Cronologia dei paragrafi

Il voto di Iefte e la sua vittoria
Guerra tra Efraim è Galaad. Morte di Iefte
9. Ibsan
1. Elon
11. Abdon
L'annunzio della nascita di Sansone
Seconda apparizione dell'angelo
Il matrimonio di Sansone
L'indovinello di Sansone
Sansone brucia le messi dei Filistei
La mascella di asino
L'episodio delle porte di Gaza
Sansone tradito da Dalila
Vendetta e morte di Sansone
Il santuario privato di Mica
I Daniti alla ricerca di un territorio
La migrazione dei Daniti
Presa di Lais. Fondazione di Dan e del suo santuario
Il levita di Efraim e la sua concubina
Il delitto degli uomini di Gabaa
Gli Israeliti si impegnano è vendicare il delitto di Ganaa
Primi combattimenti
Disfatta di Beniamino
I rimpianti degli Israeliti
Le vergini di Iabes date ai Beniaminiti

Il voto di Iefte e la sua vittoria (Gdc 11,29-99)

11:29 Allora lo spirito del Signore venne su Iefte ed egli attraversò Gàlaad e Manasse, passò a Mispa di Gàlaad e da Mispa di Gàlaad raggiunse gli Ammoniti. 30 Iefte fece voto al Signore e disse: "Se tu consegni nelle mie mani gli Ammoniti, 31 chiunque uscirà per primo dalle porte di casa mia per venirmi incontro, quando tornerò vittorioso dagli Ammoniti, sarà per il Signore e io lo offrirò in olocausto". 32 Quindi Iefte raggiunse gli Ammoniti per combatterli e il Signore li consegnò nelle sue mani. 33 Egli li sconfisse da Aroèr fin verso Minnit, prendendo loro venti città, e fino ad Abel- Cheramìm. Così gli Ammoniti furono umiliati davanti agli Israeliti. 34 Poi Iefte tornò a Mispa, a casa sua; ed ecco uscirgli incontro la figlia, con tamburelli e danze. Era l'unica figlia: non aveva altri figli nè altre figlie. 35 Appena la vide, si stracciò le vesti e disse: "Figlia mia, tu mi hai rovinato! Anche tu sei con quelli che mi hanno reso infelice! Io ho dato la mia parola al Signore e non posso ritirarmi". 36 Ella gli disse: "Padre mio, se hai dato la tua parola al Signore, fa' di me secondo quanto è uscito dalla tua bocca, perchè il Signore ti ha concesso vendetta sugli Ammoniti, tuoi nemici". 37 Poi disse al padre: "Mi sia concesso questo: lasciami libera per due mesi, perchè io vada errando per i monti a piangere la mia verginità con le mie compagne". 38 Egli le rispose: "Va'!", e la lasciò andare per due mesi. Ella se ne andò con le compagne e pianse sui monti la sua verginità. 39 Alla fine dei due mesi tornò dal padre ed egli compì su di lei il voto che aveva fatto. Ella non aveva conosciuto uomo; di qui venne in Israele questa usanza: 40 le fanciulle d'Israele vanno a piangere la figlia di Iefte il Galaadita, per quattro giorni ogni anno.

11:29 11:29 E lo Spirito del Signore fu soproa Iefte, ed egli traverso' Galaad e Manasse, e passo' in Mispe di Galaad, e di Mispe di Galaad passo' a' figliuoli di Ammon. 30 11:30 E Iefte voto' un voto al Signore, e disse: Se pur tu mi da'i i figliuoli di Ammon nelle mani. 31 11:31 quando io ritornero' in pace da' figliuoli di Am-mon, cio' che uscira' dell'uscio di casa mia sara' del Signore, e io l'offeriro' in olocausto. 32 11:32 Iefte adunque passo' a' figliuoli di Ammon, per combatter con loro. e il Signore li diede nelle mani di esso. 33 11:33 Ed egli li percosse d'una grandissima sconfitta, da Aroer fino a Minnit, venti citta'. e fino alla pianura delle vigne. E cosi' i figliuoli di Ammon furono abbassati dinanzi ai figliuoli d'Israele. 34 11:34 Ora, come Iefte ritornava a casa sua in Mispe, ecco, la sua figliuola gli usci' incontro con tamburi, e con flauti. or ella era unica e sola, ed egli non avea altri proceduto da lui, ne' figliuolo, ne' figliuola. 35 11:35 E, come egli la vide, straccio' i suoi vestimenti, e disse: Ahi! figliuola mia. tu mi hai affatto abbattuto, e sei di quelli che mi conturbano. conciossiache' io abbia aperta la mia bocca al Signore, e non possa ritrar-mene. 36 11:36 Ed ella gli disse: Padre mio, se pur tu hai aperta la bocca al Signore, fammi come t'e' uscito di bocca. poiche' il Signore ha fatte le tue vendette soproa i figliuoli di Ammon, tuoi nemici. 37 11:37 Poi disse a suo padre: Facciamisi questo: Lasciami per due mesi, acciocche' io vada su e giu' per li monti, e pianga la mia verginita', con le mie compagne. 38 11:38 Ed egli le disse: Va'. Cosi' la lascio' andare per due mesi. Ed ella ando' con le sue compagne, e pianse la sua verginita' su per li monti. 39 11:39 E, al termine di due mesi, ella ritorno' a suo padre, ed egli le fece secondo il voto ch'egli avea votato. Or ella non avea conosciuto uomo. E di qui nacque l'usanza in Israele, 40 11:40 che le figliuole d'Israele andavano ogni anno a far lamento della figliuola di Iefte Galaadita, quattro giorni dell'anno.

11:29 11:29 Allora lo spirito dell'Eterno venne su Jefte, che attraverso' Galaad e Manasse, passo' a Mitspa di Galaad, e da Mitspa di Ga-laad mosse contro i figliuoli di Ammon. 30 11:30 E Jefte fece un voto all'Eterno, e disse: 'Se tu mi dai nelle mani i figliuoli di Ammon, 31 11:31 la persona che uscira' dalle porte di casa mia per venirmi incontro quando tornero' vittorioso dai figliuoli di Ammon, sara' dell'Eterno, e io l'offriro' in olocausto'. 32 11:32 E Jefte marcio' contro i figliuoli di Ammon per far loro guerra, e l'Eterno glieli diede nelle mani. 33 11:33 Ed egli inflisse loro una grandissima sconfitta, da Aroer fin verso Minnith, proendendo loro venti citta', e fino ad Abel-Keramim. Cosi' i figliuoli di Ammon furono umiliati dinanzi ai figliuoli d'Israele. 34 11:34 Or Jefte se ne torno' a Mitspa, a casa sua. ed ecco uscirgli incontro la sua figliuola, con timpani e danze. Era l'unica sua figlia: non aveva altri figliuoli nè altre figliuole. 35 11:35 E, come la vide, si straccio' le vesti, e disse: 'Ah, figlia mia! tu mi accasci, tu mi accasci. tu sei fra quelli che mi conturbano! poichè io ho dato parola all'Eterno, e non posso ri-trarmene'. 36 11:36 Ella gli disse: 'Padre mio, se hai dato parola all'Eterno, fa' di me secondo quel che hai proferito, giacchè l'Eterno t'ha dato di far vendetta de' figliuoli di Ammon, tuoi nemici'. 37 11:37 Poi disse a suo padre: 'Mi sia concesso questo: lasciami libera per due mesi, ond'io vada e scenda per i monti a piangere la mia verginita' con le mie compagne'. 38 11:38 Egli le rispose: 'Va'!' e la lascio' andare per due mesi. Ed ella se ne ando' con le sue compagne, e pianse sui monti la sua verginita'. 39 11:39 Alla fine dei due mesi, ella torno' da suo padre. ed egli fece di lei quello che avea promesso con voto. Ella non avea conosciuto uomo. Di qui venne in Israele 40 11:40 l'usanza che le figliuole d'Israele vanno tutti gli anni a celebrar la figliuola di Jefte, il Galaadita, per quattro giorni.

11:29 11:29 Allora lo spirito del SIGNORE venne su Iefte, che attraversò Galaad e Manasse, passò a Mispa di Galaad e da Mispa di Gala-ad mosse contro i figli di Ammon. 30 11:30 Iefte fece un voto al SIGNORE e disse: 'Se tu mi dai nelle mani i figli di Ammon, 31 11:31 chiunque usciró dalla porta di casa mia per venirmi incontro, quando tornerò vincitore sugli Ammoniti, saró del SIGNORE e io l'offrirò in olocausto'. 32 11:32 Iefte marciò contro i figli di Ammon per fare loro guerra e il SIGNORE glieli diede nelle mani. 33 11:33 Egli li sconfisse da Aroer fino a Minnit, devastando venti cittó, e fino ad Abel-Cheramin. fu una grandissima sconfitta per i figli di Ammon che furono umiliati davanti ai figli d'Israele. 34 11:34 Iefte tornò a Mispa, a casa sua. ed ecco uscirgli incontro sua figlia, con timpani e danze. Era l'unica sua figlia. non aveva altri figli nè altre figlie. 35 11:35 Come la vide, si stracciò le vesti e disse: 'Ah, figlia mia! tu mi riempi d'angoscia! tu sei fra quelli che mi fanno soffrire! Io ho fatto una promessa al SIGNORE e non posso revocarla'. 36 11:36 Lei gli disse: 'Padre mio, se hai dato la tua parola al SIGNORE, trattami secondo la tua promessa, poichè il SIGNORE ti ha permesso di vendicarti dei figli di Ammon, tuoi nemici'. 37 11:37 Poi disse a suo padre: 'Mi sia concesso questo: lasciami libera per due mesi, affinchè vada su e giù per i monti a piangere la mia verginitó con le mie compagne'. 38 11:38 Egli le rispose: 'Vó!'. E la lasciò andare per due mesi. Lei se ne andò con le sue compagne e pianse sui monti la sua verginitó. 39 11:39 Alla fine dei due mesi, tornò da suo padre. ed egli fece di lei quello che aveva promesso. Lei non aveva conosciuto uomo. Di qui venne in Israele l'usanza 40 11:40 che le figlie d'Israele vadano tutti gli anni a celebrare la figlia di Iefte, il Galaadita, per quattro giorni.

11:29 11:29 Allora lo Spirito dell’Eterno venne su Jefte, ed egli attraversò Galaad e Manasse, passò a Mitspah di Galaad, e da Mitspah di Galaad mosse contro i figli di Ammon. 30 11:30 Jefte fece un voto all’Eterno e disse: ’Se tu mi dai nelle mani i figli di Ammon, 31 11:31 ciò che usciró dalle porte di casa mia per venirmi incontro quando tornerò vittorioso dai figli di Ammon, apparterró all’Eterno, e io l’offrirò in olocausto'. 32 11:32 Così Jefte marciò contro i figli di Ammon per far loro guerra, e l’Eterno glieli diede nelle mani. 33 11:33 Egli li sconfisse facendone una grande strage, da Aroer fino verso Minnith (proendendo loro venti cittó) e fino ad Abel-Keramim. Così i figli di Ammon furono umiliati davanti ai figli d’Israele. 34 11:34 Poi Jefte ritornò a casa sua, a Mitspah. ed ecco uscirgli incontro sua figlia con tamburelli e danze. Essa era l’unica figlia, perchè egli non aveva altri figli o figlie. 35 11:35 Come la vide, si stracciò le vesti e disse: ’Ah, figlia mia, tu mi rendi grandemente infelice, tu mi porti sventura! Io ho dato la mia parola all’Eterno e non posso tirarmi indietro'. 36 11:36 Ella gli disse: ’Padre mio, se hai dato la tua parola all’Eterno, fó di me secondo ciò che è uscito dalla tua bocca, perchè l’Eterno ti ha vendicato dei tuoi nemici, i figli di Ammon'. 37 11:37 Poi disse a suo padre: ’Mi sia concesso questo: lasciami libera per due mesi, affinchè possa andare in giro per i monti a piangere la mia verginitó con le mie compagne'. 38 11:38 Egli le rispose: ’Vó!'. E la lasciò andare per due mesi. Così ella se ne andò con le sue compagne e pianse sui monti la sua verginitó. 39 11:39 Alla fine dei due mesi ella tornò da suo padre. ed egli fece di lei secondo il voto che aveva fatto. Ella non aveva conosciuto uomo. Così divenne usanza in Israele 40 11:40 che le figlie d’Israele vanno tutti gli anni a piangere la figlia di Jefte, il Galaadita, per quattro giorni.

11:29 Allora lo spirito del Signore venne su Iefte ed egli attraversò Gàlaad e Manàsse, passò a Mizpa di Gàlaad e da Mizpa di Gàlaad raggiunse gli Ammoniti. 30 Iefte fece voto al Signore e disse: ""Se tu mi metti nelle mani gli Ammoniti, 31 la persona che uscirà per prima dalle porte di casa mia per venirmi incontro, quando tornerò vittorioso dagli Ammoniti, sarà per il Signore e io l'offrirò in olocausto"". 32 Quindi Iefte raggiunse gli Ammoniti per combatterli e il Signore glieli mise nelle mani. 33 Egli li sconfisse da Aroer fin verso Minnit, prendendo loro venti città, e fino ad Abel- Cheramin. Così gli Ammoniti furono umiliati davanti agli Israeliti. 34 Poi Iefte tornò a Mizpa, verso casa sua; ed ecco uscirgli incontro la figlia, con timpani e danze. Era l'unica figlia: non aveva altri figli, nè altre figlie. 35 Appena la vide, si stracciò le vesti e disse: ""Figlia mia, tu mi hai rovinato! Anche tu sei con quelli che mi hanno reso infelice! Io ho dato la mia parola al Signore e non posso ritirarmi"". 36 Essa gli disse: ""Padre mio, se hai dato parola al Signore, fó di me secondo quanto è uscito dalla tua bocca, perchè il Signore ti ha concesso vendetta sugli Ammoniti, tuoi nemici"". 37 Poi disse al padre: ""Mi sia concesso questo: lasciami libera per due mesi, perchè io vada errando per i monti a piangere la mia verginità con le mie compagne"". 38 Egli le rispose: ""Vó!"", e la lasciò andare per due mesi. Essa se ne andò con le compagne e pianse sui monti la sua verginità. 39 Alla fine dei due mesi tornò dal padre ed egli fece di lei quello che aveva promesso con voto. Essa non aveva conosciuto uomo; di qui venne in Israele questa usanza: 40 ogni anno le fanciulle d'Israele vanno a piangere la figlia di Iefte il Galaadita, per quattro giorni.

Mappa

#http://##http://##http://#

Commento di un santo

E il fatto che Gioviniano preferisca la fedeltà del padre lefte alle lacrime della figlia vergine, rafforza il nostro punto di vista. Noi infatti non stiamo elogiando le vergini del secolo tanto come quelle che sono vergini per Cristo. Molti Ebrei biasimano il padre per aver fatto un voto avventato, ''Se tu mi metti nelle mani gli Ammoniti, la persona che uscirà per prima dalle porte di casa mia per venirmi incontro, quando tornerò vittorioso dagli Ammoniti, sarà per il Signore e io l'offrirò in olocausto'. Supponendo, dicono gli Ebrei, che avesse incontrato un cane o un asino, che cosa avrebbe fatto? La loro spiegazione è che Dio fissò gli eventi in modo tale che chi avesse fatto un voto avventato, avrebbe compreso il proprio errore con la morte di sua figlia.

Autore

Girolamo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-20°giovedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Gdc 11,29-39)}; (sal 40,5-10)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia