Cronologia dei paragrafi

Accordo tra Giacobbe e labano
Giacobbe prepara l'incontro con Esaù
La lotta con Dio
Incontro con Esaù
Giacobbe si separa da Esaù
Arrivo a Sichem
Violenza fatta a Dina
Accordo matrimoniale con i Sichemiti
Vendetta di Simeone e di Levi
Giacobbe a Betel
Nascita di Beniamino e morte di Rachele
Incesto di Ruben
I dodici figli di Giacobbe
Morte di Isacco
Mogli e figli di Esaù in Canaan
Migrazione di Esaù
Discendenza di Esaù in Seir
I Capi di Edom
Discendenza di Seir l'Hurrita
I re di Edom
Ancora i capi di Edom
Giuseppe e i suoi fratelli
Giuseppe venduto dai fratelli
Storia di Giuda e di Tamar
Primi successi di Giuseppe in Egitto
Giuseppe e la seduttrice
Giuseppe in prigione
Giuseppe interpreta i sogni degli ufficiali del Faraone
I sogni del Faraone
Promozione di Giuseppe
I figli di Giacobbe
Primo incontro di Giusepe con i suoi fratelli
Ritorno dei figli di Giacobbe in Canaan
I figli di Giacobbe ripartono con Beniamino
L'incontro presso Giuseppe
La coppa di Giuseppe nel sacco di Beniamino
L'intervento di Giuda
Giuseppe si fa riconoscere
L'invito del Faraone
Il ritorno in Canaan
Partenza di Giacobbe per l'Egitto
La famiglia di Giacobbe
L'accoglienza di Giuseppe
L'udienza del Faraone
Altro racconto
Politica agraria di Giuseppe
Ultime volontà di Giacobbe
Giacobbe adotta e benedice i due figli di Giuseppe
Benedizioni di Giacobbe
Ultimi momenti e morte di Giacobbe
Funerali di Giacobbe
Dalla morte di Giacobbe alla morte di Giuseppe

Accordo tra Giacobbe e labano (gen 31,43-99)

31:43 Làbano allora rispose e disse a Giacobbe: "Queste figlie sono le mie figlie e questi figli sono i miei figli; questo bestiame è il mio bestiame e quanto tu vedi è mio. E che cosa potrei fare oggi a queste mie figlie o ai figli che hanno messo al mondo? 44 Ebbene, vieni, concludiamo un'alleanza, io e te, e ci sia un testimone tra me e te". 45 Giacobbe prese una pietra e la eresse come stele. 46 Poi disse ai suoi parenti: "Raccogliete pietre", e quelli presero pietre e ne fecero un mucchio; e su quel mucchio mangiarono. 47 Làbano lo chiamò Iegar-Saadutà, mentre Giacobbe lo chiamò Gal-Ed. 48 Làbano disse: "Questo mucchio è oggi un testimone tra me e te"; per questo lo chiamò Gal-Ed 49 e anche Mispa, perchè disse: "Il Signore starà di vedetta tra me e te, quando noi non ci vedremo più l'un l'altro. 50 Se tu maltratterai le mie figlie e se prenderai altre mogli oltre le mie figlie, sappi che non un uomo è con noi, ma Dio è testimone tra me e te". 51 Soggiunse Làbano a Giacobbe: "Ecco questo mucchio ed ecco questa stele, che io ho eretto tra me e te. 52 Questo mucchio è testimone e questa stele è testimone che io giuro di non oltrepassare questo mucchio dalla tua parte e che tu giuri di non oltrepassare questo mucchio e questa stele dalla mia parte, per fare il male. 53 Il Dio di Abramo e il Dio di Nacor siano giudici tra di noi". Giacobbe giurò per il Terrore di Isacco suo padre. 54 Poi offrì un sacrificio sulle montagne e invitò i suoi parenti a prender cibo. Essi mangiarono e passarono la notte sulle montagne. 55

31:43 31:43 E Labano rispose a Giacobbe, e gli disse: Queste figliuole son mie figliuole, e questi figliuoli son miei figliuoli, e queste pecore son mie pecore, e tutto quello che tu vedi e' mio. e che farei io oggi a queste mie figliuole, ovvero a' lor figliuoli che esse hanno partoriti? 44 31:44 Ora dunque, vieni, facciam patto insieme, tu ed io. e sia cio' per testimonianza fra me e te. 45 31:45 E Giacobbe proese una pietra, e la rizzo' per un pilie-re. 46 31:46 E Giacobbe disse a' suoi fratelli: Raccogliete delle pietre. Ed essi proesero delle pietre, e ne fecero un mucchio, e mangiarono quivi. 47 31:47 E Labano chiamo' quel mucchio Iegar-sahaduta. e Giacobbe gli pose nome Ga-led. 48 31:48 E Labano disse: Questo mucchio e' oggi testimonio fra me e te. percio' fu nominato Galed: 49 31:49 ed anche Mispa. per-ciocche' Labano disse: Il Signore riguardi fra te e me, quando non ci potremo vedere l'un l'altro. 50 31:50 Se tu affliggi le mie figliuole, ovvero, se tu proendi altre mogli oltre alle mie figliuole, non un uomo e' testimonio fra noi. vedi: Iddio e' testimonio fra me e te. 51 31:51 Labano, oltre a cio', disse a Giacobbe: Ecco questo mucchio che io ho ammonticchiato, ed ecco questo piliere fra me e te. 52 31:52 Questo mucchio sara' testimonio, e questo piliere ancora sara' testimonio, che ne' io non passero' questo mucchio per andare a te, ne' tu non passerai questo mucchio e questo piliere, per venire a me, per male. 53 31:53 L'Iddio di Abrahamo, e l'Iddio di Nahor, l'Iddio del padre loro, sieno giudici fra noi. Ma Giacobbe giuro' per lo terrore d'Isacco, suo padre. 54 31:54 E Giacobbe sacrifico' un sacrificio in su quel monte, e chiamo' i suoi fratelli a mangiar del pane. Essi adunque mangiarono del pane, e dimorarono quella notte in su quel monte. 55 31:55 E la mattina, Labano si levo' a buon'ora, e bacio' le sue figliuole, e i suoi figliuoli, e li benedisse. Poi se ne ando', e ritorno' al suo luogo.

31:43 31:43 E Labano rispose a Giacobbe, dicendo: 'Queste figliuole son mie figliuole, questi figliuoli son miei figliuoli, queste pecore son pecore mie, e tutto quel che vedi e' mio. E che posso io fare oggi a queste mie figliuole o ai loro figliuoli ch'esse hanno partorito? 44 31:44 Or dunque vieni, facciamo un patto fra me e te, e serva esso di testimonianza fra me e te'. 45 31:45 Giacobbe proese una pietra, e la eresse in monumento. 46 31:46 E Giacobbe disse ai suoi fratelli: 'Raccogliete delle pietre'. Ed essi proesero delle pietre, ne fecero un mucchio, e proesso il mucchio mangiarono. 47 31:47 E Labano chiamo' quel mucchio Jegar-Sahadutha, e Giacobbe lo chiamo' Galed. 48 31:48 E Labano disse: 'Questo mucchio e' oggi testimonio fra me e te'. Percio' fu chiamato Galed, 49 31:49 e anche Mitspa, perchè Labano disse: 'L'Eterno tenga l'occhio su me e su te quando non ci potremo vedere l'un l'altro. 50 31:50 Se tu affliggi le mie figliuole e se proendi altre mogli oltre le mie figliuole, non un uomo sara' con noi. ma, bada, Iddio sara' testimonio fra me e te'. 51 31:51 Labano disse ancora a Giacobbe: 'Ecco questo mucchio di pietre, ed ecco il monumento che io ho eretto fra me e te. 52 31:52 Sia questo mucchio un testimonio e sia questo monumento un testimonio che io non passero' oltre questo mucchio per andare a te, e che tu non passerai oltre questo mucchio e questo monumento, per far del male. 53 31:53 L'Iddio d'Abrahamo e l'Iddio di Nahor, l'Iddio del padre loro, sia giudice fra noi!' E Giacobbe giuro' per il Terrore d'Isacco suo padre. 54 31:54 Poi Giacobbe offri' un sacrifizio sul monte, e invito' i suoi fratelli a mangiar del pane. Essi dunque mangiarono del pane, e passarono la notte sul monte. 55 31:55 La mattina, Labano si levo' di buon'ora, bacio' i suoi figliuoli e le sue figliuole, e li benedisse. Poi Labano se ne ando', e torno' a casa sua.

31:43 31:43 Labano rispose a Giacobbe dicendo: 'Queste figlie sono mie figlie, questi figli sono miei figli, queste pecore sono pecore mie e tutto quel che vedi è mio. E che posso fare io oggi a queste mie figlie o ai figli che esse hanno partorito? 44 31:44 Or dunque vieni, facciamo un patto fra me e te ed esso serva di testimonianza fra me e te'. 45 31:45 Giacobbe proese una pietra e la eresse come pietra commemorativa. 46 31:46 Giacobbe disse ai suoi fratelli: 'Raccogliete delle pietre'. Essi proesero delle pietre, ne fecero un mucchio e proesso il mucchio mangiarono. 47 31:47 Labano chiamò quel mucchio Iegar-Saaduta e Giacobbe lo chiamò Galed. 48 31:48 Labano disse: 'Questo mucchio è oggi testimone fra me e te'. Perciò fu chiamato Galed 49 31:49 e anche Mispa, perchè Labano disse: 'Il SIGNORE tenga l'occhio su di me e su di te quando non ci vedremo l'un l'altro. 50 31:50 Se tu maltratti le mie figlie e se proendi altre mogli oltre alle mie figlie, non un uomo saró con noi. ma, bada, Dio saró testimone fra me e te'. 51 31:51 Labano disse ancora a Giacobbe: 'Ecco questo mucchio e la pietra commemorativa che ho eretta fra me e te. 52 31:52 Sia questo mucchio testimone e sia questa pietra commemorativa testimone che io non passerò oltre questo mucchio per andare da te e che tu non passerai oltre questo mucchio e questa pietra commemorativa per fare del male. 53 31:53 Il Dio d'Abraamo e il Dio di Naor, il Dio del padre loro, sia giudice tra di noi!'. Giacobbe giurò per il Terrore d'Isacco suo padre. 54 31:54 Poi Giacobbe offrò un sacrificio sul monte e invitò i suoi fratelli a mangiare del pane. Essi dunque mangiarono del pane e passarono la notte sul monte. 55 31:55 La mattina Labano si alzò di buon'ora, baciò i suoi figli e le sue figlie e li benedisse. Poi Labano se ne andò e tornò a casa sua.

31:43 31:43 Allora Labano rispose e disse: ’Queste figlie sono mie figlie, questi figli sono miei figli, queste greggi sono mie greggi, e tutto quel che vedi è mio. Ma che posso io fare oggi a queste mie figlie o ai loro figli che esse hanno partorito? 44 31:44 Or dunque vieni, facciamo un patto fra me e te, e serva esso di testimonianza fra me e te'. 45 31:45 Allora Giacobbe proese una pietra e la eresse come una stele. 46 31:46 Poi Giacobbe disse ai suoi fratelli: ’Raccogliete delle pietre'. Ed essi proesero delle pietre e ne fecero un mucchio, e proesso il mucchio mangiarono. 47 31:47 Labano chiamò quel mucchio Jegar-Sahadutha, mentre Giacobbe lo chiamò Galed. 48 31:48 E Labano disse: ’Oggi questo mucchio è una testimonianza fra me e te'. Perciò fu chiamato Galed, 49 31:49 e anche Mitspah, perchè Labano disse: ’L’Eterno tenga l’occhio su me e su te quando saremo nell’impossibilitó di vederci l’un l’altro. 50 31:50 Se tu maltratti le mie figlie o se proendi altre mogli oltre le mie figlie, anche se non c’è alcun uomo con noi, ricordati che DIO è testimone fra me e te'. 51 31:51 Labano disse ancora a Giacobbe: ’Ecco questo mucchio di pietre, ed ecco la stele che io ho eretto fra me e te. 52 31:52 Sia questo mucchio un testimone e sia questa stele un testimone che io non oltrepasserò questo mucchio per venire a far del male a te, e che tu non oltrepasserai questo mucchio e questa stele per far del male a me. 53 31:53 Il DIO di Abrahamo e il DIO di Nahor, il DIO del loro padre, sia giudice fra noi!'. E Giacobbe giurò per il Terrore di Isacco suo padre. 54 31:54 Poi Giacobbe offrì un sacrificio sul monte e invitò i suoi fratelli a mangiare del pane. Ed essi mangiarono del pane e passarono la notte sul monte. 55 31:55 Labano si alzò al mattino proesto, baciò i suoi figli e le sue figlie e li benedisse. Poi Labano partì e tornò a casa sua.

31:43 Labano allora rispose e disse a Giacobbe: "Queste figlie sono mie figlie e questi figli sono miei figli; questo bestiame è il mio bestiame e quanto tu vedi è mio. E che potrei fare oggi a queste mie figlie o ai figli che esse hanno messi al mondo? 44 Ebbene, vieni, concludiamo un'alleanza io e te e ci sia un testimonio tra me e te". 45 Giacobbe prese una pietra e la eresse come una stele. 46 Poi disse ai suoi parenti: "Raccogliete pietre", e quelli presero pietre e ne fecero un mucchio; e su quel mucchio mangiarono. 47 Labano lo chiamò Iegar-Saaduta, mentre Giacobbe lo chiamò Gal-Ed. 48 Labano disse: "Questo mucchio sia oggi un testimonio tra me e te"; per questo lo chiamò Gal-Ed 49 e anche Mizpa, perchè disse: "Il Signore starà di vedetta tra me e te, quando noi non ci vedremo più l'un l'altro. 50 Se tu maltratterai le mie figlie e se prenderai altre mogli oltre le mie figlie, non un uomo sarà con noi, ma bada, Dio sarà testimonio tra me e te". 51 Soggiunse Labano a Giacobbe: "Ecco questo mucchio ed ecco questa stele, che io ho eretta tra me e te. 52 Questo mucchio è testimonio e questa stele è testimonio che io giuro di non oltrepassare questo mucchio dalla tua parte e che tu giuri di non oltrepassare questo mucchio e questa stele dalla mia parte per fare il male. 53 Il Dio di Abramo e il Dio di Nacor siano giudici tra di noi". Giacobbe giurò per il Terrore di suo padre Isacco. 54 Poi offrì un sacrificio sulle montagne e invitò i suoi parenti a prender cibo. Essi mangiarono e passarono la notte sulle montagne. 55

Mappa

#http://##http://#

Commento di un santo

Osservate come Labano venga gradualmente introdotto alla conoscenza di Dio. L'uomo che in precedenza aveva accusato quell'uomo buono del furto dei suoi dèi della casa, ed aveva fatto una ricerca così attenta, ora dice: Siccome non c'è nessuno in grado di interagire fra di noi, nel caso qualcosa accadesse in seguito, sia Dio il testimone fra noi due, al fine di testimoniare su ciò che viene ora /atto da noi. Egli è presen te, e vede ogni cosa, e nulla può sfuggire alla sua attenzione, poichè legge nella mente di ognuno.

Autore

Crisostomo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale
6
bato
210
l