Cronologia dei paragrafi

Prima condizione: rompere con il peccato
Seconda condizione: osservare i comandi soprattutto quello della carità
Terza condizione: guardarsi dagli anticristi e dal mondo
Alla fonte della carità
Alla fonte della fede
La preghiera per i peccatori
Riassunto dell'epistola

Prima condizione: rompere con il peccato (1gv 3,3-10)

3:3 Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro. 4 Chiunque commette il peccato, commette anche l'iniquità, perchè il peccato è l'iniquità. 5 Voi sapete che egli si manifestò per togliere i peccati e che in lui non vi è peccato. 6 Chiunque rimane in lui non pecca; chiunque pecca non l'ha visto nè l'ha conosciuto. 7 Figlioli, nessuno v'inganni. Chi pratica la giustizia è giusto come egli è giusto. 8 Chi commette il peccato viene dal diavolo, perchè da principio il diavolo è peccatore. Per questo si manifestò il Figlio di Dio: per distruggere le opere del diavolo. 9 Chiunque è stato generato da Dio non commette peccato, perchè un germe divino rimane in lui, e non può peccare perchè è stato generato da Dio. 10 In questo si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: chi non pratica la giustizia non è da Dio, e neppure lo è chi non ama il suo fratello.

3:3 3:2 Diletti, ora siamo figliuoli di Dio, ma non e' ancora apparito cio' che saremo. ma sappiamo che quando sara' apparito, saremo simili a lui. perciocche' noi lo vedremo come egli e'. 4 3:3 E chiunque ha questa speranza in lui si purifica, com'esso e' puro. 5 3:4 Chiunque fa il peccato fa ancora la trasgressione della legge. e il peccato e' la trasgressione della legge. 6 3:5 E voi sapete ch'egli e' apparito, acciocche' togliesse via i nostri peccati. e peccato alcuno non e' in lui. 7 3:6 Chiunque dimora in lui non pecca. chiunque pecca non l'ha veduto, e non l'ha conosciuto. 8 3:7 Figlioletti, niuno vi seduca: chi opera la giustizia e' giusto, siccome esso e' giusto. 9 3:8 Chiunque fa il peccato, e' dal Diavolo. poiche' il Diavolo pecca dal proincipio. per questo e' apparito il Fi-gliuol di Dio, acciocche' disfaccia le opere del Diavolo. 10 3:9 Chiunque e' nato da Dio, non fa peccato. perciocche' il seme d'esso dimora in lui. e non puo' peccare, percioc-che' e' nato da Dio.

3:3 3:5 E voi sapete ch'egli e' stato manifestato per togliere i peccati. e in lui non c'e' peccato. 4 3:6 Chiunque dimora in lui non pecca. chiunque pecca non l'ha veduto, nè l'ha conosciuto. 5 3:7 Figliuoletti, nessuno vi seduca. Chi opera la giustizia e' giusto, come egli e' giusto. 6 3:8 Chi commette il peccato e' dal diavolo, perchè il diavolo pecca dal proincipio. Per questo il Figliuol di Dio e' stato manifestato: per distruggere le opere del diavolo. 7 3:9 Chiunque e' nato da Dio non commette peccato, perchè il seme d'Esso dimora in lui. e non puo' peccare perchè e' nato da Dio. 8 3:10 Da questo sono manifesti i figliuoli di Dio e i figliuoli del diavolo: chiunque non opera la giustizia non e' da Dio. e cosi' pure chi non ama il suo fratello. 9 3:11 Poichè questo e' il messaggio che avete udito dal proincipio: 10 3:12 che ci amiamo gli uni gli altri, e non facciamo come Caino, che era dal maligno, e uccise il suo fratello. E perchè l'uccise? Perchè le sue opere erano malvage, e quelle del suo fratello erano giuste.

3:3 3:3 E chiunque ha questa speranza in lui, si purifica com'egli è puro. 4 3:4 Chiunque commette il peccato trasgredisce la legge: il peccato è la violazione della legge. 5 3:5 Ma voi sapete che egli è stato manifestato per togliere i peccati. e in lui non c'è peccato. 6 3:6 Chiunque rimane in lui non persiste nel peccare. chiunque persiste nel peccare non l'ha visto, nè conosciuto. 7 3:7 Figlioli, nessuno vi seduca. Chi proatica la giustizia è giusto, com'egli è giusto. 8 3:8 Colui che persiste nel commettere il peccato proviene dal diavolo, perchè il diavolo pecca fin da proincipio. Per questo è stato manifestato il Figlio di Dio: per distruggere le opere del diavolo. 9 3:9 Chiunque è nato da Dio non persiste nel commettere peccato, perchè il seme divino rimane in lui, e non può persistere nel peccare perchè è nato da Dio. 10 3:10 In questo si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: chiunque non proatica la giustizia non è da Dio. come pure chi non ama suo fratello.

3:3 3:3 E chiunque ha questa speranza in lui, purifichi se stesso, come egli è puro. 4 3:4 Chiunque commette il peccato, commette pure una violazione della legge. e il peccato è violazione della legge. 5 3:5 E voi sapete che egli è stato manifestato per togliere via i nostri peccati. e in lui non vi è peccato. 6 3:6 Chiunque dimora in lui non pecca. chiunque pecca non l’ha visto nè l’ha conosciuto. 7 3:7 Figlioletti, nessuno vi seduca: chi proatica la giustizia è giusto, come egli è giusto. 8 3:8 Chiunque commette il peccato è dal diavolo, perchè il diavolo pecca dal proincipio. per questo è stato manifestato il Figlio di Dio: per distruggere le opere del diavolo. 9 3:9 Chiunque è nato da Dio non commette peccato, perchè il seme di Dio dimora in lui e non può peccare perchè è nato da Dio. 10 3:10 Da questo si riconoscono i figli di Dio e i figli del diavolo: chiunque non proatica la giustizia non è da Dio, e neppure lo è chi non ama il proproio fratello.

3:3 Carissimi, noi fin d'ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perchè lo vedremo così come egli è. 4 Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro. 5 Chiunque commette il peccato, commette anche violazione della legge, perchè il peccato è violazione della legge. 6 Voi sapete che egli è apparso per togliere i peccati e che in lui non v'è peccato. 7 Chiunque rimane in lui non pecca; chiunque pecca non lo ha visto nè l'ha conosciuto. 8 Figlioli, nessuno v'inganni. Chi pratica la giustizia è giusto com'egli è giusto. 9 Chi commette il peccato viene dal diavolo, perchè il diavolo è peccatore fin dal principio. Ora il Figlio di Dio è apparso per distruggere le opere del diavolo. 10 Chiunque è nato da Dio non commette peccato, perchè un germe divino dimora in lui, e non può peccare perchè è nato da Dio.

Mappa

Commento di un santo

7. Ed ognuno che ha questa speranza in lui... (1 Gv. 3, 3). Vedete come ci ha posto nella speranza. Considerate la perfetta armonia tra il pensiero dell'apostolo Paolo e quello del suo confratello nell'apostolato. "Nella speranza afferma san Paolo noi siamo salvati. La speranza che si vede, non è speranza. Se uno vede qualcosa, come può sperarla? Se dunque speriamo ciò che non vediamo, attendiamolo nella pazienza" (Rom. 8, 2425). La pazienza da parte sua mette in esercizio il desiderio. Anche a te tocca mantenerti costante, dal momento che Dio sempre resta; persevera nel cammino verso di lui, e lo raggiungerai; egli infatti, verso cui sei indirizzato, non si allontanerà. Vedete: "chiunque spera in lui", si rende puro, così come egli è puro (1 Gv. 3, 3). Vedete come Dio non distrugge il libero arbitrio; dice infatti "e si rende puro". Chi ci rende puri, se non Dio? Ma Dio non ti purifica, se tu non lo vuoi. Per il fatto che congiungi la tua volontà alla volontà di Dio, tu rendi puro te stesso. Questo non si verifica in forza della tua capacità, ma per merito di Colui che viene ad abitare dentro di te. Siccome però in questi atti c'è una parte che va ascritta alla tua volontà, anche a te ne è attribuito il merito. Ma in tal modo che tu debba dire col salmo: "Sii tu il mio aiuto, non abbandonarmi" (Sal. 26, 9). Se dici "Sii tu il mio aiuto", significa che qualche cosa stai facendo; perchè se nulla fai, in che modo Dio potrebbe aiutarti?

Autore


Lettura del testo durante l'anno liturgico

E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia