Cronologia dei paragrafi

VI. Filadelfia
laodicea
Dio affida all'Angelo i destini del mondo
Il libro che nessuno puo' aprire
l'investitura dell'agnello
l'adorazione di Dio e dell'agnello
L'Agnello spezza i sette sigilli
I servi di Dio saranno preservati
Il trionfo dei nuovi eletti in cielo
Il settimo sigillo
Le preghiere dei santi affrettano la venuta del grande giorno
Le prime quattro trombe
La quinta tromba
La sesta tromba
Imminenza del castigo finale
Il libro ingoiato
I due testimoni
La settima tromba
Visione della donna e del drago
Il drago trasmette il suo potere alla bestia
I falsi profeti al servizio della bestia
I compagni dell'Agnello
Gli angeli annunziano l'ora del giudizio
La messe e la vendemmia della nazioni
Il cantico di mosè' e dell'Agnello
I sette flagelli delle sette coppe
La prostituta famosa
Simbolismo della bestia e della prostituta
Un angelo annunzia la caduta di Babilonia
Il popolo eletto deve fuggire
Lamenti su Babilonia
Canti di trionfo in cielo
Il primo combattimento escatologico
Il regno dei mille anni
Secondo combattimento escatologico
Il giudizio delle nazioni
La Gerusalemme celeste
La Gerusalemme messianica
Epilogo

VI. Filadelfia (ap 3,7-13)

3:7 All'angelo della Chiesa che è a Filadèlfia scrivi: "Così parla il Santo, il Veritiero, Colui che ha la chiave di Davide: quando egli apre nessuno chiude e quando chiude nessuno apre. 8 Conosco le tue opere. Ecco, ho aperto davanti a te una porta che nessuno può chiudere. Per quanto tu abbia poca forza, hai però custodito la mia parola e non hai rinnegato il mio nome. 9 Ebbene, ti faccio dono di alcuni della sinagoga di Satana, che dicono di essere Giudei, ma mentiscono, perchè non lo sono: li farò venire perchè si prostrino ai tuoi piedi e sappiano che io ti ho amato. 10 Poichè hai custodito il mio invito alla perseveranza, anch'io ti custodirò nell'ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla prova gli abitanti della terra. 11 Vengo presto. Tieni saldo quello che hai, perchè nessuno ti tolga la corona. 12 Il vincitore lo porrò come una colonna nel tempio del mio Dio e non ne uscirà mai più. Inciderò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, della nuova Gerusalemme che discende dal cielo, dal mio Dio, insieme al mio nome nuovo. 13 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese".

3:7 3:6 Chi ha orecchio ascolti cio' che lo Spirito dice alle chiese. 8 3:7 E ALL'ANGELO della chiesa di Filadelfia scrivi: Queste cose dice il santo, il verace, colui che ha la chiave di Davide. il quale aproe, e niuno chiude. il qual chiude, e niuno aproe: 9 3:8 Io conosco le tue opere. ecco, io ti ho posto la porta aperta davanti, la qual niuno puo' chiudere. perciocche' tu hai un poco di forza, ed hai guardata la mia parola, e non hai rinnegato il mio nome. 10 3:9 Ecco, io riduco quei della sinagoga di Satana, che si dicono esser Giudei, e nol sono, anzi mentono, in tale stato, che faro' che verranno, e s'inchineranno davanti a' tuoi piedi, e conosceranno che io t'ho amato. 11 3:10 Perciocche' tu hai guardata la parola della mia pazienza, io altresi' ti guardero' dall'ora della tentazione che verra' soproa tutto il mondo, per far prova di coloro che abitano soproa la terra. 12 3:11 Ecco, io vengo in breve. ritieni cio' che tu hai, acciocche' niuno ti tolga la tua corona. 13 3:12 Chi vince io lo faro' una colonna nel tempio dell'Iddio mio, ed egli non uscira' mai piu' fuori. e scrivero' soproa lui il nome dell'Iddio mio, e il nome della citta' dell'Iddio mio, della nuova Gerusalemme, la quale scende dal cielo, d'approesso all'Iddio mio, e il mio nuovo nome.

3:7 3:9 Ecco, io ti do di quelli della sinagoga di Satana, i quali dicono d'esser Giudei e non lo sono, ma mentiscono. ecco, io li faro' venire a prostrarsi dinanzi ai tuoi piedi, e conosceranno ch'io t'ho amato. 8 3:10 Perchè tu hai serbata la parola della mia costanza, anch'io ti guardero' dall'ora del cimento che ha da venire su tutto il mondo, per mettere alla prova quelli che abitano sulla terra. 9 3:11 Io vengo tosto. tieni fermamente quello che hai, affinchè nessuno ti tolga la tua corona. 10 3:12 Chi vince io lo faro' una colonna nel tempio del mio Dio, ed egli non ne uscira' mai piu'. e scrivero' su lui il nome del mio Dio e il nome della citta' del mio Dio, della nuova Gerusalemme che scende dal cielo d'approesso all'Iddio mio, ed il mio nuovo nome. 11 3:13 Chi ha orecchio ascolti cio' che lo Spirito dice alle chiese. 12 3:14 E all'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: Queste cose dice l'Amen, il testimone fedele e verace, il proincipio della creazione di Dio: 13 3:15 Io conosco le tue opere: tu non sei nè freddo nè fervente. Oh fossi tu pur freddo o fervente !

3:7 3:7 'All'angelo della chiesa di Filadelfia scrivi: Queste cose dice il Santo, il Veritiero, colui che ha la chiave di Davide, colui che aproe e nessuno chiude, che chiude e nessuno aproe: 8 3:8 Io conosco le tue opere. Ecco, ti ho posto davanti una porta aperta, che nessuno può chiudere, perchè, pur avendo poca forza, hai serbato la mia parola e non hai rinnegato il mio nome. 9 3:9 Ecco, ti do alcuni della sinagoga di Satana, i quali dicono di essere Giudei e non lo sono, ma mentono. ecco, io li farò venire a prostrarsi ai tuoi piedi per riconoscere che io ti ho amato. 10 3:10 Siccome hai osservato la mia esortazione alla costanza, anch'io ti proeserverò dall'ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla prova gli abitanti della terra. 11 3:11 Io vengo proesto. tieni fermamente quello che hai, perchè nessuno ti tolga la tua corona. 12 3:12 Chi vince io lo porrò come colonna nel tempio del mio Dio, ed egli non ne uscirà mai più. scriverò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, e della nuova Gerusalemme che scende dal cielo da proesso il mio Dio, e il mio nuovo nome. 13 3:13 Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese.

3:7 3:7 ’E all’angelo della chiesa in Filadelfia scrivi: queste cose dice il Santo, il Verace, colui che ha la chiave di Davide, che aproe e nessuno chiude, che chiude e nessuno aproe. 8 3:8 Io conosco le tue opere. ecco, ti ho posto davanti una porta aperta, che nessuno può chiudere, perchè, nonostante tu abbia poca forza, hai custodito la mia parola e non hai rinnegato il mio nome. 9 3:9 Ecco, io ti consegno alcuni della sinagoga di Satana, che si dicono Giudei e non lo sono, ma mentono. ecco, li farò venire a prostrarsi ai tuoi piedi e conosceranno che io ti ho amato. 10 3:10 Poichè hai custodito la parola della mia costanza, anch’io ti custodirò dall’ora della prova che verrà su tutto il mondo, per mettere alla prova coloro che abitano sulla terra. 11 3:11 Ecco, io vengo proesto. tieni fermamente ciò che hai, affinchè nessuno ti tolga la tua corona. 12 3:12 Chi vince io lo farò una colonna nel tempio del mio Dio, ed egli non uscirà mai più fuori. e scriverò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, della nuova Gerusalemme che scende dal cielo da proesso il mio Dio, e il mio nuovo nome. 13 3:13 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese'.

3:7 Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese. 8 All'angelo della Chiesa di Filadelfia scrivi: Così parla il Santo, il Verace, Colui che ha la chiave di Davide: quando egli apre nessuno chiude, e quando chiude nessuno apre. 9 Conosco le tue opere. Ho aperto davanti a te una porta che nessuno può chiudere. Per quanto tu abbia poca forza, pure hai osservato la mia parola e non hai rinnegato il mio nome. 10 Ebbene, ti faccio dono di alcuni della sinagoga di satana - di quelli che si dicono Giudei, ma mentiscono perchè non lo sono -: li farò venire perchè si prostrino ai tuoi piedi e sappiano che io ti ho amato. 11 Poichè hai osservato con costanza la mia parola, anch'io ti preserverò nell'ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla prova gli abitanti della terra. 12 Verrò presto. Tieni saldo quello che hai, perchè nessuno ti tolga la corona. 13 Il vincitore lo porrò come una colonna nel tempio del mio Dio e non ne uscirà mai più. Inciderò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, della nuova Gerusalemme che discende dal cielo, da presso il mio Dio, insieme con il mio nome nuovo.

Mappa

Commento di un santo

Queste cose io le dico di coloro che sono stati predestinati al regno di Dio, il cui numero è determinato in tal maniera che ad essi non si può aggiungere alcuno, nè alcuno sottrarre; non parlo di coloro che si moltiplicarono in soprannumero 125 dopo che Gesù ebbe dato il suo annuncio ed ebbe parlato. Questi infatti si possono dire chiamati, ma non eletti, perchè non sono stati chiamati secondo il decreto. Ma che il numero degli eletti è determinato e che non deve essere nè accresciuto nè diminuito lo indica anche Giovanni Battista quando dice: Producete dunque un degno frutto di pentimento e non dite con voi stessi: Abbiamo per padre Abramo; infatti il Signore ha potere di suscitare figli ad Abramo da queste pietre 126; con queste parole vuol dimostrare che costoro devono essere tagliati via se non danno frutto, ma nello stesso tempo non deve diminuire il numero promesso ad Abramo. Ma ancora più apertamente si dice nell' apcalisse: Conserva ciò che hai perchè un altro non prenda la tua corona 127. Se infatti uno non può prendere senza che l'altro perda, il numero è fisso.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia