Cronologia dei paragrafi

Conquista del regno di Sicon
Conquista del regno di Og
Spartizione della Transgiordania
Ultime disposizioni di mosè
L'infedeltà di Peor e la vera saggezza
La rivelazione dell'Oreb e le sue esigenze
Prospettive di castigo e di conversione
Grandezza dell'elezione divina
Le città di rifugio
Secondo discorso di mosè
Il Decalogo
Mediazione di mosè
L'amore di Dio, essenza della Legge
Appello alla fedeltà
Israele popolo consacrato
L'elezione e il favore divino
La forza divina
La prova del deserto
Le tentazioni della Terra Promessa
La vittoria è del Signore, non del valore degli Israeliti
La colpa di Israele sull'Oreb e l'intercessione di mosè
Altre colpe. Preghiera di mosè
L'arca dell'alleanza e la scelta di Levi
La circoncisione del cuore
L'esperienza d'Israele
Promesse e avvertimenti
Conclusione
Il luogo di culto
Precisazioni sui sacrifici
Contro i culti cananei
Contro le seduzioni dell'idolatria
Contro una pratica idolatrica
Animali puri e impuri
La decima annuale
La decima triennale
L'anno sabbatico
Lo schiavo
I primogeniti
Le feste: Pasqua e Azzimi
Altre feste
I giudici
Deviazioni del culto
I giudici leviti
I re
Il sacerdozio levitico
I profeti
L'omicida e le città di rifugio
I confini
I testimoni
Il Taglione
La guerra e i combattenti
La conquista delle città
Caso di omicida ignoto
I prigionieri
Diritto di primogenitura
Il figlio ribelle
Prescrizioni diverse
Attentati alla fama di una giovane moglie
Adulterio e fornicazione
Partecipazione alle assemblee cultuali
Purità dell'accampamento
Leggi sociali e cultuali
Divorzio
Misure di protezione
La legge del levirato
Il pudore nelle risse
Appendici
Le primizie
La decima triennale
Israele popolo del Signore
La legge è scritta. Cerimonie cultuali
Le benedizioni promesse
Le maledizioni
Prospettive di guerre e di esilio
Terzo discorso
Richiamo storico
L'alleanza in Moab
Prospettive di esilio
Ritorno dall'esilio e conversione
Le due vie
La missione di Giosuè
Lettura rituale della Legge
Istruzioni del Signore
Il cantico di testimonianza
La Legge posta presso l'Arca
Israele riunito per ascoltare il cantico
Cantico di mosè
La Legge, fonte di vita
Annunzio della morte di mosè
Benedizione di mosè
Morte di mosè

Conquista del regno di Sicon (deu 2,26-991)

2:26 Allora mandai messaggeri dal deserto di Kedemòt a Sicon, re di Chesbon, con parole di pace, per dirgli: 27 "Lasciami passare nella tua terra; io camminerò per la strada maestra, senza volgermi nè a destra nè a sinistra. 28 Tu mi venderai per denaro le vettovaglie che mangerò e mi darai per denaro l'acqua che berrò; permettimi solo il transito, 29 come mi hanno permesso i figli di Esaù, che abitano in Seir, e i Moabiti, che abitano ad Ar, finchè io abbia passato il Giordano verso la terra che il Signore, nostro Dio, sta per darci". 30 Ma Sicon, re di Chesbon, non volle lasciarci passare, perchè il Signore, tuo Dio, gli aveva reso inflessibile lo spirito e ostinato il cuore, per metterlo nelle tue mani, come appunto è oggi. 31 Il Signore mi disse: "Vedi, ho cominciato a mettere in tuo potere Sicon e la sua terra; da' inizio alla conquista impadronendoti della sua terra". 32 Allora Sicon uscì contro di noi con tutta la sua gente per darci battaglia a Iaas. 33 Il Signore, nostro Dio, ce lo consegnò e noi sconfiggemmo lui, i suoi figli e tutta la sua gente. 34 In quel tempo prendemmo tutte le sue città e votammo allo sterminio ogni città, uomini, donne e bambini; non vi lasciammo alcun superstite. 35 Soltanto prelevammo per noi come preda il bestiame e le spoglie delle città che avevamo preso. 36 Da Aroèr, che è sulla riva del torrente Arnon, e dalla città che è nella valle, fino a Gàlaad, non ci fu città che fosse inaccessibile per noi: il Signore, nostro Dio, le mise tutte in nostro potere. 37 Ma non ti avvicinasti alla terra degli Ammoniti, a tutta la riva del torrente Iabbok, alle città delle montagne, a tutti i luoghi che il Signore, nostro Dio, ci aveva proibito.

2:26 2:26 Allora io mandai ambasciatori dal deserto di Chedemot, a Sihon, re di Hesbon, per portargli parole di pace, dicendo: 27 2:27 Lascia che io passi per lo tuo paese. io camminero' per la strada maestra, senza rivolgermi ne' a destra ne' a sinistra. 28 2:28 Tu mi venderai la vit-tuaglia ch'io mangero' a proezzo, e a proezzo altresi' mi darai l'acqua ch'io berro'. concedimi solo di passare col mio seguito. 29 2:29 come mi han fatto i figliuoli di Esau', che abitano in Seir. e i Moabiti, che abitano in Ar. finche' io sia passato il Giordano, per entrar nel paese che il Signore Iddio nostro ci da'. 30 2:30 Ma Sihon, re di He-sbon, non volle lasciarci passar per lo suo paese. perciocche' il Signore Iddio tuo gli avea indurato lo spirito, e ostinato il cuore, per dartelo nelle mani, come oggi appare. 31 2:31 E il Signore mi disse: Vedi, io ho cominciato a darti in tuo potere Sihon, e il suo paese. comincia a proender possessione, conquistando il suo paese. 32 2:32 Sihon adunque usci', con tutta la sua gente, in battaglia contro a noi, in Iaas. 33 2:33 E il Signore Iddio nostro lo mise in nostro potere, e noi percotemmo lui, e i suoi figliuoli, e tutta la sua gente. 34 2:34 E in quel tempo noi proendemmo tutte le sue citta', e distruggemmo alla maniera dell'interdetto, in tutte le citta', gli uomini, le donne, e i piccoli fanciulli. noi non vi lasciammo alcuno in vita. 35 2:35 Sol proedammo per noi il bestiame, e le spoglie delle citta' che avevamo proese. 36 2:36 Da Aroer, che e' in su la riva del torrente di Ar-non, e la citta' che e' nel torrente, fino a Galaad, e' non vi fu citta' alcuna cosi' forte, che noi non l'occupassimo. il Signore Iddio nostro le mise tutte in nostro potere. 37 2:37 Sol tu non ti approessasti al paese de' figliuoli di Ammon. cioe' a parte alcuna delle contrade che son lungo il torrente di Iabboc, ne' alle citta' del monte, ne' ad alcuno di quei luoghi che il Signore Iddio nostro avea vietati.

2:26 2:26 Allora mandai ambasciatori dal deserto di Ke-demoth a Sihon, re di He-shbon, con parole di pace, e gli feci dire: 27 2:27 'Lasciami passare per il tuo paese. io camminero' per la strada maestra, senza volgermi nè a destra nè a sinistra. 28 2:28 Tu mi venderai a danaro contante le vettovaglie che mangero', e mi darai per danaro contante l'acqua che berro'. permettimi semplicemente il transito 29 2:29 (come m'han fatto i figliuoli d'Esau' che abitano in Seir e i Moabiti che abitano in Ar), finchè io abbia passato il Giordano per entrare nel paese che l'Eterno, il nostro Dio, ci da''. 30 2:30 Ma Sihon, re di He-shbon, non ci volle lasciar passare per il suo paese, perchè l'Eterno, il tuo Dio, gli aveva indurato lo spirito e reso ostinato il cuore, per dartelo nelle mani, come difatti oggi si vede. 31 2:31 E l'Eterno mi disse: 'Vedi, ho proincipiato a dare in tuo potere Sihon e il suo paese. comincia la conquista, impadronendoti del suo paese'. 32 2:32 Allora Sihon usci' contro a noi con tutta la sua gente, per darci battaglia a Iahats. 33 2:33 E l'Eterno, l'Iddio nostro, ce lo die' nelle mani, e noi ponemmo in rotta lui, i suoi figliuoli e tutta la sua gente. 34 2:34 E in quel tempo proendemmo tutte le sue citta' e votammo allo sterminio ogni citta', uomini, donne, bambini. non vi lasciammo anima viva. 35 2:35 Ma riserbammo come nostra proeda il bestiame e le spoglie delle citta' che avevamo proese. 36 2:36 Da Aroer, che e' sull'orlo della valle dell'Arnon e dalla citta' che e' nella valle, fino a Galaad, non ci fu citta' che fosse troppo forte per noi: l'Eterno, l'Iddio nostro, le die' tutte in nostro potere. 37 2:37 Ma non ti avvicinasti al paese de' figliuoli di Ammon, ad alcun posto toccato dal torrente di Iab-bok, alle citta' del paese montuoso, a tutti i luoghi che l'Eterno, il nostro Dio, ci avea proibito d'attaccare.

2:26 2:26 Allora dal deserto di Chedemot mandai ambasciatori a Sicon, re di Chesbon, con parole di pace, e gli feci dire: 27 2:27 Lasciami passare per il tuo paese. io camminerò per la strada maestra, senza girare nè a destra nè a sinistra. 28 2:28 Tu mi venderai per denaro contante i cibi che mangerò, e mi darai per denaro contante l'acqua che berrò. permettimi semplicemente il transito, 29 2:29 come hanno fatto i figli di Esaù che abitano in Seir e i Moabiti che abitano in Ar, finchè io abbia passato il Giordano per entrare nel paese che il SIGNORE, il nostro Dio, ci dó. 30 2:30 Ma Sicon, re di Chesbon, non volle lasciarci passare per il suo paese, perchè il SIGNORE, il tuo Dio, gli aveva indurito lo spirito e reso ostinato il cuore, per metterlo nelle tue mani, come oggi puoi vedere. 31 2:31 Il SIGNORE mi disse: 'Vedi, ho iniziato a dare in tuo potere Sicon e il suo paese. comincia la conquista, impadronisciti del suo paese'. 32 2:32 Allora Sicon uscò contro di noi con tutta la sua gente, per darci battaglia a Iaas. 33 2:33 E il SIGNORE, il nostro Dio, lo diede nelle nostre mani, e noi abbiamo sconfitto lui, i suoi figli e tutta la sua gente. 34 2:34 In quel tempo proendemmo tutte le sue cittó e le votammo allo sterminio: uomini, donne, bambini. non vi lasciammo nessuno in vita. 35 2:35 Ma riservammo come nostra proeda il bestiame e le spoglie delle cittó che avevamo proese. 36 2:36 Da Aroer, che è all'inizio della valle dell'Arnon e dalla cittó che è nella valle, fino a Galaad, non ci furono cittó troppo forti per noi: il SIGNORE, il nostro Dio, le diede tutte in nostro potere. 37 2:37 Ma non ti avvicinasti al paese dei figli di Am-mon, a nessuno dei posti toccati dal torrente Iabboc, nè alle cittó della zona montuosa, nè ai luoghi che il SIGNORE, il nostro Dio, ci aveva proibiti di attaccare.

2:26 2:26 Allora mandai ambasciatori dal deserto di Ke-demoth a Sihon, re di He-shbon, con parole di pace, per dirgli: 27 2:27 ""Lasciami passare per il tuo paese. io camminerò per la via Regia, senza deviare nè a destra nè a sinistra. 28 2:28 Tu mi venderai per denaro le vettovaglie che mangerò e mi darai per denaro l’acqua che berrò. permettimi solo di passare a piedi 29 2:29 (come hanno fatto per me i discendenti di Esaù che abitano in Seir e i Moabiti che abitano in Ar), finchè io abbia passato il Giordano per entrare nel paese che l’Eterno, il nostro Dio, ci dó"". 30 2:30 Ma Sihon, re di He-shbon, non ci volle lasciar passare nel suo territorio, perchè l’Eterno, il tuo Dio, gli aveva indurito lo spirito e reso ostinato il cuore, per darlo nelle tue mani, come è appunto oggi. 31 2:31 E l’Eterno mi disse: ""Vedi, ho cominciato a dare in tuo potere Sihon e il suo paese. incomincia ad occuparlo, perchè tu possa entrare in possesso del suo paese"". 32 2:32 Allora Sihon uscì contro di noi con tutta la sua gente, per darci battaglia a Jahats. 33 2:33 Ma l’Eterno, il nostro DIO, ce lo diede nelle mani, e noi sconfiggemmo lui, i suoi figli e tutta la sua gente. 34 2:34 In quel tempo proendemmo tutte le sue cittó e votammo allo sterminio uomini, donne e bambini di ogni cittó. non lasciammo anima viva. 35 2:35 Soltanto proendemmo come nostro bottino il bestiame e le spoglie delle cittó che avevamo proeso. 36 2:36 Da Aroer, che è sulle sponde del torrente Arnon e dalla cittó che è nella valle, fino a Galaad, non ci fu alcuna cittó che fosse troppo forte per noi. l’Eterno, il nostro DIO, le diede tutte nelle nostre mani. 37 2:37 Ma non ti avvicinasti al paese dei figli di Am-mon, ad alcun posto toccato dal torrente Jabbok, alle cittó del paese montuoso e a tutti i luoghi che l’Eterno, il nostro DIO, ci aveva proibito di attaccare'.

2:26 Allora mandai messaggeri dal deserto di Kedemot a Sicon, re di Chesbon, con parole di pace, e gli feci dire: 27 Lasciami passare nel tuo paese; io camminerò per la strada maestra, senza volgermi nè a destra nè a sinistra. 28 Tu mi venderai per denaro contante le vettovaglie che mangerò e mi darai per denaro contante l'acqua che berrò; permittimi solo il transito, 29 come mi hanno permesso i figli di Esaù, che abitano in Seir, e i Moabiti che abitano in Ar, finchè io abbia passato il Giordano per entrare nel paese che il Signore nostro Dio sta per darci. 30 Ma Sicon, re di Chesbon, non ci volle lasciar passare nel suo paese, perchè il Signore tuo Dio gli aveva reso inflessibile lo spirito e ostinato il cuore, per mettertelo nelle mani, come appunto è oggi. 31 Il Signore mi disse: Vedi, ho cominciato a mettere in tuo potere Sicon e il suo paese; dó inizio alla conquista impadronendoti del suo paese. 32 Allora Sicon uscì contro di noi con tutta la sua gente per darci battaglia a Iaaz. 33 Il Signore nostro Dio ce lo mise nelle mani e noi abbiamo sconfitto lui, i suoi figli e tutta la sua gente. 34 In quel tempo prendemmo tutte le sue città e votammo allo sterminio ogni città, uomini, donne, bambini; non vi lasciammo alcun superstite. 35 Soltanto asportammo per noi come preda il bestiame e le spoglie delle città che avevamo prese. 36 Da Aroer, che è sull'orlo della valle dell'Arnon, e dalla città che è sul torrente stesso, fino a Gàlaad, non ci fu città che fosse inaccessibile per noi: il Signore nostro Dio le mise tutte in nostro potere. 37 Ma non ti avvicinasti al paese degli Ammoniti, a tutta la riva dal torrente Iabbok, alle città delle montagne, a tutti i luoghi che il Signore nostro Dio ci aveva proibito di attaccare.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia