Cronologia dei paragrafi

La tomba dei patriarchi
Matrimonio di Isacco
La discendenza di Chetura
Morte di Abramo
La discendenza di Ismaele
Nascita di Esaù e di Giacobbe
Esaù cede il diritto di primogenitura
Isacco a Gerar
I pozzi tra Gerar e Bersabea
Alleanza con Abimelech
Le donne hittite di Esaù
Giacobbe carpisce la benedizione di Isacco
Isacco manda Giacobbe da labano
Altro matrimonio di Esaù
Il sogno di Giacobbe
Giacobbe arriva presso labano
I due matrimoni di Giacobbe
I figli di Giacobbe
Come si è arricchito Giacobbe
Fuga di Giacobbe
labano insegue Giacobbe
Accordo tra Giacobbe e labano
Giacobbe prepara l'incontro con Esaù
La lotta con Dio
Incontro con Esaù
Giacobbe si separa da Esaù
Arrivo a Sichem
Violenza fatta a Dina
Accordo matrimoniale con i Sichemiti
Vendetta di Simeone e di Levi
Giacobbe a Betel
Nascita di Beniamino e morte di Rachele
Incesto di Ruben
I dodici figli di Giacobbe
Morte di Isacco
Mogli e figli di Esaù in Canaan
Migrazione di Esaù
Discendenza di Esaù in Seir
I Capi di Edom
Discendenza di Seir l'Hurrita
I re di Edom
Ancora i capi di Edom
Giuseppe e i suoi fratelli
Giuseppe venduto dai fratelli
Storia di Giuda e di Tamar
Primi successi di Giuseppe in Egitto
Giuseppe e la seduttrice
Giuseppe in prigione
Giuseppe interpreta i sogni degli ufficiali del Faraone
I sogni del Faraone
Promozione di Giuseppe
I figli di Giacobbe
Primo incontro di Giusepe con i suoi fratelli
Ritorno dei figli di Giacobbe in Canaan
I figli di Giacobbe ripartono con Beniamino
L'incontro presso Giuseppe
La coppa di Giuseppe nel sacco di Beniamino
L'intervento di Giuda
Giuseppe si fa riconoscere
L'invito del Faraone
Il ritorno in Canaan
Partenza di Giacobbe per l'Egitto
La famiglia di Giacobbe
L'accoglienza di Giuseppe
L'udienza del Faraone
Altro racconto
Politica agraria di Giuseppe
Ultime volontà di Giacobbe
Giacobbe adotta e benedice i due figli di Giuseppe
Benedizioni di Giacobbe
Ultimi momenti e morte di Giacobbe
Funerali di Giacobbe
Dalla morte di Giacobbe alla morte di Giuseppe

La tomba dei patriarchi (gen 23,1-99)

23:1 Gli anni della vita di Sara furono centoventisette: questi furono gli anni della vita di Sara. 2 Sara morì a Kiriat-Arbà, cioè Ebron, nella terra di Canaan, e Abramo venne a fare il lamento per Sara e a piangerla. 3 Poi Abramo si staccò dalla salma e parlò agli Ittiti: 4 "Io sono forestiero e di passaggio in mezzo a voi. Datemi la proprietà di un sepolcro in mezzo a voi, perchè io possa portar via il morto e seppellirlo". 5 Allora gli Ittiti risposero ad Abramo dicendogli: 6 "Ascolta noi, piuttosto, signore. Tu sei un principe di Dio in mezzo a noi: seppellisci il tuo morto nel migliore dei nostri sepolcri. Nessuno di noi ti proibirà di seppellire il tuo morto nel suo sepolcro". 7 Abramo si alzò, si prostrò davanti al popolo della regione, davanti agli Ittiti, 8 e parlò loro: "Se è secondo il vostro desiderio che io porti via il mio morto e lo seppellisca, ascoltatemi e insistete per me presso Efron, figlio di Socar, 9 perchè mi dia la sua caverna di Macpela, che è all'estremità del suo campo. Me la ceda per il suo prezzo intero come proprietà sepolcrale in mezzo a voi". 10 Ora Efron stava seduto in mezzo agli Ittiti. Efron l'Ittita rispose ad Abramo, mentre lo ascoltavano gli Ittiti, quanti erano convenuti alla porta della sua città, e disse: 11 "Ascolta me, piuttosto, mio signore: ti cedo il campo con la caverna che vi si trova, in presenza dei figli del mio popolo te la cedo: seppellisci il tuo morto". 12 Allora Abramo si prostrò a lui alla presenza del popolo della regione. 13 Parlò a Efron, mentre lo ascoltava il popolo della regione, e disse: "Se solo mi volessi ascoltare: io ti do il prezzo del campo. Accettalo da me, così là seppellirò il mio morto". 14 Efron rispose ad Abramo: 15 "Ascolta me piuttosto, mio signore: un terreno del valore di quattrocento sicli d'argento che cosa è mai tra me e te? Seppellisci dunque il tuo morto". 16 Abramo accettò le richieste di Efron e Abramo pesò a Efron il prezzo che questi aveva detto, mentre lo ascoltavano gli Ittiti, cioè quattrocento sicli d'argento, secondo la misura in corso sul mercato. 17 Così il campo di Efron, che era a Macpela, di fronte a Mamre, il campo e la caverna che vi si trovava e tutti gli alberi che erano dentro il campo e intorno al suo limite 18 passarono in proprietà ad Abramo, alla presenza degli Ittiti, di quanti erano convenuti alla porta della città. 19 Poi Abramo seppellì Sara, sua moglie, nella caverna del campo di Macpela di fronte a Mamre, cioè Ebron, nella terra di Canaan. 20 Il campo e la caverna che vi si trovava passarono dagli Ittiti ad Abramo in proprietà sepolcrale.

23:1 23:1 OR la vita di Sara fu di cenventisett'anni. Questi furono gli anni della vita di Sara. 2 23:2 E Sara mori' in Chiriat-Arba, ch'e' Hebron, nel paese di Canaan, ed Abrahamo entro', per far duolo di Sara, e per piangerla. 3 23:3 Poi Abrahamo si levo' d'approesso al suo morto, e parlo' a' figliuoli di Het, dicendo: 4 23:4 Io sono straniere ed avveniticcio approesso di voi. datemi la possessione di una sepoltura appo voi. acciocchà io seppellisca il mio morto, e mel levi d'innanzi. 5 23:5 E i figliuoli di Het risposero ad Abrahamo, dicendogli: 6 23:6 Signor mio, ascoltaci: Tu sei per mezzo noi un proincipe divino. seppellisci il tuo morto nella piu' scelta delle nostre sepolture. niuno di noi ti rifiutera' la sua sepoltura, che tu non vi seppellisca il tuo morto. 7 23:7 Ed Abrahamo si levo', e s'inchino' al popolo del paese, a' figliuoli di Het. e parlo' con loro, dicendo: 8 23:8 Se voi avete nell'animo che io seppellisca il mio morto, e mel levi d'innanzi, ascoltatemi: Intercedete per me appo Efron, figliuolo di Sohar. 9 23:9 che mi dia la spelonca di Macpela, che e' sua, la quale e' nell'estremita' del suo campo. che me la dia per lo suo proezzo intiero, per pos-session di sepoltura fra voi. 10 23:10 Or Efron sedeva per mezzo i figliuoli di Het. Ed Efron Hitteo rispose ad A-brahamo, in proesenza de' figliuoli di Het, di tutti coloro ch'entravano nella porta della sua citta', dicendo: 11 23:11 No, signor mio. ascoltami: Io ti dono il campo. ti dono ancora la spelonca ch'e' in esso. io te ne fo un dono, in proesenza de' figliuoli del mio popolo. seppelliscivi il tuo morto. 12 23:12 Ed Abrahamo s'inchino' al popolo del paese. 13 23:13 e parlo' ad Efron, in proesenza del popolo del paese, dicendo: Anzi se cosi' ti piace, ascoltami, ti proego: Io daro' i danari del campo. proendili da me, ed io vi seppelliro' il mio morto. 14 23:14 Ed Efron rispose ad Abrahamo, dicendogli: 15 23:15 Signor mio, ascoltami: Fra me e te che cosa e' una terra di quattrocento sicli d'argento? seppelliscivi pure il tuo morto. 16 23:16 Ed Abrahamo acconsenti' ad Efron, e gli pago' i danari ch'egli gli avea detto, in proesenza de' figliuoli di Het. cioe' quattrocento sicli d'argento, correnti fra' mercatanti. 17 23:17 Cosi' l'acquisto del campo di Efron, il quale e' in Macpela, ch'e' dirimpetto a Mamre, insieme con la spelonca che e' in esso, e con tutti gli alberi cti'erano in esso campo, in tutti i suoi confini attorno attorno, 18 23:18 fu fermato ad Abra-hamo, in proesenza de' figliuoli di Het, fra tutti coloro ch'entravano nella porta della citta' di esso. 19 23:19 E dopo cio', Abrahamo seppelli' Sara, sua moglie, nella spelonca del campo di Macpela, ch'e' dirimpetto a Mamre, ch'e' Hebron, nel paese di Canaan. 20 23:20 Cosi' l'acquisto di quel campo, e della spelonca ch'e' in esso, fu fermato ad Abra-hamo, per possession di sepoltura, dai figliuoli di Het.

23:1 23:1 Or la vita di Sara fu di centoventisette anni. Tanti furon gli anni della vita di Sara. 2 23:2 E Sara mori' a Kiriat-Arba, che è Hebron, nel paese di Canaan. e Abrahamo venne a far duolo di Sara e a piangerla. 3 23:3 Poi Abrahamo si levo' di proesso al suo morto, e parlo' ai figliuoli di Heth, dicendo: 4 23:4 'Io sono straniero e avventizio fra voi. datemi la proproieta' di un sepolcro fra voi, affinchè io seppellisca il mio morto e me lo tolga d'innanzi'. 5 23:5 E i figliuoli di Heth risposero ad Abrahamo dicendogli: 6 23:6 'Ascoltaci, signore. tu sei fra noi un proincipe di Dio. seppellisci il tuo morto nel migliore dei nostri sepolcri. nessun di noi ti rifiutera' il suo sepolcro perchè tu vi seppellisca il tuo morto'. 7 23:7 E Abrahamo si levo', s'inchino' dinanzi al popolo del paese, dinanzi ai figliuoli di Heth, e parlo' loro dicendo: 8 23:8 'Se piace a voi ch'io tolga il mio morto d'innanzi a me e lo seppellisca, ascoltatemi, e intercedete per me proesso Efron figliuolo di Zo-har 9 23:9 perchè mi ceda la sua spelonca di Macpela che e' all'estremita' del suo campo, e me la dia per l'intero suo proezzo, come sepolcro che m'appartenga fra voi'. 10 23:10 Or Efron sedeva in mezzo ai figliuoli di Heth. ed Efron, lo Hitteo, rispose ad Abrahamo in proesenza dei figliuoli di Heth, di tutti quelli che entravano per la porta della sua citta', dicendo: 11 23:11 'No, mio signore, ascoltami! Io ti dono il campo, e ti dono la spelonca che v'e'. te ne fo dono, in proesenza de' figliuoli del mio popolo. seppellisci il tuo morto'. 12 23:12 E Abrahamo s'inchino' dinanzi al popolo del paese, 13 23:13 e parlo' ad Efron in proesenza del popolo del paese, dicendo: 'Deh, ascoltami! Io ti daro' il proezzo del campo. accettalo da me, e io seppelliro' quivi il mio morto'. 14 23:14 Ed Efron rispose ad Abrahamo, dicendogli: 15 23:15 'Signor mio, ascoltami! Un pezzo di terreno di quattrocento sicli d'argento, che cos'e' fra me e te? Seppellisci dunque il tuo morto'. 16 23:16 E Abrahamo fece a modo di Efron. e Abrahamo peso' a Efron il proezzo ch'egli avea detto in proesenza de' figliuoli di Heth, quattrocento sicli d'argento, di buona moneta mercantile. 17 23:17 Cosi' il campo di Efron ch'era a Macpela dirimpetto a Mamre, il campo con la caverna che v'era, e tutti gli alberi ch'erano nel campo e in tutti i confini all'intorno, 18 23:18 furono assicurati come proproieta' d'Abrahamo, in proesenza de' figliuoli di Heth e di tutti quelli ch'entravano per la porta della citta' di Efron. 19 23:19 Dopo questo, Abrahamo seppelli' Sara sua moglie nella spelonca del campo di Macpela dirimpetto a Mamre, che e' Hebron, nel paese di Canaan. 20 23:20 E il campo e la spelonca che v'e', furono assicurati ad Abrahamo, dai figliuoli di Heth, come sepolcro di sua proproieta'.

23:1 23:1 La vita di Sara fu di centoventisette anni. Tanti furono gli anni della sua vita. 2 23:2 Sara morò a Chiriat-Arba, che è Ebron, nel paese di Canaan, e Abraamo venne a far lutto per Sara e a piangerla. 3 23:3 Poi Abraamo si alzò, si allontanò dalla salma e parlò ai figli di Chet dicendo: 4 23:4 'Io sono straniero e di passaggio tra di voi. datemi la proproietó di una tomba in mezzo a voi per seppellire la salma e toglierla dalla mia vista'. 5 23:5 I figli di Chet risposero ad Abraamo: 6 23:6 'Ascoltaci, signore! Tu sei un proincipe di Dio in mezzo a noi. seppellisci la tua salma nella migliore delle nostre tombe. nessuno di noi ti rifiuteró la sua tomba perchè tu ve la seppellisca'. 7 23:7 Abraamo si alzò, s'inchinò davanti al popolo del paese, davanti ai figli di Chet, 8 23:8 e parlò loro cosò: 'Se piace a voi che io seppellisca la salma togliendola dalla mia vista, ascoltatemi e intercedete per me proesso Efron, figlio di Zoar, 9 23:9 perchè mi ceda la grotta di Macpela che è all'estremitó del suo campo. me la dia per il suo proezzo intero, come tomba di mia proproietó nel vostro paese'. 10 23:10 Or Efron stava seduto in mezzo ai figli di Chet. ed Efron, l'Ittita, rispose ad A-braamo in proesenza dei figli di Chet, di tutti quelli che entravano per la porta della sua cittó: 11 23:11 'No, mio signore, ascoltami! Io ti do il campo e ti do la grotta che vi si trova. te ne faccio dono, in proesenza dei figli del mio popolo. seppellisci la salma'. 12 23:12 Allora Abraamo s'inchinò davanti al popolo del paese 13 23:13 e, in proesenza del popolo del paese, disse a Efron: 'Ti proego, ascoltami! Ti darò il proezzo del campo, accettalo da me, e io seppellirò lò la salma'. 14 23:14 Efron rispose ad A-braamo: 15 23:15 'Signor mio, ascoltami! Un pezzo di terreno di quattrocento sicli d'argento, che cos'è tra me e te? Seppellisci dunque la salma'. 16 23:16 Abraamo diede ascolto a Efron e gli pesò il proezzo che egli aveva detto in proesenza dei figli di Chet: quattrocento sicli d'argento, di buona moneta corrente sul mercato. 17 23:17 Cosò il campo di Efron, che era a Macpela di fronte a Mamre, il campo con la grotta che vi si trovava, tutti gli alberi che erano nel campo e in tutti i confini all'intorno, 18 23:18 furono assicurati come proproietó d'Abraamo, in proesenza dei figli di Chet e di tutti quelli che entravano per la porta della cittó di Efron. 19 23:19 Subito dopo, Abraamo seppellò sua moglie Sara nella grotta del campo di Macpela di fronte a Mamre, cioè Ebron, nel paese di Canaan. 20 23:20 Il campo e la grotta che vi si trova furono assicurati ad Abraamo dai figli di Chet, come sepolcro di sua proproietó.

23:1 23:1 Ora Sara visse cento-ventisette anni. Questi furono gli anni della vita di Sara. 2 23:2 E Sara morì a Kirjath-Arba, (che è Hebron), nel paese di Canaan. e Abraha-mo entrò a far lutto per Sara e a piangerla. 3 23:3 Poi Abrahamo si alzò dalla proesenza del suo morto e parlò ai figli di Heth, dicendo: 4 23:4 ’Io sono straniero e avventizio fra voi. datemi la proproietó di un sepolcro fra voi, affinchè possa seppellire il mio morto e togliermelo davanti agli occhi'. 5 23:5 E i figli di Heth risposero ad Abrahamo dicendogli: 6 23:6 ’Ascoltaci, o mio signore! Tu sei fra noi un proincipe di DIO. seppellisci il tuo morto nel migliore dei nostri sepolcri. nessuno di noi ti rifiuteró il suo sepolcro perchè tu vi possa seppellire il tuo morto'. 7 23:7 Allora Abrahamo si alzò, s’inchinò davanti al popolo del paese, davanti ai figli di Heth, 8 23:8 e parlò loro dicendo: ’Se piace a voi che io seppellisca il mio morto togliendolo davanti ai miei occhi, ascoltatemi. Intercedete per me proesso Efron figlio di Zohar, 9 23:9 perchè mi ceda la sua caverna di Makpelah, che gli appartiene e che è all’estremitó del suo campo. me la ceda in proproietó per l’intero suo proezzo, come luogo di sepoltura fra voi'. 10 23:10 Ora Efron si trovava in mezzo ai figli di Heth. ed Efron, lo Hitteo, rispose ad Abrahamo in proesenza dei figli di Heth, di tutti quelli che entravano per la porta della sua cittó, dicendo: 11 23:11 ’No, mio signore, ascoltami! Io ti dono il campo e ti dono la spelonca che vi si trova. te la dono in proesenza dei figli del mio popolo. te ne faccio un dono. Seppellisci il tuo morto'. 12 23:12 Allora Abrahamo s’inchinò davanti al popolo del paese, 13 23:13 e parlò a Efron in proesenza del popolo del paese dicendo: ’Ascoltami, ti proego! Io ti darò il proezzo del campo. accettalo da me, così io vi potrò seppellire il mio morto'. 14 23:14 Efron rispose ad A-brahamo, dicendogli: 15 23:15 ’Signor mio, ascoltami! Il terreno vale quattrocento sicli d’argento. Che cos’è questo fra me e te? Seppellisci dunque il tuo morto'. 16 23:16 Allora Abrahamo diede ascolto a Efron. e Abra-hamo pesò a Efron il proezzo che egli aveva detto in proesenza dei figli di Heth: quattrocento sicli d’argento, moneta corrente tra i mercanti. 17 23:17 Così il campo di Efron che si trovava a Makpelah di fronte a Mamre, il campo con la caverna che vi era e tutti gli alberi che erano nel campo e in tutti i confini all’intorno, 18 23:18 passarono in proproietó di Abrahamo, alla proesenza dei figli di Heth e di tutti quelli che entravano per la porta della cittó di Efron. 19 23:19 Dopo questo, Abra-hamo seppellì Sara sua moglie nella caverna del campo di Makpelah di fronte a Mamre, (che è Hebron), nel paese di Canaan. 20 23:20 Così il campo e la caverna che vi si trova furono trasferiti dai figli di Heth in proproietó ad Abrahamo, come luogo di sepoltura.

23:1 Gli anni della vita di Sara furono centoventisette: questi furono gli anni della vita di Sara. 2 Sara morì a Kiriat-Arba, cioè Ebron, nel paese di Canaan, e Abramo venne a fare il lamento per Sara e a piangerla. 3 Poi Abramo si staccò dal cadavere di lei e parlò agli Hittiti: 4 "Io sono forestiero e di passaggio in mezzo a voi. Datemi la proprietà di un sepolcro in mezzo a voi, perchè io possa portar via la salma e seppellirla". 5 Allora gli Hittiti risposero: 6 "Ascolta noi, piuttosto, signore: tu sei un principe di Dio in mezzo a noi: seppellisci il tuo morto nel migliore dei nostri sepolcri. Nessuno di noi ti proibirà di seppellire la tua defunta nel suo sepolcro". 7 Abramo si alzò, si prostrò davanti alla gente del paese, davanti agli Hittiti e parlò loro: 8 "Se è secondo il vostro desiderio che io porti via il mio morto e lo seppellisca, ascoltatemi e insistete per me presso Efron, figlio di Zocar, 9 perchè mi dia la sua caverna di Macpela, che è all'estremità del suo campo. Me la ceda per il suo prezzo intero come proprietà sepolcrale in mezzo a voi". 10 Ora Efron stava seduto in mezzo agli Hittiti. Efron l'Hittita rispose ad Abramo, mentre lo ascoltavano gli Hittiti, quanti entravano per la porta della sua città, e disse: 11 "Ascolta me, piuttosto, mio signore: ti cedo il campo con la caverna che vi si trova, in presenza dei figli del mio popolo te la cedo: seppellisci il tuo morto". 12 Allora Abramo si prostrò a lui alla presenza della gente del paese. 13 Parlò ad Efron, mentre lo ascoltava la gente del paese, e disse: "Se solo mi volessi ascoltare: io ti do il prezzo del campo. Accettalo da me, così io seppellirò là il mio morto". 14 Efron rispose ad Abramo: 15 "Ascolta me piuttosto, mio signore: un terreno del valore di quattrocento sicli d'argento che cosa è mai tra me e te? Seppellisci dunque il tuo morto". 16 Abramo accettò le richieste di Efron e Abramo pesò ad Efron il prezzo che questi aveva detto, mentre lo ascoltavano gli Hittiti, cioè quattrocento sicli d'argento, nella moneta corrente sul mercato. 17 Così il campo di Efron che si trovava in Macpela, di fronte a Mamre, il campo e la caverna che vi si trovava e tutti gli alberi che erano dentro il campo e intorno al suo limite, 18 passarono in proprietà ad Abramo, alla presenza degli Hittiti, di quanti entravano nella porta della città. 19 Dopo, Abramo seppellì Sara, sua moglie, nella caverna del campo di Macpela di fronte a Mamre, cioè Ebron, nel paese di Canaan. 20 Il campo e la caverna che vi si trovava passarono dagli Hittiti ad Abramo in proprietà sepolcrale.

Mappa

Commento di un santo

Notate, tuttavia, come quell'uomo buono istruisca anche quelle persone con ilsuo caratteristico buon senso, attravero le sue azioni stesse, con il rifiuto di prendere possesso del luogo prima di averne pagato ilgiusto prezzo. ''Anche se da parte tua ... vi siete dimostrati così ben disposti nei miei confronti, io ancora non posso accettare di avere la tomba da voi se non ho prima pagato il giusto prezzo'. Egli diede loro del denaro, dice il testo, prese possesso della tomba e seppel!t' sua "moglie nella doppia grotta del campo che sovrastava Mamre ( Gn 23, 19). L'uomo che era così famoso e rispettato, che godeva di così grande fiducia da parte di Dio ed era l'oggetto di tanta attenzione da parte di tutti in quell luogo, al punto da essere chiamato chiamato principe dagli stessi hittiti non possedeva un solo pezzetto di terra. Pertanto anche il beato Paolo celebrò la virtù di questo buon uomo scrivendo: Per fede Abramo soggiornò nella terra pror:iessa come in una regione straniera,, abitando sotto le tende, come anche isacco e Giacobbe, coeredi della medesima promessa (Eb 11, 9). E poi, per mostrarci che era per fede che egli soggiornava là aggiunse: Egliaspettava in/atti la città dalle saldefondamenta, il cui architetto e costruttore è Dio stesso ( Eb 11, 10). Nella speranza delle cose future, egli sta dicendo, Abramo trascurò le realtà presenti e, nell'aspettativa di cose più grandi, non si preoccupò di mettere da parte le cose di questa vita questo lo fece prima della Legge e dell'età della grazia. Allora che scusa avranno, ditemi, coloro che nonostante tante meravigliose promesse e garanzie di ineffabili benedizioni si affannano per le realtà presenti, comperando proprietà, sempre preoccupati della propria immagine, accumulando tutte queste proprietà per semplice avidità ed avarizia, e realizzando nella pratica ciò che il profeta beato aveva detto nel suo lamento: Guai a quelli che accumulano casa su casa,_ e aggiungono proprietà a proprietà per zl solo scopo dz derubare il prossimo di qualcosa (Is 5, 8). on vediamo forse accadere questo ogni giorno: vedove derubate, orfani spogliati ed ildebole oppresso dal J?iù forre: Quest'uomo buono, al c?ntr10,_ non s1 comporrò in quella mamera; InsJStette invece a voler comprare la tma e, quando vide che quelli a cui Ja ncedeva erano pronti a cedergliela gratunamente, non volle accettare se non dopo aver pagato il giusto prezzo.

Autore

Crisostomo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-13°venerdi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Gen 23,1-4.23,19-19.24,1-8.24,62-67.)}; (mat 9,9-13)}; (Gen 23,1-4.23,19-19.24,1-8.24,62-67.)}; (sal 15,1-5)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale
6
miglio
8880
m
400
sicli
6400
g
400
sicli
6400
g

Genealogia