Cronologia dei paragrafi

Saggezza e follia
amicizia
Vigilanza
I giuramenti
Le parole impure
La donna adultera
Discorso della sapienza
La sapienza e la legge
Proverbi
I vecchi
Proverbio numerico
Le donne
Il commercio
La parola
La giustizia
I segreti
Ipocrisia
Il rancore
Le liti
La lingua
Il prestito
elemosina
Le cauzioni
ospitalitŕ
educazione
La salute
La gioia
Le ricchezze
I banchetti
Il vino

Saggezza e follia(sir 22,7-18)

22:7 I figli che hanno di che vivere con una vita onesta fanno dimenticare l'umile origine dei loro genitori. 8 I figli che millantano superbia e cattiva educazione disonorano la nobiltà delle loro famiglie. 9 Chi ammaestra uno stolto è come uno che incolla cocci, che sveglia un dormiglione da un sonno profondo. 10 Parlare a uno stolto è parlare a chi ha sonno; alla fine dirà: "Cosa c'è?". 11 Piangi per un morto perchè ha perduto la luce, piangi per uno stolto perchè ha perduto il senno. Piangi meno per un morto perchè ora riposa, ma la vita dello stolto è peggiore della morte. 12 Il lutto per un morto dura sette giorni, per uno stolto ed empio tutti i giorni della sua vita. 13 14 15 Sabbia, sale e massa di ferro si portano meglio che un insensato. 16 Una travatura di legno ben connessa in una casa non viene scompaginata per un terremoto, così un cuore consolidato da matura riflessione non si scoraggia nel momento critico. 17 Un cuore sorretto da sagge riflessioni è come un bel fregio su parete levigata. 18 Ciottoli posti su un'altura di fronte al vento non resistono, così un cuore meschino, basato su stolti pensieri, non regge di fronte a un qualsiasi timore.

22:7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

22:7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

22:7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

22:7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

22:7 8 9 (22,7) Incolla cocci chi ammaestra uno stolto, sveglia un dormiglione dal sonno profondo. 10 (22,8) Ragiona con un insonnolito chi ragiona con lo stolto; alla fine egli dirà: ""Che cosa c'è?"". 11 (22,9) Piangi per un morto, poichè ha perduto la luce; piangi per uno stolto, poichè ha perduto il senno. 12 (22,10) Piangi meno tristemente per un morto, chè ora riposa, ma la vita dello stolto è peggiore della morte. 13 (22,11) Il lutto per un morto, sette giorni; per uno stolto ed empio tutti i giorni della sua vita. 14 (22,13) guàrdati da lui, per non avere noie e per non contaminarti al suo contatto. Allontànati da lui e troverai pace, non sarai seccato dalla sua insipienza. 15 Sabbia, sale, palla di ferro sono più facili a portare che un insensato. 16 Una travatura di legno ben connessa in una casa non si scompagina in un terremoto, così un cuore deciso dopo matura riflessione non verrà meno al momento del pericolo. 17 Un cuore basato su sagge riflessioni è come un intonaco su un muro rifinito. 18 Una palizzata posta su un'altura di fronte al vento non resiste, così un cuore meschino, basato sulle sue fantasie, di fronte a qualsiasi timore non resiste.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia