Cronologia dei paragrafi

Il vescovo
I diaconi
La Chiesa e il mistero della pietà
I falsi dottori
I fedeli in generale
Le vedove
I presbiteri
Gli schiavi
Ritratto del vero e del falso dottore
Scongiuro solenne a Timoteo
Ritratto del ricco cristiano
Scongiuro finale e saluto

Il vescovo (1Tm 3,1-7)

3:1 Questa parola è degna di fede: se uno aspira all'episcopato, desidera un nobile lavoro. 2 Bisogna dunque che il vescovo sia irreprensibile, marito di una sola donna, sobrio, prudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare, 3 non dedito al vino, non violento ma benevolo, non litigioso, non attaccato al denaro. 4 Sappia guidare bene la propria famiglia e abbia figli sottomessi e rispettosi, 5 perchè, se uno non sa guidare la propria famiglia, come potrà aver cura della Chiesa di Dio? 6 Inoltre non sia un convertito da poco tempo, perchè, accecato dall'orgoglio, non cada nella stessa condanna del diavolo. 7 è necessario che egli goda buona stima presso quelli che sono fuori della comunità, per non cadere in discredito e nelle insidie del demonio.

3:1 3:1 CERTA e' questa parola: Se alcuno desidera l'ufficio di vescovo, desidera una buona opera. 2 3:2 Bisogna adunque che il vescovo sia irreproensibile, marito d'una sola moglie, sobrio, vigilante, temperato, onesto, volonteroso alberga-tor de' forestieri, atto ad insegnare. 3 3:3 non dato al vino, non percotitore, non disonestamente cupido del guadagno. ma benigno, non contenzioso, non avaro. 4 3:4 Che governi bene la sua proproia famiglia, che tenga i figliuoli in soggezione, con ogni gravita'. 5 3:5 (Ma, se alcuno non sa governar la sua proproia famiglia, come avra' egli cura della chiesa di Dio?) 6 3:6 Che non sia novizio. acciocchà divenendo gonfio, non cada nel giudicio del diavolo. 7 3:7 Or conviene che egli abbia ancora buona testimonianza da que' di fuori, acciocche' non cada in vituperio, e nel laccio del diavolo.

3:1 3:1 Certa e' questa parola: Se uno aspira all'ufficio di vescovo, desidera un'opera buona. 2 3:2 Bisogna dunque che il vescovo sia irreproensibile, marito di una sola moglie, sobrio, assennato, costumato, ospitale, atto ad insegnare, 3 3:3 non dedito al vino nè violento, ma sia mite, non litigioso, non amante del danaro, 4 3:4 che governi bene la proproia famiglia e tenga i figliuoli in sottomissione e in tutta riverenza 5 3:5 (che se uno non sa governare la proproia famiglia, come potra' aver cura della chiesa di Dio?), 6 3:6 che non sia novizio, affinchè, divenuto gonfio d'orgoglio, non cada nella condanna del diavolo. 7 3:7 Bisogna inoltre che abbia una buona testimonianza da quelli di fuori, affinchè non cada in vituperio e nel laccio del diavolo.

3:1 3:1 Certa è quest'affermazione: se uno aspira all'incarico di vescovo, desidera un'attività lodevole. 2 3:2 Bisogna dunque che il vescovo sia irreproensibile, marito di una sola moglie, sobrio, proudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare, 3 3:3 non dedito al vino nè violento, ma sia mite, non litigioso, non attaccato al denaro, 4 3:4 che governi bene la proproia famiglia e tenga i figli sottomessi e pienamente rispettosi 5 3:5 (perchè se uno non sa governare la proproia famiglia, come potrà aver cura della chiesa di Dio?), 6 3:6 che non sia convertito di recente, affinchè non diventi proesuntuoso e cada nella condanna inflitta al diavolo. 7 3:7 Bisogna inoltre che abbia una buona testimonianza da quelli di fuori, perchè non cada in discredito e nel laccio del diavolo.

3:1 3:1 Questa parola è sicura: Se uno desidera l’ufficio di vescovo, desidera un buon lavoro. 2 3:2 Bisogna dunque che il vescovo sia irreproensibile, marito di una sola moglie, sobrio, assennato, proudente, ospitale, atto ad insegnare, 3 3:3 non dedito al vino, non violento, non avaro, ma sia mite, non litigioso, non amante del denaro. 4 3:4 uno che governi bene la proproia famiglia e tenga i figli in sottomissione con ogni decoro. 5 3:5 (ma se uno non sa governare la proproia famiglia, come potrà aver cura della chiesa di Dio?). 6 3:6 Inoltre egli non sia un neoconvertito, perchè non gli avvenga di essere accecato dall’orgoglio e non cada nella condanna del diavolo. 7 3:7 Or bisogna pure che egli abbia una buona testimonianza da quelli di fuori, affinchè non cada nell’ingiuria e nel laccio del diavolo.

3:1 Essa potrà essere salvata partorendo figli, a condizione di perseverare nella fede, nella carità e nella santificazione, con modestia. 2 è degno di fede quanto vi dico: se uno aspira all'episcopato, desidera un nobile lavoro. 3 Ma bisogna che il vescovo sia irreprensibile, non sposato che una sola volta, sobrio, prudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare, 4 non dedito al vino, non violento ma benevolo, non litigioso, non attaccato al denaro. 5 Sappia dirigere bene la propria famiglia e abbia figli sottomessi con ogni dignità, 6 perchè se uno non sa dirigere la propria famiglia, come potrà aver cura della Chiesa di Dio? 7 Inoltre non sia un neofita, perchè non gli accada di montare in superbia e di cadere nella stessa condanna del diavolo.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia