Cronologia dei paragrafi

I sette flagelli delle sette coppe
La prostituta famosa
Simbolismo della bestia e della prostituta
Un angelo annunzia la caduta di Babilonia
Il popolo eletto deve fuggire
Lamenti su Babilonia
Canti di trionfo in cielo
Il primo combattimento escatologico
Il regno dei mille anni
Secondo combattimento escatologico
Il giudizio delle nazioni
La Gerusalemme celeste
La Gerusalemme messianica
Epilogo

I sette flagelli delle sette coppe (ap 15,5-16)

: E vidi aprirsi nel cielo il tempio che contiene la tenda della Testimonianza;: dal tempio uscirono i sette angeli che avevano i sette flagelli, vestiti di lino puro, splendente, e cinti al petto con fasce d'oro. : Uno dei quattro esseri viventi diede ai sette angeli sette coppe d'oro, colme dell'ira di Dio, che vive nei secoli dei secoli. : Il tempio si riempì di fumo, che proveniva dalla gloria di Dio e dalla sua potenza: nessuno poteva entrare nel tempio finchè non fossero compiuti i sette flagelli dei sette angeli. : Allora udii l'angelo delle acque che diceva: "Sei giusto, tu che sei e che eri, tu, il Santo, perchè così hai giudicato. : Essi hanno versato il sangue di santi e di profeti; tu hai dato loro sangue da bere: ne sono degni!". : E dall'altare udii una voce che diceva: "Sì, Signore Dio onnipotente, veri e giusti sono i tuoi giudizi!". : Il quarto angelo versò la sua coppa sul sole e gli fu concesso di bruciare gli uomini con il fuoco. : E gli uomini bruciarono per il terribile calore e bestemmiarono il nome di Dio che ha in suo potere tali flagelli, invece di pentirsi per rendergli gloria. : Il quinto angelo versò la sua coppa sul trono della bestia; e il suo regno fu avvolto dalle tenebre. Gli uomini si mordevano la lingua per il dolore: e bestemmiarono il Dio del cielo a causa dei loro dolori e delle loro piaghe, invece di pentirsi delle loro azioni. : Il sesto angelo versò la sua coppa sopra il grande fiume Eufrate e le sue acque furono prosciugate per preparare il passaggio ai re dell'oriente. : Poi dalla bocca del drago e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta vidi uscire tre spiriti impuri, simili a rane:: sono infatti spiriti di demòni che operano prodigi e vanno a radunare i re di tutta la terra per la guerra del grande giorno di Dio, l'Onnipotente. : Ecco, io vengo come un ladro. Beato chi è vigilante e custodisce le sue vesti per non andare nudo e lasciar vedere le sue vergogne. : E i tre spiriti radunarono i re nel luogo che in ebraico si chiama Armaghedòn.
: 15:4 O Signore, chi non ti temera', e non glorifichera' il tuo nome? poiche' tu solo sei santo. certo tutte le nazioni verranno, e adoreranno nel tuo cospetto. per-ciocche' i tuoi giudicii sono stati manifestati.: 15:5 E dopo queste cose, io vidi, e fu aperto il tempio del tabernacolo della testimonianza nel cielo.: 15:6 E i sette angeli, che aveano le sette piaghe, usci-ron del tempio, vestiti di lino puro e risplendente. e cinti intorno al petto di cinture d'oro.: 15:7 E l'uno de' quattro animali diede a' sette angeli sette coppe d'oro, piene dell'ira dell'Iddio vivente ne' secoli dei secoli.: 16:4 Poi, il terzo angelo verso' la sua coppa ne' fiumi, e nelle fonti dell'acque. e divennero sangue.: 16:5 Ed io udii l'angelo delle acque, che diceva: Tu sei giusto, o Signore, che sei, e che eri, che sei il Santo, d'aver fatti questi giudicii.: 16:6 Poiche' essi hanno sparso il sangue de' santi, e de' profeti, tu hai loro altresi' dato a bere del sangue. per-ciocche' ben ne son degni.: 16:7 Ed io ne udii un altro, dal lato dell'altare, che diceva: Si' certo, Signore Iddio onnipotente, i tuoi giudicii son veraci, e giusti.: 16:8 Poi, il quarto angelo verso' la sua coppa soproa il sole. e gli fu dato d'ardere gli uomini con fuoco.: 16:9 E gli uomini furono arsi di grande arsura. e bestemmiarono il nome di Dio, che ha la podesta' soproa queste piaghe. e non si ravvidero, per dargli gloria.: 16:10 Poi, il quinto angelo verso' la sua coppa in sul trono della bestia. e il suo regno divenne tenebroso, e gli uomini si mordevano le lingue per l'affanno.: 16:11 e bestemmiarono l'Iddio del cielo, per i lor travagli, e per le loro ulcere. e non si ravvidero delle loro opere.: 16:12 Poi, il sesto angelo verso' la sua coppa in sul gran fiume Eufrate, e l'acqua di esso fu asciutta. ac-ciocche' fosse apparecchiata la via dei re, che vengono dal sol levante.: 16:13 Ed io vidi uscir della bocca del dragone, e della bocca della bestia, e della bocca del falso profeta, tre spiriti immondi, a guisa di rane.: 16:14 perciocche' sono spiriti di demoni, i quali fan segni, ed escon fuori ai re di tutto il mondo, per raunarli alla battaglia di quel gran giorno dell'Iddio onnipotente.: 16:15 (Ecco, io vengo come un ladrone. beato chi veglia, e guarda i suoi vestimenti, acciocche' non cammini nudo, e non si veggano le sue vergogne).
: 15:7 E una delle quattro creature viventi diede ai sette angeli sette coppe d'oro piene dell'ira di Dio, il quale vive nei secoli dei secoli.: 15:8 E il tempio fu ripieno di fumo a cagione della gloria di Dio e della sua potenza. e nessuno poteva entrare nel tempio finchè fosser compiute le sette piaghe dei sette angeli.: 16:1 E udii una gran voce dal tempio che diceva ai sette angeli: Andate e versate sulla terra le sette coppe dell'ira di Dio.: 16:2 E il proimo ando' e verso' la sua coppa sulla terra. e un'ulcera maligna e dolorosa colpi' gli uomini che ave-ano il marchio della bestia e che adoravano la sua immagine.: 16:7 E udii l'altare che diceva: Si', o Signore Iddio onnipotente, i tuoi giudici sono veraci e giusti.: 16:8 Poi il quarto angelo verso' la sua coppa sul sole. e al sole fu dato di bruciare gli uomini col fuoco.: 16:9 E gli uomini furon arsi dal gran calore. e bestemmiarono il nome di Dio che ha la potesta' su queste piaghe, e non si ravvidero per dargli gloria.: 16:10 Poi il quinto angelo verso' la sua coppa sul trono della bestia. e il regno d'essa divenne tenebroso, e gli uomini si mordevano la lingua per il dolore,: 16:11 e bestemmiarono l'Iddio del cielo a motivo de' loro dolori e delle loro ulceri. e non si ravvidero delle loro opere.: 16:12 Poi il sesto angelo verso' la sua coppa sul gran fiume Eufrate, e l'acqua ne fu asciugata affinchè fosse proeparata la via ai re che vengono dal levante.: 16:13 E vidi uscir dalla bocca del dragone e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta tre spiriti immondi, simili a rane.: 16:14 perchè sono spiriti di demoni che fan de' segni e si recano dai re di tutto il mondo per radunarli per la battaglia del gran giorno dell'Iddio Onnipotente.: 16:15 (Ecco, io vengo come un ladro. beato colui che veglia e serba le sue vesti onde non cammini ignudo e non si veggano le sue vergogne).: 16:16 Ed essi li radunarono nel luogo che si chiama in ebraico Harmaghedon.: 16:17 Poi il settimo angelo verso' la sua coppa nell'aria. e una gran voce usci' dal tempio, dal trono, dicendo: e' fatto.: 16:18 E si fecero lampi e voci e tuoni. e ci fu un gran terremoto, tale, che da quando gli uomini sono stati sulla terra, non si ebbe mai terremoto cosi' grande e cosi' forte.
: 15:4 Chi non temerà, o Signore, e chi non glorificherà il tuo nome? Poichè tu solo sei santo. e tutte le nazioni verranno e adoreranno davanti a te, perchè i tuoi giudizi sono stati manifestati'.: 15:5 Dopo queste cose vidi aproirsi in cielo il tempio del tabernacolo della testimonianza.: 15:6 e i sette angeli che recavano i sette flagelli uscirono dal tempio. Erano vestiti di lino puro e splendente e avevano cinture d'oro intorno al petto.: 15:7 Una delle quattro creature viventi diede ai sette angeli sette coppe d'oro piene dell'ira di Dio, il quale vive nei secoli dei secoli.: 16:4 Poi il terzo angelo versò la sua coppa nei fiumi e nelle sorgenti. e le acque diventarono sangue.: 16:5 Udii l'angelo delle acque che diceva: 'Sei giusto, tu che sei e che eri, tu, il Santo, per aver cosò giudicato.: 16:6 Essi infatti hanno versato il sangue dei santi e dei profeti, e tu hai dato loro sangue da bere. è quello che meritano'.: 16:7 E udii dall'altare una voce che diceva: 'Sò, o Signore, Dio onnipotente, veritieri e giusti sono i tuoi giudizi'.: 16:8 Poi il quarto angelo versò la sua coppa sul sole e al sole fu concesso di bruciare gli uomini con il fuoco.: 16:9 E gli uomini furono bruciati dal gran calore. e bestemmiarono il nome di Dio che ha il potere su questi flagelli, e non si ravvidero per dargli gloria.: 16:10 Poi il quinto angelo versò la sua coppa sul trono della bestia. Il suo regno fu avvolto dalle tenebre. Gli uomini si mordevano la lingua per il dolore,: 16:11 e bestemmiarono il Dio del cielo a causa dei loro dolori e delle loro ulcere, ma non si ravvidero dalle loro opere.: 16:12 Poi il sesto angelo versò la sua coppa sul gran fiume Eufrate, e le sue acque si prosciugarono perchè fosse proeparata la via ai re che vengono dall'Oriente.: 16:13 E vidi uscire dalla bocca del dragone, da quella della bestia e da quella del falso profeta tre spiriti immondi, simili a rane.: 16:14 Essi sono spiriti di demoni capaci di compiere dei miracoli. Essi vanno dai re di tutta la terra per radunarli per la battaglia del gran giorno del Dio onnipotente.: 16:15 (Ecco, io vengo come un ladro. beato chi veglia e custodisce le sue vesti perchè non cammini nudo e non si veda la sua vergogna).
: 15:4 Chi non ti temerà, o Signore e non glorificherà il tuo nome? Poichè tu solo sei Santo. certo tutte le nazioni verranno e adoreranno davanti a te, perchè i tuoi giudizi sono stati manifestati'.: 15:5 E dopo queste cose, io vidi, ed ecco aproirsi nel cielo il tempio del tabernacolo della testimonianza.: 15:6 E i sette angeli, che avevano le sette piaghe, uscirono dal tempio, vestiti di lino puro e risplendente e cinti intorno al petto di cinture d’oro.: 15:7 Uno dei quattro esseri viventi diede ai sette angeli sette coppe d’oro, piene dell’ira di Dio, che vive nei secoli dei secoli.: 16:4 Poi il terzo angelo versò la sua coppa sui fiumi e sulle sorgenti delle acque, ed esse diventarono sangue.: 16:5 E udii l’angelo delle acque, che diceva: ’Tu sei giusto, o Signore, che sei e che eri e che hai da venire, il Santo, per aver giudicato queste cose.: 16:6 Essi hanno sparso il sangue dei santi e dei profeti, e tu hai dato loro da bere del sangue, perchè è la ricompensa che essi meritano'.: 16:7 E udii un altro dall’altare che diceva: ’Sì, o Signore, Dio onnipotente, i tuoi giudizi sono veraci e giusti'.: 16:8 Poi il quarto angelo versò la sua coppa sul sole. e gli fu dato di bruciare gli uomini col fuoco.: 16:9 E gli uomini furono bruciati dal grande calore e bestemmiarono il nome di Dio che ha potestà su queste piaghe, e non si ravvidero per dargli gloria.: 16:10 Poi il quinto angelo versò la sua coppa sul trono della bestia e il suo regno fu coperto di tenebre, e gli uomini si mordevano la lingua per il dolore,: 16:11 e bestemmiarono il Dio del cielo, a causa delle loro sofferenze e delle loro ulcere, ma non si ravvidero dalle loro opere.: 16:12 Poi il sesto angelo versò la sua coppa sul grande fiume Eufrate e la sua acqua si prosciugò per proeparare la via dei re che vengono dal sol levante.: 16:13 E vidi uscire dalla bocca del dragone, dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta tre spiriti immondi, simili a rane.: 16:14 Essi infatti sono spiriti di demoni che fanno prodigi e vanno dai re della terra e del mondo intero, per radunarli per la guerra del gran giorno di Dio Onnipotente.: 16:15 ’Ecco, io vengo come un ladro. beato chi veglia e custodisce le sue vesti per non andare nudo e non lasciar così vedere la sua vergogna'.
: Chi non temerà, o Signore, e non glorificherà il tuo nome? Poichè tu solo sei santo. Tutte le genti verranno e si prostreranno davanti a te, perchè i tuoi giusti giudizi si sono manifestati"".: Dopo ciò vidi aprirsi nel cielo il tempio che contiene la Tenda della Testimonianza;: dal tempio uscirono i sette angeli che avevano i sette flagelli, vestiti di lino puro, splendente, e cinti al petto di cinture d'oro.: Uno dei quattro esseri viventi diede ai sette angeli sette coppe d'oro colme dell'ira di Dio che vive nei secoli dei secoli.: Il terzo versò la sua coppa nei fiumi e nelle sorgenti delle acque, e diventarono sangue.: Allora udii l'angelo delle acque che diceva: ""Sei giusto, tu che sei e che eri, tu, il Santo, poichè così hai giudicato.: Essi hanno versato il sangue di santi e di profeti, tu hai dato loro sangue da bere: ne sono ben degni!"".: Udii una voce che veniva dall'altare e diceva: ""Sì, Signore, Dio onnipotente; veri e giusti sono i tuoi giudizi!"".: Il quarto versò la sua coppa sul sole e gli fu concesso di bruciare gli uomini con il fuoco.: E gli uomini bruciarono per il terribile calore e bestemmiarono il nome di Dio che ha in suo potere tali flagelli, invece di ravvedersi per rendergli omaggio.: Il quinto versò la sua coppa sul trono della bestia e il suo regno fu avvolto dalle tenebre. Gli uomini si mordevano la lingua per il dolore e: bestemmiarono il Dio del cielo a causa dei dolori e delle piaghe, invece di pentirsi delle loro azioni.: Il sesto versò la sua coppa sopra il gran fiume Eufràte e le sue acque furono prosciugate per preparare il passaggio ai re dell'oriente.: Poi dalla bocca del drago e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta vidi uscire tre spiriti immondi, simili a rane:: sono infatti spiriti di demòni che operano prodigi e vanno a radunare tutti i re di tutta la terra per la guerra del gran giorno di Dio onnipotente.: Ecco, io vengo come un ladro. Beato chi è vigilante e conserva le sue vesti per non andar nudo e lasciar vedere le sue vergogne.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia