Cronologia dei paragrafi

A. L'anno sabbatico
B. L'anno del giubileo
Garanzia divina per l'anno sabbatico
Riscatto delle proprietà
Riscatto delle persone
Riassunto. Conclusione
Benedizioni
Maledizioni
A. Persone
B. Animali
C. Case
D. Campi
a) primogeniti
b) voto di sterminio
c) decime

A. L'anno sabbatico (lev 25,1-7)

25:1 Il Signore parlò a Mosè sul monte Sinai e disse: 2 "Parla agli Israeliti dicendo loro: "Quando entrerete nella terra che io vi do, la terra farà il riposo del sabato in onore del Signore: 3 per sei anni seminerai il tuo campo e poterai la tua vigna e ne raccoglierai i frutti; 4 ma il settimo anno sarà come sabato, un riposo assoluto per la terra, un sabato in onore del Signore. Non seminerai il tuo campo, non poterai la tua vigna. 5 Non mieterai quello che nascerà spontaneamente dopo la tua mietitura e non vendemmierai l'uva della vigna che non avrai potata; sarà un anno di completo riposo per la terra. 6 Ciò che la terra produrrà durante il suo riposo servirà di nutrimento a te, al tuo schiavo, alla tua schiava, al tuo bracciante e all'ospite che si troverà presso di te; 7 anche al tuo bestiame e agli animali che sono nella tua terra servirà di nutrimento quanto essa produrrà.

25:1 25:1 IL Signore parlo' ancora a Mose' nel monte di Sinai, dicendo: 2 25:2 Parla a' figliuoli d'Israele, e di' loro: Quando voi sarete entrati nel paese che io vi do, abbia la terra i suoi riposi, per maniera di Sabato al Signore. 3 25:3 Semina il tuo campo sei anni continui, e pota la tua vigna altresi' sei anni continui, e ricogli la sua rendita. 4 25:4 Ma l'anno settimo siavi riposo di Sabato per la terra. siavi Sabato al Signore. non seminare in esso il tuo campo, e non potar la tua vigna. 5 25:5 Non mietere cio' che sara' nato da se' stesso da' granelli caduti nella tua ricolta. e non vendemmiar le uve della vigna che tu non avrai potata. sia quell'anno anno di riposo per la terra. 6 25:6 E cio' che sara' prodotto nell'anno del Sabato della terra sara' per mangiarlo, a te, e al tuo servo, e alla tua serva, e al tuo mercenario, e al tuo avveniticcio, i quali dimoreranno approesso di te, e alle tue bestie domestiche, 7 25:7 e alle fiere che saranno nel tuo paese. sia tutta la rendita di quell'anno per mangiare.

25:1 25:1 L'Eterno parlo' ancora a Mose' sul monte Sinai, dicendo: 2 25:2 'Parla ai figliuoli d'Israele e di' loro: Quando sarete entrati nel paese che 10 vi do, la terra dovra' avere 11 suo tempo di riposo consacrato all'Eterno. 3 25:3 Per sei anni seminerai il tuo campo, per sei anni poterai la tua vigna e ne raccoglierai i frutti. 4 25:4 ma il settimo anno sara' un sabato, un riposo completo per la terra, un sabato in onore dell'Eterno. non seminerai il tuo campo, nè poterai la tua vigna. 5 25:5 Non mieterai quello che nascera' da sè dal seme caduto nella tua raccolta proecedente, e non vendemmierai l'uva della vigna che non avrai potata. sara' un anno di completo riposo per la terra. 6 25:6 Cio' che la terra produrra' durante il suo riposo, servira' di nutrimento a te, al tuo servo, alla tua serva, al tuo operaio e al tuo forestiero che stanno da te, 7 25:7 al tuo bestiame e agli animali che sono nel tuo paese. tutto il suo prodotto servira' loro di nutrimento.

25:1 25:1 Il SIGNORE parlò ancora a Mosè sul monte Sinai, e gli disse: 2 25:2 'Dirai cosò ai figli d'Israele: ""Quando sarete entrati nel paese che io vi do, la terra dovró avere il suo tempo di riposo consacrato al SIGNORE. 3 25:3 Per sei anni seminerai il tuo campo, per sei anni poterai la tua vigna e ne raccoglierai i frutti. 4 25:4 ma il settimo anno saró un sabato, un riposo completo per la terra, un sabato in onore del SIGNORE. non seminerai il tuo campo, nè poterai la tua vigna. 5 25:5 Non mieterai quello che nasceró da sè dal seme caduto nella tua raccolta proecedente e non vendemmierai l'uva della vigna che non avrai potata. saró un anno di completo riposo per la terra. 6 25:6 Ciò che la terra produrró durante il suo riposo, serviró di nutrimento a te, al tuo servo, alla tua serva, all'operaio e al tuo forestiero che stanno da te, 7 25:7 al tuo bestiame e agli animali che sono nel tuo paese. tutto il suo prodotto serviró per loro nutrimento.

25:1 25:1 L’Eterno parlò ancora a Mosè sul monte Sinai, dicendo: 2 25:2 ’Parla ai figli d’Israele e dì loro: Quando entrerete nel paese che io vi do, la terra osserveró un sabato di riposo per l’Eterno. 3 25:3 Per sei anni seminerai il tuo campo, per sei anni poterai la tua vigna e ne raccoglierai i frutti. 4 25:4 ma il settimo anno saró un sabato di riposo per la terra, un sabato in onore dell’Eterno. non seminerai il tuo campo nè poterai la tua vigna. 5 25:5 Non mieterai ciò che cresce spontaneamente del tuo raccolto e non vendemmierai l’uva della vigna che non hai potata. saró un anno di riposo per la terra. 6 25:6 Ciò che la terra produrró durante il suo riposo serviró di nutrimento: a te, al tuo servo, alla tua serva, al tuo operaio e al forestiero, a coloro cioè che risiedono con te, 7 25:7 al tuo bestiame e agli animali che sono nel tuo paese. tutto il suo prodotto serviró loro di nutrimento.

25:1 Il Signore disse ancora a Mosè sul monte Sinai: 2 ""Parla agli Israeliti e riferisci loro: Quando entrerete nel paese che io vi do, la terra dovrà avere il suo sabato consacrato al Signore. 3 Per sei anni seminerai il tuo campo e poterai la tua vigna e ne raccoglierai i frutti; 4 ma il settimo anno sarà come sabato, un riposo assoluto per la terra, un sabato in onore del Signore; non seminerai il tuo campo e non poterai la tua vigna. 5 Non mieterai quello che nascerà spontaneamente dal seme caduto nella tua mietitura precedente e non vendemmierai l'uva della vigna che non avrai potata; sarà un anno di completo riposo per la terra. 6 Ciò che la terra produrrà durante il suo riposo servirà di nutrimento a te, al tuo schiavo, alla tua schiava, al tuo bracciante e al forestiero che è presso di te; 7 anche al tuo bestiame e agli animali che sono nel tuo paese servirà di nutrimento quanto essa produrrà.

Mappa

Commento di un santo

Allora comprendiamo adesso come la Legge ci educa alla pietà, al dividere, alla giustizia e all'umanità? Ebbene? Non ode essa del fatto che la terra resti incolta durante il settimo anno ed invita i poveri a non aver timore di usare ogni raccolto che cresce per grazia di Dio, con la natura che funge da contadino per tutti quelli che vorranno (cf. Es 23, 10)?

Autore

Clemente Alessandrino
A mio parere coloro che rinnegano la fede cristiana con giuramenti in tribuunale, o prima di essere sottoposti a processo, non venerano ma si prostrano soltanto di fronte agli idoli, quando prendono la parola di ''Dio>> dal nome del Signore Dio e la applicano a vane statue lignee prive di vita. Così il popolo che si corruppe con le figli di Moab si inchinò agli idoli ma non li venerò. In verità è scritto nel testo: Esse li invitarono ai sacrifici dei loro idoli, ed il popolo mangiò i loro sacrifici, ed essi si inchinarono ai loro idoli e compirono i riti per BaalPeor. Osserva che il testo non dice: Ed essi venerarono i loro idoli; Infatti non era possibile, dopo tanti grandi prodigi e segni, essere persuasi in un momento dalle donne con cui fornicavano a considerare dei gli idoli.

Autore

Origene

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-17°sabato dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(mat 14,1-12)}; (Lev 25,1-1.25,8-17)}; (sal 67,2-3.67,5-5.67,7-8)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia