Cronologia dei paragrafi

Nascita e consacrazione di Samuele
Cantico di Anna
I figli di Eli
Samuele a Silo
Ancora i figli di Eli
Annunzio del castigo
La chiamata di Dio a Samuele
Disfatta degli Israeliti e cattura dell'arca
Morte di Eli
Morte della moglie di Pincas
Fastidi causati dall'arca
Rinvio dell'arca
L'arca è Bet-Sames
L'arca è Kiriat-Iearam
Samuele giudice e liberatore
Il popolo domanda un re
Gli inconvenienti della regalità'
Saul e le asine di suo padre
Saul incontra Samuele
La consacrazione di Saul
Ritorno di Saul
Saul è sorteggiato re
Vittoria contro gli Ammoniti
Saul è proclamato re
Samuele si ritira davanti a Saul
Sollevazione contro i Filistei
Rottura tra Samuele e Saul
Preparativi di guerra
Gionata attacca l'appostamento
Battaglia generale
Una proibizione di Saul violata da Gionata
Colpa rituale del popolo
Gionata riconosciuto colpevole è salvato dal popolo
Regno di Saul
Guerra santa contro gli Amaleciti
Saul è respinto dal Signore
Saul implora invano il perdono
Morte di Agag e partenza di Samuele
Unzione di Davide
Davide al servizio di Saul
Golia sfida l'esercito israelita
Davide giunge all'accampamento
Davide si offre per accettare la sfida
La singolar tenzone
Davide vincitore è presentato è Saul
Il sorgere della gelosia di Saul
Matrimonio di Davide
Gionata intercede per Davide
Attentato di Saul contro Davide
Davide salvato da Mikal
Saul e Davide presso Samuele
Gionata favorisce la partenza di Davide
La sosta a Nob
Davide presso i Filistei
Davide comincia la vita errante
Massacro dei sacerdoti di Nob
Davide a Keila
Davide a Corsa. Visita di Gionata
Davide sfugge di un soffio a Saul
Davide risparmia Saul
La morte di Samuele. Storia di Nabal e Agigail
Davide risparmia Saul
Davide si rifugia a Gat
Davide vassallo dei Filistei
I Filistei muovono guerra contro Israele
Saul e la pitonessa di Endor
Davide è congedato dai capi Filistei
Campagna contro gli Amaleciti
Battaglia di Gelboe. Morte di Saul

Nascita e consacrazione di Samuele (1sam 1,19-99)

1:19 Il mattino dopo si alzarono e dopo essersi prostrati davanti al Signore, tornarono a casa a Rama. Elkanà si unì a sua moglie e il Signore si ricordò di lei. 20 Così al finir dell'anno Anna concepì e partorì un figlio e lo chiamò Samuele, "perchè - diceva - al Signore l'ho richiesto". 21 Quando poi Elkanà andò con tutta la famiglia a offrire il sacrificio di ogni anno al Signore e a soddisfare il suo voto, 22 Anna non andò, perchè disse al marito: "Non verrò, finchè il bambino non sia svezzato e io possa condurlo a vedere il volto del Signore; poi resterà là per sempre". 23 Le rispose Elkanà, suo marito: "Fa' pure quanto ti sembra meglio: rimani finchè tu l'abbia svezzato. Adempia il Signore la sua parola!". La donna rimase e allattò il figlio, finchè l'ebbe svezzato. 24 Dopo averlo svezzato, lo portò con sè, con un giovenco di tre anni, un'efa di farina e un otre di vino, e lo introdusse nel tempio del Signore a Silo: era ancora un fanciullo. 25 Immolato il giovenco, presentarono il fanciullo a Eli 26 e lei disse: "Perdona, mio signore. Per la tua vita, mio signore, io sono quella donna che era stata qui presso di te a pregare il Signore. 27 Per questo fanciullo ho pregato e il Signore mi ha concesso la grazia che gli ho richiesto. 28 Anch'io lascio che il Signore lo richieda: per tutti i giorni della sua vita egli è richiesto per il Signore". E si prostrarono là davanti al Signore.

1:19 1:19 Poi Elcana, e i suoi, si levarono la mattina, e adorarono davanti al Signore. e se ne ritornarono, e vennero in casa loro, in Rama. Ed Elcana conobbe Anna, sua moglie, e il Signore si ricordo' di lei. 20 1:20 E al termine del tempo, dopo che Anna ebbe conceputo, ella partori' un figliuolo, e gli pose nome Samuele. perciocche' disse ella, io l'ho chiesto al Signore. 21 1:21 E quell'uomo Elcana sali' con tutta la sua famiglia, per sacrificare al Signore il sacrificio annuale, e il suo voto. 22 1:22 Ma Anna non vi sali'. perciocche' disse al suo marito: Io non vi saliro', finche' il fanciullo non sia spoppato. allora io lo condurro', acciocche' sia proesentato davanti al Signore, e che dimori quivi in perpetuo. 23 1:23 Ed Elcana, suo marito, le disse: Fa' quello che ti par meglio. rimantene fin-che' tu l'abbi spoppato. adempia pure il Signore la sua parola. Cosi' quella donna se ne rimase, e allatto' il suo figliuolo, finche' l'ebbe spoppato. 24 1:24 E, quando l'ebbe spoppato, ella lo meno' seco, con tre giovenchi, e un efa di farina, e un barile di vino. e lo meno' nella Casa del Signore, in Silo. e il fanciullo era ancora molto piccolo. 25 1:25 Ed Elcana ed Anna scannarono un giovenco, e menarono il fanciullo ad Eli. 26 1:26 Ed Anna gli disse: Ahi! signor mio. come l'anima tua vive, signor mio, io son quella donna che stava qui approesso di te, per fare orazione al Signore. 27 1:27 Io proegai per aver questo fanciullo. e il Signore mi ha conceduta la richiesta che io gli feci. 28 1:28 Onde io altresi' l'ho proestato al Signore. egli sara' proestato al Signore tutti i giorni ch'egli sara' in vita. Ed essi adorarono quivi il Signore.

1:19 1:19 L'indomani, ella e suo marito, alzatisi di buon'ora, si prostrarono dinanzi all'Eterno. poi partirono e ritornarono a casa loro a Rama. Elkana conobbe Anna, sua moglie, e l'Eterno si ricordo' di lei. 20 1:20 Nel corso dell'anno, Anna concepi' e partori' un figliuolo, al quale pose nome Samuele, 'perchè', disse, 'l'ho chiesto all'Eterno'. 21 1:21 E quell'uomo, Elkana, sali' con tutta la sua famiglia per andare a offrire all'Eterno il sacrifizio annuo e a sciogliere il suo voto. 22 1:22 Ma Anna non sali', e disse a suo marito: 'Io non saliro' finchè il bambino non sia divezzato. allora lo condurro', perchè sia proesentato dinanzi all'Eterno e quivi rimanga per semproe'. 23 1:23 Elkana, suo marito, le rispose: 'Fa' come ti par bene. rimani finchè tu l'abbia divezzato, purchè l'Eterno adempia la sua parola!' Cosi' la donna rimase a casa, e allatto' il suo figliuolo fino al momento di divezzarlo. 24 1:24 E quando l'ebbe divezzato, lo meno' seco, e proese tre giovenchi, un efa di farina e un otre di vino. e lo meno' nella casa dell'Eterno a Sciloh. Il fanciullo era ancora piccolino. 25 1:25 Elkana ed Anna immolarono il giovenco, e menarono il fanciullo ad Eli. 26 1:26 E Anna gli disse: 'Signor mio! Com'e' vero che vive l'anima tua, o mio signore, io son quella donna che stava qui vicina a te, a proegare l'Eterno. 27 1:27 proegai per aver questo fanciullo. e l'Eterno mi ha concesso quel che io gli avevo domandato. 28 1:28 E, dal canto mio, lo dono all'Eterno. e finchè gli durera' la vita, egli sara' donato all'Eterno'. E si pro-straron quivi dinanzi all'Eterno.

1:19 1:19 L'indomani lei e suo marito si alzarono di buon'ora e si prostrarono davanti al SIGNORE. poi partirono e ritornarono a casa loro, a Rama. Elcana si unò ad Anna, sua moglie, e il SIGNORE si ricordò di lei. 20 1:20 Nel corso dell'anno, Anna concepò e partorò un figlio, che chiamò Samuele. perchè disse, l'ho chiesto al SIGNORE. 21 1:21 E quell'uomo, Elcana, salò con tutta la sua famiglia per andare a offrire al SIGNORE il sacrificio annuo e a sciogliere il suo voto. 22 1:22 Ma Anna non salò, perchè disse a suo marito: 'Io non salirò finchè il bambino non sia divezzato. allora lo condurrò, perchè sia proesentato davanti al SIGNORE e rimanga ló per semproe'. 23 1:23 Elcana, suo marito, le rispose: 'Fó come ti sembra bene. rimani finchè tu lo abbia divezzato, purchè il SIGNORE adempia la sua parola!'. Cosò la donna rimase a casa, e allattò suo figlio fino al momento di divezzarlo. 24 1:24 Quando lo ebbe divezzato, lo condusse con sè e proese tre torelli, un efa di farina e un otre di vino. e lo condusse nella casa del SIGNORE a Silo. Il bambino era ancora molto piccolo. 25 1:25 Elcana e Anna sacrificarono il torello e condussero il bambino a Eli. 26 1:26 Anna gli disse: 'Mio signore! com'è vero che tu vivi, o mio signore, io sono quella donna che stava qui vicina a te, a proegare il SIGNORE. 27 1:27 proegai per avere questo bambino. il SIGNORE mi ha concesso quel che io gli avevo domandato. 28 1:28 Perciò anch'io lo dono al SIGNORE. finchè vivró, egli saró donato al SIGNORE'. E si prostrò ló davanti al SIGNORE.

1:19 1:19 Essi si alzarono al mattino proesto e si prostrarono davanti all’Eterno. poi partirono e ritornarono a casa loro a Ramah. Elkanah conobbe Anna, sua moglie, e l’Eterno si ricordò di lei. 20 1:20 A suo tempo, Anna concepì e partorì un figlio, a cui pose nome Samuele, dicendo: ’Perchè l’ho chiesto all’Eterno'. 21 1:21 Allora il marito Elka-nah salì con tutta la sua famiglia per offrire all’Eterno il sacrificio annuale e per adempiere il suo voto. 22 1:22 Ma Anna non salì, perchè disse a suo marito: ’Io non salirò finchè il bambino non sia divezzato. allora lo condurrò, perchè sia proesentato davanti all’Eterno e vi rimanga per semproe'. 23 1:23 Suo marito Elkanah le rispose: ’Fó come meglio ti sembra. rimani finchè tu l’abbia divezzato, purchè l’Eterno adempia la sua parola!'. Così la donna rimase a casa e allattò suo figlio finchè non l’ebbe divezzato. 24 1:24 Dopo averlo divezzato, lo condusse con sè, assieme a tre torelli, un’efa di farina e un otre di vino. e lo condusse nella casa dell’Eterno a Sciloh. Il fanciullo era ancora giovane. 25 1:25 Quindi loro immolarono un torello e condussero il fanciullo ad Eli. 26 1:26 Anna gli disse: ’Signor mio! Com’è vero che vive l’anima tua, o mio signore, io sono quella donna che stava qui vicino a te a proegare l’Eterno. 27 1:27 Ho proegato per avere questo fanciullo, e l’Eterno mi ha concesso ciò che gli ho chiesto. 28 1:28 Perciò a mia volta lo dono all’Eterno. finchè egli vive saró ceduto all’Eterno'. E ló si prostrarono davanti all’Eterno.

1:19 Il mattino dopo si alzarono e dopo essersi prostrati davanti al Signore tornarono a casa in Rama. Elkana si unì a sua moglie e il Signore si ricordò di lei. 20 Così al finir dell'anno Anna concepì e partorì un figlio e lo chiamò Samuele. ""Perchè - diceva - dal Signore l'ho impetrato"". 21 Quando poi Elkana andò con tutta la famiglia a offrire il sacrificio di ogni anno al Signore e a soddisfare il voto, 22 Anna non andò, perchè diceva al marito: ""Non verrò, finchè il bambino non sia divezzato e io possa condurlo a vedere il volto del Signore; poi resterà là per sempre"". 23 Le rispose Elkana suo marito: ""Fó pure quanto ti sembra meglio; rimani finchè tu l'abbia divezzato; soltanto adempia il Signore la tua parola"". La donna rimase e allattò il figlio, finchè l'ebbe divezzato. 24 Dopo averlo divezzato, andò con lui, portando un giovenco di tre anni, un'efa di farina e un otre di vino e venne alla casa del Signore a Silo e il fanciullo era con loro. 25 Immolato il giovenco, presentarono il fanciullo a Eli 26 e Anna disse: ""Ti prego, mio signore. Per la tua vita, signor mio, io sono quella donna che era stata qui presso di te a pregare il Signore. 27 Per questo fanciullo ho pregato e il Signore mi ha concesso la grazia che gli ho chiesto. 28 Perciò anch'io lo do in cambio al Signore: per tutti i giorni della sua vita egli è ceduto al Signore"". E si prostrarono là davanti al Signore.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia