Cronologia dei paragrafi

Il sogno di Giacobbe
Giacobbe arriva presso labano
I due matrimoni di Giacobbe
I figli di Giacobbe
Come si è arricchito Giacobbe
Fuga di Giacobbe
labano insegue Giacobbe
Accordo tra Giacobbe e labano
Giacobbe prepara l'incontro con Esaù
La lotta con Dio
Incontro con Esaù
Giacobbe si separa da Esaù
Arrivo a Sichem
Violenza fatta a Dina
Accordo matrimoniale con i Sichemiti
Vendetta di Simeone e di Levi
Giacobbe a Betel
Nascita di Beniamino e morte di Rachele
Incesto di Ruben
I dodici figli di Giacobbe
Morte di Isacco
Mogli e figli di Esaù in Canaan
Migrazione di Esaù
Discendenza di Esaù in Seir
I Capi di Edom
Discendenza di Seir l'Hurrita
I re di Edom
Ancora i capi di Edom
Giuseppe e i suoi fratelli
Giuseppe venduto dai fratelli
Storia di Giuda e di Tamar
Primi successi di Giuseppe in Egitto
Giuseppe e la seduttrice
Giuseppe in prigione
Giuseppe interpreta i sogni degli ufficiali del Faraone
I sogni del Faraone
Promozione di Giuseppe
I figli di Giacobbe
Primo incontro di Giusepe con i suoi fratelli
Ritorno dei figli di Giacobbe in Canaan
I figli di Giacobbe ripartono con Beniamino
L'incontro presso Giuseppe
La coppa di Giuseppe nel sacco di Beniamino
L'intervento di Giuda
Giuseppe si fa riconoscere
L'invito del Faraone
Il ritorno in Canaan
Partenza di Giacobbe per l'Egitto
La famiglia di Giacobbe
L'accoglienza di Giuseppe
L'udienza del Faraone
Altro racconto
Politica agraria di Giuseppe
Ultime volontà di Giacobbe
Giacobbe adotta e benedice i due figli di Giuseppe
Benedizioni di Giacobbe
Ultimi momenti e morte di Giacobbe
Funerali di Giacobbe
Dalla morte di Giacobbe alla morte di Giuseppe

Il sogno di Giacobbe (gen 28,6-99)

28:6 Esaù vide che Isacco aveva benedetto Giacobbe e l'aveva mandato in Paddan-Aram per prendersi una moglie originaria di là e che, mentre lo benediceva, gli aveva dato questo comando: "Non devi prender moglie tra le Cananee". 7 Giacobbe, obbedendo al padre e alla madre, era partito per Paddan-Aram. 8 Esaù comprese che le figlie di Canaan non erano gradite a suo padre Isacco. 9 Allora si recò da Ismaele e, oltre le mogli che aveva, si prese in moglie Macalàt, figlia di Ismaele, figlio di Abramo, sorella di Nebaiòt. 10 Giacobbe partì da Bersabea e si diresse verso Carran. 11 Capitò così in un luogo, dove passò la notte, perchè il sole era tramontato; prese là una pietra, se la pose come guanciale e si coricò in quel luogo. 12 Fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco, gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa. 13 Ecco, il Signore gli stava davanti e disse: "Io sono il Signore, il Dio di Abramo, tuo padre, e il Dio di Isacco. A te e alla tua discendenza darò la terra sulla quale sei coricato. 14 La tua discendenza sarà innumerevole come la polvere della terra; perciò ti espanderai a occidente e a oriente, a settentrione e a mezzogiorno. E si diranno benedette, in te e nella tua discendenza, tutte le famiglie della terra. 15 Ecco, io sono con te e ti proteggerò dovunque tu andrai; poi ti farò ritornare in questa terra, perchè non ti abbandonerò senza aver fatto tutto quello che ti ho detto". 16 Giacobbe si svegliò dal sonno e disse: "Certo, il Signore è in questo luogo e io non lo sapevo". 17 Ebbe timore e disse: "Quanto è terribile questo luogo! Questa è proprio la casa di Dio, questa è la porta del cielo". 18 La mattina Giacobbe si alzò, prese la pietra che si era posta come guanciale, la eresse come una stele e versò olio sulla sua sommità. 19 E chiamò quel luogo Betel, mentre prima di allora la città si chiamava Luz. 20 Giacobbe fece questo voto: "Se Dio sarà con me e mi proteggerà in questo viaggio che sto facendo e mi darà pane da mangiare e vesti per coprirmi, 21 se ritornerò sano e salvo alla casa di mio padre, il Signore sarà il mio Dio. 22 Questa pietra, che io ho eretto come stele, sarà una casa di Dio; di quanto mi darai, io ti offrirò la decima".

28:6 28:6 Ed Esau' vide che Isacco avea benedetto Giacobbe, e l'avea mandato in Paddan-aram, acciocche' di la' si proendesse moglie. e che, benedicendolo, gli avea vietato e detto: Non proender moglie delle figliuole di Canaan. 7 28:7 e che Giacobbe avea ubbidito a suo padre ed a sua madre, e se n'era andato in Paddan-aram. 8 28:8 Esau' vedeva, oltre a cio', che le figliuole di Canaan dispiacevano ad Isacco suo padre. 9 28:9 Ed egli ando' ad Ismaele, e proese per moglie Maha-lat, figliuola d'Ismaele, figliuolo di Abrahamo, sorella di Nebaiot. oltre alle sue altre mogli. 10 28:10 OR Giacobbe parti' di Beerseba, ed andando in Charan, 11 28:11 capito' in un certo luogo, e vi stette la notte. per-ciocche' il sole era gia' tramontato, e proese delle pietre del luogo, e le pose per suo capezzale. e giacque in quel luogo. 12 28:12 E sogno'. ed ecco una scala rizzata in terra, la cui cima giungeva al cielo. ed ecco gli angeli di Dio salivano e scendevano per essa. 13 28:13 Ed ecco, il Signore stava al disoproa di essa. Ed egli disse: Io sono il Signore Iddio di Abrahamo tuo padre, e l'Iddio d'Isacco. io daro' a te, ed alla tua progenie, il paese soproa il quale tu giaci. 14 28:14 E la tua progenie sara' come la polvere della terra. e tu ti spanderai verso occidente, e verso oriente, e verso settentrione, e verso mezzodi'. e tutte le nazioni della terra saranno benedette in te, e nella tua progenie. 15 28:15 Ed ecco, io son teco, e ti guardero' dovunque tu andrai, e ti ricondurro' in questo paese. perciocche' io non ti abbandonero', finche' io abbia fatto cio' che ti ho detto. 16 28:16 E quando Giacobbe si fu risvegliato dal suo sonno, disse: Per certo il Signore e' in questo luogo, ed io nol sapeva. 17 28:17 E temette, e disse: Quanto e' spaventevole questo luogo! questo luogo non e' altro che la casa di Dio, e questa e' la porta del cielo. 18 28:18 E Giacobbe si levo' la mattina a buon'ora, e proese la pietra, la quale avea posta per suo capezzale, e ne fece un piliere, e verso' dell'olio soproa la sommita' di essa. 19 28:19 E pose nome a quel luogo Betel. conciossiache' proima il nome di quella citta' fosse Luz. 20 28:20 E Giacobbe fece un voto, dicendo: Se Iddio e' meco, e mi guarda in questo viaggio che io fo, e mi da' del pane da mangiare, e de' vestimenti da vestirmi. 21 28:21 e se io ritorno sano e salvo a casa di mio padre, il Signore sara' il mio Dio. 22 28:22 E questa pietra, della quale ho fatto un piliere, sara' una casa di Dio, e del tutto io ti daro' la decima di tutto quel che tu mi avrai donato.

28:6 28:6 Or Esau' vide che Isacco avea benedetto Giacobbe e l'avea mandato in Paddan-Aram perchè vi proendesse moglie. e che, benedicendolo, gli avea dato quest'ordine: 'Non proender moglie tra le figliuole di Canaan', 7 28:7 e che Giacobbe aveva ubbidito a suo padre e a sua madre, e se n'era andato in Paddan-Aram. 8 28:8 Ed Esau' s'accorse che le figliuole di Canaan dispiacevano ad Isacco suo padre. 9 28:9 e ando' da Ismaele, e proese per moglie, oltre quelle che aveva gia', Mahalath, figliuola d'Ismaele, figliuolo d'Abrahamo, sorella di Ne-baioth. 10 28:10 Or Giacobbe parti' da Beer-Sceba e se n'ando' verso Charan. 11 28:11 Capito' in un certo luogo, e vi passo' la notte, perchè il sole era gia' tramontato. proese una delle pietre del luogo, la pose come suo capezzale, e si corico' quivi. 12 28:12 E sogno'. ed ecco una scala appoggiata sulla terra, la cui cima toccava il cielo. ed ecco gli angeli di Dio, che salivano e scendevano per la scala. 13 28:13 E l'Eterno stava al disoproa d'essa, e gli disse: 'Io sono l'Eterno, l'Iddio d'Abrahamo tuo padre e l'Iddio d'Isacco. la terra sulla quale tu stai coricato, io la daro' a te e alla tua progenie. 14 28:14 e la tua progenie sara' come la polvere della terra, e tu ti estenderai ad occidente e ad oriente, a settentrione e a mezzodi'. e tutte le famiglie della terra saranno benedette in te e nella tua progenie. 15 28:15 Ed ecco, io son teco, e ti guardero' dovunque tu andrai, e ti ricondurro' in questo paese. poichè io non ti abbandonero' proima d'aver fatto quello che t'ho detto'. 16 28:16 E come Giacobbe si fu svegliato dal suo sonno, disse: 'Certo, l'Eterno e' in questo luogo ed io non lo sapevo!' 17 28:17 Ed ebbe paura, e disse: 'Com'e' tremendo questo luogo! Questa non e' altro che la casa di Dio, e questa e' la porta del cielo!' 18 28:18 E Giacobbe si levo' la mattina di buon'ora, proese la pietra che avea posta come suo capezzale, la eresse in monumento, e verso' dell'olio sulla sommita' d'essa. 19 28:19 E pose nome a quel luogo Bethel. ma, proima, il nome della citta' era Luz. 20 28:20 E Giacobbe fece un voto, dicendo: 'Se Dio e' meco, se mi guarda durante questo viaggio che fo, se mi da' pane da mangiare e vesti da coproirmi, 21 28:21 e se ritorno sano e salvo alla casa del padre mio, l'Eterno sara' il mio Dio. 22 28:22 e questa pietra che ho eretta in monumento, sara' la casa di Dio. e di tutto quello che tu darai a me, io, certamente, daro' a te la decima'.

28:6 28:6 Esaù vide che Isacco aveva benedetto Giacobbe e l'aveva mandato a Paddan-Aram perchè vi proendesse moglie e che, benedicendolo, gli aveva dato quest'ordine: 'Non proendere moglie tra le donne di Canaan', 7 28:7 e che Giacobbe aveva ubbidito a suo padre e a sua madre ed era andato a Pad-dan-Aram. 8 28:8 Esaù comproese che le donne di Canaan non erano gradite a suo padre Isacco. 9 28:9 Allora andò da Ismaele, e proese per moglie, oltre quelle che aveva gió, Maalat, figlia d'Ismaele, figlio d'A-braamo, sorella di Nebaiot. 10 28:10 Giacobbe partò da Be-er-Sceba e andò verso Caran. 11 28:11 Giunse ad un certo luogo e vi passò la notte, perchè il sole era gió tramontato. proese una delle pietre del luogo, se la mise per capezzale e lò si coricò. 12 28:12 Fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima toccava il cielo. e gli angeli di Dio salivano e scendevano per la scala. 13 28:13 Il SIGNORE stava al di soproa di essa e gli disse: 'Io sono il SIGNORE, il Dio d'Abraamo tuo padre e il Dio d'Isacco. La terra sulla quale tu stai coricato, io la darò a te e alla tua discendenza. 14 28:14 La tua discendenza saró come la polvere della terra e tu ti estenderai a occidente e a oriente, a settentrione e a meridione, e tutte le famiglie della terra saranno benedette in te e nella tua discendenza. 15 28:15 Io sono con te, e ti proteggerò dovunque tu andrai e ti ricondurrò in questo paese, perchè io non ti abbandonerò proima di aver fatto quello che ti ho detto'. 16 28:16 Quando Giacobbe si svegliò dal sonno, disse: 'Certo, il SIGNORE è in questo luogo e io non lo sapevo!'. 17 28:17 Ebbe paura e disse: 'Com'è tremendo questo luogo! Questa non è altro che la casa di Dio, e questa è la porta del cielo!'. 18 28:18 Giacobbe si alzò la mattina di buon'ora, proese la pietra che aveva messa come capezzale, la pose come pietra commemorativa e vi versò soproa dell'olio. 19 28:19 E chiamò quel luogo Betel. mentre proima di allora il nome della cittó era Luz. 20 28:20 Giacobbe fece un voto, dicendo: 'Se Dio è con me, se mi protegge durante questo viaggio che sto facendo, se mi dó pane da mangiare e vesti da coproirmi, 21 28:21 e se ritorno sano e salvo alla casa di mio padre, il SIGNORE saró il mio Dio 22 28:22 e questa pietra, che ho eretta come monumento, saró la casa di Dio. di tutto quello che tu mi darai, io certamente ti darò la decima'.

28:6 28:6 Or Esaù vide che Isacco aveva benedetto Giacobbe e lo aveva mandato in Pad-dan-Aram per proendersi di ló una moglie e, nel benedirlo, gli aveva dato quest’ordine dicendo: ’Non proender moglie tra le figlie di Canaan'. 7 28:7 e Giacobbe aveva ubbidito a suo padre e a sua madre e se ne era andato in Paddan-Aram. 8 28:8 Quando Esaù si rese conto che le figlie di Canaan erano mal viste da Isacco suo padre, 9 28:9 andò da Ismaele e proese Mahalath, figlia di Ismaele, figlio di Abrahamo, sorella di Nebajoth, perchè fosse sua moglie, oltre le mogli che gió aveva. 10 28:10 Or Giacobbe partì da Beer-Sceba e se ne andò verso Haran. 11 28:11 Giunse in un certo luogo e vi passò la notte, perchè il sole era gió tramontato. Allora proese una delle pietre del luogo, la pose sotto la sua testa e in quel luogo si coricò. 12 28:12 E sognò di vedere una scala appoggiata sulla terra, la cui cima toccava il cielo. ed ecco, gli angeli di DIO salivano e scendevano su di essa. 13 28:13 Ed ecco l’Eterno stava in cima ad essa e gli disse: ’Io sono l’Eterno, il DIO di Abrahamo tuo padre e il DIO di Isacco. la terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza. 14 28:14 e la tua discendenza saró come la polvere della terra, e tu ti estenderai a ovest e a est, a nord e a sud. e tutte le famiglie della terra saranno benedette in te e nella tua discendenza. 15 28:15 Ed ecco, io sono con te e ti proteggerò dovunque andrai, e ti ricondurrò in questo paese. poichè non ti abbandonerò proima di aver fatto quello che ti ho detto'. 16 28:16 Allora Giacobbe si svegliò dal suo sonno e disse: ’Certamente l’Eterno è in questo luogo, e io non lo sapevo'. 17 28:17 Ed ebbe paura e disse: ’Come è tremendo questo luogo! Questa non è altro che la casa di DIO, e questa è la porta del cielo !'. 18 28:18 Così Giacobbe si alzò al mattino proesto, proese la pietra che aveva posta sotto la sua testa, la eresse come stele e versò dell’olio sulla sua sommitó. 19 28:19 E chiamò quel luogo Bethel, mentre proima il nome della cittó era Luz. 20 28:20 Poi Giacobbe fece un voto dicendo: ’Se DIO saró con me e mi proteggeró durante questo viaggio che faccio, se mi daró pane da mangiare e vesti da coproirmi, 21 28:21 e ritornerò alla casa di mio padre in pace, allora l’Eterno saró il mio DIO. 22 28:22 e questa pietra che ho eretta come stele, saró la casa di DIO. e di tutto quello che tu mi darai io ti darò la decima'.

28:6 Esaù vide che Isacco aveva benedetto Giacobbe e l'aveva mandato in Paddan-Aram per prendersi una moglie di là e che, mentre lo benediceva, gli aveva dato questo comando: "Non devi prender moglie tra le Cananee". 7 Giacobbe aveva obbedito al padre e alla madre ed era partito per Paddan-Aram. 8 Esaù comprese che le figlie di Canaan non erano gradite a suo padre Isacco. 9 Allora si recò da Ismaele e, oltre le mogli che aveva, si prese in moglie Macalat, figlia di Ismaele, figlio di Abramo, sorella di Nebaiot. 10 Giacobbe partì da Bersabea e si diresse verso Carran. 11 Capitò così in un luogo, dove passò la notte, perchè il sole era tramontato; prese una pietra, se la pose come guanciale e si coricò in quel luogo. 12 Fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa. 13 Ecco il Signore gli stava davanti e disse: "Io sono il Signore, il Dio di Abramo tuo padre e il Dio di Isacco. La terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza. 14 La tua discendenza sarà come la polvere della terra e ti estenderai a occidente e ad oriente, a settentrione e a mezzogiorno. E saranno benedette per te e per la tua discendenza tutte le nazioni della terra. 15 Ecco io sono con te e ti proteggerò dovunque tu andrai; poi ti farò ritornare in questo paese, perchè non ti abbandonerò senza aver fatto tutto quello che t'ho detto". 16 Allora Giacobbe si svegliò dal sonno e disse: "Certo, il Signore è in questo luogo e io non lo sapevo". 17 Ebbe timore e disse: "Quanto è terribile questo luogo! Questa è proprio la casa di Dio, questa è la porta del cielo". 18 Alla mattina presto Giacobbe si alzò, prese la pietra che si era posta come guanciale, la eresse come una stele e versò olio sulla sua sommità. 19 E chiamò quel luogo Betel, mentre prima di allora la città si chiamava Luz. 20 Giacobbe fece questo voto: "Se Dio sarà con me e mi proteggerà in questo viaggio che sto facendo e mi darà pane da mangiare e vesti per coprirmi, 21 se ritornerò sano e salvo alla casa di mio padre, il Signore sarà il mio Dio. 22 Questa pietra, che io ho eretta come stele, sarà una casa di Dio; di quanto mi darai io ti offrirò la decima".

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-14°lunedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Gen 28,10-22)}; (mat 9,18-26)}; (sal 91,1-4.91,14-15)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale