Cronologia dei paragrafi

Il giorno della espiazione
Immolazioni e sacrifici
Proibizioni sessuali
Prescrizioni morali e cultuali
A. I sacerdoti
B. Il sommo sacerdote
C. Impedimenti al sacerdozio
A. I sacerdoti
B. I laici
C. Gli animali sacrificati
D. Esortazione finale
Il rituale delle feste dell'anno
A. Il sabato
B. La pasqua e gli azzimi
C. Il primo covone
D. La festa delle settimane
E. Il primo giorno del settimo mese
F. Il giorno delle espiazioni
G. La festa delle capanne
Conclusione
Ripresa sulla festa delle capanne
A. La lampada perenne
B. Focacce sulla tavola d'oro
Bestemmiatore e legge del taglione
A. L'anno sabbatico
B. L'anno del giubileo
Garanzia divina per l'anno sabbatico
Riscatto delle proprietà
Riscatto delle persone
Riassunto. Conclusione
Benedizioni
Maledizioni
A. Persone
B. Animali
C. Case
D. Campi
a) primogeniti
b) voto di sterminio
c) decime

Il giorno della espiazione (lev 16,1-34)

16:1 Il Signore parlò a Mosè dopo che i due figli di Aronne erano morti mentre si presentavano davanti al Signore. 2 Il Signore disse a Mosè: "Parla ad Aronne, tuo fratello: non entri in qualunque tempo nel santuario, oltre il velo, davanti al propiziatorio che sta sull'arca, affinchè non muoia, quando io apparirò in mezzo alla nube sul propiziatorio. 3 Aronne entrerà nel santuario in questo modo: con un giovenco per il sacrificio per il peccato e un ariete per l'olocausto. 4 Si metterà la tunica sacra di lino, indosserà sul corpo i calzoni di lino, si cingerà della cintura di lino e si metterà in capo il turbante di lino. Sono queste le vesti sacre, che indosserà dopo essersi lavato il corpo con l'acqua. 5 Dalla comunità degli Israeliti prenderà due capri per il sacrificio per il peccato e un ariete per l'olocausto. 6 Aronne offrirà il proprio giovenco del sacrificio per il peccato e compirà il rito espiatorio per sè e per la sua casa. 7 Poi prenderà i due capri e li farà stare davanti al Signore all'ingresso della tenda del convegno 8 e getterà le sorti sui due capri: un capro destinato al Signore e l'altro ad Azazèl. 9 Aronne farà quindi avvicinare il capro che è toccato in sorte al Signore e l'offrirà in sacrificio per il peccato; 10 invece il capro che è toccato in sorte ad Azazèl sarà posto vivo davanti al Signore, perchè si compia il rito espiatorio su di esso e sia mandato poi ad Azazèl nel deserto. 11 Aronne offrirà il proprio giovenco del sacrificio per il peccato e compirà il rito espiatorio per sè e per la sua casa, e scannerà il proprio giovenco del sacrificio per il peccato. 12 Poi prenderà l'incensiere pieno di brace, tolta dall'altare davanti al Signore, e due manciate d'incenso aromatico fine; porterà ogni cosa oltre il velo. 13 Metterà l'incenso sul fuoco davanti al Signore, e la nube d'incenso coprirà il propiziatorio che sta sulla Testimonianza, affinchè non muoia. 14 Poi prenderà un po' del sangue del giovenco e ne aspergerà con il dito il propiziatorio dal lato orientale e farà sette volte l'aspersione del sangue con il dito, davanti al propiziatorio. 15 Poi scannerà il capro del sacrificio per il peccato, quello per il popolo, e ne porterà il sangue oltre il velo; farà con questo sangue quello che ha fatto con il sangue del giovenco: lo aspergerà sul propiziatorio e davanti al propiziatorio. 16 Così purificherà il santuario dalle impurità degli Israeliti e dalle loro ribellioni, insieme a tutti i loro peccati. Lo stesso farà per la tenda del convegno che si trova fra di loro, in mezzo alle loro impurità. 17 Nessuno dovrà trovarsi nella tenda del convegno, da quando egli entrerà nel santuario per compiere il rito espiatorio fino a quando non sarà uscito e non avrà compiuto il rito espiatorio per sè, per la sua casa e per tutta la comunità d'Israele. 18 Uscito dunque verso l'altare, che è davanti al Signore, lo purificherà, prenderà un po' del sangue del giovenco e del sangue del capro e lo spalmerà sui corni intorno all'altare. 19 Farà per sette volte l'aspersione del sangue con il dito sopra l'altare; così lo purificherà e lo santificherà dalle impurità degli Israeliti. 20 Quando avrà finito di purificare il santuario, la tenda del convegno e l'altare, farà accostare il capro vivo. 21 Aronne poserà entrambe le mani sul capo del capro vivo, confesserà su di esso tutte le colpe degli Israeliti, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati e li riverserà sulla testa del capro; poi, per mano di un uomo incaricato di ciò, lo manderà via nel deserto. 22 Così il capro porterà sopra di sè tutte le loro colpe in una regione remota, ed egli invierà il capro nel deserto. 23 Poi Aronne entrerà nella tenda del convegno, si toglierà le vesti di lino che aveva indossato per entrare nel santuario e le deporrà in quel luogo. 24 Laverà il suo corpo nell'acqua in luogo santo, indosserà le sue vesti e uscirà ad offrire il suo olocausto e l'olocausto del popolo e compirà il rito espiatorio per sè e per il popolo. 25 E farà bruciare sull'altare le parti grasse della vittima del sacrificio per il peccato. 26 Colui che avrà inviato il capro destinato ad Azazèl si laverà le vesti, laverà il suo corpo nell'acqua; dopo, rientrerà nell'accampamento. 27 Farà portare fuori dall'accampamento il giovenco del sacrificio per il peccato e il capro del sacrificio per il peccato, il cui sangue è stato introdotto nel santuario per compiere il rito espiatorio; se ne bruceranno nel fuoco la pelle, la carne e gli escrementi. 28 Colui che li avrà bruciati dovrà lavarsi le vesti e bagnarsi il corpo nell'acqua; dopo, rientrerà nell'accampamento. 29 Questa sarà per voi una legge perenne: nel settimo mese, nel decimo giorno del mese, vi umilierete, vi asterrete da qualsiasi lavoro, sia colui che è nativo del paese sia il forestiero che soggiorna in mezzo a voi, 30 poichè in quel giorno si compirà il rito espiatorio per voi, al fine di purificarvi da tutti i vostri peccati. Sarete purificati davanti al Signore. 31 Sarà per voi un sabato di riposo assoluto e voi vi umilierete; è una legge perenne. 32 Compirà il rito espiatorio il sacerdote che ha ricevuto l'unzione e l'investitura per succedere nel sacerdozio al posto di suo padre; si vestirà delle vesti di lino, delle vesti sacre. 33 Purificherà la parte più santa del santuario, purificherà la tenda del convegno e l'altare; farà l'espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo della comunità. 34 Questa sarà per voi una legge perenne: una volta all'anno si compirà il rito espiatorio in favore degli Israeliti, per tutti i loro peccati". E si fece come il Signore aveva ordinato a Mosè.

16:1 16:1 E IL Signore parlo' a Mose', dopo che i due figliuoli di Aaronne furon morti, quando, essendosi approessati davanti al Signore, morirono. 2 16:2 Il Signore adunque disse a Mose': Parla ad Aa-ronne, tuo fratello, che non entri in ogni tempo nel Santuario, dentro della Cortina, davanti al Coperchio, ch'e' in su l'Arca, acciocche' non muoia. conciossiache' io apparisca nella nuvola, in sul Coperchio. 3 16:3 Entri Aaronne nel Santuario con questo, cioe': con un giovenco per sacrificio per lo peccato, e un montone per olocausto. 4 16:4 vestasi la sacra Tonica di lino. e abbia in su la sua carne le mutande line. e sia cinto con la Cintura di lino. e ravvolgasi intorno al capo la Benda di lino. quelli sono i sacri vestimenti. vestali dunque, dopo essersi lavate le carni con acqua. 5 16:5 E proenda dalla raunan-za de' figliuoli d'Israele, due becchi per sacrificio per lo peccato, e un montone per olocausto. 6 16:6 E offerisca Aaronne il giovenco del sacrificio per lo peccato, ch'e' per lui. e faccia purgamento per se', e per la sua casa. 7 16:7 Approesso, proenda due becchi, e proesentili nel cospetto del Signore, all'entrata del Tabernacolo della convenenza. 8 16:8 E tragga Aaronne le sorti soproa que' due becchi. una sorte per lo Signore, e un'altra per Azazel. 9 16:9 E offerisca Aaronne il becco, soproa il quale sara' caduta la sorte per lo Signore. e sacrifichilo per lo peccato. 10 16:10 Ma il becco, soproa il quale sara' caduta la sorte per Azazel, sia proesentato vivo davanti al Signore, per far purgamento con esso, per mandarlo nel deserto, come per Azazel. 11 16:11 Offerisca adunque Aaronne il giovenco del sacrificio per lo peccato ch'e' per lui, e faccia purgamento per se', e per la sua casa. E dopo ch'egli avra' scannato il giovenco del suo sacrificio per lo peccato, ch'e' per lui. 12 16:12 proenda pieno il turibolo di brace accese d'in su l'Altare, d'innanzi al Signore. e due menate piene del profumo degli aromati polverizzato. e rechilo dentro della Cortina. 13 16:13 E metta il profumo soproa il fuoco, davanti al Signore. e coproa il vapore del profumo il Coperchio, ch'e' soproa la Testimonianza. che talora egli non muoia. 14 16:14 Poi proenda del sangue del giovenco, e sprouzzine col dito la parte anteriore del Coperchio, verso oriente. sprouzzi parimente col dito di quel sangue, sette volte davanti al Coperchio. 15 16:15 Scanni ancora il becco del sacrificio per lo peccato, ch'e' per lo popolo, e portine il sangue dentro della Cortina. e faccia del sangue di esso come avra' fatto del sangue del giovenco. e sprouzzine soproa il Coperchio, e davanti al Coperchio. 16 16:16 E cosi' purifichi il Santuario, purificandolo dell'immondizie dei figliuoli d'Israele, e de' loro misfatti, secondo tutti i lor peccati. faccia ancora il si-migliante al T abernacolo della convenenza, il quale e' stanziato approesso loro, per le loro immondizie. 17 16:17 E non siavi alcun uomo nel Tabernacolo della convenenza, quando esso entrera' nel Santuario, per farvi purgamento, finche' non sia uscito. E, dopo ch'egli avra' fatto il purgamento per se', per la sua casa, e per tutta la raunanza d'Israele. 18 16:18 esca verso l'Altare, ch'e' davanti al Signore, e faccia purgamento per esso. e proenda del sangue del giovenco, e del sangue del becco, e mettalo in su le corna dell'Altare, attorno attorno. 19 16:19 E col dito sprouzzi di quel sangue sette volte soproa l'Altare. e cosi' purifichilo, e santifichilo, dell'im-mondizie de' figliuoli d'Israele. 20 16:20 E, dopo ch'egli avra' compiuto di fare il purgamento del Santuario, e del Tabernacolo della conve-nenza, e dell'Altare, offerisca il becco vivo. 21 16:21 E posi Aaronne le sue due mani soproa il capo del becco vivo, e faccia soproa esso confessione di tutte le iniquita' de' figliuoli d'Israele, e di tutti i misfatti loro, secondo tutti i lor peccati. e metta quelli soproa il capo di quel becco, e mandine/o nel deserto per mano di un uomo apposta. 22 16:22 E quel becco portera' soproa se' tutte le loro iniquita', in terra solitaria. e lascilo co/ui andar per lo deserto. 23 16:23 Approesso entri Aa-ronne nel Tabernacolo della convenenza, e spoglisi i vestimenti lini, i quali egli si avea vestiti entrando nel Santuario. e ripongali quivi. 24 16:24 Poi lavisi le carni con acqua, in luogo santo, e rivesta i suoi vestimenti. poi esca e sacrifichi il suo olocausto, e l'olocausto del popolo. e faccia purgamento per se', e per lo popolo. 25 16:25 E bruci il grasso del sacrificio per /o peccato soproa l'Altare. 26 16:26 E lavi colui che avra' menato via il becco per A-zazel i suoi vestimenti, e le sue carni, con acqua. poi ritorni nel campo. 27 16:27 Ma portisi fuor del campo il giovenco del sacrificio per /o peccato, e il becco de/ sacrificio per /o peccato, il cui sangue sara' stato portato dentro al Santuario, per farvi purgamento. e brucisi la lor pelle, e la lor carne, e il loro sterco, col fuoco. 28 16:28 E lavi colui che li avra' bruciati i suoi vestimenti, e le sue carni, con acqua. e poi vengasene nel campo. 29 16:29 E siavi questo per istatuto perpetuo. Nel settimo mese, nel decimo giorno del mese, affliggete l'a-nime vostre. e non fate lavoro alcuno, ne' colui ch'e' natio del paese, ne' il forestiere che dimora fra voi. 30 16:30 Perciocche' in quel di' si fara' purgamento per voi, per purificarvi. voi sarete purificati di tutti i vostri peccati nel cospetto del Signore. 31 16:31 Siavi quel giorno riposo di Sabato. e affliggete in esso l'anime vostre, per istatuto perpetuo. 32 16:32 E il Sacerdote, che sara' stato unto, e consacrato, per esercitare il sacerdozio, in luogo di suo padre, faccia il purgamento, essendo vestito de' vestimenti lini, de' vestimenti sacri. 33 16:33 E faccia il purgamento per lo santo Santuario, e per lo Tabernacolo della convenenza, e per l'Altare. faccia parimente il purgamento per li sacerdoti, e per tutto il popolo della raunan-za. 34 16:34 E siavi questo per istatuto perpetuo, per far purgamento per i figliuoli d'Israele, di tutti i lor peccati, una volta l'anno. E si fece come il Signore avea comandato a Mose'.

16:1 16:1 L'Eterno parlo' a Mose' dopo la morte dei due figliuoli d'Aaronne, i quali morirono quando si proesentarono davanti all'Eterno. 2 16:2 L'Eterno disse a Mo-se': 'Parla ad Aaronne, tuo fratello, e digli di non entrare in ogni tempo nel santuario, di la' dal velo, davanti al propiziatorio che e' sull'arca, onde non abbia a morire. poichè io appariro' nella nuvola sul propiziatorio. 3 16:3 Aaronne entrera' nel santuario in questo modo: proendera' un giovenco per un sacrifizio per il peccato, e un montone per un olocausto. 4 16:4 Si mettera' la tunica sacra di lino, e portera' sulla carne le brache di lino. si cingera' della cintura di lino, e si porra' in capo la mitra di lino. Questi sono i paramenti sacri. egli l'indossera' dopo essersi lavato il corpo nell'acqua. 5 16:5 Dalla raunanza de' figliuoli d'Israele proendera' due caproi per un sacrifizio per il peccato, e un montone per un olocausto. 6 16:6 Aaronne offrira' il giovenco del sacrifizio per il peccato, che e' per sè, e fara' l'espiazione per sè e per la sua casa. 7 16:7 Poi proendera' i due caproi, e li proesentera' davanti all'Eterno all'ingresso della tenda di convegno. 8 16:8 E Aaronne trarra' le sorti per vedere qual de' due debba essere dell'Eterno e quale di Aza-zel. 9 16:9 E Aaronne fara' accostare il capro ch'e' toccato in sorte all'Eterno, e l'offrira' come sacrifizio per il peccato. 10 16:10 ma il capro ch'e' toccato in sorte ad Azazel sara' posto vivo davanti all'Eterno, perchè serva a fare l'espiazione e per mandarlo poi ad Azazel nel deserto. 11 16:11 Aaronne offrira' dunque il giovenco del sacrifizio per il peccato per sè, e fara' l'espiazione per sè e per la sua casa. e scannera' il giovenco del sacrifizio per il peccato per sè. 12 16:12 Poi proendera' un turibolo pieno di carboni accesi tolti di soproa all'altare davanti all'Eterno, e due manate piene di profumo fragrante polverizzato. e portera' ogni cosa di la' dal velo. 13 16:13 Mettera' il profumo sul fuoco davanti all'Eterno, affinchè il nuvolo del profumo coproa il propiziatorio che e' sulla testimonianza, e non morra'. 14 16:14 Poi proendera' del sangue del giovenco, e ne aspergera' col dito il propiziatorio dal lato d'oriente, e fara' sette volte l'aspersione del sangue col dito, davanti al propiziatorio. 15 16:15 Poi scannera' il capro del sacrifizio per il peccato, che e' per il popolo, e ne portera' il sangue di la' dal velo. e fara' di questo sangue quello che ha fatto del sangue del giovenco: ne fara' l'aspersione sul propiziatorio e davanti al propiziatorio. 16 16:16 Cosi' fara' l'espiazione per il santuario, a motivo delle impurita' dei figliuoli d'Israele, delle loro trasgressioni e di tutti i loro peccati. Lo stesso fara' per la tenda di convegno ch'e' stabilita fra loro, in mezzo alle loro impurita'. 17 16:17 E nella tenda di convegno, quand'egli entrera' nel santuario per farvi l'espiazione, non ci sara' alcuno, finch'egli non sia uscito e non abbia fatto l'espiazione per sè, per la sua casa e per tutta la rau-nanza d'Israele. 18 16:18 Egli uscira' verso l'altare ch'e' davanti all'Eterno, e fara' l'espiazione per esso. proendera' del sangue del giovenco e del sangue del capro, e lo mettera' sui corni dell'altare tutto all'intorno. 19 16:19 E fara' sette volte l'aspersione del sangue col dito, soproa l'altare, e cosi' lo purifichera' e lo santifichera' a motivo delle impurita' dei figliuoli d'Israele. 20 16:20 E quando avra' finito di fare l'espiazione per il santuario, per la tenda di convegno e per l'altare, fara' accostare il capro vivo. 21 16:21 Aaronne posera' ambedue le mani sul capo del capro vivo, confessera' soproa esso tutte le iniquita' dei figliuoli d'Israele, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati, e li mettera' sulla testa del capro. poi, per mano di un uomo incaricato di questo, lo mandera' via nel deserto. 22 16:22 E quel capro portera' su di sè tutte le loro iniquita' in terra solitaria, e sara' lasciato andare nel deserto. 23 16:23 Poi Aaronne entrera' nella tenda di convegno, si spogliera' delle vesti di lino che aveva indossate per entrar nel santuario, e le deporra' quivi. 24 16:24 Si lavera' il corpo nell'acqua in un luogo santo, si mettera' i suoi paramenti, e uscira' ad offrire il suo olocausto e l'olocausto del popolo, e fara' l'espiazione per sè e per il popolo. 25 16:25 E fara' fumare sull'altare il grasso del sacrifizio per il peccato. 26 16:26 Colui che avra' lasciato andare il capro destinato ad Azazel si lavera' le vesti, lavera' il suo corpo nell'acqua, e dopo questo rientrera' nel campo. 27 16:27 E si portera' fuori del campo il giovenco del sacrifizio per il peccato e il capro del sacrifizio per il peccato, il cui sangue sara' stato portato nel santuario per farvi l'espiazione. e se ne bruceranno nel fuoco le pelli, la carne e gli escrementi. 28 16:28 Poi colui che li avra' bruciati si lavera' le vesti e lavera' il suo corpo nell'acqua. dopo questo, rientrera' nel campo. 29 16:29 Questa sara' per voi una legge perpetua: nel settimo mese, il decimo giorno del mese, umilierete le anime vostre, non farete lavoro di sorta, nè colui ch'e' nativo del paese, nè il forestiero che soggiorna fra voi. 30 16:30 Poichè in quel giorno si fara' l'espiazione per voi, affin di purificarvi. voi sarete purificati da tutti i vostri peccati, davanti all'Eterno. 31 16:31 e' per voi un sabato di riposo solenne, e voi umilierete le anime vostre. e' una legge perpetua. 32 16:32 E il sacerdote che ha ricevuto l'unzione ed e' stato consacrato per esercitare il sacerdozio al posto di suo padre, fara' l'espiazione. si vestira' delle vesti di lino, de' paramenti sacri. 33 16:33 E fara' l'espiazione per il santuario sacro. fara' l'espiazione per la tenda di convegno e per l'altare. fara' l'espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo della raunanza. 34 16:34 Questa sara' per voi una legge perpetua, per fare una volta all'anno, per i figliuoli d'Israele, l'espiazione di tutti i loro peccati'. E si fece come l'Eterno aveva ordinato a Mose'.

16:1 16:1 Il SIGNORE parlò a Mosè dopo la morte dei due figli d'Aaronne, i quali morirono quando si proesentarono davanti al SIGNORE. 2 16:2 Il SIGNORE disse a Mosè: 'Parla ad Aaronne, tuo fratello, e digli di non entrare in qualsiasi tempo nel santuario, di ló dalla cortina, davanti al propiziatorio che è sull'arca, affinchè non muoia. poichè io apparirò nella nuvola sul propiziatorio. 3 16:3 Aaronne entreró nel santuario in questo modo: proenderó un toro per un sacrificio per il peccato e un montone per un olocausto. 4 16:4 Indosseró la tunica sacra di lino, indosseró sotto la tunica i calzoni di lino. si metteró la cintura di lino, e si coproiró il capo con il turbante di lino. Questi sono i paramenti sacri. egli li indosseró dopo essersi lavato il corpo nell'acqua. 5 16:5 Dalla comunitó dei figli d'Israele proenderó due caproi per un sacrificio per il peccato e un montone per un olocausto. 6 16:6 Aaronne offriró il suo toro del sacrificio per il peccato e faró l'espiazione per sè e per la sua casa. 7 16:7 Poi proenderó i due caproi e li proesenteró davanti al SIGNORE all'ingresso della tenda di convegno. 8 16:8 Aaronne tireró a sorte per vedere quale dei due debba essere del SIGNORE e quale di Azazel. 9 16:9 Poi Aaronne faró avvicinare il capro che è toccato in sorte al SIGNORE, e l'offriró come sacrificio per il peccato. 10 16:10 ma il capro che è toccato in sorte ad Azazel saró messo vivo davanti al SIGNORE, perchè serva a fare l'espiazione per mandarlo poi ad Azazel nel deserto. 11 16:11 Aaronne offriró dunque il suo toro del sacrificio espiatorio e faró l'espiazione per sè e per la sua casa. Sgozzeró il toro del sacrificio per il peccato per sè. 12 16:12 Poi proenderó un turibolo pieno di carboni accesi, tolti dall'altare davanti al SIGNORE, e due manciate di incenso aromatico polverizzato. e porteró ogni cosa di ló dalla cortina. 13 16:13 Metteró l'incenso sul fuoco davanti al SIGNORE, affinchè la nuvola dell'incenso coproa il propiziatorio che è sulla testimonianza e non moriró. 14 16:14 Poi proenderó del sangue del toro, aspergeró col dito il propiziatorio verso oriente, e faró sette aspersioni del sangue col dito, davanti al propiziatorio. 15 16:15 Poi sgozzeró il capro del sacrificio per il peccato, che è per il popolo, e ne porteró il sangue di ló dalla cortina. faró con questo sangue quello che ha fatto con il sangue del toro: ne faró l'aspersione sul propiziatorio e davanti al propiziatorio. 16 16:16 Cosò faró l'espiazione per il santuario, a causa delle impuritó dei figli d'Israele, delle loro trasgressioni e di tutti i loro peccati. Lo stesso faró per la tenda di convegno che è tra di loro, in mezzo alle loro impuritó. 17 16:17 Nella tenda di convegno, quando egli entreró nel santuario per farvi l'espiazione, non ci saró nessuno, finchè egli non sia uscito e non abbia fatto l'espiazione per sè, per la sua casa e per tutta la comunitó d'Israele. 18 16:18 Egli usciró verso l'altare che è davanti al SIGNORE e faró l'espiazione per esso. proenderó del sangue del toro e del sangue del capro, e lo metteró sui corni dell'altare da ogni lato. 19 16:19 Faró sette aspersioni del sangue, con il dito, sull'altare. cosò lo purificheró e lo santificheró a causa delle impuritó dei figli d'Israele. 20 16:20 Quando avró finito di fare l'espiazione per il santuario, per la tenda di convegno e per l'altare, faró avvicinare il capro vivo. 21 16:21 Aaronne poseró tutte e due le mani sul capo del capro vivo, confesseró su di lui tutte le iniquitó dei figli d'Israele, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati e li metteró sulla testa del capro. poi, per mano di un uomo che ha questo incarico, lo manderó via nel deserto. 22 16:22 Quel capro porteró su di sè tutte le loro iniquitó in una regione solitaria. esso saró lasciato andare nel deserto. 23 16:23 Poi Aaronne entreró nella tenda di convegno, si spoglieró delle vesti di lino che aveva indossate per entrare nel santuario e le deporró lò. 24 16:24 Si laveró il corpo con acqua in un luogo santo, indosseró i paramenti, usciró a offrire il suo olocausto e l'olocausto del popolo e faró l'espiazione per sè e per il popolo. 25 16:25 Faró bruciare sull'altare il grasso del sacrificio per il peccato. 26 16:26 L'uomo che avró lasciato andare il capro destinato ad Azazel si laveró le vesti, laveró il suo corpo con acqua e dopo questo rientreró nell'accampamento. 27 16:27 Si porteró fuori dall'accampamento il toro del sacrificio per il peccato e il capro del sacrificio espiatorio, il cui sangue saró stato portato nel santuario per farvi l'espiazione. e se ne bruceranno le pelli, la carne e gli escrementi. 28 16:28 Poi colui che li avró bruciati si laveró le vesti e laveró il suo corpo con acqua. dopo questo, rientreró nell' accamp amento. 29 16:29 'Questa saró per voi una legge perenne: nel settimo mese, il decimo giorno del mese, vi umilierete e non farete nessun lavoro, nè colui che è nativo del paese, nè lo straniero che abita fra di voi. 30 16:30 Poichè in quel giorno si faró l'espiazione per voi, per purificarvi. voi sarete purificati da tutti i vostri peccati, davanti al SIGNORE. 31 16:31 è per voi un sabato di riposo solenne e vi umilierete. è una legge perenne. 32 16:32 Il sacerdote che ha ricevuto l'unzione ed è stato consacrato per esercitare il sacerdozio al posto di suo padre faró l'espiazione. si vestiró delle vesti di lino, dei paramenti sacri. 33 16:33 Faró l'espiazione per il santuario sacro. faró l'espiazione per la tenda di convegno e per l'altare. faró l'espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo della comunitó. 34 16:34 Questa saró per voi una legge perenne: fare una volta all'anno, per i figli d'Israele, l'espiazione di tutti i loro peccati'. E si fece come il SIGNORE aveva ordinato a Mosè.

16:1 16:1 L’Eterno parlò a Mosè dopo la morte dei due figli di Aaronne, che morirono quando si proesentarono davanti all’Eterno con fuoco illecito. 2 16:2 L’Eterno disse a Mosè: ’Parla ad Aaronne, tuo fratello, e digli di non entrare in qualsiasi tempo nel santuario, di ló dal velo, davanti al propiziatorio che è sull’arca, perchè non abbia a morire, poichè io apparirò nella nuvola sul propiziatorio. 3 16:3 Aaronne entreró nel santuario in questo modo: proenderó un torello per il sacrificio per il peccato e un montone per l’olocausto. 4 16:4 Si metteró la tunica sacra di lino e porteró sul suo corpo i calzoni di lino. si cingeró della cintura di lino e avró in capo il turbante di lino. Queste sono le vesti sacre. egli le indosseró dopo essersi lavato il corpo nell’acqua. 5 16:5 Dall’assemblea dei figli d’Israele proenderó due caproi per il sacrificio per il peccato e un montone per l’olocausto. 6 16:6 Aaronne offriró il torello del sacrificio per il peccato, che è per sè, e faró l’espiazione per sè e per la proproia casa. 7 16:7 Poi proenderó i due caproi e li proesenteró davanti all’Eterno all’ingresso della tenda di convegno. 8 16:8 Aaronne tireró quindi a sorte i due caproi: uno saró destinato all’Eterno e l’altro per capro espiatorio. 9 16:9 Aaronne faró avvicinare il capro che è stato destinato all’Eterno e l’offriró come sacrificio per il peccato. 10 16:10 ma il capro che è stato destinato ad essere il capro espiatorio, saró proesentato vivo davanti all’Eterno, per fare su di esso l’espiazione e per mandarlo poi nel deserto come capro espiatorio. 11 16:11 Aaronne offriró dunque il torello del sacrificio per il peccato per sè e faró l’espiazione per sè e per la proproia casa. e scanneró il torello del sacrificio per il peccato per sè. 12 16:12 Poi proenderó un turibolo pieno di carboni accesi tolti dall’altare davanti all’Eterno e avró le sue mani piene di incenso profumato in polvere, e porteró ogni cosa di ló dal velo. 13 16:13 Metteró l’incenso sul fuoco davanti all’Eterno, perchè la nuvola dell’incenso coproa il propiziatorio che è sulla testimonianza. così egli non moriró. 14 16:14 Poi proenderó del sangue del torello e lo sprouzzeró col suo dito sul propiziatorio dal lato est. sprouzzeró pure un pò di sangue col suo dito davanti al propiziatorio sette volte. 15 16:15 Poi scanneró il capro del sacrificio per il peccato, che è per il popolo, e ne porteró il sangue di ló dal velo. e faró con questo sangue ciò che ha fatto col sangue del torello. lo sprouzzeró sul propiziatorio e davanti al propiziatorio. 16 16:16 Così faró l’espiazione per il santuario, a motivo delle impuritó dei figli d’Israele, delle loro trasgressioni e di tutti i loro peccati. Lo stesso faró per la tenda di convegno che rimane fra loro, in mezzo alle loro impuritó. 17 16:17 Nella tenda di convegno, quando egli entreró nel santuario per fare l’espiazione, non ci saró alcuno, finchè egli sia uscito ed abbia fatto l’espiazione per sè, per la proproia casa e per tutta l’assemblea d’Israele. 18 16:18 Egli usciró verso l’altare che è davanti all’Eterno e faró l’espiazione per esso: proenderó del sangue del torello e del sangue del capro e lo metteró sui corni dell’altare tutt’intorno. 19 16:19 Poi sprouzzeró del sangue su di esso col suo dito sette volte. così lo purificheró e lo santificheró dalle impuritó dei figli d’Israele. 20 16:20 Quando avró finito di fare l’espiazione per il santuario, per la tenda di convegno e per l’altare, faró avvicinare il capro vivo. 21 16:21 Aaronne poseró entrambe le sue mani sulla testa del capro vivo e confesseró su di esso tutte le iniquitó dei figli d’Israele, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati, e li metteró sulla testa del capro. /o manderó poi nel deserto per mezzo di un uomo appositamente scelto. 22 16:22 Il capro porteró su di sè tutte le loro iniquitó in terra solitaria. e quell’uomo lo lasceró andare nel deserto. 23 16:23 Poi Aaronne entreró nella tenda di convegno, si spoglieró delle vesti di lino che aveva indossate per entrare nel santuario e le la-sceró lì. 24 16:24 E laveró il suo corpo nell’acqua in un luogo santo, indosseró le sue vesti e usciró ad offrire il suo olocausto e l’olocausto del popolo, e faró l’espiazione per sè e per il popolo. 25 16:25 Faró quindi fumare sull’altare il grasso del sacrificio per il peccato. 26 16:26 Colui che ha lasciato andare il capro, sce/to come capro espiatorio, laveró le sue vesti e laveró il suo corpo nell’acqua e, dopo questo, potró rientrare nell’accampamento. 27 16:27 Si porteró quindi fuori dell’accampamento il torello del sacrificio per il peccato e il capro del sacrificio per il peccato, il cui sangue è stato portato nel santuario per fare l’espiazione. e bruceranno nel fuoco le loro pelli, la carne e i loro escrementi. 28 16:28 Poi colui che li brucia laveró le sue vesti e laveró il suo corpo nell’acqua. dopo questo, egli potró rientrare nell ’ accamp amento. 29 16:29 Questa saró per voi una legge perpetua: nel settimo mese, il decimo giorno del mese, umilierete le anime vostre e non farete alcun lavoro, nè il nativo del paese, nè il forestiero che risiede fra voi. 30 16:30 Poichè in quel giorno il sacerdote faró l’espiazione per voi, per purificarvi, affinchè siate purificati da tutti i vostri peccati davanti all’Eterno. 31 16:31 è per voi un sabato di riposo solenne e voi umilierete le anime vostre. è una legge perpetua. 32 16:32 Il sacerdote, che è stato unto ed è stato consacrato per servire come sacerdote al posto di suo padre, faró l’espiazione e indosseró le vesti di lino, le vesti sacre. 33 16:33 Egli faró l’espiazione per il santuario santo. faró l’espiazione per la tenda di convegno e per l’altare, e faró l’espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo dell’assemblea. 34 16:34 Questa saró per voi una legge perpetua, per fare l’espiazione per i figli d’Israele per tutti i loro peccati, una volta all’anno'. E Mosè fece come l’Eterno gli aveva comandato.

16:1 Il Signore parlò a Mosè dopo che i due figli di Aronne erano morti mentre presentavano un'offerta davanti al Signore. 2 Il Signore disse a Mosè: ""Parla ad Aronne, tuo fratello, e digli di non entrare in qualunque tempo nel santuario, oltre il velo, davanti al coperchio che è sull'arca; altrimenti potrebbe morire, quando io apparirò nella nuvola sul coperchio. 3 Aronne entrerà nel santuario in questo modo: prenderà un giovenco per il sacrificio espiatorio e un ariete per l'olocausto. 4 Si metterà la tunica sacra di lino, indosserà sul corpo i calzoni di lino, si cingerà della cintura di lino e si metterà in capo il turbante di lino. Sono queste le vesti sacre che indosserà dopo essersi lavato la persona con l'acqua. 5 Dalla comunità degli Israeliti prenderà due capri per un sacrificio espiatorio e un ariete per un olocausto. 6 Aronne offrirà il proprio giovenco in sacrificio espiatorio e compirà l'espiazione per sè e per la sua casa. 7 Poi prenderà i due capri e li farà stare davanti al Signore all'ingresso della tenda del convegno 8 e getterà le sorti per vedere quale dei due debba essere del Signore e quale di Azazel. 9 Farà quindi avvicinare il capro che è toccato in sorte al Signore e l'offrirà in sacrificio espiatorio; 10 invece il capro che è toccato in sorte ad Azazel sarà posto vivo davanti al Signore, perchè si compia il rito espiatorio su di lui e sia mandato poi ad Azazel nel deserto. 11 Aronne offrirà dunque il proprio giovenco in sacrificio espiatorio per sè e, fatta l'espiazione per sè e per la sua casa, immolerà il giovenco del sacrificio espiatorio per sè. 12 Poi prenderà l'incensiere pieno di brace tolta dall'altare davanti al Signore e due manciate di incenso odoroso polverizzato; porterà ogni cosa oltre il velo. 13 Metterà l'incenso sul fuoco davanti al Signore, perchè la nube dell'incenso copra il coperchio che è sull'arca e così non muoia. 14 Poi prenderà un po' di sangue del giovenco e ne aspergerà con il dito il coperchio dal lato d'oriente e farà sette volte l'aspersione del sangue con il dito, davanti al coperchio. 15 Poi immolerà il capro del sacrificio espiatorio, quello per il popolo, e ne porterà il sangue oltre il velo; farà con questo sangue quello che ha fatto con il sangue del giovenco: lo aspergerà sul coperchio e davanti al coperchio. 16 Così farà l'espiazione sul santuario per l'impurità degli Israeliti, per le loro trasgressioni e per tutti i loro peccati. Lo stesso farà per la tenda del convegno che si trova fra di loro, in mezzo alle loro impurità. 17 Nella tenda del convegno non dovrà esserci alcuno, da quando egli entrerà nel santuario per farvi il rito espiatorio, finchè egli non sia uscito e non abbia compiuto il rito espiatorio per sè, per la sua casa e per tutta la comunità d'Israele. 18 Uscito dunque verso l'altare, che è davanti al Signore, compirà il rito espiatorio per esso, prendendo il sangue del giovenco e il sangue del capro e bagnandone intorno i corni dell'altare. 19 Farà per sette volte l'aspersione del sangue con il dito sopra l'altare; così lo purificherà e lo santificherà dalle impurità degli Israeliti. 20 Quando avrà finito l'aspersione per il santuario, per la tenda del convegno e per l'altare, farà accostare il capro vivo. 21 Aronne poserà le mani sul capo del capro vivo, confesserà sopra di esso tutte le iniquità degli Israeliti, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati e li riverserà sulla testa del capro; poi, per mano di un uomo incaricato di ciò, lo manderà via nel deserto. 22 Quel capro, portandosi addosso tutte le loro iniquità in una regione solitaria, sarà lasciato andare nel deserto. 23 Poi Aronne entrerà nella tenda del convegno, si toglierà le vesti di lino che aveva indossate per entrare nel santuario e le deporrà in quel luogo. 24 Laverà la sua persona nell'acqua in luogo santo, indosserà le sue vesti e uscirà ad offrire il suo olocausto e l'olocausto del popolo e a compiere il rito espiatorio per sè e per il popolo. 25 E farà ardere sull'altare le parti grasse del sacrificio espiatorio. 26 Colui che avrà lasciato andare il capro destinato ad Azazel si laverà le vesti, laverà il suo corpo nell'acqua; dopo, rientrerà nel campo. 27 Si porterà fuori del campo il giovenco del sacrificio espiatorio e il capro del sacrificio, il cui sangue è stato introdotto nel santuario per compiere il rito espiatorio, se ne bruceranno nel fuoco la pelle, la carne e gli escrementi. 28 Poi colui che li avrà bruciati dovrà lavarsi le vesti e bagnarsi il corpo nell'acqua; dopo, rientrerà nel campo. 29 Questa sarà per voi una legge perenne: nel settimo mese, nel decimo giorno del mese, vi umilierete, vi asterrete da qualsiasi lavoro, sia colui che è nativo del paese, sia il forestiero che soggiorna in mezzo a voi. 30 Poichè in quel giorno si compirà il rito espiatorio per voi, al fine di purificarvi; voi sarete purificati da tutti i vostri peccati, davanti al Signore. 31 Sarà per voi un sabato di riposo assoluto e voi vi umilierete; è una legge perenne. 32 Il sacerdote che ha ricevuto l'unzione ed è rivestito del sacerdozio al posto di suo padre, compirà il rito espiatorio; si vestirà delle vesti di lino, delle vesti sacre. 33 Farà l'espiazione per il santuario, per la tenda del convegno e per l'altare; farà l'espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo della comunità. 34 Questa sarà per voi legge perenne: una volta all'anno, per gli Israeliti, si farà l'espiazione di tutti i loro peccati"". E si fece come il Signore aveva ordinato a Mosè.

Mappa

Commento di un santo

In aggiunta posso dare un'interpretazione dei due capri che furono presen tati nel gra nde giorno dell'espiazione? Non prefigurano anche le due nature di Cristo? Essi erano di taglia pari e molto simili nell'aspetto per l'identità di aspetto del Signore. Egli non deve venire in nessuna altra forma , e doveva essere riconosciuto da quelli che lo ferirono e lo trafissero. Uno di questi capri era legato con una corda scarlatta e trascinato dal popolo fuori dell'accampamento nel deserto, in mezzo a maledizioni , sputi, strattoni e trafitture, essendo in questo modo marchiato con tutti i segni della passione del Signore. L'altro, venendo offerto per i peccati e dato ai sacerdoti del tempio per la carne, forniva le prove del secondo aspetto del Salvatore, quando, dopo la remissione di tutti i peccati, i sacerdoti del tempio spirituale, cioè la Chiesa, godono della carne, cioè a dire, della grazia del Signore.

Autore

Tertulliano

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia