Cronologia dei paragrafi

Rapporti con gli uomini
Il governo
Contro orgoglio
Gli uomini degni di onore
Umilt e verit
Non fidarsi delle apparenze
Riflessione e lentezza
Fiducia in Dio solo
Diffidare del cattivo
I benefici
Veri e falsi amici
Frequentare i propri uguali
La vera felicit
Invidia e avarizia
Felicit del saggio
La libert umana
Maledizione degli empi
La ricompensa certa
uomo nella creazione
Il giudice divino
Invito alla penitenza
Grandezza di Dio
uomo un nulla
Il modo di fare
Riflessione e previsione
Dominio di s
Contro le chiacchiere
Verificare le dicerie
Vera e falsa sapienza
Silenzio e parola
Paradossi
Parole maldestre
La menzogna
Sulla sapienza
Peccati diversi
Il saggio e lo stolto
Il pigro
I figli degeneri
Saggezza e follia
amicizia
Vigilanza
I giuramenti
Le parole impure
La donna adultera
Discorso della sapienza
La sapienza e la legge
Proverbi
I vecchi
Proverbio numerico
Le donne
Il commercio
La parola
La giustizia
I segreti
Ipocrisia
Il rancore
Le liti
La lingua
Il prestito
elemosina
Le cauzioni
ospitalit
educazione
La salute
La gioia
Le ricchezze
I banchetti
Il vino

Rapporti con gli uomini(sir 9,10-18)

9:10 Non abbandonare un vecchio amico, perchè quello nuovo non è uguale a lui. Vino nuovo, amico nuovo: quando sarà invecchiato, lo berrai con piacere. 11 Non invidiare il successo di un peccatore, perchè non sai quale sarà la sua fine. 12 Non compiacerti del benessere degli empi, ricòrdati che non rimarranno impuniti fino alla morte. 13 Stai lontano dall'uomo che ha il potere di uccidere e non sperimenterai il timore della morte. Se l'avvicini, stai attento a non sbagliare, perchè egli non ti tolga la vita; sappi che cammini in mezzo ai lacci e ti muovi sui bastioni della città. 14 Per quanto puoi, mantieni buoni rapporti con i vicini, ma consìgliati solo con i saggi. 15 Conversa con uomini assennati e ogni tuo colloquio sia sulle leggi dell'Altissimo. 16 Tuoi commensali siano gli uomini giusti, il tuo vanto sia nel timore del Signore. 17 Per la mano degli artigiani l'opera merita lode, ma il capo del popolo è saggio per il parlare. 18 Un uomo chiacchierone è temuto nella sua città, chi non sa controllare le parole è detestato.

9:10 11 12 13 14 15 16 17 18

9:10 11 12 13 14 15 16 17 18

9:10 11 12 13 14 15 16 17 18

9:10 11 12 13 14 15 16 17 18

9:10 Non abbandonare un vecchio amico, perchè quello recente non è uguale a lui. Vino nuovo, amico nuovo; quando sarà invecchiato, lo berrai con piacere. 11 Non invidiare la gloria del peccatore, perchè non sai quale sarà la sua fine. 12 Non compiacerti del benessere degli empi, ricòrdati che non giungeranno agli inferi impuniti. 13 Tieniti lontano dall'uomo che ha il potere di uccidere e non sperimenterai il timore della morte. Se l'avvicini, sta' attento a non sbagliare perchè egli non ti tolga la vita; sappi che cammini in mezzo ai lacci e ti muovi sull'orlo delle mura cittadine. 14 Rispondi come puoi al prossimo e consìgliati con i saggi. 15 Conversa con uomini assennati e ogni tuo colloquio sia sulle leggi dell'Altissimo. 16 Tuoi commensali siano gli uomini giusti, il tuo vanto sia nel timore del Signore. 17 Un lavoro per mano di esperti viene lodato, ma il capo del popolo è saggio per il parlare. 18 Un uomo linguacciuto è il terrore della sua città, chi non sa controllar le parole sarà detestato.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia