Cronologia dei paragrafi

3. L'appello ai tribunali pagani
4. La fornicazione
1. Matrimonio e verginità
L'aspetto teorico
Il punto di vista della carità
L'esempio di Paolo
Il punto di vista della prudenza e le lezioni della storia di Israele
I pasti sacri. Non patteggiare con l'idolatria
Gli idolotiti. Soluzioni pratiche
Conclusione ammonizioni
L'abbigliamento delle donne
Il pasto del Signore
I doni spirituali e carismi
Diversità e unità dei carismi
Paragone del corpo
La gerarchia dei carismi. Inno alla carità
Gerarchia dei carismi in vista dell'utilità comune
I carismi. Regole pratiche
Il fatto della resurrezione
Il modo della resurrezione
Inno trionfale
Raccomandazioni. Saluti. Augurio finale

3. L'appello ai tribunali pagani (1co 6,1-11)

6:1 Quando uno di voi è in lite con un altro, osa forse appellarsi al giudizio degli ingiusti anzichè dei santi? 2 Non sapete che i santi giudicheranno il mondo? E se siete voi a giudicare il mondo, siete forse indegni di giudizi di minore importanza? 3 Non sapete che giudicheremo gli angeli? Quanto più le cose di questa vita! 4 Se dunque siete in lite per cose di questo mondo, voi prendete a giudici gente che non ha autorità nella Chiesa? 5 Lo dico per vostra vergogna! Sicchè non vi sarebbe nessuna persona saggia tra voi, che possa fare da arbitro tra fratello e fratello? 6 Anzi, un fratello viene chiamato in giudizio dal fratello, e per di più davanti a non credenti! 7 è già per voi una sconfitta avere liti tra voi! Perchè non subire piuttosto ingiustizie? Perchè non lasciarvi piuttosto privare di ciò che vi appartiene? 8 Siete voi invece che commettete ingiustizie e rubate, e questo con i fratelli! 9 Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: nè immorali, nè idolatri, nè adùlteri, nè depravati, nè sodomiti, 10 nè ladri, nè avari, nè ubriaconi, nè calunniatori, nè rapinatori erediteranno il regno di Dio. 11 E tali eravate alcuni di voi! Ma siete stati lavati, siete stati santificati, siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo e nello Spirito del nostro Dio.

6:1 6:1 ARDISCE alcun di voi, avendo qualche affare con un altro, chiamarlo in giudizio davanti agl'iniqui, e non davanti a' santi? 2 6:2 Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? e se il mondo e' giudicato per voi, siete voi indegni de' minimi giudicii? 3 6:3 Non sapete voi che noi giudicheremo gli angeli? quanto piu' possiamo giudicar delle cose di questa vita? 4 6:4 Dunque, se avete delle liti per cose di questa vita, fate seder per giudici quelli che nella chiesa sono i piu' disproegevoli. 5 6:5 Io lo dico per farvi vergogna. Cosi' non vi e' egli pur un savio fra voi, il qual possa dar giudicio fra l'uno de' suoi fratelli e l'altro? 6 6:6 Ma fratello con fratello litiga, e cio' davanti agl'infedeli. 7 6:7 Certo adunque gia' vi e' del tutto del difetto in voi, in cio' che voi avete delle liti gli uni con gli altri. perche' non sofferite voi piu' tosto che torto vi sia fatto? perche' non vi lasciate piu' tosto far qualche danno? 8 6:8 Ma voi fate torto, e danno. e cio' a' fratelli. 9 6:9 Non sapete voi che gl'ingiusti non erederanno il regno di Dio? Non v'ingannate. ne' i fornicatori, ne' gl'idolatri, ne' gli adulteri, ne' i molli, ne' quelli che usano co' maschi. 10 6:10 ne' i ladri, ne' gli avari, ne' gli ubriachi, ne' gli oltraggiosi, ne' i rapaci, non erederanno il regno di Dio. 11 6:11 Or tali eravate gia' alcuni. ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati giustificati, nel nome del Signore Gesu', e per lo Spirito dell'Iddio nostro.

6:1 6:1 Ardisce alcun di voi, quando ha una lite con un altro, chiamarlo in giudizio dinanzi agli ingiusti anzichè dinanzi ai santi? 2 6:2 Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo e' giudicato da voi, siete voi indegni di giudicar delle cose minime? 3 6:3 Non sapete voi che giudicheremo gli angeli? Quanto piu' possiamo giudicare delle cose di questa vita! 4 6:4 Quando dunque avete da giudicar di cose di questa vita, costituitene giudici quelli che sono i meno stimati nella chiesa. 5 6:5 Io dico questo per farvi vergogna. Cosi' non v'e' egli tra voi neppure un savio che sia capace di pronunziare un giudizio fra un fratello e l'altro? 6 6:6 Ma il fratello processa il fratello, e lo fa dinanzi agl'infedeli. 7 6:7 Certo e' gia' in ogni modo un vostro difetto l'aver fra voi dei processi. Perchè non patite piuttosto qualche torto? Perchè non patite piuttosto qualche danno? 8 6:8 Invece, siete voi che fate torto e danno. e cio' a dei fratelli. 9 6:9 Non sapete voi che gli ingiusti non erederanno il regno di Dio? Non v'illudete. nè i fornicatori, nè gl'idolatri, nè gli adulteri, nè gli effeminati, nè i sodomiti, 10 6:10 nè i ladri, nè gli avari, nè gli ubriachi, nè gli oltraggiatori, nè i rapaci erederanno il regno di Dio. 11 6:11 E tali eravate alcuni. ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati giustificati nel nome del Signor Gesu' Cristo, e mediante lo Spirito dell'Iddio nostro.

6:1 6:1 Quando qualcuno di voi ha una lite con un altro, ha il coraggio di chiamarlo in giudizio davanti agli ingiusti anzichè davanti ai santi? 2 6:2 Non sapete che i santi giudicheranno il mondo? Se dunque il mondo è giudicato da voi, siete voi indegni di giudicare delle cose minime? 3 6:3 Non sapete che giudicheremo gli angeli? Quanto più possiamo giudicare le cose di questa vita! 4 6:4 Quando dunque avete da giudicare su cose di questa vita, costituite come giudici persone che nella chiesa non sono tenute in alcuna considerazione. 5 6:5 Dico questo per farvi vergogna. è possibile che non vi sia tra di voi neppure una persona saggia, capace di pronunciare un giudizio tra un fratello e l'altro? 6 6:6 Ma il fratello processa il fratello, e lo fa dinanzi agl'infedeli. 7 6:7 Certo è già in ogni modo un vostro difetto che abbiate fra voi dei processi. Perchè non patite piuttosto qualche torto? Perchè non patite piuttosto qualche danno? 8 6:8 Invece siete voi che fate torto e danno. e per giunta a dei fratelli. 9 6:9 Non sapete che gl'ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non v'illudete. nè fornicatori, nè idolatri, nè adulteri, nè effeminati, nè sodomiti, 10 6:10 nè ladri, nè avari, nè ubriachi, nè oltraggiatori, nè rapinatori erediteranno il regno di Dio. 11 6:11 E tali eravate alcuni di voi. ma siete stati lavati, siete stati santificati, siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo e mediante lo Spirito del nostro Dio.

6:1 6:1 C?è qualcuno di voi che, quando ha una questione contro un altro, osa farlo giudicare dagli ingiusti invece che dai santi? 2 6:2 Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo è giudicato da voi, siete voi indegni di giudicare dei piccoli problemi? 3 6:3 Non sapete voi che noi giudicheremo gli angeli? Quanto più possiamo giudicare le cose di questa vita! 4 6:4 Se avete dunque delle cause giudiziarie per cose di questa vita, stabilite come giudici quelli che nella chiesa sono i meno stimati. 5 6:5 Dico questo per farvi vergogna. Così, non c’è tra voi neppure un savio, che nel vostro mezzo sia capace di pronunciare un giudizio tra i suoi fratelli? 6 6:6 Il fratello invece chiama in giudizio il fratello, e ciò davanti agli infedeli. 7 6:7 è certamente già un male che abbiate tra di voi delle cause gli uni contro gli altri. Perchè non subite piuttosto un torto? Perchè non vi lasciate piuttosto defraudare? 8 6:8 Voi invece fate torto e defraudate, e questo nei confronti dei fratelli. 9 6:9 Non sapete voi che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non v’ingannate: nè i fornicatori, nè gli idolatri, nè gli adulteri, nè gli effeminati, nè gli omosessuali, 10 6:10 nè i ladri, nè gli avari, nè gli ubriaconi, nè gli oltraggiatori, nè i rapinatori erediteranno il regno di Dio. 11 6:11 Or tali eravate già alcuni di voi. ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù e mediante lo Spirito del nostro Dio.

6:1 Quelli di fuori li giudicherà Dio. Togliete il malvagio di mezzo a voi! 2 V'è tra voi chi, avendo una questione con un altro, osa farsi giudicare dagli ingiusti anzichè dai santi? 3 O non sapete che i santi giudicheranno il mondo? E se è da voi che verrà giudicato il mondo, siete dunque indegni di giudizi di minima importanza? 4 Non sapete che giudicheremo gli angeli? Quanto più le cose di questa vita! 5 Se dunque avete liti per cose di questo mondo, voi prendete a giudici gente senza autorità nella Chiesa? 6 Lo dico per vostra vergogna! Cosicchè non vi sarebbe proprio nessuna persona saggia tra di voi che possa far da arbitro tra fratello e fratello? 7 No, anzi, un fratello viene chiamato in giudizio dal fratello e per di più davanti a infedeli! 8 E dire che è già per voi una sconfitta avere liti vicendevoli! Perchè non subire piuttosto l'ingiustizia? Perchè non lasciarvi piuttosto privare di ciò che vi appartiene? 9 Siete voi invece che commettete ingiustizia e rubate, e questo ai fratelli! 10 O non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: nè immorali, nè idolàtri, nè adùlteri, 11 nè effeminati, nè sodomiti, nè ladri, nè avari, nè ubriaconi, nè maldicenti, nè rapaci erediteranno il regno di Dio.

Mappa

Commento di un santo

Paolo usa un'espressione dell'antico testamento in parte perchè lascia intendere che i Corinti trarranno grandissimo beneficio dall' essere liberi dalle afflizioni, in parte per dimostrare che questo tipo di argomenti non è una novità, ma rimanda direttamente al principio. Anche Mosè il legislatore pensava che persone come queste dovessero essere eliminate, ma agì con molta più severità di quanta ne sia mostrata qui. Mosè avrebbe lapidato persone di questo tipo. Paolo invece si preoccupa di indurle al pentimento

Autore

Crisostomo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-23°martedi dell'anno pari dove si leggono i seguenti passi
[(1co 6,1-11)}; (Lc 6,12-19)}; (sal 149,1-6)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia