Ricerca

VIII. Parole di Lemuel(pro 31,1-9)

31:1 Parole di Lemuèl, re di Massa, che apprese da sua madre. 2 Che mai, figlio mio! Che mai, figlio del mio grembo! Che mai, figlio dei miei voti!3 Non concedere alle donne il tuo vigore, nè i tuoi fianchi a quelle che corrompono i re. 4 Non conviene ai re, Lemuèl, non conviene ai re bere il vino, nè ai prìncipi desiderare bevande inebrianti,5 per paura che, bevendo, dimentichino ciò che hanno decretato e tradiscano il diritto di tutti gli infelici. 6 Date bevande inebrianti a chi si sente venir meno e il vino a chi ha l'amarezza nel cuore:7 beva e dimentichi la sua povertà e non si ricordi più delle sue pene. 8 Apri la bocca in favore del muto, in difesa di tutti gli sventurati. 9 Apri la bocca e giudica con equità, rendi giustizia all'infelice e al povero.
31:1 31:1 Le parole del re Le-muel. il sermone profetico, col quale sua madre l'ammaestro'.2 31:2 CHE, figliuol mio? Che, figliuolo del seno mio? E che, figliuolo de' miei voti?3 31:3 Non dar la tua forza alle donne, Ne' i tuoi costumi a cio' che e' per distruggere i re.4 31:4 Ei non si conviene ai re, o Lemuel, Ei non si conviene ai re d'esser bevitori di vino, Ne' a' proincipi d'esser bevitori di cervogia.5 31:5 Che talora eglino, avendo bevuto, non dimentichino gli statuti, E non pervertano il diritto di qualunque povero afflitto.6 31:6 Date la cervogia al miserabile, E il vino a quelli che sono in amaritudine d'animo.7 31:7 Acciocchà bevano, e dimentichino la lor miseria, E non si ricordino piu' de' lor travagli.8 31:8 Aproi la tua bocca per lo mutolo, Per mantenere la ragion di tutti quelli che sono in pericolo di perire.9 31:9 Aproi la tua bocca. giudica giustamente. Fa' diritto al povero ed al bisognoso.
31:1 31:1 Parole del re Lemuel. Sentenze con le quali sua madre lo ammaestro'.2 31:2 Che ti diro', figlio mio? che ti diro', figlio delle mie viscere? che ti diro', o figlio dei miei voti?3 31:3 Non dare il tuo vigore alle donne, nè i tuoi costumi a quelle che perdono i re.4 31:4 Non s'addice ai re, o Lemuel, non s'addice ai re bere del vino, nè ai proincipi, bramar la cervogia:5 31:5 che a volte, avendo bevuto, non dimentichino la legge, e non disconoscano i diritti d'ogni povero afflitto.6 31:6 Date della cervogia a chi sta per perire, e del vino a chi ha l'anima amareggiata.7 31:7 affinchè bevano, dimentichino la loro miseria, e non si ricordin piu' dei loro travagli.8 31:8 Aproi la tua bocca in favore del mutolo, per sostener la causa di tutti i derelitti.9 31:9 aproi la tua bocca, giudica con giustizia, fa' ragione al misero ed al bisognoso.
31:1 31:1 Parole del re Lemuel. Massime che sua madre gli insegnò.2 31:2 'Che ti dirò, figlio mio? Che ti dirò, figlio del mio grembo? Che ti dirò, o figlio dei miei voti?3 31:3 Non dare il tuo vigore alle donne, non frequentare quelle che mandano in rovina i re.4 31:4 Non si addice ai re, Lemuel, non si addice ai re bere del vino, nè ai proincipi desiderare bevande alcoliche:5 31:5 che a volte, dopo aver bevuto, non dimentichino la legge e calpestino cosò i diritti di tutti i deboli.6 31:6 Date bevande alcoliche a chi sta per perire, e del vino a chi ha il cuore amareggiato.7 31:7 perchè bevano, dimentichino la loro miseria e non si ricordino più dei loro travagli.8 31:8 Aproi la bocca in favore del muto, per sostenere la causa di tutti gli infelici.9 31:9 aproi la bocca, giudica con giustizia, fà ragione al misero e al bisognoso'.
31:1 31:1 Parole del re Lemuel, il messaggio profetico con cui sua madre lo ammaestrò.2 31:2 Che ti dirò, figlio mio? Che ti dirò, figlio del mio grembo? Che ti dirò, figlio dei miei voti?3 31:3 Non dare il tuo vigore alle donne nè la tua vita a ciò che distrugge i re.4 31:4 Non si addice ai re, o Lemuel, non si addice ai re bere vino nè ai proincipi desiderare bevande inebrianti,5 31:5 perchè bevendo non dimentichino la legge e non distorcano il diritto di tutti gli afflitti.6 31:6 Date bevande inebrianti a chi sta per perire, e del vino a chi ha il cuore amareggiato.7 31:7 Beva per dimenticare la sua povertà e non ricordarsi più dei suoi guai.8 31:8 Aproi la tua bocca in favore del muto in difesa di tutti i derelitti.9 31:9 Aproi la tua bocca, giudica con giustizia e difendi la causa del misero e del bisognoso.
31:1 poichè, sbattendo il latte ne esce la panna, premendo il naso ne esce il sangue, spremendo la collera ne esce la lite.2 Parole di Lemuèl, re di Massa, che sua madre gli insegnò.3 E che, figlio mio! E che, figlio delle mie viscere! E che, figlio dei miei voti!4 Non dare il tuo vigore alle donne, nè i tuoi costumi a quelle che corrompono i re.5 Non conviene ai re, Lemuèl, non conviene ai re bere il vino, nè ai principi bramare bevande inebrianti,6 per paura che, bevendo, dimentichino i loro decreti e tradiscano il diritto di tutti gli afflitti.7 Date bevande inebrianti a chi sta per perire e il vino a chi ha l'amarezza nel cuore.8 Beva e dimentichi la sua povertà e non si ricordi più delle sue pene.9 Apri la bocca in favore del muto in difesa di tutti gli sventurati.

Mappa

Commento di un santo

Date bevande inebrianti a chi è nella tristezza, e vino a chi ha l'amarezza nel cuore, affinchè dimentichino la loro povertà e non ricordino più le loro pene, ed è quanto dire: Offrite abbondantemente la giocondità della scienza spirituale, come vino che allieta il cuore dell'uomo, a coloro i quali si sentono dolorosamente e tristemente depressi per il pentimento del loro passato comportamento; voi dovete rianimarli con il versamento della vostra parola salutare, affinchè, disanimati come forse sono dalla continuità del dolore e da un mortale avvilimento, quanti si trovano in quello stato non soccombano sotto un dolore troppo forte.

autore:

Cassiano

Lettura del testo durante l'anno liturgico

avvento



natale



ordinario



quaresima



pasqua



passione







E nelle seguenti solennità


dove si leggono i seguenti passi: ( ,-);

Genealogia

    Conversione di misure antiche presenti nel testo

    Quantità nel testo
    misura bibblica
    Quantità convertita
    Unità di misura attuale