Cronologia dei paragrafi

Ultime raccomandazioni
Raccomandazioni. Saluti

Ultime raccomandazioni (eb 13,1-21)

13:1 L'amore fraterno resti saldo. 2 Non dimenticate l'ospitalità; alcuni, praticandola, senza saperlo hanno accolto degli angeli. 3 Ricordatevi dei carcerati, come se foste loro compagni di carcere, e di quelli che sono maltrattati, perchè anche voi avete un corpo. 4 Il matrimonio sia rispettato da tutti e il letto nuziale sia senza macchia. I fornicatori e gli adùlteri saranno giudicati da Dio. 5 La vostra condotta sia senza avarizia; accontentatevi di quello che avete, perchè Dio stesso ha detto: Non ti lascerò e non ti abbandonerò. 6 Così possiamo dire con fiducia: Il Signore è il mio aiuto, non avrò paura. Che cosa può farmi l'uomo? 7 Ricordatevi dei vostri capi, i quali vi hanno annunciato la parola di Dio. Considerando attentamente l'esito finale della loro vita, imitatene la fede. 8 Gesù Cristo è lo stesso ieri e oggi e per sempre! 9 Non lasciatevi sviare da dottrine varie ed estranee, perchè è bene che il cuore venga sostenuto dalla grazia e non da cibi che non hanno mai recato giovamento a coloro che ne fanno uso. 10 Noi abbiamo un altare le cui offerte non possono essere mangiate da quelli che prestano servizio nel tempio. 11 Infatti i corpi degli animali, il cui sangue viene portato nel santuario dal sommo sacerdote per l'espiazione, vengono bruciati fuori dell'accampamento. 12 Perciò anche Gesù, per santificare il popolo con il proprio sangue, subì la passione fuori della porta della città. 13 Usciamo dunque verso di lui fuori dell'accampamento, portando il suo disonore: 14 non abbiamo quaggiù una città stabile, ma andiamo in cerca di quella futura. 15 Per mezzo di lui dunque offriamo a Dio continuamente un sacrificio di lode, cioè il frutto di labbra che confessano il suo nome. 16 Non dimenticatevi della beneficenza e della comunione dei beni, perchè di tali sacrifici il Signore si compiace. 17 Obbedite ai vostri capi e state loro sottomessi, perchè essi vegliano su di voi e devono renderne conto, affinchè lo facciano con gioia e non lamentandosi. Ciò non sarebbe di vantaggio per voi. 18 Pregate per noi; crediamo infatti di avere una buona coscienza, desiderando di comportarci bene in tutto. 19 Con maggiore insistenza poi vi esorto a farlo, perchè io vi sia restituito al più presto. 20 Il Dio della pace, che ha ricondotto dai morti il Pastore grande delle pecore, in virtù del sangue di un'alleanza eterna, il Signore nostro Gesù, 21 vi renda perfetti in ogni bene, perchè possiate compiere la sua volontà, operando in voi ciò che a lui è gradito per mezzo di Gesù Cristo, al quale sia gloria nei secoli dei secoli. Amen.

13:1 12:29 Perciocche' anche l'Iddio nostro e' un fuoco consumante. 2 13:1 L'amor fraterno dimori fra voi. Non dimenticate l'ospitalita'. 3 13:2 perciocche' per essa alcuni albergarono gia' degli angeli, senza saperlo. 4 13:3 Ricordatevi de' proigioni, come essendo lor compagni di proigione. di quelli che sono afflitti, come essendo ancora voi nel corpo. 5 13:4 Il matrimonio e il letto immacolato sia onorevole fra tutti. ma Iddio giudichera' i fornicatori e gli adulteri. 6 13:5 Sieno i costumi vostri senza avarizia, essendo contenti delle cose proesenti. perciocche' egli stesso ha detto: Io non ti lascero', e non ti abbandonero'. 7 13:6 Talche' possiam dire in confidanza: Il Signore e' il mio aiuto. ed io non temero' cio' che mi puo' far l'uomo. 8 13:7 Ricordatevi de' vostri conduttori, i quali vi hanno annunziata la parola di Dio. la cui fede imitate, considerando la fine della loro condotta. 9 13:8 Gesu' Cristo e' lo stesso ieri, ed oggi, e in eterno. 10 13:9 Non siate trasportati qua e la' per varie e strane dottrine. perciocche' egli e' bene che il cuor sia stabilito per grazia, non per vivande. dalle quali non han ricevuto alcun giovamento coloro che sono andati dietro ad esse. 11 13:10 Noi abbiamo un altare, del qual non hanno podesta' di mangiar coloro che servono al tabernacolo. 12 13:11 Perciocche' i corpi degli animali, il cui sangue e' portato dal sommo sacerdote dentro al santuario per lo peccato, son arsi fuori del campo. 13 13:12 Percio' ancora Gesu', acciocche' santificasse il popolo per lo suo proproio sangue, ha sofferto fuor della porta. 14 13:13 Usciamo adunque a lui fuor del campo, portando il suo vituperio. 15 13:14 Perciocche' noi non abbiam qui una citta' stabile, anzi ricerchiamo la futura. 16 13:15 Per lui adunque offeriamo del continuo a Dio sacrificii di lode, cioe': il frutto delle labbra confessanti il suo nome. 17 13:16 E non dimenticate la beneficenza, e di far parte agli altri dei vostri beni. poiche' per tali sacrificii si rende servigio grato a Dio. 18 13:17 Ubbidite a' vostri conduttori, e sottomettetevi loro. perche' essi vegliano per le anime vostre, come avendone a render ragione. acciocche' facciano questo con allegrezza, e non sospirando. perciocche' quello non vi sarebbe d'alcun utile. 19 13:18 proegate per noi. per-ciocche' noi ci confidiamo d'aver buona coscienza, desiderando di condurci onestamente in ogni cosa. 20 13:19 E vie piu' vi proego di far questo, acciocche' piu' proesto io vi sia restituito. 21 13:20 OR l'Iddio della pace, che ha tratto da' morti il Signor nostro Gesu' Cristo, il gran Pastor delle pecore, per il sangue del patto eterno,

13:1 13:1 L'amor fraterno continui fra voi. Non dimenticate l'ospitalita'. 2 13:2 perchè, proaticandola, alcuni, senza saperlo, hanno albergato degli angeli. 3 13:3 Ricordatevi de' carcerati, come se foste in carcere con loro. di quelli che sono maltrattati, ricordando che anche voi siete nel cor- p?. 4 13:4 Sia il matrimonio tenuto in onore da tutti, e sia il talamo incontaminato. poichè Iddio giudichera' i fornicatori e gli adulteri. 5 13:5 Non siate amanti del denaro, siate contenti delle cose che avete. poichè Egli stesso ha detto: Io non ti lascero', e non ti abbandonero'. 6 13:6 Talchè possiam dire con piena fiducia: Il Signore e' il mio aiuto. non temero'. Che mi potra' far l'uomo? 7 13:7 Ricordatevi dei vostri conduttori, i quali v'hanno annunziato la parola di Dio. e considerando com'hanno finito la loro carriera, imitate la loro fede. 8 13:8 Gesu' Cristo e' lo stesso ieri, oggi, e in eterno. 9 13:9 Non siate trasportati qua e la' da diverse e strane dottrine. poichè e' bene che il cuore sia reso saldo dalla grazia, e non da proatiche relative a vivande, dalle quali non ritrassero alcun giovamento quelli che le osservarono. 10 13:10 Noi abbiamo un altare del quale non hanno diritto di mangiare quelli che servono il tabernacolo. 11 13:11 Poichè i corpi degli animali il cui sangue e' portato dal sommo sacerdote nel santuario come un'offerta per il peccato, sono arsi fuori del campo. 12 13:12 Percio' anche Gesu', per santificare il popolo col proproio sangue, soffri' fuor della porta. 13 13:13 Usciamo quindi fuori del campo e andiamo a lui, portando il suo vituperio. 14 13:14 Poichè non abbiam qui una citta' stabile, ma cerchiamo quella futura. 15 13:15 Per mezzo di lui, dunque, offriam del continuo a Dio un sacrificio di lode: cioe', il frutto di labbra confessanti il suo nome ! 16 13:16 E non dimenticate di esercitar la beneficenza e di far parte agli altri de' vostri beni. perchè e' di tali sacrifici che Dio si compiace. 17 13:17 Ubbidite ai vostri conduttori e sottomettetevi a loro, perchè essi vegliano per le vostre anime, come chi ha da renderne conto. affinchè facciano questo con allegrezza e non sospirando. perchè cio' non vi sarebbe d'alcun utile. 18 13:18 proegate per noi, perchè siam persuasi d'aver una buona coscienza, desiderando di condurci onestamente in ogni cosa. 19 13:19 E vie piu' v'esorto a farlo, onde io vi sia piu' proesto restituito. 20 13:20 Or l'Iddio della pace che in virtu' del sangue del patto eterno ha tratto dai morti il gran Pastore delle pecore, Gesu' nostro Signore, 21 13:21 vi renda compiuti in ogni bene, onde facciate la sua volonta', operando in voi quel che e' gradito nel suo cospetto, per mezzo di Gesu' Cristo. a Lui sia la gloria ne' secoli dei secoli. Amen.

13:1 13:1 L'amor fraterno rimanga tra di voi. 2 13:2 Non dimenticate l'ospitalità. perchè alcuni proaticandola, senza saperlo, hanno ospitato angeli. 3 13:3 Ricordatevi dei carcerati, come se foste in carcere con loro. e di quelli che sono maltrattati, come se anche voi lo foste! 4 13:4 Il matrimonio sia tenuto in onore da tutti e il letto coniugale non sia macchiato da infedeltà. poichè Dio giudicherà i fornicatori e gli adulteri. 5 13:5 La vostra condotta non sia dominata dall'amore del denaro. siate contenti delle cose che avete. perchè Dio stesso ha detto: Io non ti lascerò e non ti abbandonerò. 6 13:6 Cosò noi possiamo dire con piena fiducia: Il Signore è il mio aiuto. non temerò. Che cosa potrà farmi l'uomo? 7 13:7 Ricordatevi dei vostri conduttori, i quali vi hanno annunziato la parola di Dio. e considerando quale sia stata la fine della loro vita, imitate la loro fede. 8 13:8 Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno. 9 13:9 Non vi lasciate trasportare qua e là da diversi e strani insegnamenti. perchè è bene che il cuore sia reso saldo dalla grazia, non da proatiche relative a vivande, dalle quali non trassero alcun beneficio quelli che le osservavano. 10 13:10 Noi abbiamo un altare al quale non hanno diritto di mangiare quelli che servono al tabernacolo. 11 13:11 Infatti i corpi degli animali, il cui sangue è portato dal sommo sacerdote nel santuario quale offerta per il peccato, sono arsi fuori dell'accampamento. 12 13:12 Perciò anche Gesù, per santificare il popolo con il proproio sangue, soffrò fuori della porta della città. 13 13:13 Usciamo quindi fuori dall'accampamento e andiamo a lui portando il suo obbrobrio. 14 13:14 Perchè non abbiamo quaggiù una città stabile, ma cerchiamo quella futura. 15 13:15 Per mezzo di Gesù, dunque, offriamo continuamente a Dio un sacrificio di lode: cioè, il frutto di labbra che confessano il suo nome. 16 13:16 Non dimenticate poi di esercitare la beneficenza e di mettere in comune ciò che avete. perchè è di tali sacrifici che Dio si compiace. 17 13:17 Ubbidite ai vostri conduttori e sottomettetevi a loro, perchè essi vegliano per la vostra vita come chi deve renderne conto, affinchè facciano questo con gioia e non sospirando. perchè ciò non vi sarebbe di alcuna utilità. 18 13:18 proegate per noi. infatti siamo convinti di avere una buona coscienza, e siamo decisi a condurci onestamente in ogni cosa. 19 13:19 Ma ancor più vi esorto a farlo, affinchè io vi sia restituito al più proesto. 20 13:20 Or il Dio della pace che in virtù del sangue del patto eterno ha fatto risalire dai morti il grande pastore delle pecore, il nostro Signore Gesù, 21 13:21 vi renda perfetti in ogni bene, affinchè facciate la sua volontà, e operi in voi ciò che è gradito davanti a lui, per mezzo di Gesù Cristo. a lui sia la gloria nei secoli dei secoli. Amen.

13:1 13:1 Continuate nell’amore fraterno. 2 13:2 Non dimenticate l’ospitalità, perchè alcuni, proaticandola, hanno ospitato senza saperlo degli angeli. 3 13:3 Ricordatevi dei carcerati come se foste loro compagni e di quelli che sono maltrattati, sapendo che anche voi siete nel corpo. 4 13:4 Sia il matrimonio tenuto in onore da tutti e il letto coniugale sia incontaminato, poichè Dio giudicherà i fornicatori e gli adulteri. 5 13:5 Nel vostro comportamento non siate amanti del denaro e accontentatevi di quello che avete, perchè Dio stesso ha detto: ’Io non ti lascerò e non ti abbandonerò'. 6 13:6 Così possiamo dire con fiducia: ’Il Signore è il mio aiuto, e io non temerò. Che cosa mi potrà fare l’uomo?'. 7 13:7 Ricordatevi dei vostri conduttori, che vi hanno annunziato la parola di Dio e, considerando il risultato della loro condotta, imitate la loro fede. 8 13:8 Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno. 9 13:9 Non lasciatevi trasportare qua e là da varie e strane dottrine, perchè è bene che il cuore sia reso saldo dalla grazia e non da cibi, da cui non ebbero alcun giovamento quelli che ne fecero uso. 10 13:10 Noi abbiamo un altare del quale non hanno diritto di mangiare quelli che servono al tabernacolo. 11 13:11 Infatti i corpi degli animali, il cui sangue è portato dal sommo sacerdote nel santuario per il peccato, sono bruciati fuori del camp?. 12 13:12 Perciò anche Gesù, per santificare il popolo con il proproio sangue, ha sofferto fuori della porta. 13 13:13 Usciamo dunque fuori del campo e andiamo a lui portando il suo vituperio. 14 13:14 Infatti non abbiamo quaggiù una città stabile, ma cerchiamo quella futura. 15 13:15 Per mezzo di lui dunque, offriamo del continuo a Dio un sacrificio di lode, cioè il frutto di labbra che confessano il suo nome. 16 13:16 E non dimenticate la beneficenza e di far parte dei vostri beni agli altri, perchè Dio si compiace di tali sacrifici. 17 13:17 Ubbidite ai vostri conduttori e sottomettetevi a loro, perchè essi vegliano sulle anime vostre, come chi ha da renderne conto, affinchè facciano questo con gioia e non sospirando, perchè ciò non vi sarebbe di alcun vantaggio. 18 13:18 proegate per noi, perchè crediamo di avere una buona coscienza, desiderando di comportarci rettamente in ogni cosa. 19 13:19 Ma vi esorto ancor di più a fare questo, affinchè io vi sia restituito al più proesto. 20 13:20 Ora il Dio della pace, che in virtù del sangue del patto eterno ha fatto risalire dai morti il Signor nostro Gesù Cristo, il grande Pastore delle pecore, 21 13:21 vi perfezioni in ogni buona opera, per fare la sua volontà, operando in voi ciò che è gradito davanti a lui per mezzo di Gesù Cristo, al quale sia la gloria nei secoli dei secoli. Amen.

13:1 perchè il nostro Dio è un fuoco divoratore. 2 Perseverate nell'amore fraterno. 3 Non dimenticate l'ospitalità; alcuni, praticandola, hanno accolto degli angeli senza saperlo. 4 Ricordatevi dei carcerati, come se foste loro compagni di carcere, e di quelli che sono maltrattati, in quanto anche voi siete in un corpo mortale. 5 Il matrimonio sia rispettato da tutti e il talamo sia senza macchia. I fornicatori e gli adùlteri saranno giudicati da Dio. 6 La vostra condotta sia senza avarizia; accontentatevi di quello che avete, perchè Dio stesso ha detto: Non ti lascerò e non ti abbandonerò. 7 Così possiamo dire con fiducia: Il Signore è il mio aiuto, non temerò. Che mi potrà fare l'uomo? 8 Ricordatevi dei vostri capi, i quali vi hanno annunziato la parola di Dio; considerando attentamente l'esito del loro tenore di vita, imitatene la fede. 9 Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e sempre! 10 Non lasciatevi sviare da dottrine varie e peregrine, perchè è bene che il cuore venga rinsaldato per mezzo della grazia, non di cibi che non hanno mai recato giovamento a coloro che ne usarono. 11 Noi abbiamo un altare del quale non hanno alcun diritto di mangiare quelli che sono al servizio del Tabernacolo. 12 Infatti i corpi degli animali, il cui sangue per l'espiazione vien portato nel santuario dal sommo sacerdote, vengono bruciati fuori dell'accampamento. 13 Perciò anche Gesù, per santificare il popolo con il proprio sangue, patì fuori della porta della città. 14 Usciamo dunque verso di lui fuori dell'accampamento, portando il suo obbrobrio, 15 perchè non abbiamo quaggiù una città stabile, ma andiamo in cerca di quella futura. 16 Per mezzo di lui dunque offriamo a Dio continuamente un sacrificio di lode, cioè il frutto di labbra che confessano il suo nome. 17 Non dimenticatevi della beneficenza e di far parte dei vostri beni agli altri, perchè di tali sacrifici il Signore si compiace. 18 Obbedite ai vostri capi e state loro sottomessi, perchè essi vegliano per le vostre anime, come chi ha da renderne conto; obbedite, perchè facciano questo con gioia e non gemendo: ciò non sarebbe vantaggioso per voi. 19 Pregate per noi, poichè crediamo di avere una buona coscienza, volendo comportarci bene in ogni cosa. 20 Con maggiore insistenza poi vi esorto a farlo, perchè io vi sia restituito al più presto. 21 Il Dio della pace che ha fatto tornare dai morti il Pastore grande delle pecore, in virtù del sangue di un'alleanza eterna, il Signore nostro Gesù,

Mappa

Commento di un santo

1. O figlio, ti ricorderai notte e giorno di colui che ti predica le parole di Dio e lo onorerai come il Signore, perchè là donde è predicata la (sua) sovranità, è il Signore. 2. Cercherai poi ogni giorno la presenza dei santi, per trovare riposo nelle loro parole. 3. Non sarai causa di discordia, ma cercherai invece di mettere pace tra i contendenti; giudicherai secondo giustizia e non farai distinzione di persona nel correggere i falli

Autore

Didachč

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-4°venerdi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Eb 13,1-8)}; (Eb 13,1-8)}; (sal 27,1-1.27,3-3.27,5-5.27,8-9.)}; (mc 6,14-29)};
E nelle seguenti solennitĂ 
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia