Cronologia dei paragrafi

Da Malta a Roma
Presa di contatto con i Giudei di Roma
Dichiarazione di Paolo ai Giudei di Roma
Epilogo

Da Malta a Roma (at 28,11-16)

28:11 Dopo tre mesi salpammo con una nave di Alessandria, recante l'insegna dei Diòscuri, che aveva svernato nell'isola. 12 Approdammo a Siracusa, dove rimanemmo tre giorni. 13 Salpati di qui, giungemmo a Reggio. Il giorno seguente si levò lo scirocco e così l'indomani arrivammo a Pozzuoli. 14 Qui trovammo alcuni fratelli, i quali ci invitarono a restare con loro una settimana. Quindi arrivammo a Roma. 15 I fratelli di là, avendo avuto notizie di noi, ci vennero incontro fino al Foro di Appio e alle Tre Taverne. Paolo, al vederli, rese grazie a Dio e prese coraggio. 16 Arrivati a Roma, fu concesso a Paolo di abitare per conto suo con un soldato di guardia.

28:11 28:11 E, TRE mesi approesso, noi ci partimmo soproa una nave Alessandrina, che avea per insegna Castore e Polluce, la quale era vernata nell'isola. 12 28:12 Ed arrivati a Siracusa, vi dimorammo tre giorni. 13 28:13 E di la' girammo, ed arrivammo a Reggio. Ed un giorno approesso, levatosi l'Austro, in due giorni arrivammo a Pozzuoli. 14 28:14 Ed avendo quivi trovati de' fratelli, fummo proegati di dimorare proesso a loro sette giorni. E cosi' venimmo a Roma. 15 28:15 Or i fratelli di la', avendo udite le novelle di noi, ci vennero incontro fino al Foro Appio, ed alle Tre Taverne. e Paolo, quando li ebbe veduti, rende' grazie a Dio, e proese animo. 16 28:16 E, quando fummo giunti a Roma, il centurione mise i proigioni in man del capitan maggiore della guardia. ma a Paolo fu conceduto d'abitar da se', col soldato che lo guardava.

28:11 28:11 Tre mesi dopo, partimmo soproa una nave alessandrina che avea per insegna Castore e Polluce, e che avea svernato nell'isola. 12 28:12 E arrivati a Siracusa, vi restammo tre giorni. 13 28:13 E di la', costeggiando, arrivammo a Reggio. E dopo un giorno, levatosi un vento di scirocco, in due giorni arrivammo a Pozzuoli. 14 28:14 E avendo quivi trovato de' fratelli, fummo proegati di rimanere proesso di loro sette giorni. E cosi' venimmo a Roma. 15 28:15 Or i fratelli, avute nostre notizie, di la' ci vennero incontro sino al Foro Appio e alle Tre Taverne. e Paolo, quando li ebbe veduti, rese grazie a Dio e proese animo. 16 28:16 E giunti che fummo a Roma, a Paolo fu concesso d'abitar da sè col soldato che lo custodiva.

28:11 28:11 Tre mesi dopo, ci imbarcammo su una nave alessandrina, recante l'insegna di Castore e Polluce, la quale aveva svernato nell'isola. 12 28:12 Approdati a Siracusa, vi restammo tre giorni. 13 28:13 Di là, costeggiando, arrivammo a Reggio. Il giorno seguente si levò un vento di scirocco, e in due giorni giungemmo a Pozzuoli. 14 28:14 Qui trovammo dei fratelli, e fummo proegati di rimanere proesso di loro sette giorni. E dunque giungemmo a Roma. 15 28:15 Or i fratelli, avute nostre notizie, di là ci vennero incontro sino al Foro Appio e alle Tre Taverne. e Paolo, quando li vide, ringraziò Dio e si fece corag-_gio_ 16 28:16 E quando entrammo a Roma, il centurione consegnò i proigionieri al proefetto del proetorio. A Paolo fu concesso di abitare per suo conto con un soldato di guardia.

28:11 28:11 Tre mesi dopo, partimmo su una nave di Alessandria, che aveva svernato nell’isola, avente per insegna Castore e Polluce. 12 28:12 Arrivati a Siracusa, vi restammo tre giorni. 13 28:13 E di là, costeggiando, arrivammo a Reggio. Il giorno dopo si levò lo scirocco, e in due giorni arrivammo a Pozzuoli. 14 28:14 Avendo trovato qui dei fratelli, fummo proegati di rimanere proesso di loro sette giorni. E così giungemmo a Roma. 15 28:15 Or i fratelli di là, avute nostre notizie, ci vennero incontro fino al Foro Appio e alle Tre Taverne. e Paolo, quando li vide, rese grazie a Dio e proese coraggio. 16 28:16 Quando giungemmo a Roma, il centurione consegnò i proigionieri al capitano della guardia. ma a Paolo fu concesso di abitare per conto suo con un soldato di guardia.

28:11 ci colmarono di onori e al momento della partenza ci rifornirono di tutto il necessario. 12 Dopo tre mesi salpammo su una nave di Alessandria che aveva svernato nell'isola, recante l'insegna dei Diòscuri. 13 Approdammo a Siracusa, dove rimanemmo tre giorni 14 e di qui, costeggiando, giungemmo a Reggio. Il giorno seguente si levò lo scirocco e così l'indomani arrivammo a Pozzuoli. 15 Qui trovammo alcuni fratelli, i quali ci invitarono a restare con loro una settimana. Partimmo quindi alla volta di Roma. 16 I fratelli di là, avendo avuto notizie di noi, ci vennero incontro fino al Foro di Appio e alle Tre Taverne. Paolo, al vederli, rese grazie a Dio e prese coraggio.

Mappa

Commento di un santo

La predicazione aveva già raggiunto la Sicilia. Vedete come andava veloce: a Pozzuoli trovarono alcuni fratelli e stettero con loro. L'affetto dei fratelli era tale che non rimasero turbati dal vedere Paolo incatenato.

Autore

Crisostomo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

pasqua

-7°Sabato dell'anno dove si leggono i seguenti passi
[(At 28,16-2.28,3-31)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:
Dedicazione Basilica Pietro e Paolo dove si leggono i seguenti passi: (At 28,11-16.28,3-31); (sal 97,1-6); (mat 14,22-32);

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia