Cronologia dei paragrafi

La sposa
Il coro
Lo sposo
Duetto
La sposa
Lo sposo
Il poeta
Lo sposo
La sposa
Lo sposo
La sposa
Il coro
La sposa
Il coro
La sposa
Lo sposo
Il coro
Lo sposo
La sposa
Lo sposo
Epilogo
La sposa
Due epigrammi
Ultime aggiunte

La sposa(cc 1,5-7)

1:5 Bruna sono ma bella, o figlie di Gerusalemme, come le tende di Kedar, come le cortine di Salomone. 6 Non state a guardare se sono bruna, perchè il sole mi ha abbronzato. I figli di mia madre si sono sdegnati con me: mi hanno messo a guardia delle vigne; la mia vigna, la mia, non l'ho custodita. 7 Dimmi, o amore dell'anima mia, dove vai a pascolare le greggi, dove le fai riposare al meriggio, perchè io non debba vagare dietro le greggi dei tuoi compagni?

1:5 1:5 O figliuole di Gerusalemme, io son bruna, ma bella. Come le tende di Chedar, come i padiglioni di Salomone. 6 1:6 Non riguardate che io son bruna. Perciocche' il sole mi ha tocca co' suoi raggi. I figliuoli di mia madre si sono adirati contro a me. Mi hanno posta guardiana delle vigne. Io non ho guardata la mia vigna, che e' mia. 7 1:7 O tu, il qual l'anima mia ama, dichiarami Ove tu pasturi la greggia, Ed ove tu la fai posare in sul mezzodi'. Perciocche', perche' sarei io come una donna velata proesso alle mandre de' tuoi compagni?

1:5 1:5 Io son nera ma son bella, o figliuole di Gerusalemme, come le tende di Chedar, come i padiglioni di Salomone. 6 1:6 Non guardate se son nera. e' il sole che m'ha bruciata. i figliuoli di mia madre si sono adirati contro di me. m'hanno fatta guardiana delle vigne, ma io, la mia vigna, non l'ho guardata. 7 1:7 O tu che il mio cuore ama, dimmi dove meni a pascere il tuo gregge, e dove lo fai riposare sul mezzogiorno. Poichè, perchè sarei io come una donna sperduta, proesso i greggi de' tuoi compagni?

1:5 1:5 Sono scura ma bella, o figlie di Gerusalemme, come le tende di Chedar, come i padiglioni di Salomone. 6 1:6 Non guardate se sono scura. è il sole che mi ha abbronzata. i figli di mia madre si sono adirati contro di me. mi hanno fatta guardiana delle vigne, ma io, la mia vigna, non l'ho custodita. 7 1:7 O tu che il mio cuore ama, dimmi dove conduci a pascolare il tuo gregge, e dove lo fai riposare sul mezzogiorno. Infatti, perchè sarei io come una donna sperduta, proesso le greggi dei tuoi compagni?

1:5 1:5 Io sono nera ma bella, o figlie di Gerusalemme, come le tende di Kedar, come le cortine di Salomone. 6 1:6 Non guardate se son nera, perchè il sole mi ha abbronzata. I figli di mia madre si sono adirati con me. mi hanno posto a guardia delle vigne, ma la mia proproia vigna non l’ho custodita. 7 1:7 Dimmi, o tu che il mio cuore ama, dove pascoli il gregge e dove lo fai riposare a mezzogiorno. Perchè mai dovrei io essere come una donna velata proesso le greggi dei tuoi compagni?

1:5 Attirami dietro a te, corriamo! M'introduca il re nelle sue stanze: gioiremo e ci rallegreremo per te, ricorderemo le tue tenerezze più del vino. A ragione ti amano! 6 Bruna sono ma bella, o figlie di Gerusalemme, come le tende di Kedar, come i padiglioni di Salma. 7 Non state a guardare che sono bruna, poichè mi ha abbronzato il sole. I figli di mia madre si sono sdegnati con me: mi hanno messo a guardia delle vigne; la mia vigna, la mia, non l'ho custodita.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia