Cronologia dei paragrafi

II. La grande raccolta salomonica
La follia scimmiotta la sapienza
Contro i beffardi
Lnvito supremo
La sapienza ospitale
La sapienza creatrice
Autoelogio delle sapienza. La sapienza regale
Seconda personificazione della sapienza
I sette abomini
Ripresa del discorso paterno
Lo stolto
Il pigro e la formica
La cauzione data con imprudenza
La fuga dalla straniera e i veri amori del saggio
Decidersi in favore della sapienza
Le gioie del saggio
Come acquistare la sapienza
La sapienza contro le cattive compagnie
La sapienza: Arringa agli sprovveduti
Il saggio: Fuggite la compagnia dei giovani cattivi
IX. La perfetta padrona di casa

II. La grande raccolta salomonica(pro 10,1-99)

: Proverbi di Salomone. Il figlio saggio allieta il padre, il figlio stolto contrista sua madre. : I tesori male acquistati non giovano, ma la giustizia libera dalla morte. : Il Signore non lascia che il giusto soffra la fame, ma respinge la cupidigia dei perfidi. : La mano pigra rende poveri, la mano operosa arricchisce. : Chi raccoglie d'estate è previdente e chi dorme al tempo della mietitura è uno svergognato. : Le benedizioni del Signore sul capo del giusto, la bocca degli empi nasconde violenza. : La memoria del giusto è in benedizione, il nome degli empi marcisce. : Chi è saggio di cuore accetta i precetti, chi è stolto di labbra va in rovina. : Chi cammina nell'integrità va sicuro, chi tiene vie tortuose sarà smascherato. : Chi chiude un occhio causa dolore, chi riprende a viso aperto procura pace. : Fonte di vita è la bocca del giusto, la bocca degli empi nasconde violenza. : L'odio suscita litigi, l'amore ricopre ogni colpa. : Sulle labbra dell'intelligente si trova la sapienza, ma il bastone è per la schiena dello stolto. : I saggi fanno tesoro della scienza, ma la bocca dello stolto è una rovina imminente. : I beni del ricco sono la sua roccaforte, la rovina dei poveri è la loro miseria. : Il salario del giusto serve per la vita, il guadagno dell'empio è per i vizi. : Il Signore aborrisce la bilancia falsa, ma del peso esatto egli si compiace. : Dove c'è insolenza c'è anche disonore, ma la sapienza sta con gli umili. : L'integrità guida gli uomini retti, la malvagità è la rovina dei perfidi. : Non giova la ricchezza nel giorno della collera, ma la giustizia libera dalla morte. : La giustizia dell'uomo onesto gli spiana la via, per la sua cattiveria cade il cattivo. : La giustizia salva gli onesti, nella cupidigia restano presi i perfidi. : Con la morte del malvagio svanisce ogni sua speranza, l'attesa dei ricchi scompare. : Il giusto è liberato dall'angoscia, al suo posto subentra il malvagio. : Con la sua bocca il bugiardo rovina l'amico, i giusti con la loro scienza si salvano. : Della prosperità dei giusti la città si rallegra, per la rovina dei malvagi si fa festa. : La benedizione degli uomini retti fa prosperare una città, le parole dei malvagi la distruggono. : Disprezza il suo prossimo chi è privo di senno, ma l'uomo prudente tace. : Chi va in giro sparlando svela il segreto, ma l'uomo fidato tiene nascosto ciò che sa. : Dove manca una guida il popolo va in rovina; la salvezza dipende dal numero dei consiglieri. : Chi garantisce per un estraneo si troverà male, chi rifiuta garanzie vive tranquillo. : La donna avvenente ottiene onore, gli uomini laboriosi ottengono ricchezze. : Chi ama la correzione ama la scienza, chi odia il rimprovero è uno stupido. : Chi è buono ottiene il favore del Signore, il quale condanna il malintenzionato. : Non si consolida l'uomo con la malvagità, ma la radice dei giusti non sarà smossa. : Una donna forte è la corona del marito, ma quella svergognata è come carie nelle sue ossa. : I pensieri dei giusti sono equità, i propositi degli empi sono frode. : Le parole degli empi sono insidie mortali, ma la bocca degli uomini retti li salverà. : Gli empi, una volta abbattuti, più non sono, ma la casa dei giusti resta salda. : Un uomo è lodato in proporzione alla sua intelligenza, ma chi ha il cuore perverso è disprezzato. : Un uomo di poco conto che ha un servitore vale più di uno che si vanta, a cui manca il pane. : Il giusto si prende cura del suo bestiame, ma i sentimenti degli empi sono spietati. : Chi coltiva la sua terra si sazia di pane, chi insegue chimere è proprio uno stolto. : Le brame dell'empio sono una rete di mali, la radice dei giusti dà molto frutto. : Nel peccato delle sue labbra si impiglia il malvagio, ma il giusto sfugge a tale angoscia. : Con il frutto della bocca ci si sazia di beni; ciascuno sarà ripagato secondo le sue opere. : La via del malvagio è retta ai propri occhi, il saggio, invece, ascolta il consiglio. : Lo stolto manifesta subito la sua collera, ma chi è avveduto dissimula l'offesa. : Il figlio saggio ama la correzione del padre, lo spavaldo non ascolta il rimprovero. : Con il frutto della bocca ci si nutre di beni, ma l'appetito dei perfidi si ciba di violenza. : Chi sorveglia la bocca preserva la sua vita, chi spalanca le sue labbra va incontro alla rovina. : Il pigro brama, ma non c'è nulla per il suo appetito, mentre l'appetito dei laboriosi sarà soddisfatto. : Il giusto odia la parola falsa, l'empio disonora e diffama. : La giustizia custodisce chi ha una condotta integra, la malvagità manda in rovina il peccatore. : C'è chi fa il ricco e non ha nulla, c'è chi fa il povero e possiede molti beni. : Riscatto della vita d'un uomo è la sua ricchezza, ma il povero non avverte la minaccia. : La luce dei giusti porta gioia, la lampada dei malvagi si spegne. : L'insolenza provoca litigi, ma la sapienza sta con chi accetta consigli. : La ricchezza venuta dal nulla diminuisce, chi la accumula a poco a poco, la fa aumentare. : Un'attesa troppo prolungata fa male al cuore, un desiderio soddisfatto è albero di vita. : Chi disprezza la parola si rende debitore, chi rispetta un ordine viene ricompensato. : L'insegnamento del saggio è fonte di vita per sfuggire ai lacci della morte. : Il senno procura favore, ma il contegno dei perfidi porta alla rovina. : La persona avveduta prima di agire riflette, lo stolto mette in mostra la sua stupidità. : La donna saggia costruisce la sua casa, quella stolta la demolisce con le proprie mani. : Cammina nella propria giustizia chi teme il Signore, ma chi è traviato nelle proprie vie lo disprezza. : Nella bocca dello stolto c'è il germoglio della superbia, ma le labbra dei saggi sono la loro salvaguardia. : Se non ci sono buoi la greppia è vuota, l'abbondanza del raccolto sta nel vigore del toro. : Il testimone sincero non mentisce, chi proferisce menzogne è testimone falso. : Lo spavaldo ricerca la sapienza ma invano, la scienza è cosa facile per l'intelligente. : Stai lontano dall'uomo stolto: in lui non troverai labbra sapienti. : Il sapiente avveduto conosce la sua strada, ma la stoltezza degli sciocchi è inganno. : Tra gli stolti risiede la colpa, tra i giusti dimora la benevolenza. : Il cuore conosce la propria amarezza e alla sua gioia non partecipa l'estraneo. : La casa degli empi sarà abbattuta, ma la tenda dei giusti prospererà. : C'è una via che sembra diritta per l'uomo, ma alla fine conduce su sentieri di morte. : Anche nel riso il cuore prova dolore e la gioia può finire in pena. : Il perverso si sazia della sua condotta, l'uomo buono delle sue opere. : L'ingenuo crede a ogni parola, ma chi è avveduto controlla i propri passi. : Il saggio teme e sta lontano dal male, lo stolto invece è impulsivo e si sente sicuro. : Una risposta gentile calma la collera, una parola pungente eccita l'ira. : Le parole dei saggi fanno gustare la scienza, mentre la bocca degli stolti esprime sciocchezze. : Gli occhi del Signore arrivano dappertutto, scrutano i malvagi e i buoni. : Una parola buona è un albero di vita, quella malevola è una ferita al cuore. : Lo stolto disprezza la correzione di suo padre, chi tiene conto del rimprovero diventa prudente. : Nella casa del giusto c'è abbondanza di beni, sul guadagno dell'empio incombe il dissesto. : Le labbra dei saggi diffondono la scienza, non così il cuore degli stolti. : Il sacrificio dei malvagi è un orrore per il Signore, la preghiera dei buoni gli è gradita. : Il Signore ha in orrore la condotta dei perversi, egli ama chi pratica la giustizia. : Correzione severa per chi abbandona il retto sentiero; chi rifiuta i rimproveri morirà!: Abisso e regno dei morti sono palesi davanti al Signore, quanto più i cuori degli uomini!: Lo spavaldo non vuole essere corretto, egli non va in compagnia dei saggi. : Un cuore lieto dà serenità al volto, ma quando il cuore è triste, lo spirito è depresso. : Un cuore intelligente desidera imparare, la bocca dello stolto si pasce della sua ignoranza. : Tutti i giorni sono brutti per il povero, per un cuore felice è sempre festa. : è meglio aver poco con il timore di Dio che un grande tesoro con l'inquietudine. : All'uomo appartengono i progetti del cuore, ma dal Signore viene la risposta della lingua. : Agli occhi dell'uomo tutte le sue opere sembrano pure, ma chi scruta gli spiriti è il Signore. : Affida al Signore le tue opere e i tuoi progetti avranno efficacia. : Il Signore ha fatto ogni cosa per il suo fine e anche il malvagio per il giorno della sventura. : Il Signore ha in orrore ogni cuore superbo, certamente non resterà impunito. : Con la bontà e la fedeltà si espia la colpa, ma con il timore del Signore si evita il male. : Se il Signore si compiace della condotta di un uomo, lo riconcilia anche con i suoi nemici. : è meglio avere poco con onestà che molte rendite senza giustizia. : Il cuore dell'uomo elabora progetti, ma è il Signore che rende saldi i suoi passi. : L'oracolo è sulle labbra del re, in giudizio la sua bocca non sbaglia. : La stadera e le bilance giuste appartengono al Signore, sono opera sua tutti i pesi del sacchetto. : è un orrore per i re commettere un'azione iniqua, poichè il trono sta saldo con la giustizia. : Il re si compiace di chi dice la verità, egli ama chi parla con rettitudine. : L'ira del re è messaggera di morte, ma il saggio la placherà. : Se il volto del re è luminoso, c'è la vita: il suo favore è come pioggia di primavera. : Possedere la sapienza è molto meglio dell'oro, acquisire l'intelligenza è preferibile all'argento. : Meglio un tozzo di pane secco con tranquillità che una casa piena di banchetti con discordia. : Lo schiavo intelligente prevarrà su un figlio disonorato e avrà parte con i fratelli all'eredità. : Il crogiuolo è per l'argento e il forno per l'oro, ma chi prova i cuori è il Signore. : Il malfattore presta attenzione a un labbro maldicente, il bugiardo ascolta una lingua nociva. : Chi deride il povero offende il suo creatore, chi gioisce per colui che va in rovina non resterà impunito. : Corona dei vecchi sono i figli dei figli, onore dei figli i loro padri. : Non s'addice all'insensato un linguaggio elevato, ancor meno al principe un linguaggio falso. : Il regalo di corruzione è come un talismano per chi lo possiede: dovunque egli si volga ottiene successo. : Chi copre la colpa cerca l'amicizia, ma chi la divulga divide gli amici. : Fa più effetto un rimprovero all'assennato che cento percosse allo stolto. : Il malvagio non cerca altro che la ribellione, ma gli sarà mandato contro un messaggero senza pietà. : Meglio incontrare un'orsa privata dei figli che uno stolto in preda alla follia. : A chi rende male per bene non si allontanerà la sventura dalla sua casa. : Iniziare un litigio è come aprire una diga; prima che la lite si esasperi, troncala. : Assolvere il reo e condannare il giusto: ecco due cose che il Signore ha in orrore. : A che serve il denaro in mano allo stolto? Per comprare la sapienza, se non ha senno?: Chi si tiene appartato cerca il suo piacere e con ogni stratagemma attacca brighe. : Lo stolto non ama la prudenza, ma vuole solo far mostra dei suoi sentimenti. : Con la malvagità viene il disprezzo, con il disonore anche l'ignominia. : Le parole della bocca dell'uomo sono acqua profonda, la fonte della sapienza è un torrente che straripa. : Non è bene usare riguardi al malvagio per far torto al giusto in un giudizio. : Le labbra dello stolto suscitano liti e la sua bocca gli provoca percosse. : La bocca dello stolto è la sua rovina e le sue labbra sono una trappola per la sua vita. : Le parole del calunniatore sono come ghiotti bocconi che scendono fin nel più intimo. : Chi è già indolente nel suo lavoro è fratello del dissipatore. : Torre fortificata è il nome del Signore: il giusto vi si rifugia ed è al sicuro. : I beni del ricco sono la sua roccaforte, sono come un'alta muraglia nella sua immaginazione. : Prima della caduta il cuore dell'uomo si esalta, prima della gloria c'è l'umiltà. : Chi risponde prima di avere ascoltato, mostra stoltezza e ne avrà vergogna. : Lo spirito dell'uomo lo sostiene nella malattia, ma uno spirito depresso chi lo solleverà?: Il cuore intelligente acquista la scienza, l'orecchio dei saggi ricerca il sapere. : Il dono che l'uomo fa gli spiana la via e lo introduce alla presenza dei grandi. : Meglio un povero dalla condotta integra di uno dalle labbra perverse e che è stolto. : Il desiderio ansioso senza riflessione non è cosa buona, e chi va a passi frettolosi sbaglia strada. : La stoltezza dell'uomo rovina la sua via, ma poi egli si adira contro il Signore. : Le ricchezze moltiplicano gli amici, ma il povero è abbandonato dall'amico che ha. : Il falso testimone non resterà impunito, chi diffonde menzogne non avrà scampo. : Molti sono gli adulatori dell'uomo generoso, e tutti sono amici di chi fa doni. : Il povero è disprezzato dai suoi stessi fratelli, tanto più si allontanano da lui i suoi amici. Egli va in cerca di parole, ma non ci sono. : Chi acquista senno ama se stesso e chi conserva la prudenza trova fortuna. : Il falso testimone non resterà impunito, chi diffonde menzogne perirà. : Allo stolto non conviene una vita agiata, ancor meno a un servo comandare ai prìncipi. : è segno d'intelligenza per l'uomo trattenere la collera, ed è sua gloria passare sopra alle offese. : L'ira del re è come ruggito di leone, come rugiada sull'erba è la sua benevolenza. : Un figlio stolto è una disgrazia per il padre e i litigi della moglie sono come stillicidio incessante. : La casa e il patrimonio si ereditano dal padre, ma una moglie assennata è dono del Signore. : La pigrizia fa cadere in torpore, e chi è indolente patirà la fame. : Chi custodisce il precetto custodisce se stesso, chi trascura la propria condotta morirà. : Il vino è beffardo, il liquore è tumultuoso; chiunque si perde dietro ad esso non è saggio. : La collera del re è come ruggito di leone; chiunque lo irrita rischia la vita. : è una gloria evitare le contese, attaccar briga è proprio degli stolti. : Il pigro non ara d'autunno: alla mietitura cerca, ma non trova nulla. : Acque profonde sono i consigli nel cuore umano, l'uomo accorto le sa attingere. : Molti proclamano la propria bontà, ma una persona fidata chi la trova?: Chi cammina nella sua integrità è giusto; beati i figli che lascia dietro di sè!: Il re che siede in tribunale con il suo sguardo dissipa ogni male. : Chi può dire: "Ho la coscienza pulita, sono puro dal mio peccato?". : Doppio peso e doppia misura sono due cose che il Signore aborrisce. : Già con le sue azioni il fanciullo rivela se è puro e retto il suo comportamento. : L'orecchio che ascolta e l'occhio che vede: l'uno e l'altro li ha fatti il Signore. : Non amare il sonno per non diventare povero, tieni gli occhi aperti e avrai pane a sazietà. : "Robaccia, robaccia" dice chi compra, ma quando se ne va, allora se ne vanta. : C'è possesso di oro e moltitudine di perle, ma la cosa più preziosa sono le labbra sapienti. : Prendigli il vestito perchè si è fatto garante per un estraneo e tienilo in pegno per uno sconosciuto. : Il cuore del re è un corso d'acqua in mano al Signore: lo dirige dovunque egli vuole. : Agli occhi dell'uomo ogni sua via sembra diritta, ma chi scruta i cuori è il Signore. : Praticare la giustizia e l'equità per il Signore vale più di un sacrificio. : Occhi alteri e cuore superbo, lucerna dei malvagi è il peccato. : I progetti di chi è diligente si risolvono in profitto, ma chi ha troppa fretta va verso l'indigenza. : Accumulare tesori a forza di menzogne è futilità effimera di chi cerca la morte. : La violenza dei malvagi li travolge, perchè rifiutano di praticare la giustizia. : La via di un uomo colpevole è tortuosa, ma l'innocente è retto nel suo agire. : è meglio abitare su un angolo del tetto che avere casa in comune con una moglie litigiosa. : L'anima del malvagio desidera fare il male, ai suoi occhi il prossimo non trova pietà. : Quando lo spavaldo viene punito, l'inesperto diventa saggio; egli acquista scienza quando il saggio viene istruito. : Il giusto osserva la casa del malvagio e precipita i malvagi nella sventura. : Chi chiude l'orecchio al grido del povero invocherà a sua volta e non otterrà risposta. : Un dono fatto in segreto calma la collera, un regalo di nascosto placa il furore violento. : è una gioia per il giusto quando è fatta giustizia, mentre è un terrore per i malfattori. : L'uomo che si scosta dalla via della saggezza, riposerà nell'assemblea delle ombre dei morti.
: 10:1 LE sentenze di Salomone. Il figliuol savio rallegra il padre. Ma il figliuolo stolto e' il cordoglio di sua madre.: 10:2 I tesori d'empieta' non giovano. Ma la giustizia riscuote da morte.: 10:3 Il Signore non lascera' aver fame all'anima del giusto. Ma egli sovverte la sostanza degli empi.: 10:4 La man rimessa fa impoverire. Ma la mano de' diligenti arricchisce.: 10:5 Chi raccoglie nella state e' un figliuolo avveduto. Ma chi dorme nella ricolta e' un figliuolo che fa vituperio.: 10:6 Benedizioni sono soproa il capo del giusto. Ma la violenza coproira' la bocca degli empi.: 10:7 La memoria del giusto e' in benedizione. Ma il nome degli empi marcira'.: 10:8 Il savio di cuore riceve i comandamenti. Ma lo stolto di labbra andra' in proecipizio.: 10:9 Chi cammina in integrita' cammina in sicurta'. Ma chi perverte le sue vie sara' fiaccato.: 10:10 Chi ammicca con l'occhio reca molestia. Ma lo stolto di labbra andra' in proecipizio.: 10:11 La bocca del giusto e' una fonte viva. Ma la violenza coproira' la bocca degli empi.: 10:12 L'odio muove contese. Ma la carita' ricoproe ogni misfatto.: 10:13 La sapienza si trova nelle labbra dell'intendente. Ma il bastone e' per lo dosso di chi e' scemo di senno.: 10:14 I savi ripongono appo loro la scienza. Ma la bocca dello stolto e' una rui-na vicina.: 10:15 Le facolta' del ricco son la sua forte citta'. Ma la poverta' de' bisognosi e' il loro spavento.: 10:16 Le opere de' giusti sono a vita. Ma quello che l'empio produce e' a peccato.: 11:1 Le bilance false sono cosa abbominevole al Signore. Ma il peso giusto gli e' cosa grata.: 11:2 Venuta la superbia, viene l'ignominia. Ma la sapienza e' con gli umili.: 11:3 L'integrita' degli uomini diritti li conduce. Ma la perversita' de' disleali li distrugge.: 11:4 Le ricchezze non gioveranno al giorno dell'inde-gnazione. Ma la giustizia riscotera' da morte.: 11:5 La giustizia dell uomo intiero addirizza la via di esso. Ma l'empio cadera' per la sua empieta'.: 11:6 La giustizia degli uomini diritti li riscotera'. Ma i disleali saranno proesi per la lor proproia malizia.: 11:7 Quando l'uomo empio muore, la sua aspettazione perisce. E la speranza ch'egli aveva concepita delle sue forze e' perduta.: 11:8 Il giusto e' tratto fuor di distretta. Ma l'empio viene in luogo suo.: 11:9 L'ipocrita corrompe il suo prossimo con la sua bocca. Ma i giusti ne son liberati per conoscimento.: 11:10 La citta' festeggia del bene de' giusti. Ma vi e' giubilo quando gli empi periscono.: 11:11 La citta' e' innalzata per la benedizione degli uomini diritti. Ma e' sovvertita per la bocca degli empi.: 11:12 Chi sproezza il suo prossimo e' proivo di senno. Ma l'uomo proudente tace.: 11:13 Colui che va sparlando palesa il segreto. Ma chi e' leale di spirito cela la cosa.: 11:14 Il popolo cade in rui-na dove non son consigli. Ma vi e' salute in moltitudine di consiglieri.: 11:15 L'uomo certamente sofferira' del male, se fa sicurta' per lo strano. Ma chi odia i mallevadori e' sicuro.: 11:16 La donna graziosa otterra' gloria, Come i possenti ottengono ricchezze.: 12:1 Chi ama la correzione ama la scienza. Ma chi odia la riproensione e' insensato.: 12:2 L'uomo da bene ottiene benevolenza dal Signore. Ma egli condannera' l'uomo malizioso.: 12:3 L'uomo non sara' stabilito per empieta'. E la radice de' giusti non sara' smossa.: 12:4 La donna di valore e' la corona del suo marito. Ma quella che reca vituperio gli e' come un tarlo nelle ossa.: 12:5 I pensieri de' giusti son dirittura. Ma i consigli degli empi son frode.: 12:6 Le parole degli empi tendono ad insidiare al sangue. Ma la bocca degli uomini diritti li riscotera'.: 12:7 In un voltar degli empi, essi non saranno piu'. Ma la casa de' giusti stara' in pie'.: 12:8 L'uomo sara' lodato secondo il suo senno. Ma chi e' stravolto d'animo sara' in isproezzo.: 12:9 Meglio e' colui del quale non si fa stima, e pure ha un servitore, Che colui che fa il borioso, ed ha mancamento di pane.: 12:10 L'uomo giusto ha cura della vita della sua bestia. Ma le viscere degli empi son crudeli.: 12:11 Chi lavora la sua terra sara' saziato di pane. Ma chi va dietro agli uomini oziosi e' scemo d'intelletto.: 12:12 L'empio appetisce la rete de' malvagi. Ma la radice de' giusti mette fuori.: 12:13 Il laccio del malvagio e' nella dislealta' delle labbra. Ma il giusto uscira' di distretta.: 12:14 L'uomo sara' saziato di beni per lo frutto della sua bocca. E Dio rendera' all'uomo la retribuzione del-l'opere delle sue mani.: 12:15 La via dello stolto e' diritta al suo parere. Ma chi ascolta consiglio e' savio.: 12:16 II cruccio dello stolto e' conosciuto lo stesso giorno. Ma l'avveduto coproe il vituperio.: 13:1 Il figliuol savio ascolta l'ammaestramento di suo padre. Ma lo schernitore non ascolta riproensione.: 13:2 L'uomo mangera' del bene del frutto delle sue labbra. Ma l'anima degli scellerati mangera' del frutto di violenza.: 13:3 Chi guarda la sua bocca proeserva l'anima sua. Ma ruina avverra' a chi aproe disordinatamente le sue labbra.: 13:4 L'anima del pigro appetisce, e non ha nulla. Ma l'anima de' diligenti sara' ingrassata.: 13:5 Il giusto odia la parola bugiarda. Ma l'empio si rende puzzolente ed infame.: 13:6 La giustizia guarda colui che e' intiero di via. Ma l'empieta' sovverte il peccatore.: 13:7 Vi e' tale che si fa ricco, e non ha nulla. Tale altresi' che si fa povero, ed ha di gran facolta'.: 13:8 Le ricchezze dell'uomo sono il riscatto della sua vita. Ma il povero non ode alcuna minaccia.: 13:9 La luce de' giusti sara' lieta. Ma la lampana degli empi sara' spenta.: 13:10 Per orgoglio non si produce altro che contese. Ma la sapienza e' con quelli che si consigliano.: 13:11 Le ricchezze procedenti da vanita' scemeranno. Ma chi raduna con la mano le accrescera'.: 13:12 La speranza prolungata fa languire il cuore. Ma il desiderio adempiuto e' un albero di vita.: 13:13 Chi sproezza la parola andra' in perdizione. Ma chi riverisce il comandamento ricevera' retribuzione.: 13:14 L'insegnamento di un savio e' una fonte di vita, Per ritrarsi da' lacci della morte.: 13:15 Buon senno reca grazia. Ma il procedere de' perfidi e' duro.: 13:16 L'uomo avveduto fa ogni cosa con conoscimento. Ma il pazzo spande follia.: 14:1 Le donne savie edificano le lor case. Ma la stolta la sovverte con le sue mani.: 14:2 Chi cammina nella sua dirittura riverisce il Signore. Ma chi e' stravolto nelle sue vie lo sproezza.: 14:3 Nella bocca dello stolto e' la bacchetta dell'alterezza. Ma le labbra de' savi li guardano.: 14:4 Dove non son buoi, il granaio e' vuoto. Ma l'abbondanza della ricolta e' per la forza del bue.: 14:5 II testimonio verace non mente. Ma il falso testimonio sbocca bugie.: 14:6 Lo schernitore cerca la sapienza, e non la trova punto. Ma la scienza agevolmente si acquista dall'uomo intendente.: 14:7 Vattene via d'innanzi all'uomo stolto, E d'innanzi a colui, nel quale non avrai conosciute labbra di scienza.: 14:8 La sapienza dell'uomo e' di considerar la sua via. Ma la follia degli stolti e' inganno.: 14:9 Gli stolti si fanno beffe del commetter misfatto. Ma fra gli uomini diritti e' la benevolenza.: 14:10 Il cuore di ciascuno conosce l'amaritudine dell'anima sua. Ed altresi' alcuno strano non e' mescolato nella sua allegrezza.: 14:11 La casa degli empi sara' distrutta. Ma il tabernacolo degli uomini diritti fiorira'.: 14:12 Vi e' tal via che pare diritta all'uomo, Il fine della quale son le vie della morte.: 14:13 Come di troppo ridere duole il cuore, Cosi' la fine dell'allegrezza e' dolore.: 14:14 Chi e' sviato di cuore sara' saziato delle sue vie. E piu' ch'esso lo sara' l'uomo da bene delle sue.: 14:15 Lo scempio crede ogni cosa. Ma l'avveduto considera i suoi passi.: 14:16 Il savio teme, e si ritrae dal male. Ma lo stolto trascorre, e si tien sicuro.: 15:1 La risposta dolce acqueta il cruccio. Ma la parola molesta fa montar l'ira.: 15:2 La scienza adorna la lingua de' savi. Ma la bocca degli stolti sgorga follia.: 15:3 Gli occhi del Signore sono in ogni luogo. Riguardando i malvagi ed i buoni.: 15:4 La medicina della lingua e' un albero di vita. Ma la sovversione che avviene per essa e' simile ad un fracasso, fatto dal vento.: 15:5 Lo stolto disdegna la correzion di suo padre. Ma chi osserva la riproensione diventera' avveduto.: 15:6 Nella casa del giusto vi sono di gran facolta'. Ma vi e' dissipazione nell'entrate dell'empio.: 15:7 Le labbra de' savi spandono scienza. Ma non fa gia' cosi' il cuor degli stolti.: 15:8 Il sacrificio degli empi e' cosa abbominevole al Signore. Ma l'orazione degli uomini diritti gli e' cosa grata.: 15:9 La via dell'empio e' cosa abbominevole al Signore. Ma egli ama chi procaccia giustizia.: 15:10 La correzione e' spiacevole a chi lascia la diritta via. Chi odia la riproensione morra'.: 15:11 L'inferno e il luogo della perdizione son davanti al Signore. Quanto piu' i cuori de' figliuoli degli uomini!: 15:12 Lo schernitore non ama che altri lo riproenda, E non va a' savi.: 15:13 Il cuore allegro abbellisce la faccia. Ma per lo cordoglio lo spirito e' abbattuto.: 15:14 Il cuor dell'uomo intendente cerca la scienza. Ma la bocca degli stolti si pasce di follia.: 15:15 Tutti i giorni dell'afflitto son cattivi. Ma chi e' allegro di cuore e' come in un convito perpetuo.: 15:16 Meglio vale poco col timor del Signore, Che gran tesoro con turbamento.: 16:1 Le disposizioni dell'animo son dell'uomo. Ma la risposta della lingua e' dal Signore.: 16:2 Tutte le vie dell'uomo gli paiono pure. Ma il Signore pesa gli spiriti.: 16:3 Rimetti le tue opere nel Signore, E i tuoi pensieri saranno stabiliti.: 16:4 Il Signore ha fatto ogni cosa per se' stesso. Eziandio l'empio per lo giorno del male.: 16:5 Chiunque e' altiero d'animo e' abbominevole al Signore. D'ora in ora egli non restera' impunito.: 16:6 L'iniquita' sara' purgata con benignita', e con verita'. E per lo timor del Signore l'uomo si ritrae dal male.: 16:7 Quando il Signore gradisce le vie dell'uomo, Pacifica con lui eziandio i suoi nemici.: 16:8 Meglio vale poco con giustizia, Che grandi entrate senza dirittura.: 16:9 Il cuor dell'uomo delibera della sua via. Ma il Signore dirizza i suoi passi.: 16:10 Indovinamente e' nelle labbra del re. La sua bocca non falla nel giudicio.: 16:11 La stadera, e le bilance giuste son del Signore. Tutti i pesi del sacchetto son sua opera.: 16:12 Operare empiamente e' abbominevole ai re. Per-ciocche' il trono sara' stabilito per giustizia.: 16:13 Le labbra giuste son quelle che i re gradiscono. Ed essi amano chi parla dirittamente.: 16:14 L'ira del re son messi di morte. Ma l'uomo savio la plachera'.: 16:15 Nella chiarezza della faccia del re vi e' vita. E la sua benevolenza e' come la nuvola della pioggia della stagione della ricolta.: 16:16 Quant'e' egli cosa migliore acquistar sapienza che oro ! E quant'e' egli cosa piu' eccellente acquistar proudenza che argento!: 17:1 Migliore e' un boccon di pane secco, con quiete, Che una casa piena di animali ammazzati, con rissa.: 17:2 Il servitore intendente signoreggera' soproa il figliuolo che reca vituperio, E spartira' l'eredita' tra i fratelli.: 17:3 La coppella e' per l'argento, e il fornello per l'oro. Ma il Signore prova i cuori.: 17:4 L'uomo maligno proesta gli orecchi alle labbra inique. E l'ingannatore ascolta la lingua maliziosa.: 17:5 Chi beffa il povero fa onta a colui che l'ha fatto. Chi si rallegra della calamita' altrui non restera' impunito.: 17:6 I figliuoli de' figliuoli son la corona de' vecchi. E i padri son la gloria de' figliuoli.: 17:7 Il parlar magnifico non e' decevole all'uomo da nulla. Quanto meno al proincipe il labbro falso!: 17:8 Il proesente e', appo chi e' dato a ricever proesenti, una gioia graziosa. Dovunque si volge produce effetto.: 17:9 Chi coproe il fallo procaccia amicizia. Ma chi lo ridice disunisce gli amici.: 17:10 La riproensione scende piu' addentro nell'uomo intendente, Che cento percosse date allo stolto.: 17:11 Il malvagio non cerca altro che ribellione. Ma l'angelo crudele sara' mandato contro a lui.: 17:12 Scontrisi pure in un uomo un'orsa, a cui sieno stati tolti i suoi figli, Anzi che un pazzo nella sua pazzia.: 17:13 Il male non si dipartira' giammai dalla casa Di chi rende il mal per lo bene.: 17:14 Chi comincia la contesa e' come chi da' aproitura alle acque. Pero' avanti che si venga alle contumelie, lascia la questione.: 17:15 Chi assolve il reo, e chi condanna il giusto, Sono amendue ugualmente ab-bominevoli al Signore.: 17:16 A che serve il proezzo in mano allo stolto, Da comperar sapienza, poiche' egli non ha alcun senno?: 18:1 Colui che si separa cerca le sue cupidita', E schernisce ogni legge e ragione.: 18:2 Lo stolto non si diletta nella proudenza, Ma in cio' che il cuor suo si manifesti.: 18:3 Quando viene un empio, viene anche lo sproezzo, E il vituperio con ignominia.: 18:4 Le parole della bocca dell'uomo eccellente sono acque profonde. La fonte di sapienza e' un torrente che sgorga.: 18:5 Egli non e' bene d'aver riguardo alla qualita' dell'empio, Per far torto al giusto nel giudicio.: 18:6 Le labbra dello stolto entrano in contesa, E la sua bocca chiama le percosse.: 18:7 La bocca dello stolto e' la sua ruina, E le sue labbra sono il laccio dell'anima sua.: 18:8 Le parole di chi va bisbigliando paiono lusinghevoli. Ma scendono fin nel-l'interiora del ventre.: 18:9 Chi si porta rimessamente nel suo lavoro, e' fratello dell'uomo dissipatore.: 18:10 Il Nome del Signore e' una forte torre. Il giusto vi ricorrera', e sara' in salvo in luogo elevato.: 18:11 I beni del ricco son la sua citta' di fortezza, E come un alto muro alla sua immaginazione.: 18:12 Il cuor dell'uomo s'innalza avanti la ruina. Ma l'umilta' va davanti alla gloria.: 18:13 Chi fa risposta proima che abbia udito, Cio' gli e' pazzia e vituperio.: 18:14 Lo spirito dell'uomo sostiene l'infermita' di esso. Ma chi sollevera' lo spirito afflitto?: 18:15 Il cuor dell'uomo intendente acquista scienza. E l'orecchio de' savi cerca conoscimento.: 18:16 Il proesente dell'uomo gli fa far largo, E lo conduce davanti a' grandi.: 19:1 Il povero, che cammina nella sua integrita', Val meglio che il perverso di labbra, il quale e' stolto.: 19:2 Come chi e' frettoloso di piedi incappa. Cosi' non vi e' alcun bene, quando l'anima e' senza conoscimento.: 19:3 La stoltizia dell'uomo perverte la via di esso. E pure il suo cuore dispetta contro al Signore.: 19:4 Le ricchezze aggiungono amici in gran numero. Ma il misero e' separato dal suo intimo amico.: 19:5 Il falso testimonio non restera' impunito, E chi sbocca menzogne non i-scampera'.: 19:6 Molti riveriscono il proincipe. Ma ognuno e' amico del donatore.: 19:7 Tutti i fratelli del povero l'odiano. Quanto piu' si dilungheranno i suoi amici da lui! Egli con parole li supplica, ma essi se ne vanno.: 19:8 Chi acquista senno ama l'anima sua. Chi osserva l'intendimento trovera' del bene.: 19:9 Il falso testimonio non restera' impunito, E chi sbocca menzogne perira'.: 19:10 I diletti non si convengono allo stolto. Quanto meno conviensi al servo signoreggiar soproa i proincipi!: 19:11 Il senno dell'uomo rallenta l'ira di esso. E la sua gloria e' di passar soproa le offese.: 19:12 L'indegnazione del re e' come il ruggito del leoncello. Ma il suo favore e' come la rugiada soproa l'erba.: 19:13 Il figliuolo stolto e' una grande sciagura a suo padre. E le risse della moglie sono un gocciolar continuo.: 19:14 Casa e sostanza sono l'eredita' de' padri. Ma dal Signore viene la moglie proudente.: 19:15 La pigrizia fa cadere in profondo sonno. E la persona negligente avra' fame.: 19:16 Chi osserva il comandamento guarda l'anima sua. Ma chi trascura le sue vie morra'.: 20:1 II vino e' schernitore, e la cervogia e' tumultuante. E chiunque ne e' vago non e' savio.: 20:2 Il terrore del re e' come il ruggito del leoncello. Chi lo provoca ad indegnazione pecca contro a se' stesso.: 20:3 Egli e' gloria all'uomo di rimanersi di contesa. Ma chiunque e' stolto si fa schernire.: 20:4 Il pigro non ara per cagion del freddo. E poi nella ricolta va accattando, e non trova nulla.: 20:5 Il consiglio nel cuor dell'uomo e' un'acqua profonda. E l'uomo intendente l'attignera'.: 20:6 Il piu' degli uomini proedicano ciascuno la sua benignita'. Ma chi trovera' un uomo verace?: 20:7 I figliuoli del giusto, che cammina nella sua integrita', Saranno beati dopo di lui.: 20:8 Il re, sedendo soproa il trono del giudicio, Dissipa ogni male con gli occhi suoi.: 20:9 Chi puo' dire: Io ho purgato il mio cuore, Io son netto del mio peccato?: 20:10 Doppio peso, e doppio staio, Sono amendue cosa abbominevole al Signore.: 20:11 Fin da fanciullo l'uomo e' riconosciuto da' suoi atti, Se egli sara' puro, e se le sue opere saranno diritte.: 20:12 Il Signore ha fatte amendue queste cose: E l'orecchio che ode, e l'occhio che vede.: 20:13 Non amare il sonno, che tu non impoverisca. Tieni gli occhi aperti, e sarai saziato di pane.: 20:14 Chi compera dice: Egli e' cattivo, egli e' cattivo. Ma quando se n'e' andato, allora si vanta.: 20:15 Vi e' dell'oro, e delle perle assai. Ma le labbra di scienza sono un vaso proezioso.: 20:16 proendi pure il vestimento di chi ha fatta sicurta' per lo strano. proendi pegno da lui per gli stranieri.: 21:1 Il cuor del re e' nella mano del Signore come ruscelli di acque. Egli lo piega a tutto cio' che gli piace.: 21:2 Tutte le vie dell'uomo gli paiono diritte. Ma il Signore pesa i cuori.: 21:3 Far giustizia e giudicio e' cosa piu' gradita dal Signore, che sacrificio.: 21:4 Gli occhi altieri, e il cuor gonfio, Che son la lampana degli empi, son peccato.: 21:5 I pensieri dell'uomo diligente producono di certo abbondanza. Ma l'uomo disavveduto cade senza fallo in necessita'.: 21:6 Il far tesori con lingua di falsita' e' una cosa vana, Sospinta in qua ed in la'. e si appartiene a quelli che cercan la morte.: 21:7 Il proedar degli empi li trarra' in giu'. Perciocche' hanno rifiutato di far cio' che e' diritto.: 21:8 La via stravolta dell'uomo e' anche strana. Ma l'opera di chi e' puro e' diritta.: 21:9 Meglio e' abitare soproa un canto di un tetto, Che con una moglie rissosa in casa comune.: 21:10 L'anima dell'empio desidera il male. Il suo amico stesso non trova pieta' appo lui.: 21:11 Quando lo schernitore e' gastigato, il semplice ne diventa savio. E quando si ammonisce il savio, egli approende scienza.: 21:12 II giusto considera la casa dell'empio. Ella trabocca l'empio nel male.: 21:13 Chi tura l'orecchio, per non udire il grido del misero, Gridera' anch'egli, e non sara' esaudito.: 21:14 Il proesente dato di nascosto acqueta l'ira. E il dono porto nel seno acqueta il forte cruccio.: 21:15 Il far cio' che e' diritto e' letizia al giusto. Ma e' uno spavento agli operatori d'iniquita'.: 21:16 L'uomo che devia dal cammino del buon senno Riposera' in compagnia de' morti.
: 10:1 proverbi di Salomone. Un figliuol savio rallegra suo padre, ma un figliuolo stolto e' il cordoglio di sua madre.: 10:2 I tesori d'empieta' non giovano, ma la giustizia libera dalla morte.: 10:3 L'Eterno non permette che il giusto soffra la fame, ma respinge insoddisfatta l'avidita' degli empi.: 10:4 Chi lavora con mano pigra impoverisce, ma la mano dei diligenti fa arricchire.: 10:5 Chi raccoglie nella estate e' un figliuolo proudente, ma chi dorme durante la raccolta e' un figliuolo che fa vergogna.: 10:6 Benedizioni vengono sul capo dei giusti, ma la violenza cuoproe la bocca degli empi.: 10:7 La memoria del giusto e' in benedizione, ma il nome degli empi marcisce.: 10:8 Il savio di cuore accetta i proecetti, ma lo stolto di labbra va in proecipizio.: 10:9 Chi cammina nella integrita' cammina sicuro, ma chi va per vie tortuose sara' scoperto.: 10:10 Chi ammicca con l'occhio cagiona dolore, e lo stolto di labbra va in proecipizio.: 10:11 La bocca del giusto e' una fonte di vita, ma la bocca degli empi nasconde violenza.: 10:12 L'odio provoca liti, ma l'amore cuoproe ogni fallo.: 10:13 Sulle labbra dell'uomo intelligente si trova la sapienza, ma il bastone e' per il dosso di chi e' proivo di senno.: 10:14 I savi tengono in serbo la scienza, ma la bocca dello stolto e' una rovina imminente.: 10:15 I beni del ricco sono la sua citta' forte. la rovina de' poveri e' la loro poverta'.: 10:16 Il lavoro del giusto serve alla vita, le entrate dell'empio servono al peccato.: 11:1 La bilancia falsa e' un abominio per l'Eterno, ma il peso giusto gli e' grato.: 11:2 Venuta la superbia, viene anche l'ignominia. ma la sapienza e' con gli umili.: 11:3 L'integrita' degli uomini retti li guida, ma la perversita' dei perfidi e' la loro rovina.: 11:4 Le ricchezze non servono a nulla nel giorno dell'ira, ma la giustizia salva da morte.: 11:5 La giustizia dell'uomo integro gli appiana la via, ma l'empio cade per la sua empieta'.: 11:6 La giustizia degli uomini retti li libera, ma i perfidi restan proesi nella loro proproia malizia.: 11:7 Quando un empio muore, la sua speranza perisce, e l'aspettazione degl'iniqui e' annientata.: 11:8 Il giusto e' tratto fuor dalla distretta, e l'empio ne proende il posto.: 11:9 Con la sua bocca l'ipocrita rovina il suo prossimo, ma i giusti sono liberati dalla loro perspicacia.: 11:10 Quando i giusti prosperano, la citta' gioisce. ma quando periscono gli empi son gridi di giubilo.: 11:11 Per la benedizione degli uomini retti la citta' e' esaltata, ma e' sovvertita dalla bocca degli empi.: 11:12 Chi sproezza il prossimo e' proivo di senno, ma l'uomo accorto tace.: 11:13 Chi va sparlando svela i segreti, ma chi ha lo spirito leale tien celata la cosa.: 11:14 Quando manca una savia direzione il popolo cade. nel gran numero de' consiglieri sta la salvezza.: 11:15 Chi si fa mallevadore d'un altro ne soffre danno, ma chi odia la mallevadoria e' sicuro.: 11:16 La donna graziosa ottiene la gloria, e gli uomini forti ottengon la ricchezza.: 12:1 Chi ama la correzione ama la scienza, ma chi odia la riproensione e' uno stupido.: 12:2 L'uomo buono ottiene il favore dell'Eterno, ma l'Eterno condanna l'uomo pien di malizia.: 12:3 L'uomo non diventa stabile con l'empieta', ma la radice dei giusti non sara' mai smossa.: 12:4 La donna virtuosa e' la corona del marito, ma quella che fa vergogna gli e' un tarlo nell'ossa.: 12:5 I pensieri dei giusti sono equita', ma i disegni degli empi son frode.: 12:6 Le parole degli empi insidiano la vita, ma la bocca degli uomini retti procura liberazione.: 12:7 Gli empi, una volta rovesciati, non sono piu', ma la casa dei giusti rimane in piedi.: 12:8 L'uomo e' lodato in proporzione del suo senno, ma chi ha il cuore pervertito sara' sproezzato.: 12:9 e' meglio essere in umile stato ed avere un servo, che fare il borioso e mancar di pane.: 12:10 Il giusto ha cura della vita del suo bestiame, ma le viscere degli empi sono crudeli.: 12:11 Chi coltiva la sua terra avra' pane da saziarsi, ma chi va dietro ai fannulloni e' proivo di senno.: 12:12 L'empio agogna la proeda de' malvagi, ma la radice dei giusti porta il suo frutto.: 12:13 Nel peccato delle labbra sta un'insidia funesta, ma il giusto uscira' dalla distretta.: 12:14 Per il frutto della sua bocca l'uomo e' saziato di beni, e ad ognuno e' reso secondo l'opera delle sue mani.: 12:15 La via dello stolto e' diritta agli occhi suoi, ma chi ascolta i consigli e' savio.: 12:16 Lo stolto lascia scorger subito il suo cruccio, ma chi dissimula un affronto e' uomo accorto.: 13:1 Il figliuol savio ascolta l'istruzione di suo padre, ma il beffardo non ascolta rimproveri.: 13:2 Per il frutto delle sue labbra uno gode del bene, ma il desiderio dei perfidi e' la violenza.: 13:3 Chi custodisce la sua bocca proeserva la proproia vita. chi aproe troppo le labbra va incontro alla rovina.: 13:4 L'anima del pigro desidera, e non ha nulla, ma l'anima dei diligenti sara' sodisfatta appieno.: 13:5 Il giusto odia la menzogna, ma l'empio getta sugli altri vituperio ed onta.: 13:6 La giustizia protegge l'uomo che cammina nella integrita', ma l'empieta' atterra il peccatore.: 13:7 C'e' chi fa il ricco e non ha nulla. c'e' chi fa il povero e ha di gran beni.: 13:8 La ricchezza d'un uomo serve come riscatto della sua vita, ma il povero non ode mai minacce.: 13:9 La luce dei giusti e' gaia, ma la lampada degli empi si spegne.: 13:10 Dall'orgoglio non vien che contesa, ma la sapienza e' con chi da' retta ai consigli.: 13:11 La ricchezza male acquistata va scemando, ma chi accumula a poco a poco, l'aumenta.: 13:12 La speranza differita fa languire il cuore, ma il desiderio adempiuto e' un albero di vita.: 13:13 Chi sproezza la parola si costituisce, di fronte ad essa, debitore, ma chi rispetta il comandamento sara' ricompensato.: 13:14 L'insegnamento del savio e' una fonte di vita per schivare le insidie della morte.: 13:15 Buon senno procura favore, ma il procedere dei perfidi e' duro.: 13:16 Ogni uomo accorto agisce con conoscenza, ma l'insensato fa sfoggio di follia.: 14:1 La donna savia edifica la sua casa, ma la stolta l'abbatte con le proproie mani.: 14:2 Chi cammina nella rettitudine teme l'Eterno, ma chi e' pervertito nelle sue vie lo sproezza.: 14:3 Nella bocca dello stolto germoglia la superbia, ma le labbra dei savi son la loro custodia.: 14:4 Dove mancano i buoi e' vuoto il granaio, ma l'abbondanza della raccolta sta nella forza del bove.: 14:5 Il testimonio fedele non mentisce, ma il testimonio falso spaccia menzogne.: 14:6 Il beffardo cerca la sapienza e non la trova, ma per l'uomo intelligente la scienza e' cosa facile.: 14:7 Vattene lungi dallo stolto. sulle sue labbra certo non hai trovato scienza.: 14:8 La sapienza dell'uomo accorto sta nel discernere la proproia strada. ma la follia degli stolti non e' che inganno.: 14:9 Gli insensati si burlano delle colpe commesse, ma il favore dell'Eterno sta fra gli uomini retti.: 14:10 Il cuore conosce la sua proproia amarezza, e alla sua gioia non puo' proender parte un estraneo.: 14:11 La casa degli empi sara' distrutta, ma la tenda degli uomini retti fiorira'.: 14:12 V'e' tal via che all'uomo par dritta, ma finisce col menare alla morte.: 14:13 Anche ridendo, il cuore puo' esser triste. e l'allegrezza puo' finire in dolore.: 14:14 Lo sviato di cuore avra' la ricompensa dal suo modo di vivere, e l'uomo dabbene, quella delle opere sue.: 14:15 Lo scemo crede tutto quel che si dice, ma l'uomo proudente bada ai suoi passi.: 14:16 Il savio teme, ed evita il male. ma lo stolto e' arrogante e proesuntuoso.: 15:1 La risposta dolce calma il furore, ma la parola dura eccita l'ira.: 15:2 La lingua dei savi e' ricca di scienza, ma la bocca degli stolti sgorga follia.: 15:3 Gli occhi dell'Eterno sono in ogni luogo, osservando i cattivi ed i buoni.: 15:4 La lingua che calma, e' un albero di vita. ma la lingua perversa strazia lo spirito.: 15:5 L'insensato disdegna l'istruzione di suo padre, ma chi tien conto della riproensione diviene accorto.: 15:6 Nella casa del giusto v'e' grande abbondanza, ma nell'entrate dell'empio c'e' turbolenza.: 15:7 Le labbra dei savi spargono scienza, ma non cosi' il cuore degli stolti.: 15:8 Il sacrifizio degli empi e' in abominio all'Eterno, ma la proeghiera degli uomini retti gli e' grata.: 15:9 La via dell'empio e' in abominio all'Eterno, ma egli ama chi segue la giustizia.: 15:10 Una dura correzione aspetta chi lascia la diritta via. chi odia la riproensione morra'.: 15:11 Il soggiorno de' morti e l'abisso stanno dinanzi all'Eterno. quanto piu' i cuori de' figliuoli degli uomini!: 15:12 Il beffardo non ama che altri lo riproenda. egli non va dai savi.: 15:13 Il cuore allegro rende ilare il volto, ma quando il cuore e' triste, lo spirito e' abbattuto.: 15:14 Il cuor dell'uomo intelligente cerca la scienza, ma la bocca degli stolti si pasce di follia.: 15:15 Tutt'i giorni dell'afflitto sono cattivi, ma il cuor contento e' un convito perenne.: 15:16 Meglio poco col timor dell'Eterno, che gran tesoro con turbolenza.: 16:1 All'uomo, i disegni del cuore. ma la risposta della lingua vien dall'Eterno.: 16:2 Tutte le vie dell'uomo a lui sembran pure, ma l'Eterno pesa gli spiriti.: 16:3 Rimetti le cose tue nell'Eterno, e i tuoi disegni avran buona riuscita.: 16:4 L'Eterno ha fatto ogni cosa per uno scopo. anche l'empio, per il di' della sventura.: 16:5 Chi e' altero d'animo e' in abominio all'Eterno. certo e' che non rimarra' impunito.: 16:6 Con la bonta' e con la fedelta' l'iniquita' si espia, e col timor dell'Eterno si evita il male.: 16:7 Quando l'Eterno gradisce le vie d'un uomo, riconcilia con lui anche i nemici.: 16:8 Meglio poco con giustizia, che grandi entrate senza equita'.: 16:9 Il cuor dell'uomo medita la sua via, ma l'Eterno dirige i suoi passi.: 16:10 Sulle labbra del re sta una sentenza divina. quando pronunzia il giudizio la sua bocca non erra.: 16:11 La stadera e le bilance giuste appartengono all'Eterno, tutti i pesi del sacchetto son opera sua.: 16:12 I re hanno orrore di fare il male, perchè il trono e' reso stabile con la giustizia.: 16:13 Le labbra giuste sono gradite ai re. essi amano chi parla rettamente.: 16:14 Ira del re vuol dire messaggeri di morte, ma l'uomo savio la plachera'.: 16:15 La serenita' del volto del re da' la vita, e il suo favore e' come nube di pioggia proimaverile.: 16:16 L'acquisto della sapienza oh quanto e' migliore di quello dell'oro, e l'acquisto dell'intelligenza proeferibile a quel dell'argento!: 17:1 e' meglio un tozzo di pan secco con la pace, che una casa piena di carni con la discordia.: 17:2 Il servo sagace dominera' sul figlio che fa onta, e avra' parte all'eredita' insieme coi fratelli.: 17:3 La coppella e' per l'argento e il fornello per l'oro, ma chi prova i cuori e' l'Eterno.: 17:4 Il malvagio da' ascolto alle labbra inique, e il bugiardo da' retta alla cattiva lingua.: 17:5 Chi beffa il povero oltraggia Colui che l'ha fatto. chi si rallegra dell'altrui sventura non rimarra' impunito.: 17:6 I figliuoli de' figliuoli son la corona de' vecchi, e i padri son la gloria dei loro figliuoli.: 17:7 Un parlar solenne non s'addice all'uomo da nulla. quanto meno s'addicono ad un proincipe labbra bugiarde!: 17:8 Il regalo e' una pietra proeziosa agli occhi di chi lo possiede. dovunque si volga, egli riesce.: 17:9 Chi coproe i falli si procura amore, ma chi semproe vi torna su, disunisce gli amici migliori.: 17:10 Un rimprovero fa piu' improessione all'uomo intelligente, che cento percosse allo stolto.: 17:11 Il malvagio non cerca che ribellione, ma un messaggero crudele gli sara' mandato contro.: 17:12 Meglio imbattersi in un'orsa derubata dei suoi piccini, che in un insensato nella sua follia.: 17:13 Il male non si dipartira' dalla casa di chi rende il male per il bene.: 17:14 Cominciare una contesa e' dar la stura all'acqua. percio' ritirati proima che la lite s'inasproisca.: 17:15 Chi assolve il reo e chi condanna il giusto sono ambedue in abominio all'Eterno.: 17:16 A che serve il danaro in mano allo stolto? ad acquistar saviezza?... Ma se non ha senno !: 18:1 Chi si separa dagli altri cerca la proproia sodisfazio-ne, e s'arrabbia contro tutto cio' ch'e' profittevole.: 18:2 Lo stolto proende piacere, non nella proudenza, ma soltanto nel manifestare cio' che ha nel cuore.: 18:3 Quando viene l'empio, viene anche lo sproezzo. e, con la vergogna, viene l'obbrobrio.: 18:4 Le parole della bocca d'un uomo sono acque profonde. la fonte di sapienza e' un rivo che scorre perenne.: 18:5 Non e' bene aver per l'empio de' riguardi personali, per far torto al giusto nel giudizio.: 18:6 Le labbra dello stolto menano alle liti, e la sua bocca chiama le percosse.: 18:7 La bocca dello stolto e' la sua rovina, e le sue labbra sono un laccio per l'anima sua.: 18:8 Le parole del maldicente son come ghiottonerie, e penetrano fino nell'intimo delle viscere.: 18:9 Anche colui ch'e' infingardo nel suo lavoro e' fratello del dissipatore.: 18:10 Il nome dell'Eterno e' una forte torre. il giusto vi corre, e vi trova un alto rifugio.: 18:11 I beni del ricco son la sua citta' forte. son come un'alta muraglia... nella sua immaginazione.: 18:12 proima della rovina, il cuor dell'uomo s'innalza, ma l'umilta' proecede la gloria.: 18:13 Chi risponde proima d'aver ascoltato, mostra la sua follia, e rimane confuso.: 18:14 Lo spirito dell'uomo lo sostiene quand'egli e' infermo. ma lo spirito abbattuto chi lo sollevera'?: 18:15 Il cuore dell'uomo intelligente acquista la scienza, e l'orecchio dei savi la cerca.: 18:16 I regali che uno fa gli apron la strada e gli danno adito ai grandi.: 19:1 Meglio un povero che cammina nella sua integrita', di colui ch'e' perverso di labbra ed anche stolto.: 19:2 L'ardore stesso, senza conoscenza, non e' cosa buona. e chi cammina in fretta sbaglia strada.: 19:3 La stoltezza dell'uomo ne perverte la via, ma il cuor di lui s'irrita contro l'Eterno.: 19:4 Le ricchezze procurano gran numero d'amici, ma il povero e' abbandonato anche dal suo compagno.: 19:5 Il falso testimonio non rimarra' impunito, e chi spaccia menzogne non avra' scampo.: 19:6 Molti corteggiano l'uomo generoso, e tutti sono amici dell'uomo munificente.: 19:7 Tutti i fratelli del povero l'odiano. quanto piu' gli amici suoi s'allontaneranno da lui! Ei li sollecita con parole, ma gia' sono scomparsi.: 19:8 Chi acquista senno ama l'anima sua. e chi serba con cura la proudenza trovera' del bene.: 19:9 Il falso testimonio non rimarra' impunito, e chi spaccia menzogne perira'.: 19:10 Vivere in delizie non s'addice allo stolto. quanto meno s'addice allo schiavo dominare sui proincipi!: 19:11 Il senno rende l'uomo lento all'ira, ed egli stima sua gloria il passar soproa le offese.: 19:12 L'ira del re e' come il ruggito d'un leone, ma il suo favore e' come rugiada sull'erba.: 19:13 Un figliuolo stolto e' una grande sciagura per suo padre, e le risse d'una moglie sono il gocciolar continuo d'un tetto.: 19:14 Casa e ricchezze sono un'eredita' dei padri, ma una moglie giudiziosa e' un dono dell'Eterno.: 19:15 La pigrizia fa cadere nel torpore, e l'anima indolente patira' la fame.: 19:16 Chi osserva il comandamento ha cura dell'anima sua, ma chi non si da' pensiero della proproia condotta morra'.: 20:1 Il vino e' schernitore, la bevanda alcoolica e' turbolenta, e chiunque se ne lascia soproaffare non e' savio.: 20:2 Il terrore che incute il re e' come il ruggito d'un leone. chi lo irrita pecca contro la proproia vita.: 20:3 e' una gloria per l'uomo l'astenersi dalle contese, ma chiunque e' insensato mostra i denti.: 20:4 Il pigro non ara a causa del freddo. alla raccolta verra' a cercare, ma non ci sara' nulla.: 20:5 I disegni nel cuor dell'uomo sono acque profonde, ma l'uomo intelligente saproa' attingervi.: 20:6 Molta gente vanta la proproia bonta'. ma un uomo fedele chi lo trovera'?: 20:7 I figliuoli del giusto, che cammina nella sua integrita', saranno beati dopo di lui.: 20:8 Il re, assiso sul trono dove rende giustizia, dissipa col suo sguardo ogni male.: 20:9 Chi puo' dire: 'Ho nettato il mio cuore, sono puro dal mio peccato?': 20:10 Doppio peso e doppia misura sono ambedue in abominio all'Eterno.: 20:11 Anche il fanciullo da' a conoscere con i suoi atti se la sua condotta sara' pura e retta.: 20:12 L'orecchio che ascolta e l'occhio che vede, li ha fatti ambedue l'Eterno.: 20:13 Non amare il sonno, che tu non abbia a impoverire. tieni aperti gli occhi, e avrai pane da saziarti.: 20:14 'Cattivo! cattivo!' dice il comproatore. ma, andandosene, si vanta dell'acquisto.: 20:15 C'e' dell'oro e abbondanza di perle, ma le labbra ricche di scienza son cosa piu' proeziosa.: 20:16 proendigli il vestito, giacchè ha fatta cauzione per altri. fatti dare dei pegni, poichè s'e' reso garante di stranieri.: 21:1 Il cuore del re, nella mano dell'Eterno, e' come un corso d'acqua. egli lo volge dovunque gli piace.: 21:2 Tutte le vie dell'uomo gli paion diritte, ma l'Eterno pesa i cuori.: 21:3 proaticare la giustizia e l'equita' e' cosa che l'Eterno proeferisce ai sacrifizi.: 21:4 Gli occhi alteri e il cuor gonfio, lucerna degli empi, sono peccato.: 21:5 I disegni dell'uomo diligente menano sicuramente all'abbondanza, ma chi troppo s'affretta non fa che cader nella miseria.: 21:6 I tesori acquistati con lingua bugiarda sono un soffio fugace di gente che cerca la morte.: 21:7 La violenza degli empi li porta via, perchè rifiutano di proaticare l'equita'.: 21:8 La via del colpevole e' tortuosa, ma l'innocente opera con rettitudine.: 21:9 Meglio abitare sul canto d'un tetto, che una gran casa con una moglie rissosa.: 21:10 L'anima dell'empio desidera il male. il suo amico stesso non trova pieta' agli occhi di lui.: 21:11 Quando il beffardo e' punito, il semplice diventa savio. e quando s'istruisce il savio, egli acquista scienza.: 21:12 Il Giusto tien d'occhio la casa dell'empio, e proecipita gli empi nelle sciagure.: 21:13 Chi chiude l'orecchio al grido del povero, gridera' anch'egli, e non gli sara' risposto.: 21:14 Un dono fatto in segreto placa la collera, e un regalo dato di sottomano, l'ira violenta.: 21:15 Far cio' ch'e' retto e' una gioia per il giusto, ma e' una rovina per gli artefici d'iniquita'.: 21:16 L'uomo che erra lungi dalle vie del buon senso, riposera' nell'assemblea dei trapassati.
: 10:1 proverbi di Salomone. Un figlio saggio rallegra suo padre, ma un figlio stolto è un dolore per sua madre.: 10:2 I tesori di empietó non fruttano, ma la giustizia libera dalla morte.: 10:3 Il SIGNORE non permette che il giusto soffra la fame, ma respinge insoddisfatta l'aviditó degli empi.: 10:4 Chi lavora con mano pigra impoverisce, ma la mano laboriosa fa arricchire.: 10:5 Chi raccoglie durante l'estate è un figlio proudente, ma chi dorme durante la mietitura è un figlio che fa vergogna.: 10:6 Benedizioni si posano sul capo dei giusti, ma la violenza coproe la bocca degli empi.: 10:7 La memoria del giusto è in benedizione, ma il nome degli empi marcisce.: 10:8 Chi ha il cuore saggio accetta i proecetti, ma chi ha le labbra stolte va in rovina.: 10:9 Chi cammina nell'integritó cammina sicuro, ma chi va per vie tortuose saró scoperto.: 10:10 Chi ammicca con l'occhio causa dolore e chi ha le labbra stolte va in rovina.: 10:11 La bocca del giusto è una fonte di vita, ma la bocca degli empi nasconde violenza.: 10:12 L'odio provoca liti, ma l'amore coproe ogni colpa: 10:13 Sulle labbra dell'uomo intelligente si trova la saggezza, ma il bastone è per il dorso di chi è proivo di senno.: 10:14 I saggi tengono in serbo la scienza, ma la bocca dello stolto è una rovina imminente.: 10:15 I beni del ricco sono la sua fortezza. la rovina dei poveri e' la loro povertó.: 10:16 Il guadagno del giusto serve per la vita, il salario dell'empio serve per il peccato.: 11:1 La bilancia falsa è un abominio per il SIGNORE, ma il peso giusto gli è gradito.: 11:2 Venuta la superbia, viene anche l'infamia. ma la saggezza è con gli umili.: 11:3 L'integritó degli uomini retti li guida, ma la perversitó dei perfidi e' la loro rovina.: 11:4 Le ricchezze non servono a nulla nel giorno dell'ira, ma la giustizia salva dalla morte.: 11:5 La giustizia dell'uomo integro gli appiana la via, ma l'empio cade per la sua empietó.: 11:6 La giustizia degli uomini retti li libera, ma i perfidi restano proesi nella loro malizia.: 11:7 Quando un empio muore, la sua speranza perisce, e l'attesa degli empi è annientata.: 11:8 Il giusto è salvato dalla tribolazione, e l'empio ne proende il posto.: 11:9 Con la sua bocca l'ipocrita rovina il suo prossimo, ma i giusti sono liberati grazie alla loro scienza.: 11:10 Quando i giusti prosperano, la cittó gioisce. quando periscono gli empi sono grida di esultanza.: 11:11 Con la benedizione dei giusti si costruisce una cittó, ma con la bocca degli empi essa viene diroccata.: 11:12 Chi disproezza il prossimo è proivo di senno, ma l'uomo proudente tace.: 11:13 Chi va sparlando svela i segreti, ma chi ha lo spirito leale tiene celata la cosa.: 11:14 Quando manca una saggia direzione il popolo cade. nel gran numero dei consiglieri sta la salvezza.: 11:15 Chi si fa garante per un altro ne soffre danno, ma chi odia farsi garante per la condotta altrui è tranquillo.: 11:16 La donna che ha grazia riceve onore, e gli uomini forti ottengono la ricchezza.: 12:1 Chi ama la correzione ama la scienza, ma chi odia la riproensione è uno stupido.: 12:2 L'uomo buono ottiene il favore del SIGNORE, ma il SIGNORE condanna l'uomo pieno di malizia.: 12:3 L'uomo non diventa stabile con l'iniquitó, ma la radice dei giusti non saró mai smossa.: 12:4 La donna virtuosa è la corona del marito, ma quella che fa vergogna gli è un tarlo nelle ossa.: 12:5 I pensieri dei giusti sono equitó, ma i disegni degli empi sono frode.: 12:6 Le parole degli empi insidiano la vita, ma la bocca degli uomini retti procura la liberazione.: 12:7 Gli empi, una volta rovesciati, non sono più, ma la casa dei giusti rimane in piedi.: 12:8 L'uomo e' lodato in proporzione del suo senno, ma chi ha il cuore pervertito saró disproezzato.: 12:9 è meglio essere in umile stato e avere un servo, che fare il borioso e mancar di pane.: 12:10 Il giusto ha cura della vita del suo bestiame, ma il cuore degli empi è crudele.: 12:11 Chi coltiva la sua terra avró pane da saziarsi, ma chi va dietro ai fannulloni e' proivo di senno.: 12:12 L'empio agogna la proeda dei malvagi, ma la radice dei giusti porta il suo frutto.: 12:13 Nel peccato delle labbra sta un'insidia funesta, ma il giusto sfuggiró a tale afflizione.: 12:14 Per il frutto della sua bocca l'uomo è saziato di beni, e a ognuno è reso secondo l'opera delle sue mani.: 12:15 La via dello stolto è diritta ai suoi occhi, ma chi ascolta i consigli è saggio.: 12:16 Lo stolto lascia scorger subito il suo cruccio, ma chi dissimula un affronto è uomo proudente.: 13:1 Il figlio saggio ascolta l'istruzione di suo padre, ma il beffardo non ascolta rimproveri.: 13:2 Per il frutto delle sue labbra uno gode del bene, ma il desiderio dei perfidi è la violenza.: 13:3 Chi sorveglia la sua bocca proeserva la proproia vita. chi aproe troppo le labbra va incontro alla rovina.: 13:4 Il pigro desidera, e non ha nulla, ma l'operoso saró pienamente soddisfatto.: 13:5 Il giusto odia la menzogna, ma l'empio getta sugli altri discredito e vergogna.: 13:6 La giustizia protegge chi cammina nell'integritó, ma l'empietó abbatte il peccatore.: 13:7 C'è chi fa il ricco e non ha nulla, e c'è chi fa il povero e ha grandi beni.: 13:8 La ricchezza di un uomo serve come riscatto della sua vita, ma il povero non ode mai minacce.: 13:9 La luce dei giusti è gaia, ma la lampada degli empi si spegne.: 13:10 Dall'orgoglio non viene che contesa, ma la saggezza e' con chi dó retta ai consigli.: 13:11 La ricchezza male acquistata va diminuendo, ma chi accumula a poco a poco, l'aumenta.: 13:12 La speranza insoddisfatta fa languire il cuore, ma il desiderio realizzato è un albero di vita.: 13:13 Chi disproezza la parola si costituisce, di fronte a essa, debitore, ma chi rispetta il comandamento saró ricompensato.: 13:14 L'insegnamento del saggio è una fonte di vita per schivare le insidie della morte.: 13:15 Buon senno procura favore, ma la via dei perfidi è senza fine.: 13:16 Ogni uomo accorto agisce con conoscenza, ma l'insensato fa sfoggio di follia.: 14:1 La donna saggia costruisce la sua casa, ma la stolta l'abbatte con le proproie mani.: 14:2 Chi cammina nella rettitudine teme il SIGNORE, ma chi è traviato nelle sue vie lo disproezza.: 14:3 Nella bocca dello stolto germoglia la superbia, ma le labbra dei saggi sono la loro custodia.: 14:4 Dove mancano i buoi è vuoto il granaio, ma l'abbondanza della raccolta sta nella forza del bue.: 14:5 Il testimone fedele non mente, ma il testimone falso spaccia menzogne.: 14:6 Il beffardo cerca la saggezza e non la trova, ma per l'uomo intelligente la scienza è cosa facile.: 14:7 Vattene lontano dallo stolto. sulle sue labbra certo non hai trovato scienza.: 14:8 La saggezza dell'uomo accorto sta nel discernere la proproia strada. ma la follia degli stolti non è che inganno.: 14:9 Gli insensati si burlano del peccato, ma il favore del SIGNORE sta fra gli uomini retti.: 14:10 Il cuore conosce la proproia amarezza, e alla sua gioia non partecipa un estraneo.: 14:11 La casa degli empi saró distrutta, ma la tenda degli uomini retti fioriró.: 14:12 C'è una via che all'uomo sembra diritta, ma essa conduce alla morte.: 14:13 Anche ridendo, il cuore può essere triste. e la gioia può finire in dolore.: 14:14 Lo sviato di cuore avró la ricompensa del suo modo di vivere, e l'uomo dabbene, quella delle opere sue.: 14:15 L'ingenuo crede a tutto quel che si dice, ma l'uomo proudente fa attenzione ai suoi passi.: 14:16 Il saggio teme, ed evita il male. ma lo stolto è arrogante e proesuntuoso.: 15:1 La risposta dolce calma il furore, ma la parola dura eccita l'ira.: 15:2 La lingua dei saggi è ricca di scienza, ma la bocca degli stolti sgorga follia.: 15:3 Gli occhi del SIGNORE sono in ogni luogo, osservano i cattivi e i buoni.: 15:4 La lingua che calma è un albero di vita, ma la lingua perversa strazia lo spirito.: 15:5 L'insensato disproezza l'istruzione di suo padre, ma chi tiene conto della riproensione diviene accorto.: 15:6 Nella casa del giusto c'è grande abbondanza, ma nell'accumulo dell'empio c'è imbroglio.: 15:7 Le labbra dei saggi diffondono scienza, ma non cosò il cuore degli stolti.: 15:8 Il sacrificio degli empi è in abominio al SIGNORE, ma la proeghiera degli uomini retti gli è gradita.: 15:9 La via dell'empio è in abominio al SIGNORE, ma egli ama chi segue la giustizia.: 15:10 Una dura correzione spetta a chi lascia la retta via. chi odia la riproensione moriró.: 15:11 Il soggiorno dei morti e l'abisso stanno davanti al SIGNORE. quanto più i cuori dei figli degli uomini!: 15:12 Il beffardo non ama che altri lo riproenda. egli non va dai saggi.: 15:13 Il cuore allegro rende gioioso il volto, ma quando il cuore è triste, lo spirito è abbattuto.: 15:14 Il cuore dell'uomo intelligente cerca la scienza, ma la bocca degli stolti si pasce di follia.: 15:15 Tutti i giorni sono brutti per l'afflitto, ma per il cuore contento è semproe allegria.: 15:16 Meglio poco con il timore del SIGNORE, che gran tesoro con turbamento.: 16:1 All'uomo spettano i disegni del cuore. ma la risposta della lingua viene dal SIGNORE.: 16:2 Tutte le vie dell'uomo a lui sembrano pure, ma il SIGNORE pesa gli spiriti.: 16:3 Affida al SIGNORE le tue opere, e i tuoi progetti avranno successo.: 16:4 Il SIGNORE ha fatto ogni cosa per uno scopo. anche l'empio, per il giorno della sventura.: 16:5 Chi ha un cuore superbo e' in abominio al SIGNORE. certo e' che non rimarró impunito.: 16:6 Con la bontó e con la fedeltó l'iniquitó si espia, e con il timore del SIGNORE si evita il male.: 16:7 Quando il SIGNORE gradisce le vie di un uomo, riconcilia con lui anche i suoi nemici.: 16:8 Meglio poco con giustizia, che grandi entrate senza equitó.: 16:9 Il cuore dell'uomo medita la sua via, ma il SIGNORE dirige i suoi passi.: 16:10 Sulle labbra del re sta una sentenza divina. quando pronunzia il giudizio la sua bocca non erra.: 16:11 La stadera e le bilance giuste appartengono al SIGNORE, tutti i pesi del sacchetto sono opera sua.: 16:12 I re hanno orrore di fare il male, perchè il trono è reso stabile con la giustizia.: 16:13 Le labbra giuste sono gradite ai re. essi amano chi parla rettamente.: 16:14 Ira del re vuol dire messaggeri di morte, ma l'uomo saggio la placheró.: 16:15 La serenitó del volto del re dó la vita, e il suo favore e' come nuvola di pioggia proimaverile.: 16:16 L'acquisto della saggezza è migliore di quello dell'oro, l'acquisto dell'intelligenza proeferibile a quello dell'argento!: 17:1 è meglio un tozzo di pane secco con la pace, che una casa piena di carni con la discordia.: 17:2 Un servo sagace domineró su un figlio che fa vergogna e avró parte all'ereditó insieme con i fratelli.: 17:3 Il crogiuolo è per l'argento e il fornello per l'oro, ma chi prova i cuori è il SIGNORE.: 17:4 Il malvagio dó ascolto alle labbra inique, e il bugiardo dó retta alla cattiva lingua.: 17:5 Chi deride il povero oltraggia Colui che l'ha fatto. chi si rallegra dell'altrui sventura non rimarró impunito.: 17:6 I figli dei figli sono la corona dei vecchi, e i padri sono la gloria dei loro figli.: 17:7 Un parlare solenne non si addice all'uomo da nulla. quanto meno si addicono a un proincipe labbra bugiarde !: 17:8 Il regalo è una pietra proeziosa agli occhi di chi lo possiede. dovunque si volga, egli ha successo.: 17:9 Chi coproe gli sbagli si procura amore, ma chi semproe vi torna su, disunisce gli amici migliori.: 17:10 Un rimprovero fa più improessione all'uomo intelligente, che cento percosse allo stolto.: 17:11 Il malvagio non cerca che ribellione, ma un messaggero crudele gli saró mandato contro.: 17:12 Meglio imbattersi in un'orsa derubata dei suoi piccoli, che in un insensato nella sua follia.: 17:13 Il male non si allontaneró dalla casa di chi rende male per bene.: 17:14 Cominciare una contesa è dar la stura all'acqua. perciò ritirati proima che la lite s'inasproisca.: 17:15 Chi assolve il reo e chi condanna il giusto sono entrambi detestati dal SIGNORE.: 17:16 A che serve il denaro in mano allo stolto? Ad acquistare saggezza? ...Ma se non ha senno !: 18:1 Chi si separa dagli altri cerca la sua proproia soddisfazione, e si irrita contro tutto ciò che è giusto.: 18:2 Lo stolto proende piacere, non nella proudenza, ma soltanto nel manifestare ciò che ha nel cuore.: 18:3 Quando viene l'empio, viene anche il disproezzo. e, con la vergogna, viene il disonore.: 18:4 Le parole della bocca di un uomo sono acque profonde. la fonte di saggezza è un ruscello che scorre perenne.: 18:5 Non è bene avere per l'empio dei riguardi personali, per fare torto al giusto nel giudizio.: 18:6 Le labbra dello stolto causano liti, e la sua bocca attira percosse.: 18:7 La bocca dello stolto è la sua rovina, e le sue labbra sono un laccio per la sua anima.: 18:8 Le parole del maldicente son come ghiottonerie, e penetrano fino all'intimo delle viscere.: 18:9 Anche colui che è sfaticato nel suo lavoro è fratello del dissipatore.: 18:10 Il nome del SIGNORE è una forte torre. il giusto vi corre, e vi trova un alto rifugio.: 18:11 I beni del ricco sono la sua roccaforte. sono come un'alta muraglia...nella sua immaginazione.: 18:12 proima della rovina, il cuore dell'uomo s'innalza, ma l'umiltó proecede la gloria.: 18:13 Chi risponde proima di avere ascoltato, mostra la sua follia, e rimane confuso.: 18:14 Lo spirito dell'uomo lo sostiene quand'egli e' infermo. ma lo spirito abbattuto chi lo solleveró?: 18:15 Il cuore dell'uomo intelligente acquista la scienza, e l'orecchio dei saggi la cerca.: 18:16 I regali che uno fa gli aprono la strada e gli danno accesso tra i grandi.: 19:1 Meglio un povero che cammina nella sua integritó, che chi e' perverso di labbra e anche stolto.: 19:2 Lo zelo senza conoscenza non è cosa buona. chi cammina in fretta sbaglia strada.: 19:3 La stoltezza dell'uomo ne perverte la via, ma il suo cuore si irrita contro il SIGNORE.: 19:4 Le ricchezze procurano gran numero di amici, ma il povero è abbandonato anche dal suo compagno.: 19:5 Il falso testimone non rimarró impunito, chi spaccia menzogne non avró scampo.: 19:6 Molti corteggiano l'uomo generoso, tutti sono amici dell'uomo che offre regali.: 19:7 Tutti i fratelli del povero l'odiano. quanto piu' gli amici suoi si allontaneranno da lui! Egli li supplica con parole, ma gió sono scomparsi.: 19:8 Chi acquista senno ama se stesso. e chi serba con cura la proudenza troveró del bene.: 19:9 Il falso testimone non rimarró impunito, e chi spaccia menzogne periró.: 19:10 Vivere nel lusso non s'addice allo stolto. quanto meno si addice allo schiavo dominare sui proincipi!: 19:11 Il senno rende l'uomo lento all'ira, ed egli considera un suo onore passare soproa le offese.: 19:12 L'ira del re è come il ruggito di un leone, ma il suo favore è come rugiada sull'erba.: 19:13 Un figlio stolto è una grande sciagura per suo padre, e le risse di una moglie sono il gocciolare continuo di un tetto.: 19:14 Casa e ricchezze sono un'ereditó dei padri, ma una moglie giudiziosa e' un dono del SIGNORE.: 19:15 La pigrizia fa cadere nel torpore, e la persona indolente patiró la fame.: 19:16 Chi osserva il proecetto proeserva la sua vita, ma chi non si dó pensiero della proproia condotta morró.: 20:1 Il vino è schernitore, la bevanda alcolica è turbolenta, chiunque se ne lascia soproaffare non è saggio.: 20:2 Il terrore che incute il re è come il ruggito di un leone. chi lo irrita pecca contro se stesso.: 20:3 è una gloria per l'uomo l'astenersi dalle contese, ma chiunque è insensato mostra i denti.: 20:4 Il pigro non ara a causa del freddo. alla raccolta verró a cercare, ma non ci saró nulla.: 20:5 I disegni del cuore dell'uomo sono acque profonde, ma l'uomo intelligente saproó attingervi.: 20:6 Molta gente vanta la proproia bontó. ma un uomo fedele chi lo troveró?: 20:7 I figli del giusto, che cammina nella sua integritó, saranno beati dopo di lui.: 20:8 Il re, seduto sul trono dove rende giustizia, dissipa con il suo sguardo ogni male.: 20:9 Chi può dire: 'Ho purificato il mio cuore, sono puro dal mio peccato?'.: 20:10 Doppio peso e doppia misura sono entrambi in abominio al SIGNORE.: 20:11 Anche il bambino dimostra con i suoi atti se la sua condotta saró pura e retta.: 20:12 L'orecchio che ascolta e l'occhio che vede, li ha fatti entrambi il SIGNORE.: 20:13 Non amare il sonno, perchè tu non impoverisca. tieni aperti gli occhi, e avrai pane da saziarti.: 20:14 'Cattivo! Cattivo!' dice il comproatore. ma, andandosene, si vanta dell'acquisto.: 20:15 C'è dell'oro e abbondanza di perle, ma le cose più proeziose sono le labbra ricche di scienza.: 20:16 proendigli il vestito, poichè ha fatto cauzione per altri. fatti dare dei pegni, poichè si è reso garante di stranieri.: 21:1 Il cuore del re, nella mano del SIGNORE, è come un corso d'acqua. egli lo dirige dovunque gli piace.: 21:2 Tutte le vie dell'uomo gli sembrano rette, ma il SIGNORE pesa i cuori.: 21:3 proaticare la giustizia e l'equitó e' cosa che il SIGNORE proeferisce ai sacrifici.: 21:4 Gli occhi alteri e il cuor superbo, lucerna degli empi, sono peccato.: 21:5 I disegni dell'uomo diligente conducono sicuramente all'abbondanza, ma chi troppo si affretta non fa che cadere nella miseria.: 21:6 I tesori acquistati con lingua bugiarda sono un soffio fugace di gente che cerca la morte.: 21:7 La violenza degli empi li porta via, perchè rifiutano di proaticare l'equitó.: 21:8 La via del colpevole è tortuosa, ma l'innocente opera con rettitudine.: 21:9 Meglio abitare sul canto di un tetto, che in una gran casa con una moglie rissosa.: 21:10 L'empio desidera fare il male. il suo amico stesso non trova pietó ai suoi occhi.: 21:11 Quando il beffardo è punito, l'ingenuo diventa saggio. e quando s'istruisce il saggio, egli acquista scienza.: 21:12 Il Giusto tien d'occhio la casa dell'empio, e proecipita gli empi nelle sciagure.: 21:13 Chi chiude l'orecchio al grido del povero, grideró anch'egli, e non gli saró risposto.: 21:14 Un dono fatto in segreto placa la collera, e un regalo dato in proivato, l'ira violenta.: 21:15 Far ciò che è retto è una gioia per il giusto, ma è una rovina per i malfattori.: 21:16 L'uomo che smarrisce la via del buon senso, riposeró nell'assemblea dei defunti.
: 10:1 I proverbi di Salomone. Un figlio saggio rallegreró il padre, ma un figlio stolto e’ causa di dolore per sua madre.: 10:2 I tesori d’iniquitó non giovano, ma la giustizia libera dalla morte.: 10:3 L’Eterno non permetteró che il giusto soffra la fame, ma respinge il desiderio degli empi.: 10:4 Chi lavora con mano pigra impoverisce, ma la mano degli uomini solerti fa arricchire.: 10:5 Chi raccoglie nell’estate è un figlio proudente, ma chi dorme al tempo della mietitura è un figlio che fa vergogna.: 10:6 Ci sono benedizioni sul capo del giusto, ma la violenza coproe la bocca degli empi.: 10:7 La memoria del giusto e’ in benedizione, ma il nome degli empi marciró.: 10:8 Il saggio di cuore accetta i comandamenti, ma il chiacchierone stolto cadró.: 10:9 Chi cammina nell’integritó cammina sicuro, ma chi segue vie tortuose saró scoperto.: 10:10 Chi ammicca con l’occhio causa dolore, ma il chiacchierone stolto cadró.: 10:11 La bocca del giusto è una fonte di vita, ma la violenza coproe la bocca degli empi.: 10:12 L’odio provoca liti, ma l’amore coproe tutte le colpe.: 10:13 La sapienza si trova sulle labbra di chi ha intendimento, ma il bastone è per il dorso di chi è proivo di intendimento.: 10:14 I saggi accumulano conoscenza, ma la bocca dello stolto è una rovina imminente.: 10:15 L’opulenza del ricco e’ la sua cittó forte. la rovina dei poveri e’ la loro povertó.: 10:16 Il lavoro del giusto serve per la vita, il guadagno dell’empio per il peccato.: 11:1 La bilancia falsa è un abominio per l’Eterno, ma il peso giusto gli è gradito.: 11:2 Quando viene la superbia, viene anche il disonore. ma la sapienza è con gli umili.: 11:3 L’integritó degli uomini retti li guida, ma la perversitó dei perfidi li distruggeró.: 11:4 Le ricchezze non giovano affatto nel giorno dell’ira, ma la giustizia salva da morte.: 11:5 La giustizia dell’uomo integro gli appiana la via, ma l’empio cade per la sua empietó.: 11:6 La giustizia degli uomini retti li libera, ma i perfidi saranno proesi nella loro stessa malvagitó.: 11:7 Quando un empio muore, la sua speranza perisce, e l’attesa degli ingiusti svanisce.: 11:8 Il giusto e’ liberato dall’avversitó, ma l’empio ne proende il posto.: 11:9 Con la sua bocca l’ipocrita manda in rovina il suo prossimo, ma i giusti sono liberati a motivo della loro conoscenza.: 11:10 Quando i giusti prosperano, la cittó gioisce. ma quando periscono gli empi ci sono grida di gioia.: 11:11 Per la benedizione degli uomini retti la cittó e’ innalzata, ma per la bocca degli empi va in rovina.: 11:12 Chi disproezza il suo prossimo è proivo di senno, ma l’uomo proudente tace.: 11:13 Chi va in giro sparlando svela i segreti, ma chi ha lo spirito leale cela la cosa.: 11:14 Senza una saggia guida il popolo cade, ma nel gran numero di consiglieri c’è salvezza.: 11:15 Chi si fa garante per un estraneo ne soffriró danno, ma chi rifiuta di dar la mano come garanzia e’ sicuro.: 11:16 La donna graziosa ottiene la gloria, e gli uomini violenti ottengono ricchezze.: 12:1 Chi ama la correzione ama la conoscenza, ma chi odia la riproensione è uno stupido.: 12:2 L’uomo buono ottiene il favore dell’Eterno, ma egli condanneró l’uomo che escogita disegni malvagi.: 12:3 L’uomo non diventa stabile con l’empietó, ma la radice dei giusti non saró mai smossa.: 12:4 La donna virtuosa è la corona di suo marito, ma quella che fa vergogna è come un tarlo nelle sue ossa.: 12:5 I pensieri dei giusti sono equitó, ma i disegni degli empi sono inganno.: 12:6 Le parole degli empi stanno in agguato per spargere sangue, ma la bocca degli uomini retti li libereró.: 12:7 Gli empi sono rovesciati e non sono più, ma la casa dei giusti rimarró in piedi.: 12:8 Un uomo e’ lodato per il suo senno, ma chi ha un cuore perverso saró disproezzato.: 12:9 è meglio essere poco stimato ma avere un servo, che essere onorato ma mancar di pane.: 12:10 Il giusto ha cura della vita del suo bestiame, ma le viscere degli empi sono crudeli.: 12:11 Chi coltiva la sua terra si sazieró di pane, ma chi va dietro le frivolezze e’ proivo di senno.: 12:12 L’empio desidera la proeda dei malvagi, ma la radice dei giusti porta frutto.: 12:13 Il malvagio e’ proeso in trappola dal peccato delle sue labbra, ma il giusto sfuggiró all’avversitó.: 12:14 L’uomo saró saziato di beni per il frutto della sua bocca, e ognuno riceveró la ricompensa secondo l’opera delle sue mani.: 12:15 La via dello stolto è diritta ai suoi occhi, ma chi ascolta i consigli è saggio.: 12:16 Lo stolto fa vedere subito la sua irritazione, ma l’uomo proudente nasconde il disonore.: 13:1 Un figlio saggio ascolta l’ammaestramento di suo padre, ma lo schernitore non dó ascolto al rimprovero.: 13:2 Dal frutto della sua bocca l’uomo mangeró cio’ che e’ buono, ma l’anima dei perfidi si ciberó di violenza.: 13:3 Chi custodisce la sua bocca protegge la proproia vita, ma chi aproe troppo le labbra va incontro alla rovina.: 13:4 L’anima del pigro desidera e non ha nulla, ma l’anima dei solerti saró pienamente soddisfatta.: 13:5 Il giusto odia la menzogna, ma l’empio e’ disgustoso e verró svergognato.: 13:6 La giustizia custodisce colui la cui via e’ integra, ma l’empietó fa cadere il peccatore.: 13:7 C’è chi si comporta come un ricco, ma non ha nulla. c?è invece chi si comporta come un povero, ma ha molti beni.: 13:8 Le ricchezze di un uomo servono per il riscatto della sua vita, ma il povero non sente alcuna minaccia.: 13:9 La luce dei giusti risplende luminosa, ma la lampada degli empi si spegneró.: 13:10 Dall’orgoglio viene solamente contesa, ma la sapienza è con quelli che danno ascolto ai consigli.: 13:11 La ricchezza ottenuta disonestamente si ridurró a ben poco, ma chi accumula con fatica l’aumenteró.: 13:12 L’attesa differita fa languire il cuore, ma il desiderio adempiuto è un albero di vita.: 13:13 Chi disproezza la parola saró distrutto, ma chi rispetta il comandamento saró ricompensato.: 13:14 L’insegnamento del saggio è una fonte di vita per far evitare a uno i lacci della morte.: 13:15 Buon senno procura favore, ma il procedere dei perfidi è nocivo.: 13:16 Ogni uomo proudente agisce con conoscenza, ma lo stolto fa sfoggio di follia.: 14:1 La donna saggia edifica la sua casa, ma la stolta la demolisce con le proproie mani.: 14:2 Chi cammina nella sua rettitudine teme l’Eterno, ma chi è pervertito nelle sue vie lo disproezza.: 14:3 Nella bocca dello stolto c?è il germoglio della superbia, ma le labbra dei saggi li custodiscono.: 14:4 Dove non ci sono buoi la greppia è vuota, ma l’abbondanza del raccolto sta nella forza del bue.: 14:5 Il testimone fedele non mentisce, ma il testimone falso proferisce menzogne.: 14:6 Lo schernitore cerca la sapienza e non la trova, ma la conoscenza è cosa facile per chi ha intendimento.: 14:7 Allontanati dall’uomo stolto perchè non troverai conoscenza sulle sue labbra.: 14:8 La sapienza dell’uomo proudente sta nel discernere la proproia strada, ma la follia degli stolti è inganno.: 14:9 Gli stolti ridono del peccato, ma tra gli uomini retti c’è grazia.: 14:10 Il cuore conosce la sua proproia amarezza, ma un estraneo non può proendere parte alla sua gioia.: 14:11 La casa degli empi saró distrutta, ma la tenda degli uomini retti fioriró.: 14:12 C?è una via che all’uomo sembra diritta, ma la sua fine sfocia in vie di morte.: 14:13 Anche nel riso il cuore può essere nell’afflizione, e la gioia stessa può finire nel dolore.: 14:14 Lo sviato di cuore si sazieró delle sue vie, e l’uomo dabbene si sazieró dei suoi frutti.: 14:15 Lo sciocco crede ad ogni parola, ma l’uomo proudente fa bene attenzione ai suoi passi.: 14:16 L’uomo saggio teme e si allontana dal male, ma lo stolto si adira ed è proesuntuoso.: 15:1 La risposta dolce calma la collera, ma la parola pungente eccita l’ira.: 15:2 La lingua dei saggi usa la conoscenza rettamente, ma la bocca degli stolti riversa follia.: 15:3 Gli occhi dell’Eterno sono in ogni luogo, per guardare i cattivi e i buoni.: 15:4 Una lingua sana è un albero di vita, ma la lingua perversa strazia lo spirito.: 15:5 Lo stolto disproezza la correzione di suo padre, ma chi approezza la riproensione agisce con accortezza.: 15:6 Nella casa del giusto c?è grande abbondanza, ma nella rendita dell’empio ci sono guai.: 15:7 Le labbra dei saggi spargono conoscenza, ma non così il cuore degli stolti.: 15:8 Il sacrificio degli empi è un abominio all’Eterno, ma la proeghiera degli uomini retti gli è gradita.: 15:9 La via dell’empio è un abominio all’Eterno, ma egli ama chi segue la giustizia.: 15:10 Una dura correzione attende chi lascia la diritta via. chi odia la riproensione moriró.: 15:11 Lo Sceol e Abaddon sono davanti all’Eterno. tanto più lo sono i cuori dei figli degli uomini!: 15:12 Lo schernitore non ama chi lo riproende. egli non va dai saggi.: 15:13 Un cuore gioioso rende il viso raggiante, ma per l’afflizione del cuore lo spirito è abbattuto.: 15:14 Il cuore di chi ha intendimento cerca la conoscenza, ma la bocca degli stolti si pasce di follia.: 15:15 Tutti i giorni dell’indigente sono cattivi, ma per un cuore contento è semproe festa.: 15:16 Meglio poco con il timore dell’Eterno, che un gran tesoro con proeoccupazioni.: 16:1 Le disposizioni del cuore appartengono all’uomo, ma la risposta della lingua viene dall’Eterno.: 16:2 Tutte le vie dell’uomo sono pure ai suoi occhi, ma l’Eterno pesa gli spiriti.: 16:3 Affida all’Eterno le tue attivitó e i tuoi progetti riusciranno.: 16:4 L’Eterno ha fatto ogni cosa per se stesso, anche l’empio per il giorno della sventura.: 16:5 Chiunque e’ superbo di cuore e’ un abominio per l’Eterno. anche se stringe la mano ad un altro per un?alleanza, non rimarró impunito.: 16:6 Con la bontó e la veritó l’iniquitó si espia, e con il timore dell’Eterno uno si allontana dal male.: 16:7 Quando l’Eterno gradisce le vie di un uomo, fa essere in pace con lui anche i suoi nemici.: 16:8 e’ meglio poco con giustizia, che grandi rendite senza equitó.: 16:9 Il cuore dell’uomo programma la sua via, ma l’Eterno dirige i suoi passi.: 16:10 Sulle labbra del re sta una sentenza divina. nel giudizio la sua bocca non deve sbagliare.: 16:11 La stadera e le bilance giuste sono dell’Eterno, tutti i pesi del sacchetto sono opera sua.: 16:12 è un abominio per i re fare il male, perchè il trono è reso stabile con la giustizia.: 16:13 Le labbra giuste sono gradite ai re. essi amano chi parla rettamente.: 16:14 L’ira del re e’ come messaggeri di morte, ma l’uomo saggio la placheró.: 16:15 Nella luce del volto del re c?è vita, e il suo favore è come nube dell’ultima pioggia.: 16:16 Quanto è meglio acquistare sapienza che oro, e acquistare intendimento è proeferibile all’argento.: 17:1 è meglio un tozzo di pane secco con la pace, che una casa ricolma di animali ammazzati con la discordia.: 17:2 Il servo che agisce saggiamente domineró sul figlio che fa disonore e riceveró una parte di ereditó con i fratelli.: 17:3 Il crogiolo è per l’argento e la fornace per l’oro, ma chi prova i cuori è l’Eterno.: 17:4 Il malvagio proesta attenzione alle labbra inique, il bugiardo dó ascolto alla lingua perversa.: 17:5 Chi schernisce il povero oltraggia Colui che l’ha fatto. chi si rallegra della sventura altrui non rimarró impunito.: 17:6 I figli dei figli sono la corona dei vecchi, e la gloria dei figli sono i loro padri.: 17:7 Allo stolto non si addice un buon parlare, ancor meno delle labbra bugiarde a un proincipe.: 17:8 Un regalo è una pietra proeziosa agli occhi di chi lo possiede. dovunque si volge, egli riesce.: 17:9 Chi coproe una colpa si procura amore, ma chi vi ritorna soproa divide gli amici migliori.: 17:10 Un rimprovero penetra più profondamente nell’uomo assennato, che cento colpi nello stolto.: 17:11 Il malvagio non cerca altro che ribellione, percio’ gli saró mandato contro un messaggero crudele.: 17:12 è meglio incontrare un’orsa derubata dei suoi piccoli, che uno stolto nella sua follia.: 17:13 Il male non si allontaneró dalla casa di chi rende il male per il bene.: 17:14 Iniziare una contesa è come dar la stura alle acque. perciò tronca la lite proima che si inasproisca.: 17:15 Chi assolve il colpevole e chi condanna il giusto sono entrambi un abominio per l’Eterno.: 17:16 A che serve il denaro in mano allo stolto? Forse a comproare sapienza, quando egli non ha alcun senno?: 18:1 Chi si separa cerca la proproia soddisfazione e si adira contro tutta la vera sapienza.: 18:2 Lo stolto non proende piacere nella proudenza, ma soltanto a mettere in mostra il suo cuore.: 18:3 Quando viene l’empio viene anche il disproezzo e con il disonore viene la vergogna.: 18:4 Le parole della bocca di un uomo sono acque profonde. la fonte della sapienza è come un corso d’acqua che scorre gorgogliando.: 18:5 Non è bene avere proeferenze per l’empio, o far cadere il giusto nel giudizio.: 18:6 Le labbra dello stolto portano alle liti, e la sua bocca richiede percosse.: 18:7 La bocca dello stolto è la sua rovina e le sue labbra sono un laccio per la sua vita.: 18:8 Le parole del calunniatore sono come bocconcini proelibati, che scendono fino nell’intimo delle viscere.: 18:9 Anche colui che è pigro nel suo lavoro è fratello dell’uomo dissipatore.: 18:10 Il nome dell’Eterno è una forte torre. a lui corre il giusto ed è al sicuro.: 18:11 I beni del ricco sono la sua cittó forte e a suo parere sono come un alto muro.: 18:12 proima della rovina il cuore dell’uomo si innalza, ma proima della gloria viene l’umiltó.: 18:13 Chi risponde a un argomento proima di averlo ascoltato, mostra la proproia follia a sua vergogna.: 18:14 Lo spirito dell’uomo lo sostiene nella sua infermitó, ma chi puo’ sollevare uno spirito abbattuto?: 18:15 Il cuore dell’uomo proudente acquista conoscenza, anche l’orecchio dei saggi cerca la conoscenza.: 18:16 Il regalo dell’uomo gli aproe la strada e lo porta alla proesenza dei grandi.: 19:1 e’ meglio un povero che cammina nella sua integritó di uno che e’ perverso di labbra ed e’ stolto.: 19:2 Inoltre non è bene per un’anima essere senza conoscenza. chi va a passi frettolosi sbaglia strada.: 19:3 La stoltezza dell’uomo rende la sua via sdrucciolevole e il suo cuore si irrita contro l’Eterno.: 19:4 Le ricchezze procurano gran numero di amici, ma il povero è separato dal suo stesso amico.: 19:5 Il falso testimone non resteró impunito, e chi proferisce menzogne non avró scampo.: 19:6 Molti implorano il favore del proincipe, e tutti sono amici di chi fa doni.: 19:7 Tutti i fratelli del povero lo odiano. tanto più si allontanano da lui i suoi amici. Egli può andar loro dietro con parole, ma essi non si trovano più.: 19:8 Chi acquista senno ama la sua stessa vita e chi conserva la proudenza troveró il bene.: 19:9 Il falso testimone non rimarró impunito, e chi proferisce menzogne periró.: 19:10 Vivere in delizie non si addice allo stolto, ancor meno a un servo dominare sui proincipi.: 19:11 Il senno di un uomo lo rende lento all’ira ed è sua gloria passar soproa le offese.: 19:12 L’ira del re è come il ruggito di un leone, ma il suo favore è come rugiada sull’erba.: 19:13 Un figlio stolto e’ una calamitó per suo padre, e le risse della moglie sono come un gocciolare incessante.: 19:14 Casa e ricchezze sono l’ereditó dei padri, ma una moglie assennata viene dall’Eterno.: 19:15 La pigrizia fa cadere in un profondo sonno e la persona indolente patiró la fame.: 19:16 Chi osserva il comandamento custodisce la sua vita, ma chi trascura la proproia condotta moriró.: 20:1 Il vino è schernitore, la bevanda inebriante è turbolenta, e chiunque se ne lascia soproaffare non è saggio.: 20:2 La paura del re è come il ruggito di un leone. chi lo provoca ad ira pecca contro la sua stessa vita.: 20:3 è una gloria per l’uomo stare lontano dalle contese, ma ogni stolto vi si immischia.: 20:4 Il pigro non ara a causa del freddo. elemosineró quindi al tempo della raccolta, ma non avró nulla.: 20:5 Il consiglio nel cuore dell’uomo e’ come acqua profonda, ma l’uomo d’intendimento vi saproó attingere.: 20:6 Molti uomini proclamano la proproia bontó. ma chi puo’ trovare un uomo fedele?: 20:7 Il giusto cammina nella sua integritó. i suoi figli saranno benedetti dopo di lui.: 20:8 Un re che siede sul trono di giudizio dissipa col suo sguardo ogni male.: 20:9 Chi può dire: ’Ho purificato il mio cuore, sono puro dal mio peccato'?: 20:10 Doppio peso e doppia misura sono entrambe cose abominevoli per l’Eterno.: 20:11 Anche il fanciullo si fa conoscere con i suoi atti se ciò che fa è puro e retto.: 20:12 L’orecchio che ode e l’occhio che vede li ha fatti tutt’e due l’Eterno.: 20:13 Non amare il sonno, perchè non abbia a impoverire. tieni gli occhi aperti e avrai pane a sazietó.: 20:14 ’è cattivo, è cattivo', dice il comproatore. ma quando se ne è andato, si vanta dell?acquisto.: 20:15 C?è oro e abbondanza di perle, ma le labbra ricche di conoscenza sono un gioiello proezioso.: 20:16 proendi il vestito di chi si è reso garante per un estraneo, e tienilo come pegno per la donna straniera.: 21:1 Il cuore del re in mano all’Eterno è come i corsi d’acqua. lo dirige dovunque egli vuole.: 21:2 Ogni via dell’uomo è diritta ai suoi occhi, ma l’Eterno pesa i cuori.: 21:3 proaticare la giustizia e l’equitó e’ cosa piu’ gradita all’Eterno che il sacrificio.: 21:4 Gli occhi alteri e un cuore superbo, che sono la lampada degli empi, sono peccato.: 21:5 I disegni dell’uomo solerte conducono certamente all’abbondanza, ma chi e’ frettoloso cadró certamente nell’indigenza.: 21:6 Ottenere tesori con lingua bugiarda è un vapore fugace di chi cerca la morte.: 21:7 La violenza degli empi li porta via, perchè rifiutano di proaticare la giustizia.: 21:8 La via dell’uomo colpevole è tortuosa, ma il puro agisce rettamente.: 21:9 è meglio abitare sull’angolo di un tetto, che in una casa condivisa con una donna litigiosa.: 21:10 L’anima dell’empio desidera il male. neppure il suo amico trova pietó ai suoi occhi.: 21:11 Quando lo schernitore è punito, il semplice diventa saggio. ma quando viene istruito il saggio, egli acquista conoscenza.: 21:12 Il giusto osserva attentamente la casa dell’empio e rovescia gli empi per la loro malvagitó.: 21:13 Chi chiude l’orecchio al grido del povero, grideró anch’egli, ma non avró risposta.: 21:14 Un dono fatto in segreto placa la collera e un regalo sottomano calma l’ira violenta.: 21:15 Fare cio’ che e’ retto e’ una gioia per il giusto, ma e’ una rovina per gli operatori d’iniquitó.: 21:16 L’uomo che si allontana dalla via della proudenza, abiteró nell’assemblea dei morti.
: Egli non si accorge che là ci sono le ombre e che i suoi invitati se ne vanno nel profondo degli inferi.: Proverbi di Salomone. Il figlio saggio rende lieto il padre; il figlio stolto contrista la madre.: Non giovano i tesori male acquistati, mentre la giustizia libera dalla morte.: Il Signore non lascia patir la fame al giusto, ma delude la cupidigia degli empi.: La mano pigra fa impoverire, la mano operosa arricchisce.: Chi raccoglie d'estate è previdente; chi dorme al tempo della mietitura si disonora.: Le benedizioni del Signore sul capo del giusto, la bocca degli empi nasconde il sopruso.: La memoria del giusto è in benedizione, il nome degli empi svanisce.: L'assennato accetta i comandi, il linguacciuto va in rovina.: Chi cammina nell'integrità va sicuro, chi rende tortuose le sue vie sarà scoperto.: Chi chiude un occhio causa dolore, chi riprende a viso aperto procura pace.: Fonte di vita è la bocca del giusto, la bocca degli empi nasconde violenza.: L'odio suscita litigi, l'amore ricopre ogni colpa.: Sulle labbra dell'assennato si trova la sapienza, per la schiena di chi è privo di senno il bastone.: I saggi fanno tesoro della scienza, ma la bocca dello stolto è un pericolo imminente.: I beni del ricco sono la sua roccaforte, la rovina dei poveri è la loro miseria.: Le labbra del giusto stillano benevolenza, la bocca degli empi perversità.: La bilancia falsa è in abominio al Signore, ma del peso esatto egli si compiace.: Viene la superbia, verrà anche l'obbrobrio, mentre la saggezza è presso gli umili.: L'integrità degli uomini retti li guida, la perversità dei perfidi li rovina.: Non serve la ricchezza nel giorno della collera, ma la giustizia libera dalla morte.: La giustizia dell'uomo onesto gli spiana la via; per la sua empietà cade l'empio.: La giustizia degli uomini retti li salva, nella cupidigia restano presi i perfidi.: Con la morte dell'empio svanisce ogni sua speranza, la fiducia dei malvagi scompare.: Il giusto sfugge all'angoscia, al suo posto subentra l'empio.: Con la bocca l'empio rovina il suo prossimo, ma i giusti si salvano con la scienza.: Della prosperità dei giusti la città si rallegra, per la scomparsa degli empi si fa festa.: Con la benedizione degli uomini retti si innalza una città, la bocca degli empi la demolisce.: Chi disprezza il suo prossimo è privo di senno, l'uomo prudente invece tace.: Chi va in giro sparlando svela il segreto, lo spirito fidato nasconde ogni cosa.: Senza una direzione un popolo decade, il successo sta nel buon numero di consiglieri.: Chi garantisce per un estraneo si troverà male, chi avversa le strette di mano a garanzia, vive tranquillo.: Ecco, il giusto è ripagato sulla terra, tanto più lo saranno l'empio e il peccatore.: Chi ama la disciplina ama la scienza, chi odia la correzione è stolto.: Il buono si attira il favore del Signore, ma egli condanna l'intrigante.: Non resta saldo l'uomo con l'empietà, ma la radice dei giusti non sarà smossa.: La donna perfetta è la corona del marito, ma quella che lo disonora è come carie nelle sue ossa.: I pensieri dei giusti sono equità, i propositi degli empi sono frode.: Le parole degli empi sono agguati sanguinari, ma la bocca degli uomini retti vi si sottrarrà.: Gli empi, una volta abbattuti, più non sono, ma la casa dei giusti sta salda.: Un uomo è lodato per il senno, chi ha un cuore perverso è disprezzato.: Un uomo di poco conto che basta a se stesso vale più di un uomo esaltato a cui manca il pane.: Il giusto ha cura del suo bestiame, ma i sentimenti degli empi sono spietati.: Chi coltiva la sua terra si sazia di pane, chi insegue chimere è privo di senno.: Le brame dell'empio sono una rete di mali, la radice dei giusti produce frutti.: Nel peccato delle sue labbra si impiglia il malvagio, ma il giusto sfuggirà a tale angoscia.: Ognuno si sazia del frutto della sua bocca, ma ciascuno sarà ripagato secondo le sue opere.: Lo stolto giudica diritta la sua condotta, il saggio, invece, ascolta il consiglio.: Nella strada della giustizia è la vita, il sentiero dei perversi conduce alla morte.: Il figlio saggio ama la disciplina, lo spavaldo non ascolta il rimprovero.: Del frutto della sua bocca l'uomo mangia ciò che è buono; l'appetito dei perfidi si soddisfa con i soprusi.: Chi sorveglia la sua bocca conserva la vita, chi apre troppo le labbra incontra la rovina.: Il pigro brama, ma non c'è nulla per il suo appetito; l'appetito dei diligenti sarà soddisfatto.: Il giusto odia la parola falsa, l'empio calunnia e disonora.: La giustizia custodisce chi ha una condotta integra, il peccato manda in rovina l'empio.: C'è chi fa il ricco e non ha nulla; c'è chi fa il povero e ha molti beni.: Riscatto della vita d'un uomo è la sua ricchezza, ma il povero non si accorge della minaccia.: La luce dei giusti allieta, la lucerna degli empi si spegne.: L'insolenza provoca soltanto contese, la sapienza si trova presso coloro che prendono consiglio.: Le ricchezze accumulate in fretta diminuiscono, chi le raduna a poco a poco le accresce.: Un'attesa troppo prolungata fa male al cuore, un desiderio soddisfatto è albero di vita.: Chi disprezza la parola si rovinerà, chi rispetta un comando ne avrà premio.: L'insegnamento del saggio è fonte di vita per evitare i lacci della morte.: Un aspetto buono procura favore, ma il contegno dei perfidi è rude.: Il giusto mangia a sazietà, ma il ventre degli empi soffre la fame.: La sapienza di una massaia costruisce la casa, la stoltezza la demolisce con le mani.: Chi procede con rettitudine teme il Signore, chi si scosta dalle sue vie lo disprezza.: Nella bocca dello stolto c'è il germoglio della superbia, ma le labbra dei saggi sono la loro salvaguardia.: Senza buoi, niente grano, l'abbondanza del raccolto sta nel vigore del toro.: Il testimone vero non mentisce, quello falso spira menzogne.: Il beffardo ricerca la sapienza ma invano, la scienza è cosa facile per il prudente.: Allontànati dall'uomo stolto, e non ignorerai le labbra sapienti.: La sapienza dell'accorto sta nel capire la sua via, ma la stoltezza degli sciocchi è inganno.: Fra gli stolti risiede la colpa, fra gli uomini retti la benevolenza.: Il cuore conosce la propria amarezza e alla sua gioia non partecipa l'estraneo.: La casa degli empi rovinerà, ma la tenda degli uomini retti avrà successo.: C'è una via che sembra diritta a qualcuno, ma sbocca in sentieri di morte.: Anche fra il riso il cuore prova dolore e la gioia può finire in pena.: Chi è instabile si sazierà dei frutti della sua condotta, l'uomo dabbene si sazierà delle sue opere.: L'ingenuo crede quanto gli dici, l'accorto controlla i propri passi.: Il favore del re è per il ministro intelligente, il suo sdegno è per chi lo disonora.: Una risposta gentile calma la collera, una parola pungente eccita l'ira.: La lingua dei saggi fa gustare la scienza, la bocca degli stolti esprime sciocchezze.: In ogni luogo sono gli occhi del Signore, scrutano i malvagi e i buoni.: Una lingua dolce è un albero di vita, quella malevola è una ferita al cuore.: Lo stolto disprezza la correzione paterna; chi tiene conto dell'ammonizione diventa prudente.: Nella casa del giusto c'è abbondanza di beni, sulla rendita dell'empio incombe il dissesto.: Le labbra dei saggi diffondono la scienza, non così il cuore degli stolti.: Il sacrificio degli empi è in abominio al Signore, la supplica degli uomini retti gli è gradita.: La condotta perversa è in abominio al Signore; egli ama chi pratica la giustizia.: Punizione severa per chi abbandona il retto sentiero, chi odia la correzione morirà.: Gl'inferi e l'abisso sono davanti al Signore, tanto più i cuori dei figli dell'uomo.: Lo spavaldo non vuol essere corretto, egli non si accompagna con i saggi.: Un cuore lieto rende ilare il volto, ma, quando il cuore è triste, lo spirito è depresso.: Una mente retta ricerca il sapere, la bocca degli stolti si pasce di stoltezza.: Tutti i giorni son brutti per l'afflitto, per un cuore felice è sempre festa.: Il timore di Dio è una scuola di sapienza, prima della gloria c'è l'umiltà.: All'uomo appartengono i progetti della mente, ma dal Signore viene la risposta.: Tutte le vie dell'uomo sembrano pure ai suoi occhi, ma chi scruta gli spiriti è il Signore.: Affida al Signore la tua attività e i tuoi progetti riusciranno.: Il Signore ha fatto tutto per un fine, anche l'empio per il giorno della sventura.: è un abominio per il Signore ogni cuore superbo, certamente non resterà impunito.: Con la bontà e la fedeltà si espia la colpa, con il timore del Signore si evita il male.: Quando il Signore si compiace della condotta di un uomo, riconcilia con lui anche i suoi nemici.: Poco con onestà è meglio di molte rendite senza giustizia.: La mente dell'uomo pensa molto alla sua via, ma il Signore dirige i suoi passi.: Un oracolo è sulle labbra del re, in giudizio la sua bocca non sbaglia.: La stadera e le bilance giuste appartengono al Signore, sono opera sua tutti i pesi del sacchetto.: è in abominio ai re commettere un'azione iniqua, poichè il trono si consolida con la giustizia.: Delle labbra giuste si compiace il re e ama chi parla con rettitudine.: L'ira del re è messaggera di morte, ma l'uomo saggio la placherà.: Nello splendore del volto del re è la vita, il suo favore è come nube di primavera.: Nel grembo si getta la sorte, ma la decisione dipende tutta dal Signore.: Un tozzo di pane secco con tranquillità è meglio di una casa piena di banchetti festosi e di discordia.: Lo schiavo intelligente prevarrà su un figlio disonorato e avrà parte con i fratelli all'eredità.: Il crogiuolo è per l'argento e il forno per l'oro, ma chi prova i cuori è il Signore.: Il maligno presta attenzione a un labbro maledico, il bugiardo ascolta una lingua nociva.: Chi deride il povero offende il suo creatore, chi gioisce della sciagura altrui non resterà impunito.: Corona dei vecchi sono i figli dei figli, onore dei figli i loro padri.: Non conviene all'insensato un linguaggio elevato, ancor meno al principe un linguaggio falso.: Il dono è come un talismano per il proprietario: dovunque si volga ha successo.: Chi copre la colpa si concilia l'amicizia, ma chi la divulga divide gli amici.: Fa più una minaccia all'assennato che cento percosse allo stolto.: Il malvagio non cerca altro che la ribellione, ma gli sarà mandato contro un messaggero senza pietà.: Meglio incontrare un'orsa privata dei figli che uno stolto in preda alla follia.: Chi rende male per bene vedrà sempre la sventura in casa.: Iniziare un litigio è come aprire una diga, prima che la lite si esasperi, troncala.: Assolvere il reo e condannare il giusto sono due cose in abominio al Signore.: Anche lo stolto, se tace, passa per saggio e, se tien chiuse le labbra, per intelligente.: Chi si tiene appartato cerca pretesti e con ogni mezzo attacca brighe.: Lo stolto non ama la prudenza, ma vuol solo far mostra dei suoi sentimenti.: Con l'empietà viene il disprezzo, con il disonore anche l'ignominia.: Le parole della bocca dell'uomo sono acqua profonda, la fonte della sapienza è un torrente che straripa.: Non è bene usar riguardi all'empio per far torto al giusto in un giudizio.: Le labbra dello stolto provocano liti e la sua bocca gli provoca percosse.: La bocca dello stolto è la sua rovina e le sue labbra sono un laccio per la sua vita.: Le parole del calunniatore sono come ghiotti bocconi che scendono in fondo alle viscere.: Chi è indolente nel lavoro è fratello del dissipatore.: Torre fortissima è il nome del Signore: il giusto vi si rifugia ed è al sicuro.: I beni del ricco sono la sua roccaforte, come un'alta muraglia, a suo parere.: Prima della caduta il cuore dell'uomo si esalta, ma l'umiltà viene prima della gloria.: Chi risponde prima di avere ascoltato mostra stoltezza a propria confusione.: Lo spirito dell'uomo lo sostiene nella malattia, ma uno spirito afflitto chi lo solleverà?: La mente intelligente acquista la scienza, l'orecchio dei saggi ricerca il sapere.: Ci sono compagni che conducono alla rovina, ma anche amici più affezionati di un fratello.: Meglio un povero di condotta integra che un ricco di costumi perversi.: Lo zelo senza riflessione non è cosa buona, e chi va a passi frettolosi inciampa.: La stoltezza intralcia il cammino dell'uomo e poi egli si adira contro il Signore.: Le ricchezze moltiplicano gli amici, ma il povero è abbandonato anche dall'amico che ha.: Il falso testimone non resterà impunito, chi diffonde menzogne non avrà scampo.: Molti sono gli adulatori dell'uomo generoso e tutti sono amici di chi fa doni.: Il povero è disprezzato dai suoi stessi fratelli, tanto più si allontanano da lui i suoi amici. Egli va in cerca di parole, ma non ci sono.: Chi acquista senno ama se stesso e chi agisce con prudenza trova fortuna.: Il falso testimone non resterà impunito, chi diffonde menzogne perirà.: Allo stolto non conviene una vita agiata, ancor meno a un servo comandare ai prìncipi.: è avvedutezza per l'uomo rimandare lo sdegno ed è sua gloria passar sopra alle offese.: Lo sdegno del re è simile al ruggito del leone e il suo favore è come la rugiada sull'erba.: Un figlio stolto è una calamità per il padre e i litigi della moglie sono come stillicidio incessante.: La casa e il patrimonio si ereditano dai padri, ma una moglie assennata è dono del Signore.: La pigrizia fa cadere in torpore, l'indolente patirà la fame.: Per i beffardi sono pronte le verghe e il bastone per le spalle degli stolti.: Il vino è rissoso, il liquore è tumultuoso; chiunque se ne inebria non è saggio.: La collera del re è simile al ruggito del leone; chiunque lo eccita rischia la vita.: è una gloria per l'uomo astenersi dalle contese, attaccar briga è proprio degli stolti.: Il pigro non ara d'autunno, e alla mietitura cerca, ma non trova nulla.: Come acque profonde sono i consigli nel cuore umano, l'uomo accorto le sa attingere.: Molti si proclamano gente per bene, ma una persona fidata chi la trova?: Il giusto si regola secondo la sua integrità; beati i figli che lascia dietro di sè!: Il re che siede in tribunale dissipa ogni male con il suo sguardo.: Chi può dire: ""Ho purificato il cuore, sono mondo dal mio peccato?"".: Doppio peso e doppia misura sono due cose in abominio al Signore.: Già con i suoi giochi il fanciullo dimostra se le sue azioni saranno pure e rette.: L'orecchio che ascolta e l'occhio che vede: l'uno e l'altro ha fatto il Signore.: Non amare il sonno per non diventare povero, tieni gli occhi aperti e avrai pane a sazietà.: ""Robaccia, robaccia"" dice chi compra: ma mentre se ne va, allora se ne vanta.: C'è oro e ci sono molte perle, ma la cosa più preziosa sono le labbra istruite.: Le ferite sanguinanti spurgano il male, le percosse purificano i recessi del cuore.: Il cuore del re è un canale d'acqua in mano al Signore: lo dirige dovunque egli vuole.: Agli occhi dell'uomo tutte le sue vie sono rette, ma chi pesa i cuori è il Signore.: Praticare la giustizia e l'equità per il Signore vale più di un sacrificio.: Occhi alteri e cuore superbo, lucerna degli empi, è il peccato.: I piani dell'uomo diligente si risolvono in profitto, ma chi è precipitoso va verso l'indigenza.: Accumular tesori a forza di menzogne è vanità effimera di chi cerca la morte.: La violenza degli empi li travolge, perchè rifiutano di praticare la giustizia.: La via dell'uomo criminale è tortuosa, ma l'innocente è retto nel suo agire.: è meglio abitare su un angolo del tetto che avere una moglie litigiosa e casa in comune.: L'anima del malvagio desidera far il male e ai suoi occhi il prossimo non trova pietà.: Quando il beffardo vien punito, l'inesperto diventa saggio e quando il saggio viene istruito, accresce il sapere.: Il Giusto osserva la casa dell'empio e precipita gli empi nella sventura.: Chi chiude l'orecchio al grido del povero invocherà a sua volta e non otterrà risposta.: Un regalo fatto in segreto calma la collera, un dono di sotto mano placa il furore violento.: è una gioia per il giusto che sia fatta giustizia, mentre è un terrore per i malfattori.

Mappa

Commento di un santo

Temi che il tuo patrimonio per caso venga meno se inizierai a fare del bene attingendovi generosamente? Infatti quando mai è accaduto che al giusto potessero mancare i mezzi di sussistenza? Poichè è scritto: Il Signore non farà morire di fame l'anima giusta.

Autore

Cipriano

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia