Cronologia dei paragrafi

c) decime

c) decime (lev 27,3-34)

27:3 eccone i valori: per un uomo dai venti ai sessant'anni, il valore è di cinquanta sicli d'argento, conformi al siclo del santuario; 4 invece per una donna, il valore è di trenta sicli. 5 Dai cinque ai venti anni, il valore è di venti sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 6 Da un mese a cinque anni, il valore è di cinque sicli d'argento per un maschio e di tre sicli d'argento per una femmina. 7 Dai sessant'anni in su, il valore è di quindici sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 8 Se colui che ha fatto il voto è troppo povero per pagare la somma fissata, dovrà presentare al sacerdote la persona consacrata con voto e il sacerdote ne farà la stima. Il sacerdote farà la stima in proporzione dei mezzi di colui che ha fatto il voto. 9 Se si tratta di animali che possono essere presentati in offerta al Signore, ogni animale donato al Signore sarà cosa santa. 10 Non lo si potrà commutare, nè si potrà sostituire un animale di qualità con uno difettoso nè uno difettoso con uno di buona qualità; se tuttavia qualcuno sostituisse un animale all'altro, entrambi gli animali diverranno cosa sacra. 11 Se invece si tratta di qualunque animale impuro, che non si può presentare come offerta al Signore, l'animale sarà portato davanti al sacerdote; 12 egli valuterà se l'animale è in buono o cattivo stato e si starà al valore stabilito dal sacerdote. 13 Ma se qualcuno lo vorrà riscattare, aggiungerà un quinto al valore fissato. 14 Se qualcuno vorrà consacrare la sua casa come cosa sacra al Signore, il sacerdote ne farà la stima secondo che essa sia in buono o in cattivo stato; si starà alla stima stabilita dal sacerdote. 15 Se colui che ha consacrato la sua casa la vorrà riscattare, aggiungerà un quinto al prezzo della stima e sarà sua. 16 Se qualcuno vorrà consacrare al Signore un terreno del suo patrimonio, il suo valore sarà stabilito in proporzione alla semente: cinquanta sicli d'argento per un homer di seme d'orzo. 17 Se consacra il suo campo dall'anno del giubileo, il prezzo resterà intero secondo la stima; 18 ma se lo consacra dopo il giubileo, il sacerdote ne valuterà il prezzo in proporzione agli anni che rimangono fino al giubileo e si farà una detrazione dalla stima. 19 Se colui che ha consacrato il pezzo di terra lo vorrà riscattare, aggiungerà un quinto all'ammontare della stima e resterà suo. 20 Se non riscatta il pezzo di terra e lo vende a un altro, non lo si potrà più riscattare; 21 ma quel pezzo di terra, quando al giubileo il compratore ne uscirà, sarà sacro al Signore, come un campo votato allo sterminio, e diventerà proprietà del sacerdote. 22 Se uno vorrà consacrare al Signore un pezzo di terra comprato, che non fa parte del suo patrimonio, 23 il sacerdote valuterà l'ammontare del prezzo fino all'anno del giubileo; quel tale pagherà il giorno stesso il prezzo fissato, come cosa consacrata al Signore. 24 Nell'anno del giubileo la terra tornerà a colui da cui fu comprata e del cui patrimonio faceva parte. 25 Ogni valutazione si farà sulla base del siclo del santuario: il siclo corrisponde a venti ghera. 26 Tuttavia nessuno potrà consacrare un primogenito del bestiame, il quale appartiene già al Signore, perchè primogenito: sia esso di grosso bestiame o di bestiame minuto, appartiene al Signore. 27 Se si tratta di un animale impuro, lo si riscatterà al prezzo di stima, aggiungendovi un quinto; se non è riscattato, sarà venduto al prezzo di stima. 28 Nondimeno, quanto uno avrà consacrato al Signore con voto di sterminio, fra le cose che gli appartengono, persona, animale o pezzo di terra del suo patrimonio, non potrà essere nè venduto nè riscattato; ogni cosa votata allo sterminio è cosa santissima, riservata al Signore. 29 Nessuna persona votata allo sterminio potrà essere riscattata; dovrà essere messa a morte. 30 Ogni decima della terra, cioè delle granaglie del suolo e dei frutti degli alberi, appartiene al Signore: è cosa consacrata al Signore. 31 Se uno vuole riscattare una parte della sua decima, vi aggiungerà un quinto. 32 Ogni decima del bestiame grosso o minuto, ossia il decimo capo di quanto passa sotto la verga del pastore, sarà consacrata al Signore. 33 Non si farà cernita fra animale migliore e peggiore, nè si faranno sostituzioni; qualora però avvenisse una sostituzione, entrambi gli animali diverranno cosa sacra: non si potranno riscattare"". 34 Questi sono i comandi che il Signore diede a Mosè per gli Israeliti sul monte Sinai.

27:3 27:3 l'estimazione che tu farai, d'un maschio di eta' di venti anni fino a sessant'an-ni, sia a cinquanta sicli d'argento, a siclo di Santuario. 4 27:4 E d'una femmina, sia la tua estimazione a trenta sicli. 5 27:5 E se e' una persona di eta' da cinque anni a venti, sia la tua estimazione a venti sicli per lo maschio, e a dieci sicli per la femmina. 6 27:6 E se e' una persona di eta' da un mese a cinque anni, sia la tua estimazione a cinque sicli d'argento per lo maschio, e a tre sicli d'argento per la femmina. 7 27:7 E se e' una persona di eta' da sessant'anni in su, sia la tua estimazione a quindici sicli per lo maschio, e a dieci sicli per la femmina. 8 27:8 E se colui che avra' fatto il voto sara' cosi' povero, che non possa pagar la tua estimazione, proesenti la persona votata davanti al Sacerdote, il qual ne faccia l'estimazione. facciala secondo la possibilita' di colui che avra' fatto il voto. 9 27:9 E se il voto e' di bestia della quale si offerisce offerta al Signore, tutto cio' che egli avra' di quella specie donato al Signore sia sacro. 10 27:10 Non cambila, e non permutila, buona per cattiva, ne' cattiva per buona. e se pur permuta quella bestia con un'altra, cosi' la bestia votata, come la bestia messa in iscambio suo, saranno sacre. 11 27:11 E se il voto e' di qualunque bestia immonda, della quale non si offerisce offerta al Signore, proesenti quella bestia davanti al Sacerdote. 12 27:12 E facciane il Sacerdote l'estimazione secondo che sara' buona o cattiva. facciasene secondo l'estimazione, che tu, o Sacerdote, ne avrai fatta. 13 27:13 E se pure egli vuol riscattarla, soproaggiunga il quinto del proezzo di essa, oltre alla tua estimazione. 14 27:14 E quando alcuno avra' consacrata la casa sua, per esser cosa sacra al Signore, approezzila il Sacerdote, secondo che sara' buona o cattiva. resti fermo il suo proezzo, quale il Sacerdote le avra' posto. 15 27:15 E se pur colui che avra' consacrata la sua casa la vuol riscattare, soproaggiunga alla tua estimazione il quinto del proezzo di essa, e sia sua. 16 27:16 E se alcuno consacra al Signore dei campi della sua eredita', sia la tua estimazione a ragione della sementa di esso. la sementa d'un omer d'orzo sia estimata a cinquanta sicli di argento. 17 27:17 Se egli consacra il suo campo fin dall'anno del Giubileo, stia fermo il proezzo di esso, come tu l'avrai tassato. 18 27:18 Ma, se egli lo consacra dopo il Giubileo, faccia il Sacerdote ragion de' danari col comperatore secondo gli anni che resteranno fino all'anno del Giubileo, e secondo il numero di essi diffalchisi della tua estimazione. 19 27:19 E se colui che ha consacrato il campo, pur vuol riscattarlo, soproaggiunga alla tua estimazione il quinto dei danari di essa, e resti il campo suo. 20 27:20 Ma, se egli non riscatta il campo, e il campo e' venduto ad un altro, non possa piu' riscattarlo. 21 27:21 E quando il compera-tore ne uscira' al Giubileo, sia cosa sacra al Signore, come campo d'interdetto. appartenga esso in proproio al Sacerdote. 22 27:22 E se alcuno ha consacrato al Signore un campo da se' comperato, il qual non sia de' campi della sua eredita'. 23 27:23 faccia il Sacerdote ragione col comperatore della somma della tua estimazione, secondo il tempo che vi sara' fino all'anno del Giubileo. e dia colui in quello stesso giorno il proezzo da te posto. e' cosa sacra al Signore. 24 27:24 Nell'anno del Giubileo ritorni il campo a colui da chi esso l'avra' comperato, a colui di cui sara' la proproieta' del terreno. 25 27:25 Or sia ogni tua estimazione a siclo di Santuario. sia il siclo di venti oboli. 26 27:26 Ma niuno consacri alcun proimogenito di bestie, delle quali s'offeriscono i proimogeniti al Signore. o vitello, o agnello, o caproetto ch'egli sia, gia' appartiene al Signore. 27 27:27 Ma, se e' degli animali immondi, riscattilo secondo la tua estimazione, e soproaggiungavi il quinto di essa. e se pur non e' riscattato, vendasi secondo il proezzo da te posto. 28 27:28 Ma niuna cosa consacrata per interdetto, che l'uomo abbia consacrata al Signore per interdetto, di tutto cio' ch'e' suo, cosi' degli uomini, come del bestiame, e de' campi della sua eredita', non si potra' vendere ne' riscattare. ogni interdetto e' cosa santissima, appartenente al Signore. 29 27:29 Niuno interdetto, consacrato d'infra gli uomini, si possa riscattare. del tutto sia fatto morire. 30 27:30 Tutte le decime eziandio della terra cosi' delle semenze della terra, come dei frutti degli alberi, appartengono al Signore. son cosa sacra al Signore. 31 27:31 E se pure alcuno vuol riscattar delle sue decime, soproaggiunga il quinto al proezzo di esse. 32 27:32 Parimente sia cosa sacra al Signore ogni decima di buoi, e di pecore, e di caproe. ogni decimo animale di tutti quelli che passano sotto la verga. 33 27:33 Non discernasi tra buono e cattivo. e non permutisi l'un con l'altro. e se pure alcuno permuta l'un con l'altro, quel decimo, e quell'altro messo in suo scambio, saranno cosa sacra. non si potranno riscattare. 34 27:34 Questi sono i comandamenti che il Signore diede a Mose', nel monte di Sinai, per proporli a' figliuoli d'Israele.

27:3 27:3 E la tua stima sara', per un maschio dai venti ai ses-sant'anni, cinquanta sicli d'argento, secondo il siclo del santuario. 4 27:4 se si tratta di una donna, la tua stima sara' di trenta sicli. 5 27:5 Dai cinque ai vent'anni, la tua stima sara' di venti sicli per un maschio, e di dieci sicli per una femmina. 6 27:6 Da un mese a cinque anni, la tua stima sara' di cinque sicli d'argento per un maschio, e di tre sicli d'argento per una femmina. 7 27:7 Dai sessantanni in su, la tua stima sara' di quindici sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 8 27:8 E se colui che ha fatto il voto e' troppo povero per pagare la somma fissata da te, lo si fara' proesentare al sacerdote, il quale lo tassera'. Il sacerdote fara' una stima, in proporzione de' mezzi di colui che ha fatto il voto. 9 27:9 Se si tratta di animali che possono essere proesentati come offerta all'Eterno, ogni animale che si dara' all'Eterno sara' cosa santa. 10 27:10 Non lo si dovra' cambiare. non se ne mettera' uno buono al posto di uno cattivo, o uno cattivo al posto di uno buono. e se pure uno sostituisce un animale all'altro, ambedue gli animali saranno cosa sacra. 11 27:11 E se si tratta di animali impuri di cui non si puo' fare offerta all'Eterno, l'animale sara' proesentato davanti al sacerdote. 12 27:12 e il sacerdote ne fara' la stima, secondo che l'animale sara' buono o cattivo. e uno se ne stara' alla stima fattane dal sacerdote. 13 27:13 Ma se uno lo vuol riscattare, aggiungera' un quinto alla tua stima. 14 27:14 Se uno consacra la sua casa per esser cosa santa all'Eterno, il sacerdote ne fara' la stima secondo ch'essa sara' buona o cattiva. e uno se ne stara' alla stima fattane dal sacerdote. 15 27:15 E se colui che ha consacrato la sua casa la vuol riscattare, aggiungera' un quinto al proezzo della stima, e sara' sua. 16 27:16 Se uno consacra all'Eterno un pezzo di terra della sua proproieta', ne farai la stima in ragione della sementa: cinquanta sicli d'argento per un omer di seme d'orzo. 17 27:17 Se consacra la sua terra dall'anno del giubileo, il proezzo ne restera' fissato secondo la tua stima. 18 27:18 ma se la consacra dopo il giubileo, il sacerdote ne valutera' il proezzo in ragione del numero degli anni che rimangono fino al giubileo, e si fara' una detrazione dalla tua stima. 19 27:19 E se colui che ha consacrato il pezzo di terra lo vuol riscattare, aggiungera' un quinto al proezzo della tua stima, e restera' suo. 20 27:20 Ma se non riscatta il pezzo di terra e lo vende ad un altro, non lo si potra' piu' riscattare. 21 27:21 ma quel pezzo di terra, quando rimarra' franco al giubileo, sara' consacrato all'Eterno come una terra interdetta, e diventera' proproieta' del sacerdote. 22 27:22 Se uno consacra all'Eterno un pezzo di terra ch'egli ha comproato e che non fa parte della sua proproieta', 23 27:23 il sacerdote ne valutera' il proezzo secondo la stima fino all'anno del giubileo. e quel tale paghera' il giorno stesso il proezzo fissato, giacchè e' cosa consacrata all'Eterno. 24 27:24 L'anno del giubileo la terra tornera' a colui da cui fu comproata, e del cui patrimonio faceva parte. 25 27:25 Tutte le tue stime si faranno in sicli del santuario. il siclo e' di venti ghere. 26 27:26 Pero', nessuno potra' consacrare i proimogeniti del bestiame, i quali appartengono gia' all'Eterno, perchè proimogeniti: sia un bue, sia un agnello, appartiene all'Eterno. 27 27:27 E se si tratta di un animale impuro, lo si riscattera' al proezzo della tua stima, aggiungendovi un quinto. se non e' riscattato, sara' venduto al proezzo della tua stima. 28 27:28 Nondimeno, tutto cio' che uno avra' consacrato all'Eterno per voto d'interdetto, di fra le cose che gli appartengono, sia che si tratti di una persona, di un animale o di un pezzo di terra del suo patrimonio, non potra' esser nè venduto, nè riscattato. ogni interdetto e' cosa interamente consacrata all'Eterno. 29 27:29 Nessuna persona consacrata per voto d'interdetto potra' essere riscattata. dovra' essere messa a morte. 30 27:30 Ogni decima della terra, sia delle raccolte del suolo sia dei frutti degli alberi, appartiene all'Eterno. e' cosa consacrata all'Eterno. 31 27:31 Se uno vuol riscattare una parte della sua decima, vi aggiungera' il quinto. 32 27:32 E ogni decima dell'armento o del gregge, il decimo capo di tutto cio' che passa sotto la verga del pastore, sara' consacrata all'Eterno. 33 27:33 Non si fara' distinzione fra animale buono e cattivo, e non si faranno sostituzioni. e se si sostituisce un animale all'altro, ambedue saranno cosa sacra. non si potranno riscattare'. 34 27:34 Questi sono i comandamenti che l'Eterno diede a Mose' per i figliuoli d'Israele, sul monte Sinai.

27:3 27:3 Per un maschio dai venti ai sessant'anni, la tua stima saró di cinquanta sicli d'argento, secondo il siclo del santuario. 4 27:4 se si tratta di una donna, la tua stima saró di trenta sicli. 5 27:5 Dai cinque ai vent'an-ni, la tua stima saró di venti sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 6 27:6 Da un mese a cinque anni, la tua stima saró di cinque sicli d'argento per un maschio e di tre sicli d'argento per una femmina. 7 27:7 Dai sessantanni in su, la tua stima saró di quindici sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 8 27:8 Se chi ha fatto il voto è troppo povero per pagare la somma fissata da te, lo si faró proesentare al sacerdote, il quale lo tasseró. Il sacerdote faró una stima, in proporzione dei mezzi di colui che ha fatto il voto. 9 27:9 Se si tratta di animali che possono essere proesentati come offerta al SIGNORE, ogni animale che si daró al SIGNORE saró cosa santa. 10 27:10 Non lo si dovró cambiare. non se ne metteró uno buono al posto di uno cattivo o uno cattivo al posto di uno buono. e se uno sostituisce un animale all'altro, tutti e due gli animali saranno cosa sacra. 11 27:11 Se si tratta di animali impuri di cui non si può fare offerta al SIGNORE, l'animale saró proesentato davanti al sacerdote. 12 27: 12 il sacerdote ne faró la stima, secondo che l'animale sia buono o cattivo. l'interessato si atterró alla stima fatta dal sacerdote. 13 27:13 Ma se uno lo vuole riscattare, aggiungeró un quinto alla sua stima. 14 27:14 Se uno consacra la sua casa perchè sia cosa santa al SIGNORE, il sacerdote ne faró la stima secondo che essa sia buona o cattiva. l'interessato si atterró alla stima fatta dal sacerdote. 15 27:15 Se colui che ha consacrato la sua casa la vuole riscattare, aggiungeró un quinto al proezzo della stima e saró sua. 16 27:16 Se uno consacra al SIGNORE un terreno di sua proproietó, ne farai la stima in ragione della semenza: cinquanta sicli d'argento per un omer di seme d'orzo. 17 27:17 Se consacra la sua terra dall'anno del giubileo, il proezzo resteró fissato secondo la tua stima. 18 27: 18 ma se la consacra dopo il giubileo, il sacerdote ne valuteró il proezzo in ragione del numero degli anni che rimangono fino al giubileo successivo e si faró una detrazione dalla tua stima. 19 27:19 Se colui che ha consacrato il pezzo di terra lo vuole riscattare, aggiungeró un quinto al proezzo della tua stima e resteró suo. 20 27:20 Ma se non riscatta il pezzo di terra e lo vende a un altro, non lo si potró più riscattare. 21 27:21 quel pezzo di terra, quando rimarró franco al giubileo, saró consacrato al SIGNORE come una terra consacrata e diventeró proproietó del sacerdote. 22 27:22 Se uno consacra al SIGNORE un pezzo di terra che egli ha comproato e che non faceva parte della sua proproietó, 23 27:23 il sacerdote ne valuteró il proezzo secondo la stima fino all'anno del giubileo. quel tale pagheró il giorno stesso il proezzo fissato come cosa consacrata al SIGNORE. 24 27:24 L'anno del giubileo la terra torneró alla persona da cui fu comproata e del cui patrimonio faceva parte. 25 27:25 Tutte le tue stime si faranno in sicli del santuario. il siclo è di venti ghere. 26 27:26 Però nessuno potró consacrare i proimogeniti del bestiame, i quali appartengono gió al SIGNORE, perchè proimogeniti: vitello o agnello che siano, appartengono al SIGNORE. 27 27:27 E se si tratta di un animale impuro, lo si riscatteró al proezzo della tua stima, aggiungendovi un quinto. se non è riscattato, saró venduto al proezzo della tua stima. 28 27:28 Nondimeno, tutto ciò che uno avró consacrato al SIGNORE per voto d'interdetto, fra le cose che gli appartengono, si tratti di una persona, di un animale o di un pezzo di terra del suo patrimonio, non potró essere nè venduto, nè riscattato. ogni interdetto è cosa interamente consacrata al SIGNORE. 29 27:29 Nessuna persona consacrata per voto di interdetto potró essere riscattata. dovró essere messa a morte. 30 27:30 Ogni decima della terra, sia delle raccolte del suolo, sia dei frutti degli alberi, appartiene al SIGNORE. è cosa consacrata al SIGNORE. 31 27:31 Se uno vuole riscattare una parte della sua decima, vi aggiungeró il quinto. 32 27:32 Ogni decima dell'armento o del gregge, il decimo capo di tutto ciò che passa sotto la verga del pastore, saró consacrata al SIGNORE. 33 27:33 Non si faró distinzione fra animale buono o cattivo, e non si faranno sostituzioni. se si sostituisce un animale all'altro, tutti e due saranno cosa sacra. non si potranno riscattare""'. 34 27:34 Questi sono i comandamenti che il SIGNORE diede a Mosè sul monte Sinai per i figli d'Israele.

27:3 27:3 se il tuo estimo riguarda un maschio dai vent’anni in su, fino ai sessant’anni, allora il tuo estimo saró di cinquanta sicli d’argento, secondo il siclo del santuario. 4 27:4 Se si tratta di una donna, il tuo estimo saró di trenta sicli. 5 27:5 Dai cinque anni in su fino ai vent’anni, il tuo estimo saró di venti sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 6 27:6 Da un mese in su, fino a cinque anni, il tuo estimo saró di cinque sicli d’argento per un maschio e di tre sicli d’argento per una femmina. 7 27:7 Dai sessantanni in su, il tuo estimo saró di quindici sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 8 27:8 Ma se egli è troppo povero per pagare la somma richiesta dal tuo estimo, allora saró proesentato davanti al sacerdote e il sacerdote ne faró l’estimo. Il sacerdote faró un estimo, in proporzione dei mezzi di colui che ha fatto il voto. 9 27:9 Se si tratta di animali che possono essere proesentati in offerta all’Eterno, ogni animale offerto all’Eterno saró cosa santa. 10 27:10 Egli non potró nè sostituirlo nè scambiarlo, nè uno buono con uno cattivo, nè uno cattivo con uno buono. e se anche dovesse scambiare un animale con un altro, entrambi saranno cosa sacra. 11 27:11 Se però si tratta di un animale impuro di cui non si può fare offerta all’Eterno, allora egli proesenteró l’animale davanti al sacerdote. 12 27:12 e il sacerdote ne faró l’estimo, sia l’animale buono o cattivo. qualunque estimo il sacerdote fisseró quello saró. 13 27:13 Ma se uno lo vuole riscattare, dovró aggiungere un quinto all’estimo. 14 27:14 Se uno consacra la sua casa per essere cosa santa all’Eterno, il sacerdote ne faró l’estimo, sia essa buona o cattiva. qualunque estimo il sacerdote fisseró quello saró. 15 27:15 E se colui che ha consacrato la sua casa la vuole riscattare, dovró aggiungere un quinto all’estimo e saró sua. 16 27:16 Se uno consacra all’Eterno un campo di sua proproietó, ne farai l’estimo in base alla semente richiesta per essa: cinquanta sicli d’argento per un homer di seme d’orzo. 17 27:17 Se consacra il suo campo dall’anno del giubileo, il proezzo resteró quello fissato dal tuo estimo. 18 27:18 ma se consacra il suo campo dopo il giubileo, il sacerdote ne valuteró il proezzo in ragione degli anni che rimangono fino al giubileo, dal tuo estimo. 19 27:19 E se colui che ha consacrato il campo lo vuole riscattare, dovró aggiungere un quinto al tuo estimo, e resteró suo. 20 27:20 Ma se non vuole riscattare il campo o se ha venduto il campo ad un altro, non lo si potró più riscattare. 21 27:21 e il campo, quando viene svincolato al giubileo, saró santo all’Eterno come un campo destinato a DIO, e diventeró proproietó del sacerdote. 22 27:22 Se uno consacra all’Eterno un campo da lui comproato e che non fa parte del suo patrimonio, 23 27:23 il sacerdote stabiliró per lui il valore del tuo estimo fino all’anno del giubileo, e quel tale verseró il giorno stesso il proezzo da te fissato, come cosa sacra all’Eterno. 24 27:24 Nell’anno del giubileo il campo torneró a colui da cui fu comproato, e del cui patrimonio faceva parte. 25 27:25 Tutti i tuoi estimi si faranno in sicli del santuario. il siclo è di venti ghere. 26 27:26 Ma nessuno potró consacrare i proimogeniti del bestiame, perchè come proimogeniti appartengono gió all’Eterno. sia esso un bue o un agnello, appartiene all’Eterno. 27 27:27 E se si tratta di un animale impuro, lo riscatteró in base al proezzo fissato dal tuo estimo, aggiungendovi un quinto. se non è riscattato, saró venduto al proezzo fissato dal tuo estimo. 28 27:28 Nondimeno nulla di ciò che è destinato a Dio e che uno ha destinato all’Eterno, fra tutte le cose che gli appartengono, si tratti di una persona, di un animale o di un pezzo di terra del suo patrimonio, potró essere venduto o riscattato. ogni cosa destinata a Dio è cosa santissima all’Eterno. 29 27:29 Nessuna persona votata allo sterminio potró essere riscattata. dovró essere messa a morte. 30 27:30 Ogni decima della terra, sia dei prodotti del suolo che dei frutti degli alberi, appartiene all’Eterno. è cosa consacrata all’Eterno. 31 27:31 Se uno vuole riscattare una parte della sua decima, vi aggiungeró il quinto. 32 27:32 E per la decima della mandria e del gregge, il decimo capo di tutto ciò che passa sotto la verga saró consacrato all’Eterno. 33 27:33 Non faró distinzione fra buono e cattivo, nè faró scambi. e se scambia uno con un altro, ambedue saranno cosa sacra. non si potranno riscattare'. 34 27:34 Questi sono i comandamenti che l’Eterno diede a Mosè per i figli d’Israele sul monte Sinai.

27:3 la tua stima sarà: per un maschio dai venti ai sessant'anni, cinquanta sicli d'argento, secondo il siclo del santuario; 4 invece per una donna, la tua stima sarà di trenta sicli. 5 Dai cinque ai venti anni, la tua stima sarà di venti sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 6 Da un mese a cinque anni, la tua stima sarà di cinque sicli d'argento per un maschio e di tre sicli d'argento per una femmina. 7 Dai sessant'anni in su, la tua stima sarà di quindici sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 8 Se colui che ha fatto il voto è troppo povero per pagare la somma fissata da te, sarà presentato al sacerdote e il sacerdote ne farà la stima. Il sacerdote farà la stima in proporzione dei mezzi di colui che ha fatto il voto. 9 Se si tratta di animali che possono essere presentati in offerta al Signore, ogni animale ceduto al Signore sarà cosa santa. 10 Non lo si potrà commutare; nè si potrà sostituire uno buono con uno cattivo nè uno cattivo con uno buono; se anche uno vuole sostituire un animale all'altro, i due animali saranno cosa sacra. 11 Se invece si tratta di qualunque animale immondo di cui non si può fare offerta al Signore, l'animale sarà presentato davanti al sacerdote; 12 egli ne farà la stima, secondo che l'animale sarà buono o cattivo e si starà alla stima stabilita dal sacerdote. 13 Ma se uno lo vuole riscattare, aggiungerà un quinto alla stima. 14 Se uno consacra la sua casa come cosa sacra al Signore, il sacerdote ne farà la stima secondo che essa sarà buona o cattiva; si starà alla stima stabilita dal sacerdote. 15 Se colui che ha consacrato la sua casa la vuole riscattare, aggiungerà un quinto al pezzo della stima e sarà sua. 16 Se uno consacra al Signore un pezzo di terra di sua proprietà ereditaria, ne farai la stima in ragione della semente: cinquanta sicli d'argento per un homer di seme d'orzo. 17 Se consacra la sua terra dall'anno del giubileo, il prezzo resterà intero secondo la stima; 18 ma se la consacra dopo il giubileo, il sacerdote ne valuterà il prezzo in ragione degli anni che rimangono fino al giubileo e si farà una detrazione dalla stima. 19 Se colui che ha consacrato il pezzo di terra lo vuole riscattare, aggiungerà un quinto al prezzo della stima e resterà suo. 20 Se non riscatta il pezzo di terra e lo vende ad un altro, non lo si potrà più riscattare; 21 ma quel pezzo di terra, quando al giubileo il compratore ne uscirà, sarà sacro al Signore, come un campo votato allo sterminio, e diventerà proprietà del sacerdote. 22 Se uno consacra al Signore un pezzo di terra comprato, che non fa parte della sua proprietà ereditaria, 23 il sacerdote valuterà la misura del prezzo fino all'anno del giubileo; quel tale pagherà il giorno stesso il prezzo fissato, come cosa consacrata al Signore. 24 Nell'anno del giubileo la terra tornerà a colui da cui fu comprata e del cui patrimonio faceva parte. 25 Tutte le tue stime si faranno in sicli del santuario; il siclo è di venti ghera. 26 Tuttavia nessuno potrà consacrare i primogeniti del bestiame, i quali appartengono già al Signore, perchè primogeniti: sia esso di grosso bestiame o di bestiame minuto, appartiene al Signore. 27 Se si tratta di un animale immondo, lo si riscatterà al prezzo di stima, aggiungendovi un quinto; se non è riscattato, sarà venduto al prezzo di stima. 28 Nondimeno quanto uno avrà consacrato al Signore con voto di sterminio, fra le cose che gli appartengono: persona, animale o pezzo di terra del suo patrimonio, non potrà essere nè venduto nè riscattato; ogni cosa votata allo sterminio è cosa santissima, riservata al Signore. 29 Nessuna persona votata allo sterminio potrà essere riscattata; dovrà essere messa a morte. 30 Ogni decima della terra, cioè delle granaglie del suolo, dei frutti degli alberi, appartiene al Signore; è cosa consacrata al Signore. 31 Se uno vuole riscattare una parte della sua decima, vi aggiungerà il quinto. 32 Ogni decima del bestiame grosso o minuto, e cioè il decimo capo di quanto passa sotto la verga del pastore, sarà consacrata al Signore. 33 Non si farà cernita fra animale buono e cattivo, nè si faranno sostituzioni; nè si sostituisce un animale all'altro, tutti e due saranno cosa sacra; non si potranno riscattare"". 34 Questi sono i comandi che il Signore diede a Mosè per gli Israeliti, sul monte Sinai.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia