Cronologia dei paragrafi

L'esercizio del ministero apostolico
L'esercizio del ministero apostolico
Paolo in Macedonia, dove Tito lo ha raggiunto
Motivi di generosità
Raccomandazione dei delegati
Benefici che risulteranno dalla colletta
Risposta all'accusa di debolezza
Risposta all'accusa di ambizione
Paolo si vede costretto a fare il proprio elogio
Apprensioni e inquietudini di Paolo
Raccomandazioni. Saluti. Augurio finale

L'esercizio del ministero apostolico (2co 5,11-99)

5:11 Consapevoli dunque del timore del Signore, noi cerchiamo di convincere gli uomini. A Dio invece siamo ben noti; e spero di esserlo anche per le vostre coscienze. 12 Non ci raccomandiamo di nuovo a voi, ma vi diamo occasione di vantarvi a nostro riguardo, affinchè possiate rispondere a coloro il cui vanto è esteriore, e non nel cuore. 13 Se infatti siamo stati fuori di senno, era per Dio; se siamo assennati, è per voi. 14 L'amore del Cristo infatti ci possiede; e noi sappiamo bene che uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti. 15 Ed egli è morto per tutti, perchè quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risorto per loro. 16 Cosicchè non guardiamo più nessuno alla maniera umana; se anche abbiamo conosciuto Cristo alla maniera umana, ora non lo conosciamo più così. 17 Tanto che, se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove. 18 Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sè mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. 19 Era Dio infatti che riconciliava a sè il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. 20 In nome di Cristo, dunque, siamo ambasciatori: per mezzo nostro è Dio stesso che esorta. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. 21 Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo fece peccato in nostro favore, perchè in lui noi potessimo diventare giustizia di Dio.

5:11 5:11 SAPENDO adunque lo spavento del Signore, noi persuadiamo gli uomini, e siamo manifesti a Dio. or io spero che siamo manifesti eziandio alle vostre coscienze. 12 5:12 Perciocche' noi non ci raccomandiamo di nuovo a voi, ma vi diamo cagione di gloriarvi di noi. acciocche' abbiate di che gloriarvi inverso coloro che si gloriano di faccia, e non di cuore. 13 5:13 Imperocche', se noi siam fuori del senno, lo siamo a Dio. se altresi' siamo in buon senno, lo siamo a voi. 14 5:14 Poiche' l'amor di Cristo ci possiede. 15 5:15 Avendo fatta questa determinazione: che, se uno e' morto per tutti, tutti adunque erano morti. e ch'egli e' morto per tutti, acciocche' coloro che vivono non vivano piu' per l'innanzi a se' stessi, ma a colui che e' morto, e risuscitato per loro. 16 5:16 Talche' noi da quest'ora non conosciamo alcuno secondo la carne. e se abbiam conosciuto Cristo secondo la carne, pur ora non lo conosciamo piu'. 17 5:17 Se adunque alcuno e' in Cristo, egli e' nuova creatura. le cose vecchie son passate. ecco, tutte le cose son fatte nuove. 18 5:18 Or il tutto e' da Dio, che ci ha riconciliati a se', per Gesu' Cristo. e ha dato a noi il ministerio della riconciliazione. 19 5:19 Poiche' Iddio ha riconciliato il mondo a se' in Cristo, non imputando agli uomini i lor falli. ed ha posta in noi la parola della riconciliazione. 20 5:20 Noi adunque facciam l'ambasciata per Cristo, come se Iddio esortasse per noi. e vi esortiamo per Cristo: Siate riconciliati a Dio. 21 5:21 Perciocche' egli ha fatto esser peccato per noi colui che non ha conosciuto peccato. acciocche' noi fossimo fatti giustizia di Dio in lui.

5:11 5:11 Sapendo dunque il timor che si deve avere del Signore, noi persuadiamo gli uomini. e Dio ci conosce a fondo, e spero che nelle vostre coscienze anche voi ci conoscete. 12 5:12 Noi non ci raccomandiamo di nuovo a voi, ma vi diamo l'occasione di gloriarvi di noi, affinchè abbiate di che rispondere a quelli che si gloriano di cio' che e' apparenza e non di cio' che e' nel cuore. 13 5:13 Perchè, se siamo fuor di senno, lo siamo a gloria di Dio e se siamo di buon senno lo siamo per voi. 14 5:14 poichè l'amore di Cristo ci costringe. perchè siamo giunti a questa conclusione: che uno solo mori' per tutti, quindi tutti morirono. 15 5:15 e ch'egli mori' per tutti, affinchè quelli che vivono non vivano piu' per loro stessi, ma per colui che e' morto e risuscitato per loro. 16 5:16 Talchè, da ora in poi, noi non conosciamo piu' alcuno secondo la carne. e se anche abbiam conosciuto Cristo secondo la carne, ora pero' non lo conosciamo piu' cosi'. 17 5:17 Se dunque uno e' in Cristo, egli e' una nuova creatura. le cose vecchie son passate: ecco, son diventate nuove. 18 5:18 E tutto questo vien da Dio che ci ha riconciliati con sè per mezzo di Cristo e ha dato a noi il ministerio della riconciliazione. 19 5:19 in quanto che Iddio riconciliava con sè il mondo in Cristo non imputando agli uomini i loro falli, ed ha posta in noi la parola della riconciliazione. 20 5:20 Noi dunque facciamo da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. vi supplichiamo nel nome di Cristo: Siate riconciliati con Dio. 21 5:21 Colui che non ha conosciuto peccato, Egli l'ha fatto esser peccato per noi, affinchè noi diventassimo giustizia di Dio in lui.

5:11 5:11 Consapevoli dunque del timore che si deve avere del Signore, cerchiamo di convincere gli uomini. e Dio ci conosce a fondo, e spero che nelle vostre coscienze anche voi ci conosciate. 12 5:12 Non ci raccomandiamo di nuovo a voi, ma vi diamo l'occasione di essere fieri di noi, affinchè abbiate di che rispondere a quelli che si vantano di ciò che è apparenza e non di ciò che è nel cuore. 13 5:13 Perchè se siamo fuor di senno, è per Dio, e se siamo di buon senno, è per voi. 14 5:14 infatti l'amore di Cristo ci costringe, perchè siamo giunti a questa conclusione: che uno solo morò per tutti, quindi tutti morirono. 15 5:15 e ch'egli morò per tutti, affinchè quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risuscitato per loro. 16 5:16 Quindi, da ora in poi, noi non conosciamo più nessuno da un punto di vista umano. e se anche abbiamo conosciuto Cristo da un punto di vista umano, ora però non lo conosciamo più cosò. 17 5:17 Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura. le cose vecchie sono passate: ecco, sono diventate nuove. 18 5:18 E tutto questo viene da Dio che ci ha riconciliati con sè per mezzo di Cristo e ci ha affidato il ministero della riconciliazione. 19 5:19 Infatti Dio era in Cristo nel riconciliare con sè il mondo, non imputando agli uomini le loro colpe, e ha messo in noi la parola della riconciliazione. 20 5:20 Noi dunque facciamo da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. vi supplichiamo nel nome di Cristo: siate riconciliati con Dio. 21 5:21 Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinchè noi diventassimo giustizia di Dio in lui.

5:11 5:11 Conoscendo dunque il timore del Signore, persuadiamo gli uomini, e siamo conosciuti da Dio. or io spero di essere conosciuto anche dalle vostre coscienze. 12 5:12 Perchè non ci raccomandiamo di nuovo a voi, ma vi diamo l’opportunità di essere orgogliosi di noi, affinchè possiate rispondere a coloro che si gloriano nell’apparenza e non nel cuore. 13 5:13 Infatti se siamo fuori di senno, lo siamo per Dio, e se siamo di buon senno, lo siamo per voi. 14 5:14 Poichè l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti. 15 5:15 e che egli è morto per tutti, affinchè quelli che vivono, non vivano più d’ora in avanti per sè stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. 16 5:16 Perciò d’ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo la carne. e anche se abbiamo conosciuto Cristo secondo la carne, ora però non lo conosciamo più così. 17 5:17 Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura. le cose vecchie sono passate. ecco, tutte le cose sono diventate nuove. 18 5:18 Ora tutte le cose sono da Dio, che ci ha riconciliati a sè per mezzo di Gesù Cristo e ha dato a noi il ministero della riconciliazione, 19 5:19 poichè Dio ha riconciliato il mondo con sè in Cristo, non imputando agli uomini i loro falli, ed ha posto in noi la parola della riconciliazione. 20 5:20 Noi dunque facciamo da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. e noi vi esortiamo per amore di Cristo: Siate riconciliati con Dio. 21 5:21 Poichè egli ha fatto essere peccato per noi colui che non ha conosciuto peccato, affinchè noi potessimo diventare giustizia di Dio in lui.

5:11 Consapevoli dunque del timore del Signore, noi cerchiamo di convincere gli uomini; per quanto invece riguarda Dio, gli siamo ben noti. E spero di esserlo anche davanti alle vostre coscienze. 12 Non ricominciamo a raccomandarci a voi, ma è solo per darvi occasione di vanto a nostro riguardo, perchè abbiate di che rispondere a coloro il cui vanto è esteriore e non nel cuore. 13 Se infatti siamo stati fuori di senno, era per Dio; se siamo assennati, è per voi. 14 Poichè l'amore del Cristo ci spinge, al pensiero che uno è morto per tutti e quindi tutti sono morti. 15 Ed egli è morto per tutti, perchè quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risuscitato per loro. 16 Cosicchè ormai noi non conosciamo più nessuno secondo la carne; e anche se abbiamo conosciuto Cristo secondo la carne, ora non lo conosciamo più così. 17 Quindi se uno è in Cristo, è una creatura nuova; le cose vecchie sono passate, ecco ne sono nate di nuove. 18 Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sè mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. 19 è stato Dio infatti a riconciliare a sè il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. 20 Noi fungiamo quindi da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. 21 Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo trattò da peccato in nostro favore, perchè noi potessimo diventare per mezzo di lui giustizia di Dio.

Mappa

Commento di un santo

A motivo della carità di Cristo gli apostoli non tacevano quali e quanto grandi siano i suoi doni dispensati a quanti lo amano. E non per orgoglio, ma per invitare alla devozione verso di lui quanti lo ascoltavano

Autore

Ambrosiaster

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-10°sabato dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(2co 5,14-21)}; (mat 5,33-37)}; (sal 103,1-4.103,9-12)};

quaresima

-4°domenica dell'anno C dove si leggono i seguenti passi
[(Gs 5,12-17)}; (sal 33,3-7)}; (2co 5,17-21)}; (Lc 15,1-3.15,11-32)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia