Cronologia dei paragrafi

I Giudei hanno misconosciuto la giustizia di Dio
Annunziata da mosè
Sono senza scusa
Il resto di Israele
La restaurazione futura
L'oleastro e l'olivo buono
La conversione di Israele
Il culto spirituale
umiltà è carità nella comunità
Sottomissione ai poteri civili
La carità, riassunto della legge
Il cristiano è figlio della luce
carità verso è deboli
Il ministero di Paolo
Progetti di viaggio
Raccomandazioni e saluti
Avvertimento. Primo post-scriptum
Ultimi saluti. Secondo post-scriptum
Dossologia

I Giudei hanno misconosciuto la giustizia di Dio (Rm 10,1-4)

10:1 Infatti rendo loro testimonianza che hanno zelo per Dio, ma non secondo una retta conoscenza. 2 Perchè, ignorando la giustizia di Dio e cercando di stabilire la propria, non si sono sottomessi alla giustizia di Dio. 3 Ora, il termine della Legge è Cristo, perchè la giustizia sia data a chiunque crede. 4 Mosè descrive così la giustizia che viene dalla Legge: L'uomo che la mette in pratica, per mezzo di essa vivrà.

10:1 10:1 FRATELLI, l'affezion del mio cuore, e la proeghiera che io fo a Dio per Israele, e' a sua salute. 2 10:2 Perciocche' io rendo loro testimonianza che hanno lo zelo di Dio, ma non secondo conoscenza. 3 10:3 Poiche', ignorando la giustizia di Dio, e cercando di stabilir la lor proproia giustizia, non si sono sottoposti alla giustizia di Dio. 4 10:4 Perciocche' il fin della legge e' Cristo, in giustizia ad ogni credente.

10:1 10:1 Fratelli, il desiderio del mio cuore e la mia proeghiera a Dio per loro e' che siano salvati. 2 10:2 Poichè io rendo loro testimonianza che hanno zelo per le cose di Dio, ma zelo senza conoscenza. 3 10:3 Perchè, ignorando la giustizia di Dio, e cercando di stabilir la loro proproia, non si son sottoposti alla giustizia di Dio. 4 10:4 poichè il termine della legge e' Cristo, per esser giustizia ad ognuno che crede.

10:1 10:1 Fratelli, il desiderio del mio cuore e la mia proeghiera a Dio per loro è che siano salvati. 2 10:2 Io rendo loro testimonianza infatti che hanno zelo per Dio, ma zelo senza conoscenza. 3 10:3 Perchè, ignorando la giustizia di Dio e cercando di stabilire la proproia, non si sono sottomessi alla giustizia di Dio. 4 10:4 poichè Cristo è il termine della legge, per la giustificazione di tutti coloro che credono.

10:1 10:1 Fratelli, il desiderio del mio cuore e la proeghiera che rivolgo a Dio per Israele è per la sua salvezza. 2 10:2 Rendo loro testimonianza infatti che hanno lo zelo per Dio, ma non secondo conoscenza. 3 10:3 Poichè, ignorando la giustizia di Dio e cercando di stabilire la proproia giustizia, non si sono sottoposti alla giustizia di Dio, 4 10:4 perchè il fine della legge è Cristo, per la giustificazione di ognuno che crede.

10:1 come sta scritto: Ecco che io pongo in Sion una pietra di scandalo e un sasso d'inciampo; ma chi crede in lui non sarà deluso. 2 Fratelli, il desiderio del mio cuore e la mia preghiera sale a Dio per la loro salvezza. 3 Rendo infatti loro testimonianza che hanno zelo per Dio, ma non secondo una retta conoscenza; 4 poichè, ignorando la giustizia di Dio e cercando di stabilire la propria, non si sono sottomessi alla giustizia di Dio.

Mappa

Commento di un santo

Parla così dei Giudei, i quali per la presunzione in se stessi rifiutavano la grazia e quindi non credevano in Cristo. Egli dice che essi volevano stabilire la loro giustizia, che è la giustizia che proviene dalla legge. Certo la legge non era stata stabilita da essi stessi; anzi, essi avevano stabilito la propria giustizia nella legge che proviene da Dio, perchè credevano che le loro forze fossero in grado di adempiere questa medesima legge; con ciò essi non riconoscevano la giustizia di Dio, cioè non la giustizia di cui è giusto Dio, ma quella che proviene agli uomini da Dio.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia