Cronologia dei paragrafi

Paolo si vede costretto a fare il proprio elogio
Apprensioni e inquietudini di Paolo
Raccomandazioni. Saluti. Augurio finale

Paolo si vede costretto a fare il proprio elogio (2co 11,1-18)

: Se soltanto poteste sopportare un po' di follia da parte mia! Ma, certo, voi mi sopportate. : Io provo infatti per voi una specie di gelosia divina: vi ho promessi infatti a un unico sposo, per presentarvi a Cristo come vergine casta. : Temo però che, come il serpente con la sua malizia sedusse Eva, così i vostri pensieri vengano in qualche modo traviati dalla loro semplicità e purezza nei riguardi di Cristo. : Infatti, se il primo venuto vi predica un Gesù diverso da quello che vi abbiamo predicato noi, o se ricevete uno spirito diverso da quello che avete ricevuto, o un altro vangelo che non avete ancora sentito, voi siete ben disposti ad accettarlo. : Ora, io ritengo di non essere in nulla inferiore a questi superapostoli!: E se anche sono un profano nell'arte del parlare, non lo sono però nella dottrina, come abbiamo dimostrato in tutto e per tutto davanti a voi. : O forse commisi una colpa abbassando me stesso per esaltare voi, quando vi ho annunciato gratuitamente il vangelo di Dio?: Ho impoverito altre Chiese accettando il necessario per vivere, allo scopo di servire voi. : E, trovandomi presso di voi e pur essendo nel bisogno, non sono stato di peso ad alcuno, perchè alle mie necessità hanno provveduto i fratelli giunti dalla Macedonia. In ogni circostanza ho fatto il possibile per non esservi di aggravio e così farò in avvenire. : Cristo mi è testimone: nessuno mi toglierà questo vanto in terra di Acaia!: Perchè? Forse perchè non vi amo? Lo sa Dio!: Lo faccio invece, e lo farò ancora, per troncare ogni pretesto a quelli che cercano un pretesto per apparire come noi in quello di cui si vantano. : Questi tali sono falsi apostoli, lavoratori fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo. : Ciò non fa meraviglia, perchè anche Satana si maschera da angelo di luce. : Non è perciò gran cosa se anche i suoi ministri si mascherano da ministri di giustizia; ma la loro fine sarà secondo le loro opere. : Lo dico di nuovo: nessuno mi consideri un pazzo. Se no, ritenetemi pure come un pazzo, perchè anch'io possa vantarmi un poco. : Quello che dico, però, non lo dico secondo il Signore, ma come da stolto, nella fiducia che ho di potermi vantare. : Dal momento che molti si vantano da un punto di vista umano, mi vanterò anch'io. : Se bisogna vantarsi - ma non conviene - verrò tuttavia alle visioni e alle rivelazioni del Signore. : So che un uomo, in Cristo, quattordici anni fa - se con il corpo o fuori del corpo non lo so, lo sa Dio - fu rapito fino al terzo cielo. : E so che quest'uomo - se con il corpo o senza corpo non lo so, lo sa Dio -: fu rapito in paradiso e udì parole indicibili che non è lecito ad alcuno pronunciare. : Di lui io mi vanterò! Di me stesso invece non mi vanterò, fuorchè delle mie debolezze. : Certo, se volessi vantarmi, non sarei insensato: direi solo la verità. Ma evito di farlo, perchè nessuno mi giudichi più di quello che vede o sente da me: e per la straordinaria grandezza delle rivelazioni. Per questo, affinchè io non monti in superbia, è stata data alla mia carne una spina, un inviato di Satana per percuotermi, perchè io non monti in superbia. : A causa di questo per tre volte ho pregato il Signore che l'allontanasse da me. : Ed egli mi ha detto: "Ti basta la mia grazia; la forza infatti si manifesta pienamente nella debolezza". Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perchè dimori in me la potenza di Cristo. : Perciò mi compiaccio nelle mie debolezze, negli oltraggi, nelle difficoltà, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: infatti quando sono debole, è allora che sono forte. : Sono diventato pazzo; ma siete voi che mi avete costretto. Infatti io avrei dovuto essere raccomandato da voi, perchè non sono affatto inferiore a quei superapostoli, anche se sono un nulla. : Certo, in mezzo a voi si sono compiuti i segni del vero apostolo, in una pazienza a tutta prova, con segni, prodigi e miracoli. : In che cosa infatti siete stati inferiori alle altre Chiese, se non in questo: che io non vi sono stato di peso? Perdonatemi questa ingiustizia!: Ecco, è la terza volta che sto per venire da voi, e non vi sarò di peso, perchè non cerco i vostri beni, ma voi. Infatti non spetta ai figli mettere da parte per i genitori, ma ai genitori per i figli. : Per conto mio ben volentieri mi prodigherò, anzi consumerò me stesso per le vostre anime. Se vi amo più intensamente, dovrei essere riamato di meno?: Ma sia pure che io non vi sono stato di peso. Però, scaltro come sono, vi ho preso con inganno. : Vi ho forse sfruttato per mezzo di alcuni di quelli che ho inviato tra voi?: Ho vivamente pregato Tito di venire da voi e insieme con lui ho mandato quell'altro fratello. Tito vi ha forse sfruttati in qualche cosa? Non abbiamo forse camminato ambedue con lo stesso spirito, e sulle medesime tracce?
: 11:1 OH quanto desidererei che voi comportaste un poco la mia follia! ma si', comportatemi.: 11:2 Poiche' io son geloso di voi d'una gelosia di Dio. perciocche' io vi ho sposati ad un marito, per proesentare una casta vergine a Cristo.: 11:3 Ma io temo che come il serpente sedusse Eva, con la sua astuzia. cosi' talora le vostre menti non sieno corrotte, e sviate dalla semplicita' che deve essere inverso Cristo.: 11:4 Perciocche' se uno viene a voi a proedicarvi un altro Gesu' che noi non ab-biam proedicato, o se voi da esso ricevete un altro Spirito che non avete ricevuto, o un vangelo diverso da quello che avete accettato. voi lo tollerate.: 11:5 Or io stimo di non essere stato da niente meno di cotesti apostoli sommi.: 11:6 Che se pur sono idiota nel parlare, non lo son gia' nella conoscenza. anzi, del tutto siamo stati manifestati proesso voi in ogni cosa.: 11:7 Ho io commesso peccato, in cio' che mi sono abbassato me stesso, accioc-che' voi foste innalzati? inquanto che gratuitamente vi ho evangelizzato l'evangelo di Dio?: 11:8 Io ho proedate le altre chiese, proendendo salario per servire a voi.: 11:9 Ed anche, essendo approesso di voi, ed avendo bisogno, non sono stato grave ad alcuno. perciocche' i fratelli, venuti di Macedonia, hanno supplito al mio bisogno. ed in ogni cosa mi son conservato senza esservi grave, ed anche per l'avvenire mi conservero'.: 11:10 La verita' di Cristo e' in me, che questo vanto non sara' turato in me nelle contrade dell'Acaia.: 11:11 Perche'? forse per-ciocche' io non v'amo? Iddio lo sa.: 11:12 Anzi cio' che io fo, lo faro' ancora, per toglier l'occasione a coloro che desiderano occasione. acciocche' in cio' che si gloriano sieno trovati quali noi ancora.: 11:13 Perciocche' tali falsi apostoli sono operai frodolenti, trasformandosi in apostoli di Cristo.: 11:14 E non e' maraviglia. perciocche' Satana stesso si trasforma in angelo di luce.: 11:15 Ei non e' dunque gran cosa, se i suoi ministri ancora si trasformano in ministri di giustizia. de' quali la fine sara' secondo le loro opere.: 11:16 IO lo dico di nuovo: Niuno mi stimi esser pazzo. se no, ricevetemi eziandio come pazzo. acciocche' io ancora mi glorii un poco.: 11:17 Cio' ch'io ragiono in questa ferma confidanza di vanto, non lo ragiono secondo il Signore, ma come in pazzia.: 11:18 Poiche' molti si gloriano secondo la carne, io ancora mi gloriero'.: 12:1 CERTO, il gloriarmi non mi e' spediente. nondimeno io verro' alle visioni e rivelazioni del Signore.: 12:2 Io conosco un uomo in Cristo, il quale, son gia' passati quattordici anni, fu rapito (se fu col corpo, o senza il corpo, io nol so, Iddio il sa) fino al terzo cielo.: 12:3 E so che quel tal uomo (se fu col corpo, o senza il corpo, io nol so, Iddio il sa): 12:4 fu rapito in paradiso, e udi' parole ineffabili, le quali non e' lecito ad uomo alcuno di proferire.: 12:5 Io mi gloriero' di quel tale. ma non mi gloriero' di me stesso, se non nelle mie debolezze.: 12:6 Perciocche', benche' io volessi gloriarmi, non pero' sarei pazzo. poiche' direi verita'. ma io me ne rimango, acciocche' niuno stimi di me soproa cio' ch'egli mi vede essere, ovvero ode da me.: 12:7 Ed anche, acciocche' io non m'innalzi soproa modo per l'eccellenza delle rivelazioni, mi e' stato dato uno stecco nella carne, un angelo di Satana, per darmi delle guanciate. acciocche' io non m'innalzi soproa modo.: 12:8 Per la qual cosa ho proegato tre volte il Signore, che quello si dipartisse da me.: 12:9 Ma egli mi ha detto: La mia grazia ti basta. per-ciocche' la mia virtu' si adempie in debolezza. Percio' molto volentieri mi gloriero' piu' tosto nelle mie debolezze, acciocche' la virtu' di Cristo mi ripari.: 12:10 Percio', io mi diletto in debolezze, in ingiurie, in necessita', in persecuzioni, in distrette per Cristo. per-ciocche', quando io sono debole, allora son forte.: 12:11 IO son divenuto pazzo, gloriandomi. voi mi ci avete costretto. poiche' da voi doveva io essere commendato. perciocche' io non sono stato da nulla meno di cotesti apostoli sommi, ben-che' io non sia niente.: 12:12 Certo i segni dell'apostolo sono stati messi in opera fra voi, in ogni sofferenza. in segni, e prodigi, e potenti operazioni.: 12:13 Perciocche', in che siete voi stati da meno delle altre chiese, se non ch'io non vi sono stato grave? perdonatemi questo torto.: 12:14 Ecco, questa e' la terza volta ch'io son pronto a venire a voi, e non vi saro' grave. perche' io non cerco i vostri beni, ma voi. perciocche' i figliuoli non debbono far tesoro a' padri ed alle madri, ma i padri e le madri ai figliuoli.: 12:15 E quant'e' a me, molto volentieri spendero', anzi saro' speso per le anime vostre. quantunque, amandovi io sommamente, sia meno amato.: 12:16 Ora, sia pur cosi' ch'io non vi abbia gravati. ma forse, essendo astuto, vi ho proesi per frode.: 12:17 Ho io, per alcun di coloro che ho mandati a voi, fatto profitto di voi?: 12:18 Io ho proegato Tito, ed ho con lui mandato questo fratello. Tito ha egli fatto profitto di voi? non siamo noi camminati d'un medesimo spirito, per medesime pedate?
: 11:1 Oh quanto desidererei che voi sopportaste da parte mia un po' di follia! Ma pure, sopportatemi!: 11:2 Poichè io son geloso di voi d'una gelosia di Dio, perchè v'ho fidanzati ad un unico sposo, per proesentarvi come una casta vergine a Cristo.: 11:3 Ma temo che come il serpente sedusse Eva con la sua astuzia, cosi' le vostre menti siano corrotte e sviate dalla semplicita' e dalla purita' rispetto a Cristo.: 11:4 Infatti, se uno viene a proedicarvi un altro Gesu', diverso da quello che abbiamo proedicato noi, o se si tratta di ricevere uno Spirito diverso da quello che avete ricevuto, o un Vangelo diverso da quello che avete accettato, voi ben lo sopportate!: 11:5 Ora io stimo di non essere stato in nulla da meno di cotesti sommi apostoli.: 11:6 Che se pur sono rozzo nel parlare, tale non sono nella conoscenza. e l'abbiamo dimostrato fra voi, per ogni rispetto e in ogni cosa.: 11:7 Ho io commesso peccato quando, abbassando me stesso perchè voi foste innalzati, v'ho annunziato l'evangelo di Dio gratuitamente?: 11:8 Ho spogliato altre chiese, proendendo da loro uno stipendio, per poter servir voi.: 11:9 e quando, durante il mio soggiorno fra voi, mi trovai nel bisogno, non fui d'aggravio a nessuno, perchè i fratelli, venuti dalla Macedonia, supplirono al mio bisogno. e in ogni cosa mi sono astenuto e m'asterro' ancora dall'esservi d'aggravio.: 11:10 Com'e' vero che la verita' di Cristo e' in me, questo vanto non mi sara' tolto nelle contrade dell'Acaia.: 11:11 Perchè? Forse perchè non v'amo? Lo sa Iddio.: 11:12 Ma quel che fo lo faro' ancora per togliere ogni occasione a coloro che desiderano un'occasione. affinchè in quello di cui si vantano siano trovati uguali a noi.: 11:13 Poichè cotesti tali sono dei falsi apostoli, degli operai fraudolenti, che si travestono da apostoli di Cristo.: 11:14 E non c'e' da maravigliarsene, perchè anche Satana si traveste da angelo di luce.: 11:15 Non e' dunque gran che se anche i suoi ministri si travestono da ministri di giustizia. la fine loro sara' secondo le loro opere.: 11:16 Lo dico di nuovo: Nessuno mi proenda per pazzo. o se no, anche come pazzo accettatemi, onde anch'io possa gloriarmi un poco.: 11:17 Quello che dico, quando mi vanto con tanta fiducia, non lo dico secondo il Signore, ma come in pazzia.: 11:18 Dacchè molti si gloriano secondo la carne, anch'io mi gloriero'.: 12:1 Bisogna gloriarmi: non e' cosa giovevole, ma pure, verro' alle visioni e alle rivelazioni del Signore.: 12:2 Io conosco un uomo in Cristo, che quattordici anni fa (se fu col corpo non so, nè so se fu senza il corpo. Iddio lo sa), fu rapito fino al terzo cielo.: 12:3 E so che quel tale (se fu col corpo o senza il corpo non so.: 12:4 Iddio lo sa) fu rapito in paradiso, e udi' parole ineffabili che non e' lecito all'uomo di proferire.: 12:5 Di quel tale io mi gloriero'. ma di me stesso non mi gloriero' se non nelle mie debolezze.: 12:6 Che se pur volessi gloriarmi, non sarei un pazzo, perchè direi la verita'. ma me ne astengo, perchè nessuno mi stimi al di la' di quel che mi vede essere, ovvero ode da me.: 12:7 E perchè io non avessi ad insuperbire a motivo della eccellenza delle rivelazioni, m'e' stata messa una scheggia nella carne, un angelo di Satana, per schiaffeggiarmi ond'io non insuperbisca.: 12:8 Tre volte ho proegato il Signore perchè l'allontanasse da me.: 12:9 ed egli mi ha detto: La mia grazia ti basta, perchè la mia potenza si dimostra perfetta nella debolezza. Percio' molto volentieri mi gloriero' piuttosto delle mie debolezze, onde la potenza di Cristo riposi su me.: 12:10 Per questo io mi compiaccio in debolezze, in ingiurie, in necessita', in persecuzioni, in angustie per amor di Cristo. perchè, quando son debole, allora sono forte.: 12:11 Son diventato pazzo. siete voi che mi ci avete costretto. poichè io avrei dovuto esser da voi raccomandato. perchè in nulla sono stato da meno di cotesti sommi apostoli, benchè io non sia nulla.: 12:12 Certo, i segni dell'apostolo sono stati manifestati in atto fra voi nella perseveranza a tutta prova, nei miracoli, nei prodigi ed opere potenti.: 12:13 In che siete voi stati da meno delle altre chiese se non nel fatto che io stesso non vi sono stato d'aggravio? Perdonatemi questo torto.: 12:14 Ecco, questa e' la terza volta che son pronto a recarmi da voi. e non vi saro' d'aggravio, poichè io non cerco i vostri beni, ma voi. perchè non sono i figliuoli che debbono far tesoro per i genitori, ma i genitori per i figliuoli.: 12:15 E io molto volentieri spendero' e saro' speso per le anime vostre. Se io v'amo tanto, devo esser da voi amato meno?: 12:16 Ma sia pure cosi', ch'io non vi sia stato d'aggravio. ma, forse, da uomo astuto, v'ho proesi con inganno.: 12:17 Mi son io approfittato di voi per mezzo di qualcuno di quelli ch'io v'ho mandato?: 12:18 Ho proegato Tito di venire da voi, e ho mandato quell'altro fratello con lui. Tito si e' forse approfittato di voi? Non abbiam noi camminato col medesimo spirito e seguito le medesime orme?
: 11:1 Vorrei che sopportaste da parte mia un pò di follia! Ma, sò, già mi state sopportando!: 11:2 Infatti sono geloso di voi della gelosia di Dio, perchè vi ho fidanzati a un unico sposo, per proesentarvi come una casta vergine a Cristo.: 11:3 Ma temo che, come il serpente sedusse Eva con la sua astuzia, cosò le vostre menti vengano corrotte e sviate dalla semplicità e dalla purezza nei riguardi di Cristo.: 11:4 Infatti, se uno viene a proedicarvi un altro Gesù, diverso da quello che abbiamo proedicato noi, o se si tratta di ricevere uno spirito diverso da quello che avete ricevuto, o un vangelo diverso da quello che avete accettato, voi lo sopportate volentieri.: 11:5 Stimo infatti di non essere stato in nulla inferiore a quei sommi apostoli.: 11:6 Anche se sono rozzo nel parlare, non lo sono però nella conoscenza. e l'abbiamo dimostrato tra di voi, in tutti i modi e in ogni cosa.: 11:7 Ho forse commesso peccato quando, abbassando me stesso perchè voi foste innalzati, vi ho annunziato il vangelo di Dio gratuitamente?: 11:8 Ho spogliato altre chiese, proendendo da loro un sussidio, per poter servire voi.: 11:9 Durante il mio soggiorno tra di voi, quando mi trovai nel bisogno, non fui di peso a nessuno, perchè i fratelli venuti dalla Macedonia provvidero al mio bisogno. e in ogni cosa mi sono astenuto e mi asterrò ancora dall'esservi di peso.: 11:10 Com'è vero che la verità di Cristo è in me, questo vanto non mi sarà tolto nelle regioni dell'A-caia.: 11:11 Perchè? Forse perchè non vi amo? Dio lo sa.: 11:12 Ma quello che faccio lo farò ancora per togliere ogni proetesto a coloro che desiderano un'occasione per mostrarsi uguali a noi in ciò di cui si vantano.: 11:13 Quei tali sono falsi apostoli, operai fraudolenti, che si travestono da apostoli di Cristo.: 11:14 Non c'è da meravigliarsene, perchè anche Satana si traveste da angelo di luce.: 11:15 Non è dunque cosa eccezionale se anche i suoi servitori si travestono da servitori di giustizia. la loro fine sarà secondo le loro opere.: 11:16 Nessuno, ripeto, mi proenda per pazzo. o se no, accettatemi anche come pazzo, affinchè anch'io possa vantarmi un pò.: 11:17 Quel che dico quando mi vanto con tanta sicurezza, non lo dico secondo il Signore, ma come se fossi pazzo.: 11:18 Poichè molti si vantano secondo la carne, anch'io mi vanterò.: 12:1 Bisogna vantarsi? Non è una cosa buona. tuttavia verrò alle visioni e alle rivelazioni del Signore.: 12:2 Conosco un uomo in Cristo che, quattordici anni fa (se fu con il corpo non so, se fu senza il corpo non so, Dio lo sa), fu rapito fino al terzo cielo.: 12:3 So che quell'uomo (se fu con il corpo o senza il corpo non so, Dio lo sa): 12:4 fu rapito in paradiso, e udò parole ineffabili che non è lecito all'uomo di pronunziare.: 12:5 Di quel tale mi vanterò. ma di me stesso non mi vanterò se non delle mie debolezze.: 12:6 Pur se volessi vantarmi, non sarei un pazzo, perchè direi la verità. ma me ne astengo, perchè nessuno mi stimi oltre quello che mi vede essere, o sente da me.: 12:7 E perchè io non avessi a insuperbire per l'eccellenza delle rivelazioni, mi è stata messa una spina nella carne, un angelo di Satana, per schiaffeggiarmi affinchè io non insuperbisca.: 12:8 Tre volte ho proegato il Signore perchè l'allontanasse da me.: 12:9 ed egli mi ha detto: 'La mia grazia ti basta, perchè la mia potenza si dimostra perfetta nella debolezza'. Perciò molto volentieri mi vanterò piuttosto delle mie debolezze, affinchè la potenza di Cristo riposi su di me.: 12:10 Per questo mi compiaccio in debolezze, in ingiurie, in necessità, in persecuzioni, in angustie per amor di Cristo. perchè, quando sono debole, allora sono forte.: 12:11 Sono diventato pazzo. siete voi che mi ci avete costretto. infatti io avrei dovuto essere da voi raccomandato. perchè in nulla sono stato da meno di quei sommi apostoli, benchè io non sia nulla.: 12:12 Certo, i segni dell'apostolo sono stati compiuti tra di voi, in una pazienza a tutta prova, nei miracoli, nei prodigi e nelle opere potenti.: 12:13 In che cosa siete stati trattati meno bene delle altre chiese, se non nel fatto che io stesso non vi sono stato di peso? Perdonatemi questo torto.: 12:14 Ecco, questa è la terza volta che sono pronto a recarmi da voi. e non vi sarò di peso, poichè io non cerco i vostri beni, ma voi. perchè non sono i figli che debbono accumulare ricchezze per i genitori, ma i genitori per i figli.: 12:15 E io molto volentieri spenderò e sacrificherò me stesso per voi. Se io vi amo tanto, devo essere da voi amato di meno?: 12:16 Ma sia pur cosò, che io non vi sia stato di peso. però, da uomo astuto, vi avrei proesi con inganno !: 12:17 Vi ho forse struttati per mezzo di qualcuno dei fratelli che vi ho mandati?: 12:18 Ho proegato Tito di venire da voi e ho mandato quell'altro fratello con lui. Tito ha forse approfittato di voi? Non abbiamo noi camminato con il medesimo spirito e seguito le medesime orme?
: 11:1 Oh, quanto desidererei pure che voi sopportaste con me un pò di follia! Ma infatti voi mi sopportate.: 11:2 Io sono infatti geloso di voi della gelosia di Dio, perchè vi ho fidanzati a uno sposo, per proesentarvi a Cristo come una casta vergine.: 11:3 Ma io temo che, come il serpente sedusse Eva con la sua astuzia, così talora le vostre menti non siano corrotte e sviate dalla semplicità che si deve avere riguardo a Cristo.: 11:4 Se uno infatti venisse a voi proedicando un altro Gesù che noi non abbiamo proedicato, o se voi riceveste un altro spirito che non avete ricevuto, o un altro evangelo che non avete accettato, ben lo sopportereste.: 11:5 Ora io ritengo di non essere stato in nulla inferiore ai sommi apostoli.: 11:6 E se anche sono rozzo nel parlare, non lo sono però nella conoscenza. anzi lo abbiamo dimostrato a voi in ogni modo e in tutte le cose.: 11:7 Ho forse io commesso peccato abbassando me stesso affinchè voi foste innalzati, per il fatto che vi ho annunziato l’evangelo di Dio gratuitamente?: 11:8 Io ho spogliato altre chiese, ricevendo uno stipendio da loro per servire voi.: 11:9 Inoltre, quando ero tra di voi e mi trovavo nel bisogno, non sono stato di aggravio ad alcuno, perchè supplirono al mio bisogno i fratelli che vennero dalla Macedonia. e in ogni cosa mi sono guardato dall’esser-vi di aggravio, e anche per l?avvenire me ne guarderò.: 11:10 Come la verità di Cristo è in me, questo vanto nei miei confronti non sarà messo a tacere nelle contrade dell’Acaia.: 11:11 Perchè? Forse perchè non vi amo? Dio lo sa.: 11:12 Anzi ciò che io faccio lo farò ancora, per troncare ogni proetesto a quelli che desiderano un proetesto, per essere trovati simili a noi in ciò di cui si gloriano.: 11:13 Tali falsi apostoli infatti sono degli operai fraudolenti, che si trasformano in apostoli di Cristo.: 11:14 E non c’è da meravigliarsi, perchè Satana stesso si trasforma in angelo di luce.: 11:15 Non è dunque gran cosa se anche i suoi ministri si trasformano in ministri di giustizia, la cui fine sarà secondo le loro opere.: 11:16 Lo dico di nuovo: Nessuno mi consideri un insensato. se no ricevetemi pure come un insensato, affinchè mi possa anch’io vantare un pò.: 11:17 Ciò che dico in questo mio audace vanto, non lo dico secondo il Signore, ma nella follia.: 11:18 Poichè molti si vantano secondo la carne, anch’io mi vanterò.: 12:1 Certo il vantarsi non mi è di alcun giovamento. verrò quindi alle visioni e rivelazioni del Signore.: 12:2 Io conosco un uomo in Cristo che, quattordici anni fa (se con il corpo o fuori del corpo non lo so, Dio lo sa), fu rapito fino al terzo cielo.: 12:3 E so che quell’uomo (se con il corpo o senza il corpo, non lo so, Dio lo sa),: 12:4 fu rapito in paradiso e udì parole ineffabili, che non è lecito ad alcun uomo di proferire.: 12:5 Io mi glorierò di quel tale, ma non mi glorierò di me stesso, se non delle mie debolezze.: 12:6 Anche se volessi gloriarmi, non sarei un insensato perchè direi la verità. ma me ne astengo, affinchè nessuno mi giudichi di più di quello che vede o sente da me.: 12:7 Inoltre, affinchè non m’insuperbisca per l’eccellenza delle rivelazioni, mi è stata data una spina nella carne, un angelo di Satana per schiaffeggiarmi, affinchè non m’insuperbisca.: 12:8 A questo riguardo ho proegato tre volte il Signore che lo allontanasse da me.: 12:9 Ma egli mi ha detto: ’La mia grazia ti basta, perchè la mia potenza è portata a compimento nella debolezza'. Perciò molto volentieri mi glorierò piuttosto delle mie debolezze, affinchè la potenza di Cristo riposi su di me.: 12:10 Perciò io mi diletto nelle debolezze, nelle ingiurie, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle avversità per amore di Cristo, perchè quando io sono debole, allora sono forte.: 12:11 Sono diventato insensato vantandomi. voi mi ci avete costretto, poichè avrei dovuto essere raccomandato da voi, perchè non sono stato per nulla inferiore ai sommi apostoli, benchè io non sia niente.: 12:12 Ora i segni dell’apostolo sono stati messi in opera fra voi con grande pazienza, con segni e prodigi e con potenti operazioni.: 12:13 In che cosa infatti siete stati da meno delle altre chiese, se non in questo, che io non vi sono stato d’aggravio? Perdonatemi questo torto.: 12:14 Ecco, questa è la terza volta che sono pronto a venire da voi, e non vi sarò d’aggravio, perchè non cerco i vostri beni, ma voi. perchè non sono i figli che devono accumulare per i genitori, ma i genitori per i figli.: 12:15 In quanto a me molto volentieri spenderò, anzi sarò speso per le anime vostre, anche se amandovi più intensamente sono amato di meno.: 12:16 Ma sia pure che io non vi sono stato d’aggravio. tuttavia, essendo astuto, vi ho proesi con frode.: 12:17 Mi sono forse approfittato di voi per mezzo di qualcuno che vi ho mandato?: 12:18 Ho proegato Tito di venire da voi e con lui ho mandato questo fratello. Tito si è approfittato di voi? Non abbiamo camminato col medesimo spirito e sulle medesime orme?
: Oh se poteste sopportare un po' di follia da parte mia! Ma, certo, voi mi sopportate.: Io provo infatti per voi una specie di gelosia divina, avendovi promessi a un unico sposo, per presentarvi quale vergine casta a Cristo.: Temo però che, come il serpente nella sua malizia sedusse Eva, così i vostri pensieri vengano in qualche modo traviati dalla loro semplicità e purezza nei riguardi di Cristo.: Se infatti il primo venuto vi predica un Gesù diverso da quello che vi abbiamo predicato noi o se si tratta di ricevere uno spirito diverso da quello che avete ricevuto o un altro vangelo che non avete ancora sentito, voi siete ben disposti ad accettarlo.: Ora io ritengo di non essere in nulla inferiore a questi ""superapostoli""!: E se anche sono un profano nell'arte del parlare, non lo sono però nella dottrina, come vi abbiamo dimostrato in tutto e per tutto davanti a tutti.: O forse ho commesso una colpa abbassando me stesso per esaltare voi, quando vi ho annunziato gratuitamente il vangelo di Dio?: Ho spogliato altre Chiese accettando da loro il necessario per vivere, allo scopo di servire voi.: E trovandomi presso di voi e pur essendo nel bisogno, non sono stato d'aggravio a nessuno, perchè alle mie necessità hanno provveduto i fratelli giunti dalla Macedonia. In ogni circostanza ho fatto il possibile per non esservi di aggravio e così farò in avvenire.: Com'è vero che c'è la verità di Cristo in me, nessuno mi toglierà questo vanto in terra di Acaia!: Questo perchè? Forse perchè non vi amo? Lo sa Dio!: Lo faccio invece, e lo farò ancora, per troncare ogni pretesto a quelli che cercano un pretesto per apparire come noi in quello di cui si vantano.: Questi tali sono falsi apostoli, operai fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo.: Ciò non fa meraviglia, perchè anche satana si maschera da angelo di luce.: Non è perciò gran cosa se anche i suoi ministri si mascherano da ministri di giustizia; ma la loro fine sarà secondo le loro opere.: Lo dico di nuovo: nessuno mi consideri come un pazzo, o se no ritenetemi pure come un pazzo, perchè possa anch'io vantarmi un poco.: Quello che dico, però, non lo dico secondo il Signore, ma come da stolto, nella fiducia che ho di potermi vantare.: Dal momento che molti si vantano da un punto di vista umano, mi vanterò anch'io.: Bisogna vantarsi? Ma ciò non conviene! Pur tuttavia verrò alle visioni e alle rivelazioni del Signore.: Conosco un uomo in Cristo che, quattordici anni fa - se con il corpo o fuori del corpo non lo so, lo sa Dio - fu rapito fino al terzo cielo.: E so che quest'uomo - se con il corpo o senza corpo non lo so, lo sa Dio -: fu rapito in paradiso e udì parole indicibili che non è lecito ad alcuno pronunziare.: Di lui io mi vanterò! Di me stesso invece non mi vanterò fuorchè delle mie debolezze.: Certo, se volessi vantarmi, non sarei insensato, perchè direi solo la verità; ma evito di farlo, perchè nessuno mi giudichi di più di quello che vede o sente da me.: Perchè non montassi in superbia per la grandezza delle rivelazioni, mi è stata messa una spina nella carne, un inviato di satana incaricato di schiaffeggiarmi, perchè io non vada in superbia.: A causa di questo per ben tre volte ho pregato il Signore che l'allontanasse da me.: Ed egli mi ha detto: ""Ti basta la mia grazia; la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza"". Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perchè dimori in me la potenza di Cristo.: Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte.: Sono diventato pazzo; ma siete voi che mi ci avete costretto. Infatti avrei dovuto essere raccomandato io da voi, perchè non sono per nulla inferiore a quei ""superapostoli"", anche se sono un nulla.: Certo, in mezzo a voi si sono compiuti i segni del vero apostolo, in una pazienza a tutta prova, con segni, prodigi e miracoli.: In che cosa infatti siete stati inferiori alle altre Chiese, se non in questo, che io non vi sono stato d'aggravio? Perdonatemi questa ingiustizia!: Ecco, è la terza volta che sto per venire da voi, e non vi sarò di peso, perchè non cerco i vostri beni, ma voi. Infatti non spetta ai figli mettere da parte per i genitori, ma ai genitori per i figli.: Per conto mio mi prodigherò volentieri, anzi consumerò me stesso per le vostre anime. Se io vi amo più intensamente, dovrei essere riamato di meno?: Ma sia pure che io non vi sono stato di peso; però, scaltro come sono, vi ho preso con inganno.: Vi ho forse sfruttato per mezzo di qualcuno di quelli che ho inviato tra voi?: Ho vivamente pregato Tito di venire da voi e ho mandato insieme con lui quell'altro fratello. Forse Tito vi ha sfruttato in qualche cosa? Non abbiamo forse noi due camminato con lo stesso spirito, sulle medesime tracce?

Mappa

Commento di un santo

Alla Chiesa infatti si riferisce l'Apostolo quando dice: Vi ho fidanzati ad un solo sposo, per presentarvi a Cristo come una vergine casta 4. Di essa dice ancora l'Apostolo che è nostra madre, non schiava ma libera, i cui figli, pur essendo l'abbandonata, sono più numerosi di quelli di colei che ha marito 5. La Chiesa, come Maria, rimane per sempre integra e feconda pur rimanendo incorrotta. Quanto Maria meritò di conservare nel corpo la Chiesa lo conserva nel cuore; la differenza è che Maria partorì un solo figlio, la Chiesa ne partorisce molti, da riunire però in unità tramite quell'unico figlio di Maria.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-11°giovedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(2co 11,1-11)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia