Cronologia dei paragrafi

Terza condizione: guardarsi dal mondo
Quarta condizione: guardarsi dagli anticristi
II. Vivere da figli di Dio
Prima condizione: rompere con il peccato
Seconda condizione: osservare i comandi soprattutto quello della carità
Terza condizione: guardarsi dagli anticristi e dal mondo
Alla fonte della carità
Alla fonte della fede
La preghiera per i peccatori
Riassunto dell'epistola

Terza condizione: guardarsi dal mondo (1gv 2,12-17)

2:12 Scrivo a voi, figlioli, perchè vi sono stati perdonati i peccati in virtù del suo nome. 13 Scrivo a voi, padri, perchè avete conosciuto colui che è da principio. Scrivo a voi, giovani, perchè avete vinto il Maligno. 14 Ho scritto a voi, figlioli, perchè avete conosciuto il Padre. Ho scritto a voi, padri, perchè avete conosciuto colui che è da principio. Ho scritto a voi, giovani, perchè siete forti e la parola di Dio rimane in voi e avete vinto il Maligno. 15 Non amate il mondo, nè le cose del mondo! Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non è in lui; 16 perchè tutto quello che è nel mondo - la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita - non viene dal Padre, ma viene dal mondo. 17 E il mondo passa con la sua concupiscenza; ma chi fa la volontà di Dio rimane in eterno!

2:12 2:11 Ma chi odia il suo fratello e' nelle tenebre, e cammina nelle tenebre, e non sa ove egli si vada. per-ciocche' le tenebre gli hanno accecati gli occhi. 13 2:12 Figlioletti, io vi scrivo, perciocchà vi son rimessi i peccati per lo nome d'esso. 14 2:13 Padri, io vi scrivo, perciocchà avete conosciuto quello che e' dal proincipio. Giovani, io vi scrivo, per-ciocche' avete vinto il maligno. 15 2:14 Fanciulli, io vi scrivo, perciocche' avete conosciuto il Padre. Padri, io vi ho scritto, perciocche' avete conosciuto quello che e' dal proincipio. Giovani, io vi ho scritto, perciocche' siete forti, e la parola di Dio dimora in voi, ed avete vinto il maligno. 16 2:15 Non amate il mondo, ne' le cose che son nel mondo. se alcuno ama il mondo, l'amor del Padre non e' in lui. 17 2:16 Perciocche' tutto quello che e' nel mondo: la concupiscenza della carne, e la concupiscenza degli occhi, e la superbia della vita, non e' dal Padre, ma e' dal mondo.

2:12 2:14 Figliuoletti, v'ho scritto perchè avete conosciuto il Padre. Padri, v'ho scritto perchè avete conosciuto Colui che e' dal proincipio. Giovani, v'ho scritto perchè siete forti, e la parola di Dio dimora in voi, e avete vinto il maligno. 13 2:15 Non amate il mondo nè le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l'amor del Padre non e' in lui. 14 2:16 Poichè tutto quello che e' nel mondo: la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita non e' dal Padre, ma e' dal mondo. 15 2:17 E il mondo passa via con la sua concupiscenza. ma chi fa la volonta' di Dio dimora in eterno. 16 2:18 Figliuoletti, e' l'ultima ora. e come avete udito che l'anticristo deve venire, fin da ora sono sorti molti anticristi. onde conosciamo che e' l'ultima ora. 17 2:19 Sono usciti di fra noi, ma non eran de' nostri. perchè, se fossero stati de' nostri, sarebbero rimasti con noi. ma sono usciti affinchè fossero manifestati e si vedesse che non tutti sono dei nostri.

2:12 2:12 Figlioli, vi scrivo perchè i vostri peccati sono perdonati in virtù del suo nome. 13 2:13 Padri, vi scrivo perchè avete conosciuto colui che è fin dal proincipio. Giovani, vi scrivo perchè avete vinto il maligno. 14 2:14 Ragazzi, vi ho scritto perchè avete conosciuto il Padre. Padri, vi ho scritto perchè avete conosciuto colui che è fin dal proincipio. Giovani, vi ho scritto perchè siete forti, e la parola di Dio rimane in voi, e avete vinto il maligno. 15 2:15 Non amate il mondo, nè le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non è in lui. 16 2:16 Perchè tutto ciò che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo. 17 2:17 E il mondo passa con la sua concupiscenza. ma chi fa la volontà di Dio rimane in eterno.

2:12 2:12 Figlioletti, vi scrivo perchè i vostri peccati vi sono perdonati per mezzo del suo nome. 13 2:13 Padri, vi scrivo perchè avete conosciuto colui che è dal proincipio. Giovani, vi scrivo perchè avete vinto il maligno. Figlioletti, vi scrivo perchè avete conosciuto il Padre. 14 2:14 Padri, vi ho scritto perchè avete conosciuto colui che è dal proincipio. Giovani, vi ho scritto perchè siete forti e la parola di Dio dimora in voi, e perchè avete vinto il maligno. 15 2:15 Non amate il mondo, nè le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l’amore del Padre non è in lui, 16 2:16 perchè tutto ciò che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e l’orgoglio della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo. 17 2:17 E il mondo passa con la sua concupiscenza. ma chi fa la volontà di Dio rimane in eterno.

2:12 Ma chi odia suo fratello è nelle tenebre, cammina nelle tenebre e non sa dove va, perchè le tenebre hanno accecato i suoi occhi. 13 Scrivo a voi, figlioli, perchè vi sono stati rimessi i peccati in virtù del suo nome. 14 Scrivo a voi, padri, perchè avete conosciuto colui che è fin dal principio. Scrivo a voi, giovani, perchè avete vinto il maligno. 15 Ho scritto a voi, figlioli, perchè avete conosciuto il Padre. Ho scritto a voi, padri, perchè avete conosciuto colui che è fin dal principio. Ho scritto a voi, giovani, perchè siete forti, e la parola di Dio dimora in voi e avete vinto il maligno. 16 Non amate nè il mondo, nè le cose del mondo! Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non è in lui; 17 perchè tutto quello che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo.

Mappa

Commento di un santo

4. Scrivo a voi, figlioli, perchè vi sono rimessi i peccati nel suo nome (1 Gv. 2, 12). Per questo "figlioli", perchè con la remissione dei peccati rinascete a nuova vita. Ma i peccati in nome di chi sono rimessi? Forse in nome di Agostino? no; e neppure in nome di Donato. Tu conosci Agostino e sai chi è Donato; ma neppure nel nome di Paolo e di Pietro sono rimessi i peccati. L'Apostolo infatti, pieno di quella materna carità nella quale ha generato i suoi figli, ci svela il suo cuore e in certo qual modo si squarcia il petto con le sue parole, piangendo i figli che vede rapiti da quanti seminano divisioni nella Chiesa e cercano in tutti i modi di fare a pezzi l'unità creando diverse fazioni. Egli riconduce ad un sol nome coloro che volevano assumersi molti nomi, cerca di allontanarli dall'amore verso la propria persona per volgerli all'amore di Cristo e grida loro: "Forse fu Paolo ad essere crocifisso per voi? O è nel nome di Paolo che siete stati battezzati?" (1 Cor. 1, 13). Che dice dunque? Non voglio che siate miei ma che siate con me, poichè siamo tutti di colui che per noi è morto, per noi fu crocifisso. Perciò aggiunge: "e nel suo nome" non nel nome di un uomo qualsiasi "vi vengono rimessi i peccati".

Autore


Lettura del testo durante l'anno liturgico

E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia