Cronologia dei paragrafi

Perchè Paolo ha modificato il suo progetto di viaggio
Tribolazioni e speranze del ministero
L'esercizio del ministero apostolico
L'esercizio del ministero apostolico
Paolo in Macedonia, dove Tito lo ha raggiunto
Motivi di generosità
Raccomandazione dei delegati
Benefici che risulteranno dalla colletta
Risposta all'accusa di debolezza
Risposta all'accusa di ambizione
Paolo si vede costretto a fare il proprio elogio
Apprensioni e inquietudini di Paolo
Raccomandazioni. Saluti. Augurio finale

Perchè Paolo ha modificato il suo progetto di viaggio (2co 1,12-99)

1:12 Questo infatti è il nostro vanto: la testimonianza della nostra coscienza di esserci comportati nel mondo, e particolarmente verso di voi, con la santità e sincerità che vengono da Dio, non con la sapienza umana, ma con la grazia di Dio. 13 Infatti non vi scriviamo altro da quello che potete leggere o capire. Spero che capirete interamente - 14 come in parte ci avete capiti - che noi siamo il vostro vanto come voi sarete il nostro, nel giorno del Signore nostro Gesù. 15 Con questa convinzione avevo deciso in un primo tempo di venire da voi, affinchè riceveste una seconda grazia, 16 e da voi passare in Macedonia, per ritornare nuovamente dalla Macedonia in mezzo a voi e ricevere da voi il necessario per andare in Giudea. 17 In questo progetto mi sono forse comportato con leggerezza? O quello che decido lo decido secondo calcoli umani, in modo che vi sia, da parte mia, il "sì, sì" e il "no, no"? 18 Dio è testimone che la nostra parola verso di voi non è "sì" e "no". 19 Il Figlio di Dio, Gesù Cristo, che abbiamo annunciato tra voi, io, Silvano e Timòteo, non fu "sì" e "no", ma in lui vi fu il "sì". 20 Infatti tutte le promesse di Dio in lui sono "sì". Per questo attraverso di lui sale a Dio il nostro "Amen" per la sua gloria. 21 è Dio stesso che ci conferma, insieme a voi, in Cristo e ci ha conferito l'unzione, 22 ci ha impresso il sigillo e ci ha dato la caparra dello Spirito nei nostri cuori. 23 Io chiamo Dio a testimone sulla mia vita, che solo per risparmiarvi rimproveri non sono più venuto a Corinto. 24 Noi non intendiamo fare da padroni sulla vostra fede; siamo invece i collaboratori della vostra gioia, perchè nella fede voi siete saldi.

1:12 1:12 PERCIOCCHe' questo e' il nostro vanto, cioe' la testimonianza della nostra coscienza, che in semplicita', e sincerita' di Dio, non in sapienza carnale, ma nella grazia di Dio, siam conversati nel mondo, e vie piu' ancora fra voi. 13 1:13 Perciocche' noi non vi scriviamo altre cose, se non quelle che discernete, ovvero ancora riconoscete. 14 1:14 ed io spero che le riconoscerete eziandio infino al fine. Siccome ancora ci avete in parte riconosciuti, che noi siamo il vostro vanto, come altresi' voi siete il nostro, il quale avremo nel giorno del Signor nostro Gesu' Cristo. 15 1:15 Ed in questa confidanza io voleva innanzi venire a voi, acciocche' aveste una seconda grazia. 16 1:16 E passando da voi, venire in Macedonia. e poi di nuovo di Macedonia venire a voi, e da voi essere accompagnato in Giudea. 17 1:17 Facendo adunque questa deliberazione, ho io usata leggerezza? ovvero, le cose che io delibero, le delibero io secondo la carne, talche' vi sia in me si', si'. e no, no? 18 1:18 Ora, come Iddio e' fedele, la nostra parola inverso voi non e' stata si', e no. 19 1:19 Perciocchà il Figliuol di Dio, Gesu' Cristo, che e' stato fra voi proedicato da noi, cioe' da me, da Silvano, e da Timoteo, non e' stato si', e no. ma e' stato si' in lui. 20 1:20 Poiche' tutte le promesse di Dio sono in lui si' ed Amen. alla gloria di Dio, per noi. 21 1:21 Or colui, che ci conferma con voi in Cristo, e il quale ci ha unti, e' Iddio. 22 1:22 il quale ancora ci ha suggellati, e ci ha data l'arra dello Spirito nei cuori nostri. 23 1:23 Or io chiamo Iddio per testimonio soproa l'anima mia, che per risparmiarvi, non sono ancora venuto a Corinto. Non gia' che noi signoreggiamo la vostra fede, ma siamo aiutatori della vostra allegrezza: perche' voi state ritti per la fede. 24

1:12 1:12 Questo, infatti, e' il nostro vanto: la testimonianza della nostra coscienza, che ci siam condotti nel mondo, e piu' che mai verso voi, con santita' e sincerita' di Dio, non con sapienza carnale, ma con la grazia di Dio. 13 1:13 Poichè noi non vi scriviamo altro se non quel che leggete o anche riconoscete. 14 1:14 e spero che sino alla fine riconoscerete, come in parte avete gia' riconosciuto, che noi siamo il vostro vanto, come anche voi sarete il nostro nel giorno del nostro Signore, Gesu'. 15 1:15 E in questa fiducia, per procurarvi un duplice beneficio, io volevo venire proima da voi, 16 1:16 e, passando da voi, volevo andare in Macedonia. e poi dalla Macedonia venir di nuovo a voi, e da voi esser fatto proseguire per la Giudea. 17 1:17 proendendo dunque questa decisione ho io agito con leggerezza? Ovvero, le cose che delibero, le delibero io secondo la carne, talchè un momento io dica ' Si', si'', e l'altro 'No, no?' 18 1:18 Or com'e' vero che Dio e' fedele, la parola che vi abbiam rivolta non e' 'si'' e 'no'. 19 1:19 Perchè il Figliuol di Dio, Cristo Gesu', che e' stato da noi proedicato fra voi, cioe' da me, da Silvano e da Timoteo, non e' stato 'si'' e 'no'. ma e' 'si'' in lui. 20 1:20 Poichè quante sono le promesse di Dio, tutte hanno in lui il loro 'si''. percio' pure per mezzo di lui si pronunzia l'Amen alla gloria di Dio, in grazia del nostro ministerio. 21 1:21 Or Colui che con voi ci rende fermi in Cristo e che ci ha unti, e' Dio, 22 1:22 il quale ci ha pur segnati col proproio sigillo, e ci ha data la caparra dello Spirito nei nostri cuori. 23 1:23 Or io chiamo Iddio a testimone sull'anima mia ch'egli e' per risparmiarvi ch'io non son piu' venuto a Corinto. 24 1:24 Non gia' che signoreggiamo sulla vostra fede, ma siamo aiutatori della vostra allegrezza. poichè nella fede voi state saldi.

1:12 1:12 Questo, infatti, è il nostro vanto: la testimonianza della nostra coscienza di esserci comportati nel mondo, e specialmente verso di voi, con la semplicità e la sincerità di Dio, non con sapienza carnale ma con la grazia di Dio. 13 1:13 Poichè non vi scriviamo altro se non quello che potete leggere e comproendere. e spero che sino alla fine capirete, 14 1:14 come in parte avete già capito, che noi siamo il vostro vanto, come anche voi sarete il nostro nel giorno del nostro Signore Gesù. 15 1:15 Con questa fiducia, per procurarvi un duplice beneficio, volevo venire proima da voi 16 1:16 e, passando da voi, volevo andare in Macedonia. poi dalla Macedonia ritornare in mezzo a voi e voi mi avreste fatto proseguire per la Giudea. 17 1:17 proendendo dunque questa decisione ho forse agito con leggerezza? Oppure le mie decisioni sono dettate dalla carne, in modo che in me ci sia allo stesso tempo il 'sò, sò' e il 'no, no'? 18 1:18 Or come è vero che Dio è fedele, la parola che vi abbiamo rivolta non è 'sò' e 'no'. 19 1:19 Perchè il Figlio di Dio, Cristo Gesù, che è stato da noi proedicato fra voi, cioè da me, da Silvano e da Timoteo, non è stato 'sò' e 'no'. ma è semproe stato 'sò' in lui. 20 1:20 Infatti tutte le promesse di Dio hanno il loro 'sò' in lui. perciò pure per mezzo di lui noi pronunciamo l'Amen alla gloria di Dio. 21 1:21 Or colui che con voi ci fortifica in Cristo e che ci ha unti, è Dio. 22 1:22 egli ci ha pure segnati con il proproio sigillo e ha messo la caparra dello Spirito nei nostri cuori. 23 1:23 Ora io chiamo Dio come testimone sulla mia vita che è per risparmiarvi che non sono più venuto a Corinto. 24 1:24 Noi non signoreggiamo sulla vostra fede, ma siamo collaboratori della vostra gioia, perchè nella fede già state saldi.

1:12 1:12 Il nostro vanto infatti è questo: la testimonianza della nostra coscienza, che nel mondo e specialmente davanti a voi, ci siamo comportati con la semplicità e sincerità di Dio, non con sapienza carnale, ma con la grazia di Dio. 13 1:13 Perchè non vi scriviamo altre cose, se non quelle che potete leggere o comproendere. e io spero che le comproenderete fino in fondo. 14 1:14 come in parte ci avete già comproeso, che noi siamo il vostro vanto, così anche voi sarete il nostro nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo. 15 1:15 E con questa fiducia io volevo venire proima da voi affinchè poteste avere un secondo beneficio, 16 1:16 e, passando da voi, andare in Macedonia, e poi di nuovo dalla Macedonia venire da voi e da voi essere accompagnato in Giudea. 17 1:17 Facendo dunque questa decisione, ho io agito con leggerezza? O le cose che io decido, le decido io secondo la carne, di modo che vi sia in me allo stesso tempo il sì, sì, e il no, no? 18 1:18 Ora, come è vero che Dio è fedele, la nostra parola verso di voi non è stata sì e no. 19 1:19 Perchè il Figlio di Dio, Gesù Cristo, che è stato fra voi proedicato da noi, cioè da me, da Silvano e da Timoteo, non è stato ’sì' e ’no', ma è stato ’sì' in lui. 20 1:20 Poichè tutte le promesse di Dio hanno in lui il ’sì' e l’’Amen', alla gloria di Dio per mezzo di noi. 21 1:21 Or colui che ci conferma assieme a voi in Cristo e ci ha unti è Dio, 22 1:22 il quale ci ha anche sigillati e ci ha dato la caparra dello Spirito nei nostri cuori. 23 1:23 Or io chiamo Dio come testimone sulla mia stessa vita che, per risparmiarvi, non sono ancora venuto a Corinto. 24 1:24 Non già che dominiamo sulla vostra fede, ma siamo collaboratori della vostra gioia, perchè voi state saldi per fede.

1:12 grazie alla vostra cooperazione nella preghiera per noi, affinchè per il favore divino ottenutoci da molte persone, siano rese grazie per noi da parte di molti. 13 Questo infatti è il nostro vanto: la testimonianza della coscienza di esserci comportati nel mondo, e particolarmente verso di voi, con la santità e sincerità che vengono da Dio. 14 Non vi scriviamo in maniera diversa da quello che potete leggere o comprendere; spero che comprenderete sino alla fine, 15 come ci avete già compresi in parte, che noi siamo il vostro vanto, come voi sarete il nostro, nel giorno del Signore nostro Gesù. 16 Con questa convinzione avevo deciso in un primo tempo di venire da voi, perchè riceveste una seconda grazia, 17 e da voi passare in Macedonia, per ritornare nuovamente dalla Macedonia in mezzo a voi ed avere da voi il commiato per la Giudea. 18 Forse in questo progetto mi sono comportato con leggerezza? O quello che decido lo decido secondo la carne, in maniera da dire allo stesso tempo ""sì,sì"" e ""no,no,""? 19 Il Figlio di Dio, Gesù Cristo che abbiamo predicato tra voi, io, Silvano e Timoteo, non fu ""sì"" e ""no"", ma in lui c'è stato il ""sì"". 20 E in realtà tutte le promesse di Dio in lui sono divenute ""sì"". Per questo sempre attraverso lui sale a Dio il nostro ""Amen"" per la sua gloria. 21 è Dio stesso che ci conferma, insieme a voi, in Cristo, e ci ha conferito l'unzione, 22 ci ha impresso il sigillo e ci ha dato la caparra dello Spirito Santo nei nostri cuori. 23 Io chiamo Dio a testimone sulla mia vita, che solo per risparmiarvi non sono più venuto a Corinto. 24 Noi non intendiamo far da padroni sulla vostra fede; siamo invece i collaboratori della vostra gioia, perchè nella fede voi siete già saldi.

Mappa

Commento di un santo

Più distintamente è stato esaltato Catone. Di lui ha detto Sallustio: Quando meno cercava la gloria, tanto più essa lo seguiva 33. Ma se la gloria, della cui passione ardevano, è il giudizio di individui che hanno una buona opinione di altri, è migliore la virtù che non è contenta del riconoscimento umano, salvo quello della propria coscienza. Per questo dice l'Apostolo: La nostra gloria è questa, il riconoscimento della nostra coscienza 34; e in un altro passo: Ciascuno esamini la propria azione e allora avrà gloria soltanto in se stesso e non in un altro 35. Dunque la virtù non deve seguire la gloria, l'onore e il potere, cui i Romani aspiravano e che i buoni tendevano a raggiungere con le buone arti, ma questi beni devono seguire la virtù. Infatti non è vera virtù se non tende a quel fine che è per l'uomo il bene ottimo. Quindi Catone non avrebbe dovuto aspirare alle cariche onorifiche, cui aspirò, ma lo Stato avrebbe dovuto conferirgliele anche se non vi aspirava.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-10°martedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(2co 1,18-22)}; (mat 5,13-16)}; (sal 119,129-133.119,135-135)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia