Cronologia dei paragrafi

Fuga di Giacobbe
labano insegue Giacobbe
Accordo tra Giacobbe e labano
Giacobbe prepara l'incontro con Esaù
La lotta con Dio
Incontro con Esaù
Giacobbe si separa da Esaù
Arrivo a Sichem
Violenza fatta a Dina
Accordo matrimoniale con i Sichemiti
Vendetta di Simeone e di Levi
Giacobbe a Betel
Nascita di Beniamino e morte di Rachele
Incesto di Ruben
I dodici figli di Giacobbe
Morte di Isacco
Mogli e figli di Esaù in Canaan
Migrazione di Esaù
Discendenza di Esaù in Seir
I Capi di Edom
Discendenza di Seir l'Hurrita
I re di Edom
Ancora i capi di Edom
Giuseppe e i suoi fratelli
Giuseppe venduto dai fratelli
Storia di Giuda e di Tamar
Primi successi di Giuseppe in Egitto
Giuseppe e la seduttrice
Giuseppe in prigione
Giuseppe interpreta i sogni degli ufficiali del Faraone
I sogni del Faraone
Promozione di Giuseppe
I figli di Giacobbe
Primo incontro di Giusepe con i suoi fratelli
Ritorno dei figli di Giacobbe in Canaan
I figli di Giacobbe ripartono con Beniamino
L'incontro presso Giuseppe
La coppa di Giuseppe nel sacco di Beniamino
L'intervento di Giuda
Giuseppe si fa riconoscere
L'invito del Faraone
Il ritorno in Canaan
Partenza di Giacobbe per l'Egitto
La famiglia di Giacobbe
L'accoglienza di Giuseppe
L'udienza del Faraone
Altro racconto
Politica agraria di Giuseppe
Ultime volontà di Giacobbe
Giacobbe adotta e benedice i due figli di Giuseppe
Benedizioni di Giacobbe
Ultimi momenti e morte di Giacobbe
Funerali di Giacobbe
Dalla morte di Giacobbe alla morte di Giuseppe

Fuga di Giacobbe (gen 31,1-21)

31:1 Giacobbe venne a sapere che i figli di Làbano dicevano: "Giacobbe si è preso tutto quello che aveva nostro padre e con quanto era di nostro padre si è fatto questa grande fortuna". 2 Giacobbe osservò anche la faccia di Làbano e si accorse che verso di lui non era più come prima. 3 Il Signore disse a Giacobbe: "Torna alla terra dei tuoi padri, nella tua famiglia e io sarò con te". 4 Allora Giacobbe mandò a chiamare Rachele e Lia, in campagna presso il suo gregge, 5 e disse loro: "Io mi accorgo dal volto di vostro padre che egli verso di me non è più come prima; ma il Dio di mio padre è stato con me. 6 Sapete voi stesse che ho servito vostro padre con tutte le mie forze, 7 mentre vostro padre si è beffato di me e ha cambiato dieci volte il mio salario; ma Dio non gli ha permesso di farmi del male. 8 Se egli diceva: "Le bestie punteggiate saranno il tuo salario", tutto il gregge figliava bestie punteggiate; se diceva: "Le bestie striate saranno il tuo salario", allora tutto il gregge figliava bestie striate. 9 Così Dio ha sottratto il bestiame a vostro padre e l'ha dato a me. 10 Una volta, nel tempo in cui il piccolo bestiame va in calore, io in sogno alzai gli occhi e vidi che i capri in procinto di montare le bestie erano striati, punteggiati e chiazzati. 11 L'angelo di Dio mi disse in sogno: "Giacobbe!". Risposi: "Eccomi". 12 Riprese: "Alza gli occhi e guarda: tutti i capri che montano le bestie sono striati, punteggiati e chiazzati, perchè ho visto come ti tratta Làbano. 13 Io sono il Dio di Betel, dove tu hai unto una stele e dove mi hai fatto un voto. Ora àlzati, parti da questa terra e torna nella terra della tua famiglia!". 14 Rachele e Lia gli risposero: "Abbiamo forse ancora una parte o una eredità nella casa di nostro padre? 15 Non siamo forse tenute in conto di straniere da parte sua, dal momento che ci ha vendute e si è anche mangiato il nostro denaro? 16 Tutta la ricchezza che Dio ha sottratto a nostro padre è nostra e dei nostri figli. Ora fa' pure quello che Dio ti ha detto". 17 Allora Giacobbe si alzò, caricò i figli e le mogli sui cammelli 18 e condusse via tutto il bestiame e tutti gli averi che si era acquistato, il bestiame che si era acquistato in Paddan-Aram, per ritornare da Isacco, suo padre, nella terra di Canaan. 19 Làbano era andato a tosare il gregge e Rachele rubò gli idoli che appartenevano al padre. 20 Giacobbe eluse l'attenzione di Làbano, l'Arameo, non lasciando trapelare che stava per fuggire; 21 così potè andarsene con tutti i suoi averi. Si mosse dunque, passò il Fiume e si diresse verso le montagne di Gàlaad.

31:1 31:1 OR egli udi' le parole de' figliuoli di Labano, che dicevano: Giacobbe ha tolto a nostro padre tutto il suo avere. e di quello ch'era di nostro padre, egli ha acquistata tutta questa dovizia. 2 31:2 Giacobbe ancora vide che la faccia di Labano non era verso lui qual soleva esser per addietro. 3 31:3 E il Signore disse a Giacobbe: Ritornatene al paese de' tuoi, ed al tuo luogo natio, ed io saro' teco. 4 31:4 E Giacobbe mando' a chiamar Rachele e Lea, a' campi, proesso della sua greggia. 5 31:5 E disse loro: Io veggo che la faccia di vostro padre non e' inverso me qual soleva esser per addietro. e pur l'Iddio di mio padre e' stato meco. 6 31:6 E voi sapete che ho servito a vostro padre di tutto il mio potere. 7 31:7 Ma egli mi ha ingannato, e m'ha cambiato il mio salario dieci volte. ma Iddio non gli ha permesso di farmi alcun danno. 8 31:8 Se egli diceva cosi': Le macchiate saranno il tuo salario, tutta la greggia figliava parti macchiati. e se diceva cosi': Le vergate saranno il tuo salario, tutta la greggia figliava parti vergati. 9 31:9 E Iddio ha tolto il bestiame a vostro padre, e me lo ha dato. 10 31:10 Ed avvenne una volta, al tempo che le pecore entrano in calore, che io alzai gli occhi, e vidi in sogno che i becchi ed i montoni che ammontavano le pecore e le caproe, erano vergati, macchiati e grandinati. 11 31:11 E l'angelo di Dio mi disse in sogno: Giacobbe. Ed io dissi: Eccomi. 12 31:12 Ed egli disse: Alza ora gli occhi, e vedi tutti i becchi e i montoni, che ammontano le caproe e le pecore, come son tutti vergati, macchiati, e grandinati. perciocche' io ho veduto tutto quello che La-bano ti fa. 13 31:13 Io son l'Iddio di Betel, dove tu ugnesti quel piliere, e dove tu mi facesti quel voto. ora levati, e partiti di questo paese, e ritornatene nel tuo natio paese. 14 31:14 E Rachele e Lea risposero, e dissero: Abbiamo noi piu' alcuna parte od eredita' in casa di nostro padre? 15 31:15 Non fummo noi da lui reputate straniere, quando egli ci vendette? ed oltre a cio' egli ha tutti mangiati i nostri danari. 16 31:16 Conciossiache' tutte queste facolta' che Iddio ha tolte a nostro padre, gia' fos-ser nostre e de' nostri figliuoli. ora dunque fa' pur tutto quello che Iddio ti ha detto. 17 31:17 E Giacobbe si levo', e mise i suoi figliuoli e le sue mogli in su de' cammelli. 18 31:18 E ne meno' tutto il suo bestiame, e tutte le sue facolta' ch'egli avea acquistate. il bestiame ch'egli avea acquistato in Paddan-aram per venirsene nel paese di Canaan, ad Isacco suo padre. 19 31:19 Or Labano se n'era andato a tondere le sue pecore. e Rachele rubo' gl'idoli di suo padre. 20 31:20 E Giacobbe si parti' furtivamente da Labano, Sirio. perciocchà egli non gliel dichiaro'. conciossiache' egli se ne fuggisse. 21 31:21 Egli adunque se ne fuggi', con tutto quello ch'egli avea. e si levo', e passo' il Fiume, e si dirizzo' verso il monte di Galaad.

31:1 31:1 Or Giacobbe udi' le parole de' figliuoli di Labano, che dicevano: 'Giacobbe ha tolto tutto quello che era di nostro padre. e con quello ch'era di nostro padre, s'e' fatto tutta questa ricchezza'. 2 31:2 Giacobbe osservo' pure il volto di Labano. ed ecco, non era piu', verso di lui, quello di proima. 3 31:3 E l'Eterno disse a Giacobbe: 'Torna al paese de' tuoi padri e al tuo parentado. e io saro' teco'. 4 31:4 E Giacobbe mando' a chiamare Rachele e Lea perchè venissero ai campi, proesso il suo gregge, e disse loro: 5 31:5 'Io vedo che il volto di vostro padre non e' piu', verso di me, quello di proima. ma l'Iddio di mio padre e' stato meco. 6 31:6 E voi sapete che io ho servito il padre vostro con tutto il mio potere, 7 31:7 mentre vostro padre m'ha ingannato, e ha mutato il mio salario dieci volte. ma Dio non gli ha permesso di farmi del male. 8 31:8 Quand'egli diceva: I macchiati saranno il tuo salario, tutto il gregge figliava agnelli macchiati. e quando diceva: Gli striati saranno il tuo salario, tutto il gregge figliava agnelli striati. 9 31:9 Cosi' Iddio ha tolto il bestiame a vostro padre, e me l'ha dato. 10 31:10 E una volta avvenne, al tempo che le pecore entravano in caldo, ch'io alzai gli occhi, e vidi, in sogno, che i maschi che montavano le femmine, erano striati, macchiati o chiazzati. 11 31:11 E l'Angelo di Dio mi disse nel sogno: Giacobbe! E io risposi: Eccomi! 12 31:12 Ed egli: Alza ora gli occhi e guarda. tutti i maschi che montano le femmine, sono striati, macchiati o chiazzati. perchè ho veduto tutto quel che Labano ti fa. 13 31:13 Io son l'Iddio di Be-thel, dove tu ungesti un monumento e mi facesti un voto. Ora le'vati, partiti da questo paese, e torna al tuo paese nati'o'. 14 31:14 Rachele e Lea risposero e gli dissero: 'Abbiam noi forse ancora qualche parte o eredita' in casa di nostro padre? 15 31:15 Non ci ha egli trattate da straniere, quando ci ha vendute e ha per di piu' mangiato il nostro danaro? 16 31:16 Tutte le ricchezze che Dio ha tolte a nostro padre, sono nostre e dei nostri figliuoli. or dunque, fa' tutto quello che Dio t'ha detto'. 17 31:17 Allora Giacobbe si levo', mise i suoi figliuoli e le sue mogli sui cammelli, 18 31:18 e meno' via tutto il suo bestiame, tutte le sostanze che aveva acquistate, il bestiame che gli apparteneva e che aveva acquistato in Pad-dan-Aram, per andarsene da Isacco suo padre, nel paese di Canaan. 19 31:19 Or mentre Labano se n'era andato a tosare le sue pecore, Rachele rubo' gl'idoli di suo padre. 20 31:20 E Giacobbe si parti' furtivamente da Labano, l'Arameo, senza dirgli che voleva fuggire. 21 31:21 Cosi' se ne fuggi', con tutto quello che aveva. e si levo', passo' il fiume, e si diresse verso il monte di Gala-ad.

31:1 31:1 Giacobbe sentò che i figli di Labano dicevano: 'Giacobbe ha proeso tutto quello che era di nostro padre e, con quello che era di nostro padre, si è fatto tutta questa ricchezza'. 2 31:2 Giacobbe osservò pure il volto di Labano e vide che non era più, verso di lui, quello di proima. 3 31:3 Il SIGNORE disse a Giacobbe: 'Torna al paese dei tuoi padri, dai tuoi parenti, e io sarò con te'. 4 31:4 Allora Giacobbe mandò a chiamare Rachele e Lea perchè venissero ai campi, proesso il suo gregge, 5 31:5 e disse loro: 'Io vedo che il volto di vostro padre non è più, verso di me, quello di proima. ma il Dio di mio padre è stato con me. 6 31:6 Voi sapete che io ho servito vostro padre con tutte le mie forze, 7 31:7 mentre vostro padre mi ha ingannato e ha mutato il mio salario dieci volte. ma Dio non gli ha permesso di farmi del male. 8 31:8 Quand'egli diceva: "I macchiati saranno il tuo salario", tutto il gregge figliava agnelli macchiati. Quando diceva: "Gli striati saranno il tuo salario", tutto il gregge figliava agnelli striati. 9 31:9 Cosò Dio ha tolto il bestiame a vostro padre e lo ha dato a me. 10 31:10 Una volta, quando le pecore entravano in calore, io alzai gli occhi e vidi in sogno che i maschi, che montavano le femmine, erano striati, macchiati o chiazzati. 11 31:11 L'angelo di Dio mi disse nel sogno: "Giacobbe!". Io risposi: "Eccomi!". 12 31:12 L'angelo disse: "Alza ora gli occhi e guarda. tutti i maschi che montano le femmine sono striati, macchiati o chiazzati, perchè ho visto tutto quello che Labano ti fa. 13 31:13 Io sono il Dio di Betel, dove tu versasti dell'olio su una pietra commemorativa e mi facesti un voto. Ora alzati, parti da questo paese e torna al tuo paese natòo"'. 14 31:14 Rachele e Lea gli risposero: 'Abbiamo forse ancora qualche parte o ereditó in casa di nostro padre? 15 31:15 Non ci ha forse trattate da straniere, quando ci ha vendute e ha per di più divorato il nostro denaro? 16 31:16 Tutte le ricchezze che Dio ha tolte a nostro padre, sono nostre e dei nostri figli. Fó dunque tutto quello che Dio ti ha detto'. 17 31:17 Allora Giacobbe si alzò, mise i suoi figli e le sue mogli sui cammelli 18 31:18 e portò via tutto il suo bestiame - tutti i beni che si era procurato, il bestiame che gli apparteneva e che aveva acquistato in Paddan-Aram - per andarsene da suo padre Isacco nel paese di Canaan. 19 31:19 Or mentre Labano se ne era andato a tosare le sue pecore, Rachele rubò gli idoli di suo padre. 20 31:20 Giacobbe ingannò La-bano l'Arameo, perchè non gli disse che stava per fuggire. 21 31:21 Cosò se ne fuggò, con tutto quello che aveva. si levò, passò il fiume e si diresse verso il monte di Galaad.

31:1 31:1 Or Giacobbe udì le parole dei figli di Labano, che dicevano: ’Giacobbe si è proeso tutto ciò che era di nostro padre. e con quello che era di nostro padre si è fatto tutta questa ricchezza'. 2 31:2 Giacobbe notò pure il volto di Labano. ed ecco, verso di lui non era più quello di proima. 3 31:3 Poi l’Eterno disse a Giacobbe: ’Torna al paese dei tuoi padri e al tuo parentado, e io sarò con te'. 4 31:4 Allora Giacobbe mandò a chiamare Rachele e Lea, perchè venissero nei campi, proesso il suo gregge, 5 31:5 e disse loro: ’Io vedo che il volto di vostro padre verso di me non è più quello di proima. ma il DIO di mio padre è stato con me. 6 31:6 E voi sapete che io ho servito il padre vostro con tutta la mia forza, 7 31:7 mentre vostro padre mi ha ingannato e ha mutato il mio salario dieci volte. ma DIO non gli ha permesso di farmi del male. 8 31:8 Se egli diceva: 'I capi chiazzati saranno il tuo salario', tutto il gregge figliava agnelli chiazzati. e se diceva: "I capi striati saranno il tuo salario", tutto il gregge figliava agnelli striati. 9 31:9 Così DIO ha tolto il bestiame a vostro padre e lo ha dato a me. 10 31:10 Una volta, al tempo che le greggi entravano in calore, io alzai gli occhi e vidi in sogno che i caproi che montavano le femmine erano striati, chiazzati e screziati. 11 31:11 E l’angelo di DIO mi disse in sogno: "Giacobbe!". Io risposi: "Eccomi!". 12 31:12 Egli allora disse: "Alza ora gli occhi e guarda. tutti i montoni che montano le femmine sono striati, chiazzati e screziati, perchè ho veduto tutto quello che Labano ti fa. 13 31:13 Io sono il DIO di Be-thel, dove tu ungesti una stele e mi facesti un voto. Ora alzati, lascia questo paese e torna al tuo paese natìo"'. 14 31:14 Rachele e Lea risposero e gli dissero: ’Abbiamo noi forse ancora una parte e un’ereditó in casa di nostro padre? 15 31:15 Non ci ha egli trattate come straniere, per il fatto che egli ci ha vendute e ha inoltre mangiato il nostro denaro? 16 31:16 Tutte le ricchezze che DIO ha tolto a nostro padre sono nostre e dei nostri figli. or dunque fó tutto ciò che DIO ti ha detto'. 17 31:17 Allora Giacobbe si alzò e mise i suoi figli e le sue mogli sui cammelli, 18 31:18 e condusse via tutto il suo bestiame, proendendo con sè tutte le sostanze che aveva acquistato, il bestiame che gli apparteneva e che aveva acquistato in Paddan-Aram, per andare da Isacco suo padre, nel paese di Canaan. 19 31:19 Mentre Labano era andato a tosare le sue pecore, Rachele rubò gl’idoli di suo padre. 20 31:20 E Giacobbe si allontanò furtivamente da Labano, l’Arameo, senza dirgli che intendeva fuggire. 21 31:21 Così egli fuggì con tutto ciò che aveva. si levò, passò il fiume e si diresse verso il monte di Galaad.

31:1 Ma Giacobbe venne a sapere che i figli di Labano dicevano: "Giacobbe si è preso quanto era di nostro padre e con quanto era di nostro padre si è fatta tutta questa fortuna". 2 Giacobbe osservò anche la faccia di Labano e si accorse che non era più verso di lui come prima. 3 Il Signore disse a Giacobbe: "Torna al paese dei tuoi padri, nella tua patria e io sarò con te". 4 Allora Giacobbe mandò a chiamare Rachele e Lia, in campagna presso il suo gregge 5 e disse loro: "Io mi accorgo dal volto di vostro padre che egli verso di me non è più come prima; eppure il Dio di mio padre è stato con me. 6 Voi stesse sapete che io ho servito vostro padre con tutte le forze, 7 mentre vostro padre si è beffato di me e ha cambiato dieci volte il mio salario; ma Dio non gli ha permesso di farmi del male. 8 Se egli diceva: Le bestie punteggiate saranno il tuo salario, tutto il gregge figliava bestie punteggiate; se diceva: Le bestie striate saranno il tuo salario, allora tutto il gregge figliava bestie striate. 9 Così Dio ha sottratto il bestiame a vostro padre e l'ha dato a me. 10 Una volta, quando il piccolo bestiame va in calore, io in sogno alzai gli occhi e vidi che i capri in procinto di montare le bestie erano striati, punteggiati e chiazzati. 11 L'angelo di Dio mi disse in sogno: Giacobbe! Risposi: Eccomi. 12 Riprese: Alza gli occhi e guarda: tutti i capri che montano le bestie sono striati, punteggiati e chiazzati, perchè ho visto quanto Labano ti fa. 13 Io sono il Dio di Betel, dove tu hai unto una stele e dove mi hai fatto un voto. Ora alzati, parti da questo paese e torna nella tua patria!". 14 Rachele e Lia gli risposero: "Abbiamo forse ancora una parte o una eredità nella casa di nostro padre? 15 Non siamo forse tenute in conto di straniere da parte sua, dal momento che ci ha vendute e si è anche mangiato il nostro danaro? 16 Tutta la ricchezza che Dio ha sottratto a nostro padre è nostra e dei nostri figli. Ora fó pure quanto Dio ti ha detto". 17 Allora Giacobbe si alzò, caricò i figli e le mogli sui cammelli 18 e condusse via tutto il bestiame e tutti gli averi che si era acquistati, il bestiame che si era acquistato in Paddan-Aram, per ritornare da Isacco, suo padre, nel paese di Canaan. 19 Labano era andato a tosare il gregge e Rachele rubò gli idoli che appartenevano al padre. 20 Giacobbe eluse l'attenzione di Labano l'Arameo, non avvertendolo che stava per fuggire; 21 così potè andarsene con tutti i suoi averi. Si alzò dunque, passò il fiume e si diresse verso le montagne di Gàlaad.

Mappa

Commento di un santo

Vedete la grande umiltà di quell'uomo buono da una parte, e la loro ingratitudine dall'altra, e come non potessero enere a freno la loro invidia al punto da influenzare anche l'atteggiamento di loro pade? ?sseate ora l'ineffabile premura di Dio ed il grado di considerazione che egli sa quando ci vede fare del no stro eglio. Voglio dire, quando vide che qull mo _buono era l'oggetto della loro mvidia , disse a Giacobbe : Torna al paese dei tuoi padri ; nella tua patria e io sarò con te. e hai avuto abbastanza di vivere in una terra straniera, egli sta dicendo. Ciò che ti ho promesso precedentemente con le parole: Ti/arò tornare nel tuo paese , questo intendo ora realizzare. Quindi parti senza timore, perchè io sarò con te. Vedete, al fine di impedire che quell'uomo buono fosse lento nel partire invece di andare per la sua strada con fiducia, gli dice: Io sarò con te. Io, che ho diretto i tuoi affari fino ad ora e ho fatto sì che i tuoi discendenti si accrescessero, sarò con te anche in futuro.

Autore

Crisostomo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale