Cronologia dei paragrafi

Parole maldestre
La menzogna
Sulla sapienza
Peccati diversi
Il saggio e lo stolto
Il pigro
I figli degeneri
Saggezza e follia
amicizia
Vigilanza
I giuramenti
Le parole impure
La donna adultera
Discorso della sapienza
La sapienza e la legge
Proverbi
I vecchi
Proverbio numerico
Le donne
Il commercio
La parola
La giustizia
I segreti
Ipocrisia
Il rancore
Le liti
La lingua
Il prestito
elemosina
Le cauzioni
ospitalitŕ
educazione
La salute
La gioia
Le ricchezze
I banchetti
Il vino

Parole maldestre(sir 20,18-23)

20:18 Meglio inciampare sul pavimento che con la lingua; è così che la caduta dei cattivi giunge rapida. 19 Un discorso inopportuno è come un racconto inopportuno: è sempre sulla bocca dei maleducati. 20 Non si accetta un proverbio dalla bocca dello stolto, perchè non lo dice mai a proposito. 21 C'è chi è trattenuto dal peccare a causa della miseria e quando riposa non avrà rimorsi. 22 C'è chi si rovina per rispetto umano e di fronte a uno stolto si dà perduto. 23 C'è chi per rispetto umano fa promesse a un amico, e in tal modo gratuitamente se lo rende nemico.

20:18 19 20 21 22 23

20:18 19 20 21 22 23

20:18 19 20 21 22 23

20:18 19 20 21 22 23

20:18 Meglio scivolare sul pavimento che con la lingua; per questo la caduta dei cattivi giunge rapida. 19 Un uomo senza grazia è un discorso inopportuno: è sempre sulla bocca dei maleducati. 20 Non si accetta una massima dalla bocca dello stolto, perchè non è mai detta a proposito. 21 C'è chi è impedito di peccare dalla miseria e durante il riposo non avrà rimorsi. 22 C'è chi si rovina per rispetto umano e si rovina per la faccia di uno stolto. 23 C'è chi per rispetto umano fa promesse a un amico; in tal modo se lo rende gratuitamente nemico.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia