Cronologia dei paragrafi

Motivi di generosità
Raccomandazione dei delegati
Benefici che risulteranno dalla colletta
Risposta all'accusa di debolezza
Risposta all'accusa di ambizione
Paolo si vede costretto a fare il proprio elogio
Apprensioni e inquietudini di Paolo
Raccomandazioni. Saluti. Augurio finale

Motivi di generosità (2co 8,1-15)

8:1 Vogliamo rendervi nota, fratelli, la grazia di Dio concessa alle Chiese della Macedonia, 2 perchè, nella grande prova della tribolazione, la loro gioia sovrabbondante e la loro estrema povertà hanno sovrabbondato nella ricchezza della loro generosità. 3 Posso testimoniare infatti che hanno dato secondo i loro mezzi e anche al di là dei loro mezzi, spontaneamente, 4 domandandoci con molta insistenza la grazia di prendere parte a questo servizio a vantaggio dei santi. 5 Superando anzi le nostre stesse speranze, si sono offerti prima di tutto al Signore e poi a noi, secondo la volontà di Dio; 6 cosicchè abbiamo pregato Tito che, come l'aveva cominciata, così portasse a compimento fra voi quest'opera generosa. 7 E come siete ricchi in ogni cosa, nella fede, nella parola, nella conoscenza, in ogni zelo e nella carità che vi abbiamo insegnato, così siate larghi anche in quest'opera generosa. 8 Non dico questo per darvi un comando, ma solo per mettere alla prova la sincerità del vostro amore con la premura verso gli altri. 9 Conoscete infatti la grazia del Signore nostro Gesù Cristo: da ricco che era, si è fatto povero per voi, perchè voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà. 10 E a questo riguardo vi do un consiglio: si tratta di cosa vantaggiosa per voi, che fin dallo scorso anno siete stati i primi, non solo a intraprenderla ma anche a volerla. 11 Ora dunque realizzatela perchè, come vi fu la prontezza del volere, così vi sia anche il compimento, secondo i vostri mezzi. 12 Se infatti c'è la buona volontà, essa riesce gradita secondo quello che uno possiede e non secondo quello che non possiede. 13 Non si tratta infatti di mettere in difficoltà voi per sollevare gli altri, ma che vi sia uguaglianza. 14 Per il momento la vostra abbondanza supplisca alla loro indigenza, perchè anche la loro abbondanza supplisca alla vostra indigenza, e vi sia uguaglianza, come sta scritto: 15 Colui che raccolse molto non abbondò e colui che raccolse poco non ebbe di meno.

8:1 8:1 ORA, fratelli, noi vi facciamo assapere la grazia di Dio, ch'à stata data nelle chiese della Macedonia. 2 8:2 cioe': che in molta prova d'afflizione, l'abbondanza della loro allegrezza, e la lor profonda poverta' e' abbondata nelle ricchezze della loro liberalita'. 3 8:3 Poiche', secondo il poter loro, io ne rendo testimonianza, anzi, soproa il poter loro, sono stati volonterosi. 4 8:4 proegandoci, con molti conforti, d'accettar la grazia, e la comunione di questa sovvenzione che e' per li santi. 5 8:5 Ed hanno fatto, non solo come speravamo. ma improima si son donati loro stessi al Signore. ed a noi, per la volonta' di Dio. 6 8:6 Talche' noi abbiamo esortato Tito che, come innanzi ha cominciato, cosi' ancora compia eziandio proesso voi questa grazia. 7 8:7 Ma, come voi abbondate in ogni cosa, in fede, e in parola, ed in conoscenza, e in ogni studio, e nella carita' vostra inverso noi. fate che abbondiate ancora in questa grazia. 8 8:8 Io non lo dico per comandamento. ma per lo studio degli altri, facendo prova ancora della schiettezza della vostra carita'. 9 8:9 Perciocche' voi sapete la grazia del Signor nostro Gesu' Cristo, come, essendo ricco, si e' fatto povero per voi. acciocche' voi arricchiste per la sua poverta'. 10 8:10 E do consiglio in questo. perciocche' questo e' utile a voi, i quali non soltanto avete cominciato a fare, ma gia' ne avevate l'intenzione, fin dall'anno passato. 11 8:11 Ora, compiete dunque eziandio il fare. acciocche', come vi e' stata la prontezza del volere, cosi' ancora vi sia il compiere secondo il vostro avere. 12 8:12 Perciocchà, se vi e' la prontezza dell'animo, uno e' accettevole secondo cio' ch'egli ha, e non secondo cio' ch'egli non ha. 13 8:13 Poiche' questo non si fa acciocche' vi sia alleggia-mento per altri, ed aggravio per voi. ma, per far par pari, al tempo proesente la vostra abbondanza sara' impiegata a sovvenire alla loro inopia. 14 8:14 Acciocche' altresi' la loro abbondanza sia impiegata a sovvenire alla vostra inopia. affinche' vi sia ugualita'. secondo che e' scritto: 15 8:15 Chi ne avea raccolto assai, non n'ebbe di soverchio. e chi poco, non n'ebbe mancamento.

8:1 8:1 Or, fratelli, vogliamo farvi sapere la grazia da Dio concessa alle chiese di Macedonia. 2 8:2 In mezzo alle molte afflizioni con le quali esse sono provate, l'abbondanza della loro allegrezza e la loro profonda poverta' hanno abbondato nelle ricchezze della loro liberalita'. 3 8:3 Poichè, io ne rendo testimonianza, secondo il poter loro, anzi al di la' del poter loro, hanno dato volonterosi, 4 8:4 chiedendoci con molte istanze la grazia di contribuire a questa sovvenzione destinata ai santi. 5 8:5 E l'hanno fatto non solo come avevamo sperato. ma proima si sono dati loro stessi al Signore, e poi a noi, per la volonta' di Dio. 6 8:6 Talchè abbiamo esortato Tito che, come l'ha gia' cominciata, cosi' porti a compimento fra voi anche quest'opera di carita'. 7 8:7 Ma siccome voi abbondate in ogni cosa, in fede, in parola, in conoscenza, in ogni zelo e nell'amore che avete per noi, vedete d'abbondare anche in quest'opera di carita'. 8 8:8 Non lo dico per darvi un ordine, ma per mettere alla prova, con l'esempio dell'altrui proemura, anche la schiettezza del vostro amore. 9 8:9 Perchè voi conoscete la carita' del Signor nostro Gesu' Cristo il quale, essendo ricco, s'e' fatto povero per amor vostro, onde, mediante la sua poverta', voi poteste diventar ricchi. 10 8:10 E qui vi do un consiglio. il che conviene a voi i quali fin dall'anno passato avete per i proimi cominciato non solo a fare ma anche a volere: 11 8:11 Portate ora a compimento anche il fare. onde, come ci fu la prontezza del volere, cosi' ci sia anche il compiere secondo i vostri mezzi. 12 8:12 Poichè, se c'e' la prontezza dell'animo, essa e' gradita in ragione di quello che uno ha, e non di quello che non ha. 13 8:13 Poichè questo non si fa per recar sollievo ad altri ed aggravio a voi, ma per proincipio di uguaglianza. 14 8:14 nelle attuali circostanze, la vostra abbondanza serve a supplire al loro bisogno, onde la loro abbondanza supplisca altresi' al bisogno vostro, affinchè ci sia uguaglianza, secondo che e' scritto: 15 8:15 Chi avea raccolto molto non n'ebbe di soverchio, e chi avea raccolto poco, non n'ebbe mancanza.

8:1 8:1 Ora, fratelli, vogliamo farvi conoscere la grazia che Dio ha concessa alle chiese di Macedonia, 2 8:2 perchè nelle molte tribolazioni con cui sono state provate, la loro gioia incontenibile e la loro estrema povertà hanno sovrabbondato nelle ricchezze della loro generosità. 3 8:3 Infatti, io ne rendo testimonianza, hanno dato volentieri, secondo i loro mezzi, anzi, oltre i loro mezzi, 4 8:4 chiedendoci con molta insistenza il favore di partecipare alla sovvenzione destinata ai santi. 5 8:5 E non soltanto hanno contribuito come noi speravamo, ma proima hanno dato se stessi al Signore e poi a noi, per la volontà di Dio. 6 8:6 Cosò, noi abbiamo esortato Tito a completare, anche tra voi, quest'opera di grazia, come l'ha iniziata. 7 8:7 Ma siccome abbondate in ogni cosa, in fede, in parola, in conoscenza, in ogni zelo e nell'amore che avete per noi, vedete di abbondare anche in quest'opera di grazia. 8 8:8 Non lo dico per darvi un ordine, ma per mettere alla prova, con l'esempio dell'altrui proemura, anche la sincerità del vostro amore. 9 8:9 Infatti voi conoscete la grazia del nostro Signore Gesù Cristo il quale, essendo ricco, si è fatto povero per voi, affinchè, mediante la sua povertà, voi poteste diventar ricchi. 10 8:10 Io do, a questo proposito, un consiglio utile a voi che, dall'anno scorso, avete cominciato per proimi non solo ad agire ma anche ad avere il desiderio di fare: 11 8:11 fate ora in modo di portare a termine il vostro agire. come foste pronti nel volere, siate tali anche nel realizzarlo secondo le vostre possibilità. 12 8:12 La buona volontà, quando c'è, è gradita in ragione di quello che uno possiede e non di quello che non ha. 13 8:13 Infatti non si tratta di mettere voi nel bisogno per dare sollievo agli altri, ma di seguire un proincipio di uguaglianza. 14 8:14 nelle attuali circostanze, la vostra abbondanza serve a supplire al loro bisogno, perchè la loro abbondanza supplisca altresò al vostro bisogno, affinchè ci sia uguaglianza, secondo quel che è scritto: 15 8:15 Chi aveva raccolto molto non ne ebbe di troppo, e chi aveva raccolto poco, non ne ebbe troppo poco.

8:1 8:1 Ora, fratelli, vi facciamo conoscere la grazia di Dio, che è stata data alle chiese della Macedonia, 2 8:2 e cioè, che in mezzo a molte prove di afflizione, l’abbondanza della loro gioia e la loro estrema povertà hanno abbondato nelle ricchezze della loro liberalità. 3 8:3 Poichè io rendo testimonianza che essi hanno dato volentieri, secondo le loro possibilità e anche al di là dei loro mezzi, 4 8:4 proegandoci con molta insistenza di accettare il dono e di partecipare a questa sovvenzione per i santi. 5 8:5 E non solo hanno fatto come speravamo, ma si sono dati proima al Signore e poi a noi per la volontà di Dio. 6 8:6 Così abbiamo esortato Tito che, come ha iniziato quest’opera di grazia fra di voi, così la porti a compimento. 7 8:7 Ma come abbondate in ogni cosa, nella fede, nella parola e nella conoscenza, in ogni proemura e nel vostro amore verso di noi, cercate di abbondare anche in quest’opera di grazia. 8 8:8 Non lo dico per darvi un comando, ma per la sollecitudine degli altri e per mettere alla prova la schiettezza del vostro amore. 9 8:9 Voi conoscete infatti la grazia del Signor nostro Gesù Cristo il quale, essendo ricco, si è fatto povero per voi, affinchè voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà. 10 8:10 A questo riguardo vi do un consiglio, perchè questo è utile a voi, che fin dall’anno scorso non solo cominciaste a fare, ma anche a volere. 11 8:11 Ora compite anche il fare affinchè, come vi è stata la prontezza del volere, così vi sia pure il compimento secondo le vostre possibilità. 12 8:12 Se infatti c’è la prontezza d’animo, uno è accettevole secondo quello che ha e non secondo ciò che non ha. 13 8:13 Però non si vuole mettere sotto proessione voi per dar sollievo agli altri, 14 8:14 ma solo seguire un criterio di uguaglianza. che al proesente la vostra abbondanza supplisca alla loro indigenza, affinchè anche la loro abbondanza sia impiegata a supplire alla vostra indigenza, perchè vi sia uguaglianza, 15 8:15 secondo quel che sta scritto: ’Chi ne aveva raccolto molto, non ne ebbe di più, e chi poco, non ne ebbe di meno'.

8:1 Vogliamo poi farvi nota, fratelli, la grazia di Dio concessa alle Chiese della Macedonia: 2 nonostante la lunga prova della tribolazione, la loro grande gioia e la loro estrema povertà si sono tramutate nella ricchezza della loro generosità. 3 Posso testimoniare infatti che hanno dato secondo i loro mezzi e anche al di là dei loro mezzi, spontaneamente, 4 domandandoci con insistenza la grazia di prendere parte a questo servizio a favore dei santi. 5 Superando anzi le nostre stesse speranze, si sono offerti prima di tutto al Signore e poi a noi, secondo la volontà di Dio; 6 cosicchè abbiamo pregato Tito di portare a compimento fra voi quest'opera generosa, dato che lui stesso l'aveva incominciata. 7 E come vi segnalate in ogni cosa, nella fede, nella parola, nella scienza, in ogni zelo e nella carità che vi abbiamo insegnato, così distinguetevi anche in quest'opera generosa. 8 Non dico questo per farvene un comando, ma solo per mettere alla prova la sincerità del vostro amore con la premura verso gli altri. 9 Conoscete infatti la grazia del Signore nostro Gesù Cristo: da ricco che era, si è fatto povero per voi, perchè voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà. 10 E a questo riguardo vi do un consiglio: si tratta di cosa vantaggiosa per voi, che fin dall'anno passato siete stati i primi, non solo a intraprenderla ma a desiderarla. 11 Ora dunque realizzatela, perchè come vi fu la prontezza del volere, così anche vi sia il compimento, secondo i vostri mezzi. 12 Se infatti c'è la buona volontà, essa riesce gradita secondo quello che uno possiede e non secondo quello che non possiede. 13 Qui non si tratta infatti di mettere in ristrettezza voi per sollevare gli altri, ma di fare uguaglianza. 14 Per il momento la vostra abbondanza supplisca alla loro indigenza, perchè anche la loro abbondanza supplisca alla vostra indigenza, e vi sia uguaglianza, come sta scritto: 15 Colui che raccolse molto non abbondò, e colui che raccolse poco non ebbe di meno.

Mappa

Commento di un santo

Non solo la povertà per i Macedoni non ostacolò in alcun modo la loro generosità, ma fu occasione di elargizioni ancora più cospicue, non diversamente da come la sofferenza da l'opportunità di essere più felice. Quanto infatti erano più poveri tanto più donavano più generosamente

Autore

Crisostomo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-13°domenica dell'anno B dove si leggono i seguenti passi
[(mc 5,21-43)}; (Sap 1,13-15.2,23-24)}; (sal 29,2-6.29,11-13)}; (2co 8,7-7.8,9-9.8,13-15)}; (mc 5,21-43)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia