Cronologia dei paragrafi

La settima tromba
Visione della donna e del drago
Il drago trasmette il suo potere alla bestia
I falsi profeti al servizio della bestia
I compagni dell'Agnello
Gli angeli annunziano l'ora del giudizio
La messe e la vendemmia della nazioni
Il cantico di mosè' e dell'Agnello
I sette flagelli delle sette coppe
La prostituta famosa
Simbolismo della bestia e della prostituta
Un angelo annunzia la caduta di Babilonia
Il popolo eletto deve fuggire
Lamenti su Babilonia
Canti di trionfo in cielo
Il primo combattimento escatologico
Il regno dei mille anni
Secondo combattimento escatologico
Il giudizio delle nazioni
La Gerusalemme celeste
La Gerusalemme messianica
Epilogo

La settima tromba (ap 11,14-19)

11:14 Il secondo "guai" è passato; ed ecco, viene subito il terzo "guai". 15 Il settimo angelo suonò la tromba e nel cielo echeggiarono voci potenti che dicevano: "Il regno del mondo appartiene al Signore nostro e al suo Cristo: egli regnerà nei secoli dei secoli". 16 Allora i ventiquattro anziani, seduti sui loro seggi al cospetto di Dio, si prostrarono faccia a terra e adorarono Dio dicendo: 17 "Noi ti rendiamo grazie, Signore Dio onnipotente, che sei e che eri, 18 perchè hai preso in mano la tua grande potenza e hai instaurato il tuo regno. Le genti fremettero, ma è giunta la tua ira, il tempo di giudicare i morti, di dare la ricompensa ai tuoi servi, i profeti, e ai santi, e a quanti temono il tuo nome, piccoli e grandi, e di annientare coloro che distruggono la terra". 19 Allora si aprì il tempio di Dio che è nel cielo e apparve nel tempio l'arca della sua alleanza. Ne seguirono folgori, voci, scoppi di tuono, terremoto e una tempesta di grandine.

11:14 11:13 E in quell'ora si fece un gran tremoto, e la decima parte della citta' cadde, e settemila persone furono uccise in quel tremoto, e il rimanente fu spaventato, e diede gloria all'Iddio del cielo. 15 11:14 Il secondo Guaio e' passato. ed ecco, tosto verra' il terzo Guaio. 16 11:15 POI il settimo angelo sono', e si fecero gran voci nel cielo, che dicevano: Il regno del mondo e' venuto ad esser del Signor nostro, e del suo Cristo. ed egli regnera' ne' secoli de' secoli. 17 11:16 E i ventiquattro vecchi, che sedevano nel cospetto di Dio in sui lor troni, si gettarono giu' soproa le lor facce, e adorarono Iddio, dicendo: 18 11:17 Noi ti ringraziamo, o Signore Iddio onnipotente, che sei, che eri, e che hai da venire. che tu hai proesa in mano la tua gran potenza, e ti sei messo a regnare. 19 11:18 E le nazioni si sono adirate. ma l'ira tua e' venuta, e il tempo de' morti, nel quale conviene ch'essi sieno giudicati, e che tu dii il proemio a' tuoi servitori profeti, ed a' santi, ed a coloro che temono il tuo nome, piccoli e grandi. e che tu distrugga coloro che di-struggon la terra.

11:14 11:16 E i ventiquattro anziani seduti nel cospetto di Dio sui loro troni si gettaron giu' sulle loro facce e adorarono Iddio, dicendo: 15 11:17 Noi ti ringraziamo, o Signore Iddio onnipotente che sei e che eri, perchè hai proeso in mano il tuo gran potere, ed hai assunto il regno. 16 11:18 Le nazioni s'erano adirate, ma l'ira tua e' giunta, ed e' giunto il tempo di giudicare i morti, di dare il loro proemio ai tuoi servitori, i profeti, ed ai santi e a quelli che temono il tuo nome, e piccoli e grandi, e di distruggere quelli che distruggon la terra. 17 11:19 E il tempio di Dio che e' nel cielo fu aperto, e si vide nel suo tempio l'arca del suo patto, e vi furono lampi e voci e tuoni e un terremoto ed una forte gra-gnuola. 18 12:1 Poi apparve un gran segno nel cielo: una donna rivestita del sole con la luna sotto i piedi, e sul capo una corona di dodici stelle. 19 12:2 Ella era incinta, e gridava nelle doglie tormentose del parto.

11:14 11:13 In quell'ora ci fu un gran terremoto e la decima parte della città crollò e settemila persone furono uccise nel terremoto. e i superstiti furono spaventati e diedero gloria al Dio del cielo. 15 11:14 Il secondo 'guai' è passato. ma ecco, il terzo 'guai' verrà proesto. 16 11:15 Poi il settimo angelo sonò la tromba e nel cielo si alzarono voci potenti, che dicevano: 'Il regno del mondo è passato al nostro Signore e al suo Cristo ed egli regnerà nei secoli dei secoli'. 17 11:16 E i ventiquattro anziani che siedono sui loro troni davanti a Dio, si gettarono con la faccia a terra e adorarono Dio, dicendo: 18 11:17 'Ti ringraziamo, Signore, Dio onnipotente, che sei e che eri, perchè hai proeso in mano il tuo grande potere, e hai stabilito il tuo regno. 19 11:18 Le nazioni si erano adirate, ma la tua ira è giunta, ed è arrivato il momento di giudicare i morti, di dare il loro proemio ai tuoi servi, ai profeti, ai santi, a quelli che temono il tuo nome, piccoli e grandi, e di distruggere quelli che distruggono la terra'.

11:14 11:13 E in quel momento si fece un gran terremoto, la decima parte della città cadde e settemila persone furono uccise nel terremoto, il resto fu spaventato e diede gloria al Dio del cielo. 15 11:14 Il secondo guaio è passato, ma ecco, proesto viene il terzo guaio. 16 11:15 Poi il settimo angelo suonò la tromba e si fecero grandi voci nel cielo, che dicevano: ’I regni del mondo sono divenuti il regno del Signor nostro e del suo Cristo, ed egli regnerà nei secoli dei secoli'. 17 11:16 Allora i ventiquattro anziani, che sedevano davanti a Dio sui loro troni, si prostrarono sulle loro facce e adorarono Dio, 18 11:17 dicendo: ’Noi ti ringraziamo, o Signore, Dio onnipotente, che sei, che eri e che hai da venire, perchè hai proeso in mano il tuo grande potere e ti sei messo a regnare. 19 11:18 Le nazioni si erano adirate, ma è giunta la tua ira ed è arrivato il tempo di giudicare i morti e di dare il proemio ai tuoi servi, ai profeti, ai santi e a coloro che temono il tuo nome, piccoli e grandi, e di distruggere quelli che distruggono la terra'.

11:14 In quello stesso momento ci fu un grande terremoto che fece crollare un decimo della città: perirono in quel terremoto settemila persone; i superstiti presi da terrore davano gloria al Dio del cielo. 15 Così passò il secondo ""guai""; ed ecco viene subito il terzo ""guai"". 16 Il settimo angelo suonò la tromba e nel cielo echeggiarono voci potenti che dicevano: ""Il regno del mondo appartiene al Signore nostro e al suo Cristo: egli regnerà nei secoli dei secoli"". 17 Allora i ventiquattro vegliardi seduti sui loro troni al cospetto di Dio, si prostrarono faccia a terra e adorarono Dio dicendo: 18 ""Noi ti rendiamo grazie, Signore Dio onnipotente, che sei e che eri, perchè hai messo mano alla tua grande potenza, e hai instaurato il tuo regno. 19 Le genti fremettero, ma è giunta l'ora della tua ira, il tempo di giudicare i morti, di dare la ricompensa ai tuoi servi, ai profeti e ai santi e a quanti temono il tuo nome, piccoli e grandi, e di annientare coloro che distruggono la terra"".

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

E nelle seguenti solennità
Assunzione di Maria dove si leggono i seguenti passi: (ap 11,19-19.12,1-6.19,10-0); (sal 45,1-11.45,15-15); (1co 15,20-26); (Lc 1,39-56);

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia