Cronologia dei paragrafi

Indipendentemente dalla legge
La fede di Abramo e la fede del cristiano
La giustificazione pegno della salvezza
Adamo e gesù Cristo
Il battesimo
A servizio del peccato e a servizio della giustizia
Il cristiano è liberato dal peccato
I frutti del peccato e della giustizia
Il cristiano è liberato dalla legge
La funzione della legge
La lotta interiore
La vita nello Spirito
Figli di Dio grazie allo Spirito
Destinati alla gloria
Il piano della salvezza
Inno all'amore di Dio
I privilegi di Israele
Dio non è infedele
Dio non è ingiusto
Infedeltà e chiamata previste dall'AT
I Giudei hanno misconosciuto la giustizia di Dio
Annunziata da mosè
Sono senza scusa
Il resto di Israele
La restaurazione futura
L'oleastro e l'olivo buono
La conversione di Israele
Il culto spirituale
umiltà è carità nella comunità
Sottomissione ai poteri civili
La carità, riassunto della legge
Il cristiano è figlio della luce
carità verso è deboli
Il ministero di Paolo
Progetti di viaggio
Raccomandazioni e saluti
Avvertimento. Primo post-scriptum
Ultimi saluti. Secondo post-scriptum
Dossologia

Indipendentemente dalla legge (Rm 4,13-17)

4:13 Se dunque diventassero eredi coloro che provengono dalla Legge, sarebbe resa vana la fede e inefficace la promessa. 14 La Legge infatti provoca l'ira; al contrario, dove non c'è Legge, non c'è nemmeno trasgressione. 15 Eredi dunque si diventa in virtù della fede, perchè sia secondo la grazia, e in tal modo la promessa sia sicura per tutta la discendenza: non soltanto per quella che deriva dalla Legge, ma anche per quella che deriva dalla fede di Abramo, il quale è padre di tutti noi - 16 come sta scritto: Ti ho costituito padre di molti popoli - davanti al Dio nel quale credette, che dà vita ai morti e chiama all'esistenza le cose che non esistono. 17 Egli credette, saldo nella speranza contro ogni speranza, e così divenne padre di molti popoli, come gli era stato detto: Così sarà la tua discendenza.

4:13 4:13 Perciocche' la promessa d'essere erede del mondo non fu fatta ad Abrahamo, od alla sua progenie per la legge, ma per la giustizia della fede. 14 4:14 Poiche', se coloro che son della legge sono eredi, la fede e' svanita, e la promessa annullata. 15 4:15 perciocche' la legge opera ira. ma dove non e' legge, eziandio non vi e' trasgressione. 16 4:16 Percio', e' per fede affin d'esser per grazia. acciocche' la promessa sia ferma a tutta la progenie. non a quella solamente ch'e' della legge, ma eziandio a quella ch'e' della fede d'Abrahamo. il quale (secondo che e' scritto: 17 4:17 Io ti ho costituito padre di molte nazioni), e' padre di tutti noi davanti a Dio, a cui egli credette, il qual fa vivere i morti, e chiama le cose che non sono, come se fossero.

4:13 4:13 Poichè la promessa d'esser erede del mondo non fu fatta ad Abramo o alla sua progenie in base alla legge, ma in base alla giustizia che vien dalla fede. 14 4:14 Perchè, se quelli che son della legge sono eredi, la fede e' resa vana, e la promessa e' annullata. 15 4:15 poichè la legge genera ira. ma dove non c'e' legge, non c'e' neppur trasgressione. 16 4:16 Percio' l'eredita' e' per fede, affinchè sia per grazia. onde la promessa sia sicura per tutta la progenie. non soltanto per quella che e' sotto la legge, ma anche per quella che ha la fede d'Abramo, il quale e' padre di noi tutti 17 4:17 (secondo che e' scritto: Io ti ho costituito padre di molte nazioni) dinanzi al Dio a cui egli credette, il quale fa rivivere i morti, e chiama le cose che non sono, come se fossero.

4:13 4:13 Infatti la promessa di essere erede del mondo non fu fatta ad Abraamo o alla sua discendenza in base alla legge, ma in base alla giustizia che viene dalla fede. 14 4:14 Perchè, se diventano eredi quelli che si fondano sulla legge, la fede è resa vana e la promessa è annullata. 15 4:15 poichè la legge produce ira. ma dove non c'è legge, non c'è neppure trasgressione. 16 4:16 Perciò l'eredità è per fede, affinchè sia per grazia. in modo che la promessa sia sicura per tutta la discendenza. non soltanto per quella che è sotto la legge, ma anche per quella che discende dalla fede d'Abraa-mo. Egli è padre di noi tutti 17 4:17 (com'è scritto: Io ti ho costituito padre di molte nazioni) davanti a colui nel quale credette, Dio, che fa rivivere i morti, e chiama all'esistenza le cose che non sono.

4:13 4:13 Infatti la promessa di essere erede del mondo non fu fatta ad Abrahamo e alla sua progenie mediante la legge, ma attraverso la giustizia della fede. 14 4:14 Poichè se sono eredi quelli che sono della legge, la fede è resa vana e la promessa è annullata, 15 4:15 perchè la legge produce ira. infatti dove non c’è legge, non vi è neppure trasgressione. 16 4:16 Perciò l?eredità è per fede. in tal modo essa è per grazia, affinchè la promessa sia assicurata a tutta la progenie, non solamente a quella che è dalla legge, ma anche a quella che deriva dalla fede di Abrahamo, il quale 17 4:17 (come sta scritto: ’Io ti ho costituito padre di molte nazioni'), è padre di tutti noi davanti a Dio a cui egli credette, il quale fa vivere i morti e chiama le cose che non sono come se fossero.

4:13 e fosse padre anche dei circoncisi, di quelli che non solo hanno la circoncisione, ma camminano anche sulle orme della fede del nostro padre Abramo prima della sua circoncisione. 14 Non infatti in virtù della legge fu data ad Abramo o alla sua discendenza la promessa di diventare erede del mondo, ma in virtù della giustizia che viene dalla fede; 15 poichè se diventassero eredi coloro che provengono dalla legge, sarebbe resa vana la fede e nulla la promessa. 16 La legge infatti provoca l'ira; al contrario, dove non c'è legge, non c'è nemmeno trasgressione. 17 Eredi quindi si diventa per la fede, perchè ciò sia per grazia e così la promessa sia sicura per tutta la discendenza, non soltanto per quella che deriva dalla legge, ma anche per quella che deriva dalla fede di Abramo, il quale è padre di tutti noi.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-28°sabato dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Rm 4,13-13.4,16-18)}; (Lc 12,8-12)}; (sal 15,6-9.15,42-43)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:
S Giuseppe dove si leggono i seguenti passi: (2sam 7,4-5.7,12-14.7,16-16); (sal 89,2-4.89,27-27.89,29-29); (Rm 4,13-13.4,16-18.4,22-22); (Lc 2,41-51); (Gen 1,26-31.2,1-3); (sal 90,2-4.90,12-16); (mat 13,54-58);

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia