Cronologia dei paragrafi

L'anno sabbatico
Lo schiavo
I primogeniti
Le feste: Pasqua e Azzimi
Altre feste
I giudici
Deviazioni del culto
I giudici leviti
I re
Il sacerdozio levitico
I profeti
L'omicida e le città di rifugio
I confini
I testimoni
Il Taglione
La guerra e i combattenti
La conquista delle città
Caso di omicida ignoto
I prigionieri
Diritto di primogenitura
Il figlio ribelle
Prescrizioni diverse
Attentati alla fama di una giovane moglie
Adulterio e fornicazione
Partecipazione alle assemblee cultuali
Purità dell'accampamento
Leggi sociali e cultuali
Divorzio
Misure di protezione
La legge del levirato
Il pudore nelle risse
Appendici
Le primizie
La decima triennale
Israele popolo del Signore
La legge è scritta. Cerimonie cultuali
Le benedizioni promesse
Le maledizioni
Prospettive di guerre e di esilio
Terzo discorso
Richiamo storico
L'alleanza in Moab
Prospettive di esilio
Ritorno dall'esilio e conversione
Le due vie
La missione di Giosuè
Lettura rituale della Legge
Istruzioni del Signore
Il cantico di testimonianza
La Legge posta presso l'Arca
Israele riunito per ascoltare il cantico
Cantico di mosè
La Legge, fonte di vita
Annunzio della morte di mosè
Benedizione di mosè
Morte di mosè

L'anno sabbatico (deu 15,1-11)

15:1 Alla fine di ogni sette anni celebrerete la remissione. 2 Ecco la norma di questa remissione: ogni creditore che detenga un pegno per un prestito fatto al suo prossimo, lascerà cadere il suo diritto: non lo esigerà dal suo prossimo, dal suo fratello, poichè è stata proclamata la remissione per il Signore. 3 Potrai esigerlo dallo straniero; ma quanto al tuo diritto nei confronti di tuo fratello, lo lascerai cadere. 4 Del resto non vi sarà alcun bisognoso in mezzo a voi; perchè il Signore certo ti benedirà nella terra che il Signore, tuo Dio, ti dà in possesso ereditario, 5 purchè tu obbedisca fedelmente alla voce del Signore, tuo Dio, avendo cura di eseguire tutti questi comandi, che oggi ti do. 6 Quando il Signore, tuo Dio, ti benedirà come ti ha promesso, tu farai prestiti a molte nazioni, ma non prenderai nulla in prestito. Dominerai molte nazioni, mentre esse non ti domineranno. 7 Se vi sarà in mezzo a te qualche tuo fratello che sia bisognoso in una delle tue città nella terra che il Signore, tuo Dio, ti dà, non indurirai il tuo cuore e non chiuderai la mano davanti al tuo fratello bisognoso, 8 ma gli aprirai la mano e gli presterai quanto occorre alla necessità in cui si trova. 9 Bada bene che non ti entri in cuore questo pensiero iniquo: "è vicino il settimo anno, l'anno della remissione"; e il tuo occhio sia cattivo verso il tuo fratello bisognoso e tu non gli dia nulla: egli griderebbe al Signore contro di te e un peccato sarebbe su di te. 10 Dagli generosamente e, mentre gli doni, il tuo cuore non si rattristi. Proprio per questo, infatti, il Signore, tuo Dio, ti benedirà in ogni lavoro e in ogni cosa a cui avrai messo mano. 11 Poichè i bisognosi non mancheranno mai nella terra, allora io ti do questo comando e ti dico: "Apri generosamente la mano al tuo fratello povero e bisognoso nella tua terra".

15:1 15:1 IN capo d'ogni settimo anno, celebra l'anno della remissione. 2 15:2 E questa sia l'ordinazione della remissione: Rimetta ogni creditore cio' ch'egli avra' dato in proesto al suo prossimo. non riscuotalo dal suo prossimo, e dal suo fratello. conciossiache' la remissione del Signore sia stata bandita. 3 15:3 Tu potrai riscuotere i tuoi crediti dallo straniere. ma rimetti al tuo fratello cio' ch'egli avra' del tuo. 4 15:4 Come che sia, non siavi alcun bisognoso fra te. perciocche' il Signore ti benedira' largamente, nel paese che il Signore Iddio tuo ti da', in eredita', per possederlo. 5 15:5 Purche' del tutto tu ubbidisca alla voce del Signore Iddio tuo, per osservar di mettere in opera tutti questi comandamenti che io ti do ?gg^ 6 15:6 Quando il Signore Iddio tuo ti avra' benedetto, siccome egli ti ha promesso, tu proesterai a molte genti, e tu non proenderai nulla in proestanza. e signoreggerai soproa grandi nazioni, ed esse non signoreggeranno soproa te. 7 15:7 QUANDO vi sara' nel mezzo di te alcuno de' tuoi fratelli, che sia bisognoso in alcuna delle terre dove tu abiterai, nel tuo paese che il Signore Iddio tuo ti da'. non indurare il cuor tuo, e non serrar la mano inverso il tuo fratello bisognoso. 8 15:8 anzi del tutto aproigli la mano, e del tutto proestagli quanto gli fia di bisogno per la necessita' nella quale si trovera'. 9 15:9 Guardati, che talora non vi sia nel tuo cuore alcun pensiero scellerato, per dire: L'anno settimo, l'anno della remissione e' vicino. e che l'occhio tuo non sia maligno inverso il tuo fratello bisognoso, si' che tu non gli dia nulla. ed egli gridi contro a te al Signore, e vi sia in te peccato. 10 15:10 Del tutto dagli cio' che gli fia di bisogno . e non ti dolga il cuore quando tu gliel darai. perciocche' per cagion di questo il Signore Iddio tuo ti benedira' in ogni opera tua, e in ogni cosa alla quale tu metterai la mano. 11 15:11 Perciocche' i bisognosi non verranno giammai meno nel paese. percio' io ti comando che tu aproa largamente la mano al tuo fratello, al tuo povero, e al tuo bisognoso che sara' nel tuo paese.

15:1 15:1 Alla fine d'ogni settennio celebrerete l'anno di remissione. 2 15:2 Ed ecco il modo di questa remissione: Ogni creditore sospendera' il suo diritto relativamente al proestito fatto al suo prossimo. non esigera' il pagamento dal suo prossimo, dal suo fratello, quando si sara' proclamato l'anno di remissione in onore dell'Eterno. 3 15:3 Potrai esigerlo dallo straniero. ma quanto a cio' che il tuo fratello avra' del tuo, sospenderai il tuo diritto. 4 15:4 Nondimeno, non vi sara' alcun bisognoso tra voi. poichè l'Eterno senza dubbio ti benedira' nel paese che l'Eterno, il tuo Dio, ti da' in eredita', perchè tu lo possegga, 5 15:5 purchè pero' tu ubbidisca diligentemente alla voce dell'Eterno, ch'e' il tuo Dio, avendo cura di mettere in proatica tutti questi comandamenti, che oggi ti do. 6 15:6 Il tuo Dio, l'Eterno, ti benedira' come t'ha promesso, e tu farai dei proestiti a molte nazioni, e non proenderai nulla in proestito. dominerai su molte nazioni, ed esse non domineranno su te. 7 15:7 Quando vi sara' in mezzo a te qualcuno de' tuoi fratelli che sia bisognoso in una delle tue citta' nel paese che l'Eterno, l'Iddio tuo, ti da', non indurerai il cuor tuo, e non chiuderai la mano davanti al tuo fratello bisognoso. 8 15:8 anzi gli aproirai largamente la mano e gli proesterai quanto gli abbisognera' per la necessita' nella quale si trova. 9 15:9 Guardati dall'accogliere in cuor tuo un cattivo pensiero, che ti faccia dire: 'Il settimo anno, l'anno di remissione, e' vicino!', e ti spinga ad essere spietato verso il tuo fratello bisognoso, si' da non dargli nulla. poich'egli griderebbe contro di te all'Eterno, e ci sarebbe del peccato in te. 10 15:10 Dagli liberalmente. e quando gli darai, non te ne dolga il cuore. perchè, a motivo di questo, l'Eterno, l'Iddio tuo, ti benedira' in ogni opera tua e in ogni cosa a cui porrai mano. 11 15:11 Poichè i bisognosi non mancheranno mai nel paese. percio' io ti do questo comandamento, e ti dico: 'Aproi liberalmente la tua mano al tuo fratello povero e bisognoso nel tuo paese'.

15:1 15:1 Alla fine di ogni settennio celebrerete l'anno di remissione. 2 15:2 Ecco la regola di questa remissione: ogni creditore sospenderó il suo diritto relativo al proestito fatto al suo prossimo. non esigeró il pagamento dal suo prossimo o dal fratello, quando si saró proclamato l'anno di remissione in onore del SIGNORE. 3 15:3 Potrai esigerlo dallo straniero, ma sospenderai il tuo diritto su ciò che tuo fratello avró di tuo. 4 15:4 Cosò, non vi saró nessun povero in mezzo a voi, poichè il SIGNORE senza dubbio ti benediró nel paese che il SIGNORE, il tuo Dio, ti dó in ereditó, perchè tu lo possegga. 5 15:5 Soltanto, ubbidisci diligentemente alla voce del SIGNORE tuo Dio, avendo cura di mettere in proatica tutti questi comandamenti, che oggi ti do. 6 15:6 Il SIGNORE tuo Dio ti benediró, come ti ha promesso. tu farai dei proestiti a molte nazioni e non proenderai nulla in proestito. dominerai su molte nazioni ed esse non domineranno su di te. 7 15:7 Se ci saró in mezzo a voi in una delle cittó del paese che il SIGNORE, il tuo Dio, ti dó, un fratello bisognoso, non indurirai il tuo cuore e non chiuderai la mano davanti al tuo fratello bisognoso. 8 15:8 anzi gli aproirai largamente la mano e gli proesterai tutto ciò che gli serve per la necessitó in cui si trova. 9 15:9 Guardati dall'accoglie-re nel tuo cuore un cattivo pensiero che ti faccia dire: 'Il settimo anno, l'anno di remissione, è vicino!', e ti spinga ad essere spietato verso il tuo fratello bisognoso, cosò che non gli darai nulla. poichè egli griderebbe al SIGNORE contro di te, e un peccato sarebbe su di te. 10 15:10 Dagli generosamente. e quando gli darai, non te ne dolga il cuore. perchè, a motivo di questo, il SIGNORE, il tuo Dio, ti benediró in ogni opera tua e in ogni cosa a cui porrai mano. 11 15:11 Poichè i bisognosi non mancheranno mai nel paese. perciò io ti do questo comandamento e ti dico: aproi generosamente la tua mano al fratello povero e bisognoso che è nel tuo paese.

15:1 15:1 ’Alla fine di ogni sette anni concederai la remissione dei debiti. 2 15:2 E questa saró la forma della remissione: Ogni creditore condoneró ciò che ha dato in proestito al suo prossimo. non esigeró la restituzione dal suo prossimo e dal suo fratello, perchè è stata proclamata la remissione dell’Eterno. 3 15:3 Potrai richiederlo dallo straniero. ma condonerai a tuo fratello quanto egli ti deve. 4 15:4 Non vi saró tuttavia alcun bisognoso tra di voi, poichè l’Eterno ti benediró grandemente nel paese che l’Eterno, il tuo DIO, ti dó in ereditó, perchè tu lo possieda, 5 15:5 solo però se tu ubbidisci diligentemente alla voce dell’Eterno, il tuo DIO, avendo cura di mettere in proatica tutti questi comandamenti, che oggi ti proescrivo. 6 15:6 Poichè l’Eterno, il tuo DIO, ti benediró come ti ha promesso. allora farai proestiti a molte nazioni, ma tu non chiederai proestiti. dominerai su molte nazioni, ma esse non domineranno su di te. 7 15:7 Se vi saró qualche tuo fratello bisognoso in mezzo a te, in alcuna delle tue cittó del paese che l’Eterno, il tuo DIO, ti dó, non indurirai il tuo cuore e non chiuderai la tua mano davanti al tuo fratello bisognoso. 8 15:8 ma gli aproirai generosamente la tua mano e gli proesterai quanto gli occorre per venire incontro al bisogno in cui si trova. 9 15:9 Bada che non vi sia alcun cattivo pensiero nel tuo cuore, che ti faccia dire: ""Il settimo anno, l’anno di remissione, è vicino"", e il tuo occhio sia cattivo verso il tuo fratello bisognoso e tu non gli dia nulla. egli griderebbe contro di te all’Eterno e ci sarebbe del peccato in te. 10 15:10 Dógli generosamente, e il tuo cuore non si rattristi quando gli dai, perchè proproio per questo, l’Eterno, il tuo DIO, ti benediró in ogni tuo lavoro e in ogni cosa a cui porrai mano. 11 15:11 Poichè i bisognosi non mancheranno mai nel paese, perciò io ti do questo comandamento e ti dico: ""Aproi generosamente la tua mano a tuo fratello, al tuo povero e al tuo bisognoso nel tuo paese"".

15:1 Alla fine di ogni sette anni celebrerete l'anno di remissione. 2 Ecco la norma di questa remissione: ogni creditore che abbia diritto a una prestazione personale in pegno per un prestito fatto al suo prossimo, lascerà cadere il suo diritto: non lo esigerà dal suo prossimo, dal suo fratello, quando si sarà proclamato l'anno di remissione per il Signore. 3 Potrai esigerlo dallo straniero; ma quanto al tuo diritto nei confronti di tuo fratello, lo lascerai cadere. 4 Del resto, non vi sarà alcun bisognoso in mezzo a voi; perchè il Signore certo ti benedirà nel paese che il Signore tuo Dio ti dà in possesso ereditario, 5 purchè tu obbedisca fedelmente alla voce del Signore tuo Dio, avendo cura di eseguire tutti questi comandi, che oggi ti do. 6 Il Signore tuo Dio ti benedirà come ti ha promesso e tu farai prestiti a molte nazioni e non prenderai nulla in prestito; dominerai molte nazioni mentre esse non ti domineranno. 7 Se vi sarà in mezzo a te qualche tuo fratello che sia bisognoso in una delle tue città del paese che il Signore tuo Dio ti dà, non indurirai il tuo cuore e non chiuderai la mano davanti al tuo fratello bisognoso; 8 anzi gli aprirai la mano e gli presterai quanto occorre alla necessità in cui si trova. 9 Bada bene che non ti entri in cuore questo pensiero iniquo: è vicino il settimo anno, l'anno della remissione; e il tuo occhio sia cattivo verso il tuo fratello bisognoso e tu non gli dia nulla; egli griderebbe al Signore contro di te e un peccato sarebbe su di te. 10 Dagli generosamente e, quando gli darai, il tuo cuore non si rattristi; perchè proprio per questo il Signore Dio tuo ti benedirà in ogni lavoro e in ogni cosa a cui avrai messo mano. 11 Poichè i bisognosi non mancheranno mai nel paese; perciò io ti do questo comando e ti dico: Apri generosamente la mano al tuo fratello povero e bisognoso nel tuo paese.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia