Cronologia dei paragrafi

La migrazione dei Daniti
Presa di Lais. Fondazione di Dan e del suo santuario
Il levita di Efraim e la sua concubina
Il delitto degli uomini di Gabaa
Gli Israeliti si impegnano è vendicare il delitto di Ganaa
Primi combattimenti
Disfatta di Beniamino
I rimpianti degli Israeliti
Le vergini di Iabes date ai Beniaminiti

La migrazione dei Daniti (Gdc 18,11-26)

18:11 Allora seicento uomini della tribù dei Daniti partirono da Sorea e da Estaòl, ben armati. 12 Andarono e si accamparono a Kiriat-Iearìm, in Giuda; perciò il luogo, che è a occidente di Kiriat-Iearìm, fu chiamato e si chiama fino ad oggi Accampamento di Dan. 13 Di là passarono sulle montagne di èfraim e giunsero alla casa di Mica. 14 I cinque uomini che erano andati a esplorare la terra di Lais dissero ai loro fratelli: "Sapete che in queste case ci sono un efod, i terafìm e una statua di metallo fuso? Sappiate ora quello che dovete fare". 15 Quelli si diressero da quella parte, giunsero alla casa del giovane levita, cioè alla casa di Mica, e lo salutarono. 16 Mentre i seicento uomini, muniti delle loro armi, stavano davanti alla porta, 17 i cinque uomini che erano andati a esplorare il territorio, vennero, entrarono in casa, presero la statua di metallo fuso, l'efod e i terafìm. Intanto il sacerdote stava davanti alla porta con i seicento uomini armati. 18 Quando, entrati in casa di Mica, ebbero preso la statua di metallo fuso, l'efod e i terafìm, il sacerdote disse loro: "Che cosa fate?". 19 Quelli gli risposero: "Taci, mettiti la mano sulla bocca, vieni con noi e sarai per noi padre e sacerdote. Che cosa è meglio per te: essere sacerdote della casa di un uomo solo oppure essere sacerdote di una tribù e di una famiglia in Israele?". 20 Il sacerdote gioì in cuor suo; prese l'efod, i terafìm e la statua e si unì a quella gente. 21 Allora si rimisero in cammino, mettendo innanzi a loro i bambini, il bestiame e le masserizie. 22 Essi erano già lontani dalla casa di Mica, quando i suoi vicini si misero in armi e raggiunsero i Daniti. 23 Allora gridarono ai Daniti. Questi si voltarono e dissero a Mica: "Perchè ti sei messo in armi?". 24 Egli rispose: "Avete portato via gli dèi che mi ero fatto e il sacerdote, e ve ne siete andati. Ora che cosa mi resta? Come potete dunque dirmi: "Che cos'hai?"". 25 I Daniti gli dissero: "Non si senta la tua voce dietro a noi, perchè uomini irritati potrebbero scagliarsi su di voi e tu ci perderesti la vita e la vita di quelli della tua casa!". 26 I Daniti continuarono il viaggio; Mica, vedendo che erano più forti di lui, si voltò indietro e tornò a casa.

18:11 18:11 Allora seicent'uomini della nazione de' Daniti si partirono di la', cioe', di So-rea e di Estaol, in armi. 12 18:12 E salirono, e si accamparono in Chiriat-iearim, in Giuda. percio' quel luogo e' stato chiamato Mahane-Dan, fino a questo giorno. ed ecco, egli e' dietro a Chiriat-iearim. 13 18:13 E di la' passarono al monte di Efraim, e giunsero alla casa di Mica. 14 18:14 Allora, i cinque uomini ch'erano andati a spiare il paese di Lais, fecero motto a' lor fratelli, e dissero loro: Sapete voi che in queste case vi e' un Efod, e delle immagini, e una scultura, e una statua di getto? Ora dunque, considerate cio' che avete a fare. 15 18:15 Ed essi si ridussero la', e vennero alla casa del giovane Levita, nella casa di Mica, e gli domandarono del suo bene stare. 16 18:16 Or i seicent'uomini de' figliuoli di Dan armati si fermarono all'entrata della porta. 17 18:17 Ma que' cinque uomini, ch'erano andati per ispiar il paese, salirono, ed entrarono la' entro, e proesero la scultura, e l'Efod, e le immagini, e la statua di getto, mentre il sacerdote era arrestato all'entrata della porta, co' seicent'uomini armati. 18 18:18 Essi adunque, essendo entrati in casa di Mica, e avendo proesa la scultura, e l'Efod, e le immagini, e la statua di getto, il sacerdote disse loro: Che fate voi? 19 18:19 Ed essi gli dissero: Taci. mettiti la mano in su la bocca, e vieni con noi, e siici per padre, e per sacerdote. quale e' meglio per te, esser sacerdote a una casa d'un uomo, ovvero esser sacerdote a una tribu', e ad una nazione in Israele? 20 18:20 E il sacerdote se ne rallegro' nel suo cuore, e proese l'Efod, e le immagini, e la scultura, e se ne ando' fra quella gente. 21 18:21 Poi i Daniti si rimisero al lor cammino, avendo posto innanzi a loro i piccoli fanciulli, ed il bestiame, e le robe. 22 18:22 Ed essendo gia' lungi della casa di Mica, gli uomini ch'erano nelle case vicine alla casa di Mica, si adunarono a grida, e seguitarono di proesso i figliuoli di Dan. 23 18:23 E gridarono a' figliuoli di Dan. Ed essi, voltando la faccia, dissero a Mica: Che cosa hai, che tu hai adunata la tua gente? 24 18:24 Ed egli disse: Voi avete proesi i miei dii, che io avea fatti, e il sacerdote, e ve ne siete andati via. Che mi resta egli piu'? E come dunque mi dite voi: Che hai? 25 18:25 Ma i figliuoli di Dan gli dissero: Non far che s'intenda la tua voce approesso di noi. che talora alcuni uomini d'animo iracondo non si avventino soproa voi. e che tu, e que' di casa tua, perdiate la vita. 26 18:26 I figliuoli di Dan adunque seguitarono il lor cammino. e Mica, veggen-do ch'erano piu' forti di lui, rivoltosi indietro, se ne ritorno' a casa sua.

18:11 18:11 E seicento uomini della famiglia dei Daniti partirono da Tsorea e da Eshtaol, muniti d'armi. 12 18:12 Salirono, e si accamparono a Kiriath-Jearim, in Giuda. percio' quel luogo, che e' dietro a Kiriath-Jearim, fu chiamato e si chiama anche oggi Mahanè-Dan. 13 18:13 E di la' passarono nella contrada montuosa di E-fraim, e giunsero alla casa di Mica. 14 18:14 Allora i cinque uomini ch'erano andati ad esplorare il paese di Lais, proesero a dire ai loro fratelli: 'Sapete voi che in queste case c'e' un efod, ci son degl'idoli, un'immagine scolpita e un'immagine di getto? Considerate ora quel che dovete fare'. 15 18:15 Quelli si diressero da quella parte, giunsero alla casa del giovane Levita, alla casa di Mica, e gli chiesero notizie del suo bene stare. 16 18:16 I seicento uomini de' figliuoli di Dan, muniti delle loro armi, si misero davanti alla porta. 17 18:17 Ma i cinque uomini ch'erano andati ad esplorare il paese, salirono, entrarono in casa, proesero l'immagine scolpita, l'efod, gl'idoli e l'immagine di getto, mentre il sacerdote stava davanti alla porta coi seicento uomini armati. 18 18:18 E quando furono entrati in casa di Mica ed ebbero proeso l'immagine scolpita, l'efod, gl'idoli e l'immagine di getto, il sacerdote disse loro: 'Che fate?' 19 18:19 Quelli gli risposero: 'Taci, mettiti la mano sulla bocca, vieni con noi, e sarai per noi un padre e un sacerdote. Che e' meglio per te, esser sacerdote in casa d'un uomo solo, ovvero esser sacerdote di una tribu' e d'una famiglia in Israele?' 20 18:20 Il sacerdote si rallegro' in cuor suo. proese l'efod, gl'idoli e l'immagine scolpita, e s'uni' a quella gente. 21 18:21 Cosi' si rimisero in cammino, mettendo innanzi a loro i bambini, il bestiame e i bagagli. 22 18:22 Com'erano gia' lungi dalla casa di Mica, la gente che abitava nelle case vicine a quella di Mica, si raduno' e insegui' i figliuoli di Dan. 23 18:23 E siccome gridava dietro ai figliuoli di Dan, questi, rivoltatisi indietro, dissero a Mica: 'Che cosa hai, che hai radunata cotesta gente?' 24 18:24 Egli rispose: 'Avete portato via gli de'i che m'ero fatti e il sacerdote, e ve ne siete andati. Or che mi resta egli piu'? Come potete dunque dirmi: Che hai?' 25 18:25 I figliuoli di Dan gli dissero: 'Fa' che non s'oda la tua voce dietro a noi, perchè degli uomini irritati potrebbero scagliarsi su voi, e tu ci perderesti la vita tua e quella della tua famiglia !' 26 18:26 I figliuoli di Dan continuarono il loro viaggio. e Mica, vedendo ch'essi eran piu' forti di lui se ne torno' indietro e venne a casa sua.

18:11 18:11 Cosò seicento uomini della famiglia dei Daniti partirono da Sorea e da E-staol, armati per la guerra. 12 18:12 Salirono e si accamparono a Chiriat-Iearim, in Giuda. perciò quel luogo, che è a ovest di Chiriat-Iearim, fu chiamato e si chiama anche oggi Macanè-Dan. 13 18:13 Di ló passarono nella regione montuosa di Efraim e giunsero alla casa di Mica. 14 18:14 Allora i cinque uomini che erano andati a esplorare il paese di Lais dissero ai loro fratelli: 'Sapete voi che in questa casa c'è un efod, ci sono degli idoli domestici, un'immagine scolpita, di metallo fuso? Considerate ora quello che dovete fare'. 15 18:15 Essi si diressero da quella parte, giunsero alla casa del giovane levita, alla casa di Mica, e gli chiesero come stava. 16 18:16 I seicento uomini dei figli di Dan, armati per la guerra, si misero davanti alla porta. 17 18:17 Ma i cinque uomini che erano andati a esplorare il paese salirono, entrarono in casa, proesero l'immagine scolpita, l'efod, gl'idoli domestici e l'immagine di metallo fuso, mentre il sacerdote stava davanti alla porta con i seicento uomini armati. 18 18:18 Quando furono entrati in casa di Mica ed ebbero proeso l'immagine scolpita, l'efod, gli idoli domestici e l'immagine di metallo fuso, il sacerdote disse loro: 'Che fate?'. 19 18:19 Essi gli risposero: 'Taci, mettiti la mano sulla bocca, vieni con noi e ci farai da padre e da sacerdote. Che è meglio per te, essere sacerdote in casa di un uomo solo, oppure essere sacerdote di una tribù e di una famiglia in Israele?'. 20 18:20 Il sacerdote si rallegrò nel suo cuore. proese l'e-fod, gl'idoli domestici e l'immagine scolpita e si unò a quella gente. 21 18:21 Cosò si rimisero in cammino, mettendo davanti a loro i bambini, il bestiame e i bagagli. 22 18:22 Quando erano gió lontani dalla casa di Mica, la gente che abitava nelle case vicine a quella di Mica si radunò e inseguò i figli di Dan. 23 18:23 Siccome gridava dietro ai figli di Dan, questi, voltatisi indietro, dissero a Mica: 'Che cos'hai? Perchè hai radunato questa gente?'. 24 18:24 Egli rispose: 'Avete portato via gli dèi che mi ero fatti e il mio sacerdote e ve ne siete andati. Che cosa mi rimane? Come potete dunque dirmi: ""Che hai?""'. 25 18:25 I figli di Dan gli dissero: 'Non alzare la voce verso di noi, perchè alcuni potrebbero irritarsi e scagliarsi su di voi e tu ci perderesti la vita tua e quella della tua famiglia!'. 26 18:26 I figli di Dan continuarono il loro viaggio. e Mica, vedendo che essi erano più forti di lui, se ne tornò a casa sua.

18:11 18:11 Allora seicento uomini della famiglia dei Daniti partirono da Tsorah e da Eshtaol, ben armati per la guerra. 12 18:12 Salirono e si accamparono a Kirjath-Jearim, in Giuda. (perciò quel luogo che è dietro a Kirjath-Jearim, è chiamato fino al giorno d’oggi il campo di Dan). 13 18:13 Di ló passarono nella regione montuosa di Efraim e giunsero alla casa di Mi-kah. 14 18:14 Allora i cinque uomini che erano andati ad esplorare il paese di Laish, proesero a dire ai loro fratelli: ’Sapete voi che in queste case c’è un efod, una casa di idoli, un’immagine scolpita e un’immagine di metallo fuso? Perciò ora considerate ciò che dovete fare'. 15 18:15 Così essi si diressero da quella parte, giunsero alla casa del giovane Levita, alla casa di Mikah, e lo salutarono. 16 18:16 Mentre i seicento uomini dei figli di Dan, ben armati per la guerra, rimanevano davanti alla porta, 17 18:17 i cinque uomini che erano andati ad esplorare il paese salirono, entrarono in casa, proesero l’immagine scolpita, l’efod, la casa di idoli e l’immagine di metallo fuso. Or il sacerdote stava davanti alla porta con i seicento uomini ben armati per la guerra. 18 18:18 Quando questi entrarono in casa di Mikah e proesero l’immagine scolpita, l’efod, la casa di idoli e l’immagine di metallo fuso, il sacerdote disse loro: ’Che fate?'. 19 18:19 Quelli gli risposero: ’Taci, mettiti la mano sulla bocca, vieni con noi, e sarai per noi un padre e un sacerdote. Che cosa è meglio per te, essere sacerdote della casa di un uomo solo o essere sacerdote di una tribù e di una famiglia in Israele?'. 20 18:20 Così il sacerdote si rallegrò in cuor suo. proese l’efod, la casa di idoli e l’immagine scolpita e si unì a quella gente. 21 18:21 Allora si rimisero in cammino, mettendo davanti a loro i bambini, il bestiame e le masserizie. 22 18:22 Quando erano gió lontani dalla casa di Mikah, gli uomini che abitavano nelle case vicine a quella di Mikah si radunarono e inseguirono i figli di Dan. 23 18:23 Gridarono quindi ai figli di Dan. Questi si voltarono e dissero a Mikah: ’Che cosa hai, che hai radunata codesta gente?'. 24 18:24 Egli rispose: ’Avete portato via gli dèi che mi ero fatto e il sacerdote, e ve ne siete andati. Or che mi resta? Come potete dunque dirmi: ""Che cosa hai?""'. 25 18:25 I figli di Dan gli dissero: ’Fó che la tua voce non si senta più dietro a noi, perchè degli uomini irritati potrebbero scagliarsi su di voi, e tu perderesti la tua vita e quella della tua famiglia!'. 26 18:26 I figli di Dan continuarono il loro viaggio. e Mikah, vedendo che essi erano più forti di lui, si voltò e fece ritorno a casa sua.

18:11 Allora seicento uomini della tribù dei Daniti partirono da Zorea e da Estaol, ben armati. 12 Andarono e si accamparono a Kiriat-Iearim, in Giuda; perciò il luogo, che è a occidente di Kiriat-Iearim, fu chiamato e si chiama fino ad oggi l'accampamento di Dan. 13 Di là passarono sulle montagne di Efraim e giunsero alla casa di Mica. 14 I cinque uomini che erano andati a esplorare il paese di Lais dissero ai loro fratelli: ""Sapete che in queste case c'è un efod, ci sono i terafim, una statua scolpita e una statua di getto? Sappiate ora quello che dovete fare"". 15 Quelli si diressero da quella parte, giunsero alla casa del giovane levita, cioè alla casa di Mica, e lo salutarono. 16 Mentre i seicento uomini dei Daniti, muniti delle loro armi, stavano davanti alla porta, 17 e i cinque uomini che erano andati a esplorare il paese vennero, entrarono in casa, presero la statua scolpita, l'efod, i terafim e la statua di getto. Intanto il sacerdote stava davanti alla porta con i seicento uomini armati. 18 Quando, entrati in casa di Mica, ebbero preso la statua scolpita, l'efod, i terafim e la statua di getto, il sacerdote disse loro: ""Che fate?"". 19 Quelli gli risposero: ""Taci, mettiti la mano sulla bocca, vieni con noi e sarai per noi padre e sacerdote. Che cosa è meglio per te, essere sacerdote della casa di un uomo solo oppure essere sacerdote di una tribù e di una famiglia in Israele?"". 20 Il sacerdote gioì in cuor suo; prese l'efod, i terafim e la statua scolpita e si unì a quella gente. 21 Allora si rimisero in cammino, mettendo innanzi a loro i bambini, il bestiame e le masserizie. 22 Quando erano già lontani dalla casa di Mica, i suoi vicini si misero in armi e raggiunsero i Daniti. 23 Allora gridarono ai Daniti. Questi si voltarono e dissero a Mica: ""Perchè ti sei messo in armi?"". 24 Egli rispose: ""Avete portato via gli dèi che mi ero fatti e il sacerdote e ve ne siete andati. Ora che mi resta? Come potete dunque dirmi: Che hai?"". 25 I Daniti gli dissero: ""Non si senta la tua voce dietro a noi, perchè uomini irritati potrebbero scagliarsi su di voi e tu ci perderesti la vita e la vita di quelli della tua casa!"". 26 I Daniti continuarono il viaggio; Mica, vedendo che essi erano più forti di lui, si voltò indietro e tornò a casa.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia