Cronologia dei paragrafi

La lotta con Dio
Incontro con Esaù
Giacobbe si separa da Esaù
Arrivo a Sichem
Violenza fatta a Dina
Accordo matrimoniale con i Sichemiti
Vendetta di Simeone e di Levi
Giacobbe a Betel
Nascita di Beniamino e morte di Rachele
Incesto di Ruben
I dodici figli di Giacobbe
Morte di Isacco
Mogli e figli di Esaù in Canaan
Migrazione di Esaù
Discendenza di Esaù in Seir
I Capi di Edom
Discendenza di Seir l'Hurrita
I re di Edom
Ancora i capi di Edom
Giuseppe e i suoi fratelli
Giuseppe venduto dai fratelli
Storia di Giuda e di Tamar
Primi successi di Giuseppe in Egitto
Giuseppe e la seduttrice
Giuseppe in prigione
Giuseppe interpreta i sogni degli ufficiali del Faraone
I sogni del Faraone
Promozione di Giuseppe
I figli di Giacobbe
Primo incontro di Giusepe con i suoi fratelli
Ritorno dei figli di Giacobbe in Canaan
I figli di Giacobbe ripartono con Beniamino
L'incontro presso Giuseppe
La coppa di Giuseppe nel sacco di Beniamino
L'intervento di Giuda
Giuseppe si fa riconoscere
L'invito del Faraone
Il ritorno in Canaan
Partenza di Giacobbe per l'Egitto
La famiglia di Giacobbe
L'accoglienza di Giuseppe
L'udienza del Faraone
Altro racconto
Politica agraria di Giuseppe
Ultime volontà di Giacobbe
Giacobbe adotta e benedice i due figli di Giuseppe
Benedizioni di Giacobbe
Ultimi momenti e morte di Giacobbe
Funerali di Giacobbe
Dalla morte di Giacobbe alla morte di Giuseppe

La lotta con Dio (gen 32,23-99)

32:23 Durante quella notte egli si alzò, prese le due mogli, le due schiave, i suoi undici bambini e passò il guado dello Iabbok. 24 Li prese, fece loro passare il torrente e portò di là anche tutti i suoi averi. 25 Giacobbe rimase solo e un uomo lottò con lui fino allo spuntare dell'aurora. 26 Vedendo che non riusciva a vincerlo, lo colpì all'articolazione del femore e l'articolazione del femore di Giacobbe si slogò, mentre continuava a lottare con lui. 27 Quello disse: "Lasciami andare, perchè è spuntata l'aurora". Giacobbe rispose: "Non ti lascerò, se non mi avrai benedetto!". 28 Gli domandò: "Come ti chiami?". Rispose: "Giacobbe". 29 Riprese: "Non ti chiamerai più Giacobbe, ma Israele, perchè hai combattuto con Dio e con gli uomini e hai vinto!". 30 Giacobbe allora gli chiese: "Svelami il tuo nome". Gli rispose: "Perchè mi chiedi il nome?". E qui lo benedisse. 31 Allora Giacobbe chiamò quel luogo Penuèl: "Davvero - disse - ho visto Dio faccia a faccia, eppure la mia vita è rimasta salva". 32 Spuntava il sole, quando Giacobbe passò Penuèl e zoppicava all'anca. 33 Per questo gli Israeliti, fino ad oggi, non mangiano il nervo sciatico, che è sopra l'articolazione del femore, perchè quell'uomo aveva colpito l'articolazione del femore di Giacobbe nel nervo sciatico.

32:23 32:23 E, dopo che li ebbe proesi, ed ebbe loro fatto passare il torrente, fece passare tutto il rimanente delle cose sue. 24 32:24 E Giacobbe resto' solo. ed un uomo lotto' con lui fino all'apparir dell'alba. 25 32:25 Ed esso, veggendo che non lo potea vincere, gli tocco' la giuntura della coscia. e la giuntura della coscia di Giacobbe fu smossa, mentre quell'uomo lottava con lui. 26 32:26 E quell'uomo gli disse: Lasciami andare. perciocche' gia' spunta l'alba. E Giacobbe gli disse: Io non ti lascero' andare, che tu non mi abbi benedetto. 27 32:27 E quell'uomo gli disse: Quale e' il tuo nome? 28 32:28 Ed egli disse: Giacobbe. E quell'uomo gli disse: Tu non sarai piu' chiamato Giacobbe, anzi Israele. con-ciossiache' tu sii stato prode e valente con Dio e con gli uomini, ed abbi vinto. 29 32:29 E Giacobbe lo domando', e gli disse: Deh! dichiarami il tuo nome. Ed egli disse: Perche' domandi del mio nome? 30 32:30 E quivi lo benedisse. E Giacobbe pose nome a quel luogo Peniel. percioc-che' disse : Io ho veduto Iddio a faccia a faccia. e pur la vita mi e' stata salvata. 31 32:31 E il sole gli si levo' come fu passato Peniel. ed egli zoppicava della coscia. 32 32:32 Percio' i figliuoli d'Israele non mangiano fino ad oggi del muscolo della commessura dell'anca ch'e' soproa la giuntura della coscia. perciocche' quell'uomo tocco' la giuntura della coscia di Giacobbe, al muscolo della commessura dell'anca. 33

32:23 32:23 Li proese, fece loro passare il torrente, e lo fece passare a tutto quello che possedeva. 24 32:24 Giacobbe rimase solo, e un uomo lotto' con lui fino all'apparir dell'alba. 25 32:25 E quando quest'uomo vide che non lo poteva vincere, gli tocco' la commessura dell'anca. e la commessura dell'anca di Giacobbe fu slogata, mentre quello lottava con lui. 26 32:26 E l'uomo disse: 'Lasciami andare, chè spunta l'alba'. E Giacobbe: 'Non ti lascero' andare proima che tu m'abbia benedetto ! ' 27 32:27 E l'altro gli disse: 'Qual e' il tuo nome?' Ed egli rispose: 'Giacobbe'. 28 32:28 E quello disse: 'Il tuo nome non sara' piu' Giacobbe, ma Israele, poichè tu hai lottato con Dio e con gli uomini, ed hai vinto'. 29 32:29 E Giacobbe gli chiese: 'Deh, palesami il tuo nome'. E quello rispose: 'Perchè mi chiedi il mio nome?' 30 32:30 E lo benedisse quivi. E Giacobbe chiamo' quel luogo Peniel, 'perchè', disse, 'ho veduto Iddio a faccia a faccia, e la mia vita e' stata risparmiata'. 31 32:31 Il sole si levava com'egli ebbe passato Peniel. e Giacobbe zoppicava dell'anca. 32 32:32 Per questo, fino al di' d'oggi, gl'Israeliti non mangiano il nervo della coscia che passa per la commessura dell'anca, perchè quell'uomo avea toccato la commessura dell'anca di Giacobbe, al punto del nervo della coscia. 33

32:23 32:23 Li proese, fece loro passare il torrente e lo fece passare a tutto quello che possedeva. 24 32:24 Giacobbe rimase solo e un uomo lottò con lui fino allapparne dell'alba. 25 32:25 quando quest'uomo vide che non poteva vincerlo, gli toccò la giuntura dell'anca, e la giuntura dell'anca di Giacobbe fu slogata, mentre quello lottava con lui. 26 32:26 E l'uomo disse: 'Lasciami andare, perchè spunta l'alba'. E Giacobbe: 'Non ti lascerò andare proima che tu mi abbia benedetto!'. 27 32:27 L'altro gli disse: 'Qual è il tuo nome?'. Ed egli rispose: 'Giacobbe'. 28 32:28 Quello disse: 'Il tuo nome non saró più Giacobbe, ma Israele, perchè tu hai lottato con Dio e con gli uomini e hai vinto'. 29 32:29 Giacobbe gli chiese: 'Ti proego, svelami il tuo nome'. Quello rispose: 'Perchè chiedi il mio nome?'. 30 32:30 E lo benedisse lò. Giacobbe chiamò quel luogo Peniel, perchè disse: 'Ho visto Dio faccia a faccia e la mia vita è stata risparmiata'. 31 32:31 Il sole si levò quando egli ebbe passato Peniel. e Giacobbe zoppicava dall'anca. 32 32:32 Per questo, fino al giorno d'oggi, gli Israeliti non mangiano il nervo della coscia che passa per la giuntura dell'anca, perchè quell'uomo aveva toccato la giuntura dell'anca di Giacobbe, al punto del nervo della coscia. 33

32:23 32:23 Li proese e fece loro passare il torrente, e lo fece passare a tutto quello che possedeva. 24 32:24 Così Giacobbe rimase solo e un uomo lottò con lui fino allo spuntar dell’alba. 25 32:25 Quando quest?uomo vide che non lo poteva vincere, gli toccò la cavitó dell’anca. e la cavitó dell’anca di Giacobbe fu slogata, mentre quello lottava con lui. 26 32:26 E quegli disse: ’Lasciami andare, perchè sta spuntando l’alba'. Ma Giacobbe disse: ’Non ti lascerò andare, se non mi avrai proima benedetto!'. 27 32:27 L’altro gli disse: ’Qual è il tuo nome?'. Egli rispose: ’Giacobbe'. 28 32:28 Allora quegli disse: ’Il tuo nome non saró più Giacobbe, ma Israele, poichè tu hai lottato con DIO e con gli uomini, ed hai vinto'. 29 32:29 Giacobbe gli disse: ’Ti proego, dimmi il tuo nome'. Ma quello rispose: ’Perchè chiedi il mio nome?'. 30 32:30 E qui lo benedisse. Allora Giacobbe chiamò quel luogo Peniel, perchè disse: ’Ho visto Dio faccia a faccia, e la mia vita è stata risparmiata'. 31 32:31 Come egli ebbe passato Peniel, il sole si levava. e Giacobbe zoppicava all’anca. 32 32:32 Per questo, fino al giorno d’oggi, i figli d’Israele non mangiano il tendine della coscia che passa per la cavitó dell’anca, perchè quell’uomo aveva toccato la cavitó dell’anca di Giacobbe, al punto del tendine della coscia. 33

32:23 Durante quella notte egli si alzò, prese le due mogli, le due schiave, i suoi undici figli e passò il guado dello Iabbok. 24 Li prese, fece loro passare il torrente e fece passare anche tutti i suoi averi. 25 Giacobbe rimase solo e un uomo lottò con lui fino allo spuntare dell'aurora. 26 Vedendo che non riusciva a vincerlo, lo colpì all'articolazione del femore e l'articolazione del femore di Giacobbe si slogò, mentre continuava a lottare con lui. 27 Quegli disse: "Lasciami andare, perchè è spuntata l'aurora". Giacobbe rispose: "Non ti lascerò, se non mi avrai benedetto!". 28 Gli domandò: "Come ti chiami?". Rispose: "Giacobbe". 29 Riprese: "Non ti chiamerai più Giacobbe, ma Israele, perchè hai combattuto con Dio e con gli uomini e hai vinto!". 30 Giacobbe allora gli chiese: "Dimmi il tuo nome". Gli rispose: "Perchè mi chiedi il nome?". E qui lo benedisse. 31 Allora Giacobbe chiamò quel luogo Penuel, "Perchè - disse - ho visto Dio faccia a faccia, eppure la mia vita è rimasta salva". 32 Spuntava il sole, quando Giacobbe passò Penuel e zoppicava all'anca. 33 Per questo gli Israeliti, fino ad oggi, non mangiano il nervo sciatico, che è sopra l'articolazione del femore, perchè quell'uomo aveva colpito l'articolazione del femore di Giacobbe nel nervo sciatico.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-14°martedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Gen 32,23-33)}; (mat 9,32-38)}; (sal 17,1-3.17,6-8.17,15-)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale