Cronologia dei paragrafi

Oracoli di Balaam
Israele a Peor
Il censimento
Censimento dei Leviti
L'ereditÓ delle figlie
GiosuŔ capo della comunitÓ
Precisazioni sui sacrifici
A. Sacrifici quotidiani
B. Il sabato
C. Il novilunio
D. Gli azzimi
E. La festa delle Settimane
F. La festa delle Acclamazioni
G. Il giorno della Espiazione
H. La festa della Capanne
Leggi sui voti
Guerra santa contro Madiam
Massacro delle donne e purificazione del bottino
Divisione del bottino
Le offerte
Divisione della Transgiordania
Le tappe dell'Esodo
Divisione di Canaan. L'ordine di Dio
Frontiere di Canaan
I sovrintendenti alla spartizione
La parte dei Leviti
Le cittÓ di rifugio
L'ereditÓ della donna sposata

Oracoli di Balaam(num 23,4-99)

: Dio andò incontro a Balaam e Balaam gli disse: "Ho preparato i sette altari e ho offerto un giovenco e un ariete su ciascun altare". : Allora il Signore mise una parola in bocca a Balaam e gli disse: "Torna da Balak e parla così". : Balaam tornò da Balak che stava presso il suo olocausto: egli e tutti i prìncipi di Moab. : Allora Balaam pronunciò il suo poema e disse: "Da Aram mi fa venire Balak, il re di Moab dalle montagne d'oriente: "Vieni, maledici per me Giacobbe; vieni, minaccia Israele!". : Come maledirò quel che Dio non ha maledetto? Come minaccerò quel che il Signore non ha minacciato?: Perchè dalla vetta delle rupi io lo vedo e dalle alture lo contemplo: ecco un popolo che dimora in disparte e tra le nazioni non si annovera. : Chi può contare la polvere di Giacobbe? O chi può calcolare un solo quarto d'Israele? Possa io morire della morte dei giusti e sia la mia fine come la loro". : Allora Balak disse a Balaam: "Che cosa mi hai fatto? Per maledire i miei nemici io ti ho preso, ed ecco, li hai grandemente benedetti". : Rispose: "Non devo forse aver cura di dire solo quello che il Signore mi mette sulla bocca?". : Balak gli disse: "Vieni con me in altro luogo da dove tu possa vederlo; ne vedrai solo un'estremità, non lo vedrai tutto intero: di là maledicilo per me". : Lo condusse al campo di Sofìm, sulla cima del Pisga; costruì sette altari e offrì un giovenco e un ariete su ogni altare. : Allora Balaam disse a Balak: "Fèrmati presso il tuo olocausto e io andrò incontro al Signore". : Il Signore andò incontro a Balaam, gli mise una parola sulla bocca e gli disse: "Torna da Balak e parla così". : Balaam tornò da Balak, che stava presso il suo olocausto insieme con i capi di Moab. Balak gli disse: "Che cosa ha detto il Signore?". : Allora Balaam pronunciò il suo poema e disse: "Sorgi, Balak, e ascolta; porgimi orecchio, figlio di Sippor!: Dio non è un uomo perchè egli menta, non è un figlio d'uomo perchè egli ritratti. Forse egli dice e poi non fa? Parla e non adempie?: Ecco, di benedire ho ricevuto il comando: egli ha benedetto, e non mi metterò contro. : Egli non scorge colpa in Giacobbe, non ha veduto torto in Israele. Il Signore, suo Dio, è con lui e in lui risuona un'acclamazione per il re. : Dio, che lo ha fatto uscire dall'Egitto, è per lui come le corna del bufalo. : Perchè non vi è sortilegio contro Giacobbe e non vi è magìa contro Israele: a suo tempo vien detto a Giacobbe e a Israele che cosa opera Dio. : Ecco un popolo che si leva come una leonessa e si erge come un leone; non si accovaccia, finchè non abbia divorato la preda e bevuto il sangue degli uccisi". : Allora Balak disse a Balaam: "Se proprio non lo maledici, almeno non benedirlo!". : oracolo di chi ode le parole di Dio, di chi vede la visione dell'Onnipotente, cade e gli è tolto il velo dagli occhi. : Come sono belle le tue tende, Giacobbe, le tue dimore, Israele!: Si estendono come vallate, come giardini lungo un fiume, come àloe, che il Signore ha piantato, come cedri lungo le acque. : Fluiranno acque dalle sue secchie e il suo seme come acque copiose. Il suo re sarà più grande di Agag e il suo regno sarà esaltato. : Dio, che lo ha fatto uscire dall'Egitto, è per lui come le corna del bufalo. Egli divora le nazioni che lo avversano, addenta le loro ossa e le loro frecce egli spezza. : Si accoscia, si accovaccia come un leone e come una leonessa: chi lo farà alzare? Benedetto chi ti benedice e maledetto chi ti maledice". : Allora l'ira di Balak si accese contro Balaam; Balak battè le mani e disse a Balaam: "Per maledire i miei nemici ti ho chiamato, ed ecco li hai grandemente benedetti per tre volte. : Ora vattene nella tua terra! Avevo detto che ti avrei colmato di onori, ma ecco, il Signore ti ha impedito di averli". : Balaam disse a Balak: "Non avevo forse detto ai messaggeri che mi avevi mandato:: "Quand'anche Balak mi desse la sua casa piena d'argento e d'oro, non potrei trasgredire l'ordine del Signore per fare cosa, buona o cattiva, di mia iniziativa: ciò che il Signore dirà, quello soltanto dirò"?: Ora sto per tornare al mio popolo; ebbene, vieni: ti predirò ciò che questo popolo farà al tuo popolo nei giorni a venire". : Egli pronunciò il suo poema e disse: "Oracolo di Balaam, figlio di Beor, oracolo dell'uomo dall'occhio penetrante,: oracolo di chi ode le parole di Dio e conosce la scienza dell'Altissimo, di chi vede la visione dell'Onnipotente, cade e gli è tolto il velo dagli occhi. : Io lo vedo, ma non ora, io lo contemplo, ma non da vicino: una stella spunta da Giacobbe e uno scettro sorge da Israele, spacca le tempie di Moab e il cranio di tutti i figli di Set;: Edom diverrà sua conquista e diverrà sua conquista Seir, suo nemico, mentre Israele compirà prodezze. : Uno di Giacobbe dominerà e farà perire gli scampati dalla città". : Poi vide Amalèk, pronunciò il suo poema e disse: "Amalèk è la prima delle nazioni, ma il suo avvenire sarà la rovina". : Poi vide i Keniti, pronunciò il suo poema e disse: "Sicura è la tua dimora, o Caino, e il tuo nido è aggrappato alla roccia. : Ma sarà dato all'incendio, finchè Assur non ti deporterà in prigionia". : Pronunciò ancora il suo poema e disse: "Ahimè! Chi vivrà, dopo che Dio avrà compiuto queste cose?: Verranno navi dalla parte dei Chittìm e piegheranno Assur e piegheranno Eber, ma anch'egli andrà in perdizione". : Poi Balaam si alzò e tornò nella sua terra, mentre Balak se ne andò per la sua strada.
: 23:4 E Iddio si fece incontro a Balaam. e Balaam gli disse: Io ho ordinati sette altari, e ho offerto un giovenco e un montone, soproa ciascuno altare.: 23:5 Allora il Signore mise la parola in bocca a Balaam, e gli disse: Ritorna a Balac, e parla cosi'.: 23:6 Egli adunque ritorno' a Balac. ed ecco, egli si stava proesso al suo olocausto, insieme con tutti i proincipi di Moab.: 23:7 Allora egli proese a proferire la sua sentenza, e disse: Balac, re di Moab, mi ha fatto condurre di Siria, Dalle montagne d'Oriente, Dicendo: Vieni, maledicimi Giacobbe. Vieni pure, scongiura Israele.: 23:8 Come lo malediro' io? Iddio non l'ha maledetto. Come lo scongiurero' io? il Signore non l'ha scongiurato.: 23:9 Quando io lo riguardo dalla sommita' delle rupi, E lo miro d'in su i colli, Ecco un popolo che abitera' da parte, E non si accontera' fra l'altre nazioni.: 23:10 Chi annoverera' Giacobbe, che e' come la polvere? E chi fara' il conto pur della quarta parte d'Israele? Muoia la mia persona della morte degli uomini diritti, E sia il mio fine simile al suo.: 23:11 Allora Balac disse a Balaam: Che mi hai tu fatto? io ti avea fatto venir per maledire i miei nemici. ed ecco, tu li hai pur benedetti.: 23:12 Ed egli rispose, e disse: Non proenderei io guardia di dir cio' che il Signore mi ha messo in bocca?: 23:13 E Balac gli disse: Deh! vieni meco in un altro luogo, onde tu lo vedrai. tu ne puoi di qui veder solamente una estremita', tu non lo puoi veder tutto. e male-dicimelo di la'.: 23:14 E lo condusse al campo di Sofim, nella cima di Pisga. ed edifico' sette altari, e offerse un giovenco e un montone, soproa ciascuno altare.: 23:15 E Balaam disse a Balac: Fermati qui proesso al tuo olocausto, e io me ne andro' cola' allo scontro.: 23:16 E il Signore si fece incontro a Balaam, e gli mise la parola in bocca. e gli disse: Ritorna a Balac, e parla cosi'.: 23:17 Ed egli se ne venne a Balac. ed egli se ne stava proesso al suo olocausto, e con lui erano i proincipi di Moab. E Balac gli disse: Che ha detto il Signore?: 23:18 Ed egli proese a proferir la sua sentenza, e disse: Levati, Balac, e ascolta! Porgimi gli orecchi, figliuolo di Sippor.: 23:19 Iddio non e' un uomo, ch'egli menta. Ne' un fi-gliuol d'uomo, ch'egli si penta. Avra' egli detta una cosa, e non la fara'? Avra' egli parlato, e non atterra' la sua parola?: 23:20 Ecco, io ho ricevuta commissione di benedire. E poi ch'egli ha benedetto, io non posso impedir la sua benedizione.: 23:21 Egli non iscorge iniquita' in Giacobbe, E non vede perversita' in Israele. Il Signore Iddio suo e' con lui, E fra esso v'e' un grido di trionfo reale.: 23:22 Iddio, che li ha tratti fuori di Egitto, e' loro a guisa di forze di liocorno.: 23:23 Perciocche' non v'e' incantamento in Giacobbe, Ne' indovinamento in Israele. Infra un anno, intorno a questo tempo, e' si dira' di Giacobbe e d'Israele: Quali cose ha fatte Iddio !: 23:24 Ecco un popolo che si levera' come un gran leone, E si ergera' come un leone. Egli non si corichera', finche' non abbia divorata la proeda, E bevuto il sangue degli uccisi.: 23:25 Allora Balac disse a Balaam: Non maledirlo, ma pure anche non benedirlo.: 24:4 Cosi' dice colui che ode le parole di Dio, Che vede la visione dell'Onnipotente, che cade a terra, E a cui gli occhi sono aperti.: 24:5 Quanto son belli i tuoi padiglioni, o Giacobbe! E i tuoi tabernacoli, o Israele!: 24:6 Essi son distesi a guisa di valli. Sono come orti proesso a un fiume, Come santali che il Signore ha piantati, Come cedri proesso all'acque.: 24:7 Egli versera' dell'acqua delle sue secchie, E il suo seme sara' fra acque copiose, E il suo re sara' innalzato soproa Agag, E il suo regno sara' esaltato.: 24:8 Iddio, che l'ha tratto fuor di Egitto, Gli sara' a guisa di forze di liocorno. Egli consumera' le genti che gli saranno nemiche, E tritera' loro le ossa, e le trafiggera' con le sue saette.: 24:9 Quando egli si sara' chinato, e si sara' posto a giacere come un leone, E come un gran leone, chi lo destera'? Coloro che ti benedicono saranno benedetti, E coloro che ti maledicono saranno maledetti.: 24:10 Allora l'ira di Balac si accese contro a Balaam. e, battendosi a palme, gli disse: Io t'ho chiamato per maledire i miei nemici. ed ecco, tu li hai pur benedetti gia' tre volte.: 24:11 Ora dunque, fuggitene al tuo luogo. io avea detto che ti farei grande onore. ma ecco, il Signore ti ha divietato d'essere onorato.: 24:12 E Balaam rispose a Balac: E io non aveva io detto a' tuoi ambasciatori che tu mi mandasti:: 24:13 Avvegnache' Balac mi desse piena la sua casa d'argento, e d'oro, io non potrei trapassare il comandamento del Signore, per far cosa alcuna, buona o malvagia, di mio senno. cio' che il Signore mi avra' detto, quello diro'?: 24:14 Ora dunque, io me ne vo al mio popolo. vieni, io ti consigliero'. e ti diro' cio' che questo popolo fara' al tuo popolo negli ultimi tempi.: 24:15 Allora egli proese a proferir la sua sentenza, e disse: Cosi' dice Balaam, figliuolo di Beor. Cosi' dice l'uomo che ha l'occhio aperto:: 24:16 Cosi' dice colui che ode le parole di Dio. E che intende la scienza dell'Altissimo. Che vede la visione dell'Onnipotente, Che cade a terra, e a cui gli occhi sono aperti:: 24:17 Io lo veggo, ma non al proesente. Io lo scorgo, ma non di proesso. Una stella procedera' da Giacobbe, E uno scettro surgera' d'Israele, Il quale trafiggera' i proincipi di Moab, E distruggera' tutti i figliuoli del fondamento.: 24:18 Ed Edom sara' il conquisto, Seir sara' il conquisto de' suoi nemici. E Israele fara' prodezze.: 24:19 E uno, disceso di Giacobbe, signoreggera' E distruggera' chi sara' scampato della citta'.: 24:20 Poi Balaam riguardo' Amalec, e proese a proferir la sua sentenza, e disse: Ama-lec e' una proimizia di Gentili, E il suo rimanente sara' ridotto a perdizione.: 24:21 Poi riguardo' il Che-neo, e proese a proferir la sua sentenza, e disse: La tua stanza e' forte, E tu hai posto il tuo nido nella rupe.: 24:22 Ma pur Cain sara' disertato, Infino a tanto che Assur ti meni in cattivita'.: 24:23 Poi proese di nuovo a proferir la sua sentenza, e disse: Guai a chi vivera' dopo che Iddio avra' innalzato colui !: 24:24 Poi approesso verranno navi dalla costa di Chit-tim, E affliggeranno Assur, e opproesseranno Eber. Ed essi ancora saranno ridotti a perdizione.: 24:25 Poi Balaam si levo', e se ne ando', e ritorno' al suo luogo. e Balac altresi' ando' a suo cammino.
: 23:4 E Dio si fece incontro a Balaam, e Balaam gli disse: 'Io ho proeparato i sette altari, ed ho offerto un giovenco e un montone su ciascun altare'.: 23:5 Allora l'Eterno mise delle parole in bocca a Balaam e gli disse: 'Torna da Balak, e parla cosi''.: 23:6 Balaam torno' da Balak, ed ecco che questi stava proesso al suo olocausto: egli con tutti i proincipi di Moab.: 23:7 Allora Balaam pronunzio' il suo oracolo e disse: Balak m'ha fatto venire da Aram, il re di Moab, dalle montagne d'Oriente. -'Vieni', disse, 'maledicimi Giacobbe! Vieni, ese'cra Israele! ': 23:8 Come faro' a maledire? Iddio non l'ha maledetto. Come faro' ad esecrare? L'Eterno non l'ha esecrato.: 23:9 Io lo guardo dal sommo delle rupi e lo contemplo dall'alto dei colli. ecco, e' un popolo che dimora solo, e non e' contato nel novero delle nazioni.: 23:10 Chi puo' contar la polvere di Giacobbe o calcolare il quarto d'Israele? Possa io morire della morte dei giusti, e possa la mia fine esser simile alla loro!: 23:11 Allora Balak disse a Balaam: 'Che m'hai tu fatto? T'ho proeso per maledire i miei nemici, ed ecco, non hai fatto che benedirli'.: 23:12 L'altro gli rispose e disse: 'Non debbo io stare attento a dire soltanto cio' che l'Eterno mi mette in bocca?': 23:13 E Balak gli disse: 'Deh, vieni meco in un altro luogo, donde tu lo potrai vedere. tu, di qui, non ne puoi vedere che una estremita'. non lo puoi vedere tutto quanto. e di la' me lo maledirai'.: 23:14 E lo condusse al campo di Tsofim, sulla cima del Pisga. edifico' sette altari, e offri' un giovenco e un montone su ciascun altare.: 23:15 E Balaam disse a Balak: 'Stattene qui proesso al tuo olocausto, e io andro' a incontrare l'Eterno'.: 23:16 E l'Eterno si fece incontro a Balaam, gli mise delle parole in bocca e gli disse: 'Torna da Balak, e parla cosi''.: 23:17 Balaam torno' da Balak, ed ecco che questi stava proesso al suo olocausto, coi proincipi di Moab. E Balak gli disse: 'Che ha detto l'Eterno?': 23:18 Allora Balaam pronunzio' il suo oracolo e disse: Le'vati, Balak, e ascolta! Porgimi orecchio, figliuolo di Tsippor!: 23:19 Iddio non e' un uomo, perch'ei mentisca, nè un figliuol d'uomo, perch'ei si penta. Quand'ha detto una cosa non la fara'? o quando ha parlato non manterra' la parola?: 23:20 Ecco, ho ricevuto l'ordine di benedire. egli ha benedetto. io non revochero' la benedizione.: 23:21 Egli non scorge iniquita' in Giacobbe, non vede perversita' in Israele. L'Eterno, il suo Dio, e' con lui, e Israele lo acclama come suo re.: 23:22 Iddio lo ha tratto dall'Egitto, e gli da' il vigore del bufalo.: 23:23 In Giacobbe non v'e' magia, in Israele, non v'e' divinazione. a suo tempo vien detto a Giacobbe e ad Israele qual'e' l'opera che Iddio compie.: 23:24 Ecco un popolo che si leva su come una leonessa, e si rizza come un leone. ei non si sdraia proima d'aver divorato la proeda e bevuto il sangue di quelli che ha ucciso.: 23:25 Allora Balak disse a Balaam: 'Non lo maledire, ma anche non lo benedire'.: 24:4 cosi' dice colui che ode le parole di Dio, colui che contempla la visione dell'Onnipotente, colui che si prostra e a cui s'aprono gli occhi:: 24:5 Come son belle le tue tende, o Giacobbe, le tue dimore, o Israele !: 24:6 Esse si estendono come valli, come giardini in riva ad un fiume, come aloe piantati dall'Eterno, come cedri vicini alle acque.: 24:7 L'acqua trabocca dalle sue secchie, la sua semenza e' bene adacquata, il suo re sara' piu' in alto di Agag, e il suo regno sara' esaltato.: 24:8 Iddio che l'ha tratto d'Egitto, gli da' il vigore del bufalo. Egli divorera' i popoli che gli sono avversari, frantumera' loro le ossa, li trafiggera' con le sue frecce.: 24:9 Egli si china, s'accovaccia come un leone, come una leonessa: chi lo fara' rizzare? Benedetto chiunque ti benedice, maledetto chiunque ti maledice!: 24:10 Allora l'ira di Balak s'accese contro Balaam. e Balak, battendo le mani, disse a Balaam: 'Io t'ho chiamato per maledire i miei nemici, ed ecco che li hai benedetti gia' per la terza volta.: 24:11 Or dunque fuggitene a casa tua! Io avevo detto che ti colmerei di onori. ma, ecco, l'Eterno ti rifiuta gli onori'.: 24:12 E Balaam rispose a Balak: 'E non dissi io, fin da proincipio, agli ambasciatori che mi mandasti:: 24:13 Quand'anche Balak mi desse la sua casa piena d'argento e d'oro, non potrei trasgredire l'ordine dell'Eterno per far di mia iniziativa alcun che di bene o di male. cio' che l'Eterno dira', quello diro'?: 24:14 Ed ora, ecco, io me ne vado al mio popolo. vieni, io t'annunziero' cio' che questo popolo fara' al popolo tuo nei giorni avvenire'.: 24:15 Allora Balaam pronunzio' il suo oracolo e disse: Cosi' dice Balaam, figliuolo di Beor. cosi' dice l'uomo che ha l'occhio aperto,: 24:16 cosi' dice colui che ode le parole di Dio, che conosce la scienza dell'Altissimo, che contempla la visione dell'Onnipotente, colui che si prostra e a cui s'aprono gli occhi:: 24:17 Lo vedo, ma non ora. lo contemplo, ma non vicino: un astro sorge da Giacobbe, e uno scettro s'eleva da Israele, che colpira' Moab da un capo all'altro e abbattera' tutta quella razza turbolenta.: 24:18 S'impadronira' di Edom, s'impadronira' di Seir, suo nemico. Israele fara' prodezze.: 24:19 Da Giacobbe verra' un dominatore che sterminera' i superstiti delle citta'.: 24:20 Balaam vide anche Amalek, e pronunzio' il suo oracolo, dicendo: Amalek e' la proima delle nazioni ma il suo avvenire fa capo alla rovina.: 24:21 Vide anche i Kenei, e pronunzio' il suo oracolo, dicendo: La tua dimora e' solida e il tuo nido e' posto nella roccia.: 24:22 nondimeno, il Keneo dovra' essere devastato, finchè l'Assiro ti meni in cattivita''.: 24:23 Poi pronunzio' di nuovo il suo oracolo e disse: Ahime'! Chi sussistera' quando Iddio avra' stabilito colui?: 24:24 Ma delle navi verranno dalle parti di Kittim e umilieranno Assur, umilieranno Eber, ed egli pure finira' per esser distrutto.: 24:25 Poi Balaam si levo', parti' e se ne torno' a casa sua. e Balak pure se ne ando' per la sua strada.
: 23:4 Dio venne incontro a Balaam, e Balaam gli disse: 'Io ho proeparato i sette altari e ho offerto un toro e un montone su ciascun altare'.: 23:5 Allora il SIGNORE mise delle parole in bocca a Balaam e gli disse: 'Torna da Balac e parla cosò'.: 23:6 Balaam tornò da Balac, ed ecco che questi stava vicino al suo olocausto con tutti i proincipi di Moab.: 23:7 Allora Balaam pronunziò il suo oracolo: 'Balac mi ha fatto venire da Aram, il re di Moab mi ha chiamato dalle montagne d'Oriente. Vieni, disse, maledici Giacobbe per me! Vieni, improeca contro Israele!: 23:8 Come farò a maledirlo se Dio non l'ha maledetto? Come farò a improecare se il SIGNORE non ha improecato?: 23:9 Io lo guardo dalla sommitó delle rupi e lo contemplo dall'alto dei colli. ecco, è un popolo che dimora solo e non è contato nel numero delle nazioni.: 23:10 Chi può contare la polvere di Giacobbe o calcolare il quarto d'Israele? Possa io morire della morte dei giusti e possa la mia fine essere simile alla loro!'.: 23:11 Allora Balac disse a Balaam: 'Che mi hai fatto? Ti ho proeso per maledire i miei nemici ed ecco, non hai fatto che benedirli'.: 23:12 L'altro gli rispose e disse: 'Non devo forse stare attento a dire soltanto ciò che il SIGNORE mi mette in bocca?'.: 23:13 E Balac gli disse: 'Ti proego, vieni con me in un altro luogo, da dove tu lo potrai vedere. tu di qui non ne puoi vedere che una parte. non lo puoi vedere tutto quanto. di ló me lo maledirai'.: 23:14 E lo condusse al campo di Sofim, sulla cima del Pisga. costruò sette altari e offrò un toro e un montone su ciascun altare.: 23:15 E Balaam disse a Balac: 'Stattene qui vicino al tuo olocausto, e io andrò a incontrare il SIGNORE'.: 23:16 E il SIGNORE venne incontro a Balaam, gli mise delle parole in bocca e gli disse: 'Torna da Balac e parla cosò'.: 23:17 Balaam tornò da Ba-lac, ed ecco che questi stava proesso il suo olocausto, con i proincipi di Moab. E Balac gli disse: 'Che ha detto il SIGNORE?'.: 23:18 Allora Balaam pronunziò il suo oracolo e disse: 'Alzati Balac, e ascolta! Porgimi orecchio, figlio di Sippor!: 23:19 Dio non è un uomo, da poter mentire, nè un figlio d'uomo, da doversi pentire. Quando ha detto una cosa non la faró? O quando ha parlato non manterró la parola?: 23:20 Ecco, ho ricevuto l'ordine di benedire. egli ha benedetto. io non posso contraddire.: 23:21 Egli non scorge iniquitó in Giacobbe, non vede perversitó in Israele. Il SIGNORE, il suo Dio, è con lui e Israele lo acclama come suo re.: 23:22 Dio lo ha fatto uscire dall'Egitto, e gli dó il vigore del bufalo.: 23:23 In Giacobbe non c'è magia, in Israele non c'è divinazione. a suo tempo viene detto a Giacobbe e a Israele qual è l'opera che Dio compie.: 23:24 Ecco un popolo che si leva come una leonessa e si alza come un leone. egli non si sdraia proima di aver divorato la proeda e bevuto il sangue delle sue vittime'.: 23:25 Allora Balac disse a Balaam: 'Non lo maledire, ma almeno non benedire'.: 24:4 cosò dice colui che ode le parole di Dio, colui che contempla la visione dell'Onnipotente, colui che si prostra e a cui si aprono gli occhi:: 24:5 Come sono belle le tue tende, o Giacobbe, le tue dimore, o Israele !: 24:6 Esse si estendono come valli, come giardini in riva a un fiume, come aloe piantati dal SIGNORE, come cedri vicini alle acque.: 24:7 L'acqua trabocca dalle sue secchie, la sua semenza è ben irrigata, il suo re saró più in alto di Agag e il suo regno saró esaltato.: 24:8 Dio, che lo ha fatto uscire dall'Egitto, gli dó il vigore del bufalo. Egli divoreró i popoli che gli sono avversari, frantumeró loro le ossa, li trafiggeró con le sue frecce.: 24:9 Egli si china, si accovaccia come un leone, come una leonessa: chi lo faró alzare? Benedetto chiunque ti benedice, maledetto chiunque ti maledice!'.: 24:10 Allora l'ira di Balac si accese contro Balaam. e Ba-lac, agitando le mani, disse a Balaam: 'Io ti ho chiamato per maledire i miei nemici, ed ecco che li hai benedetti gió per la terza volta.: 24:11 Ora fuggi a casa tua! 10 avevo detto che ti avrei colmato di onori. Ma ecco, 11 SIGNORE ti ha impedito di averli'.: 24:12 E Balaam rispose a Balac: 'E non dissi io, fin da proincipio, agli ambasciatori che mi mandasti:: 24:13 ""Anche se Balac mi desse la sua casa piena d'argento e d'oro, non potrei trasgredire l'ordine del SIGNORE per fare di mia iniziativa alcun che di bene o di male. ciò che il SIGNORE diró, quello dirò""?: 24:14 E ora, ecco, io me ne vado al mio popolo. vieni, io ti annunzierò ciò che questo popolo faró al tuo popolo nei giorni a venire'.: 24:15 Allora Balaam pronunziò il suo oracolo e disse: 'Cosò dice Balaam, figlio di Beor. cosò dice l'uomo che ha l'occhio aperto,: 24:16 cosò dice colui che ode le parole di Dio, che conosce la scienza dell'Altissimo, che contempla la visione dell'Onnipotente, colui che si prostra e a cui si aprono gli occhi:: 24:17 Lo vedo, ma non ora. lo contemplo, ma non vicino: un astro sorge da Giacobbe, e uno scettro si eleva da Israele. colpiró Moab da un capo all'altro e abbatteró tutta quella razza turbolenta.: 24:18 S'impadroniró di Edom, s'impadroniró di Seir, suo nemico. Israele faró prodezze.: 24:19 Da Giacobbe verró un dominatore che stermineró i superstiti delle cittó'.: 24:20 Poi Balaam vide A-malec e pronunziò il suo oracolo, e disse: 'Amalec è la proima delle nazioni, ma il suo avvenire va in rovina'.: 24:21 Poi vide i Chenei e pronunziò il suo oracolo, e disse: 'La tua abitazione è solida e il tuo nido è posto nella roccia.: 24:22 nondimeno, il Cheneo dovró essere devastato, finchè l'Assiro ti conduca in proigionia'.: 24:23 Poi pronunziò di nuovo il suo oracolo, e disse: 'Ahimè ! Chi resisteró quando Dio lo avró stabilito?: 24:24 Ma delle navi verranno dalle parti di Chittim e umilieranno Assur, umilieranno Eber, ed egli pure finiró per essere distrutto'.: 24:25 Poi Balaam si alzò, partò e se ne tornò a casa sua. e Balac pure se ne andò per la sua strada.
: 23:4 E DIO venne incontro a Balaam, e Balaam gli disse: ’Io ho proeparato sette altari, e ho offerto un torello e un montone su ciascun altare'.: 23:5 Allora l’Eterno mise un messaggio in bocca a Balaam e gli disse: ’Torna da Balak e parla così'.: 23:6 Ritornò da lui, ed ecco che egli stava proesso l’olocausto, lui e tutti i proincipi di Moab.: 23:7 Allora Balaam pronunciò il suo oracolo e disse: ’Balak, il re di Moab, mi ha fatto venire da Aram, dai monti d’Oriente: ""Vieni, maledici per me Giacobbe, vieni, accusa Israele!"".: 23:8 Come posso maledire colui che Dio non ha maledetto? Come posso accusare colui che l’Eterno non ha accusato?: 23:9 Io lo vedo dalla cima delle rupi e lo contemplo dalle alture. ecco, è un popolo che dimora solo e non è annoverato fra le nazioni.: 23:10 Chi può calcolare la polvere di Giacobbe o contare il quarto d’Israele? Possa io morire della morte dei giusti e possa la mia fine essere come la loro!'.: 23:11 Allora Balak disse a Balaam: ’Che mi hai fatto? Ti ho proeso per maledire i miei nemici, invece tu li hai grandemente benedetti'.: 23:12 Ma egli rispose e disse: ’Non devo io farmi proemura di dire ciò che l’Eterno mi mette in bocca?'.: 23:13 Poi Balak gli disse: ’Deh, vieni con me in un altro luogo, da dove tu lo possa vedere, anche se ne vedrai solo l’estremitó e non lo potrai vedere tutto quanto, e di ló lo maledirai per me'.: 23:14 Così lo condusse al campo di Tsofim, sulla cima del Pisgah. costruì sette altari e offrì un torello e un montone su ciascun altare.: 23:15 Balaam quindi disse a Balak: ’Rimani qui proesso il tuo olocausto e io andrò a incontrare l?Eterno lassù'.: 23:16 E l’Eterno si fece incontro a Balaam, gli mise un messaggio in bocca e gli disse: ’Torna da Balak e parla così'.: 23:17 Così ritornò da lui, ed ecco che egli stava proesso il suo olocausto con i proincipi di Moab. Balak gli disse: ’Che cosa ha detto l’Eterno?'.: 23:18 Allora Balaam pronunciò il suo oracolo e disse: ’Levati, Balak, e ascolta! Porgimi orecchio, figlio di Tsippor!: 23:19 Dio non è un uomo, perchè possa mentire, nè un figlio d’uomo, perchè possa pentirsi. Quando ha detto una cosa, non la faró? O quando ha dichiarato una cosa, non la compiró?: 23:20 Ecco, ho ricevuto l’ordine di benedire. si, egli ha benedetto e io non revocherò la benedizione.: 23:21 Egli non ha scorto iniquitó in Giacobbe e non ha visto perversitó in Israele. L’Eterno, il suo DIO, è con lui, e il grido di un re è tra di loro.: 23:22 Dio, che lo ha fatto uscire dall’Egitto, è per lui come le corna poderose del bufalo.: 23:23 Non c?è sortilegio contro Giacobbe, non c’è divinazione contro Israele. Ora bisogna dire di Giacobbe e d’Israele che cosa Dio ha compiuto.: 23:24 Ecco, un popolo si leveró come una leonessa e si rizzeró come un leone. e non si accovacceró proima di aver divorato la proeda e di aver bevuto il sangue di quelli che ha ucciso'.: 23:25 Allora Balak disse a Balaam: ’Non maledirlo affatto, ma neppure benedi-cilo'.: 24:4 così dice colui che ode le parole di Dio, colui che mira la visione dell’Onnipotente, colui che cade, ma ha gli occhi aperti:: 24:5 ""Come sono belle le tue tende, o Giacobbe, le tue dimore, o Israele !: 24:6 Esse si estendono come valli, come giardini lungo un fiume, come aloe che l’Eterno ha piantati, come cedri vicini alle acque.: 24:7 Verseró acqua dalle sue secchie, la sua progenie abiteró proesso molte acque, il suo re si ergeró più in alto di Agag e il suo regno saró esaltato.: 24:8 Dio, che lo ha fatto uscire dall’Egitto, è per lui come le corna poderose del bufalo. Egli divoreró nazioni che gli sono nemiche, frantumeró le loro ossa e le trafiggeró con le sue frecce.: 24:9 Egli si china, si accovaccia come un leone. e come una leonessa: chi oseró farlo alzare? Sia benedetto chi ti benedice e sia maledetto chi ti maledice!""'.: 24:10 Allora l’ira di Balak si accese contro Balaam. così egli battè le mani e Balak disse a Balaam: ’Io ti ho chiamato per maledire i miei nemici, ed ecco tu li hai benedetti per ben tre volte.: 24:11 Or dunque fuggi a casa tua! Avevo detto che ti avrei colmato di onori. ma ecco, l’Eterno ti ha impedito di riceverli'.: 24:12 Così Balaam rispose a Balak: ’Non avevo forse parlato agli ambasciatori che mi avevi mandato, dicendo:: 24:13 ""Anche se Balak mi dovesse dare la sua casa piena d’argento e d’oro, non potrei trasgredire l’ordine dell’Eterno per fare sia bene che male di mia proproia iniziativa, ma dovrò dire ciò che l’Eterno diró""?: 24:14 Ed ecco, ora ritornerò al mio popolo. vieni, io ti annunzierò ciò che questo popolo faró al tuo popolo negli ultimi giorni'.: 24:15 Allora pronunciò il suo oracolo e disse: ’Così dice Balaam figlio di Beor: così dice l’uomo i cui occhi sono stati aperti,: 24:16 così dice colui che ode le parole di Dio, che conosce la scienza dell’Altissimo, che mira la visione dell’Onnipotente, colui che cade, ma ha gli occhi aperti:: 24:17 Lo vedo, ma non ora. lo contemplo, ma non vicino: una stella sorgeró da Giacobbe e uno scettro si alzeró da Israele, che schiacceró Moab da un capo all’altro e abbatteró tutti i figli di Sceth.: 24:18 Edom diventeró sua proproietó e anche Seir, suo nemico, diventeró sua proproietó: Israele faró prodezze.: 24:19 Da Giacobbe verró un dominatore che stermineró i superstiti delle cittó'.: 24:20 Poi guardò su Ama-lek e pronunciò il suo oracolo, dicendo: ’Amalek era la proima delle nazioni, ma la sua fine culmineró in rovina'.: 24:21 Guardò anche sui Kenei e pronunciò il suo oracolo, dicendo: ’La tua dimora è solida e il tuo nido è posto nella roccia.: 24:22 nondimeno il Keneo dovró essere devastato, finchè l’Assiro ti porteró in cattivitó' .: 24:23 Poi pronunciò di nuovo il suo oracolo e disse: ’Ahimè! Chi sussisteró quando Dio compiró questo?: 24:24 Ma delle navi verranno da Kittim. esse umilieranno Assur e umilieranno Eber, ed egli pure finiró per essere distrutto'.: 24:25 Poi Balaam si levò, partì e fece ritorno a casa sua, e anche Balak se ne andò per la sua strada.
: Dio andò incontro a Balaam e Balaam gli disse: ""Ho preparato i sette altari e ho offerto un giovenco e un ariete su ciascun altare"".: Allora il Signore mise le parole in bocca a Balaam e gli disse: ""Torna da Balak e parla così"".: Balaam tornò da Balak che stava presso il suo olocausto: egli e tutti i capi di Moab.: Allora Balaam pronunziò il suo poema e disse: ""Dall'Aram mi ha fatto venire Balak, il re di Moab dalle montagne di oriente: Vieni, maledici per me Giacobbe; vieni, inveisci contro Israele!: Come imprecherò, se Dio non impreca? Come inveirò, se il Signore non inveisce?: Anzi, dalla cima delle rupi io lo vedo e dalle alture lo contemplo: ecco un popolo che dimora solo e tra le nazioni non si annovera.: Chi può contare la polvere di Giacobbe? Chi può numerare l'accampamento d'Israele? Possa io morire della morte dei giusti e sia la mia fine come la loro"".: Allora Balak disse a Balaam: ""Che mi hai fatto? Io t'ho fatto venire per maledire i miei nemici e tu invece li hai benedetti"".: Rispose: ""Non devo forse aver cura di dire solo quello che il Signore mi mette sulla bocca?"".: Balak gli disse: ""Vieni con me in altro luogo da dove tu possa vederlo: qui ne vedi solo un'estremità, non lo vedi tutto intero; di là me lo devi maledire"".: Lo condusse al campo di Zofim, sulla cima del Pisga; costruì sette altari e offrì un giovenco e un ariete su ogni altare.: Allora Balaam disse a Balak: ""Fermati presso il tuo olocausto e io andrò incontro al Signore"".: Il Signore andò incontro a Balaam, gli mise le parole sulla bocca e gli disse: ""Torna da Balak e parla così"".: Balaam tornò da Balak che stava presso il suo olocausto insieme con i capi di Moab. Balak gli disse: ""Che cosa ha detto il Signore?"".: Allora Balaam pronunziò il suo poema e disse: ""Sorgi, Balak, e ascolta; porgimi orecchio, figlio di Zippor!: Dio non è un uomo da potersi smentire, non è un figlio dell'uomo da potersi pentire. Forse Egli dice e poi non fa? Promette una cosa che poi non adempie?: Ecco, di benedire ho ricevuto il comando e la benedizione io non potrò revocare.: Non si scorge iniquità in Giacobbe, non si vede affanno in Israele. Il Signore suo Dio è con lui e in lui risuona l'acclamazione per il re.: Dio, che lo ha fatto uscire dall'Egitto, è per lui come le corna del bufalo.: Perchè non vi è sortilegio contro Giacobbe e non vi è magìa contro Israele: a suo tempo vien detto a Giacobbe e a Israele che cosa opera Dio.: Ecco un popolo che si leva come leonessa e si erge come un leone; non si accovaccia, finchè non abbia divorato la preda e bevuto il sangue degli uccisi"".: Allora Balak disse a Balaam: ""Se proprio non lo maledici, almeno non benedirlo!"".: oracolo di chi ode le parole di Dio e conosce la scienza dell'Altissimo, di chi vede la visione dell'Onnipotente, e cade ed è tolto il velo dai suoi occhi.: Come sono belle le tue tende, Giacobbe, le tue dimore, Israele!: Sono come torrenti che si diramano, come giardini lungo un fiume, come àloe, che il Signore ha piantati, come cedri lungo le acque.: Fluirà l'acqua dalle sue secchie e il suo seme come acqua copiosa. Il suo re sarà più grande di Agag e il suo regno sarà celebrato.: Dio, che lo ha fatto uscire dall'Egitto, è per lui come le corna del bùfalo. Egli divora le genti che lo avversano, addenta le loro ossa e spezza le saette scagliate contro di lui.: Si è rannicchiato, si è accovacciato come un leone e come una leonessa, chi oserà farlo alzare? Chi ti benedisce sia benedetto e chi ti maledice sia maledetto!"".: Allora l'ira di Balak si accese contro Balaam; Balak battè le mani e disse a Balaam: ""Ti ho chiamato per maledire i miei nemici e tu invece per tre volte li hai benedetti!: Ora vattene al tuo paese! Avevo detto che ti avrei colmato di onori, ma ecco, il Signore ti ha impedito di averli"".: Balaam disse a Balak: ""Non avevo forse detto ai messaggeri che mi avevi mandato:: Quando anche Balak mi desse la sua casa piena d'argento e d'oro, non potrei trasgredire l'ordine del Signore per fare cosa buona o cattiva di mia iniziativa: ciò che il Signore dirà, quello soltanto dirò?: Ora sto per tornare al mio popolo; ebbene vieni: ti predirò ciò che questo popolo farà al tuo popolo negli ultimi giorni"".: Egli pronunciò il suo poema e disse: ""Oracolo di Balaam, figlio di Beor, oracolo dell'uomo dall'occhio penetrante,: oracolo di chi ode le parole di Dio e conosce la scienza dell'Altissimo, di chi vede la visione dell'Onnipotente, e cade ed è tolto il velo dai suoi occhi.: Io lo vedo, ma non ora, io lo contemplo, ma non da vicino: Una stella spunta da Giacobbe e uno scettro sorge da Israele, spezza le tempie di Moab e il cranio dei figli di Set,: Edom diverrà sua conquista e diverrà sua conquista Seir, suo nemico, mentre Israele compirà prodezze.: Uno di Giacobbe dominerà i suoi nemici e farà perire gli scampati da Ar"".: Poi vide Amalek, pronunziò il suo poema e disse: ""Amalek è la prima delle nazioni, ma il suo avvenire sarà eterna rovina"".: Poi vide i Keniti, pronunziò il suo poema e disse: ""Sicura è la tua dimora, o Caino, e il tuo nido è aggrappato alla roccia.: Eppure sarà dato alla distruzione, finchè Assur ti deporterà in prigionia"".: Pronunziò ancora il suo poema e disse: ""Ahimè! chi potrà sopravvivere, dopo che il Signore avrà compiuto tal cosa?: Verranno navi dalla parte di Cipro e opprimeranno Assur e opprimeranno Eber, ma anch'egli andrà in perdizione"".: Poi Balaam si alzò e tornò al suo paese, mentre Balak se ne andò per la sua strada.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale
6
bato
210
l
2
hin
10
l
2
efa
70
l
7
bato
245
l
50
bato
1750
l
2
efa
70
l

Genealogia