dispersi in guisa che non ne rimasero due assieme.

11:1 11:1 Naas, l'Ammonita, salò e si accampò contro Iabes di Galaad. Tutti quelli di Iabes dissero a Naas: 'Fó alleanza con noi e noi ti serviremo'. 2 11:2 Naas, l'Ammonita, rispose loro: 'Io farò alleanza con voi a questa condizione: che io vi cavi a tutti l'occhio destro per far disonore a tutto Israele'. 3 11:3 Gli anziani di Iabes gli dissero: 'Concedici sette giorni di tregua perchè inviamo dei messaggeri per tutto il territorio d'Israele. se nessuno verró in nostro aiuto, ci arrenderemo a te'. 4 11:4 I messaggeri giunsero dunque a Ghibea di Saul, riferirono queste parole in proesenza del popolo, e tutto il popolo alzò la voce e pianse. 5 11:5 Ed ecco, Saul tornava dai campi dietro ai buoi e disse: 'Che cos'ha il popolo? Perchè piange?'. Allora gli riferirono le parole di quelli di Iabes. 6 11:6 Lo spirito di Dio investò Saul, quando udò queste parole, ed egli s'infiammò d'ira: 7 11:7 proese un paio di buoi, li tagliò a pezzi, li mandò per mano dei messaggeri in tutto il territorio d'Israele, e disse: 'Cosò saranno trattati i buoi di chi non seguiró Saul e Samuele'. Il terrore del SIGNORE s'impadronò del popolo e partirono come se fossero stati un uomo solo. 8 11:8 Saul li passò in rassegna a Bezec: i figli d'Israele erano trecentomila e gli uomini di Giuda trentamila. 9 11:9 E dissero a quei messaggeri che erano venuti: 'Dite cosò agli abitanti di Iabes di Galaad: ""Domani, quando il sole saró in tutto il suo calore, sarete liberati""'. I messaggeri andarono a riferire queste parole a quelli di Iabes, i quali si rallegrarono 10 11:10 e dissero agli Ammoniti: 'Domani verremo da voi e farete di noi tutto quello che vi parró'. 11 11:11 Il giorno seguente, Saul divise il popolo in tre squadre, che penetrarono nell'accampamento degli Ammoniti proima dell'alba e li batterono fino alle ore calde del giorno. Quelli che scamparono furono dispersi in maniera che non ne rimasero due insieme.

11:1 11:1 Poi Nahash l’Ammonita andò ad accamparsi contro Jabesh di Galaad. Allora tutti quelli di Jabesh dissero a Nahash: ’Fó alleanza con noi e noi ti serviremo'. 2 11:2 Nahash l’Ammonita rispose loro: ’Io farò alleanza con voi a questa condizione: che io cavi a tutti voi l’occhio destro, per gettare così disonore su tutto Israele'. 3 11:3 Gli anziani di Jabesh gli dissero: ’Concedici sette giorni perchè possiamo mandare messaggeri in tutto il territorio d’Israele. e se non verró nessuno a salvarci, ci arrenderemo a te'. 4 11:4 Così i messaggeri vennero a Ghibeah di Saul e riferirono queste parole davanti al popolo. allora tutto il popolo alzò la voce e pianse. 5 11:5 Or ecco Saul tornava dalla campagna dietro i buoi. E Saul disse: ’Che cosa ha il popolo, che piange?'. Gli riferirono allora le parole degli uomini di Ja-besh. 6 11:6 All’udire quelle parole, lo Spirito di DIO investì Saul, e la sua ira si accese grandemente. 7 11:7 Così proese un paio di buoi, li tagliò a pezzi e li mandò in tutto il territorio d’Israele per mezzo di messaggeri, dicendo: ’Così saranno trattati i buoi di chi non seguiró Saul e Samuele'. Il terrore dell’Eterno cadde sul popolo, ed essi uscirono come un sol uomo. 8 11:8 Saul li passò in rassegna a Bezek, ed erano trecentomila figli d’Israele e trentamila uomini di Giuda. 9 11:9 Dissero quindi ai messaggeri che erano venuti: ’Così direte agli uomini di Jabesh di Galaad: ""Domani, quando il sole cominceró a scaldare, avrete liberazione""'. I messaggeri andarono a riferire questo agli uomini di Jabesh, che si rallegrarono. 10 11:10 Allora gli uomini di Jabesh dissero agli Ammoniti: ’Domani verremo da voi e ci farete tutto quello che vi piaceró'. 11 11:11 Il giorno seguente, Saul divise il popolo in tre schiere, che penetrarono in mezzo all’accampamento nemico durante la vigilia del mattino e fecero strage degli Ammoniti fino al caldo del giorno. Quelli che scamparono furono dispersi e di loro non ne rimasero neppure due assieme.

11:1 Circa un mese dopo, Nacas l'Ammonita si mosse e pose il campo contro Iabes di Gàlaad. Tutti i cittadini di Iabes di Gàlaad dissero allora a Nacas: ""Vieni a patti con noi e ti saremo sudditi"". 2 Rispose loro Nacas l'Ammonita: ""A queste condizioni mi alleerò con voi: possa io cavare a tutti voi l'occhio destro e porre tale gesto a sfregio di tutto Israele"". 3 Di nuovo chiesero gli anziani di Iabes: ""Lasciaci sette giorni per inviare messaggeri in tutto il territorio d'Israele. Se nessuno verrà a salvarci, usciremo incontro a te"". 4 I messaggeri arrivarono a Gàbaa di Saul e riferirono quelle parole davanti al popolo e tutto il popolo levò la voce e pianse. 5 Or ecco Saul veniva dalla campagna dietro l'armento. Chiese dunque Saul: ""Che ha il popolo da piangere?"". Riferirono a lui le parole degli uomini di Iabes. 6 Lo spirito di Dio investì allora Saul ed egli, appena udite quelle parole, si irritò molto. 7 Poi prese un paio di buoi, li fece a pezzi e ne inviò in tutto il territorio d'Israele mediante messaggeri con questo proclama: ""Se qualcuno non uscirà dietro Saul e dietro Samuele, la stessa cosa avverrà dei suoi buoi"". Si sparse lo spavento del Signore nel popolo e si mossero come un sol uomo. 8 Saul li passò in rassegna a Bezek e risultarono trecentomila Israeliti e trentamila di Giuda. 9 Dissero allora ai messaggeri che erano giunti: ""Direte ai cittadini di Iabes di Gàlaad: Domani, quando il sole comincerà a scaldare, avverrà la vostra salvezza"". I messaggeri partirono e riferirono agli uomini di Iabes, che ne ebbero grande gioia. 10 Allora gli uomini di Iabes diedero risposta a Nacas: ""Domani usciremo incontro a voi e ci farete quanto sembrerà bene ai vostri occhi"". 11 Il giorno dopo Saul divise il grosso in tre schiere e irruppe in mezzo al campo nemico sul far del mattino; batterono gli Ammoniti finchè il giorno si fece caldo. Quelli che scamparono furono dispersi talmente che non ne rimasero due insieme.

Mappa

Commento di un santo

I cavalli, che vengono sterminati, e i carri sono figura di coloro che, pur trovandosi in luoghi celesti, sono precipitati a causa della loro sensualità e orgoglio, allorchè si sono spontaneamente offerti come provocatori per concupire le figlie degli uomini (cf. Gn 12), o hanno seguito colui che disse: porrò sulle nubi il mio trono e sarà uguale all'Altissimo (Is 14, 14). è questa la ragione per cui il profeta afferma: il cavallo non giova per la salvezza (Sai 32,17) e ancora, riguardo a coloro che ponevano fiducia nei demoni: Chi si vanta dei carri e chi dei cavalli; noi, invece, invochiamo il nome del nostro Dio (Sai 19, 8), Non avrebbe paragonato carri e cavalli a Dio, per quanto riguarda l'invocare, ma l'ha detto ovviamente per mostrare che, come noi invochiamo il vero Dio, così quelli invocano carri e cavalli, cioè i demoni che invocavano quei popoli che muovevano guerra contro Israele. Anche i cavalli degli Egiziani menziona la Scrittura (cf. Es 14, 9ss.), come questi che ordina ora di uccidere. Da tutto ciò è dato capire che a giusto titolo, nella figura degli asini, vengono salvate quelle genti che giungono alla fede; mentre nella figura dei cavalli e dei carri, quei demoni che sono avversari e nemici della salvezza degli uomini vengono meritatamente sterminati.

Autore

Origene

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale