Cronologia dei paragrafi

I banchetti
Il vino

I banchetti(sir 31,12-24)

31:12 Sei seduto davanti a una tavola sontuosa? Non spalancare verso di essa la tua bocca e non dire: "Che abbondanza qua sopra!". 13 Ricòrdati che è un male l'occhio cattivo. Che cosa è stato creato peggiore dell'occhio? Per questo esso lacrima davanti a tutti. 14 Non tendere la mano dove un altro volge lo sguardo e non precipitarti sul piatto insieme con lui. 15 A partire da te intendi i desideri del tuo prossimo e su ogni cosa rifletti. 16 Mangia da uomo frugale ciò che ti è posto dinanzi, non masticare con voracità per non renderti odioso. 17 Sii il primo a smettere per educazione, non essere ingordo per non incorrere nel disprezzo. 18 Se siedi tra molti invitati, non essere il primo a tendere la mano. 19 Per un uomo educato il poco è sufficiente; quando si corica non respira con affanno. 20 Il sonno è salubre se lo stomaco è regolato, al mattino ci si alza e si è padroni di sè. Il tormento dell'insonnia e della nausea e la colica accompagnano l'uomo ingordo. 21 Se sei stato forzato a eccedere nei cibi, àlzati, va' a vomitare e ti sentirai sollevato. 22 Ascoltami, figlio, e non disprezzarmi, alla fine troverai vere le mie parole. In tutte le tue opere sii diligente e nessuna malattia ti coglierà. 23 Molti lodano chi è sontuoso nei banchetti, e la testimonianza della sua munificenza è degna di fede. 24 La città mormora di chi è tirchio nel banchetto, e la testimonianza della sua avarizia è esatta.

31:12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

31:12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

31:12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

31:12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

31:12 Hai davanti una tavola sontuosa? Non spalancare verso di essa la tua bocca e non dire: ""Che abbondanza qua sopra"". 13 Ricòrdati che l'occhio cattivo è un male. Che cosa è stato creato peggiore dell'occhio? Per questo esso lacrima in ogni circostanza. 14 Dove guarda l'ospite, non stendere la mano; non intingere nel piatto insieme con lui. 15 Giudica le esigenze del prossimo dalle tue; e su ogni cosa rifletti. 16 Mangia da uomo ciò che ti è posto innanzi; non masticare con voracità per non renderti odioso. 17 Sii il primo a smettere per educazione, non essere ingordo per non incorrere nel disprezzo. 18 Se siedi tra molti invitati, non essere il primo a stendere la mano. 19 Quanto poco è sufficiente per un uomo educato, una volta a letto non si sente soffocato. 20 Sonno salubre con uno stomaco ben regolato, al mattino si alza e il suo spirito è libero. Travaglio di insonnia, coliche e vomiti accompagnano l'uomo ingordo. 21 Se sei stato forzato a eccedere nei cibi, àlzati, va' a vomitare e sarai sollevato. 22 Ascoltami, figlio, e non disprezzarmi, alla fine troverai vere le mie parole. In tutte le azioni sii moderato e nessuna malattia ti coglierà. 23 Molte labbra loderanno chi è splendido nei banchetti, e vera è la testimonianza della sua munificenza. 24 La città mormora di chi è tirchio nei banchetti; ed esatta è la testimonianza della sua avarizia.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia