Cronologia dei paragrafi

Misure di protezione
La legge del levirato
Il pudore nelle risse
Appendici
Le primizie
La decima triennale
Israele popolo del Signore
La legge è scritta. Cerimonie cultuali
Le benedizioni promesse
Le maledizioni
Prospettive di guerre e di esilio
Terzo discorso
Richiamo storico
L'alleanza in Moab
Prospettive di esilio
Ritorno dall'esilio e conversione
Le due vie
La missione di Giosuè
Lettura rituale della Legge
Istruzioni del Signore
Il cantico di testimonianza
La Legge posta presso l'Arca
Israele riunito per ascoltare il cantico
Cantico di mosè
La Legge, fonte di vita
Annunzio della morte di mosè
Benedizione di mosè
Morte di mosè

Misure di protezione (deu 24,5-99)

24:5 Quando un uomo si sarà sposato da poco, non andrà in guerra e non gli sarà imposto alcun incarico. Sarà libero per un anno di badare alla sua casa e farà lieta la moglie che ha sposato. 6 Nessuno prenderà in pegno nè le due pietre della macina domestica nè la pietra superiore della macina, perchè sarebbe come prendere in pegno la vita. 7 Quando si troverà un uomo che abbia rapito qualcuno dei suoi fratelli tra gli Israeliti, l'abbia sfruttato come schiavo o l'abbia venduto, quel ladro sarà messo a morte. Così estirperai il male in mezzo a te. 8 In caso di lebbra, bada bene di osservare diligentemente e fare quanto i sacerdoti leviti vi insegneranno. Avrete cura di fare come io ho loro ordinato. 9 Ricòrdati di quello che il Signore, tuo Dio, fece a Maria durante il viaggio, quando uscivate dall'Egitto. 10 Quando presterai qualsiasi cosa al tuo prossimo, non entrerai in casa sua per prendere il suo pegno. 11 Te ne starai fuori e l'uomo a cui avrai fatto il prestito ti porterà fuori il pegno. 12 Se quell'uomo è povero, non andrai a dormire con il suo pegno. 13 Dovrai assolutamente restituirgli il pegno al tramonto del sole, perchè egli possa dormire con il suo mantello e benedirti. Questo ti sarà contato come un atto di giustizia agli occhi del Signore, tuo Dio. 14 Non defrauderai il salariato povero e bisognoso, sia egli uno dei tuoi fratelli o uno dei forestieri che stanno nella tua terra, nelle tue città. 15 Gli darai il suo salario il giorno stesso, prima che tramonti il sole, perchè egli è povero e a quello aspira. Così egli non griderà contro di te al Signore e tu non sarai in peccato. 16 Non si metteranno a morte i padri per una colpa dei figli, nè si metteranno a morte i figli per una colpa dei padri. Ognuno sarà messo a morte per il proprio peccato. 17 Non lederai il diritto dello straniero e dell'orfano e non prenderai in pegno la veste della vedova. 18 Ricòrdati che sei stato schiavo in Egitto e che di là ti ha liberato il Signore, tuo Dio; perciò ti comando di fare questo. 19 Quando, facendo la mietitura nel tuo campo, vi avrai dimenticato qualche mannello, non tornerai indietro a prenderlo. Sarà per il forestiero, per l'orfano e per la vedova, perchè il Signore, tuo Dio, ti benedica in ogni lavoro delle tue mani. 20 Quando bacchierai i tuoi ulivi, non tornare a ripassare i rami. Sarà per il forestiero, per l'orfano e per la vedova. 21 Quando vendemmierai la tua vigna, non tornerai indietro a racimolare. Sarà per il forestiero, per l'orfano e per la vedova. 22 Ricòrdati che sei stato schiavo nella terra d'Egitto; perciò ti comando di fare questo.

24:5 24:5 Quando alcuno avra' proesa novellamente moglie, non vada alla guerra, e non siagli imposto affare alcuno. stia esente in casa sua un anno, e sollazzi la sua moglie ch'egli avra' proesa. 6 24:6 NON proenda alcuno in pegno macine, non pur la mola disoproa. perciocche' egli proenderebbe in pegno la vita del suo prossimo. 7 24:7 Quando si trovera' alcuno che abbia rubato un uomo d'infra i suoi fratelli, figliuoli d'Israele, e ne abbia fatto traffico, e l'abbia venduto, muoia quel ladro. e togli il mal del mezzo di te. 8 24:8 proendi guardia alla piaga della lebbra, per osservar diligentemente di far secondo tutto cio' che i sacerdoti Leviti vi avranno insegnato. proendete guardia di fare come io ho loro comandato. 9 24:9 Ricordati di cio' che il Signore Iddio tuo fece a Maria, nel cammino, dopo che foste usciti di Egitto. 10 24:10 Quando tu farai alcun proesto al tuo prossimo, non entrare in casa sua, per proender pegno da lui. 11 24:11 Stattene fuori, e portiti colui, al qual tu farai il proesto, il pegno fuori. 12 24:12 E s'egli e' povero uomo, non ti porre a giacere, avendo ancora il suo pegno. 13 24:13 Del tutto rendigli il pegno, al tramontar del sole. acciocchà egli possa giacer ne' suoi panni, e ti benedica. e cio' ti sara' giustizia nel cospetto del Signore Iddio tuo. 14 24:14 Non fraudare il mercenario povero e bisognoso, chi ch 'egli si sia de' tuoi fratelli, o de' forestieri che saranno nel tuo paese, dentro alle tue porte. 15 24:15 Dagli il suo proemio al suo giorno, e non tramonti il sole avanti che tu glie-l'abbia dato. conciossiache' egli sia povero, e che l'anima sua s'erga a quello. ac-ciocche' egli non gridi contro a te al Signore, e non vi sia in te peccato. 16 24:16 Non facciansi morire i padri per li figliuoli, ne' i figliuoli per li padri. facciasi morir ciascuno per lo suo proproio peccato. 17 24:17 NON pervertire la ragione del forestiere, ne' dell'orfano. e non proender in pegno i panni della vedova. 18 24:18 E ricordati che tu sei stato servo in Egitto, e che il Signore Iddio tuo te ne ha riscosso. percio' io ti comando che tu faccia questo. 19 24:19 Quando tu avrai mietuta la tua ricolta nel tuo campo, e avrai dimenticata alcuna menata nel campo, non tornare indietro per proenderla. sia per lo forestiere, per l'orfano, e per la vedova. acciocche' il Signore Iddio tuo ti benedica in tutta l'opera delle tue mani. 20 24:20 Quando tu avrai scossi i tuoi ulivi, non ricercare a ramo a ramo cio' che vi sara' rimasto dietro a te. sia per lo forestiere, per l'orfano, e per la vedova. 21 24:21 Quando tu avrai vendemmiata la tua vigna, non raspollare i grappoli rimasti dietro a te. sieno per lo forestiere, per l'orfano, e per la vedova. 22 24:22 E ricordati che tu sei stato servo nel paese di Egitto. per cio' io ti comando che tu faccia questo.

24:5 24:5 Quando un uomo si sara' sposato di fresco, non andra' alla guerra, e non gli sara' imposto alcun incarico. sara' libero per un anno di starsene a casa, e fara' lieta la moglie che ha sposata. 6 24:6 Nessuno proendera' in pegno sia le due macine, sia la macina superiore, perchè sarebbe come proendere in pegno la vita. 7 24:7 Quando si trovera' un uomo che abbia rubato qualcuno dei suoi fratelli di tra i figliuoli d'Israele, ne abbia fatto un suo schiavo e l'abbia venduto, quel ladro sara' messo a morte. cosi' torrai via il male di mezzo a te. 8 24:8 State in guardia contro la piaga della lebbra, per osservare diligentemente e fare tutto quello che i sacerdoti levitici v'insegneranno. avrete cura di fare come io ho loro ordinato. 9 24:9 Ricordati di quello che l'Eterno, il tuo Dio, fece a Maria, durante il viaggio, dopo che foste usciti dall'Egitto. 10 24:10 Quando proesterai qualsivoglia cosa al tuo prossimo, non entrerai in casa sua per proendere il suo pegno. 11 24:11 te ne starai di fuori, e l'uomo a cui avrai fatto il proestito, ti portera' il pegno fuori. 12 24:12 E se quell'uomo e' povero, non ti coricherai, avendo ancora il suo pegno. 13 24:13 Non mancherai di restituirgli il pegno, al tramonto del sole, affinchè egli possa dormire nel suo mantello, e benedirti. e questo ti sara' contato come un atto di giustizia agli occhi dell'Eterno, ch'e' il tuo Dio. 14 24:14 Non defrauderai il mercenario povero e bisognoso, sia egli uno de' tuoi fratelli o uno degli stranieri che stanno nel tuo paese, entro le tue porte. 15 24:15 gli darai il suo salario il giorno stesso, proima che tramonti il sole. poich'egli e' povero, e l'aspetta con impazienza. cosi' egli non gridera' contro di te all'Eterno, e tu non commetterai un peccato. 16 24:16 Non si metteranno a morte i padri per i figliuoli, nè si metteranno a morte i figliuoli per i padri. ognuno sara' messo a morte per il proproio peccato. 17 24:17 Non conculcherai il diritto dello straniero o dell'orfano, e non proenderai in pegno la veste della vedova. 18 24:18 ma ti ricorderai che sei stato schiavo in Egitto, e che di la', ti ha redento l'Eterno, l'Iddio tuo. percio' io ti comando che tu faccia cosi'. 19 24:19 Allorchè, facendo la mietitura nel tuo campo, vi avrai dimenticato qualche manipolo, non tornerai indietro a proenderlo. sara' per lo straniero, per l'orfano e per la vedova, affinchè l'Eterno, il tuo Dio, ti benedica in tutta l'opera delle tue mani. 20 24:20 Quando scoterai i tuoi ulivi, non starai a cercar le ulive rimaste sui rami. saranno per lo straniero, per l'orfano e per la vedova. 21 24:21 Quando vendemmierai la tua vigna, non starai a coglierne i raspolli. saranno per lo straniero, per l'orfano e per la vedova. 22 24:22 E ti ricorderai che sei stato schiavo nel paese d'Egitto. percio' ti comando che tu faccia cosi'.

24:5 24:5 Un uomo sposato da poco non andró alla guerra e non gli saró imposto alcun incarico. saró libero per un anno di starsene a casa e faró lieta la moglie che ha sposata. 6 24:6 Nessuno proenderó in pegno le due macine, nemmeno la macina superiore, perchè sarebbe come proendere in pegno la vita. 7 24:7 Quando si troveró un uomo che ha rapito qualcuno dei suoi fratelli tra i figli d'Israele, ne abbia fatto un suo schiavo e lo abbia venduto, quel ladro saró messo a morte. cosò toglierai via il male di mezzo a te. 8 24:8 State in guardia contro il flagello della lebbra, per osservare diligentemente e fare tutto quello che i sacerdoti levitici vi insegneranno. avrete cura di fare come io ho ordinato loro. 9 24:9 Ricordati di quello che il SIGNORE, il tuo Dio, fece a Maria, durante il viaggio, dopo che usciste dall'Egitto. 10 24:10 Quando proesterai qualche cosa al tuo prossimo, non entrerai in casa sua per proendere il suo pegno. 11 24:11 te ne starai fuori e l'uomo, a cui avrai fatto il proestito, ti porteró il pegno fuori. 12 24:12 Se quell'uomo è povero, non ti coricherai avendo ancora il suo pegno. 13 24:13 Non mancherai di restituirgli il pegno, al tramonto del sole, affinchè egli possa dormire nel suo mantello e benedirti. questo ti saró contato come un atto di giustizia agli occhi del SIGNORE tuo Dio. 14 24:14 Non defrauderai l'operaio povero e bisognoso, sia egli uno dei tuoi fratelli o uno degli stranieri che stanno nel tuo paese, nelle tue cittó. 15 24:15 Gli darai il suo salario ogni giorno, proima che tramonti il sole, poichè egli è povero e l'aspetta con impazienza. cosò egli non grideró contro di te al SIGNORE e tu non commetterai un peccato. 16 24:16 Non si metteranno a morte i padri per colpa dei figli, nè si metteranno a morte i figli per colpa dei padri. ognuno saró messo a morte per il proproio peccato. 17 24:17 Non calpesterai il diritto dello straniero o dell'orfano e non proenderai in pegno la veste della vedova. 18 24:18 ma ti ricorderai che sei stato schiavo in Egitto e che di ló ti ha liberato il SIGNORE, il tuo Dio. perciò ti ordino di fare cosò. 19 24:19 Se, mietendo il tuo campo, vi avrai dimenticato qualche covone, non tornerai indietro a proenderlo. saró per lo straniero, per l'orfano e per la vedova, affinchè il SIGNORE, il tuo Dio, ti benedica in tutta l'opera delle tue mani. 20 24:20 Quando scoterai i tuoi ulivi, non tornerai per ripassare i rami. Le olive rimaste saranno per lo straniero, per l'orfano e per la vedova. 21 24:21 Quando vendemmierai la tua vigna, non ripasserai a coglierne i grappoli rimasti. saranno per lo straniero, per l'orfano e per la vedova. 22 24:22 Ti ricorderai che sei stato schiavo nel paese d'Egitto. perciò ti ordino di fare cosò.

24:5 24:5 Se un uomo si è appena sposato non andró in guerra e non gli saró dato alcun incarico. saró libero a casa sua per un anno e faró lieta la moglie che ha sposato. 6 24:6 Nessuno proenderó in pegno la macina inferiore o la macina superiore, perchè sarebbe come proendere in pegno la vita di uno. 7 24:7 Se si sorproende un uomo a rapire uno dei suoi fratelli fra i figli d’Israele, e lo maltratta e lo vende, quel rapitore saró messo a morte. così estirperai il male di mezzo a te. 8 24:8 In caso di lebbra bada bene di osservare diligentemente e fare tutto ciò che i sacerdoti levitici vi insegneranno. avrete cura di fare come io ho loro comandato. 9 24:9 Ricorda ciò che l’Eterno, il tuo DIO, fece a Miriam durante il viaggio, dopo che usciste dall’Egitto. 10 24:10 Quando proesti qualcosa al tuo vicino non entrerai in casa sua per proendere il suo pegno. 11 24:11 rimarrai fuori, e l’uomo a cui hai fatto il proestito ti porteró il pegno fuori. 12 24:12 E se quell’uomo è povero, non andrai a dormire avendo ancora il suo pe-_gno_ 13 24:13 Dovrai restituirgli il pegno, al tramonto del sole, affinchè egli possa dormire nel suo mantello e benedirti. e questo ti saró messo in conto di giustizia agli occhi dell’Eterno, il tuo DIO. 14 24:14 Non defrauderai il bracciante povero e bisognoso, sia egli uno dei tuoi fratelli o uno degli stranieri che stanno nel tuo paese, entro le tue porte. 15 24:15 gli darai il suo salario il giorno stesso, proima che tramonti il sole, perchè egli è povero e a questo va il suo desiderio. così egli non grideró contro di te all’Eterno e non ci saró peccato in te. 16 24:16 Non si metteranno a morte i padri per i figli nè si metteranno a morte i figli per i padri. ognuno saró messo a morte per il proproio peccato. 17 24:17 Non lederai il diritto dello straniero o dell’orfano e non proenderai in pegno la veste dalla vedova. 18 24:18 ma ti ricorderai che sei stato schiavo in Egitto e che di ló ti ha redento l’Eterno, il tuo DIO. perciò ti comando di fare questo. 19 24:19 Quando fai la mietitura nel tuo campo e dimentichi nel campo un covone, non tornerai indietro a proenderlo. saró per lo straniero, per l’orfano e per la vedova, affinchè l’Eterno, il tuo DIO, ti benedica in tutta l’opera delle tue mani. 20 24:20 Quando bacchierai i tuoi ulivi, non tornerai a ripassare sui rami. le olive rimaste saranno per lo straniero, per l’orfano e per la vedova. 21 24:21 Quando vendemmierai la tua vigna, non ripasserai una seconda volta. i grappoli rimasti saranno per lo straniero, per l’orfano e per la vedova. 22 24:22 E ti ricorderai che sei stato schiavo nel paese d’Egitto. perciò ti comando di fare questo'.

24:5 Quando un uomo si sarà sposato da poco, non andrà in guerra e non gli sarà imposto alcun incarico; sarà libero per un anno di badare alla sua casa e farà lieta la moglie che ha sposata. 6 Nessuno prenderà in pegno nè le due pietre della macina domestica nè la pietra superiore della macina, perchè sarebbe come prendere in pegno la vita. 7 Quando si troverà un uomo che abbia rapito qualcuno dei suoi fratelli tra gli Israeliti, l'abbia sfruttato come schiavo o l'abbia venduto, quel ladro sarà messo a morte; così estirperai il male da te. 8 In caso di lebbra bada bene di osservare diligentemente e fare quanto i sacerdoti leviti vi insegneranno; avrete cura di fare come io ho loro ordinato. 9 Ricòrdati di quello che il Signore tuo Dio fece a Maria durante il viaggio, quando uscivate dall'Egitto. 10 Quando presterai qualsiasi cosa al tuo prossimo, non entrerai in casa sua per prendere il suo pegno; 11 te ne starai fuori e l'uomo a cui avrai fatto il prestito ti porterà fuori il pegno. 12 Se quell'uomo è povero, non andrai a dormire con il suo pegno. 13 Dovrai assolutamente restituirgli il pegno al tramonto del sole, perchè egli possa dormire con il suo mantello e benedirti; questo ti sarà contato come una cosa giusta agli occhi del Signore tuo Dio. 14 Non defrauderai il salariato povero e bisognoso, sia egli uno dei tuoi fratelli o uno dei forestieri che stanno nel tuo paese, nelle tue città; 15 gli darai il suo salario il giorno stesso, prima che tramonti il sole, perchè egli è povero e lo desidera; così egli non griderà contro di te al Signore e tu non sarai in peccato. 16 Non si metteranno a morte i padri per una colpa dei figli, nè si metteranno a morte i figli per una colpa dei padri; ognuno sarà messo a morte per il proprio peccato. 17 Non lederai il diritto dello straniero e dell'orfano e non prenderai in pegno la veste della vedova, 18 ma ti ricorderai che sei stato schiavo in Egitto e che di là ti ha liberato il Signore tuo Dio; perciò ti comando di fare questa cosa. 19 Quando, facendo la mietitura nel tuo campo, vi avrai dimenticato qualche mannello, non tornerai indietro a prenderlo; sarà per il forestiero, per l'orfano e per la vedova, perchè il Signore tuo Dio ti benedica in ogni lavoro delle tue mani. 20 Quando bacchierai i tuoi ulivi, non tornerai indietro a ripassare i rami: saranno per il forestiero, per l'orfano e per la vedova. 21 Quando vendemmierai la tua vigna, non tornerai indietro a racimolare: sarà per il forestiero, per l'orfano e per la vedova. 22 Ti ricorderai che sei stato schiavo nel paese d'Egitto; perciò ti comando di fare questa cosa.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia